toba60

Controllo delle Informazioni per la Manipolazione Sociale

Views: 160

Avviso tutti gli utelti di Toba60, che questo articolo e’ un po lungo e impagnativo, suddiviso in 4 parti, vi consiglio di visualizzarne uno alla volta, e’ un autentica miniera d’oro per chi desidera approfondire una materia fondamentale per capire e comprendere la societa’ attuale.

Articoli usa e getta ce ne sono molti in rete, qui dovete un po faticare’, e’ il prezzo della conoscenza e la liberta’, spero tutto possa un giorno esservi di aiuto, perche’ molte scelte fondamentali, in un prossimo futuro, hanno attinenza tutto cio’ che avrete modo di conoscere attraverso questo articolo.

Benche scritto nei primi anni 2000, e’ sempre attuale, abbiate la pazienza e la volonta’ di arrivare fino alla fine.

Non abbiate paura, nella vita non ci sono Problemi, ma Solo soluzioni

Toba60

Le notizie e l’intrattenimento che consumiamo e quindi i nostri pensieri e opinioni, sono modellati non solo dai media e dalle società di intrattenimento, ma dai governi, dalle loro agenzie e dal complesso militare-industriale.

Controllo delle Informazioni

Non sarebbe impossibile dimostrare con sufficiente ripetizione e una comprensione psicologica delle persone interessate che un quadrato è in realtà un cerchio. Sono semplici parole e le parole possono essere modellate fino a quando non vestono le idee sotto mentite spoglie.
OseJoseph Goebbels

Gli Stati Uniti sono il paese più saturo di media al mondo. Ogni giorno siamo bombardati da migliaia e migliaia di immagini e suoni progettati per attirare la nostra attenzione, intrattenere e informarci di tutto, dalle scarpe al cibo, alle celebrità, all’ideologia politica. È stato stimato che l’americano medio è esposto a più di 3000 annunci ogni giorno, ma per di più ci sono i programmi di notizie, le sit-com, i film, la radio e altre forme di media che scegliamo di consumare. Tutto questo funziona per modellare le nostre opinioni sul mondo e una grande quantità di tempo, sforzi e denaro viene speso per guidare le nostre opinioni su strade particolari. Questa era chiamata “propaganda”.

Oggi, con la connotazione negativa di stile nazista che deriva da quella parola, eufemismi come disinformazione, disinformazione, consulenza d’immagine, consulenza politica, consulenza di notizie, pubblicità, infomercials, pubbliche relazioni, controllo dei danni e l’arte della rotazione posto nel lessico inglese, quasi celando la sua vera natura e onnipresenza. E onnipresente, lo è. Le industrie che si occupano di controllo delle informazioni ľ in entrambi i settori commerciale e governativoŚ lavorano ogni anno con centinaia di milioni di dollari, per Schoolhouse Rock aveva ragione quando diceva: “La conoscenza è potere!” C’è da meravigliarsi che le nostre scuole soffrano così tanto mentre i CEO aziendali e i membri del nostro governo si assegnano continuamente aumenti? Le masse disinformate e ignoranti sono molto più facili da manipolare per le masse pensate e istruite.

Chi ha le informazioni? Come viene distribuito? Come viene contestualizzato?


Le corporazioni e il governo degli Stati Uniti hanno trascorso molti decenni e centinaia di miliardi di dollari alla ricerca del modo migliore per influenzare il popolo americano. Molte di queste informazioni sono tenute segrete al pubblico (nel caso della ricerca aziendale, sono di proprietà privata) e ciò che è noto è venuto dal lavoro più recente svolto da studiosi di tutto il mondo ľ lavoro che è drammaticamente sottofinanziato da confronto. Pertanto, le informazioni disponibili per il cittadino medio ľ compresi i suddetti studiosi accademici ľ sono radicalmente inferiori a quelle disponibili per i produttori di media o campagne di informazione (agenzie pubblicitarie, società di pubbliche relazioni, consulenti politici, ecc.). Tuttavia, un fatto importante che è noto è che il cervello umano elabora mezzi diversi in modi diversi. Le parole scritte e pronunciate vengono sottoposte a un tipo di processo di decodifica in cui il cervello decifra le parole e la struttura della frase per interpretare correttamente ciò che sta leggendo / ascoltando. In questo processo, sia la mente conscia che quella inconscia attraversano un dibattito interno confrontando ciò che la sua interpretazione con ciò che già sa essere vero. Con l’immagine, tuttavia, il cervello la elabora istantaneamente come verità, il che significa che le informazioni presentate in un formato visivo hanno un impatto molto maggiore sull’inconscio. Per lunghi periodi di tempo, le immagini ricorrenti hanno un effetto accumulato sullo spettatore che consente alle nozioni di verità concepite inconsciamente di manifestarsi come se dal nulla (tienilo a mente mentre leggi # 69). Naturalmente, quindi, chiunque abbia il controllo sui mezzi di comunicazione ha un’enorme quantità di potere sulle popolazioni che la consumano.

NOTA : In nessun modo ciò ha lo scopo di convincere i lettori di una particolare teoria della cospirazione, ma piuttosto di presentare una raccolta di fatti – tutti facilmente disponibili per l’americano medio – e consentire ai lettori di trarre le proprie conclusioni.

Parte I: Intenti, capacità, pratiche e origini dei media

Chiunque abbia il potere di farti credere che le assurdità abbiano il potere di farti commettere ingiustizie.
– Voltaire

1.) La radio, il computer e Internet sono tutti prodotti dell’esercito. La radio fu inventata da Guglielmo Marconi a metà del 1890 e la sua prima vendita fu al British War Office nel 1896 durante la guerra boera. Tre anni dopo, fece vendite alla Marina degli Stati Uniti. Durante la prima guerra mondiale, gli Stati Uniti hanno posto sotto il controllo della Marina tutte le apparecchiature radio commerciali, amatoriali e militari (ad eccezione dell’esercito), un monopolio perseguito immediatamente dopo la guerra. Marconi, a proposito, era un convinto sostenitore del neofascismo che dominava l’Italia a partire dagli anni ’20 e Benito Mussolini era l’uomo migliore al matrimonio di Marconi del 1927. Il primo computer elettronico operativo, Colosso, fu costruito come parte del progetto ULTRA per il Dipartimento di Comunicazione britannico presso il Ministero degli Esteri per aiutare nella decodifica delle trasmissioni naziste intercettate. Il primo computer digitale elettronico, ENIAC (Electronic Numerical Integrator and Computer) è nato da una relazione tra la Moore School of Electrical Engineering dell’Università della Pennsylvania e il Ballistics Research Lab gestito dal Dipartimento di Ordinanza dell’Esercito presso l’Aberdeen Proving Ground di Aberdeen, Maryland. È stato “progettato espressamente per la soluzione di problemi balistici e per la stampa di tavoli gamma”. Il nonno di Internet è l’ARPAnet, nato nel 1969. L’Amministrazione per i progetti di ricerca dell’Agenzia della Difesa (DARPA) del Dipartimento della Difesa desiderava creare un’infrastruttura di comunicazione per le forze armate statunitensi che potesse sopravvivere a un attacco nucleare. “Molti dei migliori attributi di Internet ľ compresa la sua architettura, tecnologia e gestalt ľ sono i figli di questo prototipo militare” (Sussman, 1997, pp. 87, 89 e 90; Slater, 1987, pp. 16-17 ; Stern, 1981, pagg. 1 e 15; Reid, 1997, p. Xx).

2.) All’inizio della prima guerra mondiale in Europa, il presidente Woodrow Wilson (1913-1921) dovette escogitare un modo per convincere il pubblico americano principalmente pacifista (ancora in balia degli effetti della guerra civile) a voler inviare i loro ragazzi migliaia di miglia di distanza per combattere una guerra che non li coinvolgeva. Il presidente Wilson inventò il Comitato per le informazioni pubbliche, noto anche come Commissione Creel. Composto da vignettisti, scrittori, editori, editori e altri la cui professione era quella di trasmettere informazioni alle masse (tra cui Edward Bernays, il padre dell’industria delle pubbliche relazioni, e Walter Lippmann, decano dei giornalisti americani, un’importante politica estera e interna critico e importante teorico della democrazia liberale), furono in un anno in grado di trasformare il popolo americano in una fervida popolazione anti-tedesca. Questo risultato estremamente positivo ha attirato l’attenzione di due gruppi in particolare. Una era la comunità intellettuale che vide queste nuove tecniche di propaganda ľ e all’epoca era apertamente chiamata propaganda in quanto non vi era alcuna connotazione negativa con quella parola fino a quando i nazisti non usarono molte delle stesse tecniche nelle loro conquiste militaristiche trenta anni dopo ľ come un mezzo generale attraverso il quale poter controllare regolarmente la popolazione. L’altro erano i dirigenti d’azienda, che videro una nuova finestra per aumentare le loro vendite trasformando il popolo americano in una popolazione di consumatori. Ciò che alla fine è stato appreso da tutto ciò è che, per convincere adeguatamente una popolazione a fare qualcosa, sia per andare in guerra che per comprare un hamburger, bisognava fare appello a loro su livelli di cui sono incoscienti (Chomsky, 1991, pagg. 7-10 e 17-18; Chomsky e Barsamian, 2000, pp. 151-152; Boihem ed Emmanouilides, 1996).

3.) Walter Lippmann “sosteneva che quella che chiamava una” rivoluzione nell’arte della democrazia “poteva essere usata per” produrre consenso “, cioè per raggiungere un accordo da parte del pubblico per cose che non avevano voluto dalle nuove tecniche di propaganda. Pensava anche che questa fosse una buona idea, in effetti, necessaria. Era necessaria perché, come diceva lui, “gli interessi comuni eludono completamente l’opinione pubblica” e possono essere compresi e gestiti solo da una “classe specializzata” di “uomini responsabili” che sono abbastanza intelligenti da capire le cose. Questa teoria afferma che solo una piccola élite … può capire gli interessi comuni, ciò a cui tutti noi teniamo e che queste cose “sfuggono al grande pubblico”. Questa è una visione che risale a centinaia di anni “(Chomsky, pp. 10-11).

4.) La televisione tedesca all’inizio degli anni ’30 era stata concepita principalmente come uno strumento di propaganda piuttosto che un mezzo di intrattenimento. “Un numero limitato di cinema era equipaggiato con ricevitori di proiettori a 180 linee in modo che la propaganda del partito nazista potesse essere diffusa facilmente e la televisione del cinema fu usata durante la guerra per l’intrattenimento delle truppe” (Hugill, 1999, p. 197).

5.) È stato notato che “la violenza è per una dittatura, ciò che la propaganda è per una democrazia” e i nazisti hanno usato entrambi. Joseph Goebbels, nominato ministro del Reich per l’Illuminismo pubblico e la propaganda il 14 marzo 1933, unì la stampa, la radio, il cinema, il teatro e la propaganda in un’unica organizzazione su larga scala e considerò i media come “un pianoforte … nelle mani del governo “su cui il governo potrebbe giocare. Sebbene la monotonia possa insorgere se tutti i mezzi riportassero le stesse informazioni, ha sviluppato una teoria secondo cui i media dovrebbero essere “uniformi nei principi” ma “poliforme nelle sfumature”. Questo è un concetto che è stato trasferito ai nostri media oggi. Sebbene disponiamo di una quantità enorme di riviste e giornali a nostra disposizione, la maggior parte di essi sono “punti vendita altamente centralizzati che offrono una tariffa notevolmente omogeneizzata. I servizi di informazione per quotidiani di tutta la nazione sono forniti dall’Associated Press … The New York Times e [il] I servizi di filo di Los Angeles Times-Washington Post e diversi servizi di filo stranieri come Reuters. Il punto di vista ideologico di questi canali di notizie è praticamente lo stesso, “contrassegnato da una standardizzazione prefabbricata di notizie che è restrittiva e spaventosa” “(Neale, Murphy , Mansky, Wintonick e Achbar, 1992; Reuth, 1993, p. 174; Parenti, 1986, pagg. 30-31).

6.) La paura è un potente mezzo per stabilire il controllo sociale su una popolazione e gli effetti negativi dei media sui suoi consumatori stanno facendo proprio questo, poiché è stato ampiamente affermato per decenni che gli spettatori regolari di film violenti e / o programmi televisivi guardano spesso il mondo è molto più spaventoso, pericoloso e violento di quelli che vedono gli stessi media in quantità molto meno o per niente. Lo stesso, a proposito, è vero anche per gli spettatori regolari delle notizie serali. Inoltre, “lo psichiatra Robert Coles scrive che i bambini in alcune parti dell’America sono più spaventati [sul mondo] rispetto ai bambini in Libano o nell’Irlanda del Nord;” questo potrebbe benissimo avere a che fare con il fatto che alcuni dei programmi più violenti in televisione sono cartoni animati rivolti a bambini molto piccoli. Le potenziali conseguenze di ciò sono sconcertanti. Una generazione cresciuta per temere che il mondo possa essere disposta a fare cose malsane per proteggersi da cose che non ci sono, come la prontezza a sacrificare le loro libertà civili fondamentali per un falso senso di sicurezza (Jhally & Dinozzi, 1994 ; Pipher, 1994).

7.) Coloro che hanno sostenuto la pratica della lista nera a Hollywood lo hanno fatto sulla base del fatto che “l’infiltrazione comunista e filo-comunista nelle industrie dell’intrattenimento rappresentava un grave pericolo per il sistema di diritto e governo americano, e quindi per le libertà che esso sancisce. ” Ciò implica chiaramente che sia il governo che gli addetti ai lavori di Hollywood consideravano l’industria dell’intrattenimento un potente mezzo per comunicare efficacemente il pensiero politico (Cogley, 1956, p. Viii).

8.) Il 24 ottobre 1947, Walt Disney testimoniò davanti al Comitato delle attività non americane della Camera che i film potevano essere usati con successo come strumento di propaganda e ammise che i suoi studi avevano già fatto diversi affari su argomenti come il Dipartimento del Tesoro, l’uso di potenza aerea e Hitler (Vaughn, 1972, p. 84).

9.) All’inizio degli anni ’50, Radio Free Europe (RFE) e Radio Liberty (che alla fine si unirono) furono organizzati dalla CIA come nient’altro che sbocchi di propaganda. Guidato dal generale Rodney C. Smith dell’esercito degli Stati Uniti, il suo intento era quello di trasmettere nell’Unione Sovietica e nell’Europa dell’Est “per mantenere viva la speranza tra i nostri amici … confondere, dividere e minare i nostri nemici …” e “” incoraggiare rivolte contro i loro governi. ” Bing Crosby, Henry Fonda, Ronald Reagan, Rock Hudson e Barbara Stanwyck hanno tutti realizzato film di propaganda o trasmissioni radiofoniche a sostegno di RFE. Anche questo uso della radio a fini di propaganda sta avvenendo anche oggi (vedi 38). L’8 novembre 2001, il Wall Street Journal ha menzionato il fatto che il gruppo Army’s Fourth Psychological Operations (PSYOPS) (vedi 108) ha progettato volantini e trasmissioni radiofoniche all’interno dell’Afghanistan “per convincere i combattenti nemici a smettere e per convincere i civili che le bombe statunitensi piovono sulle loro si tradurrà in un futuro migliore per le loro famiglie “e un funzionario del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti ha dichiarato al New York Times di voler stabilire una stazione radio in Iraq o in Iran per” trasmettere programmi a molte case in Iraq. Il contenuto sarà sostenere la democrazia e la libertà, identificare gli agenti del regime e mobilitare il sostegno generale per sbarazzarsi di Saddam “(Nelson, 1997, pp. 48-49, 52 e 144; Sussman, p. 169; Miller & Rampton, 2001; “Talk Radio”, 2002).

10.) Negli anni ’50, ABC, CBS e NBC offrirono a Joseph McCarthy ore di tempo libero in televisione e alla radio. Certo, accettò (Bayley, 1981, p. 185).

11.) Nel suo libro The No Spin Zone, l’host di destra di The O’Reilly Factor del canale FoxNews ha scritto: “Se eri un bambino alla fine degli anni ’50, ci sono buone probabilità che il tuo pensiero sia stato modellato da due programmi televisivi, The Mickey Mouse Club e Howdy Doody. Se mi avessi chiesto allora cosa ne pensassi di questi spettacoli, li avrei derisi. Piccolo ragazzo saggio che ero, sorrisi sorridendo alla vista di un gruppo di bambini con grandi orecchie da roditore e sorridendo nelle mappe stradali delle rughe. Che, se c’è da dire, era la banda di Topolino, i Mouseketeers. Per quanto riguarda lo spettacolo di marionette hokey, ero abbastanza infastidito da parlare alla TV in bianco e nero. “Ehi, ragazzi, che ore sono? urlò un tizio di nome Buffalo Bob. Un pubblico di studio pieno di bambini urlò di rimando: “Howdy Doody time!” Questo mi ha procurato un tale mal di testa, non posso dirtelo. E la mia risposta alla linea del tempo di Buffalo Bob è stata: “È ora che te ne vada, uomo di pelle di daino”, o parole in tal senso. L’intera cosa ha affascinato mia sorella ma ha messo di cattivo umore. Posso ancora sentire Sis cantare, “MIC ľ ci vediamo presto ľ KEY ľ perché? Perché ci piaci!” Ero indignato! Tuttavia, noterai che più di quarant’anni dopo aver ascoltato per la prima volta queste righe, le ricordo ancora. Questo è il potere del tubo “(O’Reilly, 2001, pp. 25-26).

12.) All’inizio degli anni ’80, l’esercito americano chiese ad Atari di creare una versione speciale del gioco Battle Zone come strumento di addestramento per i conducenti del Bradley Fighting Vehicle. Da allora, “talento e prodotto sono fluiti tra i due [i produttori militari e di videogiochi statunitensi], creando una relazione simbiotica” in quello che è stato coniato il complesso militare-Nintendo. Per esempio:
AJW “Wild Bill” Stealy, il presidente di Interactive Magic, una società di software della Carolina del Nord, è diplomato all’Air Force Academy e ufficiale in pensione dell’Air Force. La sua compagnia produsse Carrier Strike Fighter, un simulatore di volo e di combattimento dell’iF / A-18E, un jet da combattimento che non era ancora stato messo in funzione.
B. MAK Technologies ha vinto un contratto del Dipartimento della Difesa del 1997 per creare Marine Exed Unit 2000, un gioco d’assalto anfibio destinato sia al mercato militare che a quello commerciale.
C. Ogni anno, il governo degli Stati Uniti ospita la Conferenza sui collegamenti, che ha lo scopo di unire i membri del Dipartimento della Difesa e i produttori di videogiochi. “I partecipanti includono il personale della Defense Intelligence Agency e società di giochi come GT Interactiveů Gli ordini del giorno della conferenza hanno incluso argomenti come” Wargaming Design Fundamentals “e” Department of Defence Wargaming 101 “(Naisbitt, Naisbitt e Philips, 1999, pagg. 77-79 ).

13.) È molto difficile per un essere umano uccidere un membro della propria specie; devono essere manipolati per farlo. Durante la seconda guerra mondiale, è stato stimato che, quando lasciato a se stesso, solo il 15-20% dei singoli fucilieri sparerebbe con l’arma contro un bersaglio nemico esposto. Questo è stato incolpato principalmente dell’addestramento che hanno ricevuto durante il quale si sarebbero esercitati a sparare a colpo d’occhio. Naturalmente, gli occhi di bue non compaiono sul campo di battaglia e dopo la guerra, i militari sono passati a bersagli a forma umana. Durante la guerra del Vietnam, il 95% dei fucilieri ha sparato con le loro armi quando si è presentata l’occasione giusta. Oggi, il Corpo dei Marines utilizza una versione modificata del gioco d’azione in prima persona Doom (noto come Marine Doom) come dispositivo di addestramento, insieme ai tradizionali bersagli della gamma di munizioni dal vivo come mezzo per normalizzare l’uccisione tra il loro personale. In effetti, questo ha avuto un tale successo, il Comando di combattimento e sviluppo del Corpo dei Marines di Quantico, in Virginia, ha valutato più di trenta giochi elettronici disponibili in commercio per il loro potenziale utilizzo come strumenti di addestramento. Questo solleva una domanda molto inquietante. Se l’esercito degli Stati Uniti ha riconosciuto per decenni il successo dell’uso di obiettivi simili a quelli umani per normalizzare l’uccisione, qual è, quindi, l’effetto di giochi uguali o simili sui bambini, dove l’obiettivo è l’uccisione quasi indiscriminata di “il nemico” usando pistole giocattolo? Con questo in mente, l’ascesa delle sparatorie a scuola non dovrebbe sorprendere (Jhally & Huntemann, 2000; Naisbitt, et al., P. 76-77).

14.) “Mentre gli Stati Uniti si preparavano nel 1976 per celebrare il bicentenario della Dichiarazione di Indipendenza, un gruppo di intellettuali e leader politici provenienti da Giappone, Stati Uniti ed Europa occidentale, organizzati in” La Commissione Trilaterale “, pubblicò un rapporto Era intitolato “La governabilità delle democrazie”. Samuel Huntington, professore di scienze politiche all’Università di Harvard e consulente di lunga data alla Casa Bianca sulla guerra in Vietnam, scrisse la parte del rapporto che trattava degli Stati Uniti, definendolo “il cimurro democratico” e identificando il problema che stava per discutere: “Gli anni ’60 furono testimoni di un’impennata democratica del fervore democratico in America”. Negli anni sessanta, scrisse Huntington, vi fu un’enorme crescita della partecipazione dei cittadini “sotto forma di marce, manifestazioni, movimenti di protesta e organizzazioni di causa”. C’erano anche “livelli di autocoscienza nettamente più elevati da parte di neri, indiani, chicanos, gruppi etnici bianchi, studenti e donne, tutti mobilitati e organizzati in nuovi modi …” Vi fu una “marcata espansione dei colletti bianchi sindacalismo “e tutto ciò si è aggiunto a” una riaffermazione dell’uguaglianza come obiettivo nella vita sociale, economica e politica “. Huntington indicò i segni di una riduzione dell’autorità governativa: le grandi richieste negli anni sessanta per l’uguaglianza avevano trasformato il bilancio federale: nel 1960 la spesa per gli affari esteri rappresentava il 53,7 per cento del bilancio e la spesa sociale per il 22,3 per cento. Nel 1974 gli affari esteri prendevano il 33 per cento e la spesa sociale del 31 percento. Ciò sembrava riflettere un cambiamento dell’umore pubblico: nel 1960 solo il 18 percento del pubblico dichiarò che il governo stava spendendo troppo in difesa, ma nel 1969 questo salì al 52 percento. Huntington era turbato da ciò che vide :

‘L’essenza dell’impennata democratica degli anni ’60 rappresentava una sfida generale per i sistemi di autorità esistenti, pubblici e privati. In una forma o nell’altra, questa sfida si manifestava nella famiglia, nell’università, negli affari, nelle associazioni pubbliche e private, nella politica, nella burocrazia governativa e nei servizi militari. Le persone non sentivano più lo stesso obbligo di obbedire a coloro che in precedenza avevano considerato superiori a se stessi per età, grado, status, competenza, carattere o talenti. ”
Tutto ciò, ha detto, “ha prodotto problemi per la governabilità della democrazia negli anni ’70 …” In tutto ciò è stato fondamentale il declino dell’autorità del Presidente. E:

“Nella misura in cui gli Stati Uniti erano governati da chiunque durante i decenni successivi alla seconda guerra mondiale, era governato dal Presidente che agiva con il sostegno e la cooperazione di individui e gruppi chiave nell’ufficio esecutivo, nella burocrazia federale, nel Congresso e nel più importanti aziende, banche, studi legali, fondazioni e media, che costituiscono lo stabilimento del settore privato “.

Questa è stata probabilmente la dichiarazione più schietta mai fatta da un consulente di stabilimento. Huntington ha inoltre affermato che il presidente, per vincere le elezioni, aveva bisogno del sostegno di un’ampia coalizione di persone. Tuttavia: “il giorno dopo la sua elezione, la dimensione della sua maggioranza è quasi ľ se non del tutto ľ irrilevante per la sua capacità di governare il paese. Ciò che conta quindi è la sua capacità di mobilitare il sostegno dei leader delle istituzioni chiave in una società e in un governo … Questa coalizione deve includere le persone chiave del Congresso, il ramo esecutivo e lo stabilimento del settore privato “” (Zinn, 1999, pagg. 558 -560).

15.) In prima linea nel pensiero della Casa Bianca c’è il comando e la direzione globali dell’economia mondiale attraverso il controllo delle informazioni. Mentre la seconda guerra mondiale era ancora in corso “, la leadership americana ha riconosciuto la centralità del controllo delle informazioni per ottenere un vantaggio mondiale. Ben prima che la maggior parte del mondo potesse fare molto al riguardo, i gruppi statunitensi, privati ​​e governativi, stavano promuovendo attivamente l’informazione e il primato culturale su tutti continenti “. I film e i programmi televisivi statunitensi sono “la tariffa principale dei sistemi nazionali nella maggior parte dei paesi. I programmi di notizie, in particolare la CNN, offrono al pubblico mondiale prospettive statunitensi, a volte l’unica prospettiva fornita. La musica, i parchi a tema e la pubblicità registrati negli Stati Uniti ora cospirano parte dell’ambiente culturale mondiale “. I consulenti di notizie, una parte importante dei programmi di notizie statunitensi, hanno diffuso il loro particolare marchio di struttura dei programmi nelle stazioni televisive di tutto il mondo, risultando in uno stile più americanizzato (segmenti di notizie più brevi, una de-enfasi su governo e politica, meno teste parlanti , più materiale visivo, storie “calde e sfocate”, ecc.) e più contenuti americani. “Non meno notevole è l’adozione ad hoc dell’inglese come seconda lingua del mondo, facilitata dalle ondate della cultura pop americana che hanno attraversato tutte le frontiere per quarant’anni. E una volta stabilita la preminenza dell’inglese, idee anglo-americane, valori e prodotti culturali in genere sono stati accolti con familiarità ed entusiasmo. Tutto ciò è ben noto e ampiamente documentato, sebbene i media nazionali e gli istituti politici siano timidi nel riconoscere il loro dominio culturale di fatto su ciò che a loro piace chiamare “il globale” mercato.’ Ciò che è di particolare interesse qui, tuttavia, è l’abile combinazione della strumentazione dell’informazione con il principio filosofico op un mix che alimenta la spinta verso un potere culturale concentrato: non sono le leggi del caso ma la pianificazione strategica, raramente identificata come tale, alla base di questo sviluppo. è riuscito ben oltre le aspettative iniziali dei suoi formulatori “(Schiller, 1995, pagg. 18-19; Allen, 2000, pagg. 87 e 89-99).

16.) Uno dei tanti sottoprodotti della consulenza giornalistica nel settore delle notizie è stato il tempo ridotto impiegato dai programmi di notizie su singole storie. Questa enfasi sulla concisione è una forma di censura molto sottile, ma molto reale in quanto si possono dire solo verità accettate. Ad esempio, se Dan Rather, Tom Brokaw o Diane Sawyer affermano che Saddam Hussein o Osama bin Laden sono dei cattivi ragazzi, il pubblico che guarda è d’accordo silenziosamente; non sono necessarie prove a sostegno di tali affermazioni. Tuttavia, se viene detto qualcosa fuori dall’ordinario, qualcosa che contraddice la comprensione comune, allora il pubblico vuole giustamente saperne di più: “Perché l’hai detto? Non l’ho mai sentito prima. Come puoi sostenere una simile affermazione? ” Tale prova non può essere presentata nei 30 secondi assegnati all’argomento. Quindi, quando i dissidenti del mainstream appaiono su tali programmi, spesso appaiono come radicali, perché non hanno il tempo necessario per stabilire adeguatamente le loro affermazioni (Allen, p. 87; Neale, et al).

17.) “Strappato dai titoli!” Sebbene milioni di americani guardino le notizie della sera, ancor più guardano la programmazione di intrattenimento che la circonda; e quelli che guardano le notizie ottengono solo un paio di bocconi in sostituzione di qualsiasi conoscenza reale o comprensione contestuale degli eventi descritti. Tuttavia, i programmi dedicati alla presentazione di resoconti fittizi di eventi reali offrono molto di più. Per quegli spettatori, la realtà è contaminata da un offuscamento di realtà e finzione. In generale, questa non è una novità; Hollywood ha sfogliato storie dai titoli per decenni e la televisione ha sicuramente seguito l’esempio, da tre diverse interpretazioni della storia di Amy Fisher / Joey Buttofucco (una su ogni grande rete), a quattro diverse versioni dell’adolescente, Kentucky, succhiasangue, thrill-kill, culto dei vampiri (ABC, CBS, NBC e Fox), tuttavia, non è mai stato un programma così flagrante da incorporare questa pratica nel suo hype come Law & Order della NBC (vedi 92), che attualmente ha quattro varianti sul tema in produzione simultaneamente (tutti creati e prodotti esecutivamente da Dick Wolf): Law & Order (L&O), Law & Order: Special Victims Unit (SVU), Law & Order: Criminal Intent (CI) e Crime & Punizione (C&P). In sostanza, ciò che fanno questi programmi ľ ad eccezione di C&P ľ è prendere vere storie di crimine dalle notizie, immaginarle quanto basta per evitare azioni legali (molti scrittori dei programmi sono avvocati) e trasmetterle come intrattenimento (nonostante i loro sforzi , Carolyn Condit wife la moglie di Gary Condit ľ ha citato in giudizio NBC e i produttori di L&O per la loro rappresentazione di “lei” mentre appariva nel loro racconto fittizio del caso Chandra Levy). Secondo Rene Balcer, produttore esecutivo di CI, “Le persone vedono il titolo, vedono di cosa si tratta la storia, e c’è già un insieme incorporato di aspettative da parte del pubblico che quando scriviamo le storie su cui possiamo giocare e giocare contro.” Se questo è vero, allora non potrebbe essere vero anche il contrario? La programmazione fittizia non potrebbe creare una serie di aspettative su ciò che il caso reale è / era? Ciò che spinge ulteriormente la sfocatura è la quarta serie, C&P, che utilizza la stessa musica a tema di L&O e va in onda immediatamente dopo CI. Con questo spettacolo, le telecamere seguono la vita dei pubblici ministeri ľ dentro e fuori dal tribunale ľ mentre si preparano e processano un caso. Dopo aver modificato settimane di riprese per adattarsi al resto di quarantacinque minuti ľ dopo pubblicità ľ di una fascia oraria di sessanta minuti, quello che lo spettatore alla fine ottiene è una versione altamente sterilizzata della realtà: i pubblici ministeri non perdono mai e raramente commettono errori, l’imputato è sempre il male incarnato, ecc. In che modo questi programmi stanno alterando le visioni del mondo del pubblico americano sotto le spoglie della pseudo-realtà? Penso che questa sia una domanda che vale la pena porre (Boychuk, 1996; Levin, 2002).

18.) In media, gli individui delle nazioni industrializzate trascorrono tre ore al giorno a guardare la televisione, circa la metà del loro tempo libero; solo al lavoro e al sonno è dedicato più tempo. Di questo passo, qualcuno che ha settantacinque anni passerebbe più di nove anni a guardare la TV. Perché guardiamo così tanto? Negli studi, i soggetti hanno affermato che la televisione era un mezzo di rilassamento, a cui le letture dell’elettroencefalografo (EEG) hanno confermato tramite onde cerebrali, resistenza della pelle e frequenza cardiaca dei soggetti mentre si guarda la televisione. Tuttavia, anche se il rilassamento è associato alla TV da parte degli spettatori, la ricerca ha anche dimostrato che anche la passività e un livello di vigilanza ridotto sono correlati. Inoltre, una volta spento il televisore, il senso di rilassamento si dissipa piuttosto rapidamente, ma la passività e la vigilanza ridotta rimangono per un tempo considerevole. “Nei momenti in cui si è seduti o sdraiati e si preme il pulsante” power “, gli spettatori segnalano di sentirsi più rilassati. Poiché il rilassamento si verifica rapidamente, le persone sono condizionate ad associare la visione al riposo e alla mancanza di tensione. L’associazione è rinforzata positivamente perché gli spettatori rimangono rilassati durante la visione, ed è negativamente rinforzato dallo stress e dalla ruminazione disforica che si verificano quando lo schermo si oscura di nuovo. I farmaci che formano l’abitudine funzionano in modo simile. Un tranquillante che lascia rapidamente il corpo ha molte più probabilità di causare dipendenza rispetto a uno che lascia il corpo lentamente, proprio perché l’utente è più consapevole che gli effetti del farmaco stanno svanendo “. Come una droga, l’uso pesante della televisione ha effetti negativi a lungo termine. Generalmente, gli spettatori pesanti sono più facilmente annoiati, più facilmente distratti, hanno un controllo dell’attenzione più scarso, hanno meno probabilità di partecipare ad attività o sport della comunità e hanno maggiori probabilità di essere obesi; sono più ansiosi e meno felici degli spettatori di luce in situazioni non strutturate, come non fare nulla, sognare ad occhi aperti o aspettare in fila. “La differenza si allarga ancora di più quando lo spettatore è solo.” Parte dell’attrazione umana per la televisione ha a che fare con la nostra risposta all’orientamento biologico. “Descritto per la prima volta da Ivan Pavlov nel 1927, la risposta orientativa è la nostra istintiva reazione visiva o uditiva a qualsiasi stimolo improvviso o nuovo. Fa parte del nostro patrimonio evolutivo, una sensibilità incorporata al movimento e potenziali minacce predatorie. Le reazioni orientative tipiche includono dilatazione dei vasi sanguigni nel cervello, rallentamento del cuore e costrizione dei vasi sanguigni ai principali gruppi muscolari.Il cervello concentra la sua attenzione sulla raccolta di maggiori informazioni mentre il resto del corpo si calma … Nel 1986 Byron Reeves dell’Università di Stanford, Esther Thorson of the University of Missouri and their colleagues began to study whether the simple formal features of television ľ cuts, edits, zooms, pans, sudden noises ľ activate the orienting response, thereby keeping attention on the screen. By watching how brain waves were affected by formal features, the researchers concluded that these stylistic tricks can indeed trigger involuntary responses and ‘derive their attentional value attraverso il significato evolutivo di rilevare il movimento … È la forma, non il contenuto, della televisione che è unica ‘… Il team di ricerca di Annie Lang all’Università dell’Indiana ha dimostrato che la frequenza cardiaca diminuisce per 4-6 secondi dopo uno stimolo orientativo. Nelle pubblicità, nelle sequenze d’azione e nei video musicali, le caratteristiche formali spesso arrivano al ritmo di una al secondo, attivando così continuamente la risposta orientativa. “Forse è il momento che prestiamo attenzione alla saggezza di Umberto Eco che una volta scrisse:” Una civiltà democratica si salverà da sola solo se trasforma il linguaggio dell’immagine in uno stimolo alla riflessione critica, non in un invito all’ipnosi “(Kubey & Csikszentmihalyi, 2002; Boihem & Emmanouilides).

19.) Un argomento standard addotto dai dirigenti dei media è che la trasmissione televisiva è offerta gratuitamente allo spettatore. “Tuttavia, supporre quindi che la TV sia gratuita presuppone anche che il tempo degli spettatori non sia prezioso, perché gli spettatori pagano per la TV con il loro tempo. Per ogni quarantacinque minuti di programma, dobbiamo tollerare [circa] quindici minuti di spot pubblicitari [Lo studioso dei media Sut] Jhallyůeven si spinge fino a sostenere che uno spettatore televisivo è un tipo di “lavoratore” nell’economia politica della televisione. Il “lavoro” degli spettatori guarda gli spot in cambio di un “salario” costituito da intrattenimento e informazione programmazione.” Con tale deregolamentazione stabilita a metà degli anni ’80 che consentiva un maggiore contenuto pubblicitario all’ora (un risultato del quale fu la creazione dell’infomercial),questa metafora dello spettatore come lavoratore implica che la televisione richiede un aumento della produttività con un conseguente taglio della retribuzione (McAllister, 2000, pp. 112-113).

20.) Antonio Mendez, un membro in pensione dell’Ufficio dei servizi tecnici della CIA (OTS), ha scritto un articolo nel numero invernale 1999/2000 della rivista CIA Studies in Intelligence, in cui documenta il suo coinvolgimento nel salvataggio di sei americani intrappolati in Iran durante la crisi degli ostaggi del 1979-1981. Apparentemente, lui e altri agenti si sono presentati come una troupe cinematografica canadese alla ricerca di luoghi vicino a Teheran. Sebbene si comportino come canadesi, la creazione delle loro false identità è stata fatta con la completa collaborazione di Hollywood, incluso l’uso dei Columbia Studios per i loro “uffici di produzione” e, come parte del loro team di travestimenti, un truccatore premiato con lo pseudonimo di “Jerome Calloway”, recentemente insignito della medaglia al merito della CIA. Si pone quindi la domandaquanto fosse insolita questa collaborazione. Nel suo articolo di venti pagine, non una volta si fa menzione dell’unicità né della situazione né della cooperazione Hollywood / governo e, in effetti, menziona persino che il suo rapporto con “Jerome” all’epoca era già in costruzione da dieci anni . Non sorprende, quindi, che il presidente e CEO della Motion Picture Association of America dal 1966, Jack Valenti (vedi 22, 26 e 77), sia un ex insider della Casa Bianca. In effetti, un uomo come lui in una tale posizione di potere potrebbe essere stato necessario per garantire la cooperazione richiesta dalle agenzie governative ľ e ancora richiesta still da Hollywood. Dopo aver cercato la pagina web per Variety, il giornale di Hollywood, il nome Tony Mendez è diventato consulente tecnico del dramma della CBS sulla CIA, The Agency (vedi 24).Inizialmente doveva andare in onda il 14 settembre 2001, è stato ritardato di dieci giorni a causa dei riferimenti a Osama bin Laden e un episodio diverso è stato scelto per dare il via alla serie. Tuttavia, quell’episodio dovette essere sostituito, poiché si trattava di un attacco dell’Antrace a Washington DC. Invece, uno relativo a un tentativo di omicidio contro Fidel Castro fu trasmesso al suo posto (Mendez, 1999-2000; “Tony Mendez”, 2003; “Progetto : The Agency “, 2002).Progetto: The Agency “, 2002).Progetto: The Agency “, 2002).

21.) Dopo l’uscita di Top Gun (1986), la Marina degli Stati Uniti istituì cabine di reclutamento nei cinema in cui il film veniva proiettato per capitalizzare sul fervore filo-militare incapsulato nel film. Alcuni hanno ipotizzato che il film “cancella da solo [d] l’immagine dell’esercito post-vietnamita” (Campbell, 2001, 29 agosto; Rooney, 2002).

22.) Nell’agosto del 1999, l’esercito degli Stati Uniti firmò un accordo quinquennale di 45 milioni di dollari con l’Università della California del Sud, scelto per la sua vicinanza a Hollywood, perché i film della scuola, gli effetti speciali e altri esperti di tecnologia aiutassero con l’addestramento delle truppe, inclusi scenari di battaglia, combattimento in realtà virtuale e simulazioni su larga scala che creano impostazioni simili a Operation Desert Storm. Questa partnership è conosciuta come Institute for Creative Technologies (vedi). “Il mondo digitale, il mondo della realtà virtuale … farà parte dell’abbraccio di questa grande, nuova avventura cooperativa”, ha affermato Jack Valenti (vedere 20, 26 e 77). Tuttavia, secondo James Der Derian, professore di relazioni internazionali alla Brown University, “What we ‘testimoniare qui oggi non è forse solo l’annuncio di un nuovo tipo di centro tecnologico, ma la creazione di un complesso militare-industriale-multimediale-di intrattenimento “(” US Army “, 1999

23.) Il colonnello Kenneth “Crash” Konwin, capo dell’Ufficio modellistica e simulazione della difesa, e Larry Tuch, scrittore e designer con Paramount Digital Entertainment “hanno spiegato in dettaglio … come le loro organizzazioni hanno adattato la tecnologia multimediale di Hollywood e le abilità di narrazione cinematografica di successo per creare simulazioni realistiche che insegnano agli ufficiali militari come prendere decisioni migliori durante le crisi internazionali “. Questa è una collaborazione completamente separata dall’Institute for Creative Technologies (Brewin, 1999).

24.) Nell’ottobre del 1999, la CIA ha tenuto un sontuoso film di gala per In the Company of Spies, il primo thriller di spionaggio che abbia mai ricevuto il marchio di approvazione della CIA. Con Tom Berringer e Ron Silver, diretto da Tim Matheson (Otter di Animal House), scritto da Roger Towne che ha scritto la sceneggiatura di The Natural e prodotto da David Madden e Robert W. Cort (che è lui stesso un ex funzionario della CIA ), è stato realizzato direttamente per Showtime, una consociata di AOL Time Warner, la più grande società di media al mondo. “Mai prima d’ora la CIA ha abbracciato in modo così completo un film allowed ha persino permesso al [regista] di girare nel tentacolare quartier generale dell’agenzia Langley e ha fornito 60 impiegati fuori servizio come comparse”. Bill Harlow, direttore degli affari pubblici della CIA, ha dichiarato “alti funzionari della CIA hanno realizzato diversi anni fa che assistere registi e autori comprensivi era un modo in cui l’agenzia poteva essere più aperta e responsabile nei confronti del pubblico che pagava le tasse senza divulgare segreti operativi. Persino hanno convinto Chase Brandon, un veterano paramilitare ufficiale che è saltato fuori dagli aeroplani per la CIA in tutto il mondo, per assumere un lavoro nell’ufficio degli affari pubblici come collegamento dell’agenzia con Hollywood nel 1996. “Questo si è rivelato molto efficace” con sceneggiatori che hanno anche riscritto la storia per presentare un ritratto ottimista dell’agenzia. “Nel 2001, tre nuove serie televisive (The Agency [vedi 20], Alias ​​e 24) e sette film (tra cui Bad Company, The Bourne Identity e The Sum of All Fears) sono stati realizzati con l’approvazione della CIA (Loeb, 1999; Campbell, 2001, 6 settembre; Patterson, 2001).Persino hanno convinto Chase Brandon, un veterano paramilitare ufficiale che è saltato fuori dagli aeroplani per la CIA in tutto il mondo, per assumere un lavoro nell’ufficio degli affari pubblici come collegamento dell’agenzia con Hollywood nel 1996. “Questo si è rivelato molto efficace” con sceneggiatori che hanno anche riscritto la storia per presentare un ritratto ottimista dell’agenzia. “Nel 2001, tre nuove serie televisive (The Agency [vedi 20], Alias ​​e 24) e sette film (tra cui Bad Company, The Bourne Identity e The Sum of All Fears) sono stati realizzati con l’approvazione della CIA (Loeb, 1999; Campbell, 2001, 6 settembre; Patterson, 2001).Persino hanno convinto Chase Brandon, un veterano paramilitare ufficiale che è saltato fuori dagli aeroplani per la CIA in tutto il mondo, per assumere un lavoro nell’ufficio degli affari pubblici come collegamento dell’agenzia con Hollywood nel 1996. “Questo si è rivelato molto efficace” con sceneggiatori che hanno anche riscritto la storia per presentare un ritratto ottimista dell’agenzia. “Nel 2001, tre nuove serie televisive (The Agency [vedi 20], Alias ​​e 24) e sette film (tra cui Bad Company, The Bourne Identity e The Sum of All Fears) sono stati realizzati con l’approvazione della CIA (Loeb, 1999; Campbell, 2001, 6 settembre; Patterson, 2001).con sceneggiatori che hanno anche riscritto la storia per presentare un ritratto ottimista dell’agenzia. “Nel 2001, tre nuove serie televisive (The Agency [vedi 20], Alias ​​e 24) e sette film (tra cui Bad Company, The Bourne Identity e The Sum of All Fears) sono stati realizzati con l’approvazione della CIA (Loeb, 1999; Campbell, 2001, 6 settembre; Patterson, 2001).con sceneggiatori che hanno anche riscritto la storia per presentare un ritratto ottimista dell’agenzia. “Nel 2001, tre nuove serie televisive (The Agency [vedi 20], Alias ​​e 24) e sette film (tra cui Bad Company, The Bourne Identity e The Sum of All Fears) sono stati realizzati con l’approvazione della CIA (Loeb, 1999; Campbell, 2001, 6 settembre; Patterson, 2001).

25.) I cineasti di Hollywood e il Pentagono hanno una lunga storia di collaborazione. Il Pentagono vede l’industria cinematografica come una parte importante delle pubbliche relazioni; secondo un promemoria pubblicato di recente, “le rappresentazioni militari sono diventate più” commerciali “per noi” “, il che spiega l’entusiasmo dell’Aeronautica di far parte della serie di realtà CBS di breve durata del 2002, American Fighter Pilots, che ha seguito tre mentre si allenavano per pilotare F-15, fu prodotto da Tony Scott (direttore di Top Gun) e suo fratello Ridley Scott (direttore di Black Hawk Down). A causa dell’enorme spesa di attrezzature militari, ha senso per un cineasta ottenere una cooperazione militare. Però,ciò comporta spesso l’alterazione delle sceneggiature per adattarle ai bisogni e ai desideri del Pentagono (cioè il personale militare e del governo deve essere rappresentato in modo più positivo ed eroico, le ideologie americane vengono rinforzate e non criticate, ecc.). Per esempio:
A. In Goldeneye (1995), “la sceneggiatura originale aveva un ammiraglio della Marina degli Stati Uniti che tradiva segreti di stato, ma questo è stato cambiato per rendere il traditore un membro della marina francese”.
B. The Jackal (1997) “ha ricevuto aiuto dopo che ai marines era stato assegnato un ruolo migliore. Il maggiore Nancy LaLuntas aveva obiettato che i piloti di elicotteri non avevano” parte integrante dell’azione “sono effettivamente tassisti”. Una lettera del regista del film, Michael Caton-Jones, affermava: “Sono certo che possiamo affrontare i punti che hai sollevato … ed effettuare i cambiamenti appropriati nella sceneggiatura che hai richiesto.” “
C. La cooperazione era stata data alla produzione di Top Gun dopo che il personaggio interpretato da Kelly McGillis era stato cambiato da una persona arruolata a qualcuno al di fuori dell’esercito, poiché i rapporti tra ufficiali e personale arruolato sono contrari al Codice uniforme di giustizia militare.
D. Sebbene Hearts in Atlantis (2001) non avesse militari nella trama, i cineasti volevano usare terre appartenenti all’esercito. “Il Pentagono ha concordato e ha suggerito che il film potesse includere una ripresa di una cabina di reclutamento dell’esercito in una scena di carnevale”.
E. Nonostante abbia apportato modifiche ai personaggi nel Giorno dell’Indipendenza (1996), il Dipartimento della Difesa ha rifiutato l’aiuto perché “l’esercito appare impotente e / o inetto; tutti i progressi nel fermare gli alieni sono il risultato di azioni di civili”.
F. Altri film che hanno ricevuto assistenza dal Pentagono sono: Air Force One (1997), A Few Good Men (1992), Armageddon (1998), The Hunt for Red October (1990), Pearl Harbor (2001), Patriot Games (1992), Windtalkers (2002), Hamburger Hill (1987), The American President (1995), Behind Enemy Lines (2001), Apollo 13 (1995), Tomorrow Never Dies (1997) e A Time to Kill (1996) .
G. Alcuni film negati: Apocalypse Now (1979), Catch-22 (1970), Dr. Strangelove (1964), Full Metal Jacket (1987), The Last Detail (1973), Lone Star (1996), Mars Attacks ! (1996), Platoon (1986) e The Thin Red Line (1998) (Campbell, 2001, 29 agosto; Weiss, 2002).

26.) Nel novembre 2001, il principale stratega politico del presidente George W. Bush, Karl Rove, ha incontrato molti dirigenti dello spettacolo per discutere della guerra al terrorismo e dei modi in cui le star e i cineasti di Hollywood potrebbero collaborare con la strategia di comunicazione dell’amministrazione. È stato guidato da Rove e Jack Valenti (vedere 20, 22 e 77) e organizzato da Sherry Lansing di Paramount Pictures. Tra quelli rappresentati alla riunione c’erano CBS, Viacom, Showtime, Dreamworks, HBO e MGM. Secondo l’articolo della CNN su cui si basa questa sezione, “Valenti è un visitatore periodico alla Casa Bianca per briefing su importanti questioni e iniziative. È stato descritto come desideroso di organizzare [l’incontro]” (King, 2001).

27.) Per aiutare nella preparazione di possibili futuri attacchi terroristici, il Pentagono “ha lanciato una chiamata di maggio ai cineasti esperti nell’immaginare potenziali atti terroristici”, compresi gli scrittori Steven E. DeSouza (Die Hard) e David Engelbach (MacGyver della TV), e i registi Joseph Zito (Invasion USA), David Fincher (Fight Club), Spike Jonze (Being John Malkovich), Mary Lambert (The In Crowd) e Randal Kleiser (Grease). Gli è stato chiesto “di impegnarsi in un brainstorming apocalittico del tipo che ha prodotto atti di terrorismo cinematografico”. Il gruppo, parte dell’Istituto per le tecnologie creative, fu riunito dal generale di brigata Kenneth Bergquist (Roberts, 2002; Grossberg, 2001).

28.) Il 19 febbraio 2002, il New York Times riferì che l’ufficio di influenza strategica del Pentagono (OSI) stava “sviluppando piani per fornire notizie, forse anche false, a organizzazioni di media straniere nel tentativo di influenzare il sentimento pubblico e responsabili politici in paesi sia amichevoli che ostili “. L’OSI è stato creato subito dopo l’11 settembre “per pubblicizzare la prospettiva del governo degli Stati Uniti nei paesi islamici e generare sostegno per la” guerra al terrorismo “degli Stati Uniti. Quest’ultimo annuncio solleva gravi preoccupazioni che lungi dall’essere uno sforzo onesto per spiegare la politica americana, l’OSI potrebbe essere un programma profondamente antidemocratico dedicato alla diffusione della disinformazione e all’inganno del pubblico, sia in patria che all’estero … Il governo è vietato dalla legge dalla propaganda all’interno gli Stati Uniti, ma l’OSI ‘il nuovo piano condurrà probabilmente alla disinformazione impiantata in un servizio di notizie straniere che verrà raccolto dai media statunitensi “(” Media Advisory “, 2002).

29.) Usamah bin Mohammad bin Laden, noto al mondo come Osama bin Laden, ha una laurea in management ed economia conseguita presso l’Università King Abdul Aziz di Jedda, in Arabia Saudita. Con una tale educazione, non sorprende che abbia una solida comprensione degli scopi dei mass media, poiché è stato citato dicendo: “Il settore dei media … si sforza di abbellire le persone dei leader, di esplorare la comunità e di soddisfare le piani dei [ir] nemici mantenendo le persone occupate nelle questioni minori e suscitando emozioni e desideri fino a quando la corruzione non si diffonde “. Non penso che avrei potuto dirlo meglio, me stesso (“The New Powder Keg”, 1996).

30.) All’inizio del 2003, la ABC ha trasmesso una serie di realtà di breve durata intitolata Profili dalla prima linea. Esecutivo prodotto da Jerry Bruckheimer (Black Hawk Down) e Bertram van Munster (The Amazing Race), seguì vari membri delle forze armate mentre prendevano parte all’invasione dell’Afghanistan durante l’estate del 2002. Fu realizzato con la cooperazione completa con il Pentagono che ha insistito per proiettare la serie prima che fosse trasmessa, sebbene Bruckheimer insista sul fatto che non sono state apportate modifiche. “Vince Ogilvie, che era il responsabile del progetto del Pentagono per la serie, ha detto che le interazioni tra le troupe cinematografiche e il personale militare hanno fornito” un preludio al processo di incorporazione “di rappresentanti dei media nelle unità militari per la copertura della guerra”. A partire da febbraio 2003,Bruckheimer e van Munster avevano già assegnato due squadre per accompagnare le truppe in Iraq (Gillies, 2003; Young, 2003).

31.) In un recente viaggio a L’Avana, gli attori Danny Glover e Harry Belafonte hanno criticato la macchina corporativa di Hollywood e hanno affermato che i film di guerra e i film violenti che sono ora così diffusi sono “modellati dagli interessi del Pentagono e della Casa Bianca”. Questa non è la prima volta che Glover è critico nei confronti dell’amministrazione Bush o delle sue azioni. Nell’ottobre 2001, ha paragonato il Segretario di Stato Colin Powell a uno “schiavo domestico” (Burns, 2002).

Parte II: Media aziendali e controllo dei contenuti

La libertà di stampa è garantita solo a coloro che ne possiedono uno.
SA. J. Liebling

32.) Nel 1953, il famigerato senatore repubblicano del Wisconsin, Joseph McCarthy, stava molestando la Federal Communications Commission (FCC) “per l’attribuzione di licenze televisive nel Wisconsin, cercando di passare il canale 10 di Milwaukee dall’uso educativo a quello commerciale in modo che potrebbe essere assegnato alla Hearst Corporation, editori del Milwaukee Sentinel, il più grande documento che lo supporta nel Wisconsin e cerca di impedire l’assegnazione di un canale UHF nel Milwaukee a Bartell Broadcasters, un gruppo di Madison che includeva persone attive come Democratici “(Bayley , p 178).

33.) La FCC è stata creata per regolare le comunicazioni interstatali che circolano su radio, televisione, filo, satellite o cavo. La sua autorità si basa sull’idea che le sue decisioni serviranno “l’interesse pubblico, la convenienza o la necessità … Il pubblico possiede le onde radio che le stazioni radio e televisive usano e traggono profitto. Le società di media possono usarle a condizione che servano il pubblico; fa parte del lavoro della FCC per imporlo “. Tuttavia, il loro record per farlo non è certo impressionante. L’attuale presidente, Michael K. Powell, un fanatico del libero mercato (“la mia religione è il mercato”) ľ che sembra essere il figlio del segretario di stato Colin PowellŚ non sta nemmeno cercando di mantenere l’illusione che sta sostenendo gli standard che suppone per. Alla sua nomina a presidente della FCC, gli fu chiesto quale fosse l’interesse pubblico;Powell rispose: “Non ne ho idea” (vedi 36). Non dovrebbe quindi sorprendere che la National Association of Broadcasters lo abbia definito “una scelta eccezionale” quando è stato nominato da George W. Bush. Michael Powell (repubblicano), Kathleen Q. Abernathy (repubblicano), Michael J. Copps (democratico), Kevin J. Martin (repubblicano) e Jonathan S. Adelstein (democratico) sono i cinque membri della commissione FCC e sono “sconosciuti al pubblico e praticamente non hanno alcun contatto con loro. Sono circondati invece da amministratori delegati, avvocati e lobbisti. Come ha affermato un presidente della FCC, “il compito della FCC è di regolare i combattimenti tra i super ricchi e i super, super ricco. Il pubblico non ha nulla a che fare con esso. “I membri della FCC tendono a passare a carriere estremamente redditizie lavorando per le stesse aziende che un tempo regolavano. “Quando un’impresa si presenta davanti alla FCC, i membri della FCC non sanno se considerarla come un’entità da regolamentare o come un potenziale futuro datore di lavoro. Questo vale per tutti i membri, repubblicani e democratici. Il presidente della FCC che ha preceduto Michael Powell, il democratico William Kennard, ha continuato a fare grandi affari lavorando su accordi di telecomunicazione per il gruppo Carlyle, “(” Speak Out “, nd;” FCC Homepage “, 2003; McChesney, 2003).Il presidente della FCC che ha preceduto Michael Powell, il democratico William Kennard, ha continuato a fare grandi affari lavorando su accordi di telecomunicazione per il gruppo Carlyle, “(” Speak Out “, nd [italics mine];” FCC Homepage “, 2003; McChesney, 2003).Il presidente della FCC che ha preceduto Michael Powell, il democratico William Kennard, ha continuato a fare grandi affari lavorando su accordi di telecomunicazione per il gruppo Carlyle, “(” Speak Out “, nd [italics mine];” FCC Homepage “, 2003; McChesney, 2003).

34.) Nel 1996, il Congresso approvò il Telecommunications Reform Act, che modificò il Communications Act del 1934 e ridusse drasticamente le restrizioni imposte ai proprietari dei media su quanto potevano possedere. “Il Telecom Act del 1996 è stato un lavoro corrotto, essendo il prodotto delle più grandi lobby aziendali” come la National Association of Broadcaster e società come News Corporation e Viacom “, tutti salivanti alla prospettiva di riscrivere la legge per fornire loro un più ampio fetta dell’azione “. Il pubblico non ha avuto alcun ruolo e non ha ricevuto praticamente alcuna copertura mediatica, tranne nei documenti commerciali e commerciali in cui è stato trattato come una questione importante per i proprietari e gli investitori, non per i cittadini in democrazia (McChesney, 2003).

35.) “La FCC ha condotto revisioni biennali delle norme sulla proprietà nel 1998 e 2000, e ha stabilito che le regole dovrebbero rimanere in vigore. A questo punto la revisione biennale è stata considerata come un processo benigno e irripetibile. La lobby del settore è passata attraverso il sistema giudiziario per espellere le regole. Nel 2002 una corte d’appello federale di destra ha richiesto che la FCC fornisse una giustificazione per mantenere le regole di proprietà, altrimenti avrebbero dovuto essere espulse. Essere chiari che era la corte d’appello, che fungeva da avvocato di società che hanno messo la nuova aggressiva svolta pro-industria sul Telecommunications Act del 1996. La corte d’appello ha interpretato la legge nel senso che a meno che la FCC non potesse fornire prove convincenti, persino schiaccianti per giustificare il mantenimento delle regole sulla proprietà dei media, dovrebbero essere eliminate. “Michael Powell dovrebbe presentarsi dinanzi ai tribunali e presentare il caso per mantenere le regole sulla proprietà dei media nell’interesse pubblico; Powell è famoso per i suoi “sentimenti rah-rah” pro-industria e la sua ostilità nei confronti dell’interesse pubblico. Inoltre, “la ricerca che la FCC ha sviluppato per giustificare il rilassamento delle regole dei media è stata mantenuta segreta; membri del Congresso e importanti studiosi dei media hanno chiesto di vederlo e sono stati respinti” (McChesney, 2003).membri del Congresso e importanti studiosi dei media hanno chiesto di vederlo ed è stato respinto “(McChesney, 2003).membri del Congresso e importanti studiosi dei media hanno chiesto di vederlo ed è stato respinto “(McChesney, 2003).

36.) Il commissario FCC Michael Copps ha “spinto il presidente FCC Powell a tenere audizioni pubbliche in tutta la nazione sulla questione. Powell ha partecipato a una parte della prima udienza non ufficiale a New York a gennaio e ha convocato un’audizione pubblica ufficiale a Richmond a febbraio. Ma altrimenti si è rifiutato di partecipare a una qualsiasi delle dieci audizioni pubbliche che si sono tenute successivamente in tutta la nazione. Nessuno dei tre repubblicani ha partecipato a nessuna di queste dieci audizioni. Copps, d’altra parte, ha partecipato a tutte loro, e [ John] Adelstein alcuni … Powell ha spiegato la sua assenza dalle dieci udienze sulla proprietà dei media sulla base del fatto che è troppo impegnato per frequentarli e che sa abbastanza di ciò che l’opinione pubblica pensa [vedi 33]. Allo stesso tempo,Powell trova il tempo per affrontare le riunioni delle associazioni di categoria dei media aziendali e ha una politica a porte aperte per amministratori delegati dei media aziendali come Rupert Murdoch. “Molto probabilmente, Powell non ha partecipato alle audizioni perché il loro risultato è irrilevante. Anche se, dall’8 maggio , 2003, 9.065 dichiarazioni sulla proprietà dei media sono state presentate alla FCC da cittadini non affiliati a una società o organizzazione commerciale egoista e solo undici di loro hanno sostenuto le modifiche proposte “, ha scritto il segretario al commercio Donald Evans a Powell dicendogli di andare avanti a tutta velocità con le regole che cambiano indipendentemente dall’opposizione del Congresso o del pubblico. “” La maggior parte delle persone in questo paese non ha idea di cosa accadrà a loro “, afferma Jonathan Adelstein, commissario dissidente del FCC,” anche se è in gioco la loro stessa democrazia “.Una delle imminenti modifiche alle regole consentirebbe a una singola azienda di possedere stazioni televisive raggiungendo il 45% del pubblico nazionale (anziché l’attuale limite sulla carta del 35%). Ma questo sottostima l’impatto, come ha sottolineato Andrew Schwartzman del Media Access Project: “Il numero del 45% che è stato lanciato è un numero falso. Realisticamente sarà molto più alto”. Un altro cambiamento di FCC porrebbe fine al divieto della proprietà incrociata di una singola azienda di quotidiani e stazioni televisive nei quattro quinti dei mercati dei media del paese. I commissari Copps e Adelstein hanno chiesto a Powell di diffondere pubblicamente le proposte regole sulla concentrazione dei media e di consentire un breve rinvio per consentire una reazione pubblica, ma Powell ha rifiutato. In risposta, Copps ha dichiarato: “Questo è davvero deludente. La decisione del Presidente di non rendere pubbliche queste proposte,e neppure di concedere un breve ritardo nelle votazioni, va in disaccordo sulle richieste del popolo americano e sui precedenti di questa Commissione. Questa corsa al giudizio significa che non capiremo appieno l’impatto delle proposte specifiche sul nostro panorama mediatico prima di essere costretti a votare. Ci stiamo affrettando ad approvare nuove regole senza far sapere agli americani chi sarà il proprietario e il controllo delle onde radio pubbliche per gli anni a venire e senza ottenere il beneficio del loro contributo su ciò che viene proposto. Questo non è un modo per fare affari quando sono in gioco questioni critiche che colpiscono ogni americano. Sono deluso dal fatto che il Presidente si rifiuti di ascoltare le chiamate dei colleghi, così come di molti membri del Congresso, per far splendere il sole sulle sue proposte prima che la Commissione decida su un’ulteriore concentrazione dei media. “(McChesney, 2003 [corsivo mio];Salomone, 2003; “FCC Commissioner”, 2003).

37.) Prima di ritirarsi, il CEO di AOL Time Warner Gerald Levin disse a MSNBC che la divisione Internet della sua azienda aveva già aiutato gli investigatori del terrorismo, “apparentemente fornendo accesso al traffico di posta elettronica”. Secondo Jeff Chester, direttore esecutivo del Center for Digital Democracy, “qui c’è un implicito quid pro quo … l’industria sembra dire all’amministrazione:” Siamo patriottici, stiamo sostenendo la guerra … ora liberaci dai vincoli “. Sebbene ciò possa o meno essere vero, il 2 giugno 2003, la FCC ha votato 3-2 per allentare le regole sulla proprietà dei media (Roberts; Kirkpatrick, 2003).

38.) Mentre la FCC è stata sviluppata per sorvegliare il settore commerciale dei media, il Broadcasting Board of Governors (BBG), con un budget annuale di 544,5 milioni di dollari, è stato sviluppato per supervisionare tutte le trasmissioni internazionali civili e non militari finanziate dal governo degli Stati Uniti . Ciò include punti vendita come Radio Free Europe / Radio Liberty (RFE / RL) (una creazione della CIA [vedi 9]), Radio Free Asia (RFA), Voice of America (VOA) e Office of Cuba Broadcasting (OCB ). La loro missione afferma chiaramente il loro scopo: “promuovere e sostenere la libertà e la democrazia trasmettendo notizie e informazioni accurate e obiettive sugli Stati Uniti e sul mondo al pubblico oltreoceano”, con l’obiettivo finale di creare un “Broadcasting internazionale degli Stati Uniti in tutto il mondo Sistema.” Alcuni dei loro progetti attuali includono: Voice of America,con la programmazione in 53 lingue a oltre 90 milioni di ascoltatori e telespettatori televisivi e di Internet in tutto il mondo, “trasmette editoriali quotidiani che riflettono le opinioni del governo degli Stati Uniti”, con una recente creazione di programmi per i nordcoreani “, inclusi il Periscopio nordcoreano e il Nord “Odyssey dei disertori coreani per fornire un forum ai disertori”; Radio Free Europe / Radio Liberty “ha continuato a porre l’accento sulle regioni in prima linea nella guerra al terrorismo guidata dagli Stati Uniti. Il risultato: più della metà delle lingue trasmesse da RFE / RL sono rivolte ad aree in cui le popolazioni maggioritarie sono musulmane”; l’Ufficio di Cuba Broadcasting, che sovrintende a Radio e TV Marti, “sottolinea le relazioni USA-Cuba, lo stato dell’economia cubana, i diritti umani internazionali, [e] il movimento dissidente sull’isola …” Chiaramente,tutto ciò è stato progettato ai fini della propaganda, nonostante il fatto che i termini “equilibrato” e “obiettivo (ly)” siano utilizzati più volte nel loro Rapporto annuale 2002 di 32 pagine. Tra i membri del consiglio di amministrazione del BBG vi sono Kenneth Y. Tomlinson, ex caporedattore di Reader’s Digest che è stato nominato direttore di VOA da Ronald Reagan nel 1982; Joaquin F. Blaya, ex CEO di Telemundo Group, Inc., la seconda più grande rete televisiva in lingua spagnola della nazione; D. Jeffrey Hirschberg, ex procuratore speciale del dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti e vice capo della sezione contenzioso speciale della divisione criminale; Norman J. Pattiz, fondatore e presidente di Westwood One, la più grande rete radio americana (proprietario, gestore o distributore della NBC Radio Network, CBS Radio Network, il Mutual Broadcasting System,CNN Radio e Metro Networks, tra gli altri); Steven J. Simmons, Presidente e CEO di Patriot Media and Communications, LCC, una nuova società costituita per acquistare società via cavo negli Stati Uniti; e in qualità di membro d’ufficio del Consiglio, il Segretario di Stato Colin L. Powell. Con questo, quindi, Colin Powell e suo figlio Michael hanno un’influenza dominante in una straordinaria sezione dei media disponibili in tutto il mondo (“Piano strategico”, nd; “Rapporto annuale 2002”; 2003).avere un’influenza dominante in una straordinaria sezione dei media disponibili in tutto il mondo (“Piano strategico”, nd; “Rapporto annuale 2002”; 2003).avere un’influenza dominante in una straordinaria sezione dei media disponibili in tutto il mondo (“Piano strategico”, nd; “Rapporto annuale 2002”; 2003).

39.) L’intelligente conservatore Bill O’Reilly, in un’intervista all’ancoraggio della CBS News Dan Rather, ha dichiarato che le notizie sulle reti di proprietà dell’azienda si sono rifiutate di sfidare le “persone di potere” (presumibilmente del governo o del mondo aziendale) perché “le società hanno fare affari con i potenti e non vogliono fare nemici “a cui Dan Rather ha risposto,” Ne sei assolutamente preciso “(O’Reilly, pp. 153-154).

40.) Dopo la seconda guerra mondiale, le forze alleate limitarono la concentrazione dei media nella Germania occupata e in Giappone “perché notarono che tale concentrazione promuoveva culture politiche antidemocratiche, persino fasciste”. Negli anni ’50, la maggior parte dei mass media americani (ad esempio stazioni televisive, stazioni radio, studi cinematografici, editori di riviste, editori di giornali, editori di libri, agenzie pubblicitarie, ecc.) Erano di proprietà di oltre 1.500 società. Nel 1981, erano di proprietà di meno di cinquanta. Oggi quel numero è sei; sono: AOL Time Warner, The Walt Disney Company, Bertelsmann, Viacom, News Corporation e Vivendi Universal ľ con Sony, Liberty Media Corporation e General Electric nelle vicinanze (per un elenco completo dei proprietari dei media e di ciò che possiedono, vedere The Columbia Journalism Review a). Nel nostro attuale processo elettorale,”raggiungere il pubblico è diventato il sostituto di quelli che un tempo venivano chiamati collegi elettorali. Proprio come gli inserzionisti vendono prodotti al pubblico, i consulenti politici commercializzano i candidati a quegli stessi pubblici. Nelle elezioni guidate dai media contemporanei, il pubblico di programmi, pubblicità e cinema diventano mercati mirati degli elettori. In senso lato, i cittadini vengono trasformati in consumatori, connettendosi con un prodotto mediatico anziché con una piattaforma politica “. Secondo The Alliance for Better Campaigns, un’organizzazione no profit co-presieduta da Walter Cronkite, le emittenti televisive hanno guadagnato circa $ 771 milioni da annunci politici nel 2000 (McChesney, 2000, p. 61; Nichols & McChesney, 2000, p. 28; Bagdikian , 2000, pp. 21-22; Andersen, 2000, p. 251; Taylor, 2002).raggiungere il pubblico è diventato il sostituto di quello che un tempo veniva chiamato collegio elettorale. Proprio come gli inserzionisti vendono prodotti al pubblico, i consulenti politici commercializzano i candidati allo stesso pubblico. Nelle elezioni contemporanee guidate dai media, il pubblico di programmi, pubblicità e film diventa un mercato mirato di elettori. In senso lato, i cittadini vengono trasformati in consumatori, connettendosi con un prodotto mediatico anziché con una piattaforma politica “. Secondo The Alliance for Better Campaigns, una società no profit co-presieduta da Walter Cronkite, le emittenti televisive hanno guadagnato circa 771 milioni di dollari dalla politica annunci nel 2000 (McChesney, 2000, p. 61; Nichols & McChesney, 2000, p. 28; Bagdikian, 2000, pp. 21-22; Andersen, 2000, p. 251; Taylor, 2002).raggiungere il pubblico è diventato il sostituto di quello che un tempo veniva chiamato collegio elettorale. Proprio come gli inserzionisti vendono prodotti al pubblico, i consulenti politici commercializzano i candidati allo stesso pubblico. Nelle elezioni contemporanee guidate dai media, il pubblico di programmi, pubblicità e film diventa un mercato mirato di elettori. In senso lato, i cittadini vengono trasformati in consumatori, connettendosi con un prodotto mediatico anziché con una piattaforma politica “. Secondo The Alliance for Better Campaigns, una società no profit co-presieduta da Walter Cronkite, le emittenti televisive hanno guadagnato circa 771 milioni di dollari dalla politica annunci nel 2000 (McChesney, 2000, p. 61; Nichols & McChesney, 2000, p. 28; Bagdikian, 2000, pp. 21-22; Andersen, 2000, p. 251; Taylor, 2002).i consulenti politici commercializzano candidati per lo stesso pubblico. Nelle elezioni contemporanee guidate dai media, il pubblico di programmi, pubblicità e film diventa un mercato mirato di elettori. In senso lato, i cittadini vengono trasformati in consumatori, connettendosi con un prodotto mediatico anziché con una piattaforma politica “. Secondo The Alliance for Better Campaigns, una società no profit co-presieduta da Walter Cronkite, le emittenti televisive hanno guadagnato circa 771 milioni di dollari dalla politica annunci nel 2000 (McChesney, 2000, p. 61; Nichols & McChesney, 2000, p. 28; Bagdikian, 2000, pp. 21-22; Andersen, 2000, p. 251; Taylor, 2002).i consulenti politici commercializzano candidati per lo stesso pubblico. Nelle elezioni contemporanee guidate dai media, il pubblico di programmi, pubblicità e film diventa un mercato mirato di elettori. In senso lato, i cittadini vengono trasformati in consumatori, connettendosi con un prodotto mediatico anziché con una piattaforma politica “. Secondo The Alliance for Better Campaigns, una società no profit co-presieduta da Walter Cronkite, le emittenti televisive hanno guadagnato circa 771 milioni di dollari dalla politica annunci nel 2000 (McChesney, 2000, p. 61; Nichols & McChesney, 2000, p. 28; Bagdikian, 2000, pp. 21-22; Andersen, 2000, p. 251; Taylor, 2002).connettersi con un prodotto mediatico anziché con una piattaforma politica “. Secondo The Alliance for Better Campaigns, un’organizzazione no profit co-presieduta da Walter Cronkite, le emittenti televisive hanno guadagnato circa $ 771 milioni da annunci politici nel 2000 (McChesney, 2000, p. 61 ; Nichols & McChesney, 2000, p. 28; Bagdikian, 2000, pagg. 21-22; Andersen, 2000, p. 251; Taylor, 2002).connettersi con un prodotto mediatico anziché con una piattaforma politica “. Secondo The Alliance for Better Campaigns, un’organizzazione no profit co-presieduta da Walter Cronkite, le emittenti televisive hanno guadagnato circa $ 771 milioni da annunci politici nel 2000 (McChesney, 2000, p. 61 ; Nichols & McChesney, 2000, p. 28; Bagdikian, 2000, pagg. 21-22; Andersen, 2000, p. 251; Taylor, 2002).

41.) William J. Casey era il direttore della CIA di Reagan e considerato da molti come la seconda persona più potente nell’amministrazione Reagan; è stato anche uno dei “fondatori, consulenti di lunga data, consiglieri di amministrazione e maggiori azionisti” di Capital Cities. Aveva messo sotto pressione l’ABC e tutte le principali organizzazioni di stampa statunitensi affinché sostenessero maggiormente l’agenda conservatrice dell’amministrazione Reagan. “Nel novembre 1984, ha chiesto alla FCC di revocare tutte le licenze televisive e radiofoniche della ABC come ritorsione per la messa in onda della rete di un rapporto della ABC News che suggeriva che la CIA aveva tentato di assassinare un cittadino americano”. Quattro mesi dopo, Capital Cities acquistò la ABC per 19,2 miliardi di dollari, mentre Casey possedeva 34.000 azioni del capitale di circa 7 milioni di dollari (Mazzocco, 1994, pp. 2-3; Sussman, p. 189).

42.) Proctor & Gamble è uno dei maggiori inserzionisti televisivi, il che conferisce loro un grande potere. Se non gli piace il contenuto di un programma, possono … e spingeranno la loro sponsorizzazione, costando potenzialmente alla rete offensiva milioni di dollari. Avevano una politica per molti anni che affermava, in parte, “Non ci sarà materiale che possa offendere direttamente o per inferenza a qualsiasi organizzazione commerciale di qualsiasi tipo. Non ci sarà materiale su nessuno dei nostri programmi che potrebbe in qualsiasi ulteriormente il concetto di business come freddo, spietato e privo di tutte le motivazioni sentimentali o spirituali … I membri delle forze armate non devono essere espressi come malvagi. Se c’è un attacco alle usanze americane, devono essere completamente confutati nello stesso spettacolo. ” Nel 1990, Neighbor to Neighbor, un’organizzazione per la pace,fece attore Ed Asner (di The Mary Tyler Moore Show [1970-1977] e Lou Grant [1977-1982]) per fare un servizio pubblico chiedendo un boicottaggio di Folgers Coffee per l’acquisto dei suoi chicchi di caffè da El Salvador, che era governato da un brutale regime militare a quel tempo. Proctor & Gamble, proprietari di Folgers, ha minacciato di ritirare la sua sponsorizzazione da qualsiasi stazione in onda. La stazione televisiva di Boston WHDH gestiva la pubblicità e perse circa $ 1 milione in entrate pubblicitarie (Parenti, 1992, pagg. 186-189).La stazione televisiva di Boston WHDH gestiva la pubblicità e perse circa $ 1 milione in entrate pubblicitarie (Parenti, 1992, pagg. 186-189).La stazione televisiva di Boston WHDH gestiva la pubblicità e perse circa $ 1 milione in entrate pubblicitarie (Parenti, 1992, pagg. 186-189).

43.) News Corporation, la quinta più grande azienda di media al mondo (proprietaria di 20th Century Fox, Fox Television Broadcasting Corp.

; riviste come The Weekly Standard, Inside Out e TV Guide; giornali come The New York Post negli Stati Uniti, 22 articoli in Australia e nove in Inghilterra, tra cui The Times, The Sunday Times e The Sun; inoltre, possiede le case editrici HarperCollins e Regan Books) è di proprietà di Rupert Murdoch, che ha usato il suo potere mediatico per aggirare alcuni dei leader più influenti della storia recente, tra cui Ronald Reagan, George HW Bush, Bill Clinton, Margaret Thatcher e Tony Blair. O meglio, si sono confusi con lui. Nel caso di Tony Blair,in cambio del sostegno e dell’approvazione di Blair nelle pubblicazioni di Murdoch durante la sua campagna, una volta eletto, Blair è stato in grado di cambiare la politica britannica sulla proprietà dei media a favore di Murdoch. In realtà, Murdoch stesso è stato citato dicendo: “Quando sei il fornitore del monopolio, sei propenso a dettare” (Williams, 2000; “Notizie”, 2003; Jhally, 1997).

44.) All’invasione del Kuwait da parte dell’Iraq il 2 agosto 1991, il governo kuwaitiano assunse almeno venti studi legali e di lobby per aiutare a modellare l’opinione del paese poco conosciuto agli occhi del popolo americano. Hill & Knowlton (H&K), all’epoca la più grande azienda di pubbliche relazioni al mondo, organizzò la maggior parte della pubblicità del Kuwait, compresi i cittadini ufficiali per un Kuwait libero, che sponsorizzava la “Giornata di liberazione del Kuwait” nei campus universitari in tutta la nazione ľ distribuendo decine di migliaia di magliette e adesivi per paraurti ľ e costando al governo kuwaitiano oltre undici milioni di dollari, di cui $ 10,8 milioni sono stati fatturati a H&K come “commissioni di servizio”. H&K era solidamente collegato sia a Washington che all’industria giornalistica. Il vicepresidente senior, Thomas Ross, era un portavoce del Pentagono durante l’amministrazione Carter;il vicepresidente Frank Mankiewicz era un ex segretario stampa e consigliere di Robert F. Kennedy e George McGovern ed era stato presidente della National Public Radio; Robert Gray, il presidente degli uffici statunitensi di H&K aveva ruoli di spicco in entrambe le campagne presidenziali di Reagan e si diceva che fosse stato sul libro paga della CIA; Lauri J. Fitz-Pegado, che era il supervisore del conto del Kuwait, era un ex funzionario dei servizi esteri presso l’Agenzia d’informazione degli Stati Uniti e un ex associato del lobbista democratico Ron Brown mentre rappresentava la dittatura duvalier di Haiti; Lew Allison, produttore dei comunicati stampa video di H&K ľ che sono stati distribuiti ai canali di notizie e spesso trasmessi inediti come “notizie” ľ era un ex produttore di notizie sia della CBS che della NBC. Il presidente di H&K era un uomo di nome Craig Fuller,che era stato Capo di Stato Maggiore di Reagan e amico di lunga data di George Bush, Sr. Dopo il secondo mandato di Reagan, Fuller lasciò la Casa Bianca per la sua posizione in H&K, che fu immediatamente assunto dal team della campagna presidenziale Bush, Sr. per gestire il suo PR durante le elezioni del 1988. Dopo la sua esperienza presso H&K, Craig Fuller è diventato il principale dirigente delle relazioni pubbliche di Phillip Morris. Questo uso governativo delle società di pubbliche relazioni non è affatto raro, né prima né dopo Desert Storm. I clienti passati del gruppo Rendon (vedi 98) “includono la CIA, l’USAID [Agenzia degli Stati Uniti per lo sviluppo internazionale], il governo del Kuwait, la Monsanto Chemical Company e le agenzie commerciali ufficiali di paesi tra cui Bulgaria, Russia e Uzbekistan.” Attraverso la sua rete di uffici internazionali e alleanze strategiche,”vanta il sito Web del gruppo Rendon”, la società ha fornito servizi di comunicazione ai clienti in oltre 78 paesi e mantiene contatti con funzionari governativi, decisori e mezzi di informazione di tutto il mondo. “” In post-Desert Storm Iraq “, Rendon è stato uno dei principali attori nello sforzo della CIA di incoraggiare il rovesciamento di Saddam Hussein. “Li hanno assunti” per condurre una campagna di propaganda segreta contro Saddam. Il lavoro postbellico di Rendon prevedeva la produzione di video e scenette radiofoniche che ridicolizzavano Saddam Hussein, una mostra fotografica itinerante di atrocità irachene e sceneggiature radiofoniche che invocavano difetti agli ufficiali dell’esercito iracheno … Un rapporto del febbraio 1998 di Peter Jennings citava documenti ottenuti da ABC News che mostravano che il gruppo Rendon ha speso più di $ 23 milioni di dollari nel primo anno del suo contratto con la CIA.Ha lavorato a stretto contatto con il Congresso nazionale iracheno, una coalizione di opposizione di 19 organizzazioni irachene e curde i cui compiti principali erano “raccogliere informazioni, distribuire propaganda e reclutare dissidenti”. Secondo la ABC, Rendon ha avuto il nome del Congresso Nazionale Iracheno e ha incanalato $ 12 milioni di finanziamenti segreti della CIA tra il 1992 e il 1996 … ClandestineRadio.com, un sito Web che monitora le stazioni radio sotterranee e antigovernative nei paesi di tutto il mondo, attribuisce al gruppo Rendon “la progettazione e la supervisione” dell’Iraqi Broadcasting Corporation (IBC) e Radio Hurriah, che ha iniziato a trasmettere propaganda irachena di opposizione a gennaio 1992 da un trasmettitore del governo americano in Kuwait. Secondo un articolo del settembre 1996 sulla rivista Time, sei agenti della CIA supervisionarono l’IBC “s 11 ore di programmazione giornaliera e attività del Congresso nazionale iracheno nella città irachena del Kurdistan di Arbil. Queste attività terminarono bruscamente il 31 agosto 1996, quando l’esercito iracheno invase Arbil e giustiziò tutti i lavoratori del personale IBC tranne 12 su 100 insieme a circa 100 membri del Congresso nazionale iracheno. “Come con H&K, il gruppo Rendon assume persone con esperienza sia nel governo che nei media. Rick Rendon, creatore dell’azienda e partner senior “, ha prestato servizio come consulente senior nelle comunicazioni per decine di dozzine di organizzazioni governative, societarie, sindacali, di categoria e non profit, compreso il governo di Aruba, Dipartimento del Lavoro degli Stati Uniti, Ufficio Esecutivo della Sicurezza Pubblica del Massachusetts, Ufficio Esecutivo per gli Affari Ambientali del Massachusetts e Società Islamica di Boston. “Inoltre, in precedenza ha ricoperto il ruolo di responsabile delle informazioni pubbliche per il segretario del Commonwealth del Massachusetts e come membro dello staff politico nazionale del presidente Jimmy Carter. Phil Angellis, direttore delle operazioni, ha lavorato per 22 anni al Senato dello Stato del Massachusetts e undici anni in posizione amministrativa senior come assistente aggiunto e parlamentare. Kari Johnson, un account executive, attualmente lavora presso la consociata di Boston del WB; Jeff Schmidt, produttore / montatore / videografo di Rendon Group Productions (RGP), faceva parte del personale di ESPN; e Tara Haggett, responsabile della produzione di RGP, ha “coordinato vari livelli di campagne di marketing e post produzione per oltre 40 film come Toy Story, 101 Dalmatians, Conair, Speed ​​II, Kingpins, Volcano e Grosse Point Blank”così come i video per Celine Dion e Mary Chapin Carpenter. Una campagna completamente separata guidata da Charlotte Beers, “un ex dirigente pubblicitario di Madison Avenue che è stato recentemente nominato Sottosegretario di Stato del Dipartimento di Stato per” Diplomazia pubblica “(l’eufemismo ufficiale del governo per” pubbliche relazioni “)”, è stato riportato da The New York I tempi come “pianificazione di una campagna televisiva e pubblicitaria per cercare di influenzare l’opinione islamica”. Una parte potrebbe presentare celebrità americane, tra cui star dello sport e un messaggio più emotivo. “In un’intervista di ottobre con Advertising Age, Beers ha affermato che la diplomazia pubblica è un nuovo braccio vitale in ciò che combatterà il terrorismo nel tempo.

Improvvisamente, siamo in questa posizione di ridefinire chi è l’America, non solo per noi stessi sotto questo tipo di attacco,ma anche per il mondo esterno “. Secondo quanto riferito, il Consiglio pubblicitario finanziato dalle imprese sta lavorando con Beers per sviluppare la campagna. Secondo Advertising Age, il Consiglio degli annunci “ha ridotto il suo messaggio a una sola idea strategica: la libertà”. “Con così tanta informazione il pubblico non è niente più che preconfezionato, la propaganda prodotta dalle pubbliche relazioni è mascherata da notizie, c’è da meravigliarsi, poi, che giovedì 15 maggio 2003, i funzionari francesi si sono formalmente lamentati con lettere alla Casa Bianca, al Dipartimento di Stato e al Congresso, che il loro paese è stato vittima di una campagna di “ripetuta disinformazione”, di cui si dice sia stata nutrita la stampa dei funzionari dell’amministrazione Bush. Tra le false affermazioni, dicono, la Francia e la Germania hanno fornito all’Iraq interruttori di precisione che potevano essere usati nelle armi nucleari,che le compagnie francesi vendevano pezzi di ricambio iracheni per aerei da guerra ed elicotteri militari, che la Francia possedeva ceppi proibiti di vaiolo umano e che la Francia ha recentemente aiutato i leader iracheni a fuggire in Europa fornendo loro documenti di viaggio. Nathalie Loiseau, portavoce dell’ambasciata francese a Washington, “non ha indicato nessuno specificamente nell’amministrazione come fonte dell’articolo, ma ha affermato che la Francia poteva solo supporre che i giornalisti fossero sinceri quando hanno citato funzionari senza nome nell’amministrazione “. Rispondendo alle affermazioni, il segretario alla Difesa Donald Rumsfeld ha dichiarato: “Certamente non esiste una campagna simile fuori da questo edificio”, il che potrebbe benissimo essere vero, poiché è più probabile che se esiste una campagna simile, la sua uscita dagli uffici del come Hill &Knowlton e The Rendon Group (Stauber & Rampton, 1995, pagg. 169-171; MacArthur, 1992, pagg. 49-51; Sussman, p. 157; Carlisle, 1993; Miller & Rampton, 2001; “The Rendon Group”, 2003; Knowlton, 2003).

45.) Durante la prima guerra del Golfo, ognuna delle tre grandi reti aveva profondi legami finanziari con la guerra. ABC era di proprietà di Capitol Cities (che ora è di proprietà di The Walt Disney Company), la cui sedia era nel consiglio di amministrazione di Texaco Oil. La CBS, all’epoca di proprietà della Westinghouse, anche se ora di proprietà della Viacom, possedeva anche la RAND Corporation e la Honeywell Corporation, entrambe le quali erano e sono importanti appaltatori della difesa e riuscirono a guadagnare molto dalla guerra. La NBC era ľ ed è tuttoraŚ “interamente posseduta” dalla General Electric, che aveva un contratto di armi da $ 2 miliardi con le forze armate statunitensi, rendendo sia il Tomahawk sia i missili Patriot incredibilmente senza successo, e stimò che avrebbero guadagnato centinaia di milioni con ricostruzione del Kuwait dopo la guerra. Inoltre, la famiglia reale kuwaitiana era il principale azionista di GE.Secondo quanto riferito, il CEO di General Electric John Welch una volta disse al presidente della NBC Lawrence Grossman “Ricorda, lavori per GE”, (Naureckas, 1991; Williams; “Corporate Info”, 2003; Jhally, 1997).

46.) Nella sua autobiografia del 1995, Lawrence Grossman (presidente di PBS [1976-1984] e NBC [1984-1988]) scrisse: “La cultura aziendale arrivò a dominare il business delle notizie, trattando le notizie come un prodotto o servizio non diverso da “tostapane, lampadine o motori a reazione”, per citare John F. Welch, presidente di General Electric, che acquistò la NBC nel 1986. Welch insistette sul fatto che NBC News non aveva più responsabilità per il servizio pubblico di nessuna delle linee di business più tradizionali di GE , a prescindere dalla speciale posizione costituzionale delle notizie e dagli storici obblighi di licenza della società di trasmissione FCC … Loro [Welch e molti dei suoi colleghi] non avevano scrupoli a fare tutto ciò che era necessario per raggiungere quell’obiettivo [i requisiti di profitto del dipartimento di notizie della NBC ], con scarso rispetto per gli standard giornalistici, l’integrità,o gusto “(Grossman, 1995, p. 75).

47.) “Il semplice fatto è che nella maggior parte delle redazioni tradizionali la cultura del giornalismo è determinare la natura di base di una storia prima di riunire tutti, o anche la maggior parte dei fatti. Proprio come molti teorici sviluppano un’ipotesi di lavoro prima di raccogliere i dati , molti giornalisti sono abituati a formulare l’angolazione o la trama di una storia prima di intervistare qualcuno, leggere un documento o raccogliere altri fatti. A volte sono più propensi a seguire il detto: “Non lasciare mai che i fatti si frappongano di una bella storia. “” Perché è questo? Ci sono molte ragioni, ma una delle principali è che “la mutevole struttura economica delle reti televisive ha eroso i valori della [ir] redazione … Dove una volta fioriva una cultura impegnata nel grande giornalismo, una cultura dominata da MBA e responsabilità finanziaria ha preso il suo posto.La responsabilità nei confronti degli azionisti [per fare soldi] ha sostituito la responsabilità nei confronti della democrazia e dei cittadini che serve “(Pavlik, 2001, pagg. 312-314).

48.) La rete Fox, di proprietà della News Corporation di Rupert Murdoch, è stata citata in giudizio da due veterani giornalisti ai sensi della legge degli informatori della Florida. Steve Wilson e Jane Akre, che lavorano per Fox 13 a Tampa Bay, hanno svelato un’importante storia “critica di Monsanto, la più grande azienda agrochimica del mondo, la seconda più grande azienda di sementi, la quarta più grande azienda farmaceutica e un principale inserzionista della Fox Television a livello nazionale. Monsanto produce un ormone sintetico della crescita bovina (BGH) commercializzato con il nome di Prosilac. Prosilac è vietato in Canada e in Europa a causa dei suoi legami con i tumori del colon, del seno e della prostata e dei residui batterici e antibiotici lasciati nel latte. Akre ha scoperto che praticamente tutti il latte venduto in Florida proviene da mucche iniettate con Prosilac e, anche se è richiesta l’etichettatura, per offrire ai consumatori una scelta,i consumatori non venivano informati. Dopo due mesi di indagini, i giornalisti hanno prodotto una storia incisiva. “Secondo Steve Wilson in un articolo che ha scritto per The Nation (8 giugno 1998) su questa esperienza,” Abbiamo appreso che i test di routine per i residui di droga nel latte don ‘ t schermo per un’ampia varietà di antibiotici. Abbiamo confermato che due regolatori del governo canadese hanno accusato la Monsanto di offrire una bustarella da $ 1-2 milioni in cambio dell’approvazione del farmaco senza ulteriori test. Abbiamo documentato una porta girevole tra la Monsanto e la FDA. Abbiamo seguito la scia di denaro all’Università della Florida, dove la Monsanto ha inviato milioni di doni e borse di ricerca; È stata concessa l’approvazione della FDA. Nel frattempo, abbiamo scoperto che gli agricoltori hanno affermato che la società non stava segnalando correttamente gli effetti negativi del farmaco sugli animali,un’accusa che Monsanto alla fine ha riconosciuto. “Nonostante la documentazione di qualità della loro storia, è stata tirata. Monsanto aveva assunto un avvocato per fare pressione sul capo della Fox News Network a New York. Come si è scoperto, Monsanto è un cliente di Actmedia, una pubblicità società di proprietà di Rupert Murdoch. “Dopo che la storia è stata pubblicata, il direttore generale della stazione ha rivisto il contenuto del rapporto, lo ha trovato accurato e fissato un’altra data di trasmissione.

Il direttore generale è stato quindi licenziato e sostituito da un dirigente della News Corp., David Boylan, che ha detto ai due giornalisti: “Abbiamo pagato $ 3 miliardi per queste stazioni televisive. Decideremo quali sono le novità. La notizia è ciò che diciamo che sia. ‘ Dopo aver rifiutato un accordo in contanti che li avrebbe messi a tacere sulla questione e riscritto la storia più di ottanta volte, entrambi i giornalisti furono licenziati nel dicembre 1997.”A parte l’interessante, la patata della New Leaf Superior geneticamente modificata della Monsanto è stata progettata per produrre l’insetticida Bacillus thuringiensis (Bt).” Bt uccide lo scarabeo della patata del Colorado, ma è anche presente in ogni cellula del New Leaf Superior. Pertanto, è legalmente registrato presso l’Environmental Protection Agency come un pesticida, non un alimento e la Food and Drug Administration (FDA) non può regolare la patata New Leaf Superior perché la FDA non ha l’autorità per regolare i pesticidi. “Mmm Mmm Buono (Andersen, 2000, p. 11, Mickey Z, 2003).è legalmente registrato presso la Environmental Protection Agency come un pesticida, non un alimento e la Food and Drug Administration (FDA) non può regolare la patata New Leaf Superior perché la FDA non ha l’autorità per regolare i pesticidi. “Mmm Mmm Good (Andersen , 2000, p. 11, Mickey Z, 2003).è legalmente registrato presso la Environmental Protection Agency come un pesticida, non un alimento e la Food and Drug Administration (FDA) non può regolare la patata New Leaf Superior perché la FDA non ha l’autorità per regolare i pesticidi. “Mmm Mmm Good (Andersen , 2000, p. 11, Mickey Z, 2003).

49.) Quando un film viene pubblicato per la prima volta, non è raro che qualcuno si intrufoli in una videocamera nel teatro e registri il film nella sua interezza e trasferisca il filmato su DVD con boot boot da vendere per strada. Nel tentativo di contrastare tali sforzi, alcuni teatri “ora inviano agenti di polizia con occhiali per la visione notturna [come potresti trovare nell’esercito] per scovare i pirati”. Ma man mano che le videocamere diventano sempre più piccole, questa soluzione non è sempre affidabile. Ecco perché l’industria cinematografica sta lavorando allo sviluppo di un sistema che “creerebbe un fastidioso sfarfallio che verrebbe rilevato dalla telecamera, ma non visto ad occhio nudo … La ricerca di tale tecnologia è finanziata dal governo degli Stati Uniti, che sottolinea la dimensione del problema della pirateria “(” Hollywood Cracks “, 2003).

50.) Nel 1906, il Congresso emanò una legge sul diritto d’autore che consentiva agli artisti di proteggere le loro creazioni. Tuttavia, c’era un limite di tempo a quella protezione, dopo di che, sarebbe diventato una parte di dominio pubblico e il tempo stava scadendo per Disney sul suo copyright di Topolino. Ma, grazie al leader della maggioranza razzista del Senato Trent Lott, che ha ottenuto e aiutato ad approvare una proposta di legge che estende il copyright di Topolino fino al 2022, la Disney non deve preoccuparsi di un calo dei loro ricavi annuali di 2 miliardi di dollari. Questo grazie, in parte, al recente Sonny Bono Copyright Term Extension Act (Solomon, 1999).

51.) Pensi che abbiamo libertà di parola in questo paese? Non se sei in televisione; basta chiedere a Bill Maher. Poco dopo gli attacchi dell’11 settembre, Maher, in risposta all’etichettatura dei dirottatori come codardi, ha detto nel suo programma della ABC a tarda notte Politicamente scorretto, “Siamo stati i codardi che lanciano missili da crociera a 2000 miglia di distanza. È un vigliacco. aereo quando colpisce l’edificio, dì quello che vuoi, non è vigliacco “. Meno di una settimana dopo, il suo spettacolo è stato cancellato. La ABC (la cui casa madre è la Disney) ha affermato che la cancellazione non aveva nulla a che fare con le dichiarazioni di Maher, ma riguardava esclusivamente le sue valutazioni, che erano in calo da qualche tempo. “Era solo la cannuccia che ha spezzato la schiena del cammello”, ha detto Maher. Il portavoce della Casa Bianca Ari Fleischer, che non avevain realtà non ho visto la trasmissione, ha detto che i commenti di Maher sono stati “una cosa terribile da dire” e che è stato un promemoria che gli americani “hanno bisogno di guardare quello che dicono, guardare quello che fanno, e questo non è il momento di fare commenti del genere; non lo è mai. ” È un’affermazione piuttosto estrema, e persino uno dei consulenti dei media di Bush, Mark McKinnon, ha definito i commenti di Fleischer “Grande Fratello”, (Armstrong, 2001, 20 settembre; “Maher Tapes”, 2002; Armstrong, 2001, 27 settembre; Hirsen , 2002, marzo).I consulenti dei media di s, Mark McKinnon, hanno definito i commenti di Fleischer “Grande Fratello”, (Armstrong, 2001, 20 settembre; “Maher Tapes”, 2002; Armstrong, 2001, 27 settembre; Hirsen, 2002, marzo).I consulenti dei media di s, Mark McKinnon, hanno definito i commenti di Fleischer “Grande Fratello”, (Armstrong, 2001, 20 settembre; “Maher Tapes”, 2002; Armstrong, 2001, 27 settembre; Hirsen, 2002, marzo).

52.) Durante un concerto a Londra del 10 marzo 2003, la cantante dei Dixie Chicks, Natalie Maines, disse al suo pubblico: “Solo per questo, lo vergogniamo, il presidente degli Stati Uniti viene dal Texas!” Di conseguenza, ci sono stati molti boicottaggi organizzati in tutta la nazione. Clear Channel, il più grande proprietario di stazioni radio negli Stati Uniti (oltre 1.200), ha estratto i Dixie Chicks dalle liste di riproduzione delle loro stazioni. Clear Channel è anche coinvolto nell’organizzazione di manifestazioni di base a favore della guerra e contro le voci contro la guerra. Il vicepresidente dell’azienda, Tom Hicks, è membro del Bush Pioneer Club per elite e molto generosi collaboratori della campagna ed è stato un tempo reggente dell’Università del Texas. Durante quel periodo, “era responsabile della concessione di contratti di gestione delle dotazioni del nuovo creato

UT Investment Management Co. (UTIMCO). I contratti furono stipulati con aziende politicamente collegate sia a Hicks che a Bush, incluso il gruppo Carlyle ľ una società che aveva il primo presidente Bush sul libro paga [e che in precedenza aveva avuto anche il secondo]. Il consiglio di amministrazione di UTIMCO comprendeva anche il presidente di Clear Channel, L. Lowey Mays. [Mays è stato citato dicendo “Se qualcuno avesse detto che eravamo nel settore della radio, non sarebbe stato qualcuno della nostra compagnia. Non siamo nel settore della fornitura di notizie e informazioni. Non siamo nel settore di fornire musica ben studiata. Siamo semplicemente nel settore della vendita dei prodotti dei nostri clienti. “] Inoltre,Hicks acquistò i Texas Rangers da [George W.] Bush, rendendolo milionario attraverso un accordo che fu parzialmente addolcito da un nuovo stadio finanziato dai contribuenti, che includeva terreni preziosi ottenuti a tassi di mercato inferiori attraverso l’uso di un dominio eminente. ” con oltre 1.200 stazioni radio, Clear Channel possiede anche 36 stazioni televisive, 41 anfiteatri e ogni anno organizza oltre 26.000 spettacoli teatrali tra cui concerti, produzioni di Broadway, produzioni itineranti ed eventi sportivi e automobilistici (Ali, 2003; Fitzgerald, 2003; “CORRECTED”, 2003; Nichols & McChesney, 2003; “Radio Ga Ga”, 2003; “Clear Channel”, 2003).che includeva terre preziose ottenute a tassi di mercato inferiori grazie all’uso di un dominio eminente. “Oltre alle oltre 1.200 stazioni radio, Clear Channel possiede anche 36 stazioni televisive, 41 anfiteatri e ogni anno organizza oltre 26.000 spettacoli teatrali tra cui concerti, produzioni di Broadway , produzioni itineranti ed eventi sportivi e automobilistici (Ali, 2003; Fitzgerald, 2003; “CORRECTED”, 2003; Nichols & McChesney, 2003; “Radio Ga Ga”, 2003; “Clear Channel”, 2003).che includeva terre preziose ottenute a tassi di mercato inferiori grazie all’uso di un dominio eminente. “Oltre alle oltre 1.200 stazioni radio, Clear Channel possiede anche 36 stazioni televisive, 41 anfiteatri e ogni anno organizza oltre 26.000 spettacoli teatrali tra cui concerti, produzioni di Broadway , produzioni itineranti ed eventi sportivi e automobilistici (Ali, 2003; Fitzgerald, 2003; “CORRECTED”, 2003; Nichols & McChesney, 2003; “Radio Ga Ga”, 2003; “Clear Channel”, 2003).Nichols & McChesney, 2003; “Radio Ga Ga”, 2003; “Clear Channel”, 2003).Nichols & McChesney, 2003; “Radio Ga Ga”, 2003; “Clear Channel”, 2003).

53.) Richard Perle, ex assistente segretario alla Difesa nell’amministrazione Reagan e attuale presidente dell’influente Consiglio per la politica di difesa, che consiglia il segretario alla Difesa Donald Rumsfeld, è stato anche impiegato come consulente di Global Crossing, un’importante società di telecomunicazioni con una forte finanza interesse a fare pressioni sul Dipartimento della Difesa. Veniva pagato $ 750.000 dalla società, inclusi $ 600.000 se il governo approvasse la vendita della società a Hutchison Whampoa e Singapore Technologies Telemedia Pte. Una volta che il coinvolgimento di Perle con Global Crossing è stato esposto dal New York Times (“Il Pentagon Advisor è anche Advising Global Crossing, 21 marzo 2003), ha rassegnato le dimissioni con loro (Labaton, 2003;” Senato “, 2003).

Parte III: IndividuiŚAzioni e connessioni

È possibile che l’industria dell’intrattenimento possa aiutare il governo a formulare il suo messaggio al resto del mondo su chi sono gli americani e su cosa credono.
RyBryce Zabel, presidente dell’Accademia delle arti e delle scienze televisive

54.) Il padre di John F. Kennedy, Joseph P. Kennedy, si dilettò a Hollywood abbastanza in gioventù. Nel 1927, Robert Kane, uno dei direttori della First National Pictures, chiese all’anziano Kennedy di aiutare a riportare la “carriera vacillante di Gloria Swanson (aveva fondato la sua società di produzione) in un ordine finanziario in modo che, in” mani adeguate “, potrebbe “diventare di nuovo l’artista e smettere di provare a fare la donna d’affari producendo le sue foto”. “A cena, una sera, Joseph propose di diventare il suo” partner commerciale segreto “. Il loro rapporto commerciale alla fine ha portato a una relazione appassionata, che dura tutto l’anno (Hamilton, 1992, pagg. 63-64 e 69).

55.) All’ingresso dell’America nella seconda guerra mondiale, i cineasti di Hollywood furono assunti dal governo degli Stati Uniti per fare film di propaganda per la casa e all’estero. Tra quelli i cui talenti furono usati c’erano John Huston, John Ford, Howard Hawks e Frank Capra. L’Inghilterra non era diversa; tre dei classici di Alfred Hitchcock (Corrispondente straniero [1940], Saboteur [1942] e Lifeboat [1944]) furono realizzati come film di propaganda. Dopo la guerra, Hitchcock ha diretto due brevi documentari in Inghilterra, girati in francese e proiettati in Francia dopo la Liberazione. Nessuna stampa è stata rilasciata nei paesi di lingua inglese. Il famoso regista Akira Kurosawa ha fatto lo stesso per la sua terra natale in Giappone con il film The Most Beautiful (1944) (Rodi, 1976, pp. 152 e 158; Katz, 1994, pp. 471-472; Harris & Lasky, 1976, pp .10 e 12; Maltin, 2001, p. 923).

56.) J. Edgar Hoover, direttore del Federal Bureau of Investigation (FBI) dal 1924-1972, aveva una predilezione per tutte le cose di Hollywood. La maggior parte dei suoi amici erano celebrità e la maggior parte di loro erano stelle del cinema; Dorothy Lamour, Greer Garson, Ginger Rogers, Shirley Temple e Judy Garland sono stati tutti amici per tutta la vita. Tra quelli nella sua lista di corrispondenti speciali c’erano presidenti di reti televisive e radiofoniche come William S. Paley della CBS e David Sarnoff della NBC / RCA, Lawrence Welk, Billy Graham, Norman Vincent Peale, nonché dirigenti della Ford, Sears, The US Camera di commercio e Warner Brothers. Quando WB stava pianificando di realizzare The FBI Story (1959) con James Stewart, Mervyn LeRoy non fu approvato come regista del film fino a quando Hoover fu soddisfatto di “avere abbastanza sporcizia su di lui” (Gentry, 1991, p. 384).

57.) Dagli anni ’20 agli anni ’50, Walter Winchell fu uno dei giornalisti più influenti del paese, sia nella stampa che alla radio. È stato stimato che all’apice della sua popolarità, quasi i due terzi di tutti gli adulti negli Stati Uniti hanno ascoltato il suo programma radiofonico settimanale o letto la sua rubrica quotidiana. Era una figura così popolare e di fiducia, che Louis “Lepke” Buchalter (un boss della folla ebraica che all’epoca sfuggiva alle autorità da quasi due anni, e che era anche membro di Murder, Inc., un gruppo di assassini professionisti ) lo usò come intermediario (con l’FBI) nelle trattative per la sua resa. Alla fine Hoover scrisse a Winchell una lettera in cui affermava: “Quando ero a New York la scorsa settimana, il signor Frank Fay, l’agente speciale responsabile dell’ufficio di New York di questa divisione,mi ha parlato dell’assistenza che sei stato per lui e dell’interesse che hai suscitato nel nostro lavoro … Volevo scriverti una nota personale e farti sapere quanto sono profondamente riconoscente, non solo ufficialmente, ma personalmente … “(Per un raccolta di quasi 4.000 pagine di comunicati Hoover / Winchell compilate dall’FBI ľ ai sensi del Freedom of Information Act ľ vedi.) In effetti, la relazione di Winchell con l’FBI ľ e Hoover in particolare ľ divenne così amichevole che di tanto in tanto Hoover chiedeva Winchell ha trattenuto il rilascio di notizie per una miriade di ragioni, ad esempio quando l’FBI ha fatto un arresto nel rapimento di un bambino di Linbergh, per esempio, Winchell ha saputo della cattura di Bruno Richard Hauptmann meno di un’ora dopo che si era verificato. che si è seduto sulla storia per 24 ore e Winchell ha accettato.Più tardi, Hoover ricambiò il favore fornendogli informazioni sulle prove che l’FBI aveva accumulato contro Hauptmann (Gabler, 1995, pp. Xi-xvi e 197; Winchell, 1975, pp. 136-148; Klurfeld, 1976, pp. 68 -69).

58.) I editorialisti del gossip di Hollywood Hedda Hopper e Louella Parsons hanno fornito a Hoover migliaia di rapporti confidenziali, dai quali ha appreso quali star avrebbero avuto problemi coniugali, di droga o alcolici, malattie veneree, erano omosessuali o erano coinvolte con ragazze minorenni (Gentry, p. 384).

59.) Dal 1940 fino alla sua morte nel 1966, Walt Disney fu un informatore segreto dell’ufficio dell’FBI a Los Angeles, fu persino nominato agente speciale dell’FBI con il nome in codice “SAC Contact”. A causa della sua fervida posizione anticomunista, sviluppò una relazione molto amichevole con J. Edgar Hoover, arrivando persino a permettergli di censurare e modificare gli script, tra cui Moon Pilot (1962) e That Darn Cat! (1965) (Mittgang, 1993; Giroux, 1999, pagg. 128-129).

60.) Il primo riferimento noto del nome di Ronald Reagan in un file dell’FBI è il 17 settembre 1941, scritto da Hugh Clegg, assistente agente speciale responsabile della divisione Los Angeles dell’FBI. “Ha scritto che avrebbe” familiarizzato intimamente “con Ronald Reagan, della Warner Brothers Studios,” che potrebbe essere di aiuto all’Ufficio di presidenza “”; A Reagan fu dato il nome in codice di T-10. Louis B. Mayer (capo della MGM) ha scelto Reagan come membro di un comitato ľ guidato anche da MayerŚ il cui scopo era quello di “eliminare” l’industria cinematografica dei membri del Partito Comunista. Reagan “dichiarò che era fermamente convinto che il Congresso dovesse definire quali organizzazioni sono controllate dai comunisti in modo tale che l’appartenenza ad esse possa essere interpretata come un’indicazione di slealtà”. Reagan e Mayer, insieme a Dick Powell,Ray Milland e Adolphe Menjou, erano anche coinvolti con il Comitato di Hollywood per la rielezione di Joe McCarthy. Ronald Reagan è stato presidente degli Stati Uniti dal 1981-1989, con un ex capo della CIA (1976-1977), George HW Bush, come vicepresidente (Moldea, 1987, pp. 78-79; Oshinsky, 1983, p. 243; Zinn, 1998, p. 366).

61.) Sir Laurence Olivier era già una grande presenza di Hollywood quando, nel 1939, si offrì volontario per ľ e fu respinto dalla ľ Royal Air Force. “Imperterrito, ha accumulato 200 ore di volo da solo e nel 1941 si è unito al Fleet Air Arm della Royal Navy. È stato rilasciato due volte per girare film di propaganda,” That Hamilton Woman (1941), 49th Parallel (1941), e The Demi-Paradise (1943), “e nel 1944 fu dimesso”. Quella Hamilton Woman era un film americano realizzato per raccogliere il sostegno filo-britannico dal popolo americano ed era presumibilmente il film preferito di Winston Churchill (Katz, pp. 1033-1034; Maltin, 2001, pp. 342, 480 e 1376).

62.) Sir Alec Guinness, un attore affermato con una carriera che dura da oltre 60 anni (tra cui Oliver Twist [1948], The Bridge on the River Kwai [1957], Lawrence d’Arabia [1962] e Dr. Zhivago [1965] ) sarà ricordato per sempre per il suo ruolo nella trilogia originale di Star Wars nel ruolo di Obi-Wan “Ben” Kenobi. Era già un attore teatrale affermato quando si unì alla Royal Navy nel 1941; si arruolò come un normale marinaio e ottenne una commissione l’anno successivo. “Nel 1942 gli fu concesso un permesso speciale per il suo debutto sul palcoscenico di New York in una commedia propagandistica” (Katz, p. 570).

63.) Durante la seconda guerra mondiale, Jimmy Stewart “ha pilotato 20 missioni sulla Germania come pilota di bombardiere, passando da un privato a un colonnello completo”. Si ritirò nel 1968 dalle Riserve dell’Aeronautica Militare come generale di brigata, “il più alto intrattenitore dell’esercito americano” (Katz, pp. 1300-1301).

64.) Attore Neville Brand (DOA [1949], Stalag 17 [1953], Love Me Tender [1956], Le avventure di Huckleberry Finn [1960], Birdman of Alcatraz [1962], That Darn Cat! [1965] e Tora! Tora! Tora! [1970]) ha trascorso dieci anni nell’esercito americano. Fu dimesso nel 1946 come il 4 ° GI più decorato della seconda guerra mondiale (Katz, p. 164).

65.) Attore Lee Marvin (The Wild One [1954], The Killers [1964], The Dirty Dozen [1964], Paint Your Wagon [1967], The Iceman Cometh [1973], The Big Red One [1980], Gorky Park [1983] e Delta Force [1986]), che aveva girato quasi sessanta film in una carriera che durava da più di quarant’anni, viene sepolto al Cimitero Nazionale di Arlington insieme ad alcuni dei soldati di più alto rango nella storia dell’armata americana forze. Sebbene il suo segnalino fornisca solo il suo nome, grado (privato) e servizio (USMC), non menziona la sua parte nella famigerata battaglia di Iwo Jima, per la quale ha vinto la Navy Cross, il secondo premio più alto che un soldato può ricevere. Il suo sergente in quella battaglia fu un’altra persona degna di nota e Marvin riportò la seguente storia in The Tonight Show:

JOHNNY CARSON: “Lee, scommetto che molte persone non sono consapevoli del fatto che eri un marine nello sbarco iniziale a Iwo Jima … e che nel corso di quell’azione hai guadagnato la Navy Cross e sei stato gravemente ferito”.

LEE MARVIN: “Sì, sì … Mi hanno sparato nel culo e mi hanno dato la Croce per avermi assicurato un punto caldo a metà strada verso Suribachi … La cosa cattiva di farsi sparare su una montagna è che i ragazzi stanno sparando tirandoti giù. Ma Johnny, a Iwo, ho prestato servizio sotto l’uomo più coraggioso che abbia mai conosciuto … Entrambi abbiamo avuto la croce lo stesso giorno, ma quello che ha fatto per la sua croce ha reso la mia un aspetto economico in confronto. Il bastardo stupido si è effettivamente alzato sulla spiaggia rossa e ha ordinato alle sue truppe di spostare le premesse e vattene dalla spiaggia … Che io e il sergente siamo stati amici per tutta la vita. Quando mi hanno portato via da Suribachi, abbiamo passato il sergente e lui ha acceso un fumo e me lo ha passato sdraiato sul ventre sulla lettiera e ha detto: “Dov’erano ti prendi, Lee? “Beh, Bob … se torni a casa prima di me, di ‘alla mamma di vendere la dependance!” Johnny, io ‘Non sto mentendo … Il sergente Keeshan era l’uomo più coraggioso che io abbia mai conosciuto … Bob Keeshan … Tu e il mondo lo conoscete come il Capitano Canguro “(” Lee Marvin “, nd).

66.) Negli anni ’40, John F. Kennedy andò a braccetto con artisti del calibro di Spencer Tracy, Clark Gable, Lana Turner, Gary Cooper, Walter Huston, Sonja Hennie, Gene Tierney, Peggy Cummins e il leggendario produttore Sam Spiegel. “Era una celebrità ľ una celebrità minore, ma comunque una celebrità. A Hollywood tutti conoscevano o conoscevano suo padre” che, a quel tempo, era un ambasciatore americano, un confidente della FDR e un amico di Winston Churchill (Hamilton , pagg. 380, 684 e 777-778).

67.) Robert Montgomery, che aveva realizzato più di 55 film in una carriera di attore che si estendeva tra il 1929-1960 (tra cui Blondie of the Follies [1932], Riptide [1934], Mr. and Mrs. Smith [1941], Here Viene Mr. Jordan [1941], They Were Expendable [1945], e The Gallant Hours [1960]), fu anche scrittore e consigliere del presidente Dwight Eisenhower (1953-1961) che in seguito lo nominò consulente speciale del presidente in televisione e comunicazioni pubbliche. Nel 1947, guidò il Comitato repubblicano di Hollywood per eleggere il presidente Thomas E. Dewey e negli anni ’60 prestò servizio come consulente di comunicazione per John D. Rockefeller, III. Sua figlia è Elizabeth Montgomery, della fama televisiva incantata (“Robert Montgomery”, 2003; Vaughn, p. 76; Katz, pagg. 962-963).

68.) Nel 1950, Irvin Kershner, regista di film come The Flim-Flam Man (1967), The Return of a Man Called Horse (1976), The Eyes of Laura Mars (1978), The Empire Strikes Back (1980 ) e Robocop II (1990), è stato un regista di documentari per il Servizio informazioni degli Stati Uniti lavorando in Iran e Giordania (Katz, p. 744).

69.) Nell’aprile del 1953, Cecil B. DeMille, che lavorava presso i Paramount Studios, fu nominato consulente speciale del governo per il cinema. Per quanto riguarda la propaganda, DeMille credeva che l’uso più efficace dei film americani non fosse quello di progettare un intero quadro per far fronte a un certo problema, ma piuttosto di fare in modo che in un film normale, la linea giusta, a parte, l’inflessione , o il movimento delle sopracciglia è stato introdotto per riflettere le attitudini americane desiderate su qualunque argomento fosse a portata di mano. DeMille una volta disse a CD Jackson, del Comitato per le attività di informazione internazionale di Eisenhower, che aveva anche legami con la CIA, che “ogni volta che potevo dargli [Luigi Luraschi, un dirigente di vecchia data presso Paramount Studios] un semplice problema per un paese o un’area, lui troverebbe un modo di affrontarlo in un’immagine “(Eldridge, 2000).

70.) Nel 1956, The Chief Chiefs of Staff incontrarono John Ford, John Wayne e il produttore Ford, Merian Cooper, per discutere di come Hollywood potesse promulgare il concetto di “libertà militante”. Concordarono sull’imperativo di produrre film che “spiegassero le vere condizioni esistenti sotto il comunismo … e spiegassero i principi su cui si basa lo stile di vita del mondo libero” (Eldridge).

71.) Il presidente John F. Kennedy (1961-1963) fu considerato piuttosto il donnaiolo durante i suoi anni alla Casa Bianca e abbondano le voci secondo cui era stato romanticamente coinvolto con Jayne Mansfield, Angie Dickinson (un membro del Rat Pack), Kim Novak, Janet Leigh e Marilyn Monroe ľ Grace Kelly lo hanno visitato in ospedale dopo un intervento alla schiena. Anche il fratello di JFK, Robert Kennedy, era presumibilmente coinvolto con Monroe e la visitò anche poco prima della sua morte, accompagnato da un medico che le iniettò un tranquillante mentre Robert la tratteneva. Poche ore prima di morire nell’agosto del 1962, secondo quanto riferito, sussurrò a Peter Lawford, “Saluta il presidente [per me]”, (Parmet, 1983, p. 304; Martin, 1983, pagg. 403-404) .

72.) L’ex corrispondente di ABC News Pierre Salinger era una volta segretario stampa del presidente Kennedy (“Salinger”, 1997).

73.) L’ex impacchettatore di ratti Peter Lawford, apparso in film come Little Women (1949), It Should Happen to You (1954), Exodus (1960), Ocean’s Eleven (1960) e The Longest Day (1962), era sposato con Patricia Kennedy, sorella di John F., Robert F. ed Eunice Kennedy (“Peter”, 2003).

74.) All’assassinio di JFK, la polizia di Dallas, in Texas, ha arrestato chiunque sembrasse anche lontanamente sospetto; centinaia di uomini sono stati arrestati, fotografati, stampati e rilasciati. Tra loro c’erano tre hobos che furono arrestati su un treno vicino a Dealy Plaza. Dopo ulteriori indagini da parte di Jim Garrison, è stato rivelato che due di quegli hobos – che, si è scoperto, non erano affatto hobos – erano noti sicari con connessioni mafiose. Uno di quegli uomini era Charles Harrelson, che attualmente sta scontando l’ergastolo per il colpo del giudice di San Antonio, John Wood, Jr. Charles Harrelson è il padre di Woody Harrelson (“Harrelson’s”, 1999; Jones, 2003).

75.) Kirk Douglas è stato un ambasciatore di buona volontà per il Dipartimento di Stato e l’Agenzia di informazione degli Stati Uniti a partire dal 1963. Nel 1981, è stato il destinatario della Medaglia presidenziale della libertà, “il più alto onore conferito a un cittadino privato” (Katz , p. 384).

76.) L’attore George L. Murphy, che aveva realizzato più di 35 film tra il 1930 e il 1952 (tra cui Broadway Melody del 1938 [1937], Broadway Melody del 1940 [1940], The Navy Comes Through [1942], Avere un meraviglioso Time [1945], Battleground [1949] e Border G-Man [1950]), proseguirono con successo la carriera di senatore repubblicano degli Stati Uniti per lo Stato della California dal 1965-1971. Inoltre, è stato delegato alla Convention nazionale repubblicana della California nel 1948, 1952 e 1956 (“George”, 2003; “Political Graveyard”, 2002).

77.) Jack Valenti (20, 22 e 26 anni) è nato a Houston, in Texas, e ha iniziato a lavorare all’età di 16 anni come ragazzo d’ufficio per Humble Oil Co., che ora è Exxon. Nel 1952, ha co-fondato l’agenzia di consulenza politica e pubblicitaria, Weekly & Valenti, che era responsabile della stampa durante quella fatidica visita del presidente John F. Kennedy a Dallas, in Texas, nel novembre del 1963. Entro un’ora dall’assassinio , volò sull’Air Force One di nuovo a Washington come Assistente speciale del presidente Lyndon Johnson (1963-1969). Rimase uno stretto aiuto al presidente dal 1963-1966 ed è uno dei due soli assistenti speciali del presidente che hanno vissuto alla Casa Bianca (l’altro era l’assistente della FDR Harry Hopkins). Secondo Valenti, egli stesso, “Mi sono seduto a tutte le riunioni del Vietnam in cui il presidente Johnson era impegnato, dal giorno di John F.L’assassinio di Kennedy nel giorno in cui ho lasciato la Casa Bianca a metà del 1966. Penso di conoscere a chiunque il flusso e riflusso delle maree del Vietnam all’interno della Casa Bianca. “Questo è piuttosto inquietante da sapere, considerando una delle menzogne ​​più sfacciate e manipolatorie mai raccontate al popolo americano è uscita dalla Casa Bianca durante questo periodo. Secondo lo storico Howard Zinn, “All’inizio di agosto 1964, il presidente Johnson usò una serie oscura di eventi nel Golfo del Tonchino, al largo della costa del Vietnam del Nord, per lanciare una guerra su vasta scala in Vietnam. Johnson e il segretario alla Difesa Robert McNamara hanno riferito al pubblico americano che c’è stato un attacco da parte di siluri nord vietnamiti contro cacciatorpediniere americani. “Durante una pattuglia di routine in acque internazionali”, ha detto McNamara, “il cacciatorpediniere americano Maddox ha subito un attacco non provocato”.In seguito si è scoperto che l’episodio del Golfo del Tonchino era un falso, che i più alti funzionari americani avevano mentito al pubblico … In effetti, la CIA aveva intrapreso un’operazione segreta attaccando le installazioni costiere del Vietnam del Nord ľ quindi se ci fosse stato un attacco avrebbe non sono stati “non provocati”. Non era una “pattuglia di routine”, perché il Maddox era in una speciale missione di spionaggio elettronico. E non era nelle acque internazionali ma nelle acque territoriali vietnamite. Si è scoperto che nessun siluro è stato sparato contro il Maddox, come ha detto McNamara.

Un altro attacco riferito a un altro cacciatorpediniere, due notti dopo, che Johnson ha definito “aggressione aperta in alto mare”, sembra essere stato anche un’invenzione. “Il giorno successivo, il presidente Johnson ha inviato una risoluzione congiunta al Congresso in cerca di approvazione affinché lo accettasse “tutte le misure necessarie “per porre fine all’aggressione comunista nell’Asia meridionale. È stata approvata alla Camera dei rappresentanti, in meno di un’ora, con un voto di 414-0. Il Senato è stato meno rapido ad approvare la misura, ma alla fine l’ha fatto da 88 a 2 anni, con Ernest Gruening dell’Alaska e Wayne Morse dell’Oregon in dissenso. Così, la guerra in Vietnam fu intensificata. Dal 1966, Jack Valenti è stato presidente e CEO della Motion Picture Association of America (MPAA), uno dei le più potenti organizzazioni di controllo di Hollywood che hanno uffici a Washington DC Da quando ha assunto il ruolo di capo dell’MPAA, “l’industria cinematografica nel suo insieme ha adottato … un atteggiamento più tollerante in materia di autocensura” (Università della Florida , 1998-1999; Università del Texas, 2000; “Jack”, nd; Valenti, 2001; Zinn, 1999, pp. 475-476; O ‘Neill, 1987, pag. 189; Katz, p. 1400).

78.) Rispetto della personalità della stampa Bill Moyers, conduttore di programmi come This Week (1970), Our Times with Bill Moyers (1983), Moyers: Joseph Campbell and the Power of Myth (1988), Ascolto in America con Bill Moyers (1992) ), e NOW con Bill Moyers (2002-oggi), una volta era coinvolto in politica, lui stesso. Alla fine degli anni ’50, era un assistente speciale del senatore Lyndon Johnson. Ha servito come vicedirettore di The Peace Corps durante l’amministrazione Kennedy e in seguito è stato assistente speciale del presidente Johnson dal 1963 al 1965 prima di ricoprire il ruolo di segretario alla stampa presidenziale dal 1965 al 1967 (“Bill”, nd).

79.) Shirley MacLaine, “nel 1968, era un delegato promesso da Bobby Kennedy dalla California alla convention democratica e nel 1972 fece una campagna con lo stesso zelo per [George] McGovern”, (Katz, p. 874).

80.) Alla fine degli anni ’60, Shirley Temple (ufficialmente noto come Shirley Temple Black dopo il suo matrimonio del 1950 con il dirigente televisivo Charles Black) corse senza successo per la sede congressuale repubblicana vacante del suo distretto di origine di San Mateo, in California. “Nel 1968 è stata nominata dal presidente Nixon (1969-1974) come rappresentante degli Stati Uniti presso le Nazioni Unite. Ha servito come ambasciatrice degli Stati Uniti in Ghana dal 1974 al 1976, quando è diventata capo del protocollo degli Stati Uniti. Nel 1989 il presidente George Bush [Sr .] (1989-1993) nominò il suo ambasciatore in Cecoslovacchia “(Katz, pagg. 1337-1338).

81.) Il 21 dicembre 1970, Elvis Presley incontrò Richard Nixon alla Casa Bianca. L’incontro è stato avviato da Elvis tramite una lettera scritta a mano di sei pagine che chiedeva una visita con il Presidente e suggeriva che sarebbe stato nominato un “Agente federale in generale” nel Bureau of Narcotics and Dangerous Drugs (BNDD). La sua lettera affermava in parte: “Sono Elvis Presley e ti ammiro e ho un grande rispetto per il tuo ufficio … La cultura della droga, gli elementi hippie, la SDS, le Pantere nere, ecc. Non mi considerano il loro nemico o come chiamano lo stabilimento. Lo chiamo americano e lo adoro … Ho fatto uno studio approfondito sull’abuso di droghe e sulle tecniche di lavaggio del cervello comunista, e sono nel bel mezzo di tutto ciò che posso e farò il meglio … sono felice di aiutarti solo se è tenuto molto privato … “Prima dell’incontro”Alla fine, a Presley è stato assegnato un badge “appositamente preparato” dal BNDD. Per leggere la lettera nella sua interezza, consultare l’Archivio di sicurezza nazionale presso la George Washington University di (Loughlin, 2002; “Transcription”, nd).

82.) Dal 1973-1974, presentatore di un game show (Win Ben Stein’s Money [1997-oggi]) e qualche volta attore (Ferris Bueller’s Day Off [1986]), Ben Stein, è stato uno scrittore e avvocato per Richard Nixon alla Casa Bianca e poi per il presidente Gerald Ford (1974-1977) (“Ben”, 2003).

83.) Diane Sawyer della ABC è stata assistente di Richard Nixon per otto anni, inclusa l’amara fine della sua presidenza. Non era solo un aiuto, ma un’assoluta lealista che era una dei fedeli sull’aereo che portò Nixon a San Clemente quando alla fine si dimise in disgrazia (Solomon, 2000).

84.) Nel corso di una conferenza del 1975 a Hong Kong, Barry Zorthian – il capo della JUSPAO (Joint US Public Affairs Office), che gestiva la propaganda della guerra del Vietnam – “si lamentò che alcuni dei giornalisti” incorporati “di quel tempo erano così stupidi che non potevano prendere segnali quando qualcosa andava storto. ” Era così arrabbiato per questo, che ha rinunciato alla sua posizione, dove aveva una posizione quasi uguale con il capo della stazione della CIA e il generale Westmoreland in termini di gerarchia nella propaganda “, e tornò al suo vecchio lavoro come vicepresidente di Time Magazine “(Sainath, 2003).

85.) Ora, potrebbe essere in crisi, o potrebbe rivelare una verità sorprendente nella sua autobiografia del 1982, ma il creatore di programmi televisivi come The Newlywed Game e The Gong Show, Chuck Barris, afferma di essere stato un assassino del CIA (Barris, 2002, pagg. 42-51).

86.) Nancy Kulp che, nonostante i suoi numerosi ruoli cinematografici e numerose apparizioni televisive, sarà ricordata per sempre come Miss Jane Hathaway in The Beverly Hillbillies (1962-1971). Nel 1984, fece un’offerta politica senza successo per la sede del IX distretto congressuale nella Camera dei rappresentanti della Pennsylvania (“Nancy”, 1996).

87.) Nel 1986, Clint Eastwood fu eletto sindaco di Carmel-by-the-Sea, California; ha servito per due anni. Nel 2002, è stato nominato dal governatore Gray Davis come membro della California State Park and Recreation Commission, una posizione non retribuita di quattro anni. (Maltin, 1994; Hirsen, 2002 novembre).

88.) Fred Grandy, meglio noto come Gopher per il suo ruolo nella serie televisiva The Love Boat (1977-1986), divenne un membro del Congresso degli Stati Uniti del partito repubblicano per lo stato dell’Iowa dal 1987 al 1995. Il 26 ottobre 1992, acquistò tra $ 15.000 e $ 50.000 di azioni in Biogen, un importante produttore farmaceutico. Quattro giorni dopo, il presidente George HW Bush firmò il PL 571 “per autorizzare la domanda di droga umana, lo stabilimento di farmaci soggetti a prescrizione medica e le tasse sui prodotti soggetti a prescrizione medica”. Il 5 novembre 1992, Grandy vendette il suo titolo Biogen con una probabile plusvalenza compresa tra il 6-8%. All’epoca, faceva parte del sottocomitato House Ways and Means Health, era membro del House Biomedical Research Caucus ed era un membro di minoranza in classifica nel comitato etico della House. Ora è il presidente di Goodwill Industries (“Fred Grandy “, nd;” Rep. Fred “, nd).

89.) Sonny Bono, di fama di Sonny e Cher, ha lasciato l’industria dell’intrattenimento ed è entrato in politica. Repubblicano registrato, è stato eletto sindaco di Palm Springs, in California nel 1988, eletto alla sede della Camera dei Rappresentanti in rappresentanza di Palm Springs nel 1992 e rieletto nel 1996 (“Sonny”, 2003).

90.) Nel 1988, Pat Robertson (nato Marion Gordon Robertson), ideatore e conduttore di The 700 Club (1966-oggi) e fondatore di The Christian Broadcasting Network (CBN) nel 1960, voleva candidarsi alla presidenza sotto la bandiera repubblicana. La sua piattaforma includeva la promessa di far uscire tutte le testate sovietiche da Cuba, nonostante il fatto che la Casa Bianca non avesse prove che Cuba ne avesse. Di fronte a questo in un dibattito con George HW Bush e Jack Kemp, ha rivelato che era solo un sospetto. Inoltre, affermava che l’AIDS poteva essere trasmesso baciando e che Dio gli aveva detto di candidarsi alla presidenza. Sul suo curriculum, ha osservato che il suo dovere di combattimento nella guerra di Corea era un “prerequisito indispensabile per l’ufficio”, nonostante il fatto che suo padre,Absalom Willis Robertson (membro del Congresso e senatore degli Stati Uniti dal 1932 al 1966 ľ 14 anni alla Camera dei Rappresentanti e 20 al Senato) aveva messo insieme alcune corde con il generale Lemuel Shepherd, comandante del Corpo dei Marines, per toglierlo dal servizio di combattimento prima che vedesse qualunque. Quattro anni dopo il fallimento della sua campagna, la Federal Elections Commission (FEC) ha pubblicato un controllo dettagliato della sua campagna. L’elenco delle violazioni delle linee guida della campagna federale includeva accuse secondo cui la sua campagna superava i limiti di spesa in Iowa e nel New Hampshire, che aveva usato i fondi della campagna per pagare sanzioni fiscali federali e locali e che aveva speso quasi $ 75.000 per “inviare sostenitori alla Convention Nazionale Repubblicana e ha tentato di contare i soldi come spesa per la campagna anche se [lui] era stato fuori gara per almeno tre mesi prima che si verificasse la convenzione. “Inoltre, gli è stato detto di rimborsare varie notizie organizzazioni mediatiche di oltre $ 100.000 per averle caricate eccessivamente per i voli delle compagnie aeree e il governo federale $ 380.000 (Foege, 1996, pp. 218-221; Boston, 1996, pp. 24 e 58-59).

91.) Maria Shriver (democratica registrata) della NBC è figlia di Eunice Kennedy, sorella di John F., Robert F. e Patricia Kennedy. È sposata con l’attore Arnold Schwarzenegger (un repubblicano registrato), che ha servito per molti anni come presidente del Council’s President on Physical Fitness sotto Bush, Sr. e ha detto alla rivista Talk (nel numero di novembre 1999) che stava pensando a una corsa per il governatorato della California. Inoltre, suo padre era un membro del partito nazista (“Maria”, nd; Bellone, 2002; “Arnold”, 2003; “Schwarzenegger’s”, nd).

92.) Il senatore Fred Dalton Thompson, repubblicano del Tennessee (1994-2003), è apparso in circa venti film, tra cui Feds (1988), The Hunt for Red October (1990), Cape Fear (1991), Bed of Lies ( 1992), In the Line of Fire (1993) e Baby’s Day Out (1994) e ha recitato in programmi televisivi come Wiseguy (1988), Roseanne (1989) e Law & Order (1990). La sua “carriera di attore si è intersecata in una pratica legale redditizia, in cui è stato consulente di un importante studio legale di Washington”, e ha anche considerato una corsa per le elezioni presidenziali del 2000. È stato anche assistente avvocato americano (1969-1972); consulente di minoranza, Senato Select Committee on Presidential Campaign Activities (noto anche come “The Watergate Committee”) (1973-1974); consigliere speciale del governatore del Tennessee Lamar Alexander (1980); consulente speciale,Commissione del Senato per le relazioni estere (1980-1981); consulente speciale, Senate Intelligence Committee (1982); membro della Commissione di nomina della Corte d’appello del Tennessee (1985-1987). Dopo il suo ritiro dal Senato, ha assunto un ruolo da protagonista nel dramma della NBC Law & Order come procuratore distrettuale Arthur Branch, il cui personaggio apparirà anche nella serie spin-off Special Victim Unit e Criminal Intent del programma (vedi 17) ( “Thompson”, nd; “Fred Dalton Thompson”, 2003; Drew, 1999, p. 5; “Fred Thompson”, nd; “Law & Order”, 2003; Hirsen, 2002, ottobre).s ha interpretato un ruolo da protagonista nel dramma della NBC Law & Order nel ruolo del procuratore distrettuale Arthur Branch, il cui personaggio apparirà anche nella serie spin-off Special Victim Unit e Criminal Intent (vedi 17) (“Thompson”, nd; ” Fred Dalton Thompson “, 2003; Drew, 1999, p. 5;” Fred Thompson “, nd;” Law & Order “, 2003; Hirsen, 2002, ottobre).s ha interpretato un ruolo da protagonista nel dramma della NBC Law & Order nel ruolo del procuratore distrettuale Arthur Branch, il cui personaggio apparirà anche nella serie spin-off Special Victim Unit e Criminal Intent (vedi 17) (“Thompson”, nd; ” Fred Dalton Thompson “, 2003; Drew, 1999, p. 5;” Fred Thompson “, nd;” Law & Order “, 2003; Hirsen, 2002, ottobre).

93.) L’ex wrestler professionista Jesse “The Body” Ventura ha corso con successo per il governatorato del Minnesota nel 1998 sotto il Partito della Riforma (passando al Partito Indipendente del Minnesota nel 2000). È apparso in diversi film, tra cui il successo di Arnold Schwarzenegger del 1987, Predator. Dopo la sua esperienza come governatore, ospiterà il suo talk show su MSNBC (“Minnesota”, 2003; “Minneapolis Star”, 2003).

94.) Suzanne Morrison, la madre Matthew Perry, una delle star di Friends della NBC, un tempo era la segretaria stampa del primo ministro canadese Pierre Trudeau. Dopo il divorzio dei genitori di Matthew, sua madre sposò Keith Morrison, un giornalista della NBC (“Matthew”, 2003).

95.) Mark McKinney, uno dei membri dell’ormai classica compagnia comica di sketch canadese The Kids in the Hall, è il figlio di un diplomatico canadese di carriera, Russell McKinney (“Biografia per Mark McKinney”, 2003).

96.) L’attore premio Oscar Tommy Lee Jones era un compagno di stanza dell’ex vicepresidente Al Gore mentre frequentava l’Università di Harvard (“Tommy”, 2003).

97.) Il corrispondente corrispondente della NBC, Andrea Mitchell, è sposato con il presidente della Federal Reserve americana Alan Greenspan (“Knighted”, 2002).

98.) Il corrispondente corrispondente internazionale della CNN, Christiane Amanpour, è sposata con James Rubin, ex segretario di Stato aggiunto per gli affari pubblici e portavoce capo del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti dal 1997-2000, e ora partner della sede di Londra Azienda di pubbliche relazioni, Gruppo Brunswick. Come per Hill & Knowlton e The Rendon Group (vedi 44), The Brunswick Group utilizza i talenti e le competenze delle persone collegate sia al governo che ai media. Ciò include Michael Buckley, ex direttore nazionale di Hill e Knowlton’s Litigation Group; Steve Lipin, premio Pulitzer nominato editor finanziario del Wall Street Journal; Tim Payne, ex direttore delle pubbliche relazioni ed editore a supporto della Camera di commercio di Westminster e direttore della campagna per il partito liberale democratico del Regno Unito;Fiona Antcliffe ha lavorato alla House of Commons per i parlamentari George Gardiner e Colin Moynihan negli anni ’80; Tom Buchanan e Jonathan Glass hanno entrambi lavorato presso Price Waterhouse, la società di contabilità responsabile della tabulazione e della segretezza dei risultati dei voti per gli Oscar; Simon Holberton ha avuto una carriera di undici anni al Financial Times di Londra; Susan Gilchrist era corrispondente al dettaglio presso il Times of London; James Hogan ha lavorato per BBC News & Current Affairs dove era responsabile del tempo delle interrogazioni, delle elezioni e dei documentari; David Shapiro era stato un segretario stampa del senatore americano Richard Lugar e un premiato giornalista televisivo con il MacNeil-Lehrer NewsHour; Richard Jacques ha lavorato una volta presso l’ufficio del governo del Regno Unito e il DTI (Dipartimento del commercio e dell’industria), fornendo consulenza sulle normative europee,competitività industriale, privatizzazioni governative e relazioni commerciali del Regno Unito con il Nord America, in seguito divenne diplomatico con sede a Bruxelles in rappresentanza del governo britannico su questioni relative all’industria e alla concorrenza; JeanneMarie Prost è stata direttore finanziario di gruppo di France Television, il gruppo di radiodiffusione pubblica che supervisiona i tre canali France 2, France 3 e France 5 (Cockburn, 2000; “James Rubin”, nd; “The Partners”, 2003).The Partners “, 2003).The Partners “, 2003).

99.) Il regista Kevin Rafferty, che ha girato film come The Atomic CafÚ (1982), Feed (1992) e The Last Cigarette (1999), ed era stato operatore di macchina da presa per Roger & Me (1989) e The War Room (1992), è cugino del presidente George W. Bush. La sorella di Barbara Bush è la madre di Kevin Rafferty, facendo di suo zio un ex capo della CIA (Moore, 2000).

100.) La star del bambino Charlie Korsmo (Dick Tracy [1990], Men Don’t Leave [1990], What About Bob? [1991], The Doctor [1991] e Hook [1991]) si ritirarono dall’industria cinematografica nel 1992 e ha conseguito una laurea in fisica presso il MIT nel 2000. Da allora, ha accettato una posizione con la squadra di difesa missilistica del governo degli Stati Uniti, ha lavorato come assistente speciale presso la Environmental Protection Agency e attualmente ricopre il ruolo di vice analista di politica interna per il Comitato politico repubblicano della Camera della Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti (“Biografia di Charlie Korsmo”, 2003).

101.) Spike Jones, nato Adam Spiegel, è stato il regista di numerosi video musicali e del film Being John Malkovich (1999). Sebbene non dia il suo nome, secondo un articolo di Newsweek del 18 ottobre 1999, la madre di Spike lavora per il dipartimento delle comunicazioni della Banca mondiale. La Banca mondiale, insieme al Fondo monetario internazionale (FMI), è stata istituita durante la seconda guerra mondiale ed è essenzialmente un collegamento tra Washington, DC e i paesi del terzo mondo sottosviluppati che necessitano di assistenza finanziaria. “La funzione centrale di queste istituzioni di prestito multilaterali è stata quella di attirare più strettamente i governanti e i governi degli stati più deboli in un’economia mondiale dominata da grandi società transnazionali”. Inoltre, hanno una storia orribile di sostegno a regimi e governi militari brutali (Schoemer, 1999;Danaher, 1994, pp. 1-2; Rich, 1994, pp. 7-9).

102.) Nel 2002, Angelina Jolie è stata assunta dalle Nazioni Unite come ambasciatrice di buona volontà delle Nazioni Unite. Alcune altre celebrità che sono state coinvolte con le Nazioni Unite nell’ultimo anno includono Danny Glover, Roger Moore, Vanessa Redgrave, Peter Ustinov, Bono degli U2 (che hanno partecipato a un tour di quattro nazioni in aiuti di stato e di ricerca di debiti con il segretario al Tesoro americano Paul O ‘ Neill), ed ex Spice Girl Geri Halliwell (Hirsen, 2002, agosto; Hirsen, 2002, settembre).

103.) Richard D. Parsons, Presidente e CEO di AOL Time Warner, un tempo era consigliere per Nelson Rockefeller e un anziano aiutante della Casa Bianca sotto Gerald Ford. Attualmente è anche presidente della Apollo Theater Foundation e fa parte del consiglio di amministrazione del Museum of Modern Art (AOL Time Warner, 2003).

104.) A Jennifer Garner, star della serie di successo Alias, è stato chiesto dalla vera CIA di apparire in un video di reclutamento della CIA che sarebbe mostrato agli studenti universitari. Anche se non lo ha ancora fatto, secondo Chase Brandon, il collegamento della CIA con Hollywood, ha un “invito permanente”. Questo non è il primo contatto tra la CIA attuale e quella immaginaria raffigurata sul programma televisivo. “La

agenzia ha fornito preziose informazioni sulla vita sul posto di lavoro”, con i creatori, gli scrittori e i produttori esecutivi del programma che chiedevano informazioni sui rapporti di lavoro della CIA e ricevevano risposte (“Jennifer”, 2003).

Parte IV: giornalismo e minaccia del primo emendamento

Tre giornali ostili sono più da temere di mille baionette.
ApNapoleon Bonaparte

105.) Nel 1970, Peter Dale Scott, un professore di inglese alla UC Berkley, pubblicò The War Conspiracy, un’indagine minacciosa della CIA, delle compagnie petrolifere e della loro manipolazione della politica estera americana al fine di intensificare la guerra del Vietnam per conto proprio finisce. Prima che il libro potesse essere reso pubblico, tuttavia, la CIA intervenne e ne interruppe con successo la pubblicazione (“The War Conspiracy”, nd).

106.) Nel 1971, Ariel Dorfman e Armand Mattelart scrissero How to Read Donald Duck, un severo esame della magia simbolica dei (allora) popolari fumetti Disney. “Il libro ha cercato di sollevare domande di base sulla cultura aziendale, regolarmente accettate e spesso adorate” da bambini e adulti. Tradotto in una dozzina di lingue e vendendo 500.000 copie prima della fine degli anni ’70, pochi di quei libri arrivarono all’interno dei confini degli Stati Uniti. “Sostenendo che [il libro] ha violato i suoi diritti d’autore, la Disney ha continuato a imporre blocchi stradali. Nel 1975, l’ufficio doganale degli Stati Uniti ha sequestrato una spedizione dell’edizione inglese. Gli avvocati del Center for Constitution Rights hanno sostenuto che” il sequestro dei libri è un classico caso di abuso delle leggi per reprimere il dissenso politico e le opinioni impopolari “. L’editore ha vinto il caso.Ma le profonde tasche aziendali e la fervida ostilità della Disney hanno avuto un effetto agghiacciante nella patria dello zio Donald. Molti potenziali rivenditori di libri sembrano diffidenti. “In una strana, ma piuttosto spaventosa dimostrazione di come si estenda la portata della Disney, dopo che il generale Augusto Pinochet prese il potere dal governo democraticamente eletto del Cile nel settembre del 1973”, la sua dittatura fece di tutto per bruciare copie del libro. “Questo è solo uno dei tanti esempi delle origini della” cultura pop “, perché” è meno cultura che cultura. Gli stili di acquisizione competitiva prevalgono sui valori umanistici. E i simboli pubblicizzati restano sotto stretto controllo privato. “Disney, in generale, è molto protettivo nei confronti del suo nome. Quando tre accademici hanno compilato”una raccolta di saggi postmoderni con il titolo provvisorio Doing Disney, Disney li ha spaventati a cambiarlo, sostenendo che anche questa menzione del suo nome fosse praticabile “(Solomon, 10 marzo 1999; Levin, 2003, p. 242).

107.) Nel giugno del 1973, le rivelazioni di Watergate avevano scosso con fermezza le basi dell’amministrazione Nixon. All’epoca l’uomo di Nixon per la politica delle telecomunicazioni, Clay T. Whitehead, stava facendo il giro del paese pubblicizzando un disegno di legge del Congresso che avrebbe messo a repentaglio la licenza di una stazione locale se la stazione non fosse stata in grado di mostrare “un servizio significativo alla comunità”. Un modo per dimostrare tale servizio, suggeriva Whitehead, era quello di eliminare i rapporti e le analisi dell’amministrazione. Come per mostrare agli altri cosa fare, la CBS abbandonò volontariamente la sua “analisi istantanea” dei discorsi amministrativi, facendo arrabbiare artisti del calibro di Walter Cronkite e Roger Mudd. In un’intervista nel numero di giugno 1973 della rivista Playboy, Cronkite affermò che questa e altre misure ammontavano a “una campagna ben diretta contro la stampa, concordata in segreto dai membri dell’amministrazione … Questa amministrazione ha cercato di portare e potrebbe essere riuscita a portare la stampa al tallone “(Powers, 1977, pp. 196-197).

108.) Dopo la guerra in Vietnam, ritenendo che il libero regno della stampa avesse spesso minato la linea ufficiale del partito, “i futuri pianificatori di guerra americani decisero di non rischiare una copertura senza censura da parte della stampa dei propri conflitti. Decisero evidentemente di iniziare nel Reagan L’amministrazione ľ che i giornalisti non avrebbero mai più avuto l’opportunità di confondere l’opinione pubblica americana sugli obiettivi di guerra del governo “e ha citato le tattiche britanniche con i giornalisti durante la guerra delle Falkland del 1982. Ventinove corrispondenti, fotografi e tecnici, sottoposti a una rigorosa censura dei loro le spedizioni furono poste dal governo Thatcher in varie pozze sulle navi della Royal Navy nell’Atlantico meridionale. Il tenente comandante Arthur A. Humphries, nel numero di maggio-giugno 1993 della Naval War College Review,ha posto la gestione delle notizie sulla Guerra delle Falkland in una prospettiva profonda per i suoi coetanei militari, affermando che “nonostante una percezione della scelta in una società democratica, la Guerra delle Falkland ci mostra come assicurarsi che la politica del governo non sia compromessa dal modo in cui una guerra viene riportato “(MacArthur, p. 138).

109.) Vladimir Pozner era un commentatore sovietico di origine parigina e una celebrità televisiva internazionale che era uno dei principali interpreti dell’Unione Sovietica di Glasnost e Perestroika ed è attualmente presidente dell’Accademia Russa della Televisione. Nella sua autobiografia del 1990, aveva da dire sull’arte del giornalismo: “… le realtà del giornalismo non coinvolgono solo fatti, perché se lo facessero, i computer sostituiranno i giornalisti. Il giornalismo implica sempre scelte ľ scelte tra argomenti, trattamento, parole Di conseguenza, l’affermazione di una segnalazione obiettiva ha semplicemente lo scopo di camuffare ciò che è in realtà un’attività carica di valore. Non sono solo i lettori a essere fuorviati dall’affermazione. Anche i giornalisti possono essere accecati dalla loro stessa copertura. ” In un marzo 2003, intervista al quotidiano russo Pravda,Pozner ha affermato che, a suo avviso, l’attuale televisione russa è più liberale e più libera della televisione americana. Inoltre, ha ipotizzato che per quanto riguarda la televisione “al momento sono gli Stati Uniti ad avere la minor libertà di parola tra gli altri paesi democratici” (Pozner, 1990, pp. 187-188; “Vladimir”, nd; Pozner e Novikova, 2003).

110.) “MITO: La libertà di stampa negli Stati Uniti esiste anche in tempo di guerra. I media statunitensi sono stati estremamente scettici sulle storie ufficiali pubblicate dal governo, al fine di sostenere la verità.

RISPOSTA: Gli ultimi 20 anni hanno visto una tendenza verso la “gestione” della stampa da parte del governo: pool di stampa ad accesso limitato, storie inventate, lettere false all’editore e persino violenza contro i giornalisti di guerra statunitensi. Secondo la Naval War College Review dell’inverno 2002, citando il libro America’s Team: Media and the Military, l’esercito aveva assegnato ai giornalisti un pool per coprire l’invasione americana di Panama nel 1989, ma all’epoca il segretario alla Difesa, Dick Cheney, ‘ritardato chiamando il pool’. Durante la Guerra del Golfo del 1991, secondo il giornalista vincitore del premio Pulitzer Patrick J. Sloyan, “The Associated Press, che ha beneficiato maggiormente di un sistema che ha trasformato tutti i giornalisti in giornalisti di servizi di filo, ha inviato il fotografo Scott Applewhite a coprire le vittime di un attacco missilistico SCUD vicino Dhahran.La testata aveva colpito una tenda americana, uccidendo 25 riservisti dell’esercito e ferendo 70 … Applewhite, un membro accreditato del pool, era stato fermato dalla polizia militare dell’esercito americano. Quando ha obiettato, lo hanno preso a pugni e ammanettato mentre strappava il film dalle sue telecamere. Dick Cheney, citato in America’s Team, è stato onesto dopo la guerra del Golfo sul suo trattamento dei media. “Francamente, l’ho considerato un problema da gestire”, ha detto dopo la guerra. ‘La funzione di informazione era straordinariamente importante. Non avevo molta fiducia di poterlo lasciare alla stampa “” (Cowan, 2003 [vedi fonte per riferimenti completi]).lo hanno preso a pugni e ammanettato mentre gli strappavano il film dalle telecamere. Dick Cheney, citato in America’s Team, è stato onesto dopo la guerra del Golfo sul suo trattamento dei media. “Francamente, l’ho considerato un problema da gestire”, ha detto dopo la guerra. ‘La funzione di informazione era straordinariamente importante. Non avevo molta fiducia di poterlo lasciare alla stampa “” (Cowan, 2003 [vedi fonte per riferimenti completi]).lo hanno preso a pugni e ammanettato mentre gli strappavano il film dalle telecamere. Dick Cheney, citato in America’s Team, è stato onesto dopo la guerra del Golfo sul suo trattamento dei media. “Francamente, l’ho considerato un problema da gestire”, ha detto dopo la guerra. ‘La funzione di informazione era straordinariamente importante. Non avevo molta fiducia di poterlo lasciare alla stampa “” (Cowan, 2003 [vedi fonte per riferimenti completi]).

111.) Gary Webb è una giornalista molto decorata. In una carriera che durò più di diciannove anni, ricevette più di trenta premi per la sua abilità giornalistica, tra cui il Premio Pulitzer nel 1990, l’HL Mencken Award della Free Press Association nel 1994 e il Media Hero’s Award nel 1997 Nel 1996, scrisse una serie di articoli intitolati Dark Alliances che rivelavano come un “esercito terrorista appoggiato dagli Stati Uniti, i Contrar nicaraguensi, avesse finanziato le loro attività vendendo crack di cocaina nei ghetti di Los Angeles al più grande commerciante di crack della città. [ Ha documentato il contatto diretto tra i trafficanti di droga che portavano droghe a Los Angeles e due agenti della CIA nicaraguense che stavano amministrando i Contras in America Centrale. Inoltre, ha rivelato come elementi del governo degli Stati Uniti fossero a conoscenza di questo anello di droga “s attività al momento e fatto poco, se non altro, per fermarlo. Le prove includevano testimonianze giurate di uno dei trafficanti di droga ľ un informatore del governo ľ che un agente della CIA aveva specificamente incaricato loro di raccogliere denaro per i Contras in California. “Il suo articolo è stato pubblicato sul sito web del suo giornale, The San Jose Mercury News , ed è stato rapidamente letto da persone di tutto il mondo ľ ottenendo fino a 1,3 milioni di hit in un solo giorno (vedi per leggere tutti gli articoli della sua serie, inclusi molti follow-up e link correlati) Le conseguenze di questo sono state immense, con i tre maggiori quotidiani del paese, il New York Times, il Washington Post e il Los Angeles Times, che pubblicano storie su Webb, piuttosto che sul suo articolo “.Mai prima d’ora i tre più grandi giornali avevano dedicato tanta energia alla cacciata da una storia di un altro giornale “. Perché?”Principalmente perché la serie ha presentato idee pericolose.

Ha suggerito che erano stati commessi crimini di stato. Se la storia era vera, significava che il governo federale aveva qualche responsabilità, per quanto indiretta, per il diluvio di crack che è corso attraverso i quartieri neri nel 1980 ‘sů La cosa spaventosa di questa collusione tra stampa e potenti è che funziona così bene. In questo caso, le smentite e le promesse del governo di perseguire la verità non hanno funzionato. Il pubblico non le ha accettate, per ovvie ragioni e il clamore per un’indagine indipendente ha continuato a crescere. Ma, dopo che i presunti cani da guardia del governo hanno preso il sopravvento, l’opinione pubblica è stata divisa e confusa, il movimento per forzare le audizioni del Congresso ha perso slancio “.Una volta che abbastanza persone sono arrivate a credere che la storia fosse stata esagerata o distorta, poteva essere tranquillamente seppellita e dimenticata. Edward S. Herman, professore emerito di finanza presso la Wharton School dell’Università della Pennsylvania, spiega come ciò potrebbe accadere così facilmente: “La prontezza con cui i media e gli intellettuali si adattano e servono le furiose sorprese dei loro leader, molti che non lo fanno comprendere fino a che punto i media corporativi fanno parte dell’impresa e della struttura imperiali e come naturalmente la comunità intellettuale accetta e lavora entro i parametri fissati dai bisogni imperiali. Se la struttura dell’imperialismo dà agli Stati Uniti il ​​potere di imporre la propria volontà in molti locali stranieri, le sue istituzioni e l’intellighenzia, naturalmente, normalizzeranno e sosterranno la conseguente proiezione di potere “(Edwards, 2003; Webb, 2002, pagg. 306 e 309).

112.) Nel febbraio del 2000, il giornale olandese Trouw e la newsletter di intelligence francese riferirono che il gruppo di operazioni psicologiche (PSYOPS) dell’esercito americano a Ft. Bragg, NC, ha lavorato nella divisione notizie presso la sede centrale della CNN ad Atlanta durante la fine della guerra del Kosovo del 1999. “Negli anni ’80, funzionari di … PSYOPS … hanno fondato l’Ufficio per la diplomazia pubblica del Consiglio di sicurezza nazionale (OPD), un’agenzia di propaganda governativa oscura che ha piantato storie nei media statunitensi a sostegno delle politiche dell’America Centrale dell’Amministrazione Reagan. Un alto funzionario americano ha descritto OPD come un” vasto psicologico operazione di guerra del tipo che i militari conducono per influenzare una popolazione nel territorio nemico “. (Miami Herald, 19/07/87) Un’indagine dell’ufficio di contabilità generale del Congresso ha rilevato che OPD si era impegnato in “attività di propaganda proibite e segrete “e l’ufficio fu presto chiuso a seguito delle indagini Iran-Contra … Secondo la newsletter di intelligence, il contrammiraglio Thomas Steffens, un esperto di guerra psicologica nel comando delle operazioni speciali, ha recentemente dichiarato a una conferenza PSYOPS che l’esercito aveva bisogno di trovare il modo di “ottenere il controllo” sui satelliti di notizie commerciali per contribuire a far cadere un “cono informativo di silenzio” sulle regioni in cui si stavano svolgendo operazioni speciali [Durante la guerra in Afghanistan, il Pentagono ha trovato un modo molto diretto per “ottenere control “ľ ha semplicemente acquistato tutte le immagini satellitari commerciali dell’Afghanistan, al fine di impedire ai media di accedervi.] ů Un documento di strategia non ufficiale pubblicato dal … College di guerra delaval [recensione] nel 1996 e scritto da un ufficiale dell’esercito (“Operazioni militari nel mondo della CNN: usare i media come moltiplicatore di forza “) ha esortato i comandanti militari a trovare il modo di” sfruttare le vaste risorse della quarta tenuta “allo scopo di comunicare l’obiettivo [della missione] e di terminare, aumentando il morale amichevole, eseguire operazioni psicologiche più efficaci, svolgere un ruolo importante nell’inganno del nemico e migliorare la raccolta di informazioni. “Il maggiore Thomas Collins del Servizio informazioni dell’esercito degli Stati Uniti ha dichiarato che il personale, i soldati e gli ufficiali di PSYOPS hanno lavorato in La sede centrale della CNN ad Atlanta attraverso il nostro programma “Formazione con l’industria”. Hanno lavorato come dipendenti regolari della CNN.

Concepibilmente, avrebbero lavorato a storie durante la guerra del Kosovo. Hanno aiutato nella produzione di notizie “.La CNN aveva cinque stagisti da PSYOPS, due in televisione, due in radio e uno in operazioni via satellite. Questa non era la prima volta che la CNN ha permesso ai funzionari del governo di entrare nelle loro redazioni. Nel 1991, i “tirocinanti” del Pentagono furono ammessi durante l’Operazione Desert Storm per ragioni che non furono mai chiarite del tutto. Ciò segue quanto affermato dal colonnello Christopher St. John, comandante di PSYOPS. Ha “chiesto una maggiore cooperazione tra le forze armate e i giganti dei media” ed è esattamente quello che è successo (“Action Alert”, 2000; Cockburn; “Media Advisory”, 2002; Fisk, 2003, 25 febbraio).furono ammessi durante l’Operazione Desert Storm per ragioni che non furono mai chiarite del tutto. Ciò segue quanto affermato dal colonnello Christopher St. John, comandante di PSYOPS. Ha “chiesto una maggiore cooperazione tra le forze armate e i giganti dei media” ed è esattamente quello che è successo (“Action Alert”, 2000; Cockburn; “Media Advisory”, 2002; Fisk, 2003, 25 febbraio).furono ammessi durante l’Operazione Desert Storm per ragioni che non furono mai chiarite del tutto. Ciò segue quanto affermato dal colonnello Christopher St. John, comandante di PSYOPS. Ha “chiesto una maggiore cooperazione tra le forze armate e i giganti dei media” ed è esattamente quello che è successo (“Action Alert”, 2000; Cockburn; “Media Advisory”, 2002; Fisk, 2003, 25 febbraio).

113.) Il 27 aprile 1999, Amy Goodman della rete radio Pacifica ha intervistato Frank Sesno, vice presidente senior della CNN per copertura politica, sull’uso da parte dei media di personale militare in pensione come “analisti”:

Amy Goodman: “Se sostieni la pratica di mettere gli ex militari ľ generali ľ sul libro paga per condividere la loro opinione durante un periodo di guerra, sosterresti anche mettere attivisti per la pace sul libro paga per dare un’opinione diversa durante un periodo di guerra? Stare seduti lì con i generali militari a parlare del perché ritengono che la guerra non sia appropriata? ”

Frank Sesno: “Portiamo i generali a causa della loro esperienza in una particolare area. Li chiamiamo analisti. Non li inseriamo come difensori. In realtà, ne parliamo con loro in quanto non sono lì come sostenitori “.

La sua risposta è molto interessante. La CNN potrebbe benissimo chiamarli “analisti” piuttosto che “avvocati”, ma difendere l’uso della forza militare è esattamente ciò che fanno. Esattamente una settimana prima che Sesno facesse le sue osservazioni, uno degli “analisti” militari della CNN, il tenente in pensione dell’esercito Dan Benton, fece la seguente dichiarazione riguardo alla guerra in Serbia: “Non so che cosa i nostri connazionali, [quelli] che ci stiamo chiedendo perché siamo coinvolti in questo conflitto, stiamo pensando. Mentre ascoltavo questa conferenza stampa stamattina con notizie di stupri, villaggi bruciati e questo rapporto particolarmente incredibile di banche del sangue … Sono diventato sempre più pazzo. ha una responsabilità come unica superpotenza al mondo e quando veniamo a conoscenza di queste cose,qualcuno deve alzarsi e dire, basta, basta, non ce la faremo. E così gli Stati Uniti stanno assumendo la loro responsabilità di leadership con i nostri alleati della NATO e stanno cercando di fermare queste incredibili atrocità. “Apparentemente, ciò non costituisce difesa (Cockburn).

114.) In un’impressionante raccolta di notizie, Fairness & Accuracy in Reporting (FAIR) ha mostrato che nel 1998, ABC World News This Morning, NBC’s Today, The Associated Press, The Los Angeles Times, National Public Radio, CNN, USA Today , Il New York Times, il Washington Post e il Newsday hanno riferito tutti che le squadre di ispezione delle armi delle Nazioni Unite sono state rimosse dall’Iraq per ordine delle Nazioni Unite. Tuttavia, quattro anni dopo, ognuna di quelle fonti ha riferito che Saddam aveva costretto gli ispettori a uscire . Hanno dimenticato le loro notizie o stavano aiutando consapevolmente il governo degli Stati Uniti come punti di propaganda, riscrivendo efficacemente la storia in un modo che aiutasse gli obiettivi di guerra dell’amministrazione Bush (“What a Difference”, 2002)?

115.) Dan Rather, spesso citato come il bambino poster per i “media liberali” (vedi Bias di Bernard Goldberg nel 2001: un insider della CBS espone come i media distorcono le notizie), è stato tutt’altro che liberale nella sua posizione nei confronti del presidente e del suo obiettivi di guerra. In un’intervista con la BBC nel maggio 2002, disse: “Ciò di cui stiamo parlando qui – se si vuole riconoscerlo o no, o chiamarlo con il proprio nome o no” è una forma di autocensura. inizia con un sentimento di patriottismo dentro di sé, porta avanti con una certa consapevolezza che il paese nel suo insieme … si è sentito e continua a sentire questa ondata di patriottismo dentro di sé. E ci si trova a dire: “Conosco la domanda giusta, ma sai cosa ? Questo non è esattamente il momento giusto per chiederlo. “” È stato anche citato dicendo: “George Bush è il presidente, prende le decisioni e, sai, come un solo americano, [se] vuole che mi allinei, dimmi solo dove “” e “Qualunque argomento si possa avere o non aver avuto con George Bush il giovane prima dell’11 settembre, è il nostro comandante in capo, ora è l’uomo. E abbiamo bisogno di unità, abbiamo bisogno di fermezza. Non sto predicando al riguardo. Lo sappiamo tutti “e” Morirei volentieri per il mio paese in un momento di preavviso e su comando del mio presidente. “Sembrano queste le parole di un giornalista imparziale e professionale che si impegna a riferire la verità? suonano come le parole di un giornalista liberale? Una volta Theodore Roosevelt disse: “Annunciare che non ci devono essere critiche al Presidente, o che dobbiamo stare al fianco del Presidente, giusto o sbagliato,non è solo antipatico e servile, ma è moralmente tradimento per il pubblico americano. “Edward R. Murrow deve girare nella sua tomba (Arnove, 2003).

116.) “Nelle passate guerre tra cui la Guerra del Golfo del 1991, il sistema di pool è stato il principale mezzo di controllo dei giornalisti” in teatro “ľ un termine di propaganda adottato da molti giornalisti. Il pool consente ai militari di controllare il movimento dei giornalisti come così come quasi tutto ciò che vedono. Nel 1991 il Pentagono ha cercato di intimidire i giornalisti per non operare al di fuori del pool e alcuni hanno adottato il sistema di valori in modo così completo da rivolgersi a tutti i giornalisti che hanno cercato di riferire in modo indipendente. sofisticati e più determinati a eliminare la possibilità di relazioni indipendenti: hanno fatto pressioni sui giornalisti affinché lasciassero Baghdad e entro il 18 marzo circa la metà dei 300 se ne fosse andata, compresi molti dei principali giornalisti britannici e statunitensi, che avrebbero probabilmente più credibilità nei loro paesi .Le regole emanate dal Pentagono erano esse stesse parte di un processo di rotazione. Sono presentati come volontari e ad alcuni è sembrato di offrire “una libertà senza precedenti di denunciare i fatti”. Ma a un esame più attento, una serie di clausole sepolte nel testo indicano il pugno di ferro nel guanto di velluto. Mentre le regole affermano che non esiste “alcun processo generale di revisione” delle relazioni del Pentagono, una sezione successiva rileva che “se i media sono inavvertitamente esposti a informazioni sensibili, dovrebbero essere informati dopo l’esposizione su quali informazioni dovrebbero evitare di coprire”. Una revisione della sicurezza diventa obbligatoria anche se qualsiasi informazione sensibile viene rilasciata deliberatamente. In un classico passaggio che tenta di presentare regole di censura rigorose come volontarie, il Pentagono osserva che “l’accordo sul riesame della sicurezza in cambio di questo tipo di accesso deve essere rigorosamente volontario e se il reporter non è d’accordo, l’accesso potrebbe non essere concesso ». Il pool questa volta ha una nuova funzionalità nota come “incorporamento” che implica che i giornalisti operino in prossimità di unità militari.

Non saranno autorizzati a viaggiare in modo indipendente e alcuni suggeriscono che il controllo della tecnologia di comunicazione sarà controllato anche dai militari. Queste nuove regole significano che i giornalisti indosseranno l’uniforme militare e l’abbigliamento protettivo e, spera il Pentagono, inizieranno a identificarsi con i militari. Secondo i rapporti ci sono 903 giornalisti incorporati nelle forze statunitensi e britanniche, sei volte il numero di giornalisti a Baghdad. Nel quartier generale militare americano in Qatar,i briefing giornalieri saranno consegnati da un enorme centro stampa completo di uno studio deriso con cinque grandi schermi TV per mostrare esatte esecuzioni di bombardamenti. Completato da una rete mimetica distribuita con gusto installata da un designer di Hollywood appositamente volato, il costo centrale nella regione di $ 250.000 “, (Miller, 2003, 28 marzo [vedi fonte per riferimenti completi]).

117.) Le Convenzioni di Ginevra vietano di prendere di mira installazioni civili ľ di proprietà statale o meno ľ a meno che non vengano utilizzate a scopi militari (la trasmissione della propaganda non costituisce un uso militare). Tuttavia, ciò non ha impedito “alla coalizione dei volenterosi” di lanciare missili presso gli uffici televisivi iracheni il 25 marzo 2003. Nonostante questa violazione, i media statunitensi hanno applaudito all’azione senza un solo riferimento alla sua illegalità (“Media USA”, 2003).

118.) La corrispondente di guerra della BBC Kate Adie ha rivelato in un’intervista alla radio irlandese all’inizio di marzo del 2003 che l’atteggiamento del Pentagono è “totalmente ostile alla libera diffusione delle informazioni”. Inoltre, le è stato detto da un alto ufficiale del Pentagono, che “se i collegamenti verso l’alto [telefono satellitare o metodi televisivi per la distribuzione di informazioni] fossero rilevati da qualsiasi aereo … sopra Baghdad, sarebbero stati sparati. Anche se fossero giornalisti … Chi se ne frega, “disse,” Sono stati avvertiti “, (Dunne, 2003).

119.) Bill Hammond, uno storico con il Centro di storia militare dell’esercito, ha osservato che negli oltre 10 anni di guerra in Vietnam, sono stati uccisi solo 54 giornalisti degli oltre 6.000 che avevano trascorso del tempo nella zona di guerra . Nelle prime tre settimane della nuova guerra in Iraq, 12 giornalisti sono morti, con la maggioranza il risultato delle munizioni alleate. (DO THE MATH: 54 decessi divisi per circa 10 anni equivalgono a 5,4 decessi all’anno; 12 decessi moltiplicati per il prodotto di circa 1 mese per 12 mesi equivalgono a 144 decessi all’anno.) Martedì 7 aprile 2003, due giornalisti e uno i cameraman furono uccisi quando un carro armato americano sparò contro il Palestine Hotel, noto per essere la base delle operazioni dei giornalisti non “incorporati” a Baghdad.Il generale Buford Blount della 3a divisione di fanteria degli Stati Uniti ľ i cui carri armati furono quelli che spararono nell’hotel ľ annunciò che i suoi veicoli erano caduti sotto il razzo e sparavano dai cecchini nell’hotel. Tuttavia, il filmato dell’attacco dal tetto dell’hotel da parte di un giornalista francese, “registra il silenzio … prima che venga sparato l’armamento del carro armato”. Al-Jazeera, che ha subito l’ira di entrambi i governi americano e iracheno per la sua copertura in tempo reale della guerra, ha dato al Pentagono le coordinate del suo ufficio di Baghdad nel febbraio 2003 e ha assicurato che l’ufficio non sarebbe stato attaccato. Quindi, il 7 aprile, il portavoce del Dipartimento di Stato USA a Doha, Nabil Khoui, ha visitato gli uffici di al-Jazeera in città e ha detto ancora una volta che non sarebbero stati attaccati. “Entro 24 ore,gli americani avevano sparato … nell’ufficio di Baghdad “uccidendo il giornalista Tareq Ayyoub e ferendo un altro membro dello staff. I giornali sauditi del 9 ° hanno condannato l’omicidio e accusato di essere stati” deliberatamente presi di mira dagli spari degli Stati Uniti per mettere a tacere la verità “. , “È chiaro che il bombardamento della televisione e degli uffici stampa a Baghdad non è stato casuale, ma piuttosto mirato perché è stato effettuato in due rate [sic] … Sembra che ad alcune persone non piacessero i media che contraddicono le menzogne ​​emesse dai generali di guerra … Purtroppo, quelli chi espone le menzogne ​​riceve il messaggio dai missili. “Anche se i militari sostengono che un bombardamento di al-Jazeera ha provocato un incidente, è proprio così che all’inizio dell’invasione dell’Afghanistan alla fine del 2001, l’esercito americano” accidentalmente “bombardò anche lì gli uffici di al-Jazeera. Lo sfortunato Tareq Ayyoub fu ferito in quell’attacco illegale (Kurtz, 2003; Miller, 2003, 3 aprile; Fisk, 2003, 9 aprile; “Saudi Media”, 2003; Shalom, 2003).

120.) Affinché i giornalisti possano essere “incorporati”, devono firmare un contratto con il governo che richieda esplicitamente loro di “seguire la direzione e gli ordini del governo” e proibisce loro di fare causa per lesioni o morte anche laddove ” causato o contribuito a “dai militari. Sono quasi completamente controllati dai militari e “concordano di rinunciare alla maggior parte della loro autonomia in cambio dell’accesso ai combattimenti a condizioni militari”. Christina Lamb del London Times ha osservato che i giornalisti “incorporati” stanno “dando un aspetto più positivo, perché sono con le truppe … e non sono fuori nelle strade o fuori in campagna a vedere cosa sta realmente accadendo lì”. Dall’inizio della guerra, la popolazione britannica in generale è diventata più favorevole alla guerra,e di ciò, ha affermato il ministro della Difesa britannico Geoff Hoon, “… le immagini che trasmettono

sono almeno in parte responsabili del cambiamento di umore del pubblico”. Alla fine di marzo del 2003, Hoon dichiarò: “Uno dei motivi per avere giornalisti [” incorporati “] è prevenire precisamente il tipo di tragedia verificatasi di recente a un equipaggio ITV quando un giornalista è stato ucciso essenzialmente perché non faceva parte di un’organizzazione militare “. Terry Lloyd, reporter dell’ITN e due membri del suo equipaggio (il cameraman Fred Nerac e il traduttore locale Hussein Othman) sono stati uccisi da “fuoco amico” (Miller, 2003, 3 aprile; “Missing”, 2003).reporter] la trasmissione è almeno in parte responsabile del cambiamento di umore del pubblico. “Alla fine di marzo 2003, Hoon ha dichiarato:” Uno dei motivi per avere giornalisti [“incorporati”] è prevenire precisamente il tipo di tragedia che si è verificata a un equipaggio ITV di recente quando un giornalista è stato ucciso essenzialmente perché non faceva parte di un’organizzazione militare. “Il reporter dell’ITN Terry Lloyd e due membri del suo equipaggio (il cameraman Fred Nerac e il traduttore locale Hussein Othman) sono stati uccisi da” fuoco amico “( Miller, 2003, 3 aprile; “Missing”, 2003).reporter] la trasmissione è almeno in parte responsabile del cambiamento di umore del pubblico. “Alla fine di marzo 2003, Hoon ha dichiarato:” Uno dei motivi per avere giornalisti [“incorporati”] è prevenire precisamente il tipo di tragedia che si è verificata a un equipaggio ITV di recente quando un giornalista è stato ucciso essenzialmente perché non faceva parte di un’organizzazione militare. “Il reporter dell’ITN Terry Lloyd e due membri del suo equipaggio (il cameraman Fred Nerac e il traduttore locale Hussein Othman) sono stati uccisi da” fuoco amico “( Miller, 2003, 3 aprile; “Missing”, 2003).] è quello di prevenire precisamente il tipo di tragedia verificatasi di recente a un equipaggio ITV quando un giornalista è stato ucciso essenzialmente perché non faceva parte di un’organizzazione militare. “Il reporter dell’ITN Terry Lloyd e due membri del suo equipaggio (il cameraman Fred Nerac e il traduttore locale Hussein Othman) furono uccisi da “fuoco amico” (Miller, 2003, 3 aprile; “Missing”, 2003).] è quello di prevenire precisamente il tipo di tragedia verificatasi di recente a un equipaggio ITV quando un giornalista è stato ucciso essenzialmente perché non faceva parte di un’organizzazione militare. “Il reporter dell’ITN Terry Lloyd e due membri del suo equipaggio (il cameraman Fred Nerac e il traduttore locale Hussein Othman) furono uccisi da “fuoco amico” (Miller, 2003, 3 aprile; “Missing”, 2003).

121.) Patrick J. Sloyan, che ha ricoperto la Guerra del Golfo del 1991 come corrispondente del Newsday, ha scritto di recente: “Quando la guerra aerea è iniziata nel gennaio 1991, i media sono stati alimentati con metraggi accuratamente selezionati dal [Generale Norman] Schwarzkopf in Arabia Saudita e [ Generale Colin] Powell a Washington, DC In gran parte è stato assolutamente fuorviante. ” Sta succedendo anche questa volta. Secondo Christian Lowe della rivista militare Army Times, i giornalisti “incorporati” vengono “perseguitati da ufficiali delle relazioni pubbliche militari che seguono ogni loro movimento e si guardano alle spalle mentre intervistano aviatori, marinai e manutentori delle loro storie” (Solomon , 2002; Miller, 2003, 3 aprile).

122.) Il 27 gennaio 2003, la CNN ha rilasciato un documento a tutto il personale addetto alle relazioni. Intitolato “Promemoria dell’approvazione della sceneggiatura”, ha riferito che tutte le storie devono essere inviate a una fila anonima di redattori di sceneggiature ad Atlanta che possono insistere su cambiamenti. “Una sceneggiatura non è approvata per il trasporto aereo a meno che non sia correttamente contrassegnata come approvata da un gestore autorizzato e ingannata

per la fotocopia [copia dell’ufficio]. Ciò significa che, sebbene il giornalista in Giordania, Baghdad o in Cisgiordania comprenda sicuramente lo sfondo e le sfumature della sua storia molto meglio delle autorità di Atlanta, gli editori anonimi della CNN decideranno sul giro che la storia dovrebbe prendere . In altre parole, la CNN si sta censurando,o sta accettando di essere censurato. Secondo Aaron Brown della CNN, questa è una parte normale del giornalismo in quanto ogni rispettabile organizzazione giornalistica ha un editore che controlla i fatti e si assicura che la copia scritta abbia senso nel grande schema delle cose. Questo è vero.Tuttavia, ciò che non spiega è perché, poiché si tratta di una procedura così normale, la CNN ha sentito il bisogno di ricordare ai suoi giornalisti questo fatto in e in modo così dettagliatoŚ alla vigilia di una guerra ritenuta illegale dalle Nazioni Unite (Fisk, 2003, 25 febbraio; Goodman & Rendall, 2003).

123.) Fairness & Accuracy in Reporting (FAIR) ha condotto uno studio quantitativo dal 30 gennaio 2003 al 12 febbraio 2003, riguardante ABC World News Tonight, CBS Evening News, NBC Nightly News e The NewsHour con Jim Lehrer su PBS. Hanno concluso che delle 393 fonti su telecamera apparse nelle notizie notturne sull’Iraq, oltre i due terzi (267) degli ospiti provenivano dagli Stati Uniti e il 75% di quelli (199) erano attuali o ex governo o militari funzionari con un solo espresso scetticismo o opposizione alla guerra. “Una tale predominanza di fonti ufficiali assicura praticamente che le prospettive indipendenti e di base saranno sottorappresentate”. In effetti, solo 20 dei 393 rappresentavano il governo iracheno e solo 3 rappresentavano organizzazioni contro la guerra.In un momento in cui il 61% degli intervistati statunitensi stava dicendo ai sondaggisti che era necessario più tempo per la diplomazia e le ispezioni, solo il 6% delle fonti statunitensi sulle quattro reti erano scettici riguardo alla necessità di una guerra, metà di loro erano persone per strada, e metà di loro erano senza nome (“In Iraq”, 2003).

124.) Durante la prima Desert Storm, il Ministero della Difesa britannico ha definito le relazioni tra il governo e la stampa “amici-amici”. Questo non è diverso oggi. I membri della stampa vengono “incorporati” in varie unità militari, portando quindi sicuramente a domande di parzialità. Ecco un breve elenco di cose da tenere d’occhio quando si guardano i giornalisti in prima linea durante queste prossime guerre:
A. Reporter che indossano oggetti di costume militare americano o britannico ľ caschi, giacche mimetiche, armi, ecc.
B. Reporter che dire “noi” quando si riferiscono all’unità militare americana o britannica in cui sono “incorporati”.
C. Coloro che usano le parole “danno collaterale” anziché “civili morti”.
D. Coloro che iniziano a rispondere alle domande con le parole: “Beh, certo, a causa della sicurezza militare, non posso divulgare …”
E. Coloro che, riferendo dalla parte irachena, insistono nel riferirsi alla popolazione irachena come “sua” (cioè Saddam’s) persone.
F. I giornalisti che riportano da entrambe le parti che usano la terribile e terrificante frase “funzionari dicono” senza nominare, in modo abbastanza specifico, chi sono spesso questi “funzionari” bugiardi.
G. “Presumibilmente” ľ per tutta la carneficina causata dalle forze occidentali; non usato per la carneficina causata da truppe “nemiche”.
H. “I funzionari qui non ci danno molto accesso” ľ un chiaro segnale che i giornalisti sono confinati nei loro hotel.
I. “Resti” ľ presumibilmente “irriducibili” truppe irachene sparano ancora agli americani, ma in realtà i primi segni di un movimento di resistenza dedicato alla “liberazione” dell’Iraq dai suoi nuovi occupanti occidentali.
J. “New liberated” ľ per territorio e città appena occupati dagli americani o dagli inglesi.
K. “Che cosa è andato storto?” ľ accompagnare le immagini che illustrano la crescente anarchia in Iraq come se non fossero state previste (Fisk, 2003, 21 gennaio; Fisk, 2003, 16 marzo).

125.) Shamed (e in pensione) Marine Tenente Col. Oliver North, che una volta era il punto di riferimento di Reagan per la gestione delle crisi e coordinatore degli sforzi antiterrorismo degli Stati Uniti negli anni ’80, membro del personale del Consiglio di sicurezza nazionale di Reagan e uno dei i principali attori di quello che è diventato noto come lo scandalo Iran-Contra, che ha comportato la vendita illegale di armi al governo iraniano, è stato un corrispondente di guerra “incorporato” in prima linea per FoxNews durante la guerra del 2003 in Iraq, sebbene la sua biografia sulla Fox la pagina web non fa riferimento al suo vergognoso passato. Altri giornalisti della Fox in onda si riferivano addirittura a lui come “Col. North” di tanto in tanto. È anche conduttore di War Stories sulla rete Fox, un programma radiofonico nei giorni feriali, Common Sense Radio e autore di Mission Compromised, un racconto fittizio dell’ottobre 1993,raid su Mogadiscio, in Somalia, il primo di una trilogia proposta. Anche se oggi è chiaramente un uomo dei media, ha ammesso apertamente su The 700 Club il fatto non così sorprendente che ha “un gran numero di amici che stanno ancora prestando servizio nell’esercito, nella marina, nell’aeronautica, nella guardia costiera e nei marines, così come l’FBI, la CIA, la DIA [Dipartimento degli Affari Interni] e la NSA, “(” Oliver “, 2002;” Ospite: Oliver North “, 2003).2003).2003).

126.) Il giornalista televisivo Pat Dooris della KGW News a Portland, Oregon, è stato uno dei 30 giornalisti “incorporati” nella USS Abraham Lincoln. Tuttavia, a differenza di tanti altri allora e ora di stanza nel Golfo Persico, non era lontano da tutta la sua famiglia. Secondo il New York Times, “Quando Pat Dooris … ebbe la possibilità di intervistare il capitano di questa portaerei, c’era una domanda che era determinato a porre. Che cosa avrebbe fatto se in un attacco all’Iraq, uno dei caccia della compagnia aerea non lo avesse fatto tornare indietro? La domanda del signor Dooris è stata guidata da una curiosità più che professionale.Il fratello maggiore, il comandante Bill Dooris, è un pilota e il secondo al comando di uno degli squadroni del calabrone F-18 del vettore, che avrebbe avuto un ruolo critico in qualsiasi attacco aereo. I rischi che suo fratello affronta sono stati nella sua mente per un po ‘. “KGW si aspettava davvero che presentasse una visione giornalistica imparziale degli eventi che accadevano intorno a lui quando era così strettamente legato a loro (Clemetson, 2003)?

127.) Il giornalista vincitore del Premio Pulitzer Peter Arnett, corrispondente della NBC e del National Geographic a Baghdad, è stato licenziato alla fine di marzo 2003 per aver concesso un’intervista con la televisione irachena controllata dallo stato. Nella sua breve intervista, ha affermato, in parte, che “il primo piano di guerra è fallito a causa della resistenza irachena. Ora stanno cercando di scrivere un altro piano di guerra. Chiaramente i pianificatori della guerra hanno giudicato male la determinazione delle forze irachene … preoccupato per il popolo iracheno. Ma se il popolo iracheno sta morendo in numero, allora la politica americana sarà fortemente messa alla prova “. I giornalisti dovrebbero essere imparziali e riferire la verità come la vedono. Se un giornalista è patriottico o si schiera, non può adempiere correttamente ai propri doveri. Nel suo primo pezzo in The Daily Mirror, il suo nuovo datore di lavoro, Arnett ha scritto,”La mia carriera di giornalista della NBC è stata trasformata in cenere. E perché? Perché ho dichiarato l’ovvio alla televisione irachena; che il programma di guerra degli Stati Uniti [di essere a Baghdad entro la fine di marzo] è caduto di lato … Non voglio dare aiuto e conforto per il nemico ľ Voglio solo poter dire la verità “(Ruttenberg, 2003, 31 marzo; Ruttenberg, 2003, 1 aprile; Arnett, 2003).

128.) L’attuale amministrazione Bush ha preso molto sul serio il proprio dipartimento di comunicazione, utilizzando le competenze di numerosi professionisti della televisione. Di questi, uno è Scott Sforza, “un ex produttore della ABC che è stato assunto dalla campagna Bush ad Austin, in Texas, e che ora lavora per Dan Bartlett, il direttore delle comunicazioni della Casa Bianca”. Sfozra ha creato “i fondali del” messaggio del giorno “della Casa Bianca e ha contribuito a progettare i 250.000 dollari fissati nel quartier generale del comando centrale degli Stati Uniti a Doha, in Qatar, durante la guerra in Iraq”. Bob DeServi, un ex cameraman della NBC “che la Casa Bianca di Bush ha assunto dopo aver visto il suo lavoro nella campagna del 2000”, ha il titolo di direttore associato delle comunicazioni per la produzione. Un terzo giocatore è Greg Jenkins “un ex produttore televisivo della FoxNews a Washington che ora è il direttore dell’anticipo presidenziale. [Gestisce] un piccolo esercito di staff e volontari che passano giorni davanti a Bush e al suo entourage per organizzare la messa in scena di tutti gli eventi della Casa Bianca. “Prestiamo particolare attenzione non solo a ciò che dice il presidente, ma a ciò che il popolo americano vede”, ha dichiarato Dan Bartlett. Quando il presidente ha tenuto un discorso a Indianapolis in merito alla sua politica economica, gli aiutanti della Casa Bianca hanno fatto in modo che le persone sullo sfondo rimuovessero i loro legami in modo che assomigessero più alla gente comune, il tipo che Bush sostiene trarrà beneficio dal suo taglio delle tasse. In un discorso tenuto al Monte. Rushmore durante l’estate del 2002, la piattaforma allestita per le telecamere era sulla destra del presidente, piuttosto che direttamente di fronte, come era stato fatto con altri presidenti.Perché? Quindi il presidente sarebbe stato catturato di profilo con la sua faccia accanto a quelli sulla montagna. Più di recente, nel suo ormai (in) famoso Top atterraggio sulla USS Abraham Lincoln, Sforza ľ che era stato “incastrato” sulla nave per diversi giorni all’epoca ľ aveva orchestrato tutto dal fatto che i membri della Lincoln L’equipaggio “era sistemato in colori coordinati della camicia sulla spalla destra del signor Bush” allo “stendardo compiuto” collocato per catturare alla perfezione il presidente e le due parole celebrative in una sola inquadratura. Il discorso era specificamente programmato per ciò che i creatori di immagini chiamano ” luce magica dell’ora, “che ha emesso un bagliore dorato sul signor Bush.” ​​Se guardavi l’immagine della TV, vedevi che c’era una luce lusinghiera sulla sua guancia sinistra e un leggero ombra sulla sua destra … Sembrava fantastico, “”Il dipartimento delle comunicazioni di Bush” ha dichiarato Joshua King, direttore della produzione di eventi presidenziali nell’amministrazione Clinton. “Comprende il visual e ciò che chiunque ha mai avuto”, ha commentato Michael Deaver, il principale creatore di immagini di Ronald Reagan, condannato per spergiuro nel 1987 con poi il nuovo Ethics Act. “Hanno visto quello che abbiamo fatto, hanno visto gli errori di Bush I, hanno visto come Clinton si è imbattuto in esso, e l’hanno preso in una forma d’arte”, (Bumiller, 2003; Kutler , 1990, pagg. 583-584).che fu condannato per spergiuro nel 1987 ai sensi del nuovo Ethics Act. “Hanno visto quello che abbiamo fatto, hanno osservato gli errori di Bush I, hanno visto come Clinton si è imbattuto in esso e l’hanno preso in una forma d’arte” (Bumiller, 2003; Kutler, 1990, pp. 583- 584).che fu condannato per spergiuro nel 1987 ai sensi del nuovo Ethics Act. “Hanno visto quello che abbiamo fatto, hanno osservato gli errori di Bush I, hanno visto come Clinton si è imbattuto in esso e l’hanno preso in una forma d’arte” (Bumiller, 2003; Kutler, 1990, pp. 583- 584).

David B. Deserano

Fonte : www.nexusmagazine.com Australia

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

0

Your Cart