toba60

Armi Elettromagnetiche, Ossido di Grafene e Malattie Attivate: Studio Relativo Alla Connessione Covid-5G

Fate una prova ed andate su un qualsiasi motore di ricerca classico ……sul genere Google tanto per intenderci e digitateci sopra 5g-covid o scie chimiche e provate a vedere cosa appare…..ve lo dico io senza che vi scomodiate tanto, troverete i titoli scorrevoli sino alla millesima pagina con la dicitura ”Bufala; Fake News; Falso ecc ecc.

4 Idioti in un colpo solo fanno un Gran Reset

Io personalmente dopo 29 anni di esperienza in rete, (Per intenderci iniziai in un epoca dove i programmi per navigare me li dovevo digitare un codice alla volta), ho imparato che quando una cosa è spudoratamente falsa agli occhi del mainstream, allora e li che si deve mettere il naso.

I Fact Cheker poi fanno la loro parte evidenziando cervellotiche e false indicazioni che paiono uscite da Alice nel Paese delle Meraviglie, pensate che hanno persino aperto un canale finanziato con fior di milioni per tenerlo in vita, chiamato FactCheck.org ( Non fatevi ingannare dal nome è in realtà la sigla del nuovo ministero della verità Orwelliana) fateci una visita e poi fatevi qualche risata, si perdono nei dettagli di una virgola li dove un elefante come quello nelle mani di un certo Colin Powell con una fialetta in mano che doveva sterminare tutto il pianeta, (Marte compreso) non ha destato loro alcun dubbio sulla sua veridicità.

Quello che avrete modo di leggere non è uno studio qualsiasi, ma un qualcosa che merita di essere letto tutto di un fiato sino in fondo per poi fare le vostre considerazioni a riguardo, senza perdere tempo in inutili verifiche via Elon Musk, passando per la tangenziale che porta a Mark Zukerberg, per finire poi sul canale Google Gates che si interseca con quello di Jeff Bezos

Toba60

Studio Relativo Alla Connessione Covid-5G

Fin dall’inizio della saga Covid, la gente ha speculato su un possibile legame tra l’aumento delle malattie e il lancio delle reti 5G in tutto il mondo.

E mentre il “Covid-19” non è stata la tempesta di morte apocalittica che i media hanno fatto sembrare, ci sono stati dei decessi in eccesso registrati in alcune aree. La domanda è: l’eccesso di morti è attribuibile solo alle misure “pandemiche” (cioè isolamento, maschere, farmaci tossici, ecc.) o le radiazioni elettromagnetiche hanno avuto un ruolo più significativo?

E se è così, era dovuto al 5G o all’uso di qualche altra tecnologia segreta, ancora sconosciuta? Questo è ciò che questa indagine mira a scoprire.

Questo articolo si concentrerà soprattutto sull’eccesso di mortalità. Perché, se non ci fossero morti in eccesso, sarebbe difficile sostenere che c’era qualche tipo di arma EMF (campi elettromagnetici) in fase di dispiegamento, in quanto ciò avrebbe sicuramente aumentato i decessi oltre la soglia regolare. In certe aree, in certi paesi, ci sono stati indubbiamente dei decessi in eccesso e, come dimostrerà questo articolo, questi possono essere spiegati senza la necessità di un nuovo agente patogeno infettivo (come ho sostenuto altrove).

Infatti, ci sono diverse linee di prova indipendenti che suggeriscono che non è stata la “Sars-Cov-2”, o qualsiasi altro presunto virus, a causare questi eccessi di morte. Mentre le ragioni avanzate da altri ricercatori come la vera causa sono tutti validi e probabilmente, in una certa misura, tutti veri in questo articolo, sostengo per la causa EMF.

Sto semplicemente sostenendo che i campi elettromagnetici, in un modo o nell’altro, hanno contribuito all’eccesso di mortalità durante il periodo Covid. Sosterrò anche che i CEM erano responsabili di alcuni dei sintomi più particolari espressi dai cosiddetti pazienti “Covid”.

Inoltre, quando mi riferisco ai “CEM” (campi elettromagnetici / radiazioni elettromagnetiche), non mi riferisco solo al 5G (anche se questo è importante), sono anche disposto a considerare altre influenze nascoste CEM, forse sotto forma di armi di qualche tipo. E come vedremo, ci sono prove che suggeriscono che questo tipo di armamento esiste ed è stato utilizzato.

Non fate errori, molto di ciò che propongo qui è speculazione. Tuttavia, è una speculazione argomentata, con prove a sostegno.

Prove di “altri fattori” che contribuiscono all’eccesso di mortalità durante la saga di Covid

Qui esamineremo quattro linee di prova che suggeriscono chiaramente che c’erano altri fattori, forse sconosciuti, che causavano un aumento della salute durante il periodo Covid. C’è di più che potrebbe essere discusso qui, ma per il bene di mantenere questo articolo ad una lunghezza leggibile, ho scelto solo quattro.

(1) La testimonianza del dottor Cameron Kyle-Sidell

All’inizio della pandemia di Covid, un medico di New York chiamato Cameron Kyle-Sidell ha pubblicato un video su YouTube dove ha rivelato alcune informazioni scioccanti sulla natura del “Covid-19” e lo standard di cura che tutti gli ospedali negli Stati Uniti stavano lavorando.

Il video è stato rimosso da YouTube (chi l’avrebbe mai detto?) ma è ancora possibile vederlo qui su Bitchute.

Il dottor Kyle-Sidell è un medico di pronto soccorso e di cure critiche che lavora a New York City (Brooklyn per essere esatti). La sua testimonianza è stata pubblicata online all’inizio di aprile 2020. Poiché il video originale è stato tolto da YouTube, non ho potuto individuare la data esatta di pubblicazione, ma è stato probabilmente pubblicato intorno al 6.

Il dottor Kyle-Sidell inizia la sua dichiarazione in modo piuttosto straziante:

Nove giorni fa ho aperto un’unità di terapia intensiva per curare i pazienti COVID positivi più malati della città e in questi nove giorni ho visto cose che non avevo mai visto prima.

Questo dovrebbe già darci motivo di preoccupazione. Un medico esperto di cure critiche che vede cose che “non ha mai visto prima”? Se il Covid-19 fosse una tipica polmonite virale (AKA un raffreddore), allora sicuramente l’avrebbe già visto prima, innumerevoli volte in effetti. Quindi possiamo già essere certi che qui sta succedendo qualcosa di diverso.

E questo, infatti, è esattamente ciò che lo stesso Dr. Sidell afferma:

La malattia polmonare COVID-19, per quanto posso vedere, non è una polmonite e non dovrebbe essere trattata come tale.

Continua poi a commentare ciò che pensa possa essere la vera causa della condizione (enfasi aggiunta):

Piuttosto, appare come una sorta di malattia virale indotta, che assomiglia molto alla malattia d’alta quota. È come se decine di migliaia di miei colleghi newyorkesi si trovassero su un aereo a 30.000 piedi in cui la pressione in cabina viene lentamente rilasciata. Questi pazienti vengono lentamente privati dell’ossigeno.

Così il dottor Sidell continua a sostenere che la bizzarra condizione è “indotta dal virus”, ma ammettiamolo, la sua formazione medica combinata con la propaganda del virus Wuhan lo costringerebbe a farlo. Quello che dice dopo è più interessante perché paragona la condizione dei suoi pazienti alla malattia d’alta quota e sostiene che sono stati privati dell’ossigeno. Tenetelo a mente mentre andiamo avanti.

Il dottor Sidell continua a sottolineare il fatto che l’uso dei ventilatori è il modo sbagliato di trattare una tale condizione.

Temo che stiamo usando un falso paradigma per trattare una nuova malattia…

Poi fa l’audace suggerimento che l’ARDS (Sindrome da Distress Respiratorio Acuto), riportata come causata dal “Covid-19”, sia in realtà causata dall’uso dei ventilatori.

…l’ARDS che stiamo vedendo, che tutto il mondo sta vedendo, potrebbe non essere altro che un danno polmonare causato dal ventilatore.

Il dottor Sidell dice molto di più nella sua testimonianza, ho solo tirato fuori alcuni estratti chiave in modo da mantenere questa sezione concisa. Tuttavia, sentitevi liberi di guardare il video completo da soli.

Ecco i punti chiave della testimonianza del dottor Sidell:

I pazienti venivano ammessi nel reparto Covid del dottor Sidell con sintomi che non aveva mai visto prima. I sintomi che questi pazienti stavano sperimentando (presunti “Covid-19”) non erano caratteristici di una tipica polmonite virale, ma piuttosto qualcosa di più simile al malessere da alta quota, che causava privazione di ossigeno.

I ventilatori erano il trattamento sbagliato per tale condizione e probabilmente facevano più male che bene. Quest’ultimo punto è molto significativo, perché significa che gli ospedali potrebbero essere stati intenzionalmente indirizzati a usare i ventilatori proprio per aumentare i tassi di morte “Covid-19”.

In effetti, in seguito, sono emerse prove che suggeriscono che i ventilatori erano inefficaci e dannosi. Infatti, secondo lo studio sopra citato, “l’88% dei pazienti che hanno ricevuto la ventilazione meccanica invasiva sono morti, compreso il 97% di quelli di età >65″.

Sono il primo e il secondo punto che ci interessano di più qui. In altre parole, alcuni pazienti nella zona di New York City (e forse altrove) mostravano sintomi estranei a qualsiasi cosa regolarmente osservata da medici esperti e questa condizione assomigliava al mal di montagna.

Come si è scoperto, questa strana condizione può essere razionalizzato esaminando gli effetti di alcune frequenze elettromagnetiche. Esploreremo questo più avanti nell’articolo.

E c’è qualcos’altro da notare. È molto importante che il Dr. Sidell abbia osservato questa strana condizione di malessere ad alta quota a New York City, perché, come vedremo, ad un certo punto durante la pandemia, NYC aveva di gran lunga il più alto tasso di mortalità del Covid-19, indicando che qualcosa di strano stava accadendo lì che potrebbe non essere accaduto altrove.

Questa anomalia a New York è stata riportata anche dal dottor Denis Rancourt, la cui ricerca esamineremo ora.

(2) La ricerca del Dr. Denis Rancourt

Il Dr. Denis Rancourt è un fisico canadese con credenziali accademiche molto impressionanti. Ha scritto una serie di articoli riguardanti l’eccesso di mortalità Covid-19 in vari paesi del mondo, e le sue scoperte sono abbastanza illuminanti.

Il suo primo articolo su questo fenomeno è stato pubblicato il 2 giugno 2020 dal titolo “Mortalità per tutte le cause durante il COVID-19 Nessuna peste e una probabile firma di omicidio di massa per risposta governativa”.

Nell’abstract dell’articolo, egli afferma che

Gli ultimi dati sulla mortalità per tutte le cause per settimana non mostrano una mortalità invernale statisticamente maggiore rispetto agli inverni passati. Non c’era la peste. Tuttavia, un forte “picco COVID” è presente nei dati, per diverse giurisdizioni in Europa e negli Stati Uniti.

È questo brusco picco che è più interessante, perché, come nota Rancourt, questa è un’anomalia, non essendosi mai verificata prima nella maggior parte delle giurisdizioni; i dati non sono semplicemente coerenti con una causa virale (la stessa conclusione è stata raggiunta da un altro team di ricercatori la cui ricerca esamineremo più avanti).

Rancourt ipotizza che l’anomalo “picco COVID” sia una firma dell’omicidio di massa per risposta governativa. In altre parole, secondo Rancourt, l’originale forte aumento dei decessi in varie aree degli Stati Uniti e dell’UE era un risultato diretto delle misure pandemiche, compreso l’uso di ventilatori.

Tuttavia, è importante notare qui che il “picco COVID” negli Stati Uniti deriva da alcuni punti caldi, con New York City che è il principale. Infatti, il “picco COVID” di New York City è virtualmente fuori dalle classifiche (vedi grafico qui sotto dall’articolo di Rancourt).

“Figura 8: Mortalità per tutte le cause per settimana per NYC, a partire dal 2013, in nero. La linea verticale rossa indica la data in cui l’OMS ha dichiarato la pandemia di COVID-19. La linea grigia è semplicemente gli stessi dati su una scala espansa e spostata verticalmente, per la visualizzazione”.

Così qui possiamo vedere chiaramente un aumento anomalo della mortalità per tutte le cause a NYC che inizia appena prima che il dottor Sidell pubblichi il suo video che testimonia il fatto che i suoi pazienti stanno sperimentando sintomi che non ha mai visto e che sono completamente non caratteristici di qualsiasi polmonite virale. Coincidenza? Non credo.

Il prossimo articolo di Rancourt, scritto insieme a Marine Baudin e Jérémie Mercier, intitolato “Valutazione della virulenza della SARS-CoV-2 in Francia, dalla mortalità per tutte le cause 1946-2020” è stato pubblicato il 20 ottobre 2020. Nel documento, i ricercatori analizzano la mortalità per tutte le cause in Francia, con un focus ancora una volta sullo strano “picco COVID”.

Nell’abstract il ricercatore afferma che

Dimostriamo che la caratteristica “COVID-peak” che è presente nei dati di mortalità per tutte le cause di alcune giurisdizioni dell’emisfero settentrionale alle medie latitudini, compresa la Francia, non può essere un evento epidemiologico naturale che si verifica in assenza di una grande perturbazione non patogena.

La conclusione a cui giungono è che il “picco COVID” era artificiale, cioè causato da un intervento deliberato piuttosto che il risultato di qualche nuovo virus respiratorio naturale. I ricercatori notano diverse ragioni per questa conclusione, una delle quali è che il picco COVID è assente in molte giurisdizioni (34 degli Stati USA non hanno un “picco COVID”).

Questo è altamente anomalo, perché se ci fosse un nuovo virus in giro, ci aspetteremmo di vedere un certo livello di coerenza per quanto riguarda l’aumento della mortalità per tutte le cause in diversi stati (e in effetti, diversi paesi). Invece quello che vediamo è un enorme aumento della mortalità per tutte le cause in alcune giurisdizioni (ad esempio NYC) e niente in altre.

Anche se arrivate in modo diverso, la conclusione di Rancourt e quella del dottor Sidell sono le stesse: se qualcosa di nuovo sta uccidendo le persone, non è una nuova polmonite virale.

L’ultimo documento di Rancourt & Co. che si occupa dell’eccesso di mortalità è intitolato “Natura del disastro della salute pubblica dell’era COVID negli USA, dalla mortalità per tutte le cause e dai dati socio-geo-economici e climatici”.

In questo documento, i ricercatori cercano di indagare perché gli Stati Uniti hanno sofferto una mortalità sostenuta ed eccessiva durante il periodo Covid, mentre il Canada e i paesi dell’Europa occidentale non l’hanno fatto. Ancora una volta, la loro ricerca indica che non si è verificata una pandemia virale (enfasi aggiunta):

Il comportamento della mortalità per tutte le cause negli Stati Uniti per tempo (settimana, anno), per gruppo di età, per sesso e per stato è contrario al comportamento pandemico causato da un nuovo virus di malattia respiratoria per il quale non esiste una precedente immunità naturale nella popolazione. La sua struttura stagionale (massimi estivi), la distribuzione per gruppi di età (giovani residenti), e la grande eterogeneità per stato sono senza precedenti e sono contrari al comportamento delle malattie respiratorie virali, pandemiche o no.

Rancourt & Co concludono che le misure imposte dal governo combinate con i fattori di rischio della società (obesità, povertà, ecc.) erano responsabili dell’eccesso di mortalità. Mentre sono assolutamente d’accordo con i loro risultati, penso che possono aver perso un altro, importante fattore che contribuisce: I campi elettromagnetici.

Ma non è tutto. Rancourt & Co hanno trovato qualcos’altro che è altamente rilevante per la dichiarazione del Dr. Sidell:

Troviamo anche una grande epidemia di polmonite COVID-era USA che non è menzionato nei media o in modo significativo nella letteratura scientifica, che non è stato adeguatamente affrontato. Molte morti attribuite a COVID-19 possono essere morti di polmonite batterica diagnosticate in modo errato.

In altre parole, i casi di “polmonite” sono aumentati, ma non sono stati trattati correttamente e non sono stati causati da un nuovo virus. Questo risultato è simile a quello che il dottor Sidell ha osservato, solo che si riferiva a casi di “mal di montagna” (piuttosto che di polmonite). In ogni caso, sono i polmoni ad essere colpiti e non è difficile capire come un qualche tipo di nuovo disturbo polmonare indotto dai campi elettromagnetici possa essere stato erroneamente etichettato come semplice “polmonite”.

(3) La ricerca di Torsten Engelbrecht e del dottor Claus Kohnlein

La prossima linea di prove che esamineremo è quella della ricerca del giornalista Torsten Engelbrecht e del medico Claus Kohnlein.

Il 1° ottobre, i due ricercatori sono stati coautori di un articolo intitolato “COVID-19 (eccesso) di mortalità: causa virale impossibile – farmaci con ruolo chiave in circa 200.000 morti in più solo in Europa e negli Stati Uniti”, in cui raggiungono una conclusione simile al dottor Rancourt la mortalità in eccesso non è stata causata da un nuovo virus.

Engelbrecht e Kohnlein hanno focalizzato la loro analisi soprattutto sui paesi dell’UE, notando che la maggior parte dei paesi che hanno riportato un eccesso di mortalità hanno istituito rigorosi blocchi (una contraddizione totale dell’ipotesi del virus). Nella loro analisi, evidenziano lo stesso, anomalo “picco COVID” scoperto da Rancourt & Co.

“Z-score for various European countries, Dec. 2019 – Sept. 2020”

Ma non è solo questo anomalo “picco COVID” (che si è verificato al di fuori della regolare stagione influenzale), si nota anche il fatto che i paesi vicini hanno spesso esibito un modello completamente diverso di eccesso di mortalità. Per esempio, il Belgio ha avuto un picco piuttosto evidente, mentre la Germania (il suo vicino), no.

Per quanto riguarda la teoria virale, questo tipo di modello selvaggiamente incoerente di eccesso di mortalità semplicemente non ha senso.

La conclusione raggiunta da Engelbrecht e Kohnlein è che i “picchi COVID” sono stati causati dall’aumento dell’uso di farmaci altamente tossici.

Farmaci altamente tossici e anche potenzialmente letali sono stati usati eccessivamente, specialmente in tutti i paesi sopra menzionati con eccesso di mortalità, sia sperimentalmente che off-label, cioè i farmaci sono stati usati al di fuori della loro approvazione normativa – e questo in persone, la maggior parte delle quali erano anziane e avevano gravi malattie, prima di essere testate “positive” per il COVID-19.

Il loro articolo è persuasivo e sono d’accordo con le loro conclusioni. Tuttavia, ancora una volta, le loro conclusioni non escludono un contributo causa EMF correlati.

(4) Tassi di mortalità del Covid-19 selvaggiamente incoerenti

Infine, i dati ufficiali di morte del COVID, come registrati dall’OMS, forniscono ancora un’altra linea di prova per suggerire che qualsiasi eccesso di mortalità registrato non era dovuto a un nuovo virus.

Per esempio, date un’occhiata al grafico qui sotto creato da Andrew Mather, un matematico britannico nel settembre 2020.

Decessi per COVID-19 per paese su 100m di popolazione (sett. 2020).

Il grafico mostra il numero di decessi COVID registrati in diversi paesi, normalizzati per tenere conto della differenza nelle dimensioni della popolazione. Ancora una volta, i dati sono altamente anomali. New York City ha di gran lunga il più alto tasso di decessi per COVID, più alto di qualsiasi altro paese del mondo in quel momento! Anche il Belgio, il Perù, il Regno Unito e la Spagna sono in cima alla lista, mentre i paesi africani, il Sud-Est asiatico e il Giappone compaiono a malapena.

Quindi, o abbiamo a che fare con un virus molto più letale a New York, in Europa occidentale e in alcune parti del Sud America, o c’è un altro fattore in gioco.

Riassumiamo le nostre scoperte finora:

Poco dopo che l’OMS ha dichiarato la pandemia, un medico esperto di New York City si è fatto avanti spiegando che i suoi cosiddetti pazienti “COVID” non soffrivano di una tipica polmonite virale, ma mostravano invece segni di qualcosa di simile al mal di montagna.

Il dottor Denis Rancourt e i suoi co-ricercatori hanno analizzato la mortalità per tutte le cause in vari paesi e giurisdizioni, arrivando alla conclusione che non si è verificata una pandemia. Hanno notato un “picco COVID” anomalo che era particolarmente prominente a New York City.

Il giornalista Torsten Engelbrecht e il medico Claus Kohnlein hanno analizzato i dati di mortalità europei e sono giunti alla stessa identica conclusione: i dati semplicemente non supportano la teoria del virus. Sei mesi dopo l’inizio della “pandemia” di Covid, i tassi di mortalità per il Covid erano molto diversi nei diversi paesi e giurisdizioni.

New York City aveva di gran lunga il più alto tasso di mortalità, più di qualsiasi altro paese del mondo. I dati, ancora una volta, non corrispondevano a una causa virale e indicavano invece un fattore alternativo in gioco, localizzato a New York e forse in altri paesi.

Nella prossima parte di questa indagine, costruiremo un caso per quel “altro fattore” che è stato legato ai campi elettromagnetici e probabilmente al lancio del 5G.

Sintomi di “Covid-19” legati all’esposizione EMF

In questa sezione, esamineremo uno studio innovativo pubblicato nel settembre del 2021. Lo studio, pubblicato sul Journal of Clinical and Translational Research, è intitolato “Evidence for a connection between coronavirus disease-19 and exposure to radiofrequency radiation from wireless communications including 5G”.

Il titolo dice tutto, perché il documento presenta una vasta gamma di prove che puntano a una connessione tra ciò che è stato chiamato “Covid-19” ed esposizione EMF, tra cui 5G.

Per chiunque non sia a conoscenza dei danni causati dall’esposizione ai campi elettromagnetici, suggerisco di leggere i miei due articoli precedenti che trattano questo argomento, in quanto forniscono una panoramica delle prove che collegano l’esposizione ai campi elettromagnetici a varie malattie croniche e alla devastazione ambientale.

Al fine di mantenere questa sezione breve, ci immergeremo direttamente nel suddetto documento. Qui vale la pena di citare lo studio a lungo. I ricercatori iniziano notando che c’è un ampio corpo di letteratura peer reviewed, da prima della seconda guerra mondiale, sugli effetti biologici di WCR [radiazioni di comunicazione wireless] che hanno un impatto su molti aspetti della nostra salute.

Esaminando questa letteratura, abbiamo trovato intersezioni tra la fisiopatologia della SARS-CoV-2 e gli effetti biologici dannosi dell’esposizione al WCR. Qui, presentiamo le prove che suggeriscono che il WCR è stato un possibile fattore che ha contribuito ad aggravare la COVID-19.

In altre parole, questi ricercatori hanno trovato che i sintomi riportati di Covid-19 erano anche sintomi di esposizione al WCR. I ricercatori continuano a riassumere alcune delle prove epidemiologiche che collegano il rollout del 5G all'”epidemia” di Covid-19.

COVID-19 è iniziato a Wuhan, in Cina, nel dicembre 2019, poco dopo che il 5G in tutta la città era “andato live”, cioè diventato un sistema operativo, il 31 ottobre 2019. I focolai di COVID-19 sono presto seguiti in altre aree in cui anche il 5G era stato almeno parzialmente implementato, tra cui la Corea del Sud, il Nord Italia, New York City, Seattle e la California meridionale.

Nel maggio 2020, Mordachev [4] ha riportato una correlazione statisticamente significativa tra l’intensità delle radiazioni a radiofrequenza e la mortalità da SARS-CoV-2 in 31 paesi del mondo. Durante la prima ondata pandemica negli Stati Uniti, i casi e i decessi attribuiti al COVID-19 erano statisticamente più alti negli stati e nelle grandi città con infrastrutture 5G rispetto agli stati e alle città che non avevano ancora questa tecnologia [5].

Ecco alcune mappe che ho compilato (non dal documento citato sopra) che mostrano, visivamente, l’associazione Covid-5G.

Si noti che New York City figura nella lista delle aree in cui, secondo i ricercatori, “il 5G era stato almeno parzialmente implementato”. Possiamo ora notare quanto segue su NYC:

Il “picco COVID” era “fuori dalle classifiche” rispetto ad altre aree degli Stati Uniti e il tasso di mortalità COVID era anormalmente alto. I cosiddetti pazienti “COVID-19” soffrivano di una condizione sconosciuta simile al mal di montagna. Una rete 5G era stata almeno parzialmente implementata poco prima che il “focolaio” di COVID si verificasse.

I ricercatori continuano a presentare la seguente tabella, che mostra una chiara relazione tra gli effetti dell’esposizione a WCR (Wireless Communications Radiation) e vari sintomi associati a “COVID-19”.

Tabella riprodotta da Rubik & Brown, 2021.

Concludono poi riassumendo gli effetti noti dell’esposizione al WCR e come si riferiscono alla COVID-19:

In particolare, le prove qui presentate supportano la premessa che il WCR e, in particolare, il 5G, che comporta l’addensamento del 4G, può aver esacerbato la pandemia COVID-19 indebolendo l’immunità dell’ospite e aumentando la virulenza della SARS-CoV-2

(1) causando cambiamenti morfologici negli eritrociti, compresa la formazione di echinociti e rouleaux che possono contribuire all’ipercoagulazione;

(2) compromettendo la microcircolazione e riducendo i livelli di eritrociti ed emoglobina, aggravando l’ipossia;

(3) amplificando la disfunzione immunitaria, compresa l’immunosoppressione, l’autoimmunità e l’iperinfiammazione;

(4) aumentando lo stress ossidativo cellulare e la produzione di radicali liberi esacerbando le lesioni vascolari e i danni d’organo;

(5) aumentando il Ca2+ intracellulare essenziale per l’ingresso, la replicazione e il rilascio dei virus, oltre a promuovere percorsi pro-infiammatori; e

(6) peggiorando le aritmie cardiache e i disturbi cardiaci.

Quello che ci interessa di più qui è il punto numero 2 (in corsivo/nero). I ricercatori sostengono che il WCR può compromettere la microcircolazione e ridurre i livelli di eritrociti ed emoglobina, esacerbando l’ipossia. Un altro nome per “ipossia” è “mal di montagna” (cioè una grave mancanza di ossigeno). In altre parole, qui abbiamo una potenziale spiegazione per la condizione simile al “mal d’altitudine” descritta dal dottor Sidell a New York.

Si noti anche che alcune delle manifestazioni relative alla COVID-19 elencate nella tabella, come l’insufficienza d’organo, la miocardite, l’insufficienza cardiaca, l’aritmia, ecc (effetti non generalmente associati all’influenza o a qualsiasi polmonite virale), possono essere spiegabili quando si considerano gli effetti dell’esposizione ai campi elettromagnetici.

Nel suo libro “The Contagion Myth”, il dottor Thomas Cowan fornisce ulteriori prove per gli effetti deleteri delle radiazioni a radiofrequenza, soprattutto 5G. Dopo aver notato che “l’ipossia” è riportata come un sintomo frequente di COVID-19 e che questo è causato dal rilascio di ferro dalla molecola di emoglobina, egli va a commentare come segue.

La spiegazione convenzionale per il rilascio di ferro dall’emoglobina è l’azione delle glicoproteine nel coronavirus-ma l’azione delle onde millimetriche del 5G è una spiegazione altrettanto buona, specialmente quelle a 60GHz, che disturbano le molecole di ossigeno. Un’osservazione interessante sul malfunzionamento dei polmoni nei pazienti Covid-19 è che è bilaterale (entrambi i polmoni allo stesso tempo), mentre la polmonite ordinaria colpisce tipicamente un solo polmone.

Che tipo di virus sa attaccare entrambi i polmoni?

Il dottor Cowan passa poi a commentare la natura del “COVID-19” come sperimentato dai pazienti di Wuhan (una città che ha anche lanciato la sua rete 5G pochi giorni prima dello “scoppio”):

Uno studio di Wuhan ha mostrato che più di un terzo dei pazienti affetti da coronavirus ha avuto sintomi neurologici tra cui vertigini, mal di testa, alterazione della coscienza, lesioni muscolo-scheletriche, perdita dell’olfatto e del gusto e più raramente convulsioni e ictus. Questa non è la tua normale influenza, questa è una malattia seria.

Quando Cowan dice: “Questa non è la vostra normale influenza, questa è una malattia seria”. Ha ragione in un senso e si sbaglia in un altro. Vedete, come è stata la mia tesi per tutto il tempo, “COVID-19” non è e non è mai stata una singola malattia, piuttosto, è stata usata come un “termine ombrello” per includere tutto, da lievi sintomi influenzali a pericolo di vita, ipossia indotta da campi elettromagnetici.

Alla luce di queste prove, dobbiamo chiederci – Che ruolo hanno giocato i CEM/5G nella farsa COVID? È stato solo il 5G a causare l’anomalo “picco COVID” che vediamo in certe zone? Se è così, perché il tasso di mortalità a NYC è stato molto più alto che altrove? La “Sars-Cov-2″ è stata usata come copertura per il rollout di radiofrequenze pericolose?

Oppure… C’era una sorta di armamento segreto, legato ai campi elettromagnetici, utilizzato in aree selezionate?

Speculazione sull’esistenza e il possibile uso di armi elettromagnetiche avanzate

Il lettore dovrebbe essere avvisato che questa sezione dell’articolo è per lo più speculazione. Tuttavia, il caso per il dispiegamento intenzionale di qualche tipo di armamento legato ai campi elettromagnetici, è, credo, un caso solido. Dopo tutto, se si facesse parte di un gruppo che cerca di fingere i segni di una pandemia respiratoria virale, bombardare le persone con radiofrequenze che inducono l’ipossia è un modo per farlo. E come abbiamo scoperto, questo sembra essere ciò che è successo a New York (e forse in altre aree).

Tuttavia, l’unica prova per questa teoria è il rollout di una rete 5G in chiave pandemica “hotspot” in tutto il mondo (tra cui NYC). Il problema, naturalmente, è che c’erano molti paesi che avevano reti 5G e tuttavia non hanno mostrato lo stesso drammatico “picco COVID” come ha fatto NYC.

Mentre ci sono molti fattori che avrebbero contribuito a questo picco COVID oltre ai campi elettromagnetici, tra cui la severità di chiusura, le leggi sulle case di cura, l’età della popolazione e lo stato di salute, ecc, esistono altre tre possibilità:

Le reti 5G in alcune aree sono state segretamente utilizzate (o forse dirottate) per “far esplodere” la popolazione locale con radiofrequenze pericolose (come le onde millimetriche 5G a 60Ghz che possono disturbare le molecole di ossigeno). La maggiore densità di radiofrequenze, portata dal rollout del 5G ha interagito con qualcosa che era già presente nel corpo delle persone, “attivando” uno stato di malattia. Una tecnologia EMF completamente separata era in uso.

Come si è scoperto, ci sono prove a sostegno di tutte e tre le possibilità.

Prove per l’esistenza di armi legate ai campi elettromagnetici

Il gruppo di ricerca spagnolo “La Quinta Columna” (la quinta colonna) hanno anche sostenuto che c’è una componente legata ai campi elettromagnetici alla “pandemia” Covid-19.

La Quinta Columna è stata fondata da Ricardo Delgado Martín, un biostatistico dell’università di Siviglia. La Quinta Columna dice che il suo obiettivo principale è quello di….

….mostrare LA REALTA’, per quanto scomoda possa essere la VERITA’ a causa della natura degli eventi o delle notizie a cui partecipa, senza essere soggetta a pregiudizi e conflitti di natura economica, morale, etica, politica, religiosa, ideologica o altro.

La maggior parte delle informazioni riguardanti Quinta Columna online è in spagnolo e come tale, non ho le informazioni necessarie per dare un giudizio informato sulla loro tesi. Tuttavia, poiché sono uno dei pochi gruppi di ricerca abbastanza coraggiosi da indagare il legame tra Covid-19, vaccini e 5G/EMFs, è importante considerare ciò che hanno da dire.

La tesi di Delgado è che l’aumento della malattia dovuta al “COVID-19” è in realtà il risultato dell’eccitazione, da parte di segnali a radiofrequenza, dell’ossido di grafene già presente all’interno del corpo. Delgado delinea brevemente la sua ipotesi in un’intervista del luglio 2021:

…siamo convinti che proprio l’ossido di grafene sia stato la causa della malattia COVID-19 che è stata introdotta, silenziosamente e furtivamente nella campagna antinfluenzale del 2019 a livello globale. E hanno causato, con la successiva offerta elettromagnetica che tutti conoscono -con la famosa accensione del 5G, i test- la malattia alla moda.

In altre parole, Delgado ritiene che l’ossido di grafene sia stato introdotto nel corpo delle persone attraverso il vaccino antinfluenzale del 2019 e poi eccitato dalle radiofrequenze del 5G, causando l’ipossia (cioè il “Covid-19”) che è stato poi propagandato come una pandemia virale.

Degno di nota è che l’assorbimento del vaccino antinfluenzale è stato più alto tra la popolazione anziana.

Delgado continua a ricordarci che anche molte mascherine chirurgiche sono state trovate a contenere grafene e ipotizza che le “onde” Covid (cioè i “picchi COVID” osservati) siano in realtà il risultato di attivazioni di antenne 5G:

E premendo un piccolo pulsante che attiva il 5G, ecco perché sanno quando sta arrivando un’onda, la 2a, la 3a… La variante Delta, la Lambda… La variante Delta è la prossima attivazione delle antenne 5G, ed ecco perché dobbiamo stare attenti.

Delgado sostiene che la NAC (n-acetilcisteina) e il glutatione sono stati trattamenti di successo per i pazienti Covid che soffrono di ipossia. La ragione di questo, sostiene, è perché, oltre a inibire o ridurre la tempesta di citochine, “il glutatione riduce e ossida, cioè elimina l’ossido di grafene”.

La loro ricerca ha sostenuto di trovare l’ossido di grafene presente nei vaccini Covid-19, che dicono interagisce con le radiofrequenze causando una serie di gravi effetti sulla salute, tra cui eventi cardiaci.

La loro ricerca è controversa e le loro affermazioni non sono supportate da tutti sul lato alternativo. Tuttavia, alla luce di tutto ciò che è stato presentato in questo articolo finora, vale la pena considerare.

E c’è un’altra prova interessante che hanno portato avanti, che forse indica l’esistenza di una potente capacità di armi legate ai campi elettromagnetici. Questo sarà più persuasivo quando esamineremo altri avvenimenti anomali più avanti.

In questo video, Ricardo Delgado e Jose Luis discutono una registrazione (apparentemente catturata da una telecamera a circuito chiuso, anche se è difficile dirlo) che mostra quella che sembra essere la morte improvvisa di un ciclista. L’aspetto più interessante del video è la frazione di secondo di glitch nella registrazione nel momento preciso in cui il ciclista crolla a terra.

Secondo Delgado e Luis, questo costituisce la prova di un “impulso” elettromagnetico di qualche tipo. Ho incorporato il video qui sotto.

Un disclaimer è in ordine: Non sono stato in grado di verificare il filmato originale. Non so da dove proviene, non so se il ciclista è effettivamente morto e non so se è una registrazione legittima. Tuttavia, lo includo qui perché, se reale, questo strano fenomeno sembra cadere in linea con un altro fenomeno sconcertante che è aumentato negli ultimi anni: le morti di massa e improvvise di uccelli.

Moria improvvisa di massa di uccelli: Prove di armi EMF?

Anche se non è una conoscenza comune, ci sono stati una serie di morti improvvise di massa di uccelli registrati negli ultimi anni. Non è stato necessario molto scavare da parte mia per scoprire questi casi, per molti di loro sono stati catalogati dal dottor Joseph Farrell sul suo blog.

Ecco una breve panoramica di alcuni di questi strani casi, insieme al commento illuminante del dottor Farrell:

9 luglio Mysterious Universe riporta altri uccelli morti caduti dal cielo in Idaho:

Il 27 giugno 2015, una strada a Kuna, Idaho, è stata trovata coperta di uccelli canori morti. Questo segue le morti di massa all’inizio di quest’anno di oltre 2.000 oche delle nevi in migrazione che sono cadute a terra morte o morenti nell’Idaho orientale.

Il dottor Farrell commenta come segue (enfasi aggiunta):

Ora noterete che in questa versione della storia, nella sezione commenti, c’è un breve scambio tra due commentatori, uno dei quali nota una strana interferenza con il suo segnale bluetooth mentre stava guidando attraverso l’Idaho.

(Non sono stato in grado di trovare il commento a cui si riferisce, ma l’articolo ha quasi 7 anni, quindi potrebbe essere stato rimosso).

Il dottor Farrell ipotizza poi quanto segue

Questi eventi potrebbero essere causati da una sorta di tecnologia umana segreta, o potrebbero essere la conseguenza involontaria del suo utilizzo o di altre attività segrete? Può darsi. Di nuovo, non lo so.

14 novembre 2018 – Europe Reloaded riporta Centinaia di uccelli morti durante l’esperimento 5G a L’Aia, in Olanda:

Circa una settimana fa all’Aia, molti uccelli sono morti spontaneamente, cadendo morti in un parco. Probabilmente non ne avete sentito parlare molto perché sembra che mantenere il silenzio fosse il piano per tutto il tempo.

Tuttavia, quando circa 150 altri sono morti improvvisamente portando il bilancio delle vittime a 297 – qualcuno ha iniziato a prendere nota. …E se vi guardate intorno in quel parco potreste aver visto cosa c’è all’angolo del tetto dall’altra parte della strada rispetto a dove sono morti: un nuovo pilone 5G, dove avevano fatto un test, in connessione con la stazione ferroviaria olandese, per vedere quanto fosse grande la portata e se non si sarebbero verificate apparecchiature dannose su e intorno alla stazione.

La cosa interessante di questa storia è che Snopes è stato veloce a pubblicare un “fact check” sostenendo che nessun test 5G ha avuto luogo (anche se hanno ammesso che un tale test aveva avuto luogo in quella zona nel giugno dello stesso anno).

Più interessante è il commento del dottor Farrell sull’incidente. Dopo aver delineato i suoi pensieri riguardo all’uso delle tecnologie di interferometria a microonde, continua ad offrire la sua solita “speculazione ad alto numero di ottani”:

Il passo è breve da questo concetto di base a un uso simile delle tecnologie a microonde forse ancora una volta coinvolgendo l’interferometria per produrre frequenze di battito che potrebbero interferire con, o effettivamente spegnere, il funzionamento elettrico dei sistemi nervosi degli organismi, compresi gli organi come il cuore.

Ed è questo che è così allarmante qui: gli uccelli potrebbero essere in risonanza con alcune di queste frequenze, altri organismi con altre frequenze. Tutto quello che si deve fare, per così dire, è “comporre” la giusta frequenza, e si potrebbe sradicare una popolazione regionale di cani, gatti… o addirittura esseri umani.

(Ripensate al video del ciclista qui sopra).

15 settembre 2020 – NBC News riporta che gli uccelli stanno cadendo morti nel New Mexico, potenzialmente in “centinaia di migliaia”:

Esperti di fauna selvatica nel New Mexico dicono che gli uccelli nella regione stanno cadendo morti in un numero allarmante, potenzialmente in “centinaia di migliaia”.

NBC continua a notare che

Molteplici agenzie stanno indagando sugli eventi, tra cui il Bureau of Land Management e il White Sands Missile Range, un’area di test militari.

Ed ecco il commento del dottor Farell (enfasi aggiunta):

Lei non dice… i militari del White Sands Missile Range stanno indagando? Beh, ha senso… se si sospettasse un patogeno sconosciuto ad azione rapida, una guerra biologica, o qualche causa completamente diversa, o forse anche qualche versione del mio patogeno attivato bio-elettromagneticamente.

E ora per altri due casi interessanti che si sono verificati anche durante la scamdemic di Covid…

25 giugno 2021 – ZeroHedge riporta Perché un gran numero di uccelli sono improvvisamente morti in diversi stati degli USA?

Come se non avessimo abbastanza cose strane in corso, ora gli uccelli stanno improvvisamente cadendo morti in gran numero in tutta la metà orientale del paese. Prima di morire, molti di questi uccelli mostrano sintomi molto strani… Se gli scienziati capissero cosa sta facendo accadere tutto questo, sarebbe una cosa. Ma a questo punto non hanno idea del perché questo stia accadendo, e questo è abbastanza allarmante.

Il dottor Farrell non offre alcuna speculazione su ciò che potrebbe essere la causa di questa serie di morti di massa di uccelli, ma trova il tempo dell’evento, e i sintomi sperimentati dagli uccelli, per essere eccessivamente sospetto.

Quello che so è che gli uccelli che diventano ciechi, o che non sono in grado di volare via dagli umani che si avvicinano, o che tremano e si agitano come se avessero un attacco, non è normale… E quello che sospetto fortemente è che qualcuno sa il perché e non lo sta dicendo…

Infine, questo ci porta all’ultimo caso.

12 febbraio 2022 – Sputnik News riporta centinaia di storni morti nel Galles dopo che la gente del posto ha sentito “un enorme botto elettrico”:

Centinaia di uccelli sono caduti morti dal cielo in Galles giovedì, dopo che i testimoni hanno riferito di aver sentito un “enorme botto di tipo elettrico”.

Ian Mccaffrey, che lavora a Waterston, ha riferito di aver sentito un grande botto di tipo elettrico mentre lasciava il lavoro giovedì sera. Dice che dopo il rumore scioccante, decine di uccelli sono caduti dal cielo e si sono posati sulla sua auto. Mccaffrey ha detto che il forte suono era simile a un fulmine.

Qui sono i rapporti di un “grande botto di tipo elettrico” che è più interessante in quanto sembra corroborare l’idea dell’esistenza di una potente tecnologia di armi EMF. Il dottor Farrell riconosce anche questo, offrendo il seguente commento:

Quando quello stormo di corvi (credo) morì per la prima volta nel Tennessee molti anni fa, ho pensato che questo “campo di pressione” elettromagnetico fosse forse la migliore spiegazione. E ora abbiamo uno strano video, e rapporti di “scoppi elettrici”, per andare con esso. E sì, questo significa, secondo me, che il caso per questa speculazione è diventato un po’ più forte.

Va notato che i casi di strane morti improvvise di uccelli qui esaminati costituiscono solo una parte del totale degli incidenti segnalati. È anche molto rilevante che i segnali EMF possono penetrare nel sistema nervoso di un uccello, interrompendo la sua capacità di navigare. Ho coperto questo in un precedente articolo sulle crisi ambientali.

Riassumiamo:

Negli ultimi anni sono aumentate le segnalazioni di morti di massa e improvvise di uccelli.

In molti di questi casi, c’è una sorta di collegamento alla tecnologia elettromagnetica. Nel caso dell’Idaho, una persona ha lamentato un’interferenza bluetooth intorno al momento dell’incidente; nel caso dei Paesi Bassi, i test 5G sono stati effettuati nelle vicinanze della moria di massa, e nell’ultimo caso del Galles, un “enorme botto di tipo elettrico” è stato sentito prima della moria.

In un caso, anche i militari hanno iniziato a indagare. Il dottor Joseph Farrell, uno studioso che ha seguito strane morti di animali, ha ipotizzato che la causa potrebbe essere dovuta a una sorta di “campo di pressione elettromagnetica”.

E infine, un recente video pubblicato online ha catturato l’apparente morte improvvisa di un ciclista nel momento esatto in cui c’era una frazione di secondo nella registrazione video. Alcuni hanno sostenuto che questo indica un “impulso” elettromagnetico di qualche tipo, forse alludendo a una tecnologia simile a quella proposta sopra.

E con questo, siamo pronti a concludere la nostra indagine.

Conclusioni

Sebbene il tasso di mortalità del Covid-19 sia più o meno simile a quello dell’influenza stagionale, non giustificando la necessità di vaccini speciali o di misure preventive, in agguato sotto i test fraudolenti e le segnalazioni di morte dubbie c’erano le segnalazioni di strani sintomi che assomigliavano al mal di montagna.

I dati sulla mortalità per tutte le cause in certe aree, in particolare a New York, mostravano anche un “picco COVID” altamente anomalo, certamente non spiegabile in termini di un nuovo patogeno respiratorio.

Un recente studio peer-reviewed ha fornito prove convincenti che molti dei sintomi associati a “COVID-19” sono anche effetti dell’esposizione ai campi elettromagnetici. Questo, insieme ai convincenti dati epidemiologici, suggerisce un legame tra il lancio del 5G e le aree che hanno mostrato un pronunciato “picco COVID”.

Infine, negli ultimi anni c’è stata una raffica di morti improvvise di massa di uccelli in vari luoghi del mondo. Molti di questi incidenti hanno mostrato una sorta di connessione alle interferenze elettromagnetiche o radiofrequenze di qualche tipo.

I ricercatori spagnoli di Quinta Columna hanno anche analizzato un video che si presume mostri la morte improvvisa di un ciclista che credono sia avvenuta a causa di un impulso EMF di qualche tipo.

Sostengono inoltre che i “picchi COVID” si sono verificati come risultato dell’eccitazione dell’ossido di grafene da bombardamento EMF che credono possa causare ipossia (spiegando le strane segnalazioni di “mal d’alta quota” a NYC) ed eventi cardiaci (che sono aumentati dopo il lancio del vaccino COVID).

Il volume delle ricerche che collegano l’esposizione ai campi elettromagnetici con la malattia è troppo grande per essere ignorato, il che significa che, indipendentemente dai dati presentati qui, i campi elettromagnetici hanno senza dubbio contribuito alla malattia durante la “pandemia” del COVID-19 e continuano a farlo. Tuttavia, le prove qui presentate possono anche indicare l’uso deliberato di una tecnologia di armi segrete legate ai campi elettromagnetici.

Se questo è il caso, allora, considerando lo sforzo massiccio di inondare l’orbita terrestre bassa con satelliti che emettono campi elettromagnetici e il lancio del 5G in continua espansione, è necessaria molta più ricerca… e in fretta.

Ryan Matters

Fonte: newbraveworld.org

Abbiamo bisogno della vostra collaborazione ! Contiamo su di voi per un supporto economico necessario per finanziare i nostri rapporti investigativi. Se vi piace quello che facciamo, un abbonamento mensile è un riconoscimento a noi per tutto lo sforzo e l’impegno che ci mettiamo.

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE

Comments: 1

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code