toba60

Che cos’è Agenda 21

Views: 240

Quando si parla di Agenda21 vi e la tendenza a pensare ad una fantasia complottista, frutto di una fantasia di Walt Disney.

Quello che avrete modo di leggere e’ un resoconto dettagliato senza aggiunte, di tutto quello che e’ il progetto messo in atto e nemmeno tanto velatamente, da parte delle élite del pianeta.

I Riferimenti a Papa Francesco sono tutti documentati, cosi come quelli di tutti leader coinvolti in questa delirante visione del mondo, che purtroppo non viene presa nella dovuta considerazione dall’opinione pubblica mondiale.

La neo-lingua fa si che tutto si presti a doppie interpretazioni, affinché nessuno possa avere un quadro preciso delle reali intenzioni di chi detiene le redini del potere.

Questo rapporto rifetito all’Agenda 21 e’ molto recente e non fa alcun riferimento a citazioni passate, lascio a voi ogni considerazione e abbiate l’accortezza di prestare bene attenzione ai punti intermedi di ogni sezione, perché riflettono esattamente la realtà’ in cui viviamo.

Toba60

Agenda 21

“Abbiamo davanti a noi l’opportunità di forgiare per noi stessi e per le generazioni future un Nuovo Ordine Mondiale – un mondo in cui lo stato di diritto, non la legge della giungla, governa la condotta delle nazioni.

Quando avremo successo – e lo saremo – abbiamo una reale possibilità per questo nuovo ordine mondiale, un ordine in cui un’ONU credibile può usare il suo ruolo di mantenimento della pace per mantenere la promessa e la visione dei fondatori delle Nazioni Unite “.

GHW Bush

Parlando all’inizio della prima guerra del Golfo, 1991

Che cos’è Agenda 21?

Citando dal sito web delle Nazioni Unite:

“L’Agenda 21 è un piano d’azione globale che deve essere adottato a livello globale, nazionale e locale dalle organizzazioni del sistema delle Nazioni Unite, dai governi e dai gruppi principali in ogni area in cui c’è’ l’impatto umano sull’ambiente”.

Molti hanno affermato che l’ Agenda 21 è ormai una politica obsoleta caduta in abbandono. Questo è tutt’altro che vero.

Ad esempio, tra molte altre cose, il disastro del treno al rallentatore del nostro collasso economico mondiale in corso sostiene l’Agenda 21 delle Nazioni Unite e la conferenza delle Nazioni Unite sull’Agenda di sostenibilità post 2015 in arrivo a settembre è una chiara reiterazione.

Gli apologeti affermano che l’Agenda 21 è solo “Soft Law”, una politica che non ha denti. Ma stanno mentendo. In 20 anni, attraverso l’ implementazione invisibile, questo piano è stato incorporato nelle politiche locali in tutti gli Stati Uniti.

Si chiama sviluppo sostenibile .

Ovunque lo vedi troverai “Le 3 E:”

  • ecologia
  • economia
  • equità

Nella prossima conferenza delle Nazioni Unite, dove apparirà il gesuita Papa Francesco per promuovere la sua recente enciclica, vengono chiamati “Popolo, Pianeta e Prosperità”. L’Agenda 21 è emersa a pieno titolo dalla Conferenza delle Nazioni Unite sull’ambiente e lo sviluppo (UNCED), nota anche come Vertice di Rio, nel 1992.
16-17 mila “delegati”, che in qualche modo hanno ricevuto lo status ufficiale di ufficiali delle Nazioni Unite, hanno viaggiato da tutto il mondo per prendere parte a una festa di 11 giorni a Rio De Janeiro, dove sono stati presentati con Agenda 21, Le Nazioni Unite Programma d’azione di Rio, un documento di oltre 300 pagine che è stato loro chiesto di approvare, anche se sembra improbabile che molti di loro possano aver avuto il tempo di leggerlo.

Non sorprende che abbiano votato per accettarlo ed è stata improvvisamente la politica ufficiale delle Nazioni Unite per il mondo.

Di recente ho parlato con un delegato a Rio di Santa Cruz, che ha fatto eccezione al modo in cui ho caratterizzato il summit di Rio sopra. Dopo oltre 20 anni, crede fermamente che il documento sia stato creato di comune accordo con Rio, che le sue idee e i suoi principi siano ineguagliabili e che da allora sia stato migliorato.

Questo è il genio dietro i modi in cui questo programma di ingegneria sociale in tutto il mondo è stato implementato, così come le persone ben intenzionate sono iscritte come sostenitori attraverso frasi dal suono poetico ma sfocate, promesse di preoccupazione per le masse dell’umanità e intelligente malinteso.

In effetti, il documento di Agenda 21 era in gran parte una creazione di Maurice Strong , un uomo misterioso con una doppia carriera, sia come un alto funzionario delle Nazioni Unite, sia come un addetto finanziario miliardario che estrae le risorse della Terra nelle industrie petrolifere e minerarie.

In primo luogo, Strong è salito sul palcoscenico mondiale come “Segretario Generale”, un titolo che le Nazioni Unite, per qualsiasi motivo, hanno adottato direttamente dalle organizzazioni comuniste e socialiste, della Conferenza delle Nazioni Unite sull’ambiente umano a Stoccolma nel 1972.

Biografia molto scarsa di Strong su Wikipedia dice che lui, “ha incontrato un importante funzionario delle Nazioni Unite nel 1947 (quando Strong aveva solo 18 anni) che si è organizzato per lui … per servire come ufficiale di sicurezza junior presso la sede delle Nazioni Unite a Lake Success, New York” (prima che il nuovo edificio delle Nazioni Unite fosse costruito su un terreno donato da i Rockefeller a Manhattan).

Solo un anno dopo, Strong è diventato un tirocinante in una potente mediazione in Canada, “dove si interessò al settore petrolifero”, e fu trasferito in un ufficio nella “zona petrolifera dell’Alberta”.

Lì fu rapidamente assunto come assistente di un leader dell’industria petrolifera, Jack Gallagher … il tutto mantenendo i suoi collegamenti alle Nazioni Unite.

Nel 1971, prima della conferenza di Stoccolma, Strong commissionò un rapporto sullo stato del pianeta, intitolato “Solo una terra: la cura e la manutenzione di un piccolo pianeta”.

Il rapporto sintetizzava i risultati di 152 importanti esperti di 58 paesi in preparazione alla prima riunione delle Nazioni Unite sull’ambiente.

Questo è stato il primo rapporto sullo “stato dell’ambiente” al mondo. Dopo la conferenza, Strong è diventato presidente del nuovo Programma delle Nazioni Unite per l’ambiente (UNEP), fino al 1975, e ha fatto parte della Commissione Brundtland

La conferenza del 1972 fu seguita da molte altre importanti conferenze e da una serie di incontri in tutto il mondo che definirono la forma di questa agenda globalista emergente.

Nonostante la natura sfuggente di questo lungo processo e il modo in cui è rimasto sotto il radar dei media mainstream, in qualche modo è rimasto sulla buona strada con continue reiterazioni. Nel 1976 c’è stata la Conferenza delle Nazioni Unite sugli insediamenti umani che ha prodotto una Dichiarazione contenente 26 principi riguardanti l’ambiente e lo sviluppo, un piano d’azione con 109 raccomandazioni e una risoluzione.


Ecco un estratto dal preambolo della conferenza: “Il terreno … non può essere trattato come un bene ordinario, controllato da individui e soggetto alle pressioni e alle inefficienze del mercato.

La proprietà privata della terra è anche il principale strumento di accumulazione e concentrazione della ricchezza e quindi contribuisce all’ingiustizia sociale; se non selezionato, può diventare un grosso ostacolo nella pianificazione e nell’attuazione di schemi di sviluppo … “

Questo preambolo è seguito da 65 pagine di raccomandazioni molto specifiche sull’uso del suolo.

Tra le molte raccomandazioni ci sono:

  • A-1) Ridistribuire la popolazione in accordo con le risorse
  • D-1) Il governo deve controllare l’uso della terra per ottenere un’equa distribuzione delle risorse
  • D-2) Controlla l’uso del territorio attraverso la suddivisione in zone e la pianificazione dell’uso del suolo
  • D-3) I profitti eccessivi derivanti dall’uso del suolo devono essere recuperati dal governo
  • D-4) La proprietà pubblica della terra dovrebbe essere utilizzata per esercitare la riforma agraria e rurale della terra
  • D-5) I diritti di proprietario dovrebbero essere separati dai diritti di sviluppo che dovrebbero essere detenuti da un’autorità pubblica

Quindi, nell’autunno del 1983, la 38a sessione dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite ha approvato una risoluzione per creare una commissione,

“proporre strategie ambientali a lungo termine per raggiungere lo sviluppo sostenibile fino al 2000 e oltre”.

Gro Harlem Brundtland , ex (e poi) primo ministro norvegese e vicepresidente dell’Internazionale socialista (a volte chiamato “la culla del globalismo”) è stato nominato a presiedere la commissione.

Nel suo inoltro a Il nostro futuro futuro , il rapporto di 400 pagine di quella che sarebbe diventata nota come The Brundtland Commission , ha scritto,

“‘Un’agenda globale per il cambiamento’ – questo è stato formulato dalla Commissione mondiale per l’ambiente e lo sviluppo. È stata una chiamata urgente da parte dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite …”

Con questa conferenza è apparso per la prima volta il termine “sviluppo sostenibile”.

È da questo piano a lungo termine emerso 20 anni prima del vertice di Rio del 1992, che nascono molti termini apparentemente amichevoli come sostenibilità, crescita intelligente, comunità resilienti e calpestabili e sviluppo urbano ad alta densità.

Sembra che nessuno avesse mai sentito queste frasi 10 anni fa, ma che ora sono ovunque guardiamo.

Tra gli altri termini chiave ci sono:

  • Equità
  • Alloggi a prezzi accessibili
  • Consenso
  • Giustizia sociale
  • Insediamenti umani
  • Spartiacque
  • Facilitatore
  • Le migliori pratiche di gestione
  • Istruzione basata sui risultati
  • Ripristino dell’habitat
  • Qualità della vita
  • Vantaggio di tutti
  • Partenariati pubblici / privati
  • Bene comune
  • Collaborative
  • Interdisciplinare
  • Stakeholder
  • School to Work
  • Visioning
  • l’importantissimo “regionale”

Se vedi questi termini, in particolare nelle combinazioni , puoi essere sicuro di guardare il linguaggio dedicato all’attuazione di questo programma.

Nel 1992, 172 governi hanno partecipato al vertice di Rio, con 116 capi di stato inviati. C’erano anche 2.400 persone di ONG collegate all’ONU. Quindi il presidente George HW Bush era lì sullo yacht del Principe Carlo, dove firmò il documento di Agenda 21 senza alcuna legittimità legale. Nel 1993, poco dopo l’ entrata in carica di Bill Clinton , Nancy Pelosi aiutò, con 33 cosponsori originali, a introdurre la legislazione “per attuare l’Agenda 21.”

Il conto passò davanti alla casa, ma fu fermato al Senato. Ma con una chiara pressione internazionale per far avanzare il programma, nel giugno 1993 il democratico Clinton ha creato il President’s Council on Sustainable Development che da allora ha collocato gli ufficiali della sostenibilità in tutti i dipartimenti e agenzie federali.

Ciò ha comportato regolamenti amministrativi che attuano le politiche dell’Agenda 21 come legge (probabilmente fraudolenta) e enormi distorsioni nei finanziamenti federali che hanno costretto gli Stati ad aderire ai dettami federali.

Un trattato internazionale, la Convenzione sulla diversità biologica (CBD), è stato presentato anche al Summit di Rio per la firma e alla fine è stato portato al Senato degli Stati Uniti per la ratifica nel 1994.

All’inizio sembrava che sarebbe passato, ma all’ultima ora, il testo di un libro Global Biodiversity Assessment (GBA), che non doveva essere pubblicato per un altro anno e mezzo, è stato fatto trapelare allo staff dei senatori, insieme al ora ben nota Biodiversity Wildlands Map (sopra l’immagine), che mostrava graficamente il piano per spostare gli americani dalla terra verso fitte “zone di insediamento umano”.

La Convenzione non è stata ratificata, mentre MSM ha riferito che il libro GBA non esisteva. Finora il Congresso ha rifiutato di attuare l’Agenda 21 come politica per gli Stati Uniti d’America.

Ma è stato avanzato dagli editti presidenziali.

La fine dei diritti di proprietà naturale

La politica delle Nazioni Unite sulla “terra” è stata chiara dalla Conferenza del 1976 sugli insediamenti umani. Il suo preambolo sulla terra sopra citata continua: “La giustizia sociale, il rinnovamento e lo sviluppo urbano, la fornitura di abitazioni dignitose e condizioni sane per le persone possono essere raggiunte solo se la terra è utilizzata nell’interesse della società nel suo insieme.

” Il controllo pubblico dell’uso della terra è quindi indispensabile per la sua protezione in quanto un vantaggio e il raggiungimento degli obiettivi a lungo termine delle politiche e strategie di insediamento umano. “

Ciò rende evidente la posizione dei responsabili politici delle Nazioni Unite secondo cui la proprietà privata deve ora essere considerata un bene sociale che deve essere controllato dal “pubblico”.

L’esatta natura di questo pubblico non è tuttavia chiara.

Il quinto emendamento della Costituzione afferma: “Nessuno può … essere privato di … proprietà, senza il giusto processo di legge; né la proprietà privata deve essere presa per uso pubblico, senza solo compenso.”

Ma la Dichiarazione delle Nazioni Unite sui diritti umani, articolo 17, paragrafo 2, afferma: “La proprietà non deve essere presa arbitrariamente.”

Questa è una differenza cruciale.

In qualche modo “il pubblico” può prenderti proprietà privata, a condizione che non sia fatto “arbitrariamente”. La contea di Santa Cruz sembra essere stata presa di mira per l’attuazione anticipata dell’Agenda 21.

Due anni prima della presentazione dell’Agenda 21 nel 1992, gli elettori della Contea approvarono la Misura C, “Il decennio dell’ambiente”, contenente molti dei principi chiave del programma delle Nazioni Unite, e che è stato ribadito ogni dieci anni dal Consiglio delle autorità di vigilanza e viene segnalato regolarmente dal dipartimento pianificazione.

Le autorità di vigilanza hanno anche aderito all’agenda nel 1993-94 quando “hanno approvato ufficialmente il processo” della ” Contea di Santa Cruz: Agenda 21 locale ” ″ guida alla pianificazione di 100 pagine creata da Action-Santa Cruz County e dal capitolo di Santa Cruz di l’associazione delle Nazioni Unite.

Questo tipo di documento è stato richiesto direttamente nell’agenda 21 stessa.

Nel capitolo 28, “Iniziative delle autorità locali”, il primo obiettivo elencato è: “(a) Entro il 1996, la maggior parte delle autorità locali di ciascun paese avrebbe dovuto avviare un processo consultivo con le loro popolazioni e raggiungere un consenso su” un’agenda 2I locale “per la comunità …”

Naturalmente, questa direttiva era sconosciuta nella maggior parte del resto degli Stati Uniti.

Nella nostra società, l’assunzione diretta delle proprietà delle persone è finora inaccettabile per la maggior parte delle persone. Ciò che è accaduto invece, certamente a Santa Cruz, è l’uso di processi autorizzanti, suddivisione in zone e tassazione, compresi i famigerati “Red Tag”, per portare gradualmente l’uso produttivo della loro terra dai proprietari senza indennizzo.

Sebbene sia una contea relativamente piccola, Santa Cruz ha, dopo la Contea di Los Angeles, il secondo dipartimento di pianificazione più grande dello Stato.

Al momento ci sono migliaia di tag rossi qui registrati e, secondo alcuni conteggi, centinaia di proprietari sono stati costretti a lasciare le loro proprietà, che in molti casi sono state trasferite a “partner privati” interni attraverso pratiche che molti dicono essere corrotte.

Spesso, dopo la comparsa del nuovo proprietario, la suddivisione in zone viene modificata o vengono rilasciate autorizzazioni per nuovi usi.

Sta diventando sempre più difficile ottenere i permessi per le case unifamiliari, mentre permetterne è più facile ottenere “Alta densità, uso misto” (in genere piani di piccoli appartamenti sopra spazi commerciali di utilità discutibile – alloggi “Stack n ‘Pack” di AKA). I supervisori di Santa Cruz sono in procinto di creare una nuova tassa per finanziare questo alloggio a “basso reddito” ad alta densità attraverso una “valutazione economica degli alloggi” su tutte le nuove costruzioni, comprese le aggiunte, nella contea.

Ciò aumenterà il costo di costruzione di una casa di forse decine di migliaia di dollari.

Il Consiglio internazionale per le iniziative ambientali locali – o ICLEI (pronuncia Ick-ly) – è una ONG delle Nazioni Unite che ha avuto la sua riunione di fondazione nel 1990 nella camera dell’Assemblea generale presso l’edificio delle Nazioni Unite a Manhattan.

  • Lo staff ICLEI ha scritto uno dei capitoli del documento di Agenda 21, sotto la direzione di Maurice Strong. La città e la contea di Santa Cruz sono entrambe membri dell’ICLEI sin dal suo inizio, sebbene nel tempo ciò sia stato reso il più oscuro possibile dai funzionari locali.  
  • ICLEI lavora per portare le politiche dall’alto verso il basso dall’agenda globalista delle Nazioni Unite alle comunità locali con il pretesto di essere guidate dalla sua appartenenza.
     
  • L’ICLEI è stato direttamente coinvolto nella creazione delle fatture della California AB 32 e SB 375, imponendo gravi restrizioni in corso sulle nostre “emissioni di gas serra” in nome della teoria fortemente spinta e tuttavia altamente discutibile del “riscaldamento globale” causata dalla CO 2 .  
  • L’ICLEI è stato poi assunto da centinaia di città e contee della California per aiutarli a redigere i “Piani d’azione per il clima” incaricati di raggiungere gli obiettivi di riduzione dei gas a effetto serra stabiliti in AB 32.

Si tratta di una grave violazione del conflitto di interessi da parte di questo braccio formale delle Nazioni Unite.

Regionalismo

La “governance” regionale è un concetto che sta avanzando negli Stati Uniti dalla seconda guerra mondiale.

Il regionalismo è stato esteso in tutta l’America principalmente attraverso un’azione presidenziale esecutiva, inclusa la creazione da parte di Nixon di regioni federali multi-stato, e attraverso disposizioni confuse di “Atti” congressuali che richiedono l’azione delle Agenzie di pianificazione regionale o dei Consigli di governo (COG) al fine di garantire il sempre più essenziale finanziamento federale necessario per le grandi opere pubbliche.

Le agenzie regionali sono composte da funzionari nominati di tutti i livelli di governo locale e non sono soggette a input diretti da parte degli elettori.

Il nostro COG locale è l’ Associazione dei governi dell’area della baia di Monterey (AMBAG), fondata nel 1968, due anni dopo che il Model Cities Act statunitense ha istituito il quadro per AMBAG come canale di finanziamento.


Il COG per le nove contee della Bay Area è ABAG, l’ Associazione dei governi della Bay Area .

ABAG, collabora con ICLEI per creare il programma “One Bay Area”. One Bay Area è un’importante iniziativa per promuovere il piano top-down per attuare l’Agenda 21 attorno alla Baia di San Francisco.

Questo piano per una regione contenente 7,5 milioni di persone, è progettato per rifare interamente la regione a immagine di crescita intelligente, alloggi ad alta densità e pianificazione dei trasporti pubblici.

Nel corso dei prossimi 20 anni 630.000 nuove unità abitative saranno progettate da ABAG. TUTTE le costruzioni residenziali specificate dal piano sono abitazioni plurifamiliari.

L’80% di questo alloggio deve trovarsi a meno di mezzo miglio dai “corridoi di transito” previsti dal piano (le autorizzazioni non saranno concesse al di fuori di queste zone). Un corridoio, l’El Camino Real, che va da San Jose a San Francisco, sarà trasformato in una serie di sviluppi di crescita intelligente Stack n ‘Pack controllati dal governo.

Il piano è che tutti i veicoli privati ​​saranno banditi da quello che allora si chiamerà “Il Grand Boulevard”. Attraverso l’ABAG COG, il governo federale ha impegnato oltre 300 miliardi, principalmente dollari di tasse autostradali in questo “Plan Bay Area”.

A livello locale, qualcosa di simile ma più modesto viene proposto nell’ambito del piano di trasporto regionale “Sustainable Santa Cruz County” recentemente ribattezzato, dove l’eventuale centro sarà un “Soquel Drive Corridor” ampliato dall’ospedale domenicano ad Aptos, dove centinaia di unità di Stack n ‘Verrà costruito un pacchetto di alloggi, vicino al previsto trasporto pubblico per includere il tanto rinomato “Rail Trail” e il possibile servizio ferroviario.

Nell’ambito dell’iscrizione a questo sviluppo “sostenibile” pianificato, negli ultimi anni si sono tenuti regolarmente incontri pubblici di “consenso” da parte del dipartimento di pianificazione e della contea di Santa Cruz sostenibile.

Recenti progressi nei programmi globalisti per lo sviluppo sostenibile

Nel 2015 stiamo assistendo a due grandi eventi per promuovere e ri-energizzare il controllo della popolazione globale, e una curiosa confluenza di ingegneria sociale globalista e papato romano.

Dal 25 al 27 settembre le Nazioni Unite terranno la conferenza “Agenda post-2015 sulla sostenibilità” presso la sua sede di New York, accompagnata da un’apparizione di Papa Francesco durante una presentazione formale della sua monumentale enciclica ecologa ” Laudato Si ” (elogiata) .

Questa conferenza è una chiara estensione del Vertice del Millennio del 2000. Invece degli 8 “Obiettivi di sviluppo del Millennio” fissati per essere realizzati entro il 2015 (nessuno è stato), questa volta ne verranno assegnati 17, da realizzarsi entro il 2030.

Condividerò solo l’obiettivo 17: “Rafforzare i mezzi di attuazione e rivitalizzare il partenariato globale per lo sviluppo sostenibile”.

Basti pensare che l’Agenda per il 21 ° secolo precipita.

Quindi, dal 30 novembre all’11 dicembre a Parigi, in Francia, arriverà il massiccio assalto di propaganda della COP21, definito “Conferenza sul clima delle Nazioni Unite”. In realtà, COP sta per Conferenza delle Parti degli Accordi di Kyoto, quindi è interessante vedere l’evento susseguito sotto le Nazioni Unite.

Mentre anche il rapporto IPCC del 2014, nella sua sezione sulla scienza del clima reale, ha ammesso che non c’è stato un riscaldamento significativo del pianeta negli ultimi 15 anni circa (nonostante i motivi disperati del disastro imminente contenuti nel “riassunto decisionale del rapporto” produttori “), ora stiamo facendo pressioni incessanti sui” cambiamenti climatici “dai media corporativi (e NPR ) per prepararci per un” regime di repressione del carbonio “draconiano che sperano di creare in questa conferenza.

Si dice che tutte le tasse “sul carbonio” derivanti da questo evento di 12 giorni siano, per la prima volta, dirette direttamente alle Nazioni Unite (” Nazioni Unite ” credibili “).

Tratterò brevemente l’apparente sincronicità dell’enciclica di Papa Francesco con l’enorme sforzo mondiale di spingere le Nazioni Unite. Mentre è facile capire perché molte persone trovano che alcune delle idee espresse in esso siano commoventi , anche poetiche , per me sembrano piuttosto diffuse e confuse.

Inoltre, l’attenzione del Papa sulla spinta alla necessità di rispondere immediatamente a una presunta “crisi climatica” e ai problemi stranamente come quelli che guidano lo sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite, è piuttosto sorprendente.

Alcuni nella comunità della “realtà climatica” sono euforici del fatto che la forza spirituale del messaggio del Papa possa porre la loro ricerca di una soluzione seria all’inquinamento da carbonio.

Se è così, sarà stato molto conveniente …

Bruce Tanner

Fonte: https://berealtruth.wordpress.com/

Nuovo Ordine Mondiale
Il governo occulto planetario
Voto medio su 3 recensioni: Sufficiente
€ 15,00

Trappola Globale - Il Governo Ombra di Banche e Multinazionali
L’indagine Storica più approfondita e completa sull’Oligarchia che da secoli controlla il Pianeta
Voto medio su 1 recensioni: Buono
€ 13,90

Le Dieci Leggi del Potere
Requiem per il sogno americano
€ 14,00

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code