toba60

8 Segreti Dei Corridori a Vita

Siamo Stati Censurati, Quindi Condividi Questo Articolo

Sapete cosa ho imparato dalla corsa negli oltre 40 anni che calpesto il terreno correndo in lungo e in largo ovunque mi trovi?

Che nella vita si nasce incendiari e si finisce per diventare pompieri, alle volte ci si scotta ma mai al punto da bruciarsi dolorosamente.

Toba60

Corridori a Vita

Divertiti a correre per tutta la vita coltivando flessibilità, amici, tenacia e apprezzamento.

I Sondaggi mostrano che la maggior parte dei corridori sperano di rimanere attivi per tutta la vita, come bene dovrebbero, dato il ben stabilito fisico e mentale e benefici. Allo stesso tempo, lo sforzo può sembrare scoraggiante. Che dire della motivazione, della famiglia, della carriera, degli infortuni e altro ancora?

Negli ultimi sei mesi abbiamo raccolto informazioni che dimostrano che i corridori di una vita persistono attraverso l’adattamento, l’accettazione, continuando a correre, fissando obiettivi ragionevoli, costruendo amicizie e semplicemente rifiutando di arrendersi. Questi tratti appaiono ancora e ancora negli oltre 50 profili esaminati. Ogni profilo presenta un corridore che ha almeno 60 anni e che corre da almeno 30 anni.

Ecco una lista dei loro segreti e alcuni dei loro pensieri su ciascuno di essi

Adattarsi e divertirsi

Nessun corridore rimane lo stesso in tutte le fasi della vita. L’orologio e il calendario non smettono mai di ticchettare. Diventiamo più rigidi, più lenti, e … già abbastanza. Tuttavia, i corridori di una vita non si fanno mettere da parte. Invece guardano generalmente il lato positivo.

Bob Anderson ha fondato la rivista Runner’s World nel 1966 da adolescente in Kansas. Oggi, a 71 anni, corre ancora forte. “L’età è solo un numero”, dice Anderson. “E anche se il numero sta diventando più grande, non lascio che mi dica cosa posso o non posso fare. Si vive una volta sola, quindi perché non godersela al massimo? Correre aiuta ad aggiungere significato ad ogni giorno”.

Accettare che le cose accadano

Ogni corridore conosce gli infortuni. I corridori di una vita capiscono che dovranno affrontare sfide più grandi. Un paio di anni fa, Don Ardell pensava che stava facendo un bell’allenamento (per un 78enne). Poi si ritrovò seduto sul marciapiede, sanguinante. I passanti chiamarono un’ambulanza. All’ospedale Ardell apprese che aveva avuto un ictus.

Da allora prende degli anticoagulanti e si allena con cautela. “Ho vissuto felicemente e ho deciso di stare attento e sperare nella buona sorte”, nota. A 80 anni, Ardell non ha resistito a partecipare a una manciata di gare. Le ha vinte tutte.

Continuare a correre

Molti corridori a vita si motivano continuando a correre. Certo, diventa sempre più difficile uguagliare i tempi dell’anno scorso. È qui che vengono in soccorso i gruppi di età e le classificazioni per età. Reno Stirrat corre da 50 anni ed è l’unico americano ad aver corso una maratona sub-2:45 in cinque decenni consecutivi.

Ora, a 64 anni, Stirrat ha smesso di cercare di battere i suoi vecchi PR, ma sta ancora inseguendo l’eccellenza. “Non mi preoccupo dei tempi”, dice. “Il fatto divertente è che si possono ancora stabilire PR personali per gruppi di età”.

Lo stesso vale per i tuoi sforzi di allenamento quotidiano. Sono destinati a diminuire, sia in quantità che in qualità. Così Sabra Harvey, 69 anni, ha spostato la sua enfasi sulla coerenza piuttosto che sulla velocità. “Guardo all’allenamento come un modo per mantenere un alto livello di fitness mentre continuo a competere in eventi master a livello globale”, dice. Il suo approccio sta funzionando. È stata nominata la USATF Masters Road Runner dell’anno 2017.

Più lento? E allora?

Nel 1980, Benji Durden era uno dei migliori maratoneti americani, qualificandosi per la squadra olimpica del 1980, anche se il boicottaggio degli Stati Uniti gli impedì di gareggiare a Mosca. Alcuni anni dopo è arrivato terzo alla maratona di Boston, stabilendo un PR di maratona di 2:09:58. Ora 67, Durden ha adottato una nuova mentalità, che lo mantiene sulle strade. Detiene il record per il maggior numero di anni tra le vittorie in maratona – 40 anni, 292 giorni avendo vinto maratone nel 1977 e nel 2017.

“Ero solito correre molte delle mie miglia a circa 6:40-7:00 minuti di ritmo”, nota. “In questi giorni è più come 10:00-12:00. Mi dico solo di lasciar perdere”.

Sii socievole

I corridori di una vita amano vedere i loro amici in ogni occasione: gare, gruppi di allenamento, riunioni di club e altro. “I corridori sono più felici con altri che condividono i loro interessi, tra cui il teatro, la musica, mangiare fuori e altre attività”, nota il dottor Gabe Mirkin, 83 anni e un noto autore e commentatore di fitness.

Come responsabile della corsa per molto tempo presso Runner’s World, Bart Yasso ha probabilmente partecipato a più gare di chiunque altro. E non si è mai stancato della routine. “Ho amato vedere nuovi e vecchi amici agli eventi”, dice. “Leghiamo e ci sosteniamo a vicenda”.

L’ex campione di maratona Bill Rodgers, 4 volte vincitore sia della maratona di Boston che di quella di New York, fa eco a Yasso. “È bello vedere gli amici alle gare, anche se solo una volta all’anno”, dice. “Condividiamo tutti la stessa passione per la corsa, indipendentemente dalla nostra età o dai nostri tempi”.

Apprezzare il lato mentale

Molti corridori a vita iniziano il viaggio con la speranza di preservare il loro corpo il più a lungo possibile. Con ogni anno che passa, sembrano pensare di più al cervello, specialmente ora con l’Alzheimers e il declino cognitivo nei titoli dei giornali. L’avvocato Hal Lieberman ha corso per 60 dei suoi 76 anni. “Come avvocato attivo, correre mi mantiene mentalmente e fisicamente sano”, osserva.

Mai fermarsi

Rallentare non è un motivo per smettere di correre. Sid Howard ha detenuto record mondiali di master su pista e ha concluso 35 Fifth Ave Miles di fila. A 79 anni, non sta diventando più veloce, ma rimane forte, soprattutto nello spirito. Spera di correre ancora a 100 anni e oltre.

“La mia ultima corsa finirà nella bara”, dice. “Salterò dentro, chiuderò la cima e saprò di aver vissuto una vita piena”.

Se questo è troppo morboso per te, considera il neuroscienziato di Philadelphia Brian Salzberg, 76 anni, che ha corso ogni singola corsa su strada di Falmouth. Sono 46 di fila. Non sono state tutte facili: Salzberg ha finito Falmouth due volte dopo un’operazione al cervello, e una volta con le stampelle dopo un’operazione alla gamba. “Nel 2008, probabilmente ho stabilito un record del percorso di Falmouth nella divisione stampelle”, scherza. “Ricorda sempre che ogni corsa è un nuovo record personale! Non sei mai stato così vecchio prima”.

Fate tesoro del regalo. Ogni. singolo. giorno.

Diventiamo più saggi e più riconoscenti quando invecchiamo? Speriamo di sì. Certamente sembra un tratto comune tra i corridori di una vita. Carolyn Mather ha corso più miglia di qualsiasi altra donna nella storia del pianeta. Recentemente ha superato 217.000 miglia totali. Questo ha dato alla Mather molto tempo per riflettere. “È tutta una questione di viaggio”, dice. “Avrai giorni buoni e cattivi, ma diventerai più forte e più resistente. Mi concentro solo sull’andare avanti lungo la strada”.

Ellen Hart ha corso una maratona di 2:35 poco dopo la laurea ad Harvard nel 1984, ma in seguito ha cambiato per lo più triathlon, continuando a sottolineare la sua corsa. Lungo la strada, è stata il soggetto di un film sull’anoressia e la moglie del sindaco di Denver, che è diventato un membro del gabinetto nell’amministrazione Clinton. La sua vita è stata più che piena. “Sono tutti regali: la vita, la corsa e l’invecchiamento”, dice. “La corsa è sempre stata la mia migliore amica, in parte perché mi ha aiutato ad affrontare tante cose”.

Amby Burfoot & Gail Waesche Kislevitz

Fonte: PodiumRunner

Abbiamo bisogno della vostra collaborazione ! Contiamo su di voi per un supporto economico necessario per finanziare i nostri rapporti investigativi. Se vi piace quello che facciamo, un abbonamento mensile secondo le proprie possibilità è un riconoscimento a noi per tutto lo sforzo e l’impegno che ci mettiamo.

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE

efootwear.com Asics runner

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code