toba60

Articolo Pro-Palestina Ritirato da Scientific American Senza Alcun Errore di Fatto

Come è strana la vita, in Palestina c’è la guerra perenne da un secolo e nessuno pare interessarsi alla questione, nel resto del mondo c’è’ la pace perpetua, li dove tutti aspirano con encomiabile sforzo ad entrare in conflitto con chiunque.

Toba60

Articolo Pro-Palestina Ritirato da Scientific American

Dopo l’indignazione della destra, lo stimato giornale ha rimosso un pezzo di opinione che esprimeva solidarietà con i palestinesi sotto i bombardamenti israeliani.

Sabreen Akhter ha sentito il bisogno di aiutare in qualsiasi modo possibile. Come molte persone in tutto il mondo questo maggio, Akhter stava seguendo le notizie di guerra nella Striscia di Gaza, dove i bombardamenti israeliani stavano esacerbando una crisi umanitaria nel territorio. Esaminando il suo feed dei social media, Akhter, un medico di Chicago, si è messa in contatto con alcuni altri operatori sanitari negli Stati Uniti che avevano anche loro pubblicato notizie online sulla crisi.

Akhter ha organizzato una telefonata per discutere su cosa potessero fare, a nome della loro professione, per i palestinesi. Hanno deciso di scrivere insieme un articolo come gruppo di medici preoccupati per la situazione medica a Gaza e di proporlo a Scientific American, dove Akhter aveva pubblicato nella sezione delle opinioni in passato.

“Non ci conoscevamo prima, ma avevamo visto tutta questa violenza e devastazione in Palestina e ci sentivamo impotenti”, ha detto Akhter. “Mi sono ricordata che c’era stato un articolo pubblicato su The Lancet nel 2014 sugli operatori sanitari che parlavano per la Palestina. Ho pensato che fosse davvero potente all’epoca e mi sono ricordata che molte persone nel campo dell’assistenza sanitaria avevano risposto ad esso quando è stato pubblicato.”

Il 2 giugno, dopo un ampio processo di editing e fact-checking con la pubblicazione, l’articolo è stato pubblicato su Scientific American con il titolo “As Health Care Workers, We Stand in Solidarity with Palestine”.

Meno di due settimane dopo, l’11 giugno, l’articolo è stato rimosso dal sito web di Scientific American senza preavviso. Al suo posto è apparsa una breve nota dell’editore. “Questo articolo non rientrava nell’ambito di Scientific American ed è stato rimosso”, diceva la nota. Lo stesso giorno, un redattore della pubblicazione ha inviato una e-mail ad Akhter e gli altri, informandoli della ritrattazione e scusandosi per qualsiasi “confusione” causata dalla decisione iniziale di pubblicare l’articolo.

“Eravamo scioccati, completamente scioccati. Ci siamo telefonati tutti insieme e ne abbiamo parlato”, ha detto Akhter. “Abbiamo mandato un’email all’editore più tardi dicendo che eravamo delusi e chiedendo di chiarire cosa intendevano con il fatto che l’articolo era caduto ‘fuori dallo scopo’, ma non abbiamo mai ricevuto una risposta”.
Iscriviti alla nostra newsletter
Cronaca originale. Giornalismo senza paura. Consegnato a voi.
Sono dentro

L’articolo era un riassunto della crisi sanitaria in corso nella Striscia di Gaza a causa della guerra, compreso il ruolo del conflitto nell’esacerbare la pandemia di Covid-19. Gli autori condannavano categoricamente il governo israeliano per aver usato una forza sproporzionata ed esprimevano sostegno al movimento Boicottaggio, Disinvestimento e Sanzioni contro Israele – un appello che evidentemente ha scatenato la rabbia dei sostenitori di Israele online.

Dopo la ritrattazione, gli autori dell’articolo, che da allora è stato pubblicato online come PDF, hanno affrontato un’ondata di e-mail e messaggi molesti. I gruppi di destra pro-Israele hanno gongolato per la mossa di Scientific American.

Gli attivisti pro-Palestina, da parte loro, non sono stati sorpresi, considerandola un altro esempio di un’insidiosa campagna di soppressione della libertà di parola che ha preso di mira la loro causa per anni.

“I palestinesi hanno affrontato una rappresaglia sistematica per i loro discorsi e il loro attivismo”, ha detto Marwa Fatafta, responsabile delle politiche in Medio Oriente e Nord Africa per Access Now, un’organizzazione per i diritti digitali. “La gente ha perso il lavoro, le borse di studio e il futuro della carriera distrutti per la legittima espressione. E quando il tuo sostentamento è sulla linea, è molto probabile che tu ci pensi due volte prima di esprimerti”.

“Le etichette di antisemitismo e terrorismo sono anche armate per diffamare pubblicamente e intimidire i palestinesi e i loro alleati”, ha detto Fatafta. “Ci sono siti web e pagine di social media dedicati proprio a questa missione. Per non parlare degli incessanti sforzi per criminalizzare il movimento BDS e qualsiasi appello pacifico e nonviolento al boicottaggio e alla responsabilità. È una caccia alle streghe”.

La debacle di Scientific American sembrava seguire il solito schema per mettere a tacere il discorso pro-palestinese negli Stati Uniti.

Immediatamente dopo la sua pubblicazione, l’articolo ha innescato un contraccolpo nei circoli di destra pro-Israele online, con l’organizzazione di difesa dei media CAMERA che ha denunciato l’articolo come un “grido anti-Israele che ripete le bugie e l’incitamento dei gruppi terroristici palestinesi”.

Nei giorni seguenti, Scientific American ha ricevuto una marea di e-mail da individui che sposavano più o meno lo stesso messaggio. Il New York Post ha poi riferito che “un certo numero di influenti newyorkesi”, tra cui il cancelliere del New York Medical College Edward Halperin, così come altri professionisti della medicina, hanno inviato una loro lettera di opposizione all’articolo.

Una persona con conoscenza dei processi interni di Scientific American, che ha chiesto l’anonimato per evitare contraccolpi, ha detto che il linguaggio usato nella nota dell’editore è stato scritto in modo da trasmettere che la ritrattazione non era dovuta a errori fattuali nell’articolo stesso.

Gli esperti di giornalismo contattati da The Intercept hanno sottolineato la curiosità di una ritrattazione di un op-ed che avviene in una pubblicazione rispettabile senza alcuna ammissione di errori fattuali.

“Non ci sono linee guida ufficiali su come prendere decisioni editoriali di questo tipo, ma è sicuramente insolito e non in linea con la pratica standard per una pubblicazione di ritirare un articolo in cui non trovano errori fattuali, in particolare quando si tratta di un pezzo di opinione chiaramente contrassegnato come tale”, ha detto Alisa Solomon, un professore alla Columbia School of Journalism.

“Se i fatti sono accurati, si può solo concludere che è l’opinione espressa che viene soffocata”.

The Intercept ha esaminato una catena di e-mail con i redattori della pubblicazione e gli autori in cui l’articolo è stato meticolosamente controllato prima della pubblicazione per evitare errori in previsione dello scrutinio che i redattori si aspettavano sarebbe arrivato una volta pubblicato. “Ci aspettiamo un ritorno di fiamma per questo articolo, quindi se non avete già controllato tutto con attenzione, sarebbe bello se poteste farlo”, ha scritto uno staffer di Scientific American a un collega, in una catena di e-mail in cui lo staff della rivista ha esaminato i dettagli delle affermazioni fattuali dell’articolo.

“Ho controllato attentamente i fatti rispetto ai link”, ha scritto un alto redattore di Scientific American più tardi nella catena, in mezzo a una vasta discussione di domande specifiche di fact-checking con l’autore. “L’ho trovato generalmente ben supportato dai link, anche se il modo in cui le cose sono inquadrate, nel pezzo e nei link, è decisamente controverso. Mi aspetto che il pushback sarà per lo più su toine [sic] e sull’interpretazione, non che i numeri siano sbagliati e così via”.

Solomon ha detto che la mancanza di imprecisione fattuale indica un problema editoriale con le opinioni nel pezzo.

“Se i fatti sono accurati, si può solo concludere che è l’opinione espressa ad essere soffocata”, ha detto Solomon, un critico teatrale premiato. “C’è un lungo record nel discorso americano di discussioni sulla Palestina che vengono ostacolate e soppresse, che si tratti di musei d’arte, teatri, leggi incostituzionali che mirano a vietare la promozione del BDS o, in questo caso, in una rivista scientifica”.

Sebbene l’articolo di Scientific American è stato tolto diverse settimane fa, la copertura giornalistica dell’incidente ha iniziato a montare solo di recente, soprattutto nei media conservatori. Oltre al reportage del New York Post del 26 giugno, che si è collegato ai dettagli personali di ciascuno degli autori del pezzo, Fox News ha pubblicato una breve storia sull’incidente due giorni dopo. La storia è stata anche coperta in punti vendita di destra pro-Israele, come Algemeiner e il Jerusalem Post, la cui copertura ha effettivamente trattato la ritrattazione come un giro di vittoria.
Correlato

Un sito web finanziato da un miliardario con legami con l’estrema destra sta cercando di “cancellare” i professori universitari

Gli autori dell’articolo ritrattato di Scientific American, che sono tutti medici professionisti negli Stati Uniti, sono stati inondati di email odiose che li denunciano come antisemiti e sostenitori dei terroristi. Questi autori di e-mail hanno anche spesso copiato i datori di lavoro o i colleghi degli operatori sanitari, in un apparente tentativo di farli licenziare.

Una e-mail inviata a un autore da un medico di Toronto, che è stata condivisa con The Intercept, aveva copiato diversi colleghi ebrei dell’autore presso l’ospedale dove lavoravano. “Israele è reale”, diceva l’email. “Il vostro ideale del fiume al mare è un desiderio attivo di distruzione dello stato ebraico, con Gerusalemme come capitale”. L’autore della lettera ha aggiunto: “Spero che il vostro dipartimento vi aiuti a temperare il vostro antisemitismo”.

“È davvero spiacevole quando non si può nemmeno parlare della verità come personale sanitario su questo argomento senza essere messi a tacere”.

La ritrattazione e la campagna di molestie in corso che ha preso di mira la loro reputazione e i loro mezzi di sostentamento ha avuto un effetto negativo sugli autori, alcuni dei quali hanno rifiutato di andare a verbale per paura di ulteriori molestie. Da parte sua, la Akhter ha detto di essere delusa ma non del tutto sorpresa dall’apparente ripiegamento di Scientific American di fronte alla pressione organizzata per mettere a tacere un articolo.

“Penso che sia davvero triste che qualsiasi critica a Israele, specialmente da parte di operatori sanitari che denunciano la disparità e la distruzione dell’assistenza sanitaria, sia considerata antisemita e che la gente ci lanci questa accusa”, ha detto la Akhter. “Sapevo che questo accadeva in altre forme di media, ma era difficile immaginare che accadesse in una rivista medica e scientifica.

È davvero spiacevole quando non si può nemmeno parlare della verità come personale sanitario su questo argomento senza essere messi a tacere”.

Murtaza Hussain

Fonte: theintercept.com

SOTTOSCRIVI UN PICCOLO PIANO DI DONAZIONE MENSILE E AIUTA COLORO CHE L’ESTABLISHMENT VUOLE CENSURARE

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE

Abbiamo bisogno del tuo aiuto …

La censura dei motori di ricerca, delle agenzie pubblicitarie e dei social media controllati dall’establishment sta riducendo drasticamente le nostre entrate . Questo ci rende difficile continuare. Se trovi utile il contenuto che pubblichiamo, considera di sostenerci con una piccola donazione finanziaria mensile.




Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code