toba60

Chinda Brandolino:”Le Persone Vaccinate Modificano il loro Genoma e Saranno di Proprietà del Titolare del Brevetto”

Chinda Brandolizio per chi in Europa non la conoscesse, in Sudamerica è un autorità in campo medico che ha sin dall’inizio messo il guardia il pianeta sui subdoli progetti nelle mani di spietate lobby farmaceutiche.

Quello che avrete modo di leggere e’ un raccapricciante scenario che si prospetta davanti a noi se le masse non prendono consapevolezza della reale situazione in atto in questo momento.

toba60

Chi ha firmato per avere il vaccino è ora a tutti gli effetti di proprietà di una casa farmaceutica che ne detiene il Brevetto (Sta scritto nero su Bianco)

Quando il genoma viene modificato con un vaccino adenovirus, la persona vaccinata è già un transgenico, una persona transumana. Secondo il diritto internazionale, sarà di proprietà del titolare del brevetto, dice il medico argentino Chinda Brandolino.

Chinda Brandolino

“Ma la cosa più drammatica di tutte è del perché quando sarà transumano quella persona non sarà considerata umana secondo i diritti umani che conosciamo. La situazione è estremamente grave e ho la sensazione che la gente non si renda conto della gravità di ciò che stiamo affrontando.

Non si tratta solo delle malattie che il vaccino provocherà, spesso mortali, ma anche del fatto che i sopravvissuti avranno un genoma modificato e che questa modifica sarà trasmessa ai loro discendenti. Poiché il loro genoma è modificato, questa modifica è brevettata. Tutto ciò che è brevettato appartiene al titolare del brevetto.

“Non è un chip, è un nanoprocessore. Molte persone si sono chieste per molto tempo se il vaccino avesse un chip o meno. Alcuni hanno riso dell’idea, ma anche se non è tecnicamente un chip nella sua composizione, porta qualcosa che fa sì che coloro che sono stati inoculati abbiano un codice di identificazione unico che può essere rilevato con la tecnologia NFC. Cioè, con i telefoni cellulari fabbricati negli ultimi 2 anni, in particolare, quando la funzione Bluetooth Nearby Device Detection è attivata.

In un’intervista che il medico legale Chinda Brandolino ha rilasciato per il canale Twitch Dignity Colombia, ha spiegato come funziona questa nanotecnologia e come si collega all’ossido di grafene e al 5G.

Monica Calcedo: Il chip è reale o è una bugia?

Dr. Chinda Brandolino: È un nanoprocessore. Ripeto che le micrografie dello studio al microscopio elettronico realizzato da Kalcker sono disponibili per chiunque voglia vederle. Si può vedere chiaramente, nell’ingrandimento, un piccolo corpuscolo metallico, perfetto, quadrangolare, dai bordi precisi, che è lo stesso di qualsiasi nanoprocessore nei dispositivi sensibili alla nanotecnologia.

Quel nanoprocessore è guidato da un’antenna 4G Plus o 5G. In altre parole, tutta la tecnologia G è uguale. La differenza è che il pacchetto di informazioni che un’antenna può trasmettere è molto più grande in 4G Plus e 5G, 6G e 7G.

Cioè, tutte quelle informazioni compatte sono gestite da un nanoprocessore che sarà proprio dentro le nostre cellule. Avendo Morgellons nel polietilenglicole, si riproducono. In altre parole, è auto-replicante. Ma perché è in grafene … Il grafene è un catalizzatore e, come ti ho spiegato, fa risuonare quella cella con l’antenna 5G e le microonde del pensiero umano. Riesci a capire questo? C’è un nanoprocessore guidato da un’antenna 5G che controlla direttamente il funzionamento del nostro cervello.

Chiarisco che non c’è alcun riferimento su internet a un tale studio. Penso che questo sia qualcosa di molto importante, che riassumerò così: alle frequenze 5G di 42,6 Hz al secondo, i nanotubi da 1,2 nm iniettati nei vaccini risuonano e propagano un segnale ad alta energia alla velocità media del pensiero umano. Qualcosa mi ha colpito quando ho visto un catalogo che vendeva nanotubi di grafene della società NanoGrafi. Sono stato sorpreso dalla lunghezza precisa dei nanotubi di 1,2 nanometri o 1,2×10-⁹ metro.

Dato che conoscevo già la frequenza delle microonde 5G nell’intervallo da 10 a 300 Hz, mi ha colpito la curiosa coincidenza di come si annullava a quelle precise potenze di 10 nella nota formula della meccanica delle onde. Cattura l’attenzione di chiunque abbia un background ingegneristico e non stia dormendo. È difficile. I risultati dello studio mostrano che un neurone medio invia segnali a circa 180 km/h. Se combinati, questi fattori farebbero salire la velocità a 432 km/h. Ci sono molte variazioni. Alcuni esseri umani pensano più velocemente di altri, e la velocità di propagazione del pensiero cambia nel corso della vita. Questo è fondamentale per ciò che segue.

Prenderemo la velocità media del pensiero di 180 km/h, cioè 180.000 metri in 3.600 secondi: 50 metri al secondo. Questa velocità d’onda del cervello umano può essere raggiunta con nanotubi ordinari e frequenze irradiate da antenne 5G. Questa non è una speculazione, ma scienza e tecnica combinate. I materiali esistono e anche le microonde delle giuste frequenze. La velocità del pensiero umano rientra in una formula fisica precisa e indiscutibile.

Questa è la peggiore notizia che posso darvi, ma è il prodotto di ciò che ho studiato questo mese. A questi nanotubi di grafene viene iniettato un vaccino che agisce sulle microonde emesse da un’antenna 5G alla stessa frequenza di noi umani. Quindi, attraverso queste nanoparticelle, le antenne 5G possono modificare i nostri pensieri. E beh, non si può riassumere in altro modo, ma credo che abbiate capito il mio punto. Ecco perché lo stanno facendo.

C’è un progetto per installare antenne 5G in Uruguay Argentina, che è terribile. Inoltre, in Colombia. E questa è la ragione della vaccinazione di massa. Gestione del pensiero… Senza volerlo, il presidente del Cile si è lasciato sfuggire e l’ha detto. Stiamo cercando quello che ha detto mesi fa. Non so se l’avete sentito. Ha detto che la svolta del Cile è la tecnologia 5G, che sarà il sistema nervoso di quel paese e gestirà il pensiero degli esseri umani.

Cioè, da un lato, si va a modificare il genoma di una persona in modo che la persona non sia più umana ma transumana. Come tale, quella persona può essere brevettata da chi ha fatto quella modifica del genoma, e non godrà di diritti umani perché è transumana.

Ma, inoltre, che (acidi nucleici) avvolti in nanotubi di grafene significa che il pensiero di una persona, l’area di pensiero dove il DNA in quei nanotubi di grafene è diretto, sta per essere modificato da antenne di controllo remoto 5G. Un po’ come gli zombie, si potrebbe dire, o i robot.

D’altra parte, ho visto inoculare microchip nell’emisfero nord. In una delle mani di molti business leader. Sarebbe un’informazione aggiunta. Sembrerebbe che questo chip verrebbe utilizzato … Ho visto un sacco di documenti firmati su come manager, impiegati di alto livello delle aziende lo usano come carta d’identità per aprire la porta della banca, e così via. Su di esso, avrebbero anche la loro storia medica. Cioè, tutti i dati riassunti saranno su quel microchip, il che è già un fatto.

Se vi ricordate, qualche anno fa volevano imporlo nei nostri paesi. È stato prodotto ufficialmente da Motorola nel 2000, ed è già utilizzato da tutte le aziende dell’emisfero nord.

Ma sono due cose diverse: il microchip per le informazioni e il nanoprocessore gestito dalle antenne 5G (per il controllo mentale).

Fonti: alicanteconfidencial.blogspot.com & buscandolaverdad.es & orwell.city

Abbiamo bisogno della vostra collaborazione ! Contiamo su di voi per un supporto economico necessario per finanziare i nostri rapporti investigativi. Se vi piace quello che facciamo, un abbonamento mensile è un riconoscimento a noi per tutto lo sforzo e l’impegno che ci mettiamo.

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE


Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code