toba60

Come Portare alla Ragione le Persone Lobotomizzate dalla Propaganda di Regime

Chi di voi non si è trovato a dialogare con qualcuno che giura di aver visto almeno una volta nella sua vita un asino che vola.

L’asino è dappertutto, basta solo uscire di casa e guardarsi attorno, non serve nemmeno alzare gli occhi al cielo, si deve semplicemente indirizzare lo sguardo ad altezza d’uomo e puntare un qualsiasi soggetto con la mascherina, o con un iphone in mano sintonizzato su Google.

Abbiate compassione, alcuni casi sono disperati e non c’è proprio nulla da fare, ma alle volte con le dovute maniere si riesce a ad entrare in sintonia, i miracoli hanno una loro ragione di essere, basta solo un atto di fede…..

……. amen.

Toba60

Come Portare alla Ragione un Popolo Votato alla Morte.

Tutti noi che abbiamo cercato di convincere la gente con i fatti sappiamo quanto sia difficile cambiare le loro menti. Una ricerca mostra che le persone molto raramente cambiano idea quando si confrontano con nuovi fatti… spesso si aggrappano ancora di più a ciò che credono.

Non è quello che pensi che succederà; una persona sobria ammetterebbe gli errori e accetterebbe i nuovi fatti. Uno studio dell’Università del Michigan ha trovato il contrario, abbiamo una certa opinione e quando ci confrontiamo con fatti che la contraddicono, ci crediamo ancora più fortemente.

Il fenomeno è chiamato “ritorno di fiamma” e gioca un ruolo importante nel modo in cui formiamo le nostre opinioni e credenze su ciò che accade nel mondo.

Invece di cercare apertamente informazioni che confermino o contraddicano un’opinione, la gente cerca solo ciò che già crede. Ignorano fatti completamente contrari. Lo studio ha mostrato che le persone si identificano ardentemente con le loro credenze e formano un legame emotivo con esse che modella tutta la loro identità e moralità, indipendentemente dai fatti.

Un esempio tipico è che il semplice fatto che l’Occidente sta facendo la guerra in Iraq muove la gente a trovare una giustificazione per essa. Vogliono credere che dal momento che l'”Occidente libero e civilizzato” sta inviando soldati lì, può essere solo qualcosa di nobile e buono, con tutte le migliori intenzioni. Così possono bloccare i crimini di guerra che stanno accadendo lì in nostro nome, non ne vogliono nemmeno sapere, e venire a patti con la realtà. Si costruiscono un mondo razionale basato su informazioni false.

Ma se si dice loro che la ragione della guerra era una bugia, che Saddam Hussein non aveva armi di distruzione di massa, si aggrappano ancora alla loro opinione che la guerra è giustificata. Anche quando si dice loro che lo stesso presidente Bush ha ammesso che non ne hanno trovato e che lo sapeva in anticipo, che ha mentito deliberatamente, non si allontanano dalla loro opinione fissa, non condannano la guerra. Poi cercano altre giustificazioni, come Saddam Hussein era un dittatore malvagio e doveva andarsene comunque, o addirittura chiedono abbastanza ingenuamente, ma perché altrimenti Bush avrebbe dovuto ordinare la guerra?

È come se fossero su un binario da cui non riescono quasi a scendere, indipendentemente dai fatti che gli vengono presentati.

Per capire perché cercano scuse per le azioni delle autorità, lo studio mostra, il loro motivo è principalmente la paura. Paura che la loro fiducia nell’ufficio del presidente, che è una persona rispettata che è sempre onesta e ha solo buone intenzioni, possa essere danneggiata. I fatti che distruggono questa visione del mondo, per quanto convincenti, vengono ignorati.

“L’idea generale è che è assolutamente minaccioso ammettere di avere torto”, dice il politologo Brendan Nyhan, che ha condotto lo studio. Questo fenomeno di “ritorno di fiamma” è “un meccanismo di difesa naturale per evitare la dissonanza cognitiva”.

La dissonanza cognitiva è la differenza tra ciò che si percepisce e ciò che si crede. O al contrario, vedi e senti qualcosa, ma lo ignori perché non rientra nella tua visione del mondo.

La maggior parte di noi crede che le nostre opinioni siano formate dal pensiero razionale e dalla ponderazione dei fatti, che siamo abbastanza intelligenti e ragionevoli per agire in questo modo. In realtà, però, costruiamo le nostre opinioni sulle credenze, che possono essere in contrasto con i fatti.

Invece di essere i fatti a controllare le nostre opinioni, le nostre convinzioni controllano i fatti che siamo disposti ad accettare. Questo ci porta a piegare i fatti per adattarli meglio alla nostra immaginazione. Ancora peggio, può portarci ad accettare informazioni false solo perché rafforzano la nostra opinione. Questo rinforzo ci rende ancora più sicuri di avere ragione e ancora meno ricettivi alle nuove informazioni.

Questo effetto è esacerbato dal sovraccarico di informazioni, che offre non solo ottime informazioni, ma anche un sacco di voci, disinformazione e falsità. In altre parole, non è mai stato così facile avere completamente torto e allo stesso tempo sentire di avere ragione.

Un buon esempio di questo è la credenza nel riscaldamento globale, presumibilmente causato dalla CO2 prodotta dall’uomo. Non importa quali siano i fatti che dimostrano il contrario, la convinzione è incrollabile, perché i credenti hanno la sensazione emotiva che stanno facendo qualcosa di buono per l’ambiente.

Ignorano il fatto che la CO2 non ha niente a che fare con il clima o che il clima si sta raffreddando, o anche che un clima più caldo sarebbe meglio comunque. Questo porta poi gli scienziati del clima a falsificare i dati di temperatura misurati verso l’alto, utilizzando selettivamente solo i dati dei termometri nei luoghi più caldi che confermano la loro credenza nel riscaldamento globale.

Tutto ciò che mostra un raffreddamento viene eliminato, non è ammesso nell’analisi. Ai colleghi scettici viene negato l’accesso all’analisi dei dati per verificare la teoria del riscaldamento globale. Questa manipolazione e frode evidente è venuta alla luce con lo scandalo Climategate. Quando gli fu chiesto perché avevano falsificato i dati, gli scienziati risposero addirittura che non aveva importanza, perché il fine giustificava i mezzi, e bisognava fare qualcosa per il clima. Non hanno coscienza sporca e nessun senso di ingiustizia.

Persino gli scienziati, che sono tenuti e addestrati a condurre le loro ricerche in modo sobrio, obiettivo e fattuale, hanno un tale atteggiamento. Cosa ci si può aspettare allora dalla reazione laica, emotiva e di pancia della popolazione?

Alla faccia di come funzionano le opinioni e le credenze. Ora alla domanda: come convincere un popolo testardo?

Per esempio, iniziate prima e chiedete: vogliono difendere la loro precedente opinione e convinzione o vogliono sapere la verità? La maggior parte della gente risponderà naturalmente che vuole sapere la verità. Lo diranno perché non vogliono essere visti come irrazionali, anche se lo sono.

Poi si può iniziare a trasmettere alcuni fatti, ma sempre sondare il loro livello di resistenza dicendo cose in mezzo come:

  • Anch’io l’ho trovato difficile da credere quando l’ho sentito.
  • Anche per me non è stato facile cambiare idea.
  • Sì, sembra diverso da quello che ci è stato detto.
  • So che sarà (doloroso, scioccante, fastidioso o qualsiasi altro aggettivo che esprima emozioni negative) credere che (ciò che non vogliono sentire).

Quindi si pone come se lei stesso trovasse difficile cambiare la sua opinione fissa e dare all’altra persona la sensazione di essere dalla stessa parte invece di essere un avversario.

E se si ribellano e rifiutano i fatti, puoi ricordare loro che volevano sentire la verità. È meglio portare fatti facili da digerire per la persona che stai cercando di convincere all’inizio e salvare le cose difficili per dopo.

Quello che uso è anche la tecnica di portare l’umorismo e la satira per mostrare l’assurdità e la ridicolaggine di certe dichiarazioni ufficiali, nella speranza che poi capiscano da soli che la loro precedente opinione è sbagliata. Come ad esempio:

“Così, l’11 settembre, un miracolo è accaduto davvero. Immaginate, il passaporto del dirottatore che era alla guida dell’aereo è stato trovato tra le macerie. Lo aveva nel taschino quando si è schiantato contro la torre a 700 km/h e il passaporto è sopravvissuto all’impatto e alla palla di fuoco.

Poi il passaporto è rimasto in qualche modo nei piani in fiamme per un’ora e quando il grattacielo è crollato, tutto è diventato polvere, il passaporto è volato giù da un’altezza di 150 metri ed è atterrato completamente intatto sul mucchio di macerie, dove un poliziotto lo ha poi trovato. È così che sono stati in grado di identificare il colpevole. Senza un miracolo, non sarebbe stato possibile”.

La reazione di solito è così, l’ascoltatore dirà di sua iniziativa, questo non può essere, questo sfida ogni logica. Il passaporto di carta sarebbe bruciato o sbriciolato proprio come gli edifici. Allora il passo non è lontano per suggerire che evidentemente le prove sono state piazzate, se hanno trovato un passaporto intatto di un assassino tra tutti. E poi si apre la porta a molte altre incongruenze.

Questi piccoli aneddoti, che danno alla persona di contatto l’idea che c’è qualcosa di sbagliato nella versione ufficiale, spesso aiutano a superare la difensività automatica. Ma se arrivi con il carico completo, come un predicatore che cerca di infilare tutto in una volta e anche scioccante, allora la persona testarda si aggrapperà ancora di più alla sua fede, non importa quello che dici. Difenderà la sua posizione e troverà le più grandi ragioni per farlo.

Anche se ti comporti in modo un po’ stupido e umile e non come un insegnante anziano onnisciente, l’altra persona non si sente intimidita ma piuttosto superiore e accetta le nuove informazioni. Dovete solo trovare dei modi psicologici per aprire la porta invece di farvela sbattere in faccia.

Anche se si pensa solo in modo logico, molte persone prendono decisioni basate su emozioni e false supposizioni. L’esperienza dimostra che i fatti sono meno importanti per convincere qualcuno. Più importante è spesso il modo e il quadro con cui si presentano i fatti. Poi c’è un piccolo gruppo di persone che non crede a nulla, non importa come e cosa gli si dica, secondo il motto, non può essere ciò che non può essere. Sono una perdita di tempo e dovrebbero essere lasciati indietro. Ma funziona per la maggior parte di loro.

Oh sì, quello che lo studio ha anche scoperto, l’autostima o la mancanza di essa, ha molto a che fare con quanto si è pronti a ricevere nuove informazioni. Quando ci si sente bene e sicuri, si ascolta. Se sei insicuro e ti senti minacciato, non lo fai. Più le persone si sentono minacciate, meno è probabile che accettino opinioni dissenzienti e fatti che cambiano la loro visione del mondo, e sono molto più controllabili. Questo spiega perché i governi traggono vantaggio dal mettere la gente nella paura. L’attuale allarmismo su una perenne minaccia Pandemica in Germania è un buon esempio.

Von Freeman Fortsetzung

Fonte: alles-schallundrauch.blogspot.com

Abbiamo bisogno della vostra collaborazione ! Contiamo su di voi per un supporto economico necessario per finanziare i nostri rapporti investigativi. Se vi piace quello che facciamo, un abbonamento mensile è un riconoscimento a noi per tutto lo sforzo e l’impegno che ci mettiamo.

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code