toba60

C.G. Jung: Sviluppare l’Immaginazione del Male è la Porta Verso la Nostra Luce

Quando ero giovane era una consuetudine per me comperare e leggere i classici della psicologia che un tempo godevano di una visibilità che ora viene riservata solo ai testi di Bruno Vespa e Luciana Littizzetto.

C.G. Jung rappresentava per molti un ribelle e come tela godeva di una reputazione assai controversa che io onestamente ho avuto modo di verificare per la sola questione che non lo capivo proprio.

Le opere degli autori che fecero la storia della psicologia le consultai tutte ma le sue mi ripromisi di leggerle solo dopo il 50 anno di età e cosi feci.

Assecondai il mio libraio di fiducia che saggiamente mi disse che ero troppo giovane e immaturo per comprenderle e che avrei dovuto aspettare ancora un po prima di rendere omaggio dei suoi studi.

Non e’ il caso che ognuno di voi aspetti tanto e cercate di far tesoro dei suoi insegnamenti che sono utili ed eterni e fate un buon uso degli autori citati precedentemente rendendo omaggio ad un caminetto che necessita solo di un po di calore.

Toba60

Sviluppare l’Immaginazione del Male

Viviamo in un’epoca di emergenza di grandi tenebre nel nostro mondo. Il grande medico dell’anima C. G. Jung, che ha elaborato l’idea dell’esistenza dell’ombra all’interno della psiche umana, aveva intuizioni profondamente preziose sulla natura della situazione psicologica nel mondo di oggi, in particolare sul ruolo che l’oscurità dell’ombra gioca nel nostro mondo moderno.

C.G. Jung

Jung riteneva che il male catastrofico che si sta manifestando oggi nel nostro mondo è un’espressione archetipica del processo di transizione dell’umanità da un’epoca e uno stato di coscienza ad un altro. Egli era dell’opinione che il destino del mondo dipendesse letteralmente dal riconoscimento degli elementi d’ombra dentro di noi e dalla loro assimilazione in un senso di sé più espanso che include sia i nostri aspetti chiari che quelli oscuri.

Ciò che non accettiamo in noi stessi, ma che piuttosto escludiamo dalla nostra immagine di sé e spingiamo nelle ombre del mondo sotterraneo dell’inconscio privandolo così della luce diventa tossico.

Questi contenuti d’ombra repressi accumulano una carica nell’inconscio, diventando contaminati da energie archetipiche arcaiche dell’inconscio collettivo. È veramente spaventoso come molti di noi siano così fuori contatto con la propria ombra che possiamo facilmente diventare strumenti inconsci attraverso i quali il male archetipico, che si nasconde nel lato oscuro della psiche umana, può agire attraverso di noi nel mondo.

Continuiamo a pensare di essere “simplex e non duplex”, per usare le parole di Jung. Ci immaginiamo così di essere “innocui, ragionevoli e umani”. Non neghiamo che accadano cose terribili, ma poiché ci consideriamo innocui, sottolinea Jung, “sono sempre ‘gli altri’ che le fanno”.

Quando non siamo in contatto con il potenziale male che abita dentro di noi, lo proiettiamo fuori di noi nel futile tentativo di rinnegarlo, cadendo così in preda e agendo inconsapevolmente nel mondo esterno proprio il male che stiamo allontanando dentro di noi. Il male prospera sul nostro chiudere un occhio nei suoi confronti.

Per citare Jung, “Il male oggi è diventato un Grande Potere visibile…. Ci troviamo faccia a faccia con la terribile questione del male e non sappiamo nemmeno cosa abbiamo davanti, figuriamoci cosa contrapporre ad esso”.

La maggior parte delle persone comuni, psicologicamente e/o spiritualmente sottosviluppate, hanno difficoltà anche solo ad immaginare l’assoluta depravazione del male che può potenzialmente manifestarsi attraverso individui o gruppi (per non parlare di loro stessi) che sono presi dalla volontà di potere dell’ombra. Per sviluppare un senso di come affrontare il male, tuttavia, dobbiamo prima cercare di capire la natura della bestia con cui abbiamo a che fare.

Il primo principio del metodo psicologico è che ogni fenomeno da comprendere deve essere immaginato simpaticamente. Nessuna sindrome può essere veramente liberata dalla sua condizione maledetta finché non muoviamo prima l’immaginazione nel suo cuore. Uno dei passi più importanti nel trattare il male è, secondo Jung, sviluppare quella che lui chiama “immaginazione per il male”.

Se non possiamo immaginare il male di cui gli esseri umani sono potenzialmente capaci – e di cui noi stessi, nelle giuste circostanze, potremmo essere capaci – nella nostra ingenuità, ci offriamo nelle mani del male. Se il male sfugge alla portata della nostra immaginazione, esso imporrà, imporrà e stabilirà il dominio su di noi, sia nella nostra immaginazione che nella nostra vita concreta. Poiché la nostra immaginazione può aiutarci a controllare il male, il male cerca di soffocare e infine distruggere l’immaginazione, ed è per questo che mobilitare l’immaginazione creativa è cruciale nel trattare con i poteri delle tenebre.

Sigmund Freud & C.G.Jung

Se non sviluppiamo un’immaginazione per il male, possiamo perdere il contatto con la nostra ombra e identificarci con ciò che Jung chiama una “personalità fittizia”, vale a dire che, separandoci dalla nostra oscurità, concepiamo noi stessi come qualcuno che non siamo – una versione “leggera” di noi stessi.

Tutti abbiamo una metà oscura, ma nella misura in cui ci identifichiamo eccessivamente con il nostro lato più leggero a spese dell’oscurità che è in noi, finiamo per non essere in grado di immaginare le profondità dell’oscurità di cui siamo capaci. Jung non ha peli sulla lingua quando scrive: “Siamo sempre, grazie alla nostra natura umana, dei potenziali criminali. In realtà ci mancava solo l’occasione adatta per essere trascinati nella mischia infernale”. Siamo tutti inseparabilmente interconnessi e partecipiamo dell’inconscio collettivo (più oscuro) condiviso dell’umanità – il lato ombra dell’essere umano – ed è per questo che Jung scrisse: “Nessuno di noi sta fuori dall’ombra nera collettiva dell’umanità”.

Ci sono forze impersonali che animano e informano l’ombra collettiva che si annida nel nostro inconscio. Nelle parole di Jung, “Siamo beatamente inconsapevoli di queste forze perché non appaiono mai, o quasi mai, nelle nostre relazioni personali o in circostanze ordinarie.

Ma se le persone si ammassano e formano una folla, allora i dinamismi dell’uomo collettivo sono lasciati liberi – bestie o demoni che giacciono dormienti in ogni persona [sono lasciati liberi] …. Il cambiamento di carattere provocato dall’impeto delle forze collettive è sorprendente. Un essere gentile e ragionevole può trasformarsi in un maniaco o in una bestia selvaggia”. La capsula di Petri delle masse è un terreno di coltura per far fiorire e propagare il male. Abbiamo a che fare non solo con forze meramente personali che hanno a che fare con noi come individui, ma con forze impersonali, transpersonali – i “poteri e principati” della Bibbia.

Queste forze collettive, impersonali e archetipiche possono essere così schiaccianti che – quando ci riuniamo in un gruppo più grande – possono prendere una vita apparentemente propria, possedendo la nostra identità egoica, trasformandoci nei loro accessori in modo che diventiamo le marionette inconsapevoli di queste forze. La possessione collettiva può facilmente trasformarsi in un’epidemia psichica – una psicosi collettiva – qualcosa che è importante per noi essere attenti in tempi come i nostri in cui la violenza della folla sta aumentando nel nostro mondo.

Jung scrive: “Le gigantesche catastrofi che ci minacciano oggi non sono eventi elementari di ordine fisico o biologico, ma eventi psichici…. In qualsiasi momento diversi milioni di esseri umani possono essere colpiti da una nuova follia, e allora avremo un’altra guerra mondiale o una rivoluzione devastante … l’uomo moderno è battuto dalle forze elementari della sua stessa psiche.

Questo è il potere mondiale che supera di gran lunga tutti gli altri poteri sulla terra”. In altre parole, il grande potere – e la forza apparentemente più oscura – che ci minaccia oggi si trova nel luogo in cui ha origine, all’interno della nostra psiche. Non dobbiamo più sottovalutare, ma piuttosto riconoscere il ruolo primario che la psiche sta giocando negli affari mondiali.

C.G. Jung

Il prossimo passo che dobbiamo fare nel trattare con il male – nelle parole di Jung, “cosa mettergli contro” – è riconoscere che l’oscurità nel nostro mondo ci sta rivelando qualcosa dentro di noi che è molto utile conoscere. Cercare la soluzione al problema mondiale del male al di fuori di noi stessi è allontanare e distrarre noi stessi dalla fonte del problema (così come la potenziale soluzione), che, come Jung sottolinea ancora e ancora, si trova solo dentro l’individuo.

Anche se le radici del male possono essere scoperte solo all’interno dell’individuo, questo non significa che le forze del male che si possono incontrare all’interno di una psiche individuale siano solo una questione personale. Nel sondare le nostre profondità, possiamo potenzialmente trovarci faccia a faccia con le vaste e formidabili forze dell’ombra archetipica e collettiva dentro di noi, poiché siamo tutti, nei recessi più profondi del nostro essere, fondamentalmente connessi alla psiche transpersonale, sia nei suoi aspetti chiari che in quelli oscuri.

Il fallimento dell’immaginazione è stato la causa di alcune delle maggiori calamità della storia mondiale. Jung era dell’opinione che se non abbiamo immaginazione per il male, “il male ci ha in pugno”. Non essere in contatto con il nostro potenziale per il male ci assicura che lo compiremo inconsapevolmente.

Se non sviluppiamo un’immaginazione sfaccettata per il male, non c’è modo per noi di sapere a cosa andiamo incontro. La nostra mancanza di immaginazione per il male è il modo migliore per renderci, per usare le parole di Jung, “uno strumento del male”. La nostra mancanza di comprensione del male di cui ognuno di noi è capace, per citare Jung, “ci priva della capacità di affrontare il male”. Dobbiamo essere in intimità e conoscere l’oscurità dentro di noi se vogliamo avere qualche speranza di affrontare efficacemente l’oscurità nel mondo in generale.

È di cruciale importanza per noi coltivare la facoltà dell’immaginazione per essere in grado di affrontare il male nel nostro mondo. “Il male”, scrive Jung, “non può più essere allontanato dal mondo con una circonlocuzione. Dobbiamo imparare a gestirlo, perché è qui per restare”. Possiamo negarlo quanto vogliamo, insistendo nel rimanere ciechi – come gli struzzi, mettendo la testa sotto la sabbia.

Tuttavia, non c’è modo di sfuggire al fatto che – come un modo di trovare e approfondire la nostra connessione alla luce – siamo destinati a fare i conti con il lato più oscuro di noi stessi e dell’universo nel suo insieme, che sta emergendo in vista solo a causa della vicinanza e dell’intensità di una grande luce.

C.G. Jung

Integrare la nostra ombra non è una ricerca intellettuale, ma è un problema morale che sfida tutta la persona. Diventare consapevoli dell’ombra è essenziale per qualsiasi grado di conoscenza di sé. Il processo di far luce sull’ombra si incontra di solito con una forte resistenza interiore, perché l’ignoranza ha un’inerzia che deve essere superata per far posto alla luce dell’autoconoscenza.

Per citare Jung, “Perciò l’individuo che desidera avere una risposta al problema del male, come si pone oggi, ha bisogno, prima di tutto, della conoscenza di sé, cioè della massima conoscenza possibile della propria integrità”.

Nei nostri attuali tempi catastrofici, la conoscenza del fondamento più intimo del nostro essere la nostra integrità intrinseca è assolutamente imperativa. Jung conclude: “L’auto-riflessione individuale, il ritorno dell’individuo al fondamento della natura umana, al suo essere più profondo… ecco l’inizio di una cura per quella cecità che regna nell’ora presente”.

Ogni volta che riflettiamo su noi stessi siamo destinati a incontrare le frontiere vive dell’inconscio stesso, che è dove si trova la vera medicina che guarisce la nostra cecità.

Paul Levy

Fonte: awakeninthedream.com

SOTTOSCRIVI UN PICCOLO PIANO DI DONAZIONE MENSILE E AIUTA COLORO CHE L’ESTABLISHMENT VUOLE CENSURARE

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE

Abbiamo bisogno del tuo aiuto …

La censura dei motori di ricerca, delle agenzie pubblicitarie e dei social media controllati dall’establishment sta riducendo drasticamente le nostre entrate . Questo ci rende difficile continuare. Se trovi utile il contenuto che pubblichiamo, considera di sostenerci con una piccola donazione finanziaria mensile.



Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code