toba60

Blacklight Power ha Sviluppato un Energia Rinnovabile che Rende Preistorica l’Auto Elettrica

Siamo Stati Censurati, Quindi Condividi Questo Articolo

Randell Mills è riconosciuto come uno dei più’ grandi geni della scienza, e’ un personaggio ai più’ sconosciuto e non potrebbe essere altrimenti quando qualcuno mette mano agli interessi delle grandi multinazionali dell’energia.

Randell Mills & Andrea Rossi

L’articolo in questione era stato pubblicato sul New York Times (Fonte della propaganda dell’Establishment) ed e’ stato tolto poco dopo, avrete modo di notare che i commenti e le osservazioni sono palesemente scettiche sulle sue ricerche, ironia della sorte tutti i suoi video pubblicati su You Tube inerenti sua invenzione sono stati censurati.

Accedendo qui potrete vedere che Mills e’ in buona compagnia quando il frutto di una ricerca che non deve mai essere posta a conoscenza delle persone.

Toba60

Energia Rinnovabile che Rende Preistorica l’Auto Elettrica

Chiedete a quasi tutti i fisici se è possibile per un atomo di idrogeno entrare in uno stato di energia inferiore a quello di terra, o stato di riposo che detengono in natura, e probabilmente otterrete un inequivocabile “no”. Ma una piccola azienda del New Jersey chiamata Blacklight Power ha contestato questo assunto per oltre un decennio, e di recente, facendo affermazioni da gadjo che, secondo il suo fondatore, ribalteranno l’ordine scientifico accettato.

Per una persona normale, naturalmente, le dispute tra fisici sono peggio che noiose. Ma le affermazioni di Blacklight hanno un significato speciale: Se sono vere, c’è una fonte di energia economica e pulita che può essere facilmente sfruttata in qualsiasi parte del mondo. E piuttosto che tentare di convincere il mondo con i calcoli, Blacklight sta dicendo che ha la prova fisica del suo generatore di energia, verificata da un laboratorio universitario indipendente.

Per ulteriori approfondimenti potere accedere digitando qui

È difficile prestare attenzione a queste affermazioni, perché la storia scientifica è disseminata di teorie ambiziose e rivoluzionarie che si sono rivelate infondate. Ma Blacklight è un caso interessante.

La sua teoria dell'”idrino” non è presentata da un singolo pazzo; invece, l’azienda impiega una buona manciata di scienziati di alto livello che presumibilmente si ribellerebbero se l’idea fosse totalmente falsa. Ha anche preso più di 60 milioni di dollari in finanziamenti a rischio. Nonostante un forte rifiuto da parte del mainstream scientifico, e nonostante sia stato ignorato per anni, il suo fondatore, Randell Mills, è andato avanti. Abbiamo coperto ampiamente l’azienda a maggio, quando ha iniziato a dire di avere un prototipo di reattore da 50 kilowatt.

All’epoca, Mills era riluttante a fornire molte prove, dicendo solo che il processo era in fase di verifica. Ora un team di ingegneri della Rowan University, sempre nel New Jersey, si è fatto avanti con i risultati dei propri test del processo Blacklight. I test condotti in camere sigillate, e misurati con un dispositivo chiamato calorimetro, mostrano una reazione di calore da una sostanza fornita da Blacklight ben oltre ogni previsione.

Blacklight sta fornendo ai ricercatori della Rowan una comune forma industriale di nichel chiamata nichel Raney, che viene poi messa in reazione con l’acqua per produrre energia. “Siamo stati in grado di riprodurre regolarmente questi risultati e crediamo che qualsiasi laboratorio di ricerca potrebbe fare lo stesso”, mi ha detto Peter Jansson, il membro della facoltà che dirige gli esperimenti.

C’è un fattore strano nei test di Jansson, e cioè che il nichel Raney viene fornito da Blacklight, che a sua volta lo ottiene da un fornitore industriale. Quando ho chiesto, Jansson non era sicuro di cosa, se qualcosa, Blacklight ha fatto per preparare il materiale, ma Mills era felice di dirmi in un’intervista separata che è drogato con una quantità molto piccola di un altro materiale comune, idrossido di sodio, in un processo che altri potrebbero replicare.

Jansson, da parte sua, ha detto che i chimici del suo team che hanno analizzato il materiale non potevano vedere alcun modo chiaro che Blacklight potrebbe aver truccato i test in qualche modo immagazzinando energia nel nichel Raney. “Sarebbe stato piuttosto difficile fare questa quantità di accumulo di calore chimicamente in questo materiale”, ha detto Jansson. “Avremmo visto cambiamenti significativi”.

Va notato che Jansson è stato a conoscenza di Blacklight per anni, e ha anche agito come consulente per una società energetica che alla fine ha fatto un investimento strategico, ma sembra non avere legami immorali, solo un interesse continuo.

Jansson si professa anche imparziale sull’esistenza degli idrini, dicendo che è interessato ad ascoltare qualsiasi “spiegazione alternativa” alla teoria degli idrini. Mills, da parte sua, dice che gli piacerebbe che gli scienziati verificassero indipendentemente ogni passo del processo, dall’ottenere il nichel Raney e drogarlo ai test calorimetrici per provare che le esplosioni di energia esistono davvero. Le informazioni per eseguire questi test sono gratuite per il pubblico, dice; l’unica cosa richiesta è un ricercatore disposto a prendersi il tempo per capire il processo.

Sfortunatamente, le reazioni che la squadra di Jansson ha ottenuto sono solo una rapida esplosione di calore intenso. Per un processo commerciabile, ci dovrebbe essere un’uscita costante. Mills spiega questo dicendo che ha volutamente mantenuto la conoscenza dei metodi per mettere in loop la reazione all’interno dell’azienda, in modo che i suoi ricercatori possano rimanere un passo avanti nel loro lavoro sul reattore da 50KW che l’azienda ha precedentemente annunciato.

Secondo Mills, è probabile che un ricercatore totalmente indipendente verifichi l’intero processo entro un anno. Nel frattempo l’azienda inizierà a dare in licenza il suo processo energetico, e a lavorare con l’idrogeno in varie applicazioni chimiche.

Come ho notato a maggio, sarebbe strano, se Blacklight fosse una completa messinscena, che Mills si mettesse in un gioco finale in cui verrebbe definitivamente dimostrato che ha torto entro un anno o due. Quindi sembra esserci qualcosa di più profondo qui. I fisici negheranno la teoria degli idrini, e potrebbero avere ragione; forse è per questo che c’era una distinta nota di compiacimento nella voce di Mills quando ha detto: “La controversia e il dibattito accademico non fermeranno la commercializzazione”.

Le prove che ci sono, Mills le definisce “totalmente inequivocabili”, anche se sembra prudente aspettare che emergano più verifiche indipendenti per quella che Mills stesso definisce la più importante svolta energetica dalla scoperta dell’energia nucleare.

Come sempre con questo tipo di storia, i lettori sono incoraggiati ad aggiungere qualsiasi prospettiva extra che hanno nei commenti.

P.S.

BLP ha fabbricato e testato con successo celle CIHT in grado di produrre un’uscita elettrica netta fino a 50 volte quella dell’input per mantenere il processo”,…”Alcune celle hanno prodotto energia costante per oltre un mese. La generazione di energia è coerente con la teoria del rilascio di energia del Dr. Mills risultante dalla formazione di Hydrino. Non è stato possibile identificare altre fonti di energia.

La cella CIHT utilizzerà prodotti chimici economici, abbondanti, non tossici, senza problemi di approvvigionamento a lungo termine che potrebbero precludere la produzione commerciale ad alto volume. Si stima che il costo di capitale della cella CIHT basato sull’ottimizzazione delle dimensioni della cella sia inferiore a $ 100/kW rispetto ad almeno dieci volte quello delle celle a combustibile che richiedono ulteriormente una fonte di idrogeno o gas idrogeno e un’infrastruttura per il carburante.

Dr. Terry Copeland, ex responsabile dello sviluppo dei prodotti per diverse aziende elettrochimiche ed energetiche tra cui DuPont Company e Duracell .

Per quelli con il giusto background, l’ultimo documento di Blacklight sul suo processo è qui.

Fonte: archive.nytimes.com & hydrogenicpower.wordpress.com

La censura è una spada di Damocle che incombe ogni giorno sopra la nostra testa, collabora con noi attraverso un contributo mensile, Byoblu ha dovuto accedere alle reti televisive per lavorare liberamente e va ”Supportato”, fa che coloro che  rimangono non debbano chiudere, siamo pure noi fondamentali ed importanti e solo insieme possiamo far fronte ad uno strapotere mediatico neoliberista e non intendiamo in alcun modo offrire loro il  monopolio assoluto dell’informazione.  Toba60


Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code