toba60

Arcivescovo Viganò: Lettera Aperta al Presidente degli Stati Uniti D’America Donald J.Trump

Quello che avrete modo di leggere, metterà in discussione molte delle certezze che molti hanno in riferimento agli avvenimenti che si stanno susseguendo in modo incessante in questo momento.

I complottisti grazie all’Arcivescovo Viganò avranno un alleato inaspettato che sancisce la loro definitiva rivincita nei confronti di chi da sempre li cataloga come dei paranoici e fantasiosi portavoce della verità.

Egli e’ una figura ecclesiastica di primo piano e di vasta conoscenza e cultura, che senza mezzi termini dà un autentica stoccata al ruolo che la chiesa presieduta da Papa Bergoglio ha in questo momento.

Cita il Gran Reset e il Nuovo Ordine Mondiale e si scaglia apertamente contro la classe politica italiana senza mezzi termini, i quali attraverso un falso buonismo sta decretando la disgregazione e la fine di una società svincolata da tutti i valori umani.

Il suo ‘invito alla ribellione ed all’azione lo ribadisce, è dovere di ogni cittadino cristiano e non, che abbia a cuore il destino dell’umanità.

Le elezioni americane sono terminate con un seguito come sapete ancora tutto da definire e il corso degli eventi e’ uno spaccato di tutto quello che l’Arcivescovo ha anticipato in questa sua lettera.

Vaticano

Essere a conoscenza di quello che ora avrete modo di leggere sgraverà la coscienza di ognuno di voi dai molti paradigmi e falsità’ che stanno martellando una società priva di punti di riferimento e che l’Arcivescovo Viganò isolato dalla chiesa vaticana ha voluto offrire in dono a tutti noi.

Il testo e’ diviso in due parti, la prima con delle considerazioni inerenti la situazione attuale e la seconda con la lettera originale che potrete trovare anche su file Pdf in Italiano ed Inglese, affinché tutti possano condividere il suo messaggio.

Toba60

Lettera # 32, venerdì 30 ottobre 2020: Viganò a Trump

Le scrivo in mezzo al silenzio delle autorità civili e religiose. Accettate queste mie parole come ‘voce di chi grida nel deserto’ ”(Gv 1,23). L’arcivescovo italiano Viganò, nel suo ultimo saggio, una lettera aperta al presidente degli Stati Uniti Donald Trump. La lettera è datata domenica 25 ottobre, festa di Cristo Re, ma pubblicata questa mattina, 30 ottobre, in modo coordinato, su vari siti web e lingue in tutto il mondo.

Venerdì 30 ottobre 2020 – Sua Eccellenza l’Arcivescovo Carlo Maria Viganò ha scritto l’ennesima lettera aperta al presidente degli Stati Uniti Donald J. Trump , e così facendo è diventato un parafulmine per preoccupazioni sia politiche che religiose di natura profonda in tutto il mondo.

In questa nuova Lettera, Viganò esprime le preoccupazioni provate da moltissimi nel mondo che hanno paura delle politiche presenti, e probabili future, che sembrano “bloccare” le economie mondiali.

Questa preoccupazione è drammaticamente dimostrata dalle recenti grandi manifestazioni in Italia, tra cui madri che gridano di aver perso il lavoro a causa dei blocchi e ora non hanno soldi per comprare cibo per le loro famiglie. ( link ) Questa donna, nel link, sta letteralmente implorando le autorità di mostrare quella carità umana che impedirebbe la miseria della sua famiglia, e le autorità fanno orecchie da mercante. Questo è solo un esempio dei milioni di italiani che hanno invaso le piazze e le strade d’Italia da Nord a Sud, da Est a Ovest la scorsa settimana per protestare contro il blocco.

Ma scrivendo questa Lettera, Viganò si addentra ancora una volta in questioni di natura politica che sono intrinsecamente controverse e problematiche dal punto di vista religioso. E questo fa alzare le sopracciglia all’interno della Chiesa, dove le correnti trasversali dell’opinione politica sono feroci come in qualsiasi grande istituzione mondiale.

Le questioni politiche, le questioni del diritto umano e l’organizzazione della vita umana, sono certamente e ovviamente di profonda importanza per la vita, la libertà e la prosperità degli uomini e delle donne che devono convivere con le conseguenze delle decisioni politiche, ed è per questo che la Chiesa ha per da molti decenni sviluppa il suo insegnamento sociale, il suo insegnamento su questioni sociali ed economiche, attinto dalle verità fondamentali della fede.

La Chiesa ha sempre insegnato che le questioni temporali implicano inevitabilmente giudizi prudenziali. Su tali questioni di giudizio prudenziale, i credenti non sono tenuti a dare lo stesso assenso di volontà che la Chiesa chiede ai credenti di dare ai dogmi della fede, alle verità della fede, dogmi come la risurrezione di Cristo crocifisso e la sua natura divina .

Sulle questioni prudenziali, a differenza delle questioni dogmatiche, gli uomini e le donne di buona volontà possono differire e i cattolici possono divergere pur rimanendo cattolici in una chiesa.

In questa nuova Lettera Aperta, Viganò entra in questioni che sono, certamente, di gravissima importanza per la vita umana, anzi, questioni di importanza critica per il nostro futuro.

Tuttavia, le domande a cui si rivolge non sono le domande centrali e finali che i cristiani devono affrontare come questioni di importanza ultima e decisiva: cioè, domande riguardanti Cristo stesso Salvatore.

La nuova lettera di Viganò sta già suscitando enorme interesse su Internet. Alcuni stanno segnalando sui siti di social media che i loro siti sono stati sopraffatti dall’interesse per questa lettera. Questo rivela l’importanza del suo contenuto.

Eppure lo stesso Viganò dice che scrive come una voce sola, come un profeta solitario nel deserto come ci dice all’inizio nella citazione perché quasi nessun altro nella gerarchia della Chiesa ha avuto il coraggio di parlare in questo modo circa le grandi questioni di libertà umana che questi blocchi, restrizioni di viaggio e tecnologie di tracciamento proposte, hanno iniziato a porre in modo molto drammatico e pressante, come si sente nelle grida delle persone per le strade d’Italia in questi giorni.

Gesù disse: “Sono venuto affinché tu possa avere la vita e averla in abbondanza”. Quella vita viene dal seguirlo amando Dio e amando il prossimo, i suoi due grandi comandamenti. Da questi due comandamenti segue tutto ciò che insegna la Chiesa; il nostro impegno per la giustizia sociale, il nostro impegno per fornire un minimo di sicurezza, cibo e riparo ai poveri, il nostro impegno per la difesa dei deboli, il nostro impegno a visitare i prigionieri, il nostro impegno per la giustizia per gli oppressi e gli sfruttati.

Non si può avere libertà senza verità e la verità può essere vista solo dopo un libero processo di discussione in cui gli uomini di fede si sforzano di arrivare alla verità offrendo le loro intuizioni per la valutazione da parte dei loro fratelli e sorelle. Un attacco preventivo contro voci come Viganò non può che sfociare in un cattolicesimo politicamente corretto sterile contro l’intera tradizione della Chiesa. Siamo una Chiesa che si impegna a dire la verità nel dialogo e nel libero scambio di idee con rispetto reciproco quando si tratta di questioni prudenziali. Il grande problema per molti cattolici è ora la divisione che sembra emergere tra le ali liberali e conservatrici, rappresentate da papa Francesco e dall’arcivescovo Viganò.

Può la Chiesa restare unita sotto tali tensioni? L’unico modo sembrerebbe richiedere due cose:

1) Unità su tutti i punti del dogma della Chiesa, tutti i punti del credo;

2) E perseverare in una discussione libera e aperta reciprocamente rispettosa di tutte le questioni di giudizio prudenziale.

La Lettera Aperta di Viganò è stata scritta domenica 25 ottobre, festa di Cristo Re secondo l’antico calendario ecclesiastico (la data era stata fissata nel 1925 da Papa Pio XI come l’ultima domenica di ottobre, ma modificata da Papa Paolo VI all’ultima domenica prima dell’Avvento), ma la lettera è stata diffusa proprio questa mattina, 30 ottobre, alle 7:00 ora di Roma (2:00 negli Stati Uniti) quando è stata pubblicata in modo coordinato su diversi siti web in tutto il mondo. (In Italia sapevate nulla ?) Per preparare le osservazioni preparatorie di cui sopra, ho aspettato alcune ore prima di inviare questa lettera.

La Lettera arriva quattro giorni prima delle elezioni presidenziali statunitensi

E arriva mentre le manifestazioni di protesta contro i nuovi “blocchi” si stanno verificando in molte città europee e italiane, a seguito degli ordini del governo di “chiudere” tutti i ristoranti e caffè alle 18:00, ponendo fine a tutta l’attività serale dei ristoranti ( link ).

“Nessuno, fino allo scorso febbraio”, scrive Viganò, “avrebbe mai pensato che, in tutte le nostre città, i cittadini sarebbero stati arrestati semplicemente per voler camminare per strada, per respirare, per voler tenere aperti i loro affari, voler andare in chiesa la domenica. Eppure ora sta succedendo in tutto il mondo, anche nell’Italia da cartolina che molti americani considerano un piccolo paese incantato, con i suoi monumenti antichi, le sue chiese, le sue città incantevoli, i suoi borghi caratteristici ”.

Viganò aggiunge: “E mentre i politici sono barricati all’interno dei loro palazzi che promulgano decreti come i satrapi persiani, gli affari falliscono, i negozi chiudono e alle persone viene impedito di vivere, viaggiare, lavorare e pregare”.

Questi politici, in molti paesi, avverte Viganò, hanno in mente un “grande ripristino” per l’economia globale, un’economia che dal 2008 è alle prese con debiti colossali e tensioni della catena di approvvigionamento, un “ripristino” avverte Viganò imporrà “coercitive misure con cui limitare drasticamente le libertà individuali e quelle di intere popolazioni “.

Eppure, conclude Viganò: “Questo Grande Reset è destinato a fallire perché chi l’ha pianificato non capisce che ci sono ancora persone pronte a scendere in piazza per difendere i propri diritti, per proteggere i propri cari, per dare un futuro ai propri figli e nipoti. “

In questo contesto, Viganò dice al presidente Trump di essere l’uomo a cui il mondo guarda ora per opporsi all’incombente “Great Reset”.

“Sei tu, caro Presidente, che sei ‘quello che si oppone’ allo stato profondo, l’assalto finale dei figli delle tenebre”, scrive Viganò. “Per questo è necessario che tutte le persone di bene siano persuase dell’importanza epocale delle imminenti elezioni: non tanto per il bene di questo o quel programma politico, ma per l’ispirazione generale della tua azione che meglio incarna – in questo particolare contesto storico – quel mondo,

il nostro mondo, che vogliono cancellare per mezzo del lockdown. “

Leggi la lettera nella sua interezza di seguito. È disponibile in inglese in PDF cliccando qui , e in italiano qui .

Lettera Aperta al Presidente degli Stati Uniti D’America Donald J.Trump

A cura di Mons. Carlo Maria Viganò

Signor Presidente,

    Consentitemi di rivolgermi a voi in quest’ora in cui il destino del mondo intero è minacciato da una coscienza globale contro Dio e l’umanità.

    Le scrivo come Arcivescovo, come Successore degli Apostoli, come ex Nunzio Apostolico negli Stati Uniti d’America.

    Le scrivo in mezzo al silenzio delle autorità civili e religiose.

    Accettate queste mie parole come “voce di chi grida nel deserto” (Gv 1,23).

    Come ho detto quando vi ho scritto la mia lettera a giugno, questo momento storico vede le forze del Male schierate in una battaglia senza quartiere contro le forze del Bene; forze del Male che appaiono potenti e organizzate mentre si oppongono ai figli della Luce, che sono disorientati e disorganizzati, abbandonati dai loro capi temporali e spirituali.

    Ogni giorno avvertiamo il moltiplicarsi degli attacchi di coloro che vogliono distruggere le basi stesse della società: la famiglia naturale, il rispetto per la vita umana, l’amore per la patria, la libertà di istruzione e di affari.

Blocco delle Libertà

    Vediamo capi di nazioni e leader religiosi assecondare questo suicidio della cultura occidentale e della sua anima cristiana, mentre vengono negati i diritti fondamentali di cittadini e credenti in nome di un’emergenza sanitaria che si sta rivelando sempre più strumentale all’establishment. di una tirannia inumana senza volto.

    È in corso un piano globale chiamato  Great Reset .

    Il suo artefice è un’élite globale che vuole sottomettere l’intera umanità, imponendo misure coercitive con cui limitare drasticamente le libertà individuali e quelle di intere contenuto.

    In diverse nazioni questo piano è già stato approvato e finanziato; in altri è ancora in una fase iniziale.

    Dietro i leader mondiali complici ed esecutori di questo infernale progetto, ci sono personaggi senza scrupoli che finanziano il  World Economic Forum  e l’Event 201, promuovendo la loro agenda.

    Lo scopo del  Great Reset  è l’imposizione di una dittatura sanitaria che mira all’imposizione di misure liberticide, nascoste dietro allettanti promesse di garantire un reddito universale e cancellare il debito individuale.

    Il prezzo di queste concessioni del Fondo Monetario Internazionale sarà la rinuncia alla proprietà privata e l’adesione a un programma di vaccinazione contro Covid-19 e Covid-21 promosso da Bill Gates con la collaborazione dei principali gruppi farmaceutici.

    Al di là degli enormi interessi economici che motivano i promotori del  Grande Reset , l’imposizione della vaccinazione sarà accompagnata dall’obbligo di passaporto sanitario e carta d’identità digitale, con il conseguente rintracciamento dei contatti della popolazione di tutto il mondo.

    Coloro che non accettano queste misure saranno rinchiusi in campi di detenzione o posti agli arresti domiciliari e tutti i loro beni verranno confiscati.

    Signor Presidente, immagino che lei sappia già che in alcuni Paesi il  Great Reset  sarà attivato tra la fine di quest’anno e il primo trimestre del 2021.

 A tal fine sono previsti ulteriori blocchi, che saranno ufficialmente giustificati da una presunta seconda e terza ondata di pandemia.

Manovalanza dellEstablischment

    Siete ben consapevoli dei mezzi che sono stati impiegati per seminare il panico e legittimare draconiane alle libertà individuali, provocando ad arte una crisi economica mondiale.

    Nelle intenzioni dei suoi architetti, questa crisi servirà a rendere  irreversibile il ricorso delle nazioni al  Great Reset , dando così il colpo finale a un mondo di cui cancellare completamente l’esistenza e la stessa memoria.

    Ma questo mondo, signor Presidente, include persone, affetti, istituzioni, fede, cultura, tradizioni e ideali: persone e valori che non agiscono come automi, che non obbediscono come macchine, perché dotati di un’anima e di un cuore, perché sono legati insieme da un vincolo spirituale che trae la sua forza dall’alto, da quel Dio che i nostri avversari vogliono sfidare, proprio come fece Lucifero all’inizio dei tempi con il suo “ non serviam ”. [ Nota : le parole latine significano “non servirò”, con cui Lucifero significava “non servirò Dio”.]

    Molte persone – come ben sappiamo – sono infastidite da questo riferimento allo scontro tra Bene e Male e dall’uso di sfumature “apocalittiche”, che secondo loro esaspera gli animi e acuisce le divisioni.

    Non sorprende che il nemico si arrabbi per essere stato scoperto proprio quando crede di aver raggiunto la cittadella che cerca di conquistare indisturbato.

    Ciò che sorprende, tuttavia, è che non c’è nessuno a dare l’allarme.

    La reazione dello Stato profondo a chi denuncia il suo piano è rotta e incoerente, ma comprensibile.

    Proprio quando la complicità dei media mainstream è riuscita a rendere la transizione al Nuovo Ordine Mondiale quasi indolore e inosservata, vengono alla luce ogni sorta di inganni, scandali e crimini.

    Fino a pochi mesi fa era facile denigrare come “teorici della cospirazione” coloro che denunciavano questi terribili piani, che ora vediamo attuati nei minimi dettagli.

    Nessuno, fino allo scorso febbraio, avrebbe mai pensato che, in tutte le nostre città, i cittadini sarebbero stati arrestati semplicemente per voler camminare per strada, per respirare, per voler tenere aperti i loro affari, per voler andare in chiesa di domenica.

Controllo Globale

    Eppure ora sta accadendo in tutto il mondo, anche nell’Italia da cartolina che molti americani considerano un piccolo paese incantato, con i suoi monumenti antichi, le sue chiese, le sue città affascinanti, i suoi borghi caratteristici.

    E mentre i politici sono barricati nei loro palazzi che promulgano decreti come i satrapi persiani, gli affari falliscono, i negozi chiudono e alle persone viene impedito di vivere, viaggiare, lavorare e pregare.

    Si stanno già vedendo le disastrose conseguenze psicologiche di questa operazione, a cominciare dai suicidi di imprenditori disperati e dei nostri figli, segregati da amici e compagni di classe, a cui è stato detto di seguire le lezioni seduti da soli a casa davanti a un computer .

    San Paolo, nella Sacra Scrittura, ci parla di “colui che si oppone” alla manifestazione del mistero dell’iniquità, il  kathèkon  (2 Tessalonicesi 2: 6-7).

    In ambito religioso, questo ostacolo al male è la Chiesa, e in particolare il papato; nella sfera politica, sono coloro che ostacolano l’istituzione del Nuovo Ordine Mondiale.

    Come è ormai chiaro, colui che occupa la cattedra di Pietro ha tradito fin dall’inizio il suo ruolo per difendere e promuovere l’ideologia globalista, sostenendo la chiesa profonda, che lo ha scelto tra le sue fila.

    Signor Presidente, lei ha dichiarato di voler difendere la nazione: una nazione sotto Dio, libertà fondamentali e valori non negoziabili che oggi vengono negati e combattuti.

    Sei tu, caro Presidente, che sei “colui che si oppone” allo stato profondo, l’assalto finale dei figli delle tenebre.

    Per questo è necessario che tutte le persone di bene siano persuase dell’importanza epocale dell’imminente elezione: non tanto per il bene di questo o quel programma politico, ma per l’ispirazione generale della vostra azione che meglio incarna – in questo particolare contesto storico – quel mondo, il nostro mondo, che vogliono cancellare per mezzo del blocco.

    Il tuo avversario è anche il nostro avversario: è il Nemico del genere umano, Colui che è “assassino dal principio” (Gv 8,44).

    Attorno a te sono raccolti con fede e coraggio coloro che ti considerano il presidio finale contro la dittatura mondiale.

    L’alternativa è votare per una persona manipolata dallo Stato profondo, gravemente compromessa da scandali e corruzione, che farà agli Stati Uniti ciò che Jorge Mario Bergoglio sta alla Chiesa, il premier Conte all’Italia, il presidente Macron alla Francia, Il Primo Ministro Sanchez in Spagna e così via.

Dittatura Poliziesca in Italia

    La natura ricattabile di Joe Biden – proprio come quella dei prelati del “circolo magico” vaticano – lo esporrà ad essere usato senza scrupoli, con poteri illegittimi di interferire sia nella politica interna che negli equilibri internazionali.

    È ovvio che chi lo manipola ha già pronto qualcuno peggio di lui, con il quale lo sostituiranno non appena se ne presenterà l’occasione.

    Eppure, in mezzo a questo quadro cupo, questo avanzamento apparentemente inarrestabile del “Nemico Invisibile”, emerge un elemento di speranza.

    L’avversario non sa amare, e non capisce che non basta assicurare una rendita universale o cancellare mutui per soggiogare le masse e convincerle ad essere marchiate come bestiame.

    Questo popolo, che per troppo tempo ha sopportato gli abusi di un potere odioso e tirannico, sta riscoprendo di avere un’anima; è capire che non è disposto a scambiare la sua libertà con l’omogeneizzazione e la cancellazione della sua identità;sta cominciando a comprendere il valore dei legami familiari e sociali, dei legami di fede e di cultura che uniscono le persone oneste.

    Questo Great Reset è destinato a fallire perché chi lo ha progettato non capisce che ci sono ancora persone pronte a scendere in piazza per difendere i propri diritti, per proteggere i propri cari, per dare un futuro ai propri figli e nipoti.

    Il livellamento della disumanità del progetto globalista andrà in frantumi miseramente di fronte alla ferma e coraggiosa opposizione dei figli della Luce.

    Il nemico ha Satana dalla sua parte, Lui che sa solo odiare.

2,1 Milioni di persone in Povertà in Italia a causa del Lockdown

    Ma dalla nostra parte abbiamo il Signore Onnipotente, il Dio degli eserciti schierato per la battaglia, e la Vergine Santissima, che schiaccerà la testa dell’antico Serpente. “Se Dio è per noi, chi può essere contro di noi?” (Rom 8:31).

    Signor Presidente, lei sa bene che, in questo momento cruciale, gli Stati Uniti d’America sono considerati il ​​muro di difesa contro cui si è scatenata la guerra dichiarata dai fautori del globalismo.

    Riponi la tua fiducia nel Signore, rafforzata dalle parole dell’apostolo Paolo: “Tutto posso in Colui che mi dà forza” (Fil 4,13).

    Essere uno strumento della Divina Provvidenza è una grande responsabilità, per quale riceverai tutte le grazie di stato di cui hai bisogno, poiché sono ferventemente implorato per te dalle tante persone che ti sostengono con le loro preghiere.

    Con questa speranza celeste e l’assicurazione della mia preghiera per voi, per la First Lady e per i vostri collaboratori, con tutto il cuore vi mando la mia benedizione.

    Dio benedica gli Stati Uniti d’America!

     Carlo Maria Viganò

    Tit. Arcivescovo di Ulpiana

    Ex Nunzio Apostolico negli Stati Uniti d’America 

Fonte : insidethevatican.com

Puoi risparmiare 1,00 Euro al mese per supportare i media indipendenti

A differenza della Rai, Mediset o Sky, NON siamo finanziati da Benetton, Bill & Melinda Gates o da altre ONG o governi. Quindi alcune monete nel nostro barattolo per aiutarci ad andare avanti sono sempre apprezzate.

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code