toba60

Attira il Nemico con un’Esca, Simula il Pasticcio e ”Schiaccialo”

Il mondo è un intreccio di eventi che si succedono in modo apparentemente lineare, ma gli ostacoli sono l’essenza del corso della vita in cui il solo protagonista ”l’uomo” tende sempre a defilarsi da ogni responsabilità

Toba60

Attira il Nemico e Schiaccialo

Il titolo di questo articolo è una citazione da L’arte della guerra, un trattato militare cinese che si dice sia stato scritto dal generale Sun Tzu più di 2.000 anni fa.

Come dice il proverbio, non c’è nulla di nuovo sotto il sole e la competenza militare e il genio tattico descritti dal generale Tzu 2.500 anni fa sono rilevanti oggi come allora. La nostra cultura può essere molto più avanzata tecnologicamente di quella dell’antica Cina, ma la natura umana e i principi fondamentali della psicologia umana non sono cambiati. Quindi, nemmeno la guerra psicologica.

C’è un’idea sbagliata sulla guerra, ovvero che sia sempre palese, sempre violenta e che l’obiettivo sappia sempre di essere sotto attacco. In realtà, si tratta di una forma di guerra molto primitiva, che non caratterizza molti esempi storici, né la guerra in cui ci troviamo oggi.

Se si dichiara guerra aperta a un popolo e lo si attacca con armi e bombe, questo si rende conto di essere sotto attacco, mette in piedi una solida difesa e reagisce. Quindi questa non è la strategia ottimale se si vuole vincere. Le vostre possibilità di vittoria sono molto più alte se non rendete evidenti le vostre intenzioni e se, anzi, le mascherate, se cullate il nemico in un falso senso di sicurezza, se lo convincete di essere suo amico, e solo allora quando tutte le sue difese sono cadute e le sue vulnerabilità sono state scoperte passate all’azione.

Questo è ciò che sta accadendo nelle società occidentali dalla fine della Seconda Guerra Mondiale (più “tradizionale”): tutti i nostri governi e le potenti istituzioni globali sono occupati e sovvertiti da forze ostili che vogliono la morte di molti di noi. Per raggiungere questo obiettivo, hanno trascorso i decenni successivi alla guerra giocando il “gioco lungo”: preparandoci pazientemente a fidarci di loro, ad ammirarli, a credere che siano autorità benevole ed erudite che vogliono solo il meglio per noi.

Tuttavia, non hanno affrontato tutti i gruppi allo stesso modo. Prima della seconda metà del XX secolo, le élite al potere erano note per essere molto reazionarie e tradizionaliste, cioè ostili e oppressive nei confronti dei gruppi minoritari. Per usare il gergo moderno, erano razzisti, omofobi, transfobici, misogini, incapaci, intolleranti.

Immaginate quindi di avere un’élite al potere che continua a essere tutte queste cose e che continua a cercare incessantemente di ridurre il numero di questi gruppi, come ha sempre fatto storicamente. Se questo fosse il caso, allora, in base a quanto ho detto all’inizio di questo articolo sulla strategia militare in atto, sarebbe più probabile che una tale élite (a) sia esplicita sulle sue intenzioni dichiarando una guerra totale a questi gruppi, o (b) nasconda i suoi veri obiettivi fingendo di essere amica di queste persone?

Il motivo per cui negli ultimi anni l’establishment globale, comprese tutte le grandi aziende, è diventato così unanime nella sua “wokeness (Veglia)” (con organizzazioni improbabili come banche e supermercati che aggiungono bandiere arcobaleno ai loro loghi e dichiarano quanto sono “diversi” e “pro-amore”), è perché si sono impegnati nella prima fase della strategia militare citata nel titolo di questo articolo: “attirare il nemico con l’esca”.

L’establishment ha trascorso decenni a fare il culo a diversi gruppi di minoranza, a promuovere la “diversità” sul posto di lavoro (quando tali questioni dovrebbero essere irrilevanti; i posti di lavoro dovrebbero essere interessati solo al merito e alle prestazioni lavorative), a elevare le persone con determinate caratteristiche o provenienti da determinati contesti a una posizione di speciale superiorità e a invertire radicalmente i pregiudizi tradizionali. Questi gruppi vengono evangelizzati ed esaltati, non per i loro risultati come individui, ma solo per la loro appartenenza a determinati gruppi sociali o demografici.

È la cosiddetta cultura del vittime: più si afferma di essere membri di un gruppo storicamente oppresso o emarginato, più si ottiene un cachet sociale. Questo spiega la popolarità di BLM, MeToo, Pride e movimenti simili – che possono essere nati in modo organico, ma che da tempo sono stati cinicamente cooptati dall’establishment, che incoraggia questi gruppi ad avere un enorme senso di lamentela e di diritto, poiché questo li ingloba nel proprio ego e li rende quindi molto facili da controllare. (Questo è il motivo per cui questi movimenti condannano così violentemente le persone nere, queer e trans che dichiarano pubblicamente di non sentirsi oppresse, di non volere un trattamento speciale e orrore degli orrori – di essere in realtà piuttosto conservatrici, come Candace Owens, Milo Yiannopolous, Caitlin Jenner).

L’effetto di tutto ciò è che, dopo decenni di corteggiamento delle minoranze da parte dell’establishment attraverso i suoi vari portavoce nelle aziende globali, nei media e nel mondo accademico questi gruppi sono molto più propensi a fidarsi di loro e a eseguire i loro ordini rispetto ai gruppi che non sono stati corteggiati in questo modo.

Gruppi a cui appartengo, per esempio, come i “teorici della cospirazione” (chiunque metta in discussione la narrazione dominante), gli “estremisti di destra” (chiunque metta in discussione la narrazione dominante) e i “suprematisti bianchi” (chiunque metta in discussione la narrazione dominante, compresi i neri). Aggiungi una spruzzata di “bigotti transfobici” e “negazionisti della scienza” e hai più o meno descritto tutti quelli che ho la fortuna di chiamare amici🙂

Il fatto è che l’establishment ha ferocemente denigrato e maltrattato per anni chiunque mettesse in discussione la narrazione, con insulti sprezzanti e campagne di esclusione sociale, per cui queste persone ora si fidano di loro quanto il principe Andrews si fida di una discoteca scolastica.

Al contrario, i gruppi che sono stati lusingati, elogiati e finanziati dall’establishment si fidano molto di più.

Ecco perché il gruppo demografico che ha una delle più alte accettabilità del vaccino Covid è la comunità LGBT, e perché le persone che aderiscono a politiche “liberali” e identitarie del tipo che tutte le istituzioni dominanti dell’establishment hanno spinto senza sosta negli ultimi anni hanno un tasso di accettazione molto più alto rispetto agli altri. (Tedioso disclaimer: ovviamente non tutti i membri di questi gruppi sono stati vaccinati o hanno le stesse convinzioni, ma quando si guardano le tendenze sociali, bisogna essere in grado di parlare in generale).

È perché una volta che questi gruppi sono stati “attirati con l’esca” (l’establishment li ha leccati per anni), poi quando l’establishment ha “finto il pasticcio” (finta pandemia), i gruppi presi di mira si sono immediatamente e acriticamente rivolti a loro per essere salvati.

Ed è allora che l’establishment passa alla fase finale della strategia, come sta facendo ora con il vaiolo delle scimmie.

Non appena questa malattia è balzata agli onori della cronaca – sebbene nel Regno Unito si siano verificati solo sette casi, pari allo 0,0001% della popolazione i giornali (sia di destra che di sinistra) si sono affrettati a dire che la malattia si stava diffondendo principalmente tra gli uomini gay e bisessuali.

Quando si hanno solo sette casi confermati di una malattia, il numero è troppo piccolo per consentire un’analisi statistica significativa o per rilevare tendenze demografiche, poiché qualsiasi somiglianza in un numero così ridotto di casi potrebbe essere molto, molto facilmente una coincidenza non correlata (se si chiede, si potrebbe scoprire che queste sette persone sono tutte mancine o che il loro Beatle preferito è Paul questo ovviamente non significherebbe che ciò sia in qualche modo correlato al loro stato di salute).

E anche se gli epidemiologi sospettassero l’esistenza di un legame, in una fase così precoce, sarebbero estremamente cauti su come e quando annunciarlo pubblicamente, poiché gli effetti sarebbero evidenti: un immediato aumento dei pregiudizi, incutendo paura e odio e, molto probabilmente, mettendo in pericolo la sicurezza degli uomini percepiti come bisessuali o omosessuali.

L’establishment sa tutto questo, naturalmente, eppure fin dalla prima menzione del vaiolo delle scimmie e in ogni successiva menzione, ha fatto in modo di includere un riferimento importante a “uomini gay e bisessuali”.

Infatti, un recente articolo di giornale ha sottolineato con forza che non sono solo i contatti sociali nei circoli gay a diffondere questa nuova peste mortale, ma anche e soprattutto i contatti sessuali.

I media dell’establishment fanno tutto questo per un motivo. Come ho detto nel mio ultimo articolo, tutto ciò che i media fanno ha un motivo e serve a promuovere un’agenda. Il motivo è che stanno compiendo l’ultimo passo della loro strategia militare, come indicato nel titolo di questo articolo.

La sinistra liberale e tutti i gruppi che la compongono sono stati ingannati. Pensavano di essere una classe speciale e protetta (non come quei malvagi cospiratori), ma l’establishment li ha solo usati.

Quando una persona o un gruppo hanno svolto la loro funzione utile per l’agenda dell’establishment, vengono immediatamente e senza esitazione eliminati. Guardate cosa è successo a Germaine Greer, la famosa beniamina della sinistra per decenni, ora definitivamente rimossa per essersi opposta all’agenda trans.

Aveva commesso l’errore di pensare che tutti i riconoscimenti ricevuti nel corso degli anni riguardassero lei e che le sue opinioni avrebbero sempre contato. Ma non si trattava affatto di lei, era solo un’utile idiota per l’establishment, e una volta scaduta la sua utilità, è stata eliminata. Lo stesso accadrà a tutti i soldati semplici dell’establishment, la cui vigilanza è stata disattivata da esperti strateghi militari che assecondano la loro vanità.

L‘establishment sta attualmente promuovendo un “nuovo vaccino” contro il vaiolo delle scimmie, specificamente mirato agli uomini omosessuali, e si può essere certi che il tasso di mortalità da questa iniezione sarà molto alto. Si tratta semplicemente dell’AIDS Mach II: non c’è un “virus killer” e la malattia è nel “trattamento”, proprio come nel caso dell’AZT. È un genocidio mirato, come lo è stato il cosiddetto AIDS. Un falso virus presumibilmente diffuso in una comunità di minoranze per spaventarle e costringerle a sottoporsi a una “cura” che le ucciderà. La loro morte sarà attribuita al fatto che il virus è troppo virulento per essere trattato.

L’inganno sarà completato dal fatto che, poiché il tasso di adesione al vaccino Covid è così alto nella comunità LGBT, questo gruppo sperimenterà una quantità sproporzionata di malattie e morti rispetto agli altri. Il vaiolo delle scimmie è stato identificato per la prima volta nelle scimmie da laboratorio utilizzate come cavie per i vaccini.

Si tratta di una reazione al vaccino: il vaccino altera il sistema immunitario, facendo sì che virus precedentemente dormienti scatenino il caos. Pertanto, maggiore è la copertura vaccinale di un gruppo, maggiore è il numero di casi di “vaiolo”. Non lo si vedrà nelle persone non vaccinate (fino a quando non inizieranno a usare il vaccino contro il vaiolo, che a quanto pare è un vaccino a virus vivo, e quindi può “diffondersi” – anche se le prove di questo fenomeno di diffusione sono molto contrastanti, sia nelle comunità tradizionali che in quelle alternative).

L’aspetto da considerare è che l’establishment non ha cambiato i suoi veri colori o la sua storia secolare di ostilità omicida nei confronti della maggior parte del resto dell’umanità, in particolare dei gruppi minoritari. Ha semplicemente trovato un modo più efficace per rivolgersi a questi gruppi.

È diventato un lupo travestito da pecora. Per inciso, la Fabian Society una potente organizzazione socialista che esercita un’enorme influenza sulla sinistra politica prende il nome da un altro stratega militare, Quinto Fabio Massimo Verrucosus, soprannominato Cunctator, che significa “ritardatore”. Una nota esplicativa sulla copertina del primo opuscolo della Fabian Society recitava:

Bisogna aspettare il momento giusto, come fece Fabius con grande pazienza quando guerreggiò contro Annibale, anche se molti criticarono i suoi ritardi; ma quando arriva il momento bisogna colpire duro, come fece Fabius, o l’attesa sarà vana e infruttuosa”.

Lo stemma originale della Fabian Society era letteralmente un lupo travestito da pecora.

Chiunque appartenga a un gruppo minoritario e creda davvero che i governi, le banche, le aziende e le grandi imprese di tutto il mondo siano loro amici che questi spietati profittatori e guerrafondai “celebrino la diversità” e siano “a favore dell’amore” deve svegliarsi in fretta. Queste persone si sono approfittate di voi. Vi hanno ingannato. Vi hanno cullato in un falso senso di sicurezza attirandovi con un’esca per schiacciarvi, che è esattamente ciò che stanno facendo ora con il programma “Monkeypox”. Non fate il test (i test difettosi danno falsi positivi, proprio come il Covid e l’AIDS), non andate dal medico (che probabilmente vi darà “antivirali” garantiti per sabotare la vostra salute) e, soprattutto, non fatevi vaccinare.

Questa è l’iniezione letale che porterà scompiglio in ogni comunità che la riceve. Siamo in guerra e non è un caso che i “vaccini” si chiamino “punture”.

Come cultura, dobbiamo anche prepararci a un cambiamento di paradigma molto drammatico, da ultra-liberale a opposto (ho sviluppato questi temi in modo molto più dettagliato qui). Abbiamo visto quali potenti tendenze autoritarie si nascondono nella maggioranza della popolazione con Covid, e vedremo fino a che punto la sinistra liberale, vacua e codarda, è veramente “tollerante” e “aperta”, man mano che l’isteria del vaiolo delle scimmie si intensifica.

Preparatevi a vedere la “sinistra amorevole” diventare omofoba come l’estremista talebano medio, mentre va in parossismo per la paura che il vaiolo si “diffonda nelle saune”. Come ho detto nel mio ultimo articolo, l’Occidente ha già dimostrato di essere socialmente più conservatore dei Talebani, dal momento che in Afghanistan insistono solo sugli arresti domiciliari ultra-rigorosi e sul velo per le donne, mentre l’Occidente insiste affinché tutti indossino una maschera e vengano rinchiusi.

Per tutti coloro che, dopo aver letto quanto sopra, pensano ancora che questa sia solo una folle teoria della cospirazione perché non ne hanno sentito parlare dai notiziari, vi lascio con un’altra citazione da L’arte della guerra:

“O arte divina della sottigliezza e della segretezza! Grazie a te, impariamo a essere invisibili, grazie a te impercettibili; e così possiamo tenere il destino del nemico nelle nostre mani.

Miriaf

Fonte: miriaf.co.uk

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code