toba60

Confronto tra la Mortalità del Covid-19 e la Letalità del Vaccino ”Un Vero Insulto alla Vita”

Dobbiamo dire che siamo alla resa dei conti, un eventuale processo che si dovesse verificare al termine di questa autentica carneficina, avrà come base di partenza questa sintesi inequivocabile che dovrebbe indurre tutti i diretti interessati a trovare un luogo meno pericoloso per sfuggire alle ire di gente che non ne può più’ di essere presa in giro al prezzo della propria vita.

Venezia- Italia

Siamo alla farsa finale, dove sono tutti contro tutti e gli artefici del dramma ora si defilano dando in pasto all’opinione pubblica una narrativa che li vede viceversa meritevoli di un plauso per lo sforzo fatto a tornare alla ”Normalità”, concedendo gradatamente al popolo un barlume di libertà, magari togliendo l’obbligo della mascherina all’aperto.

Un giorno dati alla mano tutti verranno a sapere che coloro che hanno aderito rigorosamente agli ordinamenti legislativi, sono quelli che più’ di ogni altro hanno pagato il prezzo più’ alto in termini di morti, distruzione economica, strutturale e sociale, basti considerare quanto avvenuto nel Veneto in Italia dove le cronache di tutto il mondo hanno posto come punto di riferimento questo luogo geografico su quanto non doveva essere fatto e per noi della redazione che in questa regione ci viviamo…….

un ”Pochettino” ci fa girare le……..

Toba60

Confronto tra la Mortalità del Covid-19 e la Letalità del Vaccino

Di fronte alle ripetute ingiunzioni di vaccinare, è ragionevole mettere in discussione il rapporto beneficio/rischio dei vaccini, confrontando la mortalità legata al Covid-19 e la presunta letalità legata alla vaccinazione per fascia d’età.

Cose da ricordare

Per le persone sotto i 45 anni di età, la letalità presunta legata al vaccino è maggiore della mortalità da Covid-19. Secondo le statistiche attuali, la vaccinazione dei ragazzi di 12-14 anni potrebbe provocare 85 morti e fino a 235 disabilità gravi, senza alcun beneficio. Nessun bambino sano è morto a causa del Covid-19.

Confronto tra la mortalità del Covid-19 e la letalità del vaccino

Mentre sono stati proposti un piano di vaccinazione infantile [1], un piano di vaccinazione anulare [2] e una richiesta dell’Accademia di Medicina per la vaccinazione obbligatoria contro il Covid-19 [3], è ragionevole mettere in discussione il loro equilibrio beneficio/rischio, confrontando la mortalità del Covid-19 e la letalità presunta del vaccino per gruppo di età.

Le tabelle presentate sono state costruite a partire dai seguenti dati:

La distribuzione INSEE della popolazione per età nel 2021 [4] Il numero di morti per fascia d’età negli ospedali (pagina 32) e nell’EHPAD (pagina 26) dall’aggiornamento epidemiologico pubblicato da Santé Publique France il 27 maggio 21 [5] Dati di farmacovigilanza sui vaccini dal 27 maggio per Pfizer [6] e Moderna [7], e dal 20 maggio per Astrazeneca [8] I dettagli dei calcoli possono essere scaricati qui [9].

I risultati per la mortalità Covid-19 (Tabella 1) sono stati espressi come “rischio per 100.000 abitanti”.

Le informazioni sulle comorbilità per gruppo di età sono disponibili solo per i decessi certificati elettronicamente (pagina 43 di [5]), che rappresentano solo 48.676 decessi sui 108.908 decessi registrati a pagina 1.

Si può vedere che una proporzione, che varia dal 100% per i più giovani al 64% per il gruppo di età più vecchio, presenta almeno una comorbidità.

Tuttavia, a pagina 37 dello stesso rapporto [5], Santé Publique France precisa, a proposito delle caratteristiche dei casi gravi ammessi in terapia intensiva, che “per i due periodi studiati (settembre-dicembre 2020 e gennaio-maggio 2021), il 94% dei deceduti aveva almeno una comorbidità.

“Il rischio di morte calcolato nella tabella 1, basato sui certificati elettronici, sembra quindi ancora sovrastimato per le persone sane.

Tabella 1: Mortalità legata al Covid-19 per fascia di età, stima della mortalità delle persone senza comorbidità da certificati elettronici.

Per gli effetti collaterali del vaccino, espressi come “rischio per 100.000 vaccinati”, i risultati sono stati ottenuti dividendo il numero di morti sospette legate al vaccino per il numero di persone vaccinate, cioè il numero di prime dosi.

Sono state analizzate anche le sequele molto gravi, tra cui la morte, la disabilità e gli eventi pericolosi per la vita. Va notato che i dati di farmacovigilanza non sono suddivisi per età. Secondo le segnalazioni di effetti collaterali fatte all’Agence Nationale de Sécurité du Médicament et des Produits de Santé (ANSM), si può ottenere la seguente tabella 2:

Tabella 2: letalità presunta correlata al vaccino per 100.000 vaccinati. I numeri in rosso illustrano una letalità o un rischio di disabilità maggiore della mortalità per Covid di alcune fasce di età, secondo [6], [7] e [8]

I dati di farmacovigilanza per malattia non sono suddivisi per gruppo di età. Tuttavia, il numero di casi gravi è ben specificato per fascia d’età.

Così, i casi gravi riportati dopo la vaccinazione da Pfizer e Moderna sono quasi uniformemente distribuiti nei diversi gruppi di età, mentre per Astrazeneca, i problemi gravi sono più spesso riscontrati dalle persone più giovani (il 49% dei casi gravi sono riportati per le persone sotto i 49 anni di età).

Per questo motivo, l’ipotesi di una distribuzione omogenea dei rischi di morte o di sequele gravi nei diversi gruppi di età è stata adottata per costruire la tabella 3, che permette di stimare il beneficio/rischio dei vaccini:

Tabella 3: Stima del Beneficio/Rischio legato al vaccino: Presenza di un pericolo legato alla vaccinazione se il numero è maggiore di 1 (caselle rosse).

Il beneficio della vaccinazione è quindi da mettere in prospettiva per le persone in buona salute, cioè senza comorbidità.

È chiaro che per le persone sotto i 45 anni, il rischio di morte dopo la vaccinazione è 1,3 volte più alto che per la mortalità Covid-19, e il rischio di un effetto collaterale molto grave che porta a disabilità, morte o prognosi pericolosa per la vita è fino a 3,6 volte più alto.

Per i bambini con co-morbidità, il rischio di morte presunta legata al vaccino è 60 volte più alto che con il Covid-19. E poiché nessun bambino sano è morto a causa del Covid-19, il rischio della vaccinazione è semplicemente infinitamente più alto.

Il governo ha aperto la vaccinazione agli adolescenti a partire dai 12 anni. Ci sono 2.446.848 bambini tra i 12 e i 14 anni. Secondo le statistiche attuali, la loro vaccinazione potrebbe provocare 85 morti e fino a 235 disabilità gravi, senza alcun beneficio.

Oltre a questa osservazione a breve termine, gli effetti collaterali a medio e lungo termine (da 3 a 10 anni) sono totalmente sconosciuti. Bisogna anche ricordare che questi vaccini hanno ricevuto solo un’autorizzazione condizionata alla commercializzazione [10], il che significa che la loro efficacia e sicurezza sono ancora in fase di valutazione. Va notato che di solito ci vogliono 10 anni per garantire la sicurezza di un vaccino [11].

Fonte: fr.sott.net

SOTTOSCRIVI UN PICCOLO PIANO DI DONAZIONE MENSILE E AIUTA COLORO CHE L’ESTABLISHMENT VUOLE CENSURARE

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE

Abbiamo bisogno del tuo aiuto …

La censura dei motori di ricerca, delle agenzie pubblicitarie e dei social media controllati dall’establishment sta riducendo drasticamente le nostre entrate . Questo ci rende difficile continuare. Se trovi utile il contenuto che pubblichiamo, considera di sostenerci con una piccola donazione finanziaria mensile.


Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code