toba60

Cancro: Potenziale Scalare Fisica Quantistica e la Deliberata Soppressione della Cura

Quando si parla di tumori si fa sempre riferimento alle cause, le terapie, la prevenzione e tutto quello che ci ruota attorno, soldi, finanziamenti, strutture e via dicendo, ma ogni cosa viene sempre affrontata in maniera molto generica per non dire superficiale.

Chi ha un tumore chiede cose concrete per guarire, ho vissuto in prima persona supportando passo passo mio fratello l’esperienza di chi deve affrontare ogni pastoia burocratica inerente tutte le procedure da fare per una terapia che da 100 anni non ha in concreto sortito un solo passo avanti, se non quello di chi si sente dire che sono aumentate le sue aspettativa di vita.

Essere imbottiti di farmaci, fare la chiemioterapia e sottoporsi a controlli periodici ogni mese non e’ vivere, e’ un concetto assai approssimativo e fuorviante che pare sia ben consolidato in ambito medico.

Solo in Italia ogni giorno a 2000 persone viene diagnosticato un tumore, ogni cittadino in Europa ha una possibilita su 3 di morire di questa malattia e in certe regioni d’italia il raporto e’ uno su due, oltre 500 persone al giorno muoiono di cancro e questo fenomeno non accenna ad arrestarsi.

Visto che siamo in tema, e’ criminale quello che ha fatto l’establishment di ogni nazione al mondo, dichiarando un emergenza per un virus che miete la centomillesima parte delle vittime che ogni giorno scorrono inesorabili davanti ai nostri occhi, le emergenze sono altre che non quelle di chi deve mettere una museruola in bocca.

Ma la colpa e’ anche di chi si adopera a supportare uno stato di cose che si o si un giorno li tocchera direttamente senza se e senza ma.

Lo sviluppo della ricerca scientifica medica gia un secolo fa con Nikola Tesla aveva un idea ben precisa su quale direzione prendere, ma la stessa nomenclatura che ha indotto l’intero pianeta alla poverta’ alla distruzione e alla deriva sociale, persegue logiche opposte che nulla hanno a che vedere con la salute dell’uomo.

Toba60

P.S.

Il Testo e’ molto tecnico e dettagliato, ma non puó essere diversamente considerato il quadro generale della situazione, chi realmente pensa di cambiare le cose, è bene conosca bene tutti i presupposti affinché tutto ciò possa avvenire.

Le tecnologie ci sono gli uomini pure le strutture anche ……solo che le persone al posto di comando hanno una funzione che non gli compete.

Per semplificare ai lettori la comprensione del testo ho inserito questo allegato per comprendere i principi base legati a quello che avrete modo di leggere. Digita Qui

Cancro: Potenziale Scalare e Fisica Quantistica

Entrambi i postulati nel modello convenzionale di bioeffetti EM sono in errore, così come il modello elettromagnetico classico (CEM) stesso. Vengono presentati i principali errori del CEM. Il punto di vista della MQ è che tutti i fenomeni EM sono causati dai potenziali, non dai campi di forza. Usando la struttura interna Whittaker/Ziolkowski (WZ) del potenziale scalare, emergono il potenziale quantico di Bohm e una variante ingegneristica della sua teoria della variabile nascosta.

Emerge un forte candidato per i meccanismi interni utilizzati per la mente, il pensiero, la memoria a lungo termine e il controllo cellulare profondo da parte del sistema di controllo cellulare principale di Popp. Un meccanismo di feedback negativo ambientale è dichiarato per la mutazione causale cumulativa a lungo termine, che produce il campo morfogenetico di Sheldrake, che è un potenziale quantico di specie. Utilizzando il nuovo modello di bioeffetti EM, viene spiegata la dimostrazione di Kaznacheyev che qualsiasi morte o malattia cellulare può essere causata elettromagneticamente.

Viene avanzata una nuova definizione di cancro, così come un meccanismo cumulativo a lungo termine che lo causa. Viene spiegato il meccanismo delle guarigioni dimostrate da Priore di tumori terminali in animali da laboratorio sotto rigorosi protocolli scientifici. Viene presentata una soluzione per il principale meccanismo cumulativo degli effetti biologici dei campi EM e delle radiazioni. Viene presentato un meccanismo di auto-targeting per cui il complesso pompaggio WZ EM biwave della “cellula come materiale specchio non lineare coniugato in fase” produce un esatto segnale EM antidoto per la specifica malattia cellulare.

Si sostiene che cure poco costose, rapide e non debilitanti possono essere sviluppate per la maggior parte delle malattie più gravi, tra cui il cancro, l’arteriosclerosi e l’AIDS. Le notevoli e precedentemente inspiegabili guarigioni di Priore di tumori terminali in animali da laboratorio sono citate come esempi di applicazione del nuovo modello, anche se inconsapevolmente.

Il modello di base EM Bioeffects è in errore

Come è noto, il campo dei campi EM e gli effetti delle radiazioni sui sistemi biologici è in realtà un pasticcio. In oltre 40 anni di studi ed esperimenti da parte di ricercatori attenti, i risultati sono incoerenti, contraddittori, e di solito difficile o talvolta impossibile da replicare.

Le repliche tentate danno spesso risultati contraddittori, in modo erratico. I ricercatori non possono rispondere rigorosamente nemmeno alla domanda più semplice, come “Le radiazioni delle linee elettriche contribuiscono all’incidenza del cancro e della leucemia, e se sì, come e in quali circostanze? I meccanismi causali hanno finora eluso la ricerca. Potenti interessi acquisiti finanziano molti degli studi.

Di conseguenza una grande quantità di controversie esiste nel campo. Le opinioni e le posizioni vanno dalla posizione del “forno a microonde” che “se non riscalda sensibilmente i tessuti, non danneggia gli organismi biologici”, alla posizione della “paura totale” che “ogni e qualsiasi radiazione non ionizzante è dannosa; solo che non sappiamo con quale meccanismo”. Le azioni legali per limitare l’esposizione umana alle radiazioni EM sono sempre più spesso avviate da gruppi di cittadini preoccupati.

Ciò che è stato effettivamente “provato” dal quasi infruttuoso sforzo di bioeffetti EM fino ad oggi è che il modello fondamentale di bioeffetti EM utilizzato dai ricercatori è totalmente inadeguato per il compito previsto. Se questo è vero, allora altri 40 anni continuando ad applicare lo stesso modello inadeguato non farà molti altri progressi. Inoltre, se il modello fondamentale è difettoso, allora ciò che è necessario è un esame dettagliato del modello per scoprire e correggere quei difetti di fondazione.

Nell’affrontare questo problema delle fondamenta del modello, ho eseguito un layout di ingegneria dei sistemi del modello fondamentale dei bioeffetti EM, e ho dichiarato i suoi due postulati principali. Entrambi i postulati si rivelano essere in errore! Immediatamente si può facilmente capire perché il campo è in un tale stato di confusione. Tuttavia, nessun vero ingegnere dei sistemi si fermerebbe qui. Ho anche eseguito una disposizione di ingegneria dei sistemi di correzioni precise per i due postulati, correggendo ed estendendo così il modello in modo che possa produrre risultati e meccanismi causali coerenti e replicabili. Tutto questo è una procedura rigorosa e una metodologia di ingegneria dei sistemi diretta.

Tuttavia, i risultati puntano a cambiamenti profondi, che sono stato immerso a studiare profondamente per un bel po’ di tempo. Da questo approccio è emerso qualcosa di fondamentale: un forte candidato per i meccanismi interni utilizzati per la mente, il pensiero, la memoria a lungo termine, e il sistema di controllo cellulare profondo per tutte le cellule del corpo.

Emerge anche un meccanismo di adattamento delle specie che è abbastanza capace di spiegare (e produrre) la mutazione diretta a lungo termine, incluso il “salto di specie”, dove una specie come un uccello emerge in breve tempo (non gradualmente) da una specie come un rettile. Il noto “salto di specie” è stato un profondo mistero per la teoria dell’evoluzione, che semplicemente non poteva spiegarlo.

Un’altra cosa che è emersa è un nuovo sorprendente meccanismo elettromagnetico causativo per il cancro, la leucemia, ecc. Al Simposio Cervello-Mente del giugno 1993 a Los Angeles, presenterò questo esatto meccanismo. Il meccanismo è in grado di test di laboratorio, e la convalida o falsificazione.

Presenteremo anche un approccio completamente nuovo agli effetti EM sugli organismi biologici, e presenteremo il nuovo meccanismo principale coinvolto. Il nuovo meccanismo ha un’applicazione fondamentale alla teoria delle malattie, e offre potenziali meccanismi curativi per malattie temibili come il cancro, l’arteriosclerosi e l’AIDS. Spiego alcuni dei retroscena necessari nei paragrafi seguenti.

L’elettromagnetismo classico è gravemente difettoso

Come è noto, esistono gravi contraddizioni tra l’elettromagnetismo classico (CEM), la relatività generale (GR) e la meccanica quantistica (QM). Così come sono attualmente costruite, le tre discipline non possono essere unificate, anche con sforzi erculei. In particolare per quanto riguarda gli agenti causali primari dei fenomeni elettromagnetici, i fondamenti della MQ e della CEM sono in profondo disaccordo.

La CEM assume i campi di forza come cause primarie, prestando solo un servizio verbale ai potenziali e trattandoli come convenienze principalmente matematiche. La MQ, d’altra parte, ha dimostrato da tempo [dal 1959] che i campi di forza sono semplicemente effetti nel e sul sistema di particelle cariche, e non sono cause. Invece, la MQ ha dimostrato che i potenziali sono le cause primarie di tutti i fenomeni EM. Nei sistemi di particelle cariche, i potenziali possono interferire e causare fenomeni EM osservabili come l’effetto Aharonov-Bohm in completa assenza dei campi di forza. Qui sta la ragione dell’attuale situazione disastrosa della ricerca sui bioeffetti EM. Spieghiamo ulteriormente:

La teoria CEM è stata originariamente formulata da James Clerk Maxwell in termini di quaternioni. Si noti che l’algebra dei quaternioni ha una topologia molto più alta dei vettori o dei tensori, la matematica in cui la CEM è attualmente espressa. Nessuna delle attuali “equazioni di Maxwell” _ universalmente insegnate come dovute a Maxwell _ è mai apparsa in qualcosa di Maxwell stesso.

A seconda di come si voglia chiamare un’equazione fondamentale, le vere equazioni di Maxwell sono le numerose equazioni dei quaternioni incluse in un capitolo quasi incomprensibile del suo libro del 1873. Le attuali quattro “equazioni di Maxwell” sono in realtà dovute principalmente a Oliver Heaviside, e in misura minore a Gibbs e Hertz. L’attore principale fu Heaviside, un uomo molto brillante ma autodidatta che non frequentò mai l’università.

Al momento della pubblicazione del libro di Maxwell, Heaviside stava insegnando a se stesso il calcolo e le equazioni differenziali. Vedendo il libro, ne fu elettrizzato, e Maxwell divenne il suo eroe imperituro. Maxwell morì poco tempo dopo, di cancro allo stomaco.

Heaviside credeva _ come quasi tutti gli scienziati dell’epoca _ nella vecchia tradizione medievale che le forze fossero le cause di tutti gli effetti fisici. Aveva grandi difficoltà con i potenziali, affermando che erano “mistici e dovrebbero essere eliminati dalla teoria”. Oggi, nella moderna teoria quantistica dei campi, sappiamo che le forze sono effetti, non cause primarie di qualcosa. Infatti, è lo scambio di particelle virtuali con una massa che genera tutte le forze su di essa.

Come è ben noto oggi ai fisici delle fondazioni, la “forza” non esiste senza la massa presente su cui agire, e senza l’azione di un gradiente di potenziale sulla massa. Sappiamo che non ci sono campi di forza nel vuoto, e quindi i gradienti di potenziale nel vuoto non sono forze, anche se sono comunemente assunti come tali. Il CEM non è stato corretto per questi difetti evidenti: prescrive campi di forza nel vuoto, e prescrive che i gradienti di potenziale sono forze, anche in assenza di qualsiasi massa su cui i gradienti possano agire.

Heaviside aborriva anche la teoria dei quaternioni. L’accoppiamento di una componente scalare con tre componenti direzionali era, secondo lui, “mescolare mele e arance”. Sapeva che gli ingegneri non avrebbero mai padroneggiato l’uso di Maxwell della matematica dei quaternioni a causa della sua difficoltà. Di conseguenza, Heaviside tagliò semplicemente la componente scalare del quaternione e la scartò, poi formulò questa nuova versione “troncata a un vettore” come una matematica molto più semplice, anche se di minore topologia.

Ciò che inconsapevolmente gettò via fu la capacità della teoria dei quaternioni di catturare una struttura interna deterministica, vettoriale EM del potenziale scalare. [Si scopre che ha anche scartato l’unificazione dell’EM e della gravitazione gettando via la componente scalare, ma questo esula dallo scopo della mia presentazione]. Anni dopo, come recluso solitario in un piccolo appartamento al piano superiore, Heaviside tornò ai quaternioni per lavorare su una teoria della gravitazione, secondo i documenti trovati nascosti sotto il pavimento del suo studio molti anni dopo la sua morte.

Le riviste accademiche dell’epoca non avrebbero accettato gli articoli di Heaviside per la pubblicazione, a causa della presunta “brutalità” dei suoi metodi matematici. Così Heaviside iniziò a pubblicare articoli molto pratici in una rivista tecnica, per l’epoca più o meno equivalente a Scientific American oggi. Questi articoli pratici davano la teoria delle linee di trasmissione, la teoria dei trasformatori, ecc. cose molto utili ai primi aspiranti “ingegneri” che erano alle prese con l’installazione di linee telegrafiche, cavi telegrafici sottomarini, ecc.

La matematica vettoriale utilizzata da Heaviside era molto più facile da capire e applicare, e il suo lavoro era eminentemente pratico. Di conseguenza è stato avidamente colto e applicato. Il risultato fu che il modello EM di Heaviside divenne lo standard CEM ipso facto. Si noti che, all’epoca, solo una trentina di scienziati nel mondo erano veramente “esperti” in EM _ sia dal punto di vista dei vettori che da quello dei quaternioni. Inoltre, i pochi praticanti del quaternione non stavano facendo molto lavoro pratico.

Un breve “dibattito” sul fatto che l’EM dovesse usare il modello dei quaternioni di Maxwell o il modello vettoriale di Heaviside/Gibbs si verificò prima dell’inizio del secolo, principalmente sulla rivista Nature. Non ha mai coinvolto più di una manciata di scienziati, e non è stato un grande dibattito. I vettoristi hanno semplicemente buttato via la teoria EM dei quaternioni e adottato la teoria vettoriale di Heaviside e Gibbs. Si noti che questo rappresentava una sostanziale riduzione dell’attuale teoria di Maxwell. In altre parole, si può effettivamente fare molto di più in e con i campi e i circuiti EM di quello che ora appare nella “moderna” teoria EM, e la “moderna” analisi EM non lo mostra nemmeno.

L’analisi di Barrett dell’Oscillatore-Circuito Navale dei reali circuiti brevettati di Tesla lo mostra chiaramente e clamorosamente. Inoltre, i sistemi viventi utilizzano il sottoinsieme scartato di EM per le loro funzioni di controllo più vitali, e l’attuale teoria e metodologia non rileverà o “vedrà” questo. Così questa limitazione da sola ha portato alla profonda paralisi del modello convenzionale di bioeffetti EM e degli sforzi per applicarlo.

L’attuale CEM è un sottoinsieme difettoso dell’elettromagnetismo della natura

Così abbiamo diverse cose serie che sono abbastanza sbagliate con l’attuale teoria CEM. In primo luogo, la teoria (e la sua pratica) sono artificialmente limitati a solo un sottoinsieme del reale EM che può essere raggiunto e utilizzato. L’attuale CEM esclude involontariamente il tipo stesso di EM utilizzato dai sistemi viventi per le loro funzioni di controllo più profonde. Esclude anche l’elettrogravitazione. In secondo luogo, la teoria di Maxwell era in realtà basata sul presupposto di un etere meccanico (materiale), il che significava che poteva logicamente assegnare forze materiali al “vuoto” o “fluido etereo”. La traduzione (e la riduzione) a vettori di Heaviside non caricava questo “etere materiale” e l’assunzione di “campo di forze nel vuoto”.

Tuttavia, nel 1887 l’esperimento Michelson-Morley distrusse clamorosamente la nozione che l’etere sia materiale. Se l’etere fosse veramente un fluido materiale sottile, allora le forze e i campi di forza EM esisterebbero davvero in esso. Poiché l’etere non è materiale e le forze esistono solo nella, sulla e della materia, nessun campo E o B esiste nel vuoto non materiale; non è mai esistito e mai esisterà.

Nei suoi tre volumi di fisica, Feynman ha sottolineato che solo il potenziale dei campi di forza EM esiste nel vuoto; l’unica cosa che esiste nel vuoto sono i potenziali, dopo tutto! Il vuoto è solo una fantastica collezione di potenziali interferenti e gradienti di potenziale. Rigorosamente, i campi E e B che rileviamo con i nostri strumenti esistono solo nel gas di elettroni nelle sonde che utilizziamo. Questo è noto ad alcuni fisici delle fondazioni, ma il modello CEM non è mai stato corretto per questi errori delle fondazioni.

Si noti che la perdita dell’etere materiale falsifica anche uno dei tre presupposti chiave della moderna teoria del potenziale: la nozione che il gradiente del potenziale comprende un campo di forza. Oggi sappiamo che l’equazione CEM E = -Ñf, è effettivamente errata per il vuoto.

È correttamente misurata; poiché questo è esattamente ciò che viene rilevato quando il gradiente di potenziale del vuoto Ñf si accoppia agli elettroni liberi nei nostri strumenti di rilevamento/misura. Ciò che rileviamo come E, tuttavia, è in realtà [(Ñf – (e-)], o il gradiente di potenziale accoppiato agli elettroni, comprese le loro masse. In particolare, non rileviamo il non materiale (VO che esiste effettivamente nel vuoto. Rileviamo le oscillazioni degli elettroni nel gas di elettroni liberi nei conduttori dei nostri strumenti; non rileviamo le “oscillazioni del vuoto” di per sé.

Né le equazioni di Maxwell sui quaternioni EM né le equazioni EM vettoriali di Heaviside includono gli effetti di spin degli elettroni, ma in realtà modellano l’elettricità come un “fluido sottile”. Quindi le equazioni EM di entrambi i modelli sono equazioni fluidodinamiche. In particolare, le onde EM trasversali misurate esistono nel gas di elettroni dei nostri rivelatori; ogni rivelatore rileva solo il proprio cambiamento interno, non l’agente esterno che ha interagito e causato quel cambiamento interno.

Il “segnale” bianco corre lungo i conduttori delle nostre sonde e sensori essenzialmente alla velocità della luce, gli elettroni “liberi” nel gas elettronico di quei conduttori sono limitati longitudinalmente. Gli elettroni devono essenzialmente muoversi lateralmente dalla loro distribuzione iniziale all’interno del conduttore alla sua pelle, poi “scivolare” leggermente lungo il filo sulla pelle alla sola velocità di deriva degli elettroni, che è una frazione di centimetro al secondo.

Gli elettroni rotanti nel gas di elettroni, essendo trattenuti longitudinalmente, agiscono come giroscopi. Quando sono disturbati da una forza interagente, si precessano. Ne consegue che il movimento laterale degli elettroni all’interno dei conduttori dei nostri rivelatori è proprio questa “precessione degli elettroni”. Ne consegue anche che la direzione della forza di disturbo deve essere ad angolo retto rispetto al movimento di precessione trasversale misurato degli elettroni. Rigorosamente, le onde EM nel vuoto sono quindi longitudinali, non trasversali. Noi misuriamo onde trasversali nei nostri rivelatori e strumenti perché stiamo rilevando e misurando le onde di precessione degli elettroni nel gas di elettroni liberi nei conduttori di quegli strumenti.

Ma come ha sottolineato Tesla, non ci sono onde Hertz nel vuoto; invece, le onde EM nel vuoto sono onde “sonore” longitudinali, o onde di rarefazione e compressione del mezzo. Dalla moderna MQ sappiamo anche cos’è il mezzo: è un flusso di particelle virtuali. Di nuovo, come si può vedere, il modello CEM è gravemente in errore nella sua rappresentazione delle onde EM nel vuoto.

Non proseguiremo oltre; è noto a pochi fisici nel lavoro delle fondazioni (ma non alla maggior parte degli ingegneri elettrici e dei fisici elettrici!) che la teoria EM classica è seriamente imperfetta, e che dovrebbe essere aggiornata per correggere questi difetti.

Come è noto nella MQ dal 1959, sono i potenziali che sono le cause effettive di tutti i fenomeni EM, e i potenziali possono interferire per causare effetti EM reali nei sistemi di particelle cariche, anche in assenza dei campi di forza. L’effetto Aharonov-Bohm ne è un esempio, così come molti altri effetti derivati ben stabiliti in letteratura. Ciò che è stato ignorato anche nella MQ, tuttavia, è la struttura interna organizzata del potenziale, anche se la scoperta originale (vettoriale) di Stoney è avvenuta nel 1897 ed è stata estesa da Whittaker nel 1903.

Questa struttura interna del potenziale scalare era stata implicitamente presente nella teoria dei quaternioni di Maxwell del 1873, come parte integrante della componente scalare del quaternione risultante dall’interazione tra due o più quaternioni. Nei quaternioni, un’entità scalare può essere considerata come un’entità speciale del quaternione la cui traslazione è stata ridotta a zero.

Un’entità vettoriale può essere considerata come un’entità speciale di quaternioni i cui aspetti sono tutti traslanti, e nessun aspetto non traslante è presente. Così l’entità quaternione scalare può essere totalmente composta da componenti vettoriali, a condizione che si sommino o si moltiplichino a una risultante di traslazione zero ma che possiedano una grandezza finita non traslante.

Il potenziale scalare ha una struttura interna di coppie di onde bidirezionali

In un profondo ma ignorato articolo del 1903 dalle enormi conseguenze, E.T. Whittaker decompose il potenziale scalare EM in un insieme armonico di coppie di onde bidirezionali, estendendo il lavoro originale di Stoney del 1897. Ogni coppia di onde consiste di un’onda e della sua replica coniugata in fase (la sua “anti-onda” o “gemella invertita nel tempo”). Così il potenziale scalare ha una ricca struttura interna a due onde.

[Inoltre, si può fare un potenziale scalare semplicemente assemblando le onde multiple necessarie, e si può alterare la struttura interna del potenziale a volontà alterando le onde utilizzate nel processo di assemblaggio]. Nel 1904 Whittaker pubblicò un secondo formidabile documento, mostrando che tutta la CEM poteva essere facilmente sostituita dall’interferometria a potenziale scalare (onde multiple nascoste). In altre parole, l’EM scalare è molto più basilare ed esteso dell’attuale CEM con la sua enfasi sui campi di forza.

Ad esempio, si può alterare la struttura interna del potenziale di Schroedinger e collocare all’interno delle “variabili nascoste” bi-onde deterministiche. Potete poi “ingegnerizzare” queste variabili nascoste _ e di conseguenza il potenziale di Schroedinger _ con mezzi esterni. In altre parole, si può anche realizzare un’ingegneria almeno limitata del cambiamento quantistico stesso.

Naturalmente riduce la statistica di Gibbs (che presuppone un cambiamento quantistico totalmente casuale) a un caso speciale, e fornisce un caso più generale di cambiamento quantistico caotico, che è ancora statistico ma può contenere un ordine nascosto. Si noti che questa affermazione è sperimentalmente testabile. Essa risolve anche il più grande problema della meccanica quantistica di oggi: il problema del caos mancante (ordine nascosto).

Nel 1989 Ignatovich pubblicò un articolo sull’American Journal of Physics indicando una simile struttura interna a due onde del potenziale di Schroedinger, ma nessuno dei nostri scienziati sembra averne capito le profonde implicazioni. Se applichiamo queste comprovate estensioni matematiche dell’elettromagnetismo, abbiamo ora a che fare con una teoria delle variabili nascoste di topologia superiore, secondo le linee mostrate da Bohm, ma che è ingegnerizzabile sul banco del laboratorio.

L’estensione di Ziolkowski permette la comunicazione iperspaziale

Nel 1985, un brillante scienziato EM di nome Ziolkowski ha riscoperto in modo indipendente la decomposizione armonica interna a due onde di Whittaker del potenziale scalare. Ha anche esteso la teoria della “struttura interna”, per includere non solo l’insieme della somma ma anche l’insieme del prodotto. Poiché il prodotto di onde rappresenta la modulazione, il brillante lavoro di Ziolkowski fornisce l’impostazione per la capacità di comunicazione diretta dell’informazione nella strutturazione interna del potenziale scalare EM.

Inoltre, questo canale interno è nello stato virtuale, quindi si sta realizzando l’ingegneria dello stato virtuale, nel senso dell’ingegneria del vuoto posta dal nobeliano Lee. Se si utilizza un modello Minkowski a 4 spazi, le informazioni del canale Whittaker/Ziolkowski possono essere viste come comunicazioni di subspazio. Se si utilizza un modello Kaluza-Klein n-spaziale, dove n è maggiore di 4, allora le informazioni del canale Whittaker/Ziolkowski possono essere viste come comunicazioni iperspaziali. I sistemi viventi usano già questo canale EM interno.

I sistemi viventi usano il canale interno di comunicazione

Si scopre che i sistemi viventi utilizzano precisamente il meccanismo Whittaker/Ziolkowski (W/Z) per le loro funzioni e sistemi di controllo più profondi _ compresi la mente, il pensiero, la memoria a lungo termine e il sistema di controllo cellulare principale (MCCS) scoperto dal dottor Popp in Germania. Ciò che stiamo affermando è che, per la prima volta, ora sappiamo dove e come si trova il “software più profondo” della mente, il suo meccanismo fondamentale, e come procedere alla sua programmazione diretta. Tuttavia, dobbiamo prima sviluppare nuovi strumenti di misurazione.

Sfortunatamente, gli attuali strumenti EM sono quasi tutti solo rilevatori di “elettroni che si muovono”; essi rilevano solo la traslazione degli elettroni. Un gradiente nel potenziale si accoppia agli elettroni e li traduce. Il potenziale senza gradiente non traduce gli elettroni, ed è la struttura interna biwave W/Z di quel potenziale senza gradiente che dobbiamo misurare. Attualmente nessuna strumentazione conosciuta può farlo.

Tuttavia, se due diversi potenziali scalari vengono fatti interferire [Whittaker 1904], la loro interferenza riproduce gradienti di potenziale [normale “campo di forza” EM], che si accoppiano agli elettroni e li traducono. In effetti, i gradienti di potenziale (che nella CEM sono erroneamente chiamati “campi di forza”) erano già stati dimostrati da Whittaker essere interamente dovuti all’interferometria di due potenziali scalari.

Quindi si devono sviluppare nuovi strumenti di “interferometria scalare” per “outfoldare” il contenuto interno del potenziale scalare come gradienti, e poi utilizzare la normale strumentazione per misurare quei gradienti di interferenza e calcolare la strutturazione interna del potenziale. Una forma per il rivelatore è l’uso di un potenziale standard (con una struttura interna nota a due onde) all’interno di una camera schermata da Faraday, in modo che il potenziale senza gradiente di prova (che penetra tale gabbia) interferisca con il potenziale standard all’interno della gabbia per produrre gradienti al suo interno.

Una sonda nella zona di interferenza rileva i gradienti come traslazioni di elettroni, che vengono condotti esternamente ad amplificatori, misuratori, analizzatori di spettro, programmi per computer, ecc. Il risultato finale è la determinazione della struttura interna WZ del potenziale di prova. Altri tipi di rivelatori sono possibili; questo è solo un tipo “diretto”.

Pensieri, mente, memoria e controllo cellulare sono misurabili

Quello che stiamo dicendo è che, sviluppando la strumentazione adeguata, è possibile rilevare ed esaminare direttamente i pensieri, la memoria e il funzionamento del sistema di controllo profondo dell’organismo biologico, compresa l’internistica profonda del suo potenziale quantico personale. Stiamo parlando dell’emergere di una scienza sperimentale, non di una semplice speculazione.

Tuttavia, ora abbiamo a che fare con una forma di teoria della “variabile nascosta”, ma che è ingegnerizzabile e testabile. Quindi saremo direttamente coinvolti con il potenziale quantistico di Bohm, sia sperimentalmente che teoricamente. Un potenziale quantistico può collegare sistemi ampiamente separati da effetti istantanei, come se i sistemi non fossero separati ma si trovassero insieme come un unico sistema.

Inoltre, il potenziale quantico non ha un’unica fonte localizzata. Basti dire che nel 1991 ho pubblicato la scoperta di come si crea effettivamente un potenziale quantico. Se si utilizza il collaudato meccanismo di “auto-targeting” o di tiro iterativo a fase coniugata della Strategic Defense Initiative, e lo si applica alle onde WZ interne ai potenziali EM scalari di due cariche separate, allora in un ambiente denso di segnali l’interazione di auto-targeting può essere avviata, in modo che i potenziali separati si fondano in un unico potenziale non localizzato o “diffuso” che consiste in fasci simili al laser tra le particelle cariche che comprendono i sistemi separati coinvolti. In questo caso, parte o tutto il cambiamento EM in un sistema è immediatamente sperimentato negli altri sistemi che partecipano all’effetto. La comunicazione è superluminale.

La limitazione alla velocità luminosa si applica solo al “gradiente di superficie” di un potenziale, non necessariamente alle onde bidirezionali nella sua struttura interna WZ. Queste onde interne si trovano o nell’iperspazio o nel sottospazio, a seconda che si modelli la situazione in più di quattro dimensioni o solo in quattro.

Il punto è che anche il potenziale quantico ha una struttura interna W/Z. E questa struttura può essere deliberatamente creata e ingegnerizzata da mezzi esterni. L’azione a distanza non solo è possibile, ma anche ingegnerizzabile.

Sistemi viventi e potenziali quantici

Si scopre che l’organismo vivente utilizza un potenziale quantico _ un potenziale scalare speciale che collega tutti i suoi nuclei atomici interni _ per la sua volizione, il controllo profondo, i processi e le operazioni della mente e del pensiero. Questo può anche essere preso come una definizione piatta di un sistema vivente. Un sistema vivente utilizza la strutturazione interna WZ di questo potenziale scalare che collega tutti gli atomi (nuclei) della sua massa corporea, per i suoi processi di controllo più profondi. Qualsiasi sistema che non abbia o non faccia questo non è un sistema vivente.

Questo risolve anche l’annosa questione filosofica di come l’intento mentale possa causare una risposta fisica, ma questo va oltre lo scopo della mia presentazione. Spiega anche perché i virus possono essere precipitati fuori dalla soluzione come un cristallo, e il cristallo conservato per decenni. Poi, quando il cristallo viene ridisciogliuto, i singoli virus si separano e riprendono il loro stato “vivo”. L’animazione sospesa dei virus risulta quando la loro materia fisica e il suo potenziale quantico rimangono intatti, e le strutture WZ memorizzate nei potenziali quantici sui nuclei atomici di quella materia rimangono le stesse.

Si scopre inoltre che la specie stessa ha un potenziale quantico molto più debole (ad un livello topologico più profondo) che collega tutti i suoi membri (tutti i nuclei atomici nei loro corpi). Questo corrisponde al campo morfogenetico di Sheldrake _ quel campo è solo un potenziale quantico della specie. L’inconscio collettivo di Jung, per esempio, può essere direttamente espresso in questo modello in modo scientifico e testabile _ ma di nuovo questo va oltre lo scopo di questa presentazione.

La terza legge di Newton richiede che le forze si presentino in coppie opposte

La terza legge di Newton è una tigre che dorme, con implicazioni sorprendenti quando viene svegliata ed esplorata. Per esempio, richiede rigorosamente che le forze (comprese le forze EM) devono verificarsi in coppie opposte, questo da solo falsifica la nozione CEM che le onde elettriche e magnetiche oscillanti “forza singolare” appaiono sia in un etere materiale o materia fisica. Devono esistere almeno due onde, l’onda e il suo opposto o antionda. Inoltre, l’onda e l’antionda devono essere intimamente accoppiate. Finora l’antionda è stata semplicemente ignorata, o quando qualcuno faceva notare che era presente nei nostri rivelatori, veniva semplicemente considerata come “l’onda di reazione della terza legge di Newton”.

La “terza legge di Newton” era solo misteriosamente invocata, come se non avesse alcun meccanismo causale. Eppure nella teoria quantistica dei campi la causa di tutte le forze è l’assorbimento o l’emissione di particelle virtuali. La causa di tutte le forze meccaniche ed elettromagnetiche è l’assorbimento o l’emissione di fotoni virtuali. Quindi la terza legge di Newton per le reazioni meccaniche ed elettromagnetiche deve anche essere dovuta allo scambio di fotoni virtuali. In altre parole, c’era una metà extra del “qualcosa” nel vuoto che ha interagito con i nostri rivelatori e ci ha dato le onde di precessione trasversale del “gas elettronico libero”.

Quella “metà extra” era esattamente uguale e opposta, e interagiva nei nuclei atomici dei conduttori e nella massa dello strumento per dare un insieme di contraccolpi fisici newtoniani. Quella metà è uguale e opposta alla metà che abbiamo effettivamente riconosciuto. Il punto è che forze uguali e opposte hanno effettivamente interagito con il nostro strumento. Quindi un’onda di stress ha interagito con esso, non un’onda oscillante unitaria.

Ciò che si verifica nel vuoto deve essere un’onda di stress, non un’onda unitaria del campo di forze. In breve, come affermato (ma non elaborato) da Feynman, è un’onda potenziale, o un’oscillazione nei gradienti e nelle grandezze del potenziale, non i campi di forza. Poiché nella teoria moderna la forza è un effetto e non una causa, interpretiamo ed estendiamo la terza legge di Newton per affermare che anche le cause di tutte le forze devono verificarsi in coppie opposte. Così la causa di un campo di forza EM deve essere l’interazione di due potenziali scalari _ proprio come dimostra l’articolo di Whittaker del 1904.

Nella teoria quantistica dei campi qualsiasi forza meccanica o EM è causata su una massa dall’assorbimento e dall’emissione di fotoni virtuali. Di conseguenza, esaminiamo la più piccola “forza” EM o meccanica possibile _ quella causata dall’assorbimento di un singolo fotone virtuale. La terza legge di Newton richiede che ci siano due fotoni (le cause), non uno. Inoltre, in tutti i casi, l’uno deve essere esattamente antiparallelo all’altro. L’unica cosa che soddisfa sempre questa condizione per un fotone è il suo esatto antifotone _ il suo gemello invertito nel tempo, replica coniugata in fase.

Ma un fotone replica coniugata in fase deve anche sovrapporsi spazialmente al suo fotone genitore _ questo è ciò che le repliche coniugate in fase fanno normalmente, secondo il teorema di correzione della distorsione dell’ottica non lineare coniugata in fase. Così, invece della convenzionale interazione “singolo fotone”, l’effettiva entità del vuoto impegnata nell’interazione con un atomo è una coppia fotone/antifotone accoppiata. Una coppia fotone/antifotone accoppiata ha spin-2, quindi è un gravitone.

Gravitoni e interazione dei gravitoni

Quindi, probabilmente, l'”interazione fotonica” è sempre stata un’interazione gravitonica. Nell’interazione con un atomo, il gravitone si divide in un fotone e un antifotone. Il fotone di solito interagisce con i gusci degli elettroni, venendo assorbito da un elettrone per aumentare il suo livello di energia, poi riemesso e sparso verso l’esterno dell’atomo. Questo assorbimento e scattering di fotoni _ contenenti le loro componenti di energia e di tempo _ dai gusci di elettroni dell’atomo crea il movimento dell’atomo attraverso il tempo dell’osservatore esterno. L’interazione fotonica tra una massa e il suo ambiente crea il flusso in avanti del tempo per quell’atomo e il suo universo esterno apparentemente entropico (creato dall’interazione fotonica).

La metà antifotone del gravitone è invertita nel tempo, che noi vediamo come invertita spazialmente. Di conseguenza lo vediamo muoversi nella direzione opposta al suo gemello fotonico diretto all’esterno. Così l’antifotone si concentra verso l’interno e interagisce con il nucleo atomico, fornendo il rinculo newtoniano della terza legge dell’atomo. L’assunzione disinvolta di una forza di reazione “automatica” della terza legge ha sempre nascosto il fatto che la cosiddetta interazione fotonica è in realtà un’interazione gravitonica. Inoltre, la carica positiva del nucleo atomico è dovuta alle interazioni di inversione temporale degli antifotoni con i nucleoni, che invertono la carica rispetto a quella degli elettroni carichi negativamente nei gusci elettronici dell’atomo.

Prova: L’esclusione dell’antifotone viola la terza legge di Newton

Questa ipotesi di interazione gravitonica è testabile. Si noti che, se l’ipotesi è corretta, allora quando un atomo o una massa emette antifotoni o antionde (fotoni coniugati in fase o onde di replica coniugate in fase), significa che gli antifotoni che vanno verso l’interno sono stati “ingannati” per uscire invece dall’atomo, così da poter comprendere l’onda invertita nel tempo. Se vengono verso l’esterno invece di andare verso l’interno quando si dividono dai gravitoni genitori, non interagiscono con i nuclei per causare il loro rinculo. In questo caso, non ci sarebbe nessun rinculo.

E infatti, è così. In un materiale a specchio coniugato in fase, lo specchio non rincula quando emette un’onda di replica coniugata in fase, anche una potente onda dovuta ad un potente pompaggio. Questo non è vero quando il materiale specchio emette un’onda pseudo coniugata. Uno specchio pseudo-coniugato, ad esempio, emette un’onda ordinaria “time-forward” con un fronte d’onda distorto, in modo che “rifletterà” in modo simile all’onda replica coniugata in fase.

Tuttavia, l’onda pseudo-coniugata non è una vera onda invertita nel tempo. Di conseguenza, lo specchio si ritorcerà quando emette l’onda pseudoconiugata, perché gli antifotoni dall’interazione gravitonica penetrano ancora nel nucleo e vi interagiscono, mentre i fotoni avanti nel tempo costituiscono l’onda pseudoconiugata effettivamente emessa. Questo è sperimentalmente verificabile. Tra le altre cose, stabilisce che esistono differenze tra il fotone e l’antifotone.

Guardando gli aspetti fotonici di questo, ci si rende conto che bisogna stare molto attenti nell’applicare l’assunzione convenzionale che il fotone e l’antifotone sono identici. In realtà non sono uguali “internamente”. Il fotone può essere pensato come portatore o costituito da (+E)(+t), mentre l’antifotone può essere pensato come portatore o costituito da
(-E)(-t). Così entrambi hanno spin positivo, ma differiscono nelle loro componenti interne.

La mancanza di rinculo in uno specchio coniugato in fase che emette una vera onda replica invertita nel tempo è già in letteratura, anche se derivata da argomenti di meccanica quantistica statistica. È stato anche sottolineato da altri fisici che tutte le misurazioni/rilevazioni sono in realtà binarie, ma che la metà “energia interna” è quasi sempre ignorata [è solo considerata come “legge di Newton”, automaticamente revocata, e spazzata via in questo eufemismo].

Struttura a reticolo dei gravitoni del potenziale scalare

Quando esaminiamo la struttura WZ di un potenziale scalare, in ogni bionda l’onda e l’antionda sono coniugate in fase. Ne segue che anche i fotoni nell’onda e gli antifotoni nell’antionda sono coniugati in fase. Questo significa che, mentre le due onde si attraversano spazialmente, le coppie fotone/antifotoni si accoppiano e disaccoppiano continuamente. Quindi i gravitoni si accoppiano e disaccoppiano continuamente. Inoltre, poiché le frequenze delle coppie di onde sono fasellate tra le coppie, il potenziale scalare è un reticolo fasellato di gravitoni statistici (che si formano e si disformano continuamente).

Consideriamo ora le interazioni di un organismo con i fotoni ambientali come le interazioni dell’organismo con i gravitoni ambientali, e specificamente con i reticoli di gravitoni.

Accumulo cumulativo nel potenziale quantico dell’antisegnale

Se i mezzi fotoni (delle interazioni dei gravitoni) nei gusci di elettroni del corpo vivente sono considerati come segnali/interazioni ambientali, allora precisi antisegnali o anti-interazioni, che costituiscono un perfetto feedback negativo di tutte le esperienze fisiche ambientali di un organismo, sono sperimentati nei nuclei atomici dell’organismo.

Si noti che lì hanno parzialmente influenzato la strutturazione interna dei potenziali quantici _ sia il potenziale quantico personale che il potenziale quantico di specie. Il punto è che i feedback negativi cumulativi (coniugati in fase esatta) per tutte le esperienze ambientali e gli stress che un organismo sperimenta, costruiscono sia il QP personale che il QP della specie di quell’organismo. Una parte del cumulo di antisegnali comuni a tutta la specie esiste anche nel profondo del potenziale quantico del sistema biologico vivente.

Così, per ogni stress prolungato sperimentato dall’organismo, nella sua QP personale si costruisce continuamente un feedback cumulativo coerente di contromisure negative _ che per la sua natura invertita nel tempo ridurrebbe quello stress _. I coniugati di fase degli stress “ben arrotondati” o altamente variabili di più tipi tenderanno per lo più ad equilibrarsi o “azzerarsi”.

Tuttavia, una sollecitazione sostenuta di un tipo provocherà un cumulo coerente e un aumento del “rapporto segnale-rumore” dell’ampiezza dell’antisegnale per quella particolare sollecitazione, rispetto all’ampiezza della media di tutti gli antisegnali sperimentati. Questo è simile al caso in cui, in un mare di rumore radar, un segnale radar coerente fosse continuamente presente e si integrasse in modo coerente.

La continua integrazione coerente, naturalmente, si traduce in un continuo aumento del rapporto segnale-rumore per il segnale coerente, e alla fine emerge dal “mare di rumore” come un antisegnale distinguibile [in questo caso, osservabile e fisico].

Questa “accensione cumulativa di antisegnali” avviene sia nel QP personale che nel QP di specie; tuttavia, il QP di specie è molti, molti ordini di grandezza inferiore al QP personale. Quindi è necessario molto più tempo per “accendere” i cambiamenti della specie (evoluzione) che per accendere gli adattamenti individuali di contrasto.

Fare esercizio per mettersi in forma è un semplice esempio di stress fisico per le cellule del corpo in modo che il meccanismo di feedback di alto livello nel MCCS accenda gli antisegnali appropriati e ordini alle cellule di regolare il loro funzionamento in modo tale che il livello di prestazione richiesto possa essere raggiunto più facilmente, riducendo così il livello di stress.

Il meccanismo adattativo che ordina l’aggiustamento delle cellule del corpo è il feedback negativo coerente nel QP personale, creato dai segnali di stress degli esercizi sostenuti di “allenamento”. Questo è un meccanismo abbastanza rapido, di “alto livello”; esistono anche molti altri meccanismi di reazione di feedback molto più lenti (e alcuni molto più veloci).

Ipossia come risultato dell’interferenza con il legame idrogeno all’emoglobina

Segnaliamo ora l’effetto di legame H dell’acqua recentemente scoperto sull’emoglobina nel sangue, dove l’attività di legame H aumenta la capacità dell’emoglobina di trasportare ossigeno. Circa 60 o 70 molecole d’acqua circondano la molecola di emoglobina, impegnandosi in interazioni Hbonding estese con essa, che aumenta sostanzialmente la capacità puramente chimica dell’emoglobina di legare e trasportare ossigeno.

È importante notare che la contaminazione di quest’acqua nel fluido sanguigno influisce drasticamente su questo beneficio di H-bonding, e riduce la capacità dell’emoglobina di trasportare l’ossigeno extra. Così la contaminazione del fluido sanguigno interno da parte di prodotti chimici, pesticidi agricoli, fumo, ecc. abbassa direttamente e drammaticamente la disponibilità di ossigeno alle cellule del corpo, con il risultato di un continuo stato di “fame di ossigeno” (ipossia) nella maggior parte delle cellule del corpo.

Si sa anche che la strutturazione dei legami H dell’acqua è altamente dinamica e costantemente adattabile, e possiede un alto grado di ordine interno. Un conglomerato di strutture H-bond in una zona o in un volume può essere considerato un potenziale H-bond, poiché le opposizioni di gradiente si sommano per produrre potenziali di stress. Così nel fluido H-bonding che circonda la molecola di emoglobina, esiste un potenziale scalare H-bond, e per la decomposizione Whittaker/Ziolkowski (W/Z) ha una struttura a più onde.

Qualsiasi contaminazione del fluido _ anche da campi e segnali elettromagnetici, sostanze chimiche, ecc. _ altera la strutturazione del legame H e quindi la struttura interna W/Z del potenziale di legame H. Il risultato finale dell’adulterazione della struttura di H-bonding del fluido sanguigno è una condizione di ipossia indotta nelle cellule del corpo a causa del ridotto trasporto di ossigeno da parte dell’emoglobina dei globuli rossi.

Ogni singolo segnale EM è il risultato dell’interferenza di due potenziali EM scalari, come dimostrato da Whittaker. È il risultato dell’interferenza delle strutture d’onda EM interne di quei potenziali EM scalari. La radiazione EM multisegnale deve essere considerata come l’interferenza di più coppie di potenziali scalari. Questi potenziali interferenti penetrano fino al nucleo atomico nel corpo, e quindi interagiscono con il potenziale quantico personale interno utilizzato dal corpo nel suo profondo controllo cellulare. Anche questa radiazione EM multisegnale, non importa quanto debole, interagisce direttamente con la struttura Hbonding del fluido sanguigno H-bonding.

Anche la radiazione EM monosegnale forma ancora accoppiamenti oppositivi con i campi deboli già esistenti nel corpo, formando così anche potenziali strutturati W/Z. Dalle interferenze nel corpo di tali potenziali multipli e delle loro strutture interne, si creano anche interazioni di gradiente (campo di forza) sulle cellule del sangue e l’emoglobina. In breve, la radiazione EM di fondo a basso livello può anche interagire con l’Hbonding dell’emoglobina per abbassare seriamente la sua capacità di trasporto dell’ossigeno, proprio come qualsiasi altro contaminante. Più denso è l’ambiente esterno, maggiore è l’interferenza e l’interferenza con l’aumento del legame di idrogeno del trasporto di ossigeno.

Ne consegue che, quando vengono spinti in un ambiente di segnale veramente denso, alcuni individui esposti possono ricevere una “dose cumulativa di interferenza di legame a idrogeno” che, se aggiunta alla loro dose precedente esistente, è sufficiente a provocare sintomi fisici “ordinati” nelle cellule dagli antisegnali accesi nei loro potenziali quantici. Nella Guerra del Golfo, molti americani sono stati improvvisamente spinti in uno degli ambienti con i segnali EM più densi della storia. Poco dopo il ritorno da quel conflitto ultracorto, molti di questi veterani esposti hanno sperimentato cambiamenti di salute ritardati attualmente noti come “Sindrome della Guerra del Golfo”.

Mentre l’esercito ha tentato di ritrarre questa sindrome come “stress indotto” trauma emotivo ‘, la maggior parte di questi veterani quando testato sono trovati per essere emotivamente stabile. Inoltre, c’è stato molto meno stress da combattimento per le nostre truppe nella guerra del Golfo che nella seconda guerra mondiale, nella guerra di Corea o nella guerra del Vietnam, come dimostrato da meno di 200 morti in combattimento! Essenzialmente la guerra fu quasi un “tiro al bersaglio”, e quindi lo stress da combattimento non è semplicemente possibile come agente causale proposto per la Sindrome del Golfo.

Le interazioni chimiche, meccaniche ed elettriche sono comunque elettromagnetiche

In effetti, la chimica è in gran parte dovuta alla carica elettrica e alla distribuzione della carica comunque. Quindi, se consideriamo i contaminanti fisici nel sangue dal punto di vista chimico, essi sono causati da mezzi elettromagnetici alla base. Così anche i contaminanti “chimici” interagiscono elettricamente e tramite interferometria potenziale (multiwave) con il potenziale H-bonding. Inoltre, nella teoria quantistica dei campi, tutte le forze meccaniche sono dovute allo scambio di fotoni virtuali, e quindi sono anche elettromagnetiche alla loro base.

La linea di fondo è che tutte le interazioni chimiche, meccaniche ed elettriche sono di fatto causate elettromagneticamente. Inoltre, poiché sia le strutture interne che esterne del potenziale sono ingegnerizzabili, le forze meccaniche ed elettriche sulle particelle di massa _ e gli scambi di fotoni virtuali che causano queste forze _ sono direttamente ingegnerizzabili. Tutte queste interazioni chimiche, meccaniche ed elettriche nelle cellule possono essere influenzate e persino ingegnerizzate elettricamente. Questo è vero dal nucleo atomico, alle molecole, ai reticoli materiali, alle cellule umane, ai tessuti, e persino alla mente e ai modelli di stoccaggio a lungo termine (forme strutturate WZ interne nel QP) nell’organismo biologico.

Come si vede ci sono molte altre interazioni dirette più deboli della radiazione “campo di forza”; tuttavia, qui siamo interessati all’interazione di quella radiazione con la struttura interna del potenziale di legame H’, per ridurre la capacità di trasporto dell’ossigeno dell’emoglobina. In ogni caso, l’interazione totale sostenuta di contaminanti chimici e fisici e campi EM e radiazioni può risultare in una condizione sostenuta di privazione di ossigeno (ipossia) per le cellule del corpo, anche in misura drammatica. Inoltre, grazie all’interazione dei gravitoni, un insieme sostenuto e cumulativo di antisegnali viene anche generato automaticamente nel potenziale quantico personale come un insieme di segnali di feedback negativi per intraprendere azioni correttive per alleviare la condizione di impoverimento dell’ossigeno. Si noti che la condizione cumulativa di antisegnali è generale e colpisce anche il sistema immunitario e le sue cellule.

L’esempio del fumo

Ovviamente i catrami, le particelle e la nicotina del fumo inalato dal fumatore contaminano drammaticamente il fluido nei polmoni del fumatore, proprio dove l’emoglobina dei globuli rossi assume ossigeno. Si verifica una drastica interferenza con lo stimolo del legame H dell’emoglobina. Il risultato è un’immediata e drammatica riduzione della capacità di trasporto dell’ossigeno di tutta l’emoglobina nei globuli rossi quando questi attraversano i polmoni contaminati e sono esposti alla contaminazione dei fluidi. Si crea così nel corpo una condizione immediata di privazione di ossigeno.

A causa della grandezza del segnale stressante, la maggior parte dell’antisegnale è anche di grandezza sostanziale _ quindi si accumulano ordini immediati di reazione nel QP personale, in particolare nel sistema di controllo cellulare master di Popp. Così molto rapidamente il corpo ha dei controsegnali di feedback negativi dal sistema centrale di controllo cellulare, che ordinano al corpo di intraprendere azioni per ridurre il bisogno cellulare di ossigeno. Il metabolismo viene abbassato, il corpo si rilassa, e l’appetito viene soppresso; tutte contromisure alla condizione di ipossia delle cellule, abbassando il bisogno cellulare di ossigeno.

Nonostante le eroiche compensazioni fisiche cellulari “antisegnali di alto livello” per ridurre l’uso di ossigeno, tuttavia, la condizione di carenza di ossigeno cellulare può ancora continuare, nel caso del fumatore o di contaminanti ambientali sostanziali come il fumo secondario. Quindi, oltre ai controsegnali immediati, altri controsegnali molto più deboli si accumulano lentamente nel sistema di controllo cellulare centrale del potenziale quantico personale.

Segnali di contrasto cumulativi, profondi e a lungo termine

Ora abbiamo bisogno di un’informazione supplementare. Oltre al suo potenziale quantico personale, un organismo biologico è anche collegato ad un potenziale quantico di specie che unisce tutti i membri della sua specie. Questo è un potenziale quantico molto più debole; tuttavia, i potenziali si sovrappongono, così una piccola “parte” del potenziale quantico personale è in realtà il potenziale quantico di specie _ in altre parole, il campo morfogenetico di Sheldrake.

Nel profondo del suo potenziale quantico personale, il sistema vivente possiede anche tutti i passi cumulativamente ordinati (antisegnali di specie che sono stati attuati) della sua evoluzione di specie. Con una cumulazione coerente molto lunga, nel potenziale quantico individuale del bio-organismo _ e nel suo profondo controllo cellulare _ possono essere stimolati dei contro-segnali che sono contrari ai segnali originali che hanno ordinato la mutazione diretta e l’evoluzione primordiale delle cellule costituenti stesse.

In un ambiente di stress da ipossia cellulare prolungata, i controsegnali “fai tutto il necessario per ridurre il consumo di ossigeno” continueranno ad accumularsi da livelli sempre più profondi nel QP per un tempo apprezzabile. Questi continuano ad “accendersi” lentamente dopo che le “prime azioni antisegnali di alto livello” che si sono accumulate oltre la soglia del “rumore” (quantico) hanno raggiunto i loro limiti di reazioni fisiche e sono ancora insufficienti a risolvere il problema.

Man mano che lo stress da ipossia nelle cellule continua, allora i controsegnali molto più deboli ma coerenti che innescano azioni di adattamento cellulare più profonde hanno alla fine il tempo di cumulare oltre la soglia quantica fino allo stato osservabile. Questi controsegnali cumulati a lungo termine provengono da molto più in profondità, anche dal potenziale quantico della specie stessa.

Questi controsegnali cumulativi profondi sono coniugati di fase _ inversioni, o comandi di de-differenziazione _ dei precedenti segnali di mutazione diretta che hanno ordinato cambiamenti evolutivi nelle loro cellule predecessore nel lontano passato.

Questi antisegnali a lungo termine contengono quindi un segnale per invertire i controsegnali cumulativi originali nel potenziale di specie cellulare che ha fatto sì che le prime cellule ancestrali anaerobiche sulla terra si trasformassero (differenziassero) in cellule largamente aerobiche, dopo che l’atmosfera terrestre acquisì quantità significative di ossigeno. In breve, si sta lentamente accumulando un segnale profondo che, quando emergerà, ordinerà la de-differenziazione della cellula interessata di nuovo lungo la strada evolutiva verso l’anaerobio. I primi passi sono riduzioni del controllo cellulare centralizzato, compreso il controllo della crescita.

In altre parole, in condizioni di ipossia cellulare sostenuta, un segnale di contromisure alle cellule, che ordina loro di de-differenziare di nuovo verso lo stato anaerobico, si sta lentamente costruendo nel potenziale quantico personale da un livello molto più debole e basso “sotto il livello di rumore comune dei controsegnali” per tutto il tempo. Se una significativa privazione di ossigeno continua per un tempo sufficientemente lungo, questo profondo controsegnale alla fine emerge nel sistema MCCS di Popp nel QP personale, ordinando alle cellule colpite di de-differenziare di nuovo verso il loro stato anaerobico.

Il primo passo indietro è quello di staccarsi dal controllo centralizzato da parte dell’organismo superiore _ che risulta in cellule individuali “tumorali” o “incontrollate”. Dall’ipossia cellulare sostenuta esiste uno stato precanceroso che aumenta lentamente, anche anni prima dello scoppio del cancro fisico. Questo stato precanceroso ha una grande influenza sulle “singole cellule” dell’organismo, che include le cellule del sistema immunitario. Così lo stato precanceroso è caratterizzato da errori crescenti e da un lento indebolimento del sistema immunitario. L’artrite e simili disturbi debilitanti del sistema immunitario sembrano essere in gran parte il risultato di questo cumulo “precanceroso” a lungo termine.

Notate che le cellule più stressate del corpo hanno automaticamente fornito la maggior quantità di “input di feedback negativo”. Notate anche che il feedback è una replica coniugata in fase; quindi “torna indietro” rispetto al suo segnale di input di stress iniziale. In breve, il grado di feedback antisegnale ricevuto da una cellula o da un gruppo di cellule varia a seconda del grado di stress subito.

Così le cellule che subiscono lo stress più lungo e più grande ricevono per prime questo drastico controsegnale di de-differenziazione. Ad esempio, questo spiega la localizzazione (abituale) del tumore risultante nei polmoni di un fumatore, almeno inizialmente. Questo spiega anche il meccanismo di stress-danno per disturbi come l’artrite.

Una nuova definizione di cancro

Nel nuovo modello avanzato, il cancro e la leucemia sono comandati a livello centrale. “dedifferenziazione di primo passo” tentativi adattativi da parte dello stress. cellule colpite che sperimentano la carenza di ossigeno sostenuta (ipossia) per invertire la loro evoluzione cellulare e tornare allo stadio anaerobico della loro antenata lontana.

La causa del cancro e della leucemia _ e in effetti di tutte le malattie _ è di natura elettromagnetica, e può essere direttamente trattata e curata elettromagneticamente, se si utilizzano gli aspetti estesi W/Z della topologia superiore EM, effettivamente scritta da James Clerk Maxwell. Questa affermazione è basata su prove sperimentali; non è una congettura. Discutiamo questa prova più avanti.

Come abbiamo visto, in generale la forza del controsegnale cumulativo dipende inversamente dalla distanza nel corpo delle cellule colpite dalla fonte della maggiore stimolazione contaminante. Quando il controsegnale di “de-differenziazione” più profondo raggiunge la soglia quantica nell’area più colpita, un piccolo gruppo di cellule localizzate lì fa il primo passo indietro lungo la catena evolutiva “da singolo anaerobo a singolo aerobo a multi aerobo”.

Questo primo passo di dedifferenziazione stacca le cellule dal controllo centralizzato del MCCS nel potenziale quantico personale. Queste cellule dedifferenziate diventano cellule indipendenti o un piccolo gruppo di cellule indipendenti. Costituiscono un tumore, o una leucemia se si verifica nelle cellule del sangue. Semplicemente non sono più sotto il controllo del MCCS del corpo nel potenziale quantico personale, anche se i servizi logistici del corpo (nutrienti, ossigeno, ecc.) continuano ad essere forniti loro.

A questo punto il tumore diventa un organismo cellulare indipendente, che vive in un ambiente in cui il suo corpo ospite continua a fornirgli cibo e ossigeno, e le cellule del sistema immunitario del suo ospite non riconoscono le cellule alterate come estranee da attaccare e distruggere. Di conseguenza non c’è un controllo centrale del “grande organismo” sulla crescita del tumore, e le cellule tumorali si dividono e si moltiplicano rapidamente.

Questa perdita del controllo centralizzato della crescita e la conseguente divisione e replicazione cellulare incontrollata è infatti riconosciuta dagli scienziati come la principale caratteristica distintiva del cancro e della leucemia. Con la perdita del controllo centrale, gruppi di cellule tumorali o singole cellule tumorali possono staccarsi e viaggiare in altre parti del corpo attraverso i sistemi di circolazione del corpo. Questo si traduce in metastasi, la diffusione del cancro in altri siti del corpo, dove continuano ad essere riconosciute come “sé” dalle cellule del sistema immunitario e continuano ad essere rifornite di ossigeno e nutrienti per una crescita continua.

Il tumore è diventato un’organizzazione parassita

Pensala in questo modo: In un corpo vivente, ogni cellula è già una singola, indipendente, creatura vivente tutta sua. Ha persino un suo piccolo “potenziale quantico personale” _ abbiamo sostenuto che questa è una condizione a priori dell’essere vivi. Tuttavia, ogni cellula in un organismo multicellulare è normalmente sotto un sistema di controllo elettromagnetico centralizzato (che funziona nel potenziale quantico personale di livello superiore dell’organismo), così che l’organismo vive e funziona come un’unità globale di livello superiore.

Se una cellula (o un gruppo di cellule) si è separata da questo controllo EM centralizzato, ma è ancora viva e funzionante, allora ovviamente la cellula non è più sotto l’MCCS e il potenziale quantico personale dell’intero organismo. Tuttavia, possiede ancora il suo sistema di controllo e il suo QP personale. Se il distacco è da parte di un piccolo gruppo di cellule, allora anch’esse sono vagamente sotto un potenziale quantico e un MCCS di “piccolo gruppo”. Cioè, sono passate da un “controllo centrale su larga scala” a un livello “molto più basso” di controllo cellulare centralizzato, tenendo conto del “tumore come entità multicellulare individuale”. Nutrito dal corpo ospite, il nuovo organismo parassita _ il tumore _ cresce ad un ritmo incontrollato. Di nuovo, sosteniamo che il problema è di natura elettromagnetica, e può essere “risolto” elettromagneticamente.

Lo stato cumulativo pre-cancro

Con questo quadro del meccanismo causale cumulativo a lungo termine per il cancro e la leucemia, è emerso un quadro molto migliore dello stato pre-cancro. Lo stato pre-cancro è un cambiamento nascosto di stato EM che comprende un ordine di dedifferenziazione cellulare, a ritroso lungo il percorso dell’evoluzione cellulare della specie, e la grandezza di quel cambiamento di stato sta lentamente aumentando all’interno del potenziale quantico dell’organismo. L’eventuale cancro osservabile è un’effettiva de-differenziazione cellulare dovuta alla violazione localizzata della soglia quantica da parte di questo ordine di de-differenziazione EM nascosto cumulativo per allontanarsi dal controllo centralizzato e tornare verso lo stato cellulare anaerobico.

I profondi esperimenti di Becker

È già stato dimostrato sperimentalmente che quantità molto piccole di correnti elettriche dirette, ad esempio, possono causare la dedifferenziazione e la ridifferenziazione cellulare. In un lavoro mozzafiato, di qualità nobel, Becker ha dimostrato che anche picoampere di corrente elettrica localizzata sono sufficienti a causare la de-differenziazione e la ri-differenziazione cellulare, anche in modo ripetitivo. Incredibilmente, ha dimostrato che questo era vero per i globuli rossi, che prima si sono de-differenziati in cellule più primitive, si sono ri-differenziati in precursori di cellule cartilaginee, poi si sono ri-differenziati in cellule ossee in una zona “frattura ossea” e hanno guarito la frattura ossea.

Dal momento che i picoampere possono essere generati dal meccanismo cumulativo del controsegnale (tramite l’interferometria scalare di Whittaker), influenzando direttamente il MCCS e anche le cellule, allora la connessione tra i potenziali scalari/interferometria di potenziale e i meccanismi di dedifferenziazione che si presume siano coinvolti nel cancro e nella leucemia segue essenzialmente dall’interpretazione del lavoro pionieristico di Becker. Per rafforzare ulteriormente l’ipotesi, Hsue ha recentemente (1993) dimostrato che una tensione continua è in effetti equivalente a due onde viaggianti EM bidirezionali che indica direttamente un’implicazione di tipo WZ nel profondo lavoro di Becker stesso.

Così Becker ha effettivamente utilizzato una struttura d’onda WZ bidirezionale nascosta all’interno del gradiente di tensione tra i suoi elettrodi nella sua dedifferenziazione e ridifferenziazione in corrente continua delle cellule del sangue.

Egli dimostrò definitivamente che la de-differenziazione e la ri-differenziazione cellulare _ entrambi cambiamenti genetici possono infatti essere causati da una tale struttura EM bi-onda interna di un gradiente di potenziale scalare costante e persistente. Inoltre, ha dimostrato che questi cambiamenti genetici cellulari indotti da El~ possono essere auto-targettizzati verso l’inversione della condizione di danno specifico, anche se diversi cambiamenti genetici successivi possono essere necessari per raggiungere la forma genetica cellulare finale richiesta per la guarigione.

Stato pre-cancro e prognosi per l’efficacia del trattamento

Per riassumere, ogni volta che un cancro o una leucemia esiste in modo rilevabile, indipendentemente dal sito del cancro, uno stato pre-cancro esiste anche nel resto del corpo, e il sistema immunitario è interessato in generale. Inoltre, questo stato pre-cancro preesiste all’effettiva comparsa del tumore stesso. Il nuovo modello di bioeffetti EM fa anche luce sulla probabile efficacia del trattamento convenzionale, e sulla probabilità di una “cura” che dura per il resto della vita del paziente.

Se il controsegnale cumulativo che si accende lentamente nello stato pre-cancro rimanente è sufficientemente sotto la soglia quantica, allora il trattamento convenzionale del cancro come l’escissione può eliminare il tumore, e nessun altro tumore può poi svilupparsi prima della normale morte fisica del corpo, anche se il lento aumento dello stato pre-cancro continua.

In altre parole, in questo caso gli antisegnali cumulativi nei luoghi dello stato pre-cancro diversi dal sito originale del cancro non raggiungono mai la soglia quantica prima della morte naturale del paziente. D’altra parte, se gli antisegnali cumulativi nello stato pre-cancro sono generalmente molto vicini alla soglia quantica, allora la recidiva del tumore è altamente probabile. Nel primo caso la prognosi curativa è eccellente, nel secondo caso è scarsa.

Inoltre, sottolineiamo che molti trattamenti attuali (come le radiazioni nucleari) causano essi stessi uno stress significativo sul corpo e le sue cellule e un ulteriore deterioramento del sistema immunitario. Generano anche un livello aggiuntivo di “antisegnali” nel potenziale quantico personale, con conseguente aumento effettivo del livello dello stato pre-cancro nell’organismo. Se la combinazione dello stato pre-cancro al momento del trattamento, più l’aumento dello stato pre-cancro dovuto al trattamento, è sufficiente a violare il livello quantico, allora quel trattamento si rivelerà di scarsa o nessuna utilità per il paziente.

Lo stato tumorale si ripresenterà, e a volte in modo massiccio (il tumore metastatizza), indipendentemente dal fatto che venga somministrato o meno un ulteriore trattamento. In questo caso il paziente morirà, a meno che in qualche modo lo stato pre-cancro venga abbassato, le cellule tumorali vengano riportate al controllo cellulare centralizzato, e il sistema immunitario venga riportato a un funzionamento efficace in modo da eliminare le cellule in eccesso. Attualmente non c’è nessun trattamento convenzionale che sia in grado di realizzare i tre requisiti per il recupero di un paziente disperatamente malato dalla condizione “terminale” del cancro.

Rintracciare la cura completa del cancro

Dalla nuova definizione EM del cancro e della leucemia e dal nuovo meccanismo causale cumulativo, si può vedere quanto gravemente limitate siano le attuali armi mediche contro questa terribile malattia. Ne consegue che, se la causa è totalmente elettromagnetica, allora un trattamento totalmente efficace può essere cercato solo come una terapia elettromagnetica. Poiché la causa EM è in un dominio EM esteso, allora assiomaticamente un trattamento totalmente efficace può essere cercato solo nello stesso dominio EM esteso.

La cura completa per il cancro e la leucemia, naturalmente, sarebbe quella di neutralizzare completamente o “azzerare” l’accumulo cumulativo di controsegnali Whittaker/Ziolkowski del paziente nel MCCS/QP personale. Questo può essere fatto prima che l’accumulo raggiunga lo stadio di malattia fisica manifesta, o dopo che ha già raggiunto tale stadio. Può essere prontamente fatto elettromagneticamente, usando l’EM su misura multi-biwave e l’auto-targeting per fornire un esatto contro-segnale (o segnale antidoto) al segnale di cumulo stesso. Questo è un fatto scientifico ed è stato rigorosamente provato, anche se la metodologia non poteva essere tecnicamente spiegata e compresa.

La cura di Priore per i tumori terminali e altre malattie

Tale procedura di cura totale del cancro è stata ripetutamente dimostrata in esperimenti su animali vivi alla fine degli anni ’60 e all’inizio degli anni ’70 da Antoine Priore in Francia, sotto rigorosi protocolli scientifici e la supervisione di eminenti scienziati francesi [come Robert Courrier, capo della Sezione di Biologia dell’Accademia Francese delle Scienze, e Secretaire Perpetuel dell’Accademia a quel tempo]. Il vantaggio dell’approccio di tipo Priore era che invertiva rapidamente la de-differenziazione dal controllo centralizzato delle cellule colpite (tumorali).

Le cellule tumorali si ridifferenziavano semplicemente in cellule normali sotto il controllo centralizzato del MCCS/QP personale. (Se troppo numerose a causa della crescita del tumore prima della sua redifferenziazione, i normali meccanismi del corpo assorbono e smaltiscono le cellule in eccesso). Inoltre, tale trattamento ha rimosso tutto lo stato precanceroso dal resto del corpo, impedendo la recidiva o la diffusione del tumore. È l’unica “cura totale” per il cancro, compreso lo stato precanceroso accumulato, che sia mai stata dimostrata scientificamente. E infine, ha ottenuto questi risultati senza gravi traumi al corpo o ulteriori traumi al sistema immunitario. Anzi, si è verificato l’esatto contrario.

Lavorando con Priore, l’eminente scienziato francese Pautrizel dimostrò che il trattamento Priore ripristinava e stimolava il sistema immunitario al suo robusto funzionamento normale, come sarebbe stato previsto dal modello attuale che proponiamo.

Gli scienziati dell’epoca non avevano le conoscenze necessarie per la comprensione

È una grande tragedia che il meccanismo attivo del dispositivo Priore non sia stato compreso _ anche da Priore stesso e anche da fisici molto competenti assegnati al programma per cercare di accertare il meccanismo della macchina. L’onda EM coniugata in fase o “invertita nel tempo” era sconosciuta fino alla sua scoperta nella letteratura sovietica aperta nel 1972. Quasi tutta la nostra conoscenza di tali onde risale a quel periodo. Nello stesso anno, due scienziati sovietici hanno informato gli scienziati americani al Lawrence Livermore National Laboratory sulla coniugazione di fase ottica. In seguito, alcuni scienziati americani iniziarono un intenso lavoro sulla coniugazione di fase ottica.

Tuttavia, l’onda invertita nel tempo è una soluzione dell’equazione d’onda e si applica a tutti i tipi di onde, non solo EM. La coniugazione di fase delle onde sonore, per esempio, è facilmente realizzabile. La soluzione dell’onda invertita nel tempo è effettivamente apparsa nella letteratura scientifica nel 1898 in un articolo di Barus, che sottolineava che questa strana soluzione “faceva correre l’onda all’indietro”. Ma al momento in cui il finanziamento del programma Priore fu ritirato dal governo francese nel 1974-75, in Occidente esisteva ancora poca o nessuna comprensione dell’onda EM invertita nel tempo, e naturalmente anche il lavoro di Whittaker era sempre stato ignorato e sconosciuto. Letteralmente, con gli strumenti tecnici disponibili all’epoca, i fisici, i biologi e gli oncologi francesi non avevano alcuna possibilità di capire il meccanismo causale degli esperimenti di Priore.

Natura del trattamento Priore

In breve, Priore ha mescolato circa 17 frequenze in un plasma rotante in un tubo gigante. Oggi sappiamo che una funzione del tipo di plasma che ha usato è quella di produrre un’onda di replica coniugata in fase, per un’onda di ingresso. Così Priore ottenne inconsapevolmente coppie onda/antionda accoppiate nel suo dispositivo. L’uscita del tubo al plasma era poi accoppiato a (modulato su) un “campo magnetico increspato” di forza apprezzabile. Il campo magnetico garantiva la penetrazione dell’intero corpo e di ogni cellula in esso, portando con sé la sua struttura potenziale interna modulata Whittaker/Ziolkowski.

L'”increspatura” del campo magnetico garantiva la penetrazione nei nuclei atomici e l’interazione con essi, attraverso la risonanza magnetica nucleare. A sua volta, sconosciuto a Priore o al team scientifico, questo garantiva l’interazione della struttura W/Z prodotta dal plasma con la struttura W/Z interna del QP personale che univa quei nuclei atomici. Così l’approccio di Priore (1) ha formato una struttura di contro-segnale W/Z deliberata; cioè, Priore ha costruito un antidoto elettromagnetico specifico, (2) ha portato quell’antidoto in tutti i nuclei atomici del corpo trattato tramite risonanza magnetica nucleare, e (3) ha causato l’interazione con e la neutralizzazione della struttura interna di contro-segnale di dedifferenziazione W/Z già presente nel QP personale che unisce tutti i nuclei atomici del corpo trattato, azzerando o cancellando gli stati tumorali e pre-tumorali esistenti in tutto il corpo.

I risultati finali furono che (1) il contro-segnale cumulativo alle cellule tumorali per dedifferenziare di nuovo verso le cellule anaerobiche fu rimosso, (2) il controllo cellulare centralizzato dell’organismo sulle cellule tumorali fu ripristinato, e (3) l’intero schema di contro-segnale cumulativo pre-cancro nel potenziale quantico personale fu rimosso. In breve, l’organismo individuale ricominciava con una “tabula rasa” per quanto riguarda la cumulazione a lungo termine dei segnali che inducono il cancro nel potenziale quantico personale.

Reazione furiosa degli oncologi francesi ortodossi

Il materiale, il dispositivo, le procedure e i risultati di Priore sono tutti adeguatamente documentati e presentati nella letteratura medica francese sottoposta a revisione paritaria. Priore ha ottenuto entrambi i brevetti francesi e statunitensi sul dispositivo e sul suo processo di trattamento. Robert Courrier, capo della sezione di biologia dell’Accademia francese delle scienze, ha presentato personalmente gli stupefacenti risultati del team di Priore all’Accademia.

Ha causato un furore, e una reazione feroce della maggior parte dell’establishment oncologico francese ortodosso. Poiché nessuno riusciva a capire come funzionava il meccanismo, ci fu una forte e rauca insistenza sul fatto che “la scienza non deve essere fatta con le scatole nere!” Questo atteggiamento eccessivamente pio è strano, poiché i risultati di Priore sono stati replicati più volte e scientificamente impeccabili, e cose come l’aspirina sono state utilizzate per decenni prima che i loro meccanismi attivi fossero compresi. In effetti, in epidemologia l’uso di vaccini e simili si basa direttamente sul dimostrare statisticamente che i risultati sono reali, anche se il meccanismo attivo non è compreso.

Quando il governo francese passò a un governo di sinistra a metà degli anni ’70, i nemici implacabili del lavoro di Priore prevalsero, e il nuovo governo di sinistra ritirò tutti gli ulteriori finanziamenti. Priore morì in seguito, e questa fu la fine.

Di tutte le aree e i trattamenti conosciuti da questo ricercatore, l’approccio di Priore è l’unico che è stato rigorosamente e scientificamente provato negli animali da laboratorio, è stato essenzialmente efficace al 100%, ed è stato eseguito sotto adeguati e rigorosi protocolli scientifici. Il fatto che abbia continuato ad essere ignorato dalle comunità mediche e biologiche è una profonda tragedia, ma dovuta più all’ignoranza dei meccanismi attivi del trattamento che a un intento deliberato.

C’è anche una soppressione deliberata

Tuttavia, c’è anche un elemento di soppressione deliberata. Alcuni anni fa sono stato coinvolto personalmente con un gruppo speciale nel tentativo di ripristinare il dispositivo Priore, quando Priore era ancora vivo. Il nostro gruppo ottenne un accordo provvisorio sia con il governo francese che con il gruppo Priore. Le macchine Priore dovevano essere ricostruite a Bordeaux, in Francia, sotto la supervisione personale di Priore stesso. Alcuni degli scienziati che avevano lavorato con lui erano ancora vivi e sarebbero stati coinvolti nel progetto. Il nostro gruppo aveva circa 16 milioni di dollari promessi da alcuni ricchi finanziatori per finanziare il progetto.

Quasi immediatamente dopo che il nostro gruppo aveva concluso con successo gli accordi provvisori, le vite di tutti i nostri finanziatori e le vite delle loro famiglie furono minacciate. Tutti i finanziamenti sono stati ritirati. Il leader del nostro gruppo, un uomo d’affari di Nashville, fu sottoposto a continui attacchi personali e commerciali. Alla fine perse quasi tutto quello che aveva e fuggì da questo paese per salvarsi la vita. Ancora oggi si nasconde. Antoine Priore poi morì e questo è quanto.

L’unica parte del progetto che rimaneva era la mia cupa determinazione a fornire alla fine il meccanismo dettagliato per mezzo del quale le straordinarie cure terapeutiche di Priore venivano realizzate. Il successo è stato finalmente raggiunto dopo un decennio di lotta incessante per spiegare completamente la causa del cancro e il meccanismo attivo attraverso il quale il gruppo Priore ha ottenuto risultati scientifici così sorprendenti.

Esorto vivamente la scienza medica a dare un nuovo, duro sguardo_ sia teoricamente che sperimentalmente _ ai comprovati risultati anticancro ottenuti da Antoine Priore e dai noti scienziati che hanno lavorato con lui. Sottolineo anche con forza che per questo riesame sono necessari un nuovo pensiero, nuovi strumenti teorici e una nuova strumentazione sperimentale. Inoltre ho sottolineato la natura precisa del nuovo pensiero, degli strumenti e della strumentazione necessari.

Che dire di altre malattie come l’AIDS?

Ora si pone la questione di altre malattie, in particolare dell’AIDS. La metodologia Priore ampliata può fornire cure altrettanto drammatiche per malattie terribili diverse dal cancro e dalla leucemia? Può plausibilmente curare l’AIDS? La risposta è un sonoro “Sì!

Quasi tutte le condizioni di malattia sono di natura elettromagnetica, nel senso del modello esteso di bioeffetti EM che abbiamo delineato. La metodologia di base di formare un contro-segnale di contrasto ad uno specifico stato di malattia può essere estesa a molte altre malattie, e anche all’AIDS. L’effetto di “auto-targeting” nella de-differenziazione cellulare indotta dai metodi EM estesi si traduce nella produzione di un contro-segnale all’ultimo cambiamento genetico importante subito dalla cellula malata.

Nel caso di una cellula infettata dall’HIV, la sua genetica è stata cambiata (differenziata) da normale a infetta. Nella sua struttura WZ interna, il più forte complesso di segnale risultante è quindi il comando di differenziazione dell’infezione da HIV. Quando viene pompata dalla struttura d’onda WZ interna bidirezionale del potenziale scalare applicato, la “cellula come un materialeirormale coniugato a fase non lineare” genera un segnale di dedifferenziazione genetica cellulare anti-AIDS precisamente su misura. La cellula torna così a essere una cellula normale con una genetica normale.

Oltre al lavoro di Priore e ai risultati di Becker, il restante fondamento sperimentale per la nostra sorprendente affermazione sull’inversione estesa dell’AIDS è stato stabilito decenni fa _ già alla fine degli anni 50 _ dal ricercatore sovietico Vlail Kaznacheyev.

Implicazioni degli esperimenti di Kaznacheyev

In circa 17.000 esperimenti Kaznacheyev ha dimostrato che qualsiasi malattia o disturbo cellulare può essere trasmesso tra le culture cellulari “elettromagneticamente” in modo sconosciuto. Il modello che abbiamo brevemente avanzato qui, se leggermente esteso per includere il concetto che la struttura W/Z è una struttura a reticolo di gravitoni, è pienamente in grado di spiegare i risultati di Kaznacheyev, i meccanismi, ecc. Questo effetto di trasmissione EM della malattia mostrato da Kaznacheyev è noto come effetto specchio citopatogeno, ed è stato replicato da ricercatori dell’Università di Sydney in Australia, dell’Università di Marburg in Germania, e da almeno un ricercatore negli Stati Uniti.

In breve, ciò che la ricerca di Kaznacheyev ha mostrato è che esiste uno specifico schema di segnale EM di qualche natura misteriosa e non compresa che può indurre una specifica malattia cellulare in un gruppo di cellule che assorbono quello schema di segnale.

Se consideriamo lo stato sano della cellula come “condizione A” e lo specifico stato malato come “condizione B”, allora lo specifico schema di segnale EM C fa sì che la cellula si sposti dalla condizione A alla condizione B. Ne consegue immediatamente che un segnale contrario a C _ cioè il coniugato di fase di C, che è una replica invertita nel tempo di C _ sposterà la cellula malata dalla condizione B alla condizione A, curando la malattia. L’inversione temporale della “malattia” è la “guarigione”.

Dal lavoro di Kaznacheyev segue che (1) esiste un modello specifico di segnale come fattore induttivo causale per ogni specifica malattia cellulare, e (2) esiste un modello specifico di segnale “antidoto” come fattore curativo causale per quella specifica malattia, essendo il segnale antidoto semplicemente la replica invertita nel tempo o coniugata in fase del segnale citopatogeno. Mentre Kaznacheyev non ha mai prodotto pubblicamente il meccanismo citopatogeno, un tale meccanismo deriva dall’estensione WZ di EM, e dal meccanismo di induzione della malattia causale a lungo termine che ho avanzato.

Creare uno specifico “antidoto EM” ad una specifica malattia

Considerate le cause cumulative EM dei cambiamenti di una cellula, inclusa la sua genetica, come una catena seriale di segnali. Anzi, considerateli come gli strati di una cipolla, dove lo strato esterno è il più recente. Ulteriori strati possono essere aggiunti alla cipolla da azioni di “time forward”, o azioni di “differenziazione”. Se ora vogliamo “sbucciare” la cipolla, anche questa è un’azione successiva e seriale, compiuta da operazioni di “coniugazione di fase” o “inversione temporale”. Queste si traducono in azioni seriali di de-differenziazione cellulare.

Trattando la cellula, la sua genetica e le sue parti interne come “strutture materiali altamente non lineari e quindi materiali a specchio coniugato in fase”, possiamo “pompare” la cellula e le sue parti con onde EM bidirezionali per convertire la cellula in uno specchio coniugato in fase pompato (PPCM). Secondo la teoria ortodossa dell’ottica coniugata di fase non lineare, con un’onda di segnale presente, la cella PPCM emetterà un’onda precisa di replica coniugata di fase (PCR). Se pompiamo la cellula con un complesso di bi-onde di pompa, la cellula può emettere, e lo farà, un preciso complesso di onde coniugate in fase in risposta a un complesso complesso di onde di segnale in ingresso che è presente.

Per una cellula malata, consideriamo la malattia come una differenziazione della cellula, e la causa primaria della differenziazione (il citopatogeno EM) come un complesso di onde WZ ripiegato all’interno del potenziale quantico personale (in cui esistono tutte le cellule del corpo e alla cui dinamica interna del segnale partecipano).

Con la cellula pompata come PPCM, e il citopatogeno EM presente come un complesso di onde di segnale in ingresso alla PPCM, un complesso di onde PCR preciso, amplificato, “antidoto EM” viene emesso dalle parti della cellula PPCM. Ogni parte riceve un ordine di segnale complesso PCR, dedifferenziando quella parte indietro al primo passo. Una parte malata fa un passo indietro verso una parte normale.

Una parte normale fa un passo indietro verso una parte normale. La cellula malata viene così de-differenziata in una cellula normale con le sue parti tutte normali. Poiché il complesso di onde PCR è amplificato, la de-differenziazione è molto più veloce della de-differenziazione originale. Così una cellula infettata dall’HIV che è stata “dormiente” per un lungo periodo può ancora essere de-differenziata in una cellula normale che è libera dall’HIV.

Così un contro-segnale di contrasto auto-targeting può essere automaticamente “sviluppato” e generato nelle cellule malate del corpo, per ogni specifica condizione di malattia o disturbo cellulare, o anche per un mix di malattie e disturbi. Questo viene realizzato dall’azione automatica di coniugazione di fase della “cellula come-PPCM”, quando viene pompata dalla struttura nascosta EM bidirezionale di un potenziale scalare. In pratica, Priore ha trovato necessario aggiustare le particolari miscele di frequenze che ha usato per le diverse condizioni di malattia.

Noi ipotizziamo che questo aggiustamento fosse necessario per arrivare al corretto complesso d’onda della pompa che avrebbe in effetti permesso l’emissione del corretto complesso d’onda PCR per un particolare tipo o classe di malattia. Sebbene i fotobiologi riportino regolarmente la radiazione mitogenetica emessa da una cellula nella regione ottica, gli effetti desiderati nelle cellule possono essere prodotti da un diverso regime di frequenza, a causa dei noti fenomeni di risonanza armonica e subarmonica non lineare.

Poiché in una struttura W/Z sono gli intervalli armonici e le loro relazioni relative che sono di fondamentale importanza, il regime di frequenza di una struttura W/Z rilevata può essere spostato sia armonicamente che subarmonicamente. Priore, per esempio, ha lavorato a frequenze radar nella gamma bassa dei gigahertz. Per semplicità possiamo pensare al complesso di frequenze come una sorta di “accordo musicale” composto da più toni. Possiamo suonare lo stesso “accordo” sia sulla scala alta che su una scala più bassa, e ancora riconoscere la melodia se le relative interrelazioni di frequenza dei toni sono conservate.

Una possibile semplificazione della metodologia di Priore

Se ci allontaniamo dal classico modello EM vettoriale/tensoriale attualmente in voga per un modello EM di topologia superiore come i quaternioni o l’algebra di Clifford, il modello esteso dei bioeffetti EM può essere matematizzato e raffinato dall’esperimento. Per esempio, Barrett ha dimostrato che gli effetti non lineari dell’ottica coniugata di fase possono essere ottenuti in circuiti ordinari senza l’uso di materiali ottici, quando questi circuiti sono progettati e funzionano in accordo con una topologia EM superiore come i quaternioni.

Così i circuiti dei dispositivi di emissione EM stessi possono essere costruiti per eseguire l’inversione temporale delle onde EM, le repliche coniugate di fase, la miscelazione a 4 onde e gli effetti specchio coniugato di fase pompato, senza l’uso di materiali o procedure ottiche normali. Priore utilizzò un plasma in un gigantesco tubo pieno di gas, in cui mescolare le sue 17 frequenze e realizzare la (sconosciuta agli scienziati dell’epoca) coniugazione di fase. Il lavoro di Barrett implica che la necessaria coniugazione di fase, e l’amplificazione, può essere realizzata da circuiti puramente elettromagnetici, una volta che il funzionamento del circuito è progettato e compreso in un’algebra di topologia superiore come i quaternioni o l’algebra di Clifford.

Priore ha dimostrato cure per malattie diverse dal cancro. Diverse impostazioni hanno prodotto cure per la malattia del sonno, ad esempio l’intasamento delle arterie è stato anche completamente invertito da una variazione del trattamento Priore. Inoltre, Pautrizel, lavorando con Priore, ha dimostrato positivamente il ripristino del funzionamento vigoroso e naturale del sistema immunitario dell’animale trattato.

Gli esperimenti sulle malattie virali di Kaznacheyev: Implicazioni per una cura dell’AIDS

Kaznacheyev ha già dimostrato che le malattie causate da virus possono essere indotte con mezzi puramente EM in colture cellulari. Ciò significa che anche i cambiamenti genetici cellulari sono indotti elettromagneticamente alla base. Noi consideriamo questo come una differenziazione cellulare. Ma sia Becker che Priore hanno dimostrato che la de-differenziazione cellulare può anche essere indotta elettromagneticamente, dall’EM scalare esteso.

Ne consegue che le malattie causate da virus _ compreso l’AIDS _ possono essere curate con mezzi puramente EM, semplicemente creando il corretto complesso di segnali di dedifferenziazione nella cellula malata (differenziata). Per determinare il corretto modello di segnale di induzione della malattia (de-differenziazione) per la malattia, il complesso di segnale che induce la malattia deve essere coniugato in fase, e la replica coniugata in fase deve essere amplificata.

La replica coniugata in fase può essere stimolata al regime di frequenza appropriato da un complesso di segnale a un regime di frequenza molto più basso. Quindi i complessi di segnale fotobiologici rilevabili ottici citopatogeni possono avere le loro controparti PCR stimolate dall’irradiazione con un complesso di segnale adeguato ad un regime di frequenza più basso (per esempio, banda dell’onda millimetrica) per uso nel trattamento

In conclusione

Ancora una volta accentiamo fortemente che si deve prendere l’approccio “musicale”: Un modello di malattia o un modello curativo è un complesso di frequenze speciali e le loro anti-onde, simile ad un accordo musicale. Quello stesso accordo può essere suonato in una tonalità più alta o più bassa, e il corpo continuerà a determinare le relazioni corrette attraverso l’oscillazione armonica o subarmonica. Riconoscerà ancora la “melodia” e il suo accompagnamento accordale di fondo; anche se le singole frequenze sono cambiate, le loro relazioni relative non sono cambiate.

Tutta la biochimica, la genetica e gli effetti cellulari sono soggetti all’influenza e al controllo mediante un’adeguata manipolazione delle strutture W/Z all’interno dei potenziali EM scalari. Abbiamo affermato che l’organismo vivente utilizza già la strutturazione interna EM per la mente, il pensiero e la memoria a lungo termine, così come il sistema di controllo cellulare di livello master che abbiamo sottolineato.

Per la prima volta, il “software” e il “firmware” della mente sembra essere direttamente disponibile, qualcosa che non è mai esistito prima nella scienza. Il modello avanzato nel mio lavoro ha lo scopo di indicare la strada verso tale uso nella scienza medica su una scala sostanziale, per ottenere trattamenti più sani, più efficaci e molto più economici per molte delle nostre malattie disperate che attualmente richiedono trattamenti costosi e prolungati, spesso duri e debilitanti di per sé.

Siamo fermamente convinti che, con l’attenzione diretta della comunità scientifica e un adeguato sostegno finanziario, si possano sviluppare cure quasi totali, rapide e molto economiche per malattie terribili come il cancro, la leucemia e l’AIDS. Sottolineiamo anche che il team di Priore ha dimostrato la cura della malattia del sonno in animali da laboratorio, così come lo sblocco diretto di arterie e altri vasi sanguigni.

Accentuiamo anche fortemente la caratteristica di “auto-targeting” quando la cellula malata è “pompata” come un materiale specchio coniugato in fase dalla struttura interna WZ biwave di un potenziale EM scalare strutturato artificialmente. Il complesso del segnale di induzione della malattia citopatogena è presente nella cellula e in tutte le sue parti. Variando le frequenze nella struttura interna a bi-onda del potenziale di pompaggio, e quindi nel pompaggio della cellula come-PPCM, la cellula è in grado di produrre da e in tutte le sue parti il complesso di onde di replica coniugato in fase adeguato per la sua specifica malattia cellulare.

Quindi produce un antidoto elettromagnetico specifico per la sua specifica condizione di malattia. Abbiamo solo bisogno di regolare il contenuto di frequenza del potenziale artificiale fino a quando il complesso di segnale PCR appropriato viene prodotto. Inoltre, quel complesso di onde PCR viene amplificato grazie al pompaggio. Perciò il “tempo di trattamento” può essere molto breve, e non deve essere neanche lontanamente lungo quanto il tempo originariamente richiesto per l’accumulo del complesso del segnale EM citopatogeno.

Oggi una varietà di malattie terribili continua ad affliggere il genere umano. Milioni di persone soffrono e muoiono, quando più di due decenni fa è stato dimostrato l’inizio di un approccio terapeutico efficace, rapido e poco costoso, capace di curare essenzialmente al 100% il cancro, la leucemia e altre malattie.

Con l’esposizione del meccanismo fondamentale di questo nuovo approccio terapeutico, forse la comunità scientifica tornerà con rinnovato vigore a sviluppare questo promettente settore e ad alleviare la morte e la sofferenza così diffuse oggi.

T.E. Bearden

Fonte: cheniere.org

SOTTOSCRIVI UN PICCOLO PIANO DI DONAZIONE MENSILE E AIUTA COLORO CHE L’ESTABLISHMENT VUOLE CENSURARE

Codice  IBAN  IT19B0306967684510332613282

Abbiamo bisogno del tuo aiuto …

La censura dei motori di ricerca, delle agenzie pubblicitarie e dei social media controllati dall’establishment sta riducendo drasticamente le nostre entrate . Questo ci rende difficile continuare. Se trovi utile il contenuto che pubblichiamo, considera di sostenerci con una piccola donazione finanziaria mensile.

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code