toba60

Auto a Idrogeno Da VW? “Fino a 2000 Chilometri con un Solo Pieno” Ma c’è di Più

Questo testo è apparso per la prima volta il 18 febbraio 2022. e lo avevamo accantonato, come sapete le novità nel settore dell’auto sono l’ordine del giorno, ma la particolarità della notizia per come appare ve la spiegheremo noi ora.

Dopo la pubblicazione, il servizio (Tra l’altro ufficializzato dalla Volkswagen) é stato subito tolto dalla casa madre.

Questo ci ha incuriosito e fatte le dovute ricerche, gran parte delle pubblicazioni (Per lo più archivi) avevano invariabilmente i collegamenti che puntavano sulle auto elettriche…é come entrare dentro il sito del Milan e avere tutti i riferimenti della Juventus.

Oltre agli editoriali erano state cancellate tutte le foto relative e la notizia è praticamente passata sotto silenzio.

È ovvio che il servizio stampa dell’azienda tedesca ha avuto una falla dove ha prontamente posto rimedio, ma c’è di più, in quanto non solo i soli ad intraprendere in parallelo una strada diversa da quella suicida dell’elettrico.

Abbiamo documentazioni molto dettagliate sui progetti a media e lunga scadenza di queste società a delinquere con la licenza di rovinare il pianeta e chi ci abita, i quali hanno, ”diciamocelo pure,” l’autonomia di un canarino in gabbia posizionato presso una vecchia miniera di carbone posta a mille metri di profondità.

Toba60

Il nostro lavoro come ai tempi dell’inquisizione è diventato attualmente assai difficile e pericoloso, ci sosteniamo in prevalenza grazie alle vostre donazioni volontarie mensili e possiamo proseguire solo grazie a queste, contribuire è facile, basta inserire le vostre coordinate già preimpostate all’interno dei moduli all’interno degli editoriali e digitare un importo sulla base della vostra disponibilità. Se apprezzate quello che facciamo, fate in modo che possiamo continuare a farlo sostenendoci oggi stesso…

Non delegate ad altri quello che potete fare anche voi.

Staff Toba60

Meno dello 0,1% dei nostri lettori ci supporta, ma se ognuno di voi che legge questo ci supportasse, oggi potremmo espanderci, andare avanti per un altro anno e rimuovere questo fastidioso Banner…

Toba60

VW Spinge sulle auto a idrogeno

L’industria automobilistica si sta concentrando interamente sulla mobilità elettrica? Non è così. La più grande casa automobilistica europea, la Volkswagen, sta spingendo per un’alternativa.

Dimostrazione Pubblica Auto ad Idrogeno della Hyundai

VW si scaglia pubblicamente contro le auto a idrogeno. Ma la casa automobilistica ha richiesto un brevetto che potrebbe portare la propulsione a idrogeno molto lontano.

Wolfsburg Monaco di Baviera

Le auto elettriche stanno sempre più dominando la scena stradale e sembra che stiano lentamente ma inesorabilmente soppiantando i veicoli con motori a combustione convenzionali. Tuttavia, che la mobilità elettrica sarà la forma di propulsione dominante nel medio termine è probabilmente solo una mezza verità. Mentre un numero sempre maggiore di veicoli elettrici arriva sulle strade, l’industria automobilistica lavora in background su altre fonti di energia sostenibile.

Il capo di VW critica l’auto a idrogeno, ma l’azienda sta portando avanti la questione.

L’esempio di Volkswagen dimostra che la tecnologia dell’idrogeno svolgerà un ruolo importante nel trasporto individuale del futuro. La cosa sorprendente: Il capo della VW Herbert Diess ha dichiarato pubblicamente più volte in passato di non ritenere la tecnologia delle celle a combustibile praticabile per il futuro. In particolare, un tweet indirizzato a politici di spicco lo scorso anno fa alzare il livello di attenzione:

In realtà, il top management di VW sembra vedere il problema in modo diverso: Con l’azienda sassone Kraftwerk Tubes GmbH, il gruppo ha richiesto un brevetto per una speciale cella a combustibile, riporta BusinessInsider. Non c’è dubbio che Volkswagen stia lasciando aperta questa strada e che, contrariamente alle “cortine fumogene” pubbliche, stia portando avanti la tecnologia dell’idrogeno.

VW tiene aperta la porta di servizio per le auto a idrogeno

Quindi, nonostante le dichiarazioni pubbliche di Herbert Diess, VW sta studiando l’idrogeno come vettore energetico, almeno su piccola scala. Business Insider ha chiesto a Volkswagen una dichiarazione sul brevetto. L’azienda ha commentato le sue attività come segue: “Per raggiungere il nostro obiettivo di essere neutrali dal punto di vista delle emissioni di CO2 entro il 2050, valutiamo costantemente le nuove innovazioni tecniche e le assicuriamo alla nostra azienda. I brevetti sono una forma comune di protezione della tecnologia. Tuttavia, i brevetti di solito non significano che questa tecnologia sarà necessariamente implementata”.

Volkswagen non è la prima azienda automobilistica a guardare all’idrogeno come forma di propulsione: Mercedes, BMW e i produttori asiatici Toyota e Hyundai hanno già scelto le celle a combustibile come cavallo di battaglia e hanno sviluppato modelli pronti per la produzione in serie. Tuttavia, queste auto sono state finora molto più costose da acquistare. Con la tecnologia ora avviata da VW, c’è una differenza impressionante.

Sascha Kühn, responsabile di Kraftwerk, spiega al portale: “La differenza principale rispetto alle celle a combustibile di Hyundai e Toyota è che noi ci affidiamo a una membrana in ceramica invece della solita membrana in plastica. Siamo l’unico produttore di questa tecnologia che produce la membrana ceramica in modo tale da poter avviare rapidamente la cella a combustibile”. Questo fa una grande differenza, fa sapere l’amministratore delegato. I vantaggi rispetto alla cella a combustibile “polimerica” sono, da un lato, i minori costi di produzione e l’eliminazione del platino.

La VW diventa un’auto a idrogeno: con Kraftwerk Tubes GmbH, il gruppo ha registrato un brevetto per una speciale cella a combustibile. Dovrebbero essere possibili fino a 2.000 chilometri con un pieno. (kreiszeitung.de-image mesi) © Rust/Rupert Oberhäuser/IMAGO

VW: avanti a tutta forza con la mobilità elettrica, ma anche l’idrogeno gioca un ruolo importante

Sembra che gli ingegneri di Wolfsburg abbiano lavorato a lungo sull’argomento: “Il modo in cui funziona è che noi forniamo la tecnologia di base e poi la sviluppiamo ulteriormente insieme agli ingegneri del produttore e progettiamo il veicolo”, spiega il fondatore Kühn a proposito della partnership con il gigante dell’auto.

La domanda interessante è: perché il capo di VW Diess o il suo collega di Tesla Elon Musk mettono pubblicamente in cattiva luce la tecnologia dell’idrogeno? Forse Volkswagen vuole dimenticare i postumi dello spiacevole scandalo diesel con una strategia elettrica “pulita”. Inoltre, il portale ipotizza che una strategia elettronica coerente, modellata sul modello del mega-impero in espansione Tesla, sarà probabilmente apprezzata dagli investitori.

Al contrario, i concorrenti che considerano questa tecnologia rivoluzionaria e la stanno portando avanti verrebbero pubblicamente messi alla gogna così recita la tesi. Alla luce dell’ultimo accordo, tuttavia, questo probabilmente appartiene al passato. È chiaro da tempo, soprattutto nel settore dei trasporti, che l’idrogeno potrebbe svolgere un ruolo importante nella generazione di energia per la mobilità futura:

Inoltre, va detto che la propulsione a idrogeno è di per sé una forma di elettromobilità.

Auto a idrogeno da VW? “Fino a 2000 chilometri con un solo pieno”.

L’obiettivo per la svolta di questa forma di mobilità è considerato la cosiddetta batteria a celle a combustibile solido, un tema su cui anche Mercedes sta lavorando a pieno ritmo da qualche tempo.

“Tecnologicamente sarebbe quasi uguale alla nostra soluzione (…) Le batterie hanno solo un materiale solido come accumulatore di energia, mentre il gas assume questa funzione nella nostra cella a combustibile”, spiega Kühn, che prevede tempi di rifornimento più brevi con questa tecnologia innovativa:

In termini di autonomia, l’innovativa cella a combustibile appositamente progettata dovrebbe raggiungere nuove dimensioni: “Possiamo percorrere fino a 2.000 chilometri con un solo pieno di carburante”, promette il capo della centrale.

Nel frattempo, BMW ritiene che il canto del cigno del motore a combustione avvenga troppo presto.

Patrick Freiwah

Fonte: Web Archive & energyload.eu

Creato: 30.04.2022 Aggiornato: 03/05/2022 15:01

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code