toba60

Bolle d’Odio: Come i Social Media Mantengono gli Utenti Dipendenti, Soli e Male Informati

C’era una canzone che diceva ”Eravamo quattro amici al Bar che volevano cambiare il mondo” (Gino Paoli) e oggi piu’ che mai si e’ verificato un cambiamento che ha invertito il ruolo di chi doveva essere protagonista di questa rivoluzione.

Un tempo ci si incontrava per discutere o realizzare un obbiettivo comune, oggi con i social media ci si incontra per essere modificati, nel modo di pensare di agire di comportarsi e senza colpo ferire si vive nell’illusione di essere i protagonisti dalla propria vita che a insaputa di tutti e’ ora a tutti gli effetti totalmente sotto il controllo di qualcun’altro.

Ce ne accorgiamo noi di toba60 che quando vediamo i giudizi sui social su quello che pubblichiamo, nel 95% dei casi ci si vede liquidare il lavoro con un commento riferito al solo titolo di prima pagina.

Pochissimi leggono gli articoli sino in fondo e pochissimi ancora si impegnano ad approfondire ogni argomento in modo autonomo, la regola e’ consumare, consumare, consumare, come si fa con la merce, con il mangiare, gli affetti, i sentimenti e le idee, che cambiano costantemente seguendo lo stesso filo logico che poi condiziona e regola la vita di tutti i giorni.

Noi dalla nostra postazione in rete ci accorgiamo subito quando una persona accede direttamente al sito e coloro che invece passano attraverso i social e lo vediamo dal tempo che trascorre qui dentro, dove chi accede in autonomia sfrutta per intero gli articoli ricchi di contenuti e riferimenti che sono poi il sale di quanto si deve conoscere per capire sino in fondo, li dove gli utenti social con fretta tornano immediatamente nella loro nicchia accogliente e rassicurante che li protegge da intrusioni che possono intaccare la loro sfera privata la quale spesso non deve essere messa in discussione.

I social non sono una dannazione fine a se stessa, ma per il ruolo che riveste li dove il condizionamento operante poi si manifesta a pioggia in ogni settore della vita dove viene meno la consapevolezza di quella che e’ la sua reale funzione……..

Sapere ed essere informati non e’ la stessa cosa.

Toba60

Come i Social Media Mantengono gli Utenti Dipendenti, Soli e Male Informati

La comunicazione su Internet è passata da e-mail, bacheche e chatroom a una rete sofisticata e onnipervasiva. Le aziende di social media costruiscono la dipendenza nei loro prodotti. Più tempo passi sui loro siti e applicazioni, più dati generano. Più dati, più accuratamente anticipano cosa farai dopo e per quanto tempo. Migliori sono le loro previsioni, più soldi fanno vendendo la tua attenzione agli inserzionisti.

Depresse e insicure del loro valore come esseri umani, le giovani generazioni crescono conoscendo solo la prigionia digitale. Gli utenti più anziani sono intrappolati in bolle polarizzate di odio politico. Come al solito, i ricchi e potenti sono i beneficiari.

Padroni della manipolazione

Gli esseri umani sono animali sociali. Ma il grande business ci vuole isolati, distratti e suscettibili al marketing. Usando tecniche basate sul condizionamento classico, i programmatori dei social media colmano il divario tra i profitti aziendali e il nostro bisogno di comunicare, tenendoci contemporaneamente isolati e in rete.

Lo psicologo russo Ivan Pavlov (1849-1936) è stato il pioniere della ricerca sui riflessi condizionati, sostenendo che il comportamento è radicato nell’ambiente. Il suo lavoro fu seguito dagli americani John B. Watson (1878-1958) e B.F. Skinner (1904-90). I loro esperimenti di condizionamento, spesso crudeli, condotti su animali e neonati, posero le basi per il gioco d’azzardo e il design pubblicitario.

Già nel 1900, le slot machine furono progettate per fare dei rumori, come il suono di una campana, per suscitare risposte condizionate per mantenere il giocatore fisso sulla macchina: proprio come Pavlov usava una campana per condizionare i suoi cani a salivare. Dagli anni ’80, le slot machine avevano incorporato l’elettronica per avvantaggiare particolari simboli dando al giocatore l’impressione di essere vicino alla vittoria. I “pulsanti di stop” davano al giocatore l’illusione del controllo. Sandy Parakilas, ex Platform Operations Manager di Facebook, dice: “I social media sono molto simili a una slot machine”.

Gli esperimenti dello psicologo Watson “hanno messo in moto un cambiamento a livello industriale” in TV, radio, cartelloni e pubblicità sulla stampa “che ha continuato a svilupparsi fino ad oggi”, dice lo storico Abby Bartholomew. Gli argomenti includevano l’eccitazione emotiva nel pubblico (ad esempio, attrice sexy → compra il prodotto), la fedeltà al marchio (ad esempio, Disney è la tua famiglia), e studi motivazionali (ad esempio, compra il prodotto → guarda bene come questo ragazzo).

Molte di queste tecniche coinvolgono la stimolazione delle cosiddette sostanze chimiche “feel good” come la dopamina, le endorfine, l’ossitocina e la serotonina. Queste vengono rilasciate quando si mangia, si fa esercizio, si fa sesso e ci si impegna in interazioni sociali positive. I progettisti di software hanno imparato che il loro rilascio può essere innescato da cose semplici e inaspettate, come ricevere una e-mail, essere “friendzonato”, vedere un retweet e ricevere un “mi piace”.

Il co-fondatore miliardario di Facebook e Napster, Sean Parker, ha detto che l’obiettivo è quello di “darti un piccolo colpo di dopamina ogni tanto perché qualcuno ha apprezzato o commentato una foto o un post”. Ma Parker ha anche detto della sua azienda: “Dio solo sa cosa sta facendo al cervello dei nostri figli”.

L’ex vicepresidente della crescita degli utenti di Facebook, Chamath Palihapitiya, non permette ai suoi figli di usare Facebook e dice “abbiamo creato strumenti che stanno facendo a pezzi il tessuto sociale”. Tim Cook, l’amministratore delegato della Apple, la prima azienda al mondo con un trilione di dollari, sui cui iPhone si verificano principalmente le dipendenze, ha detto senza mezzi termini dei suoi giovani parenti: “Non li voglio su un social network”.

Con la consapevolezza che “le più grandi aziende della Silicon Valley sono state nel business di vendere i loro utenti” (investitore tecnologico, Roger McNamee), i progettisti di social media hanno costruito sulla storia del comportamentismo e della dipendenza dai giochi per mantenere gli utenti agganciati.

Per esempio: Ai bei vecchi tempi, siti come la BBC e YouTube avevano numeri di pagina (“paginazione”), che davano agli utenti un senso di dove si trovavano nella loro ricerca di un articolo o di un video. Se i risultati della ricerca erano scarsi, l’utente sapeva di saltare all’ultima pagina e lavorare a ritroso. Ma le pagine sono state gradualmente eliminate e sostituite dallo “scroll infinito”, una caratteristica progettata nel 2006 da Aza Raskin di Jawbone e Mozilla.

La paginazione, per esempio, dà all’utente uno spunto per fermarsi. I designer hanno sistematicamente rimosso gli spunti di arresto. Paragonando lo scroll infinito alla “cocaina comportamentale”, Raskin ha detto: “Se non dai al tuo cervello il tempo di raggiungere i tuoi impulsi, continui a scorrere”.

Come lo fanno e come fa male

Gli utenti pensano di avere il controllo sulle loro abitudini sui social media e che le informazioni che gli vengono fornite, comprese le notizie e le pagine web suggerite, arrivino loro organicamente. Ma, a loro insaputa, il quadro è calcolato. Lo Stato profondo degli Stati Uniti, per esempio, ha aiutato a sviluppare le reti sociali. Sergey Brin e Larry Page hanno sviluppato il loro software di crawling del web, che poi hanno trasformato in Google, con i soldi della Defense Research Projects Agency degli Stati Uniti. Riferendosi al Massive Digital Data Systems, il dottor Bhavani Thuraisingham, finanziato dalla CIA, ha confermato che “[i]l programma MDDS della comunità di intelligence ha essenzialmente fornito a Brin il finanziamento del seme”.

Considerate come le tecnologie sono state commercializzate. “Crescita” significa denaro pubblicitario maturato da siti visitati, contenuti sfogliati, link cliccati, pagine condivise, ecc. I “Growth hackers” sono descritti dall’ex etico del design di Google Tristan Harris come “ingegneri il cui lavoro è quello di hackerare la psicologia della gente in modo da poter ottenere più crescita”. I progettisti costruiscono applicazioni nel software che manipolano gli spunti comportamentali inconsci degli utenti per condurli in determinate direzioni.

Per fare un esempio: L’ossitocina, la sostanza chimica del benessere, viene rilasciata durante le interazioni sociali positive. È probabile che venga stimolata quando i social media inviano un avviso via e-mail che la famiglia ha condiviso una nuova foto. Altre manie umane includono la ricerca di novità (per potenziali ricompense) e la tentazione (paura di perdersi o FOMO).

Queste sono legate alla dopamina, una sostanza chimica che fa sentire bene. Invece di includere la nuova foto di famiglia nell’e-mail, l’e-mail è progettata con una funzione URL per tentare l’utente a cliccare il link che lo indirizza al sito di social media per vedere la nuova foto. La catena di risposta chimica-ricompensa è la seguente: famiglia (ossitocina) → novità/nuova foto (dopamina), tentazione di cliccare/FOMO → ricompensa dall’interazione sociale positiva dopo aver cliccato e visto la nuova foto (stimolazione ossitocina-dopamina).

Questa contorta catena di eventi è progettata per vendere l’attenzione dell’utente agli inserzionisti. Più tempo passa a fare queste cose, più pubblicità possono essere indirizzate all’utente e più soldi per la società di social media. Harris dice che “si viene programmati ad un livello più profondo”.

Inoltre, profili psicologici su misura degli utenti sono costruiti segretamente, comprati e venduti a broker di dati, come Experian. I modelli comportamentali degli utenti alimentano programmi di apprendimento profondo che mirano a prevedere la prossima mossa online dell’utente in base ai suoi gusti personali e ai modelli di navigazione precedenti. Più accurata è la previsione, più è probabile che la loro attenzione sia attirata da una pubblicità e più soldi accumulano le aziende di social media. Dice l’ex Raskin di Mozilla: “Stanno gareggiando per la tua attenzione”. Egli chiede: “Quanto della tua vita possiamo convincerti a darci?”

Instagram è stato sviluppato nel 2010 da Facebook come servizio di condivisione di foto e video. È usato da un miliardo di persone a livello globale e, a differenza del teen-lover Snapchat, è usato principalmente dai 18-44enni. Instagram rientra nella categoria delle cosiddette “app antidolorifiche”. Un designer spiega che tali app “generano tipicamente uno stimolo, che di solito ruota intorno a emozioni negative come la solitudine o la noia”.

Snapchat è un’app di messaggistica progettata nel 2011 che memorizza immagini (“Snaps”) per un breve periodo di tempo. L’app è usata da 240 milioni di persone al giorno. A differenza di YouTube, la maggior parte dei cui utenti sono maschi, la maggioranza degli utenti di Snapchat sono donne. Solo il 17% degli utenti ha più di 35 anni. Il suo modello è Snapstreak: un tracker che conta i giorni da quando l’utente ha risposto allo Snap. I progettisti hanno costruito la FOMO (nota sopra) in Snapchat. Più lunga è la non-risposta dell’utente, maggiore è il calo del suo punteggio di credito. Questo può portare alla dipendenza perché, a differenza di Facebook, i tag di Snapchat sono “legami forti” (ad esempio, amici stretti, famiglia), quindi la pressione a rispondere è maggiore.

Oltre al contenuto dannoso dei social media bambini sessualizzati, standard di bellezza impossibili e sempre mutevoli, cyberbullismo, dipendenza dal gioco, perdita di sonno, ecc. – il design stesso dei social media danneggia i giovani utenti. Abbiamo tutti bisogno di amare noi stessi e di sentirci amati da una piccola cerchia di persone: amici, famiglia e partner. I giovani sono particolarmente suscettibili al disprezzo di se stessi e a mettere in dubbio che qualcuno li ami.

L’introduzione dei social media è stata devastante.

Un terzo degli adolescenti che passano almeno due ore al giorno sui social media, cioè la maggioranza, ha almeno un fattore di rischio di suicidio. La percentuale aumenta a quasi la metà per quelli che passano cinque ore o più. Uno studio sui quattordicenni ha scoperto che quelli con meno like sui social media rispetto ai loro coetanei hanno sperimentato sintomi depressivi. Gli adolescenti che sono già vittimizzati a scuola o all’interno del loro gruppo di pari sono stati i più colpiti.

Divisi e conquistati

Un’altra caratteristica incorporata nei social media è la polarizzazione degli utenti lungo linee politiche; un fenomeno che riguarda soprattutto le persone in età di voto. Una delle tante debolezze umane sfruttate dai progettisti di social media è l’omofilia: il nostro amore per le cose e le persone simili e familiari a noi. L’omofilia ci fa sentire sicuri, compresi, convalidati e rinforzati positivamente. Stimola le sostanze chimiche del benessere e, nei contesti dei social media, viene sfruttata per tenerci all’interno di una camera d’eco in modo che i nostri pregiudizi siano costantemente rinforzati e che restiamo online più a lungo. Ma questo è sano?

Riferendosi alle discussioni di gruppo su Usenet, l’avvocato Mike Godwin ha formulato la Regola delle Analogie Hitleriane (o Legge di Godwin), che postula correttamente che più lunga è una discussione online, maggiore è la probabilità che un utente paragoni gli altri a Hitler. La formula era un riflesso della mancanza di tolleranza degli utenti verso le opinioni degli altri.

Una proiezione pubblicata nel 2008 chiedeva se la gente sarà più tollerante grazie a internet. Quasi sei partecipanti su 10 non erano d’accordo, rispetto a soli tre su 10 che erano d’accordo. In molti modi, gli specialisti dell’industria erano fatalisti. L’architetto di Internet, Fred Baker di Cisco Systems, ha detto: “La natura umana non sarà cambiata.

Ci sarà una più ampia comprensione dei punti di vista, ma la tolleranza del disaccordo fondamentale non sarà migliorata”. Philip Lu di Wells Fargo Bank Internet Services ha detto: “Proprio come i social network hanno permesso alle persone di diventare più interconnesse, questo permetterà anche a quelli con opinioni estreme… di connettersi ai loro spiriti ‘affini'”. Dan Larson della Fondazione PKD ha detto: “Più le persone sono aperte e libere di trasmettere i loro sentimenti interiori su cose/persone, specialmente sotto l’anonimato di Internet – favorirà solo sempre più vetriolo e bigottismo”.

Gli utenti possono gonfiare artificialmente la loro importanza e la forza dei loro argomenti creando più account con nomi diversi (“sock puppet”). Alcuni siti web vendono “seguaci” per aumentare i profili degli utenti. Si stima che la metà dei follower di celebrità e politici su Twitter siano bot. Algoritmi che vomitano gibbosità sono stati programmati per scrivere recensioni false su Amazon per danneggiare le vendite dei concorrenti.

In almeno un caso, un troll pro-Israele è stato smascherato fingendosi un antisemita per dare l’impressione che l’antisemitismo è dilagante online e quindi gli utenti dovrebbero avere più simpatia per Israele. I creatori di contenuti si trovano sempre più spesso de-platformati a causa delle loro opinioni politiche, mentre gli account dei social media di altri vengono soppressi di proposito (“shadow-banning”).

Nell’era della COVID, si diffonde disinformazione da entrambe le parti: la gravità della malattia, l’efficacia dei vaccini, la necessità dei blocchi, ecc. Come per la politica americana, la Brexit, il cambiamento climatico, ecc. nessuna delle due parti vuole parlare in modo razionale e aperto con l’altra. I disegni stessi dei social media rendono questo molto difficile.

Va sottolineato che alcuni social media sono progettati per creare eco-camere, mentre altri non lo sono. Cinelli et al. hanno studiato le conversazioni su argomenti emotivi – aborto e vaccini – e hanno scoperto che mentre Facebook e Twitter mostrano chiare prove dell’effetto eco-camera, Reddit e Gab non lo fanno. Sasahara et al. dimostrano che a causa del bisogno di convalida degli utenti, quando i like e le amicizie vengono ritirati la rete tende a scendere in un’eco-camera.

Conclusione: Cosa possiamo fare?

Si è notato sopra il finanziamento di Google da parte dello Stato profondo. Più recentemente, l’ex contractor della NSA Edward Snowden ha rivelato che Apple, Facebook, Google, Microsoft e altri stavano passando i dati degli utenti al suo ex datore di lavoro. Governo e big tech sono diventati “la mano sinistra e la mano destra dello stesso corpo”.

Nel Regno Unito, la NSA ha lavorato con il quartier generale delle comunicazioni del governo nel Joint Threat Research Intelligence Group. Le fughe di notizie hanno rivelato un’operazione di sorveglianza e interruzione senza precedenti, in tempo reale, che includeva l’hacking degli account dei social media degli utenti, la pubblicazione di contenuti a loro nome, la cancellazione dei loro account, l’adescamento in trappole, l’inserimento di prove incriminanti su di loro, e altro ancora.

Per battere il social network antisociale, dobbiamo ricordare chi siamo e cos’è la vera comunicazione. Dobbiamo proteggere i giovani dalle grinfie onnipervasive dei “social media” e renderci conto che ci stanno vendendo.

Chiedetevi: Usate i social media solo per organizzare proteste, avvisare gli amici di prodotti curativi alternativi e diffondere messaggi contro la guerra? O li usate per inviare informazioni irrilevanti sulle vostre abitudini quotidiane in attesa che appaia un emoji o un “mi piace”?

Fare un passo indietro può permetterci di vedere all’esterno, e anzi di bucare la bolla di odio digitale in cui lo Stato profondo e i settori corporativi ci hanno imprigionato.

Dr. Tim Coles

Fonte: newdawnmagazine.com

SOTTOSCRIVI UN PICCOLO PIANO DI DONAZIONE MENSILE E AIUTA COLORO CHE L’ESTABLISHMENT VUOLE CENSURARE

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE

Abbiamo bisogno del tuo aiuto …

La censura dei motori di ricerca, delle agenzie pubblicitarie e dei social media controllati dall’establishment sta riducendo drasticamente le nostre entrate . Questo ci rende difficile continuare. Se trovi utile il contenuto che pubblichiamo, considera di sostenerci con una piccola donazione finanziaria mensile.




Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code