toba60

10 Motivi Oggettivi che Mettono Chiaramente in Discussione la Narrativa “Putin Contro Davos”

Prestate bene attenzione al testo che avrete modo di leggere, quando si fa informazione la tendenza è spesso quella di seguire una determinata linea editoriale e poi sviluppare un piano di lavoro dove poi elaborare i suoi contenuti.

Indro Montanelli

Noi come precedentemente detto abbiamo una base di oltre 10.000 canali di informazione variabili provenienti da tutto il mondo elaborati con software appositi svincolati dai classici motori di ricerca che poi vengono via via consultati per una cernita il cui frutto finale è quello che tutti voi avete modo leggere.

Per onesta intellettuale non possiamo considerare solo gli aspetti che assecondano uno schema predefinito in quello che è l’indirizzo dato da una determinata testata, ma ci si deve attenere i fatti oggettivi, che sono poi la sola cosa che realmente conta, è una questione che sovente viene trascurata per cui ci teniamo metterla in evidenza affinché alla dicotomia endemica che divide il mondo da secoli, Orazi e Curiazi, Romani e Cartaginesi, Guelfi e Ghibellini, sino ai giorni nostri dove non si contano più oramai i conflitti che dividono e creano poi degli schieramenti di stampo calcistico a seconda della propria linea di pensiero che condiziona le persone ad interpretare gli eventi alla stregua di chi vive all’interno di una bolla di vetro.

Toba60

Il nostro lavoro come ai tempi dell’inquisizione è diventato attualmente assai difficile e pericoloso, ci sosteniamo in prevalenza grazie alle vostre donazioni volontarie mensili e possiamo proseguire solo grazie a queste, contribuire è facile, basta inserire le vostre coordinate già preimpostate all’interno dei moduli all’interno degli editoriali e digitare un importo sulla base della vostra disponibilità.

Se apprezzate quello che facciamo, fate in modo che possiamo continuare a farlo sostenendoci oggi stesso…

Non delegate ad altri quello che potete fare anche voi.

Staff Toba60

La narrativa “Putin Contro Davos”mettiamo ordine sulla questione

La recente invasione russa dell’Ucraina ha attirato molta attenzione sia dai media tradizionali che da quelli alternativi.

Ci sono un sacco di teorie che circolano su ciò che sta realmente accadendo, la vera ragione dietro l’invasione e le vere motivazioni e fedeltà del dittatore russo, Vladimir Putin.

Tra questo groviglio di affermazioni, opinioni mal concepite e ipotesi del tutto false c’è una certa teoria che ha guadagnato trazione nei circoli degli alt media e cioè l’idea che Putin sia una specie di salvatore, e che le sue mosse in Ucraina rappresentino un attacco contro l’élite occidentale e globalista.

Quando ho visto per la prima volta questa affermazione circolare sul web, il pensiero immediato che mi è venuto in mente è che questo deve aver avuto origine con la folla di QAnon. Vedete, nel Q-niverse, Vladimir Putin è uno dei buoni e gli viene dato lo stesso status di messia del Dio-re stesso, Donald Trump.

Molti dei “decodificatori” di QAnon sono ancora molto attivi online e sono la forza trainante dietro la teoria della Russia-entrata-in-Ucraina-per-salvarci-dai-biolab, un’idea curiosa che sembra essere nata su Twitter, ed è stata ardentemente censurata prima di circolare ampiamente nei media alternativi.

Recentemente, Victoria Nuland, il sottosegretario di Stato americano per gli affari politici, ha ammesso che l’Ucraina ospita “strutture di ricerca biologica” e ha espresso la preoccupazione che la Russia possa requisirle. Um… Ok. Qualcun altro pensa che questa narrazione sembra stranamente simile all’intera ipotesi della fuga di notizie del laboratorio Covid? In entrambi i casi, le teorie hanno seguito un ciclo di vita simile:

Originata all’inizio dell’evento, ma le origini esatte non sono chiare Ampiamente promossa nei circoli alternativi Pesantemente censurate sui social media e denunciate dai fact-checkers Alla fine accettato nella narrativa mainstream

Nel mio articolo sul fenomeno Q, ho sostenuto l’idea che Q fosse in realtà una Psy-op dell’intelligence militare gestita dall’interno dell’establishment dell’intelligence occidentale. Questa è un’idea che ho derivato dalle eccellenti ricerche di Bernard Grover, Joseph Farrell e Catherine Austin-Fitts.

Anche se l’entità “Q” non ha pubblicato nulla per oltre un anno, non credo che un’operazione così sofisticata sia semplicemente svanita nel nulla.

Infatti, ho l’impressione che i poteri dietro Q abbiano imparato tutto ciò che dovevano imparare su come l’informazione circola nei circoli alternativi e ora stanno usando quei dati per “avvelenare il pozzo”, per così dire, introducendo sottilmente pezzi di disinformazione nel quadro nel tentativo di infiltrarsi e screditare i media alternativi. Tuttavia, questo è un argomento per un altro articolo.

Basti dire che molte persone stanno spingendo l’idea che Putin stia cercando di combattere contro l’élite globalista occidentale, implicando così che NON è d’accordo con l’agenda globale di controllo tecnocratico del WEF.

Tuttavia, i fatti sembrano indicare il contrario. Qui ci sono dieci ragioni per mettere in discussione la narrativa “Putin contro Davos”.

(1) Il vaccino COVID della Russia è lo stesso di quelli occidentali

La Russia ha giocato con la non-pandemia del Covid-19 proprio come la maggior parte degli altri paesi del mondo. Hanno persino sviluppato un proprio vaccino chiamato “Sputnik V”.

Il vaccino è stato creato dal Centro Gamaleya del Ministero della Salute russo, un’istituzione che si descrive come “l’istituto di ricerca più importante del mondo”, eppure non ha nemmeno abbastanza soldi per installare un ascensore!

Lo Sputnik V usa un vettore adenovirus per trasportare materiale genetico sintetico nelle cellule, inducendo il macchinario della cellula a produrre la “proteina spike” virale (così dicono). Anche se diverso dalla tecnologia mRNA, i vaccini che utilizzano vettori Adenovirus sono probabilmente ancora una forma di terapia genica (“Ad” vettori sono stati utilizzati come veicoli di consegna dei geni fin dall’introduzione della terapia genica).

Quindi sì, il vaccino della Russia è basato sulla stessa tecnologia transumanista che usano tutte le altre iniezioni. Infatti, secondo il direttore di Gamaleya, Alexander Gintsburg, non ci sono differenze significative tra lo Sputnik V e il vaccino a base di adenovirus prodotto dal gruppo Oxford-AstraZeneca.

Inoltre, nel dicembre 2020, il centro di ricerca russo Gamaleya ha firmato un “memorandum di cooperazione” con AstraZeneca, nella “lotta contro il COVID-19”. Non solo Putin ha partecipato alla cerimonia della firma, ma ha dichiarato di essere “assolutamente convinto che un tale atteggiamento verso la partnership oggi può servire come un buon convincente esempio di combinazione di forze scientifiche, tecnologie, investimenti per un obiettivo comune per proteggere la vita, la salute e la sicurezza di milioni di persone su tutto il pianeta”.

(Non dimentichiamo i legami tra i ricercatori di Oxford-AstraZeneca, il Wellcome Trust e la società eugenetica britannica).

Putin stesso ha apertamente appoggiato sia il vaccino russo che il loro particolare richiamo di “vaccinazione intranasale”.

Questo ci porta al secondo punto…

(2) La Russia collabora con Big Pharma

Gli sviluppatori del vaccino russo Sputnik V hanno condotto prove congiunte non solo con AstraZeneca ma anche con Pfizer e Moderna!

Nell’ottobre 2021 Kirill Dmitriev, capo del Russian Direct Investment Fund (RDIF), ha detto che pensava che le iniezioni di Pfizer e Sputnik sarebbero state “una combinazione di grande successo”. Uno degli sviluppatori principali di Sputnik V ha anche espresso il suo sostegno per il lancio di vaccini stranieri in Russia.

Proprio di recente, questo marzo, la società farmaceutica russa R-Pharm ha chiesto la registrazione del vaccino AstraZeneca in Russia. Questo arriva sulla scia di un nuovo rapporto pubblicato dalla RDIF che afferma benefici sorprendenti dalla combinazione di “Sputnik Lite” e del vaccino britannico-svedese AstraZeneca.

Per ulteriori informazioni su questi due punti, consiglio vivamente di controllare qui.

(3) I passaporti Covid-19 sono una cosa in Russia

La Russia è stata una delle prime ad adottare i passaporti per le vaccinazioni. All’inizio del 2021, i residenti sono stati in grado di ricevere un passaporto Covid, dimostrando il loro stato di vaccinazione. I pass contengono un codice QR che può essere scansionato in vari luoghi e permettono ai residenti di ricevere sconti e altri benefici.

Alcune zone della Russia hanno persino reso obbligatorio il pass per entrare nei centri commerciali, nei cinema e nei trasporti pubblici.

Nel resto del paese, i pass sono rimasti volontari, fino a quando, nel novembre 2021, il Moscow Times ha riportato che “Il governo russo ha detto venerdì di aver presentato al parlamento due disegni di legge che introdurranno pass sanitari obbligatori per accedere a ristoranti e trasporti pubblici, in mezzo a una nuova ondata di casi di coronavirus”.

Secondo l’articolo, la nuova legislazione aveva lo scopo di “aumentare i lenti tassi di immunizzazione della Russia in mezzo a un forte sentimento anti-vaccinazione”. Suona familiare.

I disegni di legge impopolari sono stati apparentemente abbandonati in gennaio dopo aver incontrato una forte resistenza da parte del popolo.

(Modifica questa sezione è stata leggermente aggiornata dopo la pubblicazione per tenere conto del fatto che solo alcune aree della Russia hanno richiesto i pass sanitari e che i due progetti di legge del governo che avrebbero richiesto i pass sanitari per l’ingresso in spazi pubblici, sono stati abbandonati)

(4) La Russia sta sviluppando la propria valuta digitale della banca centrale (CBDC)

Quest’anno la Banca di Russia ha iniziato a pilotare il suo “rublo digitale”, la sua versione di una valuta digitale della banca centrale. La banca centrale ha anche chiesto un divieto totale delle criptovalute, affermando che il rublo digitale sarebbe diventato un’alternativa alle monete decentralizzate.

Tre banche in Russia stanno già supportando le transazioni pilota utilizzando la loro tecnologia bancaria esistente per le app mobili, con altre nove banche che dovrebbero unirsi presto a loro.

Se non avete familiarità con le “valute digitali delle banche centrali”, sono una forma centralizzata di denaro digitale programmabile, emesso e controllato dalle banche centrali, permettendo una sorveglianza completa su tutte le transazioni, dando alle banche la possibilità di controllare chi può spendere cosa e dove.

In altre parole, l’introduzione dei CBDC è una parte fondamentale della griglia di controllo tecnocratico che i globalisti del WEF cercano di costruire e la Russia è pienamente a bordo del piano.

(5) Il blocco COVID della Russia è stato rigoroso quanto quello dell’Occidente

Come la maggior parte dei paesi del mondo, la Russia ha istituito un blocco draconiano come misura per “combattere” la “pandemia” Covid-19. L’isolamento iniziale è iniziato nell’aprile 2020 ed è durato circa sei settimane.

La capitale della Russia, Mosca, ha istituito un altro isolamento nell’ottobre 2021 e ha anche ordinato a tutti i cittadini non vaccinati oltre i 60 anni di rimanere a casa per quattro mesi. Quattro mesi!

Certo, le chiusure della Russia non sono state così lunghe o così numerose come quelle di altri paesi. Tuttavia, secondo il Covid-19 Stringency Index, le misure Covid-19 della Russia sono state altrettanto severe delle loro controparti occidentali e a volte anche di più.

In altre parole, la Russia ha giocato con la falsa narrativa pandemica.

(6) Putin ha dichiarato il sostegno alla globalizzazione e all’Agenda 21

Il mese scorso, la Russia e la Cina hanno rilasciato una dichiarazione congiunta su “le relazioni internazionali che entrano in una nuova era e lo sviluppo globale sostenibile”, in cui hanno espresso sostegno alla globalizzazione, all’Agenda 21, ai vaccini, al controllo delle pandemie, al finanziamento del cambiamento climatico, all’economia digitale e altro ancora.

Ecco alcuni frammenti chiave del rapporto :

“La pandemia in corso della nuova infezione da coronavirus pone una seria sfida alla realizzazione dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite per lo sviluppo sostenibile. È fondamentale rafforzare le relazioni di partenariato per il bene dello sviluppo globale e fare in modo che la nuova fase dello sviluppo globale sia definita da equilibrio, armonia e inclusione…” “Al fine di accelerare l’attuazione dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite per lo sviluppo sostenibile, le parti invitano la comunità internazionale ad adottare misure concrete in settori chiave della cooperazione come la riduzione della povertà, la sicurezza alimentare, i vaccini e il controllo delle epidemie, il finanziamento dello sviluppo, il cambiamento climatico, lo sviluppo sostenibile, compreso lo sviluppo verde, l’industrializzazione, l’economia digitale e la connettività delle infrastrutture.”

(7) Putin è amico intimo di Henry Kissinger

Il presidente russo, Vladimir Putin ha “relazioni amichevoli di lunga data” con l’ex segretario di Stato americano Henry Kissinger.

Secondo il portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov, Putin e Kissinger “comunicano tutto il tempo”, cogliendo l’occasione per “discutere di questioni internazionali urgenti e scambiare opinioni sulle prospettive globali”.

A quanto pare, Kissinger è stato un ospite frequente in Russia da quando Putin è subentrato nel 2000. Nel 2007, Putin ha nominato Kissinger co-presidente di un “gruppo di lavoro” bilaterale volto a migliorare le relazioni USA-Russia.

Kissinger e la squadra che lo ha accompagnato a Mosca erano tutti membri di alto livello del Council on Foreign Relations (CFR), uno dei principali “think tank” occidentali che guidano la carica per un Nuovo Ordine Mondiale. Kissinger è anche un membro del Gruppo Bilderberg e del Bohemian Club.

(8) PUTIN HA LEGAMI CON IL FORUM ECONOMICO MONDIALE

Putin partecipa agli eventi organizzati dal WEF dai primi anni ’90.

Proprio l’anno scorso, il capo del WEF Klaus Schwab ha invitato Putin a tenere un discorso speciale alla riunione annuale del WEF (che si tiene nella Davos digitale).

Durante il suo discorso, Putin ha chiesto più test e vaccini come misure per combattere il coronavirus, affermando che

“È essenziale unire e coordinare gli sforzi del mondo nel contrastare la diffusione del virus e rendere più accessibili i tanto necessari vaccini. Dobbiamo aiutare i paesi che hanno bisogno di sostegno, comprese le nazioni africane. Mi riferisco all’espansione della scala dei test e delle vaccinazioni”.

Ha poi continuato a sottolineare il ruolo delle banche centrali nel ricostruire le economie globali “colpite dalla pandemia”, in quello che era apparentemente un cavallo dell’agenda del Grande Reset di Schwab:

“Quindi, la questione chiave oggi è come costruire un programma di azioni al fine non solo di ripristinare rapidamente le economie globali e nazionali colpite dalla pandemia, ma per garantire che questa ripresa sia sostenibile nel lungo periodo, si basa su una struttura di alta qualità e aiuta a superare il peso degli squilibri sociali. Chiaramente, con le restrizioni di cui sopra e la politica macroeconomica in mente, la crescita economica si baserà in gran parte sugli incentivi fiscali con i bilanci statali e le banche centrali a svolgere il ruolo chiave”.

Schwab ha anche affermato che Putin era un membro del suo programma “Young Global Leaders”, i cui laureati includono Justin Trudeau, Angela Merkel, Tony Blair, Bill Gates, Mark Zuckerberg e Emmanuel Macron.

Tuttavia, a parte il fatto che Schwab l’ha detto, non ci sono altre prove a sostegno di questa affermazione e Putin sarebbe stato comunque troppo vecchio per partecipare quando il programma è stato lanciato.

Quindi, Schwab ha semplicemente commesso un errore? L’uomo ha 80 anni, quindi è comprensibile se l’ha fatto, o il suo lapsus è stato un segno che i due condividono una relazione piuttosto stretta? Putin ha iniziato il suo discorso al WEF con un intimo “Caro Klaus” dopo tutto…

(9) La guerra di Putin in Ucraina sta accelerando l’ascesa dei CBDC in tutto il mondo

Kit Knightly di OffGuardian ha recentemente pubblicato un articolo intitolato “Ukraine crisis accelerating rise of Central Bank Digital Currencies”, evidenziando il fatto che i governi di tutto il mondo stanno sviluppando e provando i CBDC.

Come detto prima, le CBDC darebbero allo stato il controllo assoluto, permettendo loro di tracciare le transazioni individuali, limitare la spesa delle persone e garantire che le persone acquistino solo beni e servizi che lo stato ritiene accettabili.

Come sottolinea giustamente Knightly,

“I governi occidentali stanno attualmente dichiarando guerra finanziaria a dozzine di privati cittadini che non sono stati accusati e tanto meno condannati – di alcun crimine, solo a causa della loro nazionalità. Viene fatto con la scusa di “punire gli sporchi russi”, ma ciò che può essere fatto a un oligarca può essere fatto a chiunque”.

(10) La guerra in Ucraina sta aiutando il grande reset

Parte dell’agenda globalista è la distruzione dell’economia attuale, permettendo l’introduzione di un nuovo sistema economico (il “Grande Reset”), uno basato su CBDC, sorveglianza e gestito dall’intelligenza artificiale.

Come ho detto in un post precedente,

“Le élite lo vestono con parole d’ordine e frasi ad effetto come “sviluppo sostenibile” e “inclusività”, ma alla fine della giornata, il “grande reset” riguarda la creazione di uno stato di sorveglianza digitale gestito dall’intelligenza artificiale, in cui tutti noi transiamo con “valute digitali della banca centrale” (che possono essere completamente rintracciate e tracciate)”.

La guerra di Putin in Ucraina sta aiutando questo obiettivo contribuendo a destabilizzare ulteriormente l’economia mondiale e a distruggere la classe media (esattamente ciò che COVID era destinato a fare).

Sky News sta riportando che un aumento dei prezzi del cibo è “inevitabile” a causa dell’aumento dei costi dei fertilizzanti, dei mangimi e del carburante, sollevando preoccupazioni per la sicurezza alimentare nel Regno Unito. Allo stesso modo, il New York Times ha riportato che “la guerra della Russia sta aumentando i prezzi del gas e scuotendo i mercati finanziari”.

Secondo l’articolo,

“Se l’effettiva chiusura dei mercati finanziari russi e l’aumento dei prezzi delle materie prime portano a un declino più forte del mercato azionario, o hanno altre conseguenze inaspettate, la Fed sarà in una posizione difficile. Si sta muovendo verso un inasprimento delle condizioni monetarie, ma potrebbe dover fare marcia indietro e impegnarsi in un’altra operazione di salvataggio, come ha fatto nel marzo 2020″.

Questo arriva insieme alle previsioni di una recessione in Europa. E ci sono molte altre ragioni per cui questa guerra favorisce l’agenda del Grande Reset.

Un quadro incompleto

A questo punto, la situazione tra Russia e Ucraina è un campo minato di narrazioni contrastanti, disinformazione e rapporti equivoci.

Tutto quello che possiamo fare è guardare i fatti e cercare di mettere insieme un quadro di ciò che potrebbe accadere… e quando lo facciamo, è piuttosto chiaro che la narrazione…….

……….. “Putin contro Davos” non regge.

Fonte: .newbraveworld.org

Abbiamo bisogno della vostra collaborazione ! Contiamo su di voi per un supporto economico necessario per finanziare i nostri rapporti investigativi. Se vi piace quello che facciamo, un abbonamento mensile è un riconoscimento a noi per tutto lo sforzo e l’impegno che ci mettiamo.

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code