toba60

Come la Commissione Dell’ Unione Europea sta Distruggendo la Propria Economia

Quando si parla di scelte errate si deve sempre considerare una variabile che praticamente nessuno prende in considerazione.

Errata per chi?

Se voglio affondare una nave la faccio andare in direzione degli scogli e se desidero distruggere quello che tutti chiamano il vecchio continente, non devo far altro che creare una moneta unica e fondare l’Unione Europea.

La gente crede oramai a tutto, persino che per salvarsi la vita si devono fare i 16 vaccini previsti dal protocollo della FDA. (Guardate bene il foglio illustrativo delle vaccinazioni che avete fatto, sono 16 Le caselle da spuntare!)

Oltre che imbroglioni portano pure una sfiga infinita prevedendo una pandemia ogni 6 mesi da qui ai prossimi 4 anni!! (Se tutto va bene)

E Ben venga l’embargo alla Russia, chissà che porti a termine una volta per tutte ogni nostra pena terrena, morire di freddo e fame è di per se una morte più onorevole rispetto a quella di un deliberato e volontario suicidio assistito imbastito da un siero salva Élite Neoliberista, Globalista o come diavolo le volete chiamare.

Toba60

L’UE minaccia di fermare le importazioni di petrolio e gas russi. Ma chi sta effettivamente danneggiando chi?

I politici dell’UE chiedono di vietare le importazioni di petrolio e gas russo e danno l’impressione che ciò possa danneggiare la Russia. Questo potrebbe anche essere il caso nel breve termine, ma la domanda è: chi sarà più danneggiato nel breve termine la Russia o l’UE? Chi ne risentirà a lungo termine, invece, è perfettamente chiaro.

La differenza tra petrolio e gas

Per capirlo, dobbiamo innanzitutto analizzare la differenza tra il commercio e l’offerta di petrolio e gas. Il primo passo dell’UE è un embargo sul petrolio contro la Russia, che la Commissione europea vuole già includere nel sesto pacchetto di sanzioni dell’UE attualmente in discussione, ma che finora è fallito a causa delle resistenze, soprattutto da parte dell’Ungheria.

Il motivo per cui l’UE preferirebbe attuare immediatamente un embargo petrolifero è che il petrolio è trasportato principalmente da navi cisterna ed è quindi relativamente facile sostituire il petrolio russo. Questo è vero almeno in teoria, in pratica è un po’ più complicato. Tuttavia, il petrolio russo può essere sostituito in linea di principio senza conseguenze catastrofiche, anche se i prezzi della benzina, del gasolio, del gasolio da riscaldamento e di altri prodotti petroliferi nell’UE potrebbero salire alle stelle.

Poiché l’UE acquisterebbe il petrolio che altri Paesi hanno acquistato finora, questi Paesi avrebbero bisogno di nuovi fornitori e quindi la Russia potrebbe vendere lì il petrolio che finora è andato all’UE, perché questi Paesi continuano ad avere bisogno di petrolio e prodotti petroliferi. Quindi non cambierebbe molto nemmeno per la Russia. Naturalmente, tutto questo non è così semplice come ho sottolineato qui e porrebbe una serie di problemi per entrambe le parti, ma tutti sono sostanzialmente risolvibili.

La situazione è diversa per il gas, ed è per questo che l’UE non intende imporre un embargo immediato sul gas. Il gas russo non è sostituibile per gli Stati dell’UE nel breve periodo. Il numero di navi cisterna per il gas liquido è di gran lunga inferiore a quello delle petroliere e le navi cisterna esistenti sono principalmente impegnate a rifornire l’Asia.

Se l’UE non volesse più importare il gas dei gasdotti russi, si aprirebbe una gara d’appalto per il gas liquefatto che farebbe salire i prezzi, perché la quantità di gas liquefatto disponibile sul mercato mondiale non può essere aumentata semplicemente perché mancano le capacità di trasporto. Prima si dovranno costruire altre navi cisterna. Inoltre, nell’UE non ci sono abbastanza terminali di gas liquefatto per importare il gas, e anche questi dovrebbero essere costruiti prima.

I problemi valgono anche per la Russia, in una certa misura: la Russia non può facilmente liquefare il suo gas e trasportarlo in Asia con navi cisterna se l’UE non acquista più il gas russo. La Russia dovrebbe inoltre costruire prima navi cisterna e altri terminali.

Il problema a breve termine dell’UE

Se l’UE dovesse effettivamente concordare con l’Ungheria un embargo sul petrolio russo, questo danneggerebbe l’UE perché porterebbe almeno a un aumento dei prezzi. L’aumento dei prezzi avvantaggerebbe la Russia, che potrebbe vendere il suo petrolio a prezzi più bassi sul mercato mondiale. Nella fase in cui l’UE sta cercando sostituti per le forniture russe sul mercato mondiale, la Russia beneficerebbe di questi aumenti di prezzo sul mercato mondiale.

Ciò è stato recentemente confermato anche dalla Neue Züricher Zeitung in un articolo intitolato “Perché la Russia potrebbe trarre vantaggio da un eventuale embargo petrolifero dell’UE”, in cui si apprende proprio questo. In questa fase di transizione, l’aumento del prezzo del petrolio sarebbe probabilmente superiore alle perdite che Mosca subirebbe a causa del calo dei volumi venduti.

Il problema a lungo termine dell’UE

Tuttavia, la Russia è avvantaggiata per quanto riguarda il gas, in quanto può esportare gas aggiuntivo senza costruire terminali di gas naturale liquefatto, poiché la Cina e l’India sono accessibili dalla Russia tramite gasdotti. La Russia si è già riorientata verso l’Asia e in pochi anni potrà compensare la perdita del mercato europeo pompando il suo gas attraverso nuovi gasdotti verso l’Asia, dove la domanda di gas sta comunque crescendo grazie alle economie in più rapida espansione.

Ed è qui che inizia il prossimo problema per l’UE, perché l’UE è in competizione economica con l’Asia. Finora, il “rapporto di forza” in questa competizione è che l’Asia ha il vantaggio competitivo di salari più bassi, mentre l’UE ha il vantaggio competitivo di costi energetici più bassi.

Questa situazione si interromperebbe bruscamente se l’UE passasse al gas di petrolio liquefatto, che è più costoso del gas dei gasdotti. E se tra qualche anno gli Stati asiatici importeranno il più economico gasdotto russo, le condizioni di concorrenza cambieranno chiaramente a svantaggio dell’UE.

La rotta suicida dell’UE

La Commissione UE e i politici europei che chiedono un embargo sul petrolio e sul gas contro la Russia danneggiano in primo luogo l’UE stessa. Nel breve termine, ciò porterebbe a una carenza di petrolio e di gas, che nel caso del petrolio potrebbe essere ancora gestibile e porterebbe “solo” a un forte aumento dei prezzi della benzina, del gasolio da riscaldamento e di altri prodotti petroliferi, che si tradurrebbe inevitabilmente in un ulteriore aumento dell’inflazione e dei prezzi di praticamente tutti i beni.

Nel caso del gas, invece, un embargo per l’UE sarebbe ingestibile nel breve periodo perché non sarebbe possibile sostituire il gas russo mancante nel breve periodo. Si dovrebbe spegnere il riscaldamento nelle case private o chiudere intere industrie in Europa. Inoltre, a lungo termine, il passaggio dal gas dei gasdotti russi al più costoso gas liquefatto porrebbe l’economia dell’UE in una situazione di enorme svantaggio competitivo, che porterebbe inevitabilmente a una maggiore disoccupazione.

Quello che la Commissione europea sta facendo attualmente va solo a vantaggio degli Stati Uniti, che ora hanno aperto un altro mercato per il loro gas liquefatto e allo stesso tempo stanno indebolendo la concorrenza economica in Europa.

Fonte: anti-spiegel.ru

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code