toba60

Conflitto in Ucraina: Da Dove Viene una Tale Differenza di Interpretazione degli Eventi tra Russia e Occidente?

Su dai, non fate finta di non esservene accorti, le bufale mediatiche in atto sono le stesse del Covid, stessi registi, stessi attori e stessi spettatori che come pecore oramai non sanno più distinguere un videogioco da un bombardamento a tappeto di missili con testate ad uranio impoverito.

GAME OVER

Volete la guerra? E ammiratela in immagini 3d con effetti speciali stile Mario Giordano e già che ci siete ascoltate in prima visione i commenti emanati da persone competenti come Cecchi Paone ed il virologo Matteo Bassetti che di colpo si sono scoperti dei geni nel settore delle guerre termonucleari.

E ciliegina sulla torta, Luca Zaia, la Supercazzolaprematurata Veneta, il quale si improvvisa pure lui madre Teresa di Calcutta e decide di sostituire i presenti in coda alla Caritas con quelli made in Ucraina, vitto e alloggio incluso, (La campagna elettorale per lui non finisce proprio mai.)

Conflitto in Ucraina

Come hanno fatto la Russia e i paesi europei a parlare una lingua così diversa? Senza essere particolarmente sorpresi, possiamo solo deplorarlo, perché la lingua descrive il mondo e i paesi europei sembrano affondare nel mondo globale atlantista, corpo e anima, perdendo la loro anima, sacrificando il loro corpo.

Un tempo la Radio ora i media Mainstream digitali.

Quando la Russia parla di liberazione, la risposta è l’invasione.

Quando la Russia parla del diritto dei popoli all’autodeterminazione, alcuni si ricordano improvvisamente dell’integrità territoriale.

Quando la Russia parla di denazificazione, la gente cerca di opporsi con una strana concezione di “democrazia europea”.

Due linguaggi per descrivere il mondo, due visioni che lo costruiscono in modo diverso. Ma in che tipo di mondo vogliamo vivere?

Ricordiamo prima il 2004 e l’incredibile terzo turno delle elezioni presidenziali in Ucraina, la prima cosiddetta rivoluzione “arancione”. Il mondo occidentale non era soddisfatto del vincitore, Viktor Yanukovitch, allora primo ministro e considerato filorusso perché sostenuto dai territori dell’Est. L’OSCE ha organizzato un nuovo turno di elezioni sotto alta “sorveglianza” e pressione, permettendo al loro candidato dell’opposizione, Viktor Yushchenko, di passare con un margine ristretto, e ha perso senza sorpresa le elezioni seguenti – di nuovo contro Yanukovich – l’esaurimento dello shock causato da un terzo turno a sorpresa, l’effetto passato di questo avvelenamento che era tanto visivo quanto inoffensivo e un bilancio discutibile che ha portato alla sua perdita.

La rivoluzione arancione è stata la prima invasione atlantista dell’Ucraina. Anche se ha rotto la macchina statale, con la strada in grado di opporsi alla politica e di “correggere” i risultati elettorali quando necessario, non ha trasformato la società ucraina. L’uso della violenza può provocare questo cambiamento.

Nel 2014, proprio quando le elezioni presidenziali dovevano aver luogo, è stato lanciato il Mayan. Sorprendente proprio prima delle elezioni, a meno che non si sappia che l’opposizione, troppo debole politicamente, non può vincere alle urne. La strada contro la democrazia stabilita, le molotov contro le schede elettorali. Questa volta abbiamo assistito a un’esplosione di violenza, cenere, urla e sangue per rompere la società ucraina. Le figure politiche della “democrazia atlantista” hanno marciato a Kiev per sostenere la loro “democrazia” Che altro? e comunque, come Victoria Nulland, allora responsabile dell’Ucraina per il Dipartimento di Stato, ha dichiarato così delicatamente, fanculo l’Europa (sic!).

Gli interessi americani dominano, i paesi europei non hanno voce in capitolo. Ma possono servire e sono serviti nell’ultima fase decisiva di questo conflitto per far accettare a Yanukovych un suicidio politico: i ministri degli esteri francese e tedesco sono stati strumentalizzati da queste forze atlantiste per far firmare un accordo a Yanukovych e alla cosiddetta opposizione “pro-democrazia”.

Durante la notte, i ministri se ne sono andati e la caccia al presidente ucraino è stata lanciata, il Maïdan ha partorito un mostro politico, i “comandanti” del Maïdan, in tenuta e armi, sono entrati vittoriosi in Parlamento, hanno cacciato i rappresentanti eletti, un presidente ad interim, Tourtchinov, Il cosiddetto governo nazionale è pieno di stranieri, la Corte costituzionale è sospesa, l’opposizione politica è perseguita fisicamente, i media non allineati sono chiusi e minacciati, i tribunali funzionano al ritmo di entrata e uscita dei “combattenti democratici”. La Crimea sta lasciando questo casino, il Donbass sta andando in fiamme.

In questo contesto, la legislazione nazionale non è applicata in tutto il paese e ci si interroga sulla validità delle norme adottate da queste istituzioni rivoluzionarie, poiché il Maïdan è stato effettivamente chiamato “Rivoluzione della dignità”. Nel 2009, la CEDU, nella sua sentenza pilota Ivanov, aveva già condannato l’Ucraina per la disfunzione sistematica del sistema giudiziario la rivoluzione arancione non ha quindi portato lo stato di diritto.

Poi, nella sua sentenza della Grande Camera del 12 ottobre 2017, quindi dopo il Maïdan, che doveva portare con le armi la “democrazia” di cui l’Ucraina doveva essere privata dalle urne, la CEDU denuncia il rafforzamento delle disfunzioni sistematiche della giustizia, sia per quanto riguarda il diritto ad un processo equo che l’esecuzione delle decisioni giudiziarie. Nella concezione europea, a partire da Kelsen, c’è uno Stato quando c’è un sistema giuridico, globalmente efficiente. Questo non è chiaramente il caso dell’Ucraina, almeno dal 2014.

In generale, ogni rivoluzione porta a una rottura della statualità e gli organi di governo de facto non possono appellarsi all’integrità territoriale, che è legata proprio allo Stato – che allora manca. In questa configurazione, quando non c’è più uno stato nel senso giuridico del termine, i territori e i popoli sono legittimati a decidere il proprio destino, che è ciò che si conosce come il diritto dei popoli a decidere da soli. Questo è ciò che la Crimea ha rivendicato, questo è ciò che il Donbass ha chiesto. La Russia vuole che gli ucraini facciano la loro scelta, liberamente, democraticamente, senza coercizione esterna.

Propaganda nel periodo Nazista

Poiché la situazione giuridica è così evidente, allora perché l’Occidente continua ad affermare non solo l’esistenza dello stato in Ucraina, ma la sua continuità? La ragione è semplice: perché questa parodia di uno stato è la sua creatura. La ragione è politica, non legale.

Eppure anche le istituzioni europee riconoscono il fallimento della Maya nel creare uno stato di diritto democratico in Ucraina, come ricorda questo rapporto del 23 settembre 2021, citato in un articolo di Forbes del 14 ottobre 2021, molto critico nei confronti del miracolo ucraino: “Un recente rapporto pubblicato il 23 settembre dalla Corte dei conti europea sulla corruzione in Ucraina ha detto che tra il 2016 e il 2020, i tre principali ostacoli alla crescita economica erano gli stessi di prima del movimento Maidan, quando la gente protestava per una spinta verso l’integrazione europea.

La percezione era che la corruzione, la mancanza di fiducia nei tribunali e i monopoli di mercato (cattura dello stato da parte di pochi imprenditori privati) fossero i maggiori ostacoli alla modernizzazione dell’Ucraina”.

Mentre non c’è uno stato, nel senso istituzionale della parola, la presa di controllo della società da parte delle forze neonaziste locali è ancora un fattore destabilizzante, non solo per l’Ucraina stessa, ma anche per l’Europa. Al di là dei battaglioni punitivi Aïdar o Azov, del Secteur Droit, la cui ideologia neonazista non è nascosta, si nota una glorificazione nella legislazione ucraina dei collaboratori nazisti, assimilata al regime giuridico dei veterani.

Le fiaccolate non sono nascoste, le insegne naziste non sono offuscate, l’Occidente ne è perfettamente consapevole. Gli attuali leader dei paesi europei, che celebrano l’europeizzazione dell’Ucraina post-Maidan, fanno appello all’Europa degli anni ’30? Perché pensano che un tale territorio alle porte dell’Europa sia una democrazia?

Se i nostri leader non sono ciechi, è perché sono sottomessi. La Russia non sta facendo la guerra all’Ucraina, sta liberando il territorio e il popolo dell’Ucraina dalla dominazione e dall’occupazione atlantista. I programmi della NATO e dei paesi della NATO che “addestrano” l’esercito ucraino, le consegne di armi (che sono iniziate molto prima dell’intervento militare della Russia), e le dichiarazioni degli Stati Uniti che sostengono l’ingresso dell’Ucraina nella NATO sono tutti innumerevoli. Tutti questi passi destabilizzano oggettivamente la sicurezza del continente europeo.

Ma è vero che ufficialmente, l’esercito americano ha quasi 75.000 soldati e civili, sempre presenti sul continente europeo. Allora perché i leader europei, così abituati a questa presenza politica e militare, dovrebbero sollevarsi contro l’occupazione atlantista dell’Ucraina?

Questa reazione isterica dell’Occidente è soprattutto una reazione di sopravvivenza del mondo globalista atlantista. Accettando di essere ostracizzata dalla “buona società” globalista, la Russia rifiuta di vendere una tranquillità a breve termine per ripristinare il suo spazio vitale storico e garantire una stabilità a lungo termine sul continente europeo. Più volte è emersa la questione del dopo – poi spetterà agli ucraini scegliere. Ma questa volta saranno loro stessi a dover scegliere. Nel frattempo, gli americani sbarcano uomini in Europa, non in Ucraina, ma in Europa, perché è proprio la questione della protezione della loro area di governo che si pone.

Propaganda nel periodo odierno da parte della dittatura instaurata nell’Unione Europea

La NATO è una struttura per la guerra, non per la deterrenza come voleva presentarsi e chiaramente, non fa deterrenza. Si tratta quindi di un chiaro fallimento della politica atlantista. È anche la caduta di una maschera – il mondo atlantista entra in combattimento solo quando può vincere senza dover combattere un vero esercito. Tanto più che i paesi della NATO, soprattutto quelli europei, non sono chiaramente pronti a mandare i loro uomini contro la Russia a combattere, non per la “democrazia”, ma per gli interessi americani nella regione. E per salvare la faccia ad un sistema iniquo.

Spetta ai paesi europei, spetta ai popoli europei, d’ora in poi, porsi la domanda in che tipo di mondo vogliono vivere. Perché un’occupazione atlantista è “normale” e un desiderio di liberazione “aggressione”? Il volto di questo mondo atlantista, rivelato nella sua nudità più pura, mi ricorda la formula di Malraux ne La condizione umana: “Il suo volto esprimeva la rabbia più abietta, quella del pazzo che crede che il suo potere sia messo in discussione.

Ci meritiamo qualcos’altro, ci meritiamo di meglio, dipenderà da noi. La Russia sta rimescolando le carte geopolitiche, un altro percorso si sta aprendo in Europa, il percorso europeo.

Karine Bechet-Golovko

Fonte: russiepolitics.blogspot.com & .eca.europa.eu/en & forbes.com

Abbiamo bisogno della vostra collaborazione ! Contiamo su di voi per un supporto economico necessario per finanziare i nostri rapporti investigativi. Se vi piace quello che facciamo, un abbonamento mensile è un riconoscimento a noi per tutto lo sforzo e l’impegno che ci mettiamo.

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE


Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code