toba60

Calcio: Principi Teorici e Pratici del Contropressing

Siamo Stati Censurati, Quindi Condividi Questo Articolo

Se qualcuno pensa che non essendo un magazine interamente dedicato al calcio qui non trovi tematiche utili ed interessanti, si sbaglia di grosso.

Jurgen Klopp

Nel nostro staff ci sono tecnici di massima divisione che collaborano con noi e qui sicuramente potete reperire cose che in nessun altro portale avrete modo di trovare concentrate in un unico posto.

Abbiamo migliaia di articoli già pronti e solo le nostre poche risorse umane a materiali non ci consente per ora di soddisfare al meglio quanto e’ nel nostro potenziale fare.

Quello che avrete modo di apprendere attraverso la lettura di questo servizio e’ un proseguimento su quanto pubblicato precedentemente.

Siamo sicuri che gli addetti ai lavori lo rileggeranno più volte

Buon proseguimento…

Toba60

Teoria tattica: la contropressione

Negli ultimi anni, il contro pressing è diventato un tormentone nel gergo calcistico tedesco. Anche a livello internazionale, il contro pressing è automaticamente associato al calcio tedesco e alla Bundesliga. Purtroppo, troppo spesso viene spiegato in modo errato, sia linguisticamente che tecnicamente.

Da dove viene il nome?

Per cominciare: non lo so esattamente. Peter Hyballa dice che “contro pressing” è semplicemente una nuova parola per “seguire”; naturalmente ha ragione. La parola contro pressing o contropressione permette semplicemente di strutturare un po’ meglio il momento di commutazione ed è un po’ più chiaramente definita in questo senso. Nel calcio amatoriale, il follow-up non è solo associato al contro-pressing, ma spesso anche alle azioni di pressing all’indietro nel pressing regolare.

La parola contro pressing, tuttavia, sembra provenire dalla stessa DFB. Nell’estate del 2008, fu l’allora direttore del corso Ralf Peter a parlare esplicitamente di contropressione. Questa è la seconda voce più vecchia su “controstampa” che ho potuto trovare durante la mia ricerca. L’articolo più vecchio su internet è di due anni più vecchio e tratta di tecniche sessuali su med1 che prima mi erano sconosciute.

Nel mondo di lingua spagnola, sembra esserci qualcosa sul “contrapressing” già nel 2002, anche se completamente privo di tecniche sessuali. Nella Bundesliga tedesca, sono stati Jürgen Klopp e Thomas Schaaf a usare il termine tecnico “contrapressing”. Jürgen Klinsmann ha parlato di riconquistare immediatamente la palla, come idea di gioco e strumento tattico, che equivale alla contropressione

“Vogliamo costruire uno stile di gioco per riconquistare la palla dove l’abbiamo persa. Vogliamo smettere di cadere e riorganizzarci”.

Jürgen Klinsmann

Il Contro Pressing consiste semplicemente nel premere la contropressione dell’avversario. La parola contro pressing deriva probabilmente anche da questo, perché si preme il contropiede dopo aver perso la palla. Questa è la differenza rispetto al pressing regolare, che avviene contro un attacco organizzato dell’avversario. In un certo senso, si potrebbe anche fare così:

Contropiede (attaccare dopo un attacco) Contropressione (pressione dopo una pressione).

Oppure:

Pressione – Attacco Contropressione – contrattacco

Tuttavia, non solo molti allenatori a livello internazionale hanno problemi con la terminologia, ma anche con l’applicazione. Anche se la contropressione sta diventando sempre più accettata, il modo esatto in cui funziona sembra ancora poco chiaro.

Cos’è la contropressione?

Ci sono quattro fasi di gioco nel calcio. La contropressione è considerata come una pressione nel momento della commutazione. Per l’avversario, è il momento di commutazione offensiva, per la propria squadra il momento di commutazione difensiva in cui avviene la contropressione. La valutazione “difensiva” e “offensiva”, tuttavia, riflette una linea di pensiero e di intenzione che è una supposizione. Oggettivamente corretto è solo che una squadra ha la palla, un’altra no.

Quindi, in linea di principio, ci sono due fasi: il possesso della palla e il possesso dell’avversario. I momenti di commutazione, a loro volta, si riferiscono al passaggio in possesso o al passaggio al possesso da parte degli avversari o delle rispettive organizzazioni in queste fasi.

Se si segue questo schema, le quattro fasi del gioco costituiscono un ciclo, che è chiaramente riconoscibile. Non si può passare da “passare a non avere la palla” ad “avere la palla”. Così, in queste quattro fasi di gioco, nasce la seguente direzione, che si presenta così:

Ma come si inserisce la contropressione in questo schema?

In un certo senso, bisognerebbe definire qui se il contro-pressing o il contro-pressing si riferisce al pressare l’attacco dell’avversario e impedire che finisca o impedire la creazione stessa. A questo proposito, si potrebbe sostenere che il modello delle quattro fasi di gioco è preso ad absurdum dalla contropressione. Con l’aiuto del contro pressing, non si passa alla fase difensiva, ma si impedisce esattamente questo; idealmente, si pressa l’avversario così rapidamente dalla precedente formazione offensiva che non può passare correttamente, mentre tu non devi passare da solo. Così, la contropressione, praticata abbastanza presto, inverte il ciclo.

Un modello alternativo per le fasi di gioco potrebbe quindi assomigliare a questo:

Questa discrepanza tra le due squadre nelle fasi di gioco è anche il motivo per cui Jürgen Klopp una volta ha chiamato la contropressione il miglior playmaker del mondo. La squadra in contropressione cerca di passare al fronte, mentre l’altra squadra non cerca di passare al retro. Se riesce a farlo, l’avversario si trova in uno scaglionamento che non si adatta alla fase di gioco e, di conseguenza, non si adatta alla specifica situazione di gioco, mentre si potrebbe attuare l’attacco precedente in modo relativamente efficace dallo scaglionamento precedente.

Il concetto di passaggi sbagliati deliberati e successive conquiste di palla si avvale esattamente di questo punto, come spiega Ralf Peter qui e cita il Barcellona con Guardiola come esempio. Tuttavia, si può anche dedurre da questo che il concetto delle quattro fasi è in realtà insostenibile.

La contropressione come prevenzione delle opportunità di commutazione è possibile solo per un breve periodo, ergo un’altra fase dovrebbe essere definita: La possibilità di prevenire le opportunità di commutazione. Dal proprio possesso di palla, si potrebbe passare alla prevenzione dello slancio di commutazione, che di solito ha una durata estremamente breve. Se questo ha successo, c’è un ritorno al possesso o, altrimenti, il momento del passaggio al possesso avversario. Nel modello classico, questa prevenzione del momento di commutazione è semplicemente parte del momento di commutazione.

L’altra squadra, invece, ha fasi in cui non ha la palla, ma già verso la fine di questa fase – cioè nell’anticipazione individuale e/o nella preparazione tattica di squadra per la conquista della palla – si preoccupa di creare opportunità di contropiede. Naturalmente, questa non è una fase a sé stante, ma ha altre implicazioni per il movimento della squadra nel suo complesso e serve come una sorta di momento di passaggio per il momento del passaggio. Da questo punto di vista, si tratta di una transizione ai margini del momento del possesso al momento della commutazione.

Dopo aver conquistato la palla, c’è l’iniziazione al contrattacco o all’organizzazione. Questo è esattamente il momento in cui la squadra di Pep Guardiola decide se contrattaccare (raro a causa della stabilità del successo) o utilizzare la fase di commutazione per passare al possesso organizzato dei propri. Se il contropiede è iniziato, in realtà passano a un’organizzazione diversa nel proprio possesso che in un possesso organizzato. Guardiola parla quindi anche di una “regola dei 15 passaggi” per raggiungere quest’ultimo. Bisogna eliminare quella fase del gioco dell’avversario in cui possono avere accesso al contropressione.

Se si porta avanti questo discorso e lo si estende ad entrambe le squadre, si potrebbe introdurre un numero infinito di fasi di gioco che potrebbero essere classificate molto approssimativamente come “possesso” o “non possesso”, ma che portano con sé aspetti strategici completamente diversi e rappresentano situazioni diverse che richiedono un’organizzazione completamente diversa o la hanno come obiettivo desiderabile.

Non per niente Juanma Lillo e Guardiola parlano che non ci sono diverse fasi di gioco. Al contrario di altri, non distinguono fasi di palla, per così dire, ma un numero infinito di possibilità di fasi organizzative. Le chiamano strutture di posizione dinamiche.

Lillo, tra gli altri, una volta disse:

“Il gioco è un’unità indivisibile, non c’è un momento difensivo senza un momento d’attacco. Entrambi creano un’unità funzionale”.

Ogni echelon difensivo ha anche un valore offensivo intrinseco; i giocatori che si muovono contro la palla sono l’esempio più eclatante. Ogni formazione offensiva ha un valore difensivo intrinseco; il numero e l’organizzazione dei giocatori difensivi, per esempio, influenza entrambi gli aspetti. Ecco perché Lillo afferma ulteriormente:

“È possibile enfatizzare l’organizzazione difensiva in termini di aspetti specifici, dove si tiene conto anche di come si eseguiranno gli attacchi. Il posizionamento difensivo o l’occupazione dello spazio varia a seconda delle caratteristiche dell’attacco”.

Quindi questo miscuglio di pause con la direzione del ciclo della fase di gioco, che a sua volta crea le proprie fasi di gioco specifiche, il numero quasi infinito di intenzioni e organizzazione diverse per ogni fase di gioco, e l’interazione degli aspetti difensivi e offensivi in ogni scaglione in ogni fase di gioco assicura che questa divisione in quattro fasi di gioco semplicemente non riflette l’intero spettro di ciò che accade sul campo.

Questo grafico mostra una squadra in possesso di palla. Tuttavia, il loro barcollamento non ha solo un valore offensivo, ma anche difensivo. Anche sotto diversi aspetti; le strutture per il portatore di palla non sono ottimali, il che riduce la stabilità del gioco di possesso. Questo può portare a dei contrattacchi. Allo stesso tempo, lo scaglionamento in questa situazione è anche subottimale per difendere i contatori, anche se non è ovviamente cattivo. E anche la protezione in contropressione non è perfetta.

Tuttavia, la divisione di base è utile per suddividere questa pletora di situazioni in diverse categorie e semplificare la concettualizzazione.

“Accetto il concetto contro il gioco. In uno voglio definizioni ben definite e separate. Nel gioco è tutta una questione di dinamica, ciò che il gioco chiede”. – Un tizio chiamato o_numero10 su Twitter

Anche se si perdono alcune cose importanti, per esempio la chiarezza su concetti che sono presenti in tutte le fasi del gioco (gioco di collegamento, orientamento della palla del collettivo, ecc.), è utile per chiarire aspetti speciali (come i modi speciali di reagire dopo aver perso la palla).

A questo proposito, è ancora necessario prendere in considerazione le diverse possibilità che possono sorgere in un tale momento. Ecco perché vogliamo lavorare sulla contropressione pezzo per pezzo.

Collegamenti adeguati e posizionamento orientato alla palla in possesso di quest’ultima

Per poter praticare il contropiede, è importante il posizionamento di tutta la squadra in possesso di palla. Se questo non si adatta, la contropressione non funzionerà a causa della mancanza di accesso. Invece, l’avversario normalmente si sposta in avanti e gioca contro il proprio slancio, il che di solito gli dà spazio e molte opzioni nel gioco d’attacco. Qui, prendere la propria posizione il più rapidamente possibile nel concetto difensivo pianificato sarebbe probabilmente la variante più stabile per il successo.

Tuttavia, come già detto, il contropresing ha molti vantaggi; crea una discrepanza con l’avversario nel gioco di commutazione, si può continuare a giocare efficacemente nella precedente formazione d’attacco, impedisce il possesso e le opportunità di contropiede per l’avversario e idealmente non perde alcuno spazio.

Affinché questo funzioni, ci dovrebbe essere uno stagger adeguatamente allineato alla palla. Questo include i seguenti aspetti:

Occupazione adeguata delle zone vicine alla palla, tra l’altro sovraccaricando le zone vicine alla palla e compattezza locale. Piccola distanza dei giocatori circostanti e dell’intero blocco dalla palla (leader) Piccole distanze tra i giocatori, che permettono possibilità di combinazione attraverso passaggi piatti e guadagno di spazio nel gioco di possesso e nella costruzione dell’attacco, ma permettono un accesso rapido dopo la conquista della palla Scaglionamento orientato al pallone e alla palla del collettivo e dei singoli giocatori al suo interno (campi di visione, ecc.); tutti i giocatori sono allineati in modo tale da occupare le opzioni della palla; offensivamente, questo significa offrire efficacemente postazioni di face-off e difensivamente, occupare vie di passaggio dirette e indirette verso la porta.

Se si seguono queste linee guida, di solito c’è un’organizzazione adeguata per la contropressione durante il possesso. Con l’aiuto di diverse linee guida per il movimento e il gioco offensivo, è possibile coordinare esattamente l’aspetto di questo scaglionamento.

Il gioco posizionale concettuale di Josep Guardiola, per esempio, è considerato il motivo per cui il FC Barcelona ha praticato un’eccezionale contropressione sotto di lui. Può anche essere provata con precisione attraverso una speciale divisione del campo in zone, specifiche per l’occupazione delle rispettive zone e distanze tra i giocatori nelle singole zone.

Oltre allo scaglionamento del possesso, anche la natura del gioco di possesso è importante. Un’enorme concentrazione sulle zone laterali o frontali, per esempio, distrugge la struttura posizionale ideale.

Qui si può vedere uno scaglionamento solo marginalmente cambiato, ma migliore grazie alle possibilità e alle distanze. Questa struttura permette una maggiore stabilità nel gioco con la palla e una maggiore presenza in un’eventuale fase difensiva.

Il gioco di passaggio come componente dinamica del gioco di possesso per la contropressione.

I passaggi lunghi o di media lunghezza spesso portano a palle intercettate in modo più pulito e quindi meno accesso diretto nel contropiede. I passaggi corti, d’altra parte, di solito hanno la possibilità che il giocatore effettivamente da giocare possa andare direttamente lui stesso con un buon campo visivo sul nuovo conduttore di palla, mentre il passatore può coprire rapidamente la seconda direzione.

Quando la palla viene persa sul palleggio, la direzione è spesso già impostata per l’avversario nell’azione successiva, anche se le distanze dal compagno di squadra sono di solito inadatte alla squadra in contropressione. Tuttavia, l’avversario di solito ha una cattura della palla più disordinata nell’uno contro uno e ha bisogno di più tempo per creare un campo visivo adeguato, il che significa che se il dribblatore si comporta bene, normalmente può creare pressione direttamente lui stesso.

Con le palle lunghe alla cieca – ergo una chiara attenzione alle seconde palle – ci sono spesso problemi a controllare l’azione di follow-up. Di solito una zona speciale è sovraccarica, ma le palle lunghe non sempre arrivano perfettamente. Per essere precisi: Quando si passa all’uomo libero da situazioni di gioco tranquille, di solito lo scaglionamento circostante è buono, l’avversario ha relativamente poco accesso al ricevitore del passaggio e la precisione del passaggio è alta. Inoltre, la propria squadra può anticipare molto presto e bene i passaggi deboli.

Le palle lunghe in una certa zona, d’altra parte, sono problematiche perché queste palle non raggiungono un compagno di squadra ma uno spazio. Di conseguenza, la squadra deve naturalmente mettere molti giocatori in una zona, il che significa che la zona di ricezione in una direzione – verticale o orizzontale – è spesso impostata molto piatta e quindi apre dei buchi. L’azione successiva può essere controllata solo in modo subottimale. Inoltre, spesso o gli spazi direttamente intorno alla zona di ricezione delle palle lunghe non sono occupati in modo ottimale o la protezione di questa protezione nell’ultima linea è troppo scaglionata, per cui un’azione sbagliata in contropressione può essere molto pericolosa.

Con una palla alta, è anche problematico che la maggior parte degli avversari può o piuttosto deve passarla direttamente a causa delle difficili possibilità di elaborazione; la contropressione non è quindi idealmente pianificabile anche a causa dell’insicurezza di controllo dell’avversario o c’è una reazione ritardata in cui un avversario pianifica successivamente la sua azione successiva dopo tutto e quindi accorcia l’intervallo ideale di cattura della palla o la evita del tutto.

Le croci sono anche interessanti per la contropressione. Puoi usare le ali per guadagnare semplicemente spazio (vedi l’articolo sul mezzo spazio), giocare al centro e concentrarti soprattutto sui rimbalzi e i contropiedi dell’avversario dalle zone profonde. Inoltre, è enormemente utile entrare nell’area dei dieci uomini tramite deviazioni e quindi ricevere palle per gli attacchi spesso con un campo visivo orientato alla meta.

Con un passaggio corto, gli avversari sono direttamente nelle vicinanze; con un passaggio più lungo, non lo sono (spesso).

Spesso, non solo l’opportunità di contropressione immediata è problematica con una palla rimbalzata, ma anche le opportunità successive per ulteriori azioni di contropressione. Anche se la palla viene rivendicata o passata con un colpo di testa, può poi essere persa in un altro spazio o ambiente, dove le opportunità di contropressione sono poi molto più deboli.

Anche qui, si possono trovare problemi simili o anche maggiori, perché la squadra non è più in prossimità diretta della palla o ha una formazione inadatta e troppo compressa intorno alla palla. Inoltre, i campi di visione – con molti giocatori di fronte alla propria porta sono problematici. Possono verificarsi ulteriori problemi tattico-psicologici: concentrazione sulla seconda palla, spazio concentrato e attesa di questa azione poco chiara e non troppo separata.

Un’ultima possibilità è un tiro bloccato, dove il contropiede è particolarmente adatto; questo perché il più delle volte lo scaglionamento dell’avversario è inadeguato e la propria formazione è dietro la palla con molta protezione – posizionale e spaziale – verso la propria porta. Con un tiro bloccato, ci sono anche problemi tattico-psicologici per l’avversario (concentrazione sulla propria area di rigore, sul controllo delle zone profonde, ecc. Tuttavia, è ovviamente un po’ problematico che con i blocchi chiari la palla spesso rimbalza incontrollata e via verso la parte posteriore, il che può anche avviare opportunità di contropiede con poco accesso di contropressione.

Con i passaggi brevi, bisogna anche considerare che la qualità del passaggio prima è anche importante. I passaggi molto netti sono più difficili da intercettare con precisione, hanno più probabilità di essere “bloccati” e sono quindi più facili da recuperare. Oltre alla distanza dal compagno di squadra, naturalmente è anche importante quanto sono bravi tecnicamente i giocatori e come si combinano; se il gioco combinato veloce funziona molto attraverso l’avanzamento e i passaggi – noto come “mig toc” al FC Barcelona, per esempio – allora i passaggi molto fermi sono un vantaggio per il gioco di possesso e la contropressione.

La direzione del passaggio come aspetto decisivo

Un altro componente è la direzione del passaggio. Con un passaggio verticale, succede spesso che l’avversario non solo ha un ottimo campo visivo per il passaggio, ma le distanze dall’avversario sono inadatte.

In un rombo, dove il punto inferiore corrisponde al punto superiore, o in un triangolo con un cateto orizzontale e uno verticale, dove la palla viene giocata in avanti, i compagni di squadra sono spesso più lontani che con un passaggio diagonale, soprattutto perché quest’ultimo di solito può essere intercettato solo vicino all’avversario a causa della dinamica e la cattura della palla quindi tira già un po’ nella possibile zona di contropressione. Inoltre, il giocatore che assicura immediatamente il passaggio ha spesso il problema che, anche se può correre velocemente, deve farlo molto frontalmente.

È più facile giocare a testa alta con un avversario che arriva in volata – sia con un passaggio che con un dribbling – che mettere fuori gioco un avversario da dietro o di lato. Gli effetti di punta sono quindi anche minori o vengono a scapito della dinamica in contropressione.

Gioco libero in palleggio frontale dopo un passaggio verticale intercettato.

I passaggi diagonali, d’altra parte, portano alcuni vantaggi. Di solito sono puntati leggermente davanti al compagno di squadra e vengono anche intercettati dall’avversario vicino a lui. L’effettivo destinatario del passaggio può quindi reagire rapidamente e seguire, mentre il passatore può anche fare una contropressione e raddoppiare o almeno assicurare l’azione del suo compagno di squadra. Il follow-up diretto ha anche un angolo migliore e di solito porta al blocco.

Gioco libero nel palleggio in diagonale dopo un passaggio in diagonale.

Naturalmente, bisogna fare una distinzione tra i passaggi diagonali dal centro al lato o dal lato al centro. Nel caso del primo, l’accesso in contropiede è ideale per i giocatori direttamente coinvolti; nel caso del secondo, bisogna prestare particolare attenzione a mettere in sicurezza gli spazi centrali per non essere giocati pericolosamente.

In generale, si deve tener conto dei principi di zonizzazione importanza del centro e dei semispazi – così come delle possibilità di accesso dell’avversario da queste zone. Questo si applica non solo ai tre tipi di zona orizzontale, ma anche a come e quanto velocemente l’avversario può creare l’accesso alla propria porta o come la propria contropressione può creare l’accesso alla porta avversaria.

Inoltre, c’è la distinzione tra passaggi in diagonale davanti o dietro; con i passaggi dietro, l’avversario ha naturalmente la possibilità di contrattaccare pericolosamente subito e ha meno giocatori davanti a sé. Inoltre, la propria squadra di solito ha meno accesso rapido nella contropressione e i pochi giocatori che hanno ancora questo accesso devono gestire con poca protezione. Naturalmente, questo non è il caso di perdite di palla molto alte, ma è un problema potenzialmente grande nel primo e secondo terzo. La situazione è simile con i passaggi verticali indietro che falliscono.

Fondamentalmente, quindi, si possono distinguere i seguenti componenti, ma sono comunque strettamente correlati:

La struttura posizionale quando si perde la palla (principalmente la propria, ma naturalmente anche quella dell’avversario).

Il tipo di gioco di possesso (gioco di passaggio corto, turno pianificato, palla lunga con attenzione alla seconda palla, ecc.)

L’azione che porta alla perdita della palla (tiro, passaggio o palleggio)

Nel caso di un passaggio: l’altezza del passaggio

La zona di perdita della palla sul campo

La direzione dell’azione

In ogni situazione, tuttavia, molti altri fattori giocano un ruolo, come il ritmo o certi altri aspetti della situazione. Il passaggio sbagliato è stato fatto da una situazione controllata o da una che era già stata pressata in precedenza? Nel secondo caso, la zona intorno al conduttore di palla può essere già stata ristretta, nel primo no.

Questi aspetti situazionali sono principalmente allenati implicitamente attraverso la ripetizione differenziale di diverse situazioni di contropressione in forme di gioco e raffinati con l’allenamento situazionale da parte dell’allenatore; anche perché sono difficili da isolare a causa della loro molteplicità e l’interconnessione dei loro principi strategici.

Ma questo da solo non è ovviamente sufficiente per creare una contropressione efficace. Come spesso accade, non è solo la statica e l’allineamento del team che devono adattarsi, ma anche l’implementazione tattica individuale e di gruppo e le dinamiche all’interno dell’organizzazione.

Anticipare la situazione di contropressione

Per poter passare il più rapidamente possibile, non è solo la velocità dei singoli giocatori o la breve distanza dalla palla ad essere decisiva, ma anche quando il giocatore inizia a correre. Qui, è importante che anticipi il più presto possibile il passaggio sbagliato e la seguente opportunità di contropressione.

Ci sono aspetti sia tecnici che tattici che rendono più probabile un passaggio errato. Una posizione inadeguata del corpo del giocatore che passa, una corsa corrispondente di un difensore o semplicemente un passaggio che non ha un posto dove andare sono sempre chiamate chiare per la contropressione.

Non appena il giocatore riconosce, dopo un passaggio, che il passaggio è giocato troppo debolmente o in modo inappropriato e quindi viene intercettato o almeno non arriva adeguatamente, può già muoversi verso la palla. Questo non solo riduce la distanza dalla possibile zona di contropressione, ma aumenta anche la dinamica. Se il passaggio alla fine arriva, può usare lo slancio e spostarsi altrove o semplicemente offrirsi per un passaggio corto e una combinazione.

Tuttavia, questo non dovrebbe essere praticato solo dai singoli giocatori vicino alla palla. Tutti i giocatori della propria squadra dovrebbero sapere come comportarsi quando si perde la palla e muoversi verso questo modello di comportamento già quando si anticipa una possibile perdita di palla.

Qui, i giocatori non iniziano a correre in anticipo, il che significa che l’accesso non è ottimale.

Un difensore esterno alto, per esempio, può muoversi in modo tale da non essere più nella sua posizione avanzata, ma si muove già anticipatamente all’indietro e verso l’interno. Fondamentalmente, si trova quindi tra due posizioni: La sua posizione offensiva situazionale come terzino avanzato nella parte anteriore destra del campo e la sua posizione difensiva effettiva come terzino difensore orientato alla palla in una linea a quattro. La DFB e gli allenatori come Roger Schmidt o Christan Streich lo chiamano “nuoto XYZ” perché nuota occasionalmente tra due posizioni.

Il vantaggio di questo è che non staziona arbitrariamente nello spazio o addirittura in una posizione sbagliata, inappropriata, ma, a seconda di come si sviluppa la situazione di contropressione, ha l’opportunità di essere coinvolto e assumere la posizione corretta nella struttura della squadra. I giocatori direttamente coinvolti, a loro volta, partecipano direttamente al pressing.

In questo esempio, i giocatori – collettivamente – corrono in anticipo prima che il passaggio sia intercettato direttamente. Questo rende l’azione di contropressione molto più probabile.

Si tratta soprattutto di quei giocatori vicini alla palla che hanno accesso al giocatore con la palla e alle sue opzioni immediate, così come i giocatori che proteggono questi giocatori. Teoricamente, si potrebbe anche vedere la protezione della difesa come una parte indipendente. A questo scopo, alcuni usano i giocatori che proteggono vicino alla palla e quelli che proteggono lontano dalla palla, anche se questa suddivisione non è del tutto corretta o non è usata uniformemente.

Normalmente, si può affermare che i giocatori proteggono la porta in diverse linee e attaccano nelle zone vicine alla palla. I giocatori al di fuori di questa larga striscia verso l’area di rigore, d’altra parte, si occupano di passare alla formazione difensiva vera e propria il più rapidamente possibile, se necessario.

Tuttavia, naturalmente non si tratta solo di individui e di individui all’interno del gruppo. Anche l’allineamento tattico del team deve essere preso in considerazione. Qui, è particolarmente importante quali perdite di palla si verificano con particolare frequenza. Negli ultimi anni, per esempio, il “deliberato cattivo passaggio” è diventato una parola comune.

L’innesco della contropressione

Un punto fondamentale è, ovviamente, se fare una contropressione e come. Ma prima bisogna chiarire se la contropressione viene iniziata intenzionalmente nella situazione – indipendentemente dalla seconda palla – e come viene gestita. Teoricamente, si potrebbe differenziare l’attenzione sulla generazione di accessi in contropressione:

Generare l’accesso: qui, c’è un focus deliberato sull’avere situazioni di contropressione immediata con l’accesso.

Quasi giocare per la seconda palla, ma anche un’estrema attenzione ai passaggi verticali con una probabilità di successo volutamente relativamente bassa. Pianificazione degli accessi: qui si creano deliberatamente dei piani per particolari tipi di perdite di palla, che vengono implementati dal team.

Sono anche previste situazioni di perdita deliberata della palla, per esempio certi comportamenti in situazioni isolate di inferiorità numerica. Aspettare l’accesso: qui la contropressione viene fatta in modo piuttosto passivo, ritirandosi in parte in anticipo e reagendo di fatto solo a situazioni in cui si possono creare immediatamente situazioni di contropressione molto stabili dalle proprie perdite di palla.

Tuttavia, questa categoria dovrebbe includere anche le squadre che sono molto forti e attive nel contro-pressing, che non sono né generatrici di attacchi né pianificatrici di attacchi, ma praticano il contro-pressing per un atteggiamento passivo di base solo quando è assolutamente necessario, ma poi lo attuano in modo molto coerente e dominante.

Alcune squadre, per esempio, agiscono con una contropressione aggressiva solo quando si perde la palla nel terzo finale. Poi si ha tutta la squadra dietro la palla, si può subito fare una contropressione e mantenere l’attacco davanti senza correre alcun rischio reale.

Più interessante, tuttavia, è come esattamente l’accesso viene creato o pianificato. Naturalmente, si può semplicemente giocare con un’enorme attenzione ai passaggi verticali e alla progressione spaziale orientata all’avversario. Ma il recupero della palla può essere creato come una mossa per situazioni speciali, per così dire. Quali azioni, passaggi, schemi, mosse o mezzi sono concepibili in ogni caso prima di un rilascio in contropressione?

Nella formazione tedesca degli allenatori, questo è spesso il passaggio del buco dietro la difesa nei mezzi spazi o sulle ali lontano nella metà campo avversaria. L’avversario deve correre dietro la palla nello spazio, guarda in direzione della linea laterale, della linea di fondo o anche della propria porta e non può liberare la palla correttamente. Gli mancano anche le stazioni di gioco immediate; spesso solo il portiere, che può, per esempio, essere investito dall’ala che è lontana dalla palla.

Allo stesso tempo, si può premere l’avversario direttamente da dietro, proibirgli di girare, e così vincere angoli o rimesse e iniziare l’attacco dal davanti. Un altro mezzo è quello di attraversare deliberatamente in zone pericolose, che non sono occupate dalla propria squadra, ma sono circondate. A Bielsa piace fare questo con i cross; la palla arriva spesso a mezza altezza in mezzo, dove poi questa entrata e/o i tentativi di cancellarla vengono attaccati.

Innescare la contropressione: il passo falso della DFB

Un’altra opzione è quella di giocare semplicemente la palla a un avversario. Questo è ovviamente pericoloso se può controllare la palla immediatamente, ma se la palla non viene giocata direttamente sul piede e/o troppo bruscamente, c’è abbastanza tempo per il contropiede. Se è usato improvvisamente e solo raramente, c’è anche un certo effetto sorpresa. Mario Götze, per esempio, ha occasionalmente sparato agli avversari in situazioni isolate e poi ha ottenuto la palla per liberarsi da questa situazione.

Anche questo può essere organizzato in modi diversi. Un gol potrebbe essere il passaggio di interfaccia a un centravanti avversario dalla propria mezzala nel diamante di centrocampo, che viene poi pressato direttamente dal centravanti (posizionato leggermente più largo) e dal dieci uomini. In particolari situazioni isolate sui lati o nell’area dei sei uomini, si potrebbe anche non cercare più di appoggiare in modo panico e senza successo, ma invece, per esempio, giocare deliberatamente dei pallonetti nel mezzo spazio tra le linee lontano dalla palla e attaccarla aggressivamente.

Innesco della contropressione: passaggio sbagliato all’avversario. Idealmente, questo ti permette di guadagnare spazio quando c’è una mancanza di stazioni di face-off e di usare l’avversario come stazioni aggiuntive di face-off. Le malelingue sostengono che Jermaine Jones lo faceva spesso (per l’avversario).

Si dice che ci sono anche allenatori che danno istruzioni in allenamento per i passaggi sbagliati deliberati in certe zone, (Jose Mourinho) situazioni speciali o a certi avversari per poter allenare l’organizzazione e la coordinazione nel contropressione in modo mirato.

Qui, si potrebbero approssimativamente delineare quattro diversi tipi di passaggi sbagliati come inneschi di contropressione:

Passo falso spaziale

Passaggio mancato in base al numero di giocatori

Passaggio errato orientato alla situazione

Passaggio orientato all’avversario

L’innesco della contropressione determina poi l’ulteriore corso del follow-up. I giocatori della squadra non devono solo riconoscere la situazione di contropressione, ma anche avere una visione d’insieme delle possibilità (più probabili) e delle opzioni aperte dell’avversario e regolare le loro azioni di conseguenza.

Per questo, oltre a molta pratica nelle forme di gioco, è naturalmente anche importante che ai giocatori venga insegnato il rispettivo avversario e il suo barcollamento contro la palla così come le progressioni d’attacco nel momento del cambio offensivo. La struttura posizionale dei giocatori e il suo significato possono anche servire come punto di riferimento, e i rispettivi movimenti possono essere coordinati da questa base.

Oltre allo scaglionamento e alla preparazione, tuttavia, è altrettanto importante come si comportano esattamente i giocatori nella contropressione.

La prima azione nella contropressione per controllare l’azione successiva

In un processo che normalmente è di breve durata come la contropressione, è importante considerare come la prima azione nella contropressione definisca l’ulteriore corso della contropressione. Fondamentalmente, sorgono queste tre domande:

Come faccio a pressare l’avversario?

Dove spingo l’avversario?

Quali opzioni di azione permetto all’avversario?

Prima di tutto, naturalmente, c’è la questione di chi deve pressare l’avversario. Teoricamente, potrebbe avere effetti positivi se il giocatore più vicino alla palla non preme, ma il giocatore successivo ma uno da una zona adatta. Il giocatore più vicino alla palla potrebbe creare una grande ombra di copertura vicino alla palla e posizionare l’avversario, il giocatore successivo poi attacca l’avversario con molto dinamismo e doppio.

Tuttavia, questo è difficilmente possibile da un punto di vista pratico. Tali azioni sarebbero probabilmente instabili nella maggior parte delle azioni o semplicemente non praticabili per creare costantemente gli effetti positivi desiderati.

In questo senso, è fin troppo logico che il giocatore o i giocatori più vicini alla palla attacchino e aggrediscano l’avversario il più rapidamente possibile. La questione è, naturalmente, quanto aggressivamente si cerca il duello. La DFB ha l’acronimo ASTLB, che è una linea guida per insegnare il placcaggio. ASTLB sta per “Anlaufen, Stellen, Tempo aufnehmen, Lenken, Ballerobern” (partenza, posizionamento, presa di velocità, guida, conquista della palla).

Tuttavia, questo modello non deve essere sempre seguito. Soprattutto il “run and set” può essere gestito in modo diverso in contropressione. Un’opzione è lo scavalcamento deliberato, che consiste principalmente nel mettere l’avversario in una situazione prevedibile per i compagni di squadra. La palla non viene presa in consegna da questo giocatore, ma dalla squadra nell’azione successiva dell’avversario.

Quindi in realtà il giocatore in sovrapposizione deve solo guidare l’avversario e fingere pressione per impedire il primo passaggio. L’obiettivo è quindi che l’avversario deve reagire attivamente ed eludere, nonché non essere in grado di giocare un passaggio.

Comportamento di avvio: Superamento. L’avversario viene guidato in un certo movimento, e a quel punto la macchina della contropressione si mette in moto.

Un’altra variante di questo attacco aggressivo potrebbe essere definita come la corsa attraverso. Qui, l’avversario non è solo guidato e molestato, ma c’è un tentativo diretto di vincere la palla, anche se il confine è ovviamente fluido. Come nella variante precedente, qui non si segue l’ASTLB, ma si passa direttamente dalla corsa alla direzione o alla conquista della palla. L’avversario ha quindi meno tempo e il tempo di contropressione è più alto. Lo svantaggio è, ovviamente, la maggiore perdita di placcaggi e falli.

Comportamento di avvio: In esecuzione attraverso. Semplice e chiaro, questo grafico mostra semplicemente un attacco aggressivo alla palla.

La terza variante principale riflette il classico modello ASTLB. Anche se questo è più stabile per il giocatore individuale, è spesso la variante più debole per il collettivo.

Poiché l’avversario ha un po’ più di tempo dopo aver conquistato la palla, spesso può giocare oltre il “contropressore” o girarsi e giocare passaggi sicuri, il che significa che la pressione nel contropressore di solito si perde. In una conversazione personale, Eddie Gustafsson mi ha detto che la grande differenza tra la contropressione di Roger Schmidt e quella di Adolf Hütter al Red Bull Salisburgo era la differenza tra andare sopra o attraverso (Schmidt) e correre contro (Hütter), che rendeva la contropressione meno efficace.

Comportamento di avvio: In esecuzione. L’aumento del tempo e della distanza permettono all’avversario – se attuato bene – di fare passaggi in spazi ristretti per liberarsi dalla presa.

Inoltre, c’è un altro vantaggio che le prime due opzioni hanno rispetto alla direttiva classica: Liberamente secondo Lillo, ogni aspetto difensivo ha anche un controvalore offensivo e viceversa. In caso di scavalcamento, il secondo giocatore del contropiede, che alla fine dovrebbe conquistare la palla, ha una postazione di gioco diretta. Spesso non vince nemmeno la palla direttamente, ma semplicemente la spinge in avanti al suo compagno di squadra, il che è ovviamente utile per il suo contropiede. Al Red Bull Salzburg, i vantaggi erano particolarmente visibili in situazioni di piccole superfici.

La distanza dal compagno di squadra è piccola, ma in interazione con le strutture di posizione, il compagno di squadra di solito ha spazio per i prossimi avversari, c’è un immediato (piccolo) guadagno di spazio e spesso un campo di visione passabile verso il fronte. Quando si corre sulla palla, d’altra parte, ci sono ovviamente problemi dopo che la palla è stata vinta, perché l’avversario può spesso creare di nuovo pressione direttamente e interrompere l’azione successiva. Naturalmente, la rincorsa può essere più stabile nella contropressione stessa.

A parte la scelta del giocatore in contropressione e il suo modo di attaccare, si pone poi la questione di dove dirigere l’avversario che prende la palla. Non c’è sempre la possibilità di farlo consapevolmente; spesso solo la corsa diretta, orientata alla palla, è efficace. In alcune situazioni, tuttavia, può essere molto utile avere alcune linee guida.

Per esempio, bloccare gli spazi strategicamente così importanti del centro e della metà è una possibile linea guida. I giocatori provenienti dal lato potrebbero così premere più come un arco e guidare l’avversario all’indietro, i giocatori dal davanti potrebbero correre contro l’avversario in modo tale da dover giocare più di lato. L’ulteriore percorso per possibili contrattacchi è quindi più lungo dal lato, l’avversario ha meno spazio per girarsi e giocare libero, quindi è anche più probabile che si giri sul retro o in situazioni isolate.

Guida in contropressione. A seconda della corsa, l’avversario ha altre opzioni.

Questo può anche essere variato a seconda dell’altezza del campo da gioco e della propria idea di gioco. Un’altra possibilità sarebbe quella di non scegliere lo spazio come punto di riferimento più importante, ma di scegliere i propri compagni di squadra. Il giocatore non indirizza la palla in uno spazio specifico, ma ai propri compagni di squadra, che poi sostengono la contropressione e alla fine conquistano la palla.

In alternativa, si potrebbe anche indirizzare l’avversario verso una certa opzione di passaggio; qui sarebbe possibile o premere questa opzione di passaggio attraverso una trappola o semplicemente continuare la propria corsa difensiva e attaccare il secondo avversario. La ragione è semplice: poiché si sprinta da un avversario all’altro, se ne preme uno e si ha il secondo nell’ombra di copertura, che normalmente dovrebbe rendere più efficace la contropressione.

In linea di principio, sarebbe anche possibile guidare semplicemente l’avversario lontano dalla propria porta. Non appena arriva il passaggio indietro, viene seguito; il giocatore successivo è pressato e ha poche opzioni, il che significa che deve giocare indietro o fare di nuovo il catenaccio. Tuttavia, in situazioni individuali questa variazione può anche permettere all’avversario di ricevere la palla e poi uscire dalla compattezza locale del contropiede e guidare il gioco in contropiede.

Naturalmente, dirigere se stessi non è sempre praticabile. Come menzionato alcune volte, le situazioni di contropressione sono molto variabili e di breve durata, rendendo le mosse più complesse difficili da organizzare e attuare. Nel complesso, tuttavia, si possono ancora distinguere queste quattro varianti di base della regia nella contropressione:

Orientamento allo spazio (in un certo spazio o lontano da un certo spazio).

Direzione orientata al giocatore (verso i propri compagni di squadra o in una trappola di contropressione) Direzione orientata al giocatore opposto (dirigere lontano dalle opzioni dell’avversario o verso i compagni di squadra dell’avversario)

Direzione di gioco (lontano o verso la propria porta)

Ora si pone la questione di quali opzioni di azione sono permesse all’avversario. Come euristica di base e per l’organizzazione, il comportamento di copertura nel collettivo serve.

Comportamento di copertura in contropressione

Fondamentalmente, ci sono punti di riferimento simili per il comportamento di copertura nella contropressione come nel cambio e nel pressing classico. Tuttavia, qui bisogna fare una distinzione maggiore perché la contropressione è di per sé una questione estremamente dinamica e variabile. Certi prerequisiti e la probabilità di successo di certe soluzioni sono diversi che nel cambio o anche nel pressing regolare (che, tra l’altro, è una delle ragioni per cui ci dovrebbe essere un termine separato per il contropressione).

In linea di principio, si possono distinguere quattro o cinque punti di riferimento statico-individuali nel calcio, che servono come causa e base per tutti gli altri punti di riferimento:

La posizione dei compagni di squadra

La posizione degli avversari

Lo spazio La palla Gli obiettivi

Oltre a questi punti di riferimento statico-individuali, ci sono anche punti di riferimento dinamico-associativi, ma questi saranno trattati in un articolo separato in futuro. Continuiamo a concentrarci qui sui soliti quattro o cinque punti di riferimento (gli obiettivi spesso non vengono contati). Da queste e dalle peculiarità della contropressione, si possono estrarre fondamentalmente i seguenti tipi di copertura:

Contropressione orientata alla palla

La procedura qui è facilmente spiegabile. Nella contropressione orientata alla palla, il giocatore si sposta semplicemente il più possibile verso la palla e la persona con la palla per creare pressione. Questo è probabilmente il metodo di esecuzione più semplice e originale.

Il contro-pressing orientato alla palla di Adolf Hütter a Grödig.


Se si guarda agli olandesi degli anni ’70, per esempio, si vede spesso questo modello.

Una scena di gioco olandese dalla Coppa del Mondo del 1974. Trappola del fuorigioco e contropressione, olé!

Contropressione orientata allo spazio

Questo schema di copertura può essere molto simile alla contropressione orientata alla palla, ma è un po’ diverso. Mentre la contropressione orientata alla palla consiste semplicemente nel creare più pressione possibile nel più breve tempo possibile, la contropressione orientata allo spazio si concentra maggiormente sul blocco di tutte le opzioni possibili vicino alla palla attraverso un efficace controllo dello spazio e il maggior uso possibile delle ombre di copertura.

La contropressione orientata allo spazio di Klopp

Questo schema (come il contro-pressing orientato alla palla) è per lo più giocato istintivamente quando si stabilisce il contro-pressing soprattutto nei giovani.

Contropressione orientata al passaggio

In questa variante, il collettivo non attacca le possibilità del portatore di palla o la palla stessa, ma copre le vie di passaggio del portatore di palla. Normalmente, questo viene fatto assediando queste vie di passaggio. L’obiettivo è che il giocatore sotto pressione tenti un passaggio, che poi viene intercettato e porta a un recupero pulito della palla.

La contropressione di Guardiola orientata al passaggio

Contropressione orientata all’accesso

In questa copertura, i giocatori cercano direttamente un avversario nelle vicinanze per impedire il passaggio a questo giocatore con l’aiuto di una copertura a uomo o per poterlo pressare direttamente se riceve un passaggio.

Heynckes ‘contropressione orientata all’uomo’

Con tutti questi schemi di copertura, tuttavia, è importante considerare quanto sia situazionale la contropressione. Spesso i giocatori non riescono più a stabilire il sistema di copertura desiderato o semplicemente riconoscono un’opzione più efficace e agiscono in base ad essa. Solo raramente o su un gran numero di situazioni sono chiaramente riconoscibili per una squadra, se sono stati strutturati in quel modo.

Di conseguenza, è anche spesso possibile per i giocatori coprire diversi aspetti nella stessa situazione di contropressione e gerarchizzare i punti di orientamento in modo diverso. Inoltre, è ovviamente importante anche come sono protetti esattamente i giocatori vicini alla palla e quali linee guida ci sono per il loro comportamento nel controllo dello spazio, che può anche essere organizzato in modo molto flessibile.

Nel link qui sopra, ci sono anche delle GIF che mostrano sequenze esemplari per le varianti di copertura.

Contrattacco o contro-contrattacco

Tuttavia, la contropressione non finisce quando la palla viene conquistata con successo. Se ha successo, c’è ancora la possibilità di giocare l’avversario in un’organizzazione sgradevole subito dopo aver vinto la palla, come già detto. L’avversario ha normalmente cercato di passare al fronte e si trova quindi in una situazione di gioco molto inadeguata sia dal punto di vista della posizione che della dinamica quando la palla viene persa.

Questo è il motivo per cui Jürgen Klopp una volta ha chiamato il contro-pressing il miglior playmaker del mondo, perché c’è un potenziale speciale inerente al successo del contro-pressing e ai conseguenti contropiedi che anche molti dei giocatori più creativi non possono creare in modo coerente. La squadra avversaria non solo ha numerosi piccoli buchi, ma spesso non può coprire i buchi che ci sono comunque a causa dei campi di visione e della direzione di corsa.

Soprattutto quando la palla viene recuperata ad alto livello, la squadra può attaccare direttamente in avanti con numerosi giocatori, mentre il centro e i terzini della squadra avversaria in particolare hanno spesso la loro organizzazione difensiva interrotta.

Un contropiede esemplare e, ovviamente, esageratamente ben eseguito. La palla viene conquistata in un modo che nessun calciatore al mondo – tranne Messi – potrebbe fare.

Ecco perché bisognerebbe organizzare dei meccanismi di commutazione speciali per questo. Così come Schmidt e Streich hanno i giocatori “fluttuanti” in possesso e contro la palla, in realtà si dovrebbero organizzare i meccanismi speciali di cambio e, naturalmente, lo scaglionamento difensivo in anticipo in modo tale che ci si muova adeguatamente dopo aver conquistato la palla per non lasciare che eventuali perdite di palla dirette diventino pericolose.

Risolvere la contropressione

Ma la contropressione non ha sempre successo. Spesso la contropressione fallisce; qui deve essere chiaro, tra le altre cose, per quanto tempo continuerà. Per alcune squadre, o almeno in singole fasi di gioco, la risposta è semplice: finché non si riconquista finalmente la palla o l’avversario ha finito il suo attacco successivo.

Il più delle volte, però, le linee guida sono diverse.

Alcune squadre permettono solo la prima e la seconda situazione di contropressione prima di ritirarsi. Molte squadre hanno la regola dei cinque secondi, che si suppone sia anche scritta nella filosofia di gioco del FC Barcelona. Dopo aver perso la palla, la palla dovrebbe essere recuperata entro cinque secondi o almeno ci dovrebbe essere un’opportunità immediata di farlo. Se questo non è il caso, le squadre catalane si ritirano. Naturalmente, nella mediazione bisogna fare attenzione che i giocatori non si aggrappino troppo schematicamente a questa linea guida.

Con altre squadre, invece, dipende dalla situazione. Non appena non c’è più pressione acuta cioè uno spostamento dalla zona di contropressione e non si può creare un accesso allo spostamento, viene finalmente iniziato lo scambio difensivo e si crea il vero e proprio scaglionamento difensivo.

L’esatta natura di questa rottura della contropressione può anche variare. Alcune squadre si ritirano con i giocatori più lontani dalla palla, ma permettono ai giocatori vicini alla palla di continuare a pressare.

Neutralizzare la contropressione

Ci sono diversi approcci per rendere inefficace la contropressione avversaria. In generale, giocare fuori dalle situazioni strette è di solito la chiave perché la contropressione non può essere mantenuta efficacemente su tutto il campo. Usare zone di evitamento – trasferimenti lunghi, passaggi indietro o palle dietro la difesa, a seconda della zona – funziona naturalmente meglio. Le combinazioni di piccole aree, d’altra parte, sono difficili da giocare.

Qui potete guardare di nuovo e considerare come sono organizzati esattamente questi. Alcune (poche) squadre, per esempio, hanno meccanismi nel loro gioco difensivo che non solo permettono loro di cambiare il più efficacemente possibile, ma anche di giocare intorno alla contropressione. Questo può variare da giocatori che giocano vicino alla palla a giocatori che sono posizionati lontano dalla palla e che si offrono direttamente per un chiaro primo passaggio.

In generale, ovviamente, il posizionamento difensivo è fondamentale prima. Con una difesa a uomo, le posizioni di partenza sono ovviamente occupate immediatamente dopo la conquista della palla; con una difesa spaziale, questo può essere gestito meglio. Inoltre, una difesa spaziale permette il non coinvolgimento (situazionale) di singoli giocatori che possono posizionarsi in spazi aperti.

Liberazione dalla contropressione attraverso postazioni face-off preorganizzate. Favre ha fatto qualcosa di simile nell’ultima partita di Heynckes.

Qui è anche decisivo se le conquiste di palla sono organizzate in un certo modo, se i rispettivi meccanismi di cambio sono conosciuti e se i giocatori della propria squadra sanno dove trovare il giocatore libero per le rispettive situazioni. Inoltre, è importante anticipare la possibile situazione di commutazione e agire proattivamente di conseguenza.

Tuttavia, c’è un piccolo problema qui: anticipare una possibile perdita di palla da una posizione offensiva è meno rischioso che anticipare una possibile vittoria di palla da una – come in questo caso – posizione difensiva, perché in quest’ultimo caso l’organizzazione difensiva è potenzialmente distrutta in caso di un’anticipazione sbagliata. In questo senso, la squadra in contropressione ha un vantaggio.

Oltre ai giocatori liberi organizzati, il contro-pressing può naturalmente anche essere aggirato con un calcio di punizione diretto e l’attenzione di una squadra sulle seconde palle o l’uso del dribbling. I dribbling particolarmente riusciti, anche se difficili da rendere stabili, sono enormemente pericolosi perché l’intera struttura del contropiede viene distrutta.

Oltre allo spazio guadagnato dal dribbling, un avversario viene anche messo fuori gioco, di solito c’è un po’ di spazio per andare avanti e si ha tempo fino a quando non arriva il prossimo giocatore che preme (o non ne arriva nessuno e la contropressione è stata minata). Il fattore tempo è importante per poter cambiare efficacemente. Dribblando, si guadagna questo per recuperare le sequenze di contropressione.

La società di statistiche ProZone sostiene addirittura che dopo aver giocato fuori da una zona sottocaricata verso l’altro lato, si hanno 7,2 secondi per giocare l’eccedenza lì.

Trappole di contropressione

Un ultimo punto sarebbe tipi speciali di perdite di palla che creano un certo percorso per l’avversario attraverso lo scaglionamento per poter contro-pressare efficacemente.

Un esempio potrebbe essere il sovraccarico delle zone circostanti, ma non il pressing immediato. L’avversario non viene attaccato dopo aver perso la palla nella zona sottocaricata, ma viene portato avanti dal barcollamento e dalla leggera passività. Solo qui, attraverso il movimento degli altri giocatori e meccanismi speciali, si concentra la cattura della palla.

Un semplice esempio di trappola di contropressione.

Il vantaggio è, ovviamente, che si possono usare movimenti più complessi e sofisticati. Inoltre, l’avversario è più avanzato nel suo switching, il che a sua volta renderebbe i contrattacchi più efficaci. Tuttavia, la stabilità del successo e il rapporto tra successo e rischio sono dubbi con questo mezzo tattico. Tuttavia, è un’interessante continuazione dell’idea del mispass deliberato ed è collegato ad alcuni altri aspetti che sono già stati menzionati.

Non un’invenzione moderna

Diversi tipi di contropressione sono sempre stati presenti nella storia del calcio. Per lo più, l’intenzione di perdere la palla è stata responsabile di varianti di contro pressing molto distinte; il pressing per la seconda palla è stato in realtà intorno fin dagli albori del calcio. Come menzionato, questo è solitamente inteso come il pressing dopo una perdita di palla, in cui la formazione difensiva o una formazione specifica è stata tenuta sulla seconda palla.

Tuttavia, l’analisi di numerosi giochi di diverse epoche rivela anche altre varianti, ognuna delle quali perseguiva una specifica idea di gioco da parte dell’allenatore:

Contro pressing precoce (prima dell’opportunità di commutazione, contropressione proattiva degli ultimi anni).

Contropressione tardiva (dopo l’opportunità di cambio al momento del cambio, quando l’avversario passa all’organizzazione classica del possesso, molto reattiva e semplice, spesso praticata istintivamente)

Contropressione tardiva (dopo l’opportunità di commutazione nel momento della commutazione, quando l’avversario commuta o contrattacca verso un’organizzazione in contropiede, molto frequente in tutti i periodi degli anni ’70)

Creare una specifica formazione di commutazione (quasi nessuno lo fa, dato che è estremamente di breve durata, ma i singoli giocatori lo fanno giocando, anche se questo è talvolta visibile con Favre, dove si generano formazioni di commutazione per un breve periodo dopo aver vinto o perso la palla, che in realtà esiste solo in queste situazioni)

Rimanere nella formazione d’attacco e lasciare che l’avversario contrattacchi (non è una vera strategia, ma rassegnazione psicologica, nei rari casi in cui questo accade)

Trasformarsi in organizzazione difensiva e in seguito passare da questa al pressing regolare

Naturalmente, in tutte queste intenzioni e nelle loro componenti strategiche ci sono di nuovo infinite variazioni tattiche, che sono già state menzionate all’inizio: I tipi di copertura, il mix di tipi di copertura per giocatore, le procedure e le responsabilità speciali, le diverse intenzioni, ecc. possono essere variati, così come il materiale dei giocatori utilizzato.

Contropressione dei Busby Babes nella finale di FA Cup del 1957.

Per inciso, se si leggono le scarse relazioni con contenuti tattici dei tempi precedenti e si guardano i video ancora più rari disponibili, i Busby Babes negli anni ’50 potrebbero essere stati una delle prime squadre a implementare una contropressione passabile e intelligente in modo strutturato.

Come questa strutturazione continuerà nei prossimi anni potrebbe essere una delle tendenze più interessanti del calcio moderno.

Fonte: spielverlagerung.de

SOTTOSCRIVI UN  PIANO DI ABBONAMENTO MENSILE  BASTA UN MINUTO DEL TUO TEMPO PER DONARE L’IMPORTO DI UN CAFFÈ

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE

Abbiamo bisogno del tuo aiuto …

La censura dei motori di ricerca, delle agenzie pubblicitarie e dei social media controllati dall’establishment sta riducendo drasticamente le nostre entrate . Questo ci rende difficile continuare. Se trovi utile il contenuto che pubblichiamo, considera di sostenerci con una piccola donazione finanziaria mensile.









Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code