toba60

7 Drammatiche Verità che non puoi Assolutamente Ignorare

Siamo Stati Censurati, Quindi Condividi Questo Articolo

Siamo governati da persone che stabiliscono per noi ogni regola inerente la vita politica, sociale, ed economica e tutti indistintamente si preoccupano di adempiere ad ogni direttiva onde non incappare in una qualche infrazione.

Sedetevi comodi in poltrona e fate mente locale dal momento in cui vi alzate, sino al momento di andare a dormire, di tutto quello che e stato il vostro tempo dedicato ad adempiere alle mille pratiche quotidiane e ci si accorgerà che c’è ben poco di autonomo in tutto quello che si fa.

Devo andare al lavoro, devo studiare, devo rispettare lo stop, devo stare in fila, devo ….mettere la mascherina, devo compilare il modulo, devo arrivare puntuale, devo timbrare il cartellino, devo pagare le tasse, devo passare sulle righe pedonali, devo devo devo devo …….

Ogni azione avviene attraverso automatismi molto ben consolidati e si inseriscono nel cotesto comportamenti che svolti in modo indiscriminato non hanno alcun senso e tutto ciò’ avviene per abitudine.

Si finisce per rispettare leggi stupide per abitudine e si giustifica la cosa dando enfasi al dovere di cittadino…..

Il Dovere

Avete visto come basta una parola per dare seguito alla totale schiavitù di un individuo di una società e dell’umanità intera?

Il Dovere verso chi e perché, pochi se lo sono mai domandato…...e sarebbe una cosa sensata farlo, dopotutto i referenti non e’ che siano molto raccomandabili.

Toba60

7 Drammatiche Verità

1.) Lo statalismo è una schiavitù morbida:

“Non c’è un modo educato per dire a qualcuno che ha dedicato la sua vita a una follia”. ~Daniel Dennett

Viviamo in una plutocrazia oligarchica travestita da repubblica democratica. Poiché una massiccia quantità di ricchezza è concentrata nelle mani di pochi, non siamo in grado di mantenere una sana democrazia orizzontale. Invece siamo costretti a trattare con il serpente della malsana democrazia verticale che ha la diabolica testa di serpente della plutocrazia.

Se vivessimo in una democrazia orizzontale, avremmo maggiori possibilità di essere liberi. Niente padroni, niente governanti, e nessuna possibilità che il potere si concentri nelle mani di pochi. Come disse Edward Abbey, “Poiché pochi uomini sono abbastanza saggi da governare se stessi, ancora meno sono abbastanza saggi da governare gli altri”. Più facile a dirsi che a farsi, certo, ma niente che valga la pena fare è mai facile.

Allo stato attuale, è impossibile vivere liberamente all’interno di una plutocrazia oligarchica. I plutocrati continueranno semplicemente a comprare il potere creando leggi oppressive e reti di estorsione “legali” che mantengono le persone senza ricchezza e potere in uno stato permanente di povertà e impotenza. Aggiungete a questo l’uso di lobbisti e una moneta fiat basata sul debito, e avrete una nazione di schiavi del debito ingannati (schiavitù morbida) sotto l’illusione di vivere in una libera repubblica democratica.

2.) La politica bipartitica ti rende di vedute ristrette:

“Al centro di ogni credenza fondata, si trova la credenza che è infondata.”~Ludwig Wittgenstein

La politica partigiana è vecchia. Repubblicano contro democratico è campanilistica e superata. È giunto il momento di abbandonare questa mentalità totalmente adolescenziale e intellettualmente sprezzante. È tempo di trovare un modo più maturo e responsabile di guardare alla politica che vada oltre i pregiudizi meschini e i capri espiatori piagnucolosi.

Piramide Orgonite
€ 0,00

Ciò di cui abbiamo bisogno è una politica senza aggettivi – la meta-politica. Il tipo di politica che ci lancia in un elevato stato di percezione, dandoci una visione a volo d’uccello sulla cazzata bipartisan di tutto questo. Il tipo di politica che è cosmopolita e aperta.

La meta-politica mette il conservatorismo e il liberalismo in secondo piano e li guarda bruciare. Arrostisce un po’ di marsh mellows su quel fuoco mentre tira su le gambe e si fa una bella e lunga risata sulla deplorevole ed egoistica serietà di tutto questo. E il modo migliore per raggiungere il tipo di politica che lascia la partigianeria sul mucchio di merda della storia è quello di abbracciare la selezione piuttosto che l’elezione.

3.) Le elezioni sono aste:

“Se voti, non hai diritto a lamentarti”. ~George Carlin

Il sistema basato sulle elezioni (specialmente le elezioni rappresentative) per nominare la leadership ha fallito completamente. È ora di inaugurare un nuovo sistema di nomina dei leader democratici.

Le elezioni attraggono egomaniaci affamati di potere nel migliore dei casi e sociopatici guerrafondai nel peggiore. Le persone che cercano il potere sugli altri tendono ad essere le meno capaci di gestirlo. Ci deve essere un modo per difendersi da questo tipo di personalità malsana alla ricerca di potere nella nostra leadership democratica, pur mantenendo una democrazia sana.

Una soluzione potenziale è l’implementazione di un sistema di nomina dei leader basato sulla sorte, con poteri di assemblea per votare i “semi cattivi”. Una lotteria bilancerebbe il sistema attraverso la semplice probabilità, dando allo stesso tempo potere ai cittadini e impedendo al potere di corrompere, dato che il voto di esclusione sarebbe l’unica volta che un voto di maggioranza avrebbe importanza.

Piramide di Shungite lucida
Shungite tipo 2 – carbonio minimo 28%
Voto medio su 211 recensioni: Da non perdere
€ 0,00

L’ordinamento attraverso la lotteria, attraverso un’assemblea volontaria, livellerebbe il campo di gioco, renderebbe obsoleti i lobbisti e impedirebbe al potere di trincerarsi, il tutto educando le masse al senso civico e mantenendo un sano ethos egualitario.

Le assemblee potrebbero essere locali e pratiche, crescendo da un approccio organico dal basso verso l’alto che incoraggia una cittadinanza proattiva e informativa che vedrebbe le comunità costruire assemblee di contea in assemblee di stato in assemblee nazionali. Tutte le quali userebbero la lotteria per eleggere i leader e userebbero il voto popolare solo per spodestare i cattivi leader.

4.) Il nazionalismo xenofobo uccide la sana diversità:

“Vivi semplicemente perché gli altri possano semplicemente vivere”. ~Gandhi

La migrazione e la libera circolazione delle persone è sempre stata un fattore determinante della condizione umana. È un processo di tentativi ed errori a volte, certamente. Perché la tirannia e la violenza sono sempre stati aspetti brutti della nostra storia. Ma, in definitiva, è stata la pietra angolare della nostra specie sana e in progressiva evoluzione. Usando una prospettiva a tutto campo, quella che gli astronauti chiamano Effetto Panoramica, possiamo vedere quanto sia sciocca e irrazionale l’idea di confini, frontiere e territori contesi.

Eppure oggi, presi dal nostro pensiero miope e limitato, ci sono milioni di noi che pensano che tentare di fermare la libera circolazione delle persone sia necessario e morale. Abbastanza importante da costruire persino un muro, un simbolo di violenza strutturale se mai ce ne fosse uno.

Sfera di Cristallo
Disponibile in diverse grandezze
Voto medio su 2 recensioni: Da non perdere
€ 0,00

Ma come ha detto Jason Silva in questo profondo video, “Limitare la migrazione è in definitiva come limitare il flusso di idee. Nello stesso modo in cui non tolleriamo la censura, potremmo considerare i modi in cui limitare la libera circolazione delle persone può essere altrettanto punitivo per l’idea di fioritura umana”.

Abbiamo bisogno di scalare. Abbiamo bisogno di inaugurare una prospettiva più alta. Abbiamo bisogno di dissolvere l’illusione dei confini e la divisone delle frontiere. Infatti. Se vogliamo evolvere progressivamente in una specie più sana, dobbiamo essere in grado di impegnare l’Effetto Panoramica per ottenere una prospettiva più alta. Altrimenti, siamo bloccati, stagnanti e in declino nel pensiero a piccola immagine della mente scimmiesca.

5.) La libertà pericolosa è più sana della schiavitù pacifica:

“Il segreto per raccogliere la massima fecondità e il massimo godimento dalla vita è vivere pericolosamente”. ~ Friedrich Nietzsche

La libertà pacifica è l’ideale, naturalmente, ma per raggiungere la libertà pacifica, la libertà pericolosa deve superare la schiavitù pacifica. La schiavitù pacifica è uno stato fin troppo comodo rafforzato dall’estorsione mascherata da sicurezza e dall’oppressione mascherata da sicurezza. Per spegnere l’inganno occulto, per rivelare Matrix per quello che è veramente, bisogna agire un po’ di libertà pericolosa. Un po’ di rischiosa (ma sconvolgente) pillola rossa deve sostituire la sicura (ma stordente) pillola blu.

La vulnerabilità rischiosa è più sana dell’invulnerabilità sicura. La nostra cultura troppo comoda è come un serbatoio malsano. È una zona di comfort militarizzata che ha paura di allungarsi in qualcosa di nuovo. Non c’è da meravigliarsi che sia la casa di milioni di persone che hanno paura di allungare la propria zona di comfort in qualcosa di più sano. Questo va a scapito della salute personale e culturale.

Come risultato, ci ritroviamo con una cultura che si convince di dover cercare il permesso per essere liberi. Oggigiorno non si può fare nulla senza prima chiedere il permesso. Non si può raccogliere l’acqua piovana, coltivare e vendere cibo, andare a pescare, viaggiare, sposarsi, protestare. È il massimo della follia.

Eppure siamo per lo più complici. Ma non raccoglieremo nessuna libertà pacifica se prima non seminiamo un po’ di libertà pericolosa. Datevi da fare per liberare o datevi da fare per schiavizzare. La scelta è nostra.

6.) La polizia orientata alla difesa è di gran lunga superiore alla polizia orientata all’attacco:

“Quando la libertà sarà bandita, solo i fuorilegge saranno liberi”. ~Anonimo

Una polizia male addestrata e orientata all’offesa ha portato ad una forza di polizia corrotta ed eccessiva, decisa a soddisfare le quote che portano all’estorsione “legale”. La polizia offensiva porta ad una polizia militarizzata che inevitabilmente porta ad uno stato di polizia. E anche se non siamo ancora in uno stato di polizia, siamo su una china scivolosa.

Se, come ha detto Stefan Molyneux, “La legge è un’opinione con una pistola”, allora è ragionevole che dovremmo controllare le opinioni insostenibili con una soluzione sostenibile. La polizia privata orientata alla difesa è quella soluzione.

Si basa sul ragionevole precetto che per ogni essere umano libero che non è in grado di proteggere se stesso o la sua proprietà sia per mancanza di abilità, malattia, età, o anche per semplice codardia è libero di assumere una forza di polizia orientata alla difesa per aiutare a proteggere lui e la sua proprietà.

Bracciale in Rame Martellato
Gioiello artigianale
Voto medio su 6 recensioni: Da non perdere
€ 0,00

Finché questa forza di polizia rimane orientata alla difesa e non diventa orientata all’offesa imponendo i propri valori, ideali, regole o leggi agli altri, allora è un mezzo di polizia moralmente sostenibile. È solo quando la forza di polizia assunta (come la forza di polizia statale che vediamo nelle strade oggi) viola la mentalità difensiva diventando una forza oppressiva, estorsiva e violenta con il monopolio del potere, forzando i suoi valori, ideali, regole o leggi su persone altrimenti libere, che cessa di funzionare bene e diventa irragionevole e insostenibile.

In poche parole: la polizia sana è un’estensione della sana autodifesa. L’autodifesa trasformata in violenta ed eccessiva non riguarda più l’autoconservazione. Allo stesso modo, la polizia diventata violenta ed eccessiva non riguarda più la protezione e il servizio. Non si tratta più di sana difesa, ma di offesa violenta. La violenza dovrebbe essere usata solo per autodifesa e mai come mezzo per imporre i propri valori, regole o leggi agli altri, non importa quanto siano popolari.

7.) Coloro che hanno il potere dovrebbero essere ritenuti più responsabili di quelli senza:

“Quasi tutti gli uomini possono sopportare le avversità, ma se vuoi testare il carattere di un uomo, dagli il potere”. ~Abraham Lincoln

Se una persona all’interno di una dinamica culturale acquisisce abbastanza ricchezza, ha potere sugli altri in quella cultura. Ciò che una persona fa con quel potere definirà il suo carattere.

Se una persona domina il suo potere sugli altri, allora il suo carattere è malsano, immorale, oppressivo, limitante e tirannico. Se una persona usa il suo potere per aiutare gli altri, allora il suo carattere è sano, morale, compassionevole, liberatorio e prestigioso.

Basandosi sul precetto che gli esseri umani sono fallibili, imperfetti e inclini a commettere errori, specialmente quando si tratta di potere, è ovvio che confidare in un sistema fatto di esseri umani che esercitano il potere sugli altri è assurdo. È un ragionamento circolare al suo peggio.

Merkaba in Shungite
Shungite tipo 2 – carbonio minimo 28%
€ 136,80

Quindi, è logico che tentare di guidare (governare) noi stessi è superiore a permettere ad altri di guidarci (governare) (poiché il potere tende a corrompere).

I veri leader non possono essere controllati. Imparano, attraverso la padronanza di sé, gli insegnamenti degli altri e attraverso la Legge Universale, a disciplinarsi. I veri leader non seguono il potere; imparano a rovesciare le carte in tavola sul potere, anche sul proprio, in modo che il potere non si corrompa. I veri leader non si inchinano alla tirannia o al dominio autoritario; cercano di smantellarlo, nonostante il “grado e l’ordine” che lo sostiene.

Questo richiede coraggio. Richiede di schiaffeggiare la gente con la verità quando preferirebbe essere baciata con le bugie. Richiede rivelare brutte verità che scuotano la gente. Dire la verità al potere è fare una dichiarazione di interdipendenza di fronte al potere radicato. È contare il colpo di stato sull’autorità. È diventare un meccanismo di livellamento sociale per eccellenza.

Come disse Niels Bohr, “Ogni essere umano di valore deve essere un radicale e un ribelle, perché ciò a cui deve mirare è rendere le cose migliori di come sono”.


Gary ‘Z’ McGee

Fonte: themindunleashed.com

Abbiamo bisogno del tuo aiuto …

La censura dei motori di ricerca, delle agenzie pubblicitarie e dei social media controllati dall’establishment sta riducendo drasticamente le nostre entrate . Questo ci rende difficile continuare. Se trovi utile il contenuto che pubblichiamo, considera di sostenerci con una piccola donazione finanziaria mensile.

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code