toba60

Anneke Lucas, Sopravvissuta alla Rete Belga: Le élite Pedofile sono una Realtà

Di fronte a tutte le problematiche del mondo, il fenomeno della pedofilia pare essere quello meno sentito, e’ per cosi dire un fatto di cronaca che stranamente viene sempre posto tra i titoli di coda.

Per dare un idea di che cosa sto parlando, pongo alla vostra attenzione questi dati Drammatici che fanno sembrare il problema della pandemia del Covid-19 una semplice influenza condominiale, nella speranza che non ci si dimentichi che il genere umano forse dovrebbe in primo luogo rivedere molti concetti che ha della vita.

Dovete sapere che circa 150 milioni di bambine e 73 milioni di bambini sotto i 18 anni hanno sperimentato violenza e sfruttamento sessuale (dato OMS) e si stima che 1,2 milioni di bambini ogni anno siano vittime del traffico di esseri umani (dato ILO).

La violenza non infligge solamente ferite fisiche ma lascia cicatrici psichiche sui bambini. Colpisce la loro salute mentale e fisica, compromette le loro capacità di apprendere e socializzare e mina il loro sviluppo.

Una visione globale di tutto quello che succede sotto in nostri occhi, forse consentirebbe di percepire i fatti un modo ben diverso, se consideriamo che da tempo in alcune nazioni si stanno muovendo nella direzione di depenalizzare questo fenomeno, tra cui l’Italia, che sotto il ben collaudato metodo della Rana Bollita sta pian piano andando in questa direzione, senza che nessuno preso da virus politici, finanza e mascherine si mascherine no, sappiano nulla.

Toba60

P.S. Il testo e’ estremamente completo, la parte in cui Anneke Lucas riferisce in prima persona i fatti accaduti, sono inevitabilmente citati sotto una forte spinta emotiva e non facili da descrivere in tutta la sua violenza, ma nel capitolo successivo viene fatta una sintesi molto dettagliata, che da un idea dei fatti tutti documentati, che vanno letti con molta attenzione.

La libera informazione come la nostra non gode di alcun finanziamento privato e solo grazie alla vostre donazioni può ogni giorno dare seguito suo lavoro.

Ignorare Il logo in basso significa dare spazio a chi trae vantaggio da una società vincolata alle restrittive norme del pensiero unico imposto attraverso una distorta comunicazione dei fatti odierni, passati e futuri.

Staff Toba60

La Pedofilia: Per molti delle élite uno stile di Vita

Anneke Lucas, sopravvissuta a un giro di pedofilia in Belgio e diventata insegnante di yoga negli Stati Uniti, ha scritto un libro su questo periodo della sua vita. Da diversi anni denuncia il sistema pedofilo, le reti e il sistema corrotto che ne deriva. In diverse interviste recenti, spiega che continua ad aggiungere pezzi mancanti al puzzle della sua vita e che molto recentemente si è resa conto di quanto fossero potenti i suoi aguzzini.

Alcuni passaggi del testo sono stati adattati in seguito a un’intervista con Anneke Lucas 

Anneke Lucas racconta la storia (Video) di questa routine quasi silenziosa, quando sua madre la portava la sera in varie ville, palazzi, castelli e altri appartamenti di lusso, a volte nei bar, dove si svolgevano orge con persone focose. La madre non ebbe una parola da dire: la ragazza sapeva cosa sarebbe successo, ne aveva paura e sapeva come doveva comportarsi per non scontentare la madre.

“Nelle orge intorno a Bruxelles, nei bar, nelle ville o nei castelli, non si sa mai cosa può succedere. L’atmosfera a Bruxelles era cruenta. La rete, poiché è la mia realtà e devo conoscerla, è una parte dell’ombra che non può essere conosciuta”, scrive nel suo libro.

Come hanno raccontato altre vittime di questo tipo di abusi, Anneke spiega di essere stata così spaventata durante l’abuso che la sua mente si è fissata su molti dettagli, sul viaggio, sui luoghi degli eventi, sugli atteggiamenti dei pervertiti.

Nel libro, l’autrice parla soprattutto degli anni 1973 e 1974, quando aveva 10 e 11 anni, ma i gravi abusi sono iniziati prima. In un post su Facebook del novembre 2018, ha spiegato che all’età di 9 anni è stata portata dalla Svizzera all’aeroporto JFK di New York con un jet privato, aggirando la dogana.

Scrive di essere stata mandata sulla costa orientale degli Stati Uniti, in Svizzera, Germania, Francia e, naturalmente, in Belgio. Ha lavorato per oltre cinque anni in questa rete, che inizialmente ha descritto come una sorta di “club” molto chiuso di uomini adulti in cui abbondavano droghe e alcol e “i bambini erano una merce”.

Anneke Lucas è quindi nata in Belgio nel 1963, e i fatti che descrive sono ambientati a metà degli anni 1970. Evoca personaggi, luoghi citati anche nel tentacolare dossier della vicenda Dutroux. In effetti, la sua testimonianza ci consente di osservare la “rete di affari pedofili politici” belga dell’epoca da una nuova prospettiva.

Anneke Lucas cita Braine l’Alleud, Knokke, Anversa, Bruxelles o Faulx-les-Tombes, dove si trova un castello in cui Nihoul e la sua banda organizzavano varie orge all’epoca, e che ospitava anche scolaresche durante le “lezioni verdi”.

Cita anche “Pépé”, “il più grande capo, il più grande sadico, ministro, fumatore di pipa”, che era spesso presente alle orge e sembrava avere il sopravvento su tutti. Questa descrizione corrisponde a quella di “VDB” (Paul Vanden Boeynants), ministro della Difesa nel 1974, vicino all’estrema destra e alle reti NATO, citato anche da Regina Louf e da diversi testimoni nel caso Dutroux. Cita anche un procuratore vicino a Pépé, o un italiano conosciuto a una “festa”, di nome Giulio, che ricorda un certo Giulio Andreotti, primo ministro fin dall’inizio, membro della loggia P2 e vicino alla VDB…

Cita anche un personaggio che sembra corrispondere a Jean-Michel Nihoul, complice di Dutroux, condannato solo per traffico di ecstasy e associazione a delinquere, ma non ufficialmente legato ai sequestri perpetrati da Dutroux, che al termine di un interminabile processo ha gradualmente tagliato e prosciugato la sua sostanza. Said Nihoul è citato da Anneke Lucas. Secondo lei, così come secondo diversi testimoni ascoltati nel caso Dutroux, egli era presente alle orge degli anni Settanta.

Anneke Lucas descrive queste feste come “giochi” per i pervertiti. Per esempio, all’età di 10 anni, a una festa le fu chiesto di “scegliere” quale pervertito l’avrebbe violentata per primo. Poi Julius la “sceglie” e lei deve “prendersi cura di lui”. A quanto pare il ragazzo amava la pipì e le pratiche masochistiche.

Fu durante una di queste feste, quando aveva dieci anni, che conobbe un ragazzo di circa dieci anni più grande di lei, membro della rete. Un rapporto iniziato, sempre, ovviamente, nella violenza totale, con questa surreale discrepanza tra questo rapporto pedofilo normalizzato nella rete, ma che, secondo molti, dovrebbe mandare il pedofilo in carcere per almeno 20 anni.

Spiega che questa “relazione” è stata un problema perché per un po’ Anneke è stata meno richiesta per le orge. Il giovane si chiamava Patrick e pare che fosse Patrick Haemers, arrestato per rapina e poi per aver organizzato il rapimento di Vanden Boeynants, che frequentava soprattutto le orge, secondo i testimoni del caso Dutroux.

Haemers era dietro il rapimento di Vanden Boeynants nel 1989, durato solo pochi giorni. Secondo Etienne Delhuvenne, avvocato di Haemers, il rapimento è stato commissionato da un uomo d’affari belga, concorrente della VDB, che ha pagato Haemers 5 milioni di franchi belgi. Delhuvenne ha dichiarato nel gennaio 2019, quindi molto recentemente, che il “suicidio” di Patrick Haemers nella sua prigione nel maggio 1993 faceva comodo a questo sponsor e ai suoi amici. Haemers è stato accusato di una serie di rapine, che in seguito ha dichiarato di aver commesso “per motivi politici”. proprio come la banda Lyonnais in Francia.

Il padre di Patrick Haemers, Achille, era un uomo d’affari che frequentava le stesse orge a Bruxelles di Nihoul e di poliziotti, magistrati e politici vicini o coinvolti nella rete belga. Inoltre, Anneke Lucas presenta Patrick come il figlio di un borghese, che guida una Porsche o una BMW. Anche Achille Haemers aveva visitato regolarmente Nihoul dal “1974 al 1976”, secondo le dichiarazioni di Nihou al Dipartimento di Investigazione Criminale di Bruxelles, anche se era riuscito a ignorare alcuni anni della loro amicizia.

L’ex moglie del pedofilo Raymond Corvillain, coinvolto nella pedopornografia, ha confermato agli inquirenti i legami tra il marito, Nihoul, Achille Haemers e un certo Serge Frantsevich, nonché le strane discussioni sull’importazione di cavalli “bianchi e marroni”, costosi ma buoni e giovani. Secondo lei, dopo aver visto il caso in televisione, erano bambini [3] .

Questa donna ha anche dichiarato, come riportato dal giornale DH, che Corvillain “portava i bambini a casa di Dutroux, a casa di Nihoul, a casa dell’armaiolo di Haemers” e che Dutroux era venuto più volte a casa della famiglia. Frantsévitch era anche legato all’avvocato di Haemers, Delhuvenne, e la giustizia belga li sospettava di essere “complici di società di facciata destinate a nascondere i profitti del commercio di nastri pedofili”. Frantsévitch era anche legato a Jacques Monsieur, il famigerato trafficante d’armi belga, anch’egli rivendicato, arrestato negli Stati Uniti e condannato nell’ottobre 2018 a 4 anni di carcere e 1,2 milioni di euro di multa “per una dozzina di vendite illegali di armi e materiale bellico, tra il 2006 e il 2009” .

Patrick Haemers è anche collegato da diversi testimoni ai protagonisti dei massacri del Brabante, una serie di stragi con armi da fuoco commesse tra il 1982 e il 1985 in supermercati, armerie, ristoranti, e legate all’estrema destra e alle reti locali di Gladio. “Dopo due commissioni d’inchiesta e tre decenni di ricerche, non sono ancora stati identificati gli autori di questa ondata di rapine e omicidi commessi tra il 1982 e il 1985, che hanno provocato 28 morti, compresi i bambini. Anche l’intenzione degli assassini del Brabante non è mai stata determinata”, riassume la stampa belga.

In un post su Facebook del 28 settembre 2018 , Anneke Lucas scrive che Patrick Haemers, che l’ha salvata dalla rete lasciandola vivere, le ha dato dei consigli, tra cui quello di lasciare il Paese: ”Non saresti stata qui negli anni ’80”, avrebbe detto.Gli ho detto. Comunque, ha seguito il suo consiglio. E collega Haemers agli omicidi del Brabante, la serie di massacri di civili avvenuti nei primi anni Ottanta.

Questa rete non esitava a massacrare i bambini, e Anneke Lucas cita un bambino biondo di circa 7 anni che fu torturato e ucciso durante un’orgia. Cita un “piccolo gruppo di aristocratici belgi” che hanno violentato, torturato e ucciso bambini. Questo gruppo era così violento che i bambini non potevano sopravvivere all’incontro con questi uomini. Parla di “cacce” in cui sono stati uccisi dei bambini, pratiche che fanno parte di quello che viene chiamato Daesh, che è un orrore assoluto.

Sull’organizzazione della rete

“Nihoul è l’intermediario tra genitori, protettori, pedofili e ‘papà’. Organizza tutto in un’orgia, corre di qua e di là per compiacere tutti i pezzi grossi”, mi racconta Anneke Lucas nell’intervista video. Ciò si accorda perfettamente con le dichiarazioni degli altri testimoni del caso Dutroux. Nihoul conosceva tutti, ha persino gestito la comunicazione durante diverse elezioni locali a Bruxelles . Conosceva i vertici e i delinquenti.

Secondo Anneke Lucas, Nihoul ha svolto il ruolo di magnaccia nel suo caso.

Nihoul Michel

A volte potevano esserci più bambini, che sapevano tutti come comportarsi, e soprattutto cosa non fare, durante le serate sadiche. Questi bambini potrebbero essere quelli degli aristocratici che viaggiavano, provenivano da case o da altre famiglie, ma anche dall’estero (parla in particolare di un ragazzo marocchino di circa dodici anni).

Nella rete c’erano persone abituali e occasionali, a volte persone di passaggio. Non tutti hanno partecipato all’intera serata.

Anneke Lucas scrive che sospetta che tutto questo sia incredibile per molte persone. Come riescono queste persone a disumanizzare i bambini a tal punto, da farne dei semplici oggetti sessuali? Queste persone che vediamo in TV, che ci fanno la predica, che si avvolgono così facilmente in questa virtù che alla fine non l’avrebbero?

E se questo è ciò che accade ai vertici, se i più esclusivi e invidiati raduni di VIP vengono usati come copertura per alcuni dei crimini più efferati del pianeta, cosa dice questo della società? Cosa dice di tutti noi che cerchiamo di salire la scala verso la cima?”, chiede Anneke Lucas, “La scalata è un tentativo di dare un senso alla vita per qualcuno la cui anima è morta? “.

La domanda sorge spontanea. Perché sembra che più si sale in certi ambienti, più questo tipo di pratica diventa comune. E quello che dice l’autore è molto interessante, perché sembra anche che tutto questo, queste orge, queste reti di pedofili, non siano un fine ma un mezzo:

  • Per corrompere le persone utili
  • Per nascondere altre frodi, in particolare la massiccia appropriazione indebita di denaro da parte di una certa classe politica e imprenditoriale.

In effetti, di fronte a un caso di rete pedofila, soprattutto quando si tratta di personalità, il sistema giudiziario non guarda oltre. Sarà quindi molto facile organizzare, ad esempio, il traffico di armi o di droga, i mercati truccati o l’evasione fiscale su larga scala.

Tuttavia, l’orrore può arrivare lontano. C’è un elemento di sadismo, di onnipotenza, ma anche un elemento calcolato, che sembra essere l’indottrinamento, sia per le vittime che per i membri della rete, chiunque essi siano. Anneke Lucas, ad esempio, racconta una scena che sembra coinvolgere Nihoul: “È andato in cucina. Dopo qualche minuto tornò, indossando guanti da forno e portando con sé un’enorme teglia di metallo. Sentivo l’odore della carne, ma non riuscivo a identificare l’uomo. C’era un cattivo odore. L’ha lasciata cadere. Natiche. Quasi nero, con una roba rossa come il sangue: orribile. “Ora cercherò di rimetterli insieme per te”. Corse dentro e tornò con un secondo vassoio, allineandolo al primo al centro del tavolo rettangolare. Il secondo set è stato caratterizzato da teste e spalle. Garçonne. Guance incavate e pelle rugosa, carbonizzata tranne qualche ciocca di capelli biondi. Pezzo dopo pezzo, ricompose il puzzle finché il cadavere non fu steso nella sua interezza, con le membra sottili e annerite.

Anneke Lucas racconta di essere stata costretta a partecipare a diverse sessioni di tortura seguite da omicidi: bambini, adolescenti… Anneke ha spiegato in un video l’evoluzione collettiva degli omicidi di bambini. Spiega che lei stessa è stata costretta a uccidere un bambino. Sapeva che l’avrebbe fatta sentire in colpa per il resto della sua vita, e ha funzionato. “Mi sono sentita anche una torturatrice”, spiega, “ma ho sempre agito in situazioni diverse per fare meno male possibile. Sapevo che se avessi detto di no, sarebbe stato peggio.

Questo passaggio può sembrare poco plausibile, soprattutto perché Nihoul si pavoneggia sempre nei media, proponendosi come vittima della giustizia e della rivendicazione popolare. Nihoul si lamenta molto, ma ci sono molte cose surreali nel trattamento del suo caso, in particolare il fatto che il suo alibi per uno dei rapimenti di Dutroux non è stato cambiato, anche se è stato dimostrato che questo alibi non reggeva. E quei testimoni che lo hanno riconosciuto come presente a varie orge in presenza di minori… Inoltre, è chiaro che Nihoul era coinvolto con le persone citate da Anneke Lucas, persone sulle quali le varie testimonianze dell’accusa sono perfettamente coerenti.

Anneke racconta un episodio in cui il “nonno” e una certa Jean condussero una seduta in presenza di una decina di bambini. Abbiamo dato a tutti un coniglio e il “nonno” ha chiesto loro: “Chi deve vivere? Anneke spiegò che doveva uccidere prima il suo coniglio e poi gli altri bambini. Se non davano la risposta giusta, i bambini rischiavano di essere uccisi al posto del coniglio.

La madre di Anneke, che era di fatto una signora, era una persona benvoluta in società. Nessuno in famiglia avrebbe sospettato nemmeno per un secondo quello che succedeva in privato. Era una donna psico-rigida, descritta come psicopatica dalla figlia, manipolatrice e dominatrice. Descrive una madre che vedeva la figlia come una rivale, la cui testa doveva essere tenuta sott’acqua.

Questa madre, una volta lasciata in macchina all’ingresso delle ville, non voleva avere nulla a che fare con lui. Poteva anche lasciarlo per qualche giorno a persone che ne avrebbero fatto ciò che volevano, o quasi. Secondo la figlia, questa donna era in totale negazione. Secondo Anneke, sua madre voleva apparire bene nell’alta società, in questo caso nell’ambiente dei leader. Da bambina, Anneke stessa era convinta che la madre non avesse idea di ciò che le accadeva durante queste orge.

In un video, Anneke spiega che in realtà è stata addestrata a comportarsi in modo corretto durante i rapporti sessuali con i ragazzi. Spiega di essere stata costretta a guardare dei film, che le hanno permesso di conoscere le reazioni dei ragazzi, i loro volti, le loro espressioni facciali, e quindi di “sapere guardando il volto di una persona cosa le piace o guardando il suo corpo cosa le piace”. sessuale”. Tutto questo per “addestrarla a diventare una schiava sessuale per l’élite”.

Anneke Lucas Testimony Part One Video

Anneke Lucas Testimony Part Two Video

Una corsa per salvargli la vita

Anneke Lucas racconta anche di una “festa” in una villa nell’ottobre 1974, quando pensava di morire. Uno dei capibanda aveva preso diversi bambini e adolescenti per torturare a fondo Anneke, facendola letteralmente morire dissanguata in quella che sembrava una macelleria. Faceva parte del loro indottrinamento, della loro formazione….. E poi, a un certo punto, si rese conto che altri bambini erano stati massacrati prima di lei in quella stanza in cui era stata portata, e quella notte era sicuramente il suo turno. Infine, la seduta è stata interrotta da una persona vicina al “nonno”.

Quando riesce a rimettersi in piedi, si ritrova con “Pepe”, l’amico che era venuto a prenderla, Patrick e una bambina. Anneke spiega che “Pepe” ha poi detto che era stata salvata, ma che c’era “un prezzo da pagare”. Ha guardato la bambina, di 8 o 9 anni secondo Anneke, e ha detto che o lei o la bambina.

La bambina sembrava spaventata e Anneke, che all’epoca aveva 11 anni, non sapeva bene cosa fare, cercando di guadagnare tempo e di decifrare ciò che si aspettava da lei. Non c’era scelta.

Poi Patrick la portò in un’altra villa vicino a Bruxelles, dove si sarebbero svolti gli eventi: Anneke capì che era lei a dover morire. È stata condotta in un corridoio, poi in una stanza con sedie a semicerchio, vecchie tende, dove era nuda, legata a una sedia da dentista, sdraiata. Cinque o sei uomini, tra cui il “nonno”, erano presenti alla rappresentazione. Patrick servì una pila di coca su un tavolo, e ogni uomo si servì da solo.

Ha spiegato che, date le circostanze della rete, ha sempre scelto di fare il minimo. Anche la sua vita non aveva importanza, perché pensava che sarebbe morta comunque. Se Anneke non l’avesse fatto lei stessa, era sicura che quel bambino sarebbe stato ucciso con ancora più sadismo, con ancora più sadismo.

Attraverso frammenti di frasi degli ospiti, Anneke si rende conto che qualcosa è cambiato, che Patrick ha barattato qualcosa con la sua vita. Lei gli chiede spiegazioni e Patrick risponde: “Non è niente. Lavorerò solo per Pepe. Tutto qui”. Capì che per evitare che la rete la massacrasse quella notte, Patrick aveva negoziato con il capo, con “Pepe”, per prenderlo al suo posto, come scagnozzo pronto a tutto.

“Pepe” ha poi messo nelle loro mani un grosso rasoio. Patrick gli spiegò come fare, come fare in modo che spaventare il bambino fosse quasi un piacere, gli mostrò quanto fosse piacevole l’atto. Naturalmente, per Anneke era comunque una tortura farlo. Finché il “nonno” non le porse un pugnale e disse: “Tagliale la gola”, con noncuranza. Alla fine Anneke ha dovuto ucciderla: “Ho ucciso un bambino. Sono pronto a morire. Con le mie ultime forze estraggo l’enorme pugnale dalla sua carne. Cado e tutto diventa nero. Sto riassumendo molto perché queste poche pagine sono difficili da leggere e riassumere.

Ma l’autore descrive perfettamente la “messa in scena”, il “gioco di ruolo”, come si potrebbe descrivere questa rete di pazzi, il cappio silenzioso che si crea intorno a ciascuno dei personaggi, e soprattutto ai bambini vittime. Descrive ciò che accade nella sua testa in quel momento, la battaglia interiore che sta conducendo come una bambina di 11 anni, completamente condizionata.

La mattina presto l’ha accompagnata a casa dei suoi genitori. Quando la lasciò, le diede delle raccomandazioni per andarsene in futuro: le disse di tornare dalla madre, ma di andarsene il prima possibile, all’età di 15 o 16 anni. E lasciare il Belgio il prima possibile. “Negli anni ’80 non devi più stare qui, devi solo credermi sulla parola”, le disse, “devi trasferirti, a Parigi, a Londra, e devi imparare l’inglese. a New York (…) Non devi mai diventare una prostituta”. Non accettate mai soldi per il sesso, non lasciate che un amante vi dia dei soldi, non fate sesso per ottenere qualcosa da qualcuno… “. Le ha anche detto di non comprare mai la droga da sola e di non fare nulla per procurarsela. Lui le disse chi sposare e lei lo fece.

Alla fine, le chiese di dimenticare tutto questo, di non dire mai a nessuno tutto ciò che sapeva nel sistema. L’ha lasciata a casa sua e non si sono più rivisti.

Tornata a casa della famiglia, Anneke spiegò alla madre perché aveva segni su tutto il corpo. Ancora una volta fece finta di niente, ma Anneke disse: “Sai dove ho preso quei segni? Era sera. L’ultimo in cui mi hai portato. Perché è questo che sta succedendo. I bambini vengono torturati. Uccisi mamma. Non è per questo che mi hai portato lì, per liberarti di me? Per farmi uccidere? “Anneke Lucas ha spiegato nell’intervista.

E disse a sua madre che Patrick aveva fatto un accordo, grazie al quale non aveva più bisogno di andare alle orge. “Niente più telefonate” dalla signora X (la madre di un amico, che organizzava alcune orge), “è finita”.

E in effetti non ci furono più chiamate a casa. Sua madre, un’ultima volta, era riuscita a portarla via, nel novembre del 1974, quando la madre la riportò a casa di questa signora X, dove l’aspettavano persone, alcuni aristocratici, persone che lei sapeva essere tra le più sadiche della rete. L’ha scampata per un pelo questa sera, durante la quale le hanno sparato.

Ma poi la vita familiare tornò a una parvenza di normalità, come se non ci fosse mai stato quel momento in cui la madre vendette Anneke a quella rete.

Ricostruzione

Anneke Lucas racconta di aver iniziato la psicoterapia nel 1989, all’età di 26 anni. Racconta che solo allora si è resa conto di essere stata vittima di bullismo da bambina e ha pianto ininterrottamente per tre settimane. Poi è cambiata. Ma ancora oggi spiega che a volte deve continuare a lottare.

“Una ragazza che viene violentata da un uomo in giovane età subisce il lavaggio del cervello e crede che il suo corpo esista solo per il piacere degli uomini, che sia un oggetto per questo scopo. Se viene usata per scopi sessuali invece di essere amata correttamente, può confondere il sesso con l’amore, o può crescere con la convinzione che l’unico modo per essere amata sia attrarre gli uomini sessualmente”, ha spiegato Anneke Lucas nella nostra intervista.

È proprio questo l’obiettivo “educativo” di questi ambienti, che sono in grado di vendere i loro figli, soprattutto le ragazze, come vere e proprie prostitute, fin dalla più tenera età, anche nelle “alte sfere”.

Tutto ciò che descrive è violenza, non c’è mai rispetto, non ci sono mai verità chiare e semplici. È tutta una finzione e una menzogna.

“Ricordo innumerevoli volti, innumerevoli sguardi sprezzanti. Riesco ancora a vedere lo sguardo gelido di uno di quegli uomini, i neofiti impacciati che si comportano come se io fossi abituato a loro e loro così adolescenti, gli incantatori che cercano il contatto visivo… Ricordo centinaia di uomini che entrarono in una stanza di quella villa e nessuno di loro disse: “No, questo è un bambino”. Non posso farlo. Sono venuta a questa festa, ma ora sono solo in una stanza con un bambino e non posso farlo.

È stato all’età di 15 anni che Anneke Lucas ha potuto finalmente uscire di casa, dopo aver concluso in modo irregolare il suo percorso scolastico, frequentando i caffè piuttosto che le lezioni. Si è messa con un ragazzo più grande di lei, per poi lasciarlo un anno dopo. Spiega che pur uscendo spesso, ai concerti, alle feste giovanili, ha sempre seguito i consigli di Patrick. A 16 anni si trasferisce nel sud della Francia e incontra il padre biologico, un compositore belga. Ma, spiega, “sentivo che nessuna relazione era possibile senza sesso e abbiamo iniziato una relazione.

Nel 1982, all’età di 18 anni, si trasferisce a Londra con l’allora fidanzato, poi a Parigi e nel 1986 arriva a New York come ragazza alla pari. All’età di 26 anni ha iniziato una psicoterapia che l’ha portata ad aprire gli occhi sul suo passato, a ricordare tutte quelle cose che in definitiva non erano normali. Si è anche aggrappata alla sua fede e ha iniziato a studiare e a lavorare nel cinema a Los Angeles.

Interrompe i contatti con la madre, che ha sempre mancato di empatia e ha fatto presto a nascondere tutto sotto il tappeto. Così Anneke tagliò definitivamente i ponti con lei.

Si è sposata nel 1995, ha divorziato poco meno di dieci anni dopo e nel frattempo ha scoperto lo yoga e si è sottoposta a una terapia psicoanalitica piuttosto intensa, che le ha permesso di andare a fondo della sua storia.

L’anno è il 1997. Solo un anno prima, il caso Dutroux aveva fatto notizia in tutto il mondo e aveva scosso anche lo Stato, quando la popolazione si era mobilitata in marce bianche e “comitati bianchi”, decisa a non ripetere mai più queste atrocità.

Quando una delle sopravvissute della rete Dutroux scrisse il suo libro all’epoca dello scandalo, Anneke Lucas contattò i giornalisti belgi ai quali raccontò parte della sua storia. “Ho anche incontrato questa sopravvissuta, che ha anche scritto un libro sulla sua esperienza nella rete, “Silenzio! Uccidiamo i bambini’. e la cui eccellente memoria mi ha aiutato a mettere insieme alcuni pezzi del puzzle sul mio passato”, racconta Anneke Lucas in un video. Ma molto rapidamente e grazie a una campagna mediatica contro i testimoni e gli investigatori che sostenevano le loro dichiarazioni, il Paese si è diviso sull’esistenza o meno della rete. Anneke Lucas ha quindi scelto di prendere le distanze da questa storia per la sua salute, e non possiamo che capirla.

Ha continuato la sua vita, con lo yoga, ha avuto la figlia, ha continuato la sua analisi. Ha insegnato yoga, anche nelle carceri attraverso il Liberation Prison Yoga Project.

Il motivo per cui ci ha messo così tanto a parlare è che era ancora troppo traumatizzata e spaventata da tutte le minacce e le violenze subite, ha dichiarato in un’intervista del gennaio 2017.

Il 20 dicembre 2018 è trapelata online la prima parte di un’intervista video ad Anneke Lucas. È tornata sul fatto che dalla prima volta che ha parlato pubblicamente della sua storia sulla rete belga (ne avevamo parlato all’epoca) nel 2016, ha ricevuto migliaia di messaggi, ed è stata avvicinata da persone che l’hanno aiutata a identificare alcuni dei suoi aguzzini, alcuni dei quali non erano belgi: “Non pensavo di avere a che fare con persone così importanti, non avevo idea che fossero sulla scena mondiale”.

Spiega inoltre che il fatto che una delle loro vittime veda questi psicopatici in televisione, o anche in foto, rende il ricordo della violenza “così vivido e reale” che lei stessa ha ricordato gli stupri commessi da questi ragazzi quando aveva 10 anni. Spiega anche che in qualsiasi momento, alle feste, alle orge o quando era semplicemente in presenza di questi pazzi, era perfettamente consapevole che uno di loro avrebbe potuto decidere di ucciderla. E che doveva stare attenta a tutto, essere vigile, controllare ogni comportamento.

Anneke Lucas Ero una schiava del sesso per l’Elite europea all’età di 6 anni Video Parte 1

Anneke Lucas Perché non faro’ pubblici i nomi Parte 2

In questo video del 21 dicembre 2018, Anneke spiega che “è facile dire che sì, i politici sono corrotti. Ma è un po’ più difficile dire di concepire che un politico corrotto stupri e uccida anche dei bambini (…) Noi diciamo: ‘no, non posso crederci'”. Spiega che le persone lo sentirebbero come un tradimento personale.

30698204_10156389168143474_8571393744054251788_n

Ma “è una dipendenza”, dice, come i tossicodipendenti che vogliono disperatamente ricominciare, fare un altro viaggio. “Queste persone hanno cervello e intelligenza, e questo le rende le persone più pericolose del mondo. È una dipendenza dal potere. È una dipendenza che conosco bene, perché ho subito gravi abusi. So cosa vuol dire vedere le persone intorno a te ridere quando sei nel momento peggiore.

Spiega il suo caso di coscienza sui nomi degli psicopatici che hanno abusato di lei, che erano in quella rete. Ci sono i rischi del processo, dell’esposizione, della sicurezza, ma anche la possibilità, forse, di salvare i bambini, di affrontare il bisogno di vendetta, di scoprire l’orrore.

Ma nel contesto attuale, con le leggi vigenti, è molto rischioso denunciare personalmente i pervertiti. “C’è ancora molto lavoro da fare, siamo solo all’inizio del cambiamento, solo all’inizio in cui la gente si rende conto che… che l’oscurità è davvero presente. C’è così tanta ipocrisia, così tante bugie, e tutta questa ipocrisia e queste bugie stiamo appena iniziando a vederle. Queste sono le persone a cui abbiamo dato il nostro potere.

Anneke Lucas : Perché non farò nomi pubblicamente (SEQUEL-PARTE 2)

Anneke Lucas parla molto dei metodi che possono aiutare le vittime, attraverso articoli, conferenze, un documentario… Alcuni di essi si trovano qui.

Sul suo blog, che consiglio di seguire, racconta i fatti, analizza molto il funzionamento del sistema, della propaganda e relativizza alcuni “fatti sociali”.

Spiega, ad esempio, che all’età di 9 anni ha ascoltato una discussione tra un abusatore e uno dei suoi amici sullo scopo “sociale” della sessualizzazione dei bambini. Era l’estate del 1972 su un’isola della costa orientale. “Sono stata additata come esempio di come la sessualizzazione dei bambini sia positiva sotto ogni punto di vista, e sono stata descritta come felice (di essere sessuata) e ben adattata”, ha scritto in un post sul blog.

L’autrice si interroga anche sulla rilevanza dell’incarcerazione in un sistema così diseguale come quello statunitense: “L’incarcerazione di massa è una maschera per il vero problema, venduto attraverso le leggi sulla droga, e anche se lentamente ci svegliamo e ci rendiamo conto di cosa si tratta, il problema non ha ancora avuto la rivoluzione che merita”.

Anneke Lucas ha anche dato vita a un movimento per combattere lo sfruttamento dei minori a New York, ad esempio negli alberghi, dove troppo spesso le minorenni entrano da sole con i ragazzi nel cuore della notte.

È essenziale liberare le voci delle vittime, che si tratti di incesto, stupro o anche di abusi commessi in rete, anche se si tratta di “élite”.

Per parlare solo delle reti pedofile d’élite, come quella di cui parla Anneke Lucas, ci sono molte vittime. E molti hanno bisogno, vogliono, ma non possono parlare perché, come dice Anneke, i rischi sono grandi. Alcuni testimoni vengono uccisi, altri sono ridotti a stracci, braccati, attaccati dai media o in tribunale, se mostrano la minima inclinazione a denunciare qualcosa.

Chi parla dimostra un grande coraggio e, va detto, una certa abnegazione. Queste testimonianze devono essere diffuse in modo che i cittadini possano capire cosa succede davvero dietro le quinte e chi occupa le posizioni più alte nei nostri cosiddetti Paesi “civilizzati”.

Per molte vittime è anche molto difficile affrontare impunemente la perversione, che è più normale… E i bambini di ieri stanno crescendo. Il bisogno di verità aumenta la pressione e la coltre di piombo sarà sicuramente sollevata alla fine. Ma nel frattempo, la gente deve capire che mentre scrivo e leggo queste righe, i bambini sono vittime di queste reti, in Francia come altrove.

Hervé Gaïa

Fonte: Archivio Privato

Abbiamo bisogno della vostra collaborazione ! Contiamo su di voi per un supporto economico necessario per finanziare i nostri rapporti investigativi. Se vi piace quello che facciamo, un abbonamento mensile è un riconoscimento a noi per tutto lo sforzo e l’impegno che ci mettiamo.

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *