toba60

”Come Mai?” In Texas No Mask No Lockdown e Sono Tutti Vivi!

Mi riesce difficile pensare a distanza di oltre un anno, su come ancora pochi si siano mai posto il dubbio che qualcosa di poco chiaro si celi dietro questo stato di cose.

Ogni ente governativo e’ perfettamente al corrente di fare la cosa sbagliata, i loro obbiettivi sono distanti anni luce dalla tutela sanitaria sbandierata da ogni organo di propaganda, di fronte l’evidenza perseguono nel loro incedere criminale, sanno che le parole valgono più’ dei fatti e fanno leva su questo ……il problema e’ che pure la parte in lesa usa la stessa moneta per cambiare le cose……..

parole parole parole…… sono soltanto parole ma non d’Amor. (Mina)

Toba60

”Come Mai?

Sono seduto in un bar in Texas, circondato da gente senza maschera, guardando la gente per strada che cammina come se la vita fosse normale, parlando con facce simpatiche e amichevoli, sentendo che le cose nel mondo sono più o meno normali. I casi e le morti attribuiti al Covid sono, come ovunque, in drammatico calo.

Se si presta attenzione solo alle campagne di paura dei media, la cosa potrebbe confondere. Più di due settimane fa, il governatore del Texas ha completamente invertito le sue devastanti politiche di blocco e ha abrogato tutti i suoi poteri di emergenza, insieme agli egregi attacchi ai diritti e alle libertà.

C’era qualcosa di molto poco texano in quelle chiusure. La mia stanza d’albergo è tappezzata di immagini di cowboy a cavallo che sventolano pistole in aria, insieme ad altre rappresentazioni di un robusto individualismo che affronta gli elementi. È una caricatura, ma i texani la abbracciano. Poi è arrivato un nuovo virus come se non fosse mai successo prima in Texas e la nuova classe di Zoom ha preso la strada opposta, non la libertà ma l’imposizione e il controllo.

Dopo quasi un anno di assurdità, il 2 marzo 2021, il governatore ha finalmente detto basta e ha abrogato tutto. I comuni e le città possono ancora impegnarsi in misfatti legati al Covid, ma almeno non avranno più la copertura dell’ufficio del governatore.

In quel momento, un amico mi ha fatto notare che questo sarebbe stato il test che stavamo aspettando. Una completa abrogazione delle restrizioni porterebbe alla morte di massa, hanno detto. Lo avrebbe fatto? Le chiusure hanno davvero controllato il virus? Lo avremmo scoperto presto, teorizzò.

Io lo sapevo bene. Il “test” per sapere se e in che misura le restrizioni controllano il virus o “sopprimono le epidemie” (secondo le parole di Anthony Fauci) è stato provato in tutto il mondo. Ogni serio esame empirico ha dimostrato che la risposta è no.

Gli Stati Uniti hanno molti esempi di stati aperti che hanno generalmente avuto prestazioni migliori nella gestione della malattia rispetto agli stati chiusi. La Georgia ha già aperto il 24 aprile 2020. Il Sud Dakota non ha mai chiuso. La Carolina del Sud ha aperto a maggio. La Florida ha terminato tutte le restrizioni a settembre. In ogni caso, la stampa ha ululato sull’imminente massacro che non è avvenuto. Sì, ogni stato aperto ha sperimentato un’ondata di stagionalità in inverno, ma lo stesso vale per gli stati di blocco.

Così è stato in Texas. Grazie a questo thread su Twitter, e ad alcune mie ricerche su Google, abbiamo un bell’archivio di previsioni su cosa sarebbe successo se il Texas avesse aperto.

Il governatore della California Gavin Newsom ha detto che aprire il Texas è stato “assolutamente sconsiderato”.


Gregg Popovich, capo allenatore dei San Antonio Spurs dell’NBA, ha detto che l’apertura era “ridicola” e “ignorante”.


La CNN ha citato un’infermiera di terapia intensiva che ha detto: “Ho paura di come sarà”.


Vanity Fair ha esagerato con questo titolo: “I governatori repubblicani celebrano l’anniversario del COVID con un audace piano per uccidere altri 500.000 americani”.


C’era l’inevitabile dottor Fauci: “E’ inspiegabile il motivo per cui si voglia fare marcia indietro adesso”.


Robert Francis “Beto” O’Rourke, del Texas, si è rivelato essere un vero e proprio serratore: è un “grande errore”, ha detto. “È difficile sfuggire alla conclusione che è anche un culto di morte”. Ha accusato il governatore di “sacrificare le vite dei nostri compagni texani … per un guadagno politico”.


James Hamblin, un medico e scrittore per l’Atlantic, ha detto in un Tweet apprezzato da 20K persone: “Mettere fine alle precauzioni ora è come entrare nelle ultime miglia di una maratona e togliersi le scarpe e mangiare diversi hot dog”.


L’autore di bestseller Kurt Eichenwald è impazzito: “Dannazione. In Texas sono già saltate fuori CINQUE varianti: Gran Bretagna, Sudafrica, Brasile, New York e CA. Le varianti di NY e CA potrebbero indebolire l’efficacia del vaccino. E ora l’idiota @GregAbbott_TX getta al vento lo stato”. Ha inoltre definito il governo “assassino”.


L’epidemiologa Whitney Robinson ha scritto: “Mi sento sinceramente triste. Ci sono persone che si ammaleranno e moriranno a causa di infezioni evitabili che avranno nelle prossime settimane. È demoralizzante”.


L’opinionista Bill Kristol (non avevo idea che fosse un carceriere) ha scritto: “Il governatore Abbott sarà responsabile di più ricoveri e morti evitabili di COVID di tutti gli immigrati senza documenti che attraversano il confine del Texas messi insieme”.


L’opinionista della salute Bob Wachter ha detto che la decisione di aprire è stata “imperdonabile”.


Il guru dei virus Michael Osterholm ha detto alla CNN: “Stiamo camminando nella bocca del mostro. Semplicemente lo stiamo facendo”.


Joe Biden ha notoriamente detto che la decisione del Texas di aprire riflette “il pensiero di Neanderthal”.


Il nutrizionista Eric Feigl-Ding ha detto che la decisione gli fa venire voglia di “vomitare così tanto”.


Il presidente del partito democratico dello stato ha detto: “Quello che Abbott sta facendo è straordinariamente pericoloso. Questo ucciderà i texani. Gli specialisti di malattie infettive del nostro paese hanno avvertito che non dobbiamo abbassare la guardia, anche se facciamo progressi verso le vaccinazioni. Ad Abbott non importa”.


Altri democratici statali hanno detto in una lettera che la decisione era “prematura e dannosa”.


Rochelle Walensky del CDC non ha usato mezzi termini: “Per favore ascoltatemi chiaramente: A questo livello di casi con varianti che si stanno diffondendo, stiamo per perdere completamente il terreno duramente guadagnato. Sono davvero preoccupata per i rapporti che altri stati stanno ritirando le misure di salute pubblica che abbiamo raccomandato per proteggere le persone dal COVID-19″.

Ci sono probabilmente altre centinaia di avvertimenti, previsioni e richieste di questo tipo, tutte dichiarate con assoluta certezza che il funzionamento sociale e di mercato di base è un’idea terribile. La lobby delle chiusure era a tutto regime. Eppure cosa vediamo ora, a più di due settimane di distanza (e probabilmente le chiusure sono finite il 2 marzo, quando il governo ha annunciato la decisione)?

Ecco i dati.

Il CDC ha uno strumento molto utile che permette a chiunque di confrontare gli stati aperti con quelli chiusi. I risultati sono devastanti per coloro che credono che le chiusure siano il modo per controllare un virus. In questo grafico confrontiamo gli stati chiusi Massachusetts e California con gli stati aperti Georgia, Florida, Texas e South Carolina.

Cosa possiamo concludere da una tale visualizzazione? Suggerisce che le chiusure non hanno avuto alcun effetto statisticamente osservabile sulla traiettoria del virus e sui risultati gravi risultanti. Gli stati aperti hanno generalmente ottenuto risultati migliori, forse non perché sono aperti ma semplicemente per ragioni demografiche e di stagionalità. Gli stati chiusi non sembrano aver ottenuto nulla in termini di mitigazione.

D’altra parte, le chiusure hanno distrutto industrie, scuole, chiese, libertà e vite, demoralizzando la popolazione e privando le persone di diritti essenziali. Tutto in nome della sicurezza da un virus che ha fatto comunque il suo lavoro.

Per quanto riguarda il Texas, i risultati finora ci sono.

Non sto facendo previsioni sul futuro percorso del virus in Texas. Infatti, per un anno intero, AIER è stata attenta a non cercare di superare questo virus, che ha i suoi modi, alcuni prevedibili e altri misteriosi.

L’esperienza ha, o dovrebbe avere, umiliato tutti.

Gli accordi politici sembrano non avere il potere di controllarlo, tanto meno di sopprimerlo definitivamente. La convinzione che fosse possibile controllare le persone per controllare un virus ha prodotto una calamità senza precedenti nei tempi moderni.

Ciò che colpisce di tutte le previsioni di infezioni e morti di cui sopra non è solo che erano tutte sbagliate.

È l’arroganza e la fiducia dietro ognuna di esse. Dopo un anno intero e l’osservazione diretta dell’incapacità degli “interventi non farmaceutici” di gestire l’agente patogeno, gli esperti sono ancora legati ai loro amati blocchi, incapaci o non disposti a guardare i dati e imparare qualcosa da essi.

Il concetto di isolamento è nato da una premessa sbagliata:

che si possono separare gli esseri umani, come i ratti nelle gabbie, e quindi controllare e persino sradicare il virus. Dopo un anno, sappiamo inequivocabilmente che questo non è vero, cosa che i migliori e più saggi epidemiologi sapevano da sempre. I lavoratori essenziali devono ancora lavorare, devono andare a casa dalle loro famiglie, molti in condizioni di vita affollate.

Le chiusure non eliminano il virus, semplicemente ne spostano il peso sulla classe operaia.

Ora possiamo vedere il fallimento in bianco e nero e a colori, che appare quotidianamente sui nostri schermi per gentile concessione del CDC. Questo ha scosso la classe degli esperti pro-chiusura? Non molto. Che incredibile testimonianza della testardaggine dell’opinione pubblica d’élite e del suo pregiudizio contro le libertà fondamentali. Potrebbero tutti riecheggiare le parole di Groucho Marx:

“A chi vuoi credere, a me o ai tuoi occhi?”

Jeffrey A. Tucker

Fonte: aier.org

Novità letteraria di Toba60 IL mondo non è quello che sembra

Codice  IBAN  IT19B0306967684510332613282

Abbiamo bisogno del tuo aiuto …

La censura dei motori di ricerca, delle agenzie pubblicitarie e dei social media controllati dall’establishment sta riducendo drasticamente le nostre entrate . Questo ci rende difficile continuare. Se trovi utile il contenuto che pubblichiamo, considera di sostenerci con una piccola donazione finanziaria mensile.

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code