toba60

Coronavirus un’arma Bioingegnerizzata! Prove Schiaccianti che Sono state Effettuate Inserzioni Simili al Virus dell’HIV

Dovete sapere che prima di introdurre un virus in circolazione si mettono in moto una infinita e losca mole di traffici che spaziano in ogni settore, da quello della finanza dell’economia della politica sino a coinvolgere i più insospettabili membri della comunità’ mondiale.

Quanto avrete modo di apprendere in questa dettagliata ricerca è solo uno spaccato infinitesimale di tutto quello che ruota attorno ad un avvenimento che in sé mette in evidenza solo la parte visibile di un iceberg.

Toba60

CORONAVIRUS BIOINGEGNERIZZATO!

Inequivocabili prove scientifiche dimostrano che sono state effettuate inserzioni simili al virus dell’HIV

Non c’è niente di più grande di questa recente scoperta scientifica e sviluppo forense nel caso dell’arma biologica del coronavirus di Wuhan. I seguenti 4 screenshot raccontano la storia in modo che anche il profano possa capire. Davvero, come fa questo coronavirus a possedere inserzioni simili al virus dell’HIV?!

Questo complesso virus bioingegnerizzato potrebbe essere stato creato solo in un laboratorio di armi biologiche estremamente sofisticato di cui sono pochissimi al mondo a produrre una malattia infettiva così mortale. Solo i soliti sospetti avrebbero mai concepito il rilascio intenzionale di un agente pandemico così pericoloso sulla comunità mondiale delle nazioni.

Questi ovvi sospetti e le loro motivazioni sono discussi a fondo in questa denuncia: WUHAN CORONAVIRUS PANDEMIC BIOENGINEERED: Chi c’è dietro, perché ora e perché la Cina?

Attualmente stiamo assistendo a una grande epidemia causata dal 2019 novel coronavirus (2019- nCoV). L’evoluzione del 2019-nCoV rimane sfuggente. Abbiamo trovato 4 inserzioni nella glicoproteina spike (S) che sono uniche per il 2019-nCoV e non sono presenti in altri coronavirus. È importante notare che i residui di aminoacidi in tutti e 4 gli inserti hanno identità o somiglianza con quelli in HIV-1 gp120 o HIV-1 Gag.

È interessante notare che, nonostante gli inserti siano discontinui sulla sequenza aminoacidica primaria, la modellazione 3D del 2019-nCoV suggerisce che essi convergono per costituire il sito di legame del recettore. La scoperta di 4 inserti unici nel 2019-nCoV, che hanno tutti identità/similitudine con residui di aminoacidi in proteine strutturali chiave dell’HIV-1, è improbabile che sia di natura fortuita. Questo lavoro fornisce intuizioni ancora sconosciute sul 2019-nCoV e fa luce sull’evoluzione e la patogenicità di questo virus con importanti implicazioni per la diagnosi di questo virus.

Le inserzioni condividono la somiglianza con l’HIV

Le inserzioni sono state osservate essere presenti in tutte le sequenze genomiche del virus 2019-nCoV disponibili dai recenti isolati clinici (Figura 1 supplementare). Per conoscere l’origine di queste inserzioni nel 2019-nCoV è stato fatto un allineamento locale con BLASTp usando queste inserzioni come query con tutto il genoma del virus. Inaspettatamente, tutte le inserzioni si sono allineate con l’immunodeficienza umana Virus-1 (HIV-1).

Ulteriori analisi hanno rivelato che le sequenze allineate di HIV-1 con 2019-nCoV erano derivate dalla glicoproteina di superficie gp120 (posizioni di sequenza degli aminoacidi: 404-409, 462-467, 136- 150) e dalla proteina Gag (366-384 aminoacidi) (Tabella 1). La proteina Gag dell’HIV è coinvolta nel legame alla membrana dell’ospite, nell’impacchettamento del virus e nella formazione di particelle simili al virus. Gp120 gioca un ruolo cruciale nel riconoscimento della cellula ospite legandosi al recettore primario CD4. induce riarrangiamenti strutturali nella GP120, creando un sito di legame ad alta affinità per una chemochina co-recettore come CXCR4 e/o CCR5.

La nostra analisi della glicoproteina spike del 2019-nCoV ha rivelato diversi risultati interessanti: Primo, abbiamo identificato 4 inserti unici nella glicoproteina spike del 2019-nCoV che non sono presenti in nessun
altri coronavirus riportati fino ad oggi.

Con nostra sorpresa, tutti i 4 inserti nel 2019-nCoV sono stati mappati a brevi segmenti di aminoacidi nel HIV-1 gp120 e Gag tra tutte le proteine del virus annotate nel il database NCBI. Questa sorprendente somiglianza di nuovi inserti nella proteina spike del 2019-nCoV a HIV-1 gp120 e Gag è improbabile che sia fortuita.

Inoltre, la modellazione 3D suggerisce che almeno 3 degli inserti unici che non sono contigui nella sequenza della proteina primaria del 2019-nCoV convergono a costituire i componenti chiave del sito di legame del recettore. Da notare che, tutti i 4 inserti hanno valori pI di circa 10 che possono facilitare le interazioni virus-ospite.

Ralph Baric

Presi insieme, i nostri risultati suggeriscono un’evoluzione non convenzionale del 2019-nCoV che merita ulteriori indagine. Il nostro lavoro evidenzia nuovi aspetti evolutivi del 2019-nCoV e ha implicazioni sulla patogenesi e la diagnosi di questo virus.

Indagine statunitense e cinese, altre spie, avvertimenti e un’esercitazione pandemica

Lo studio del 2012 ha innescato un dibattito sull’ammissibilità di tale ricerca. Se un virus sfugge, potrebbe causare una pandemia. Per questo motivo, il governo degli Stati Uniti ha smesso di finanziarlo nell’ottobre 2013. Tuttavia, lo studio Baric è ancora autorizzato a continuare. Lo studio è iniziato prima che la moratoria fosse annunciata e Baric ritiene che questi virus siano un “pericolo per la società” e quindi dovrebbero essere indagati.

Lo studio è finanziato da Eco Health Alliance, compresa la Johns Hopkins Bloomberg School of Public Health.

Questa “scuola” è finanziata da Michael Bloomberg, un candidato miliardario per le elezioni presidenziali USA 2020. Johns Hopkins è il co-organizzatore dell’esercitazione pandemica ‘Event 201’, di cui parleremo più avanti.
Laboratorio o natura

Il dottor Francis Boyle crede che il virus sia stato creato all’Istituto di virologia di Wuhan. Boyle pensa che la Cina voglia diventare la potenza militare biotecnologica del mondo. Dopo tutto, sono molto indietro nell’armamento nucleare.

Covid-19

2020-03-24 di Peter Stuivenberg

Ricerche americane e cinesi, più spie, avvertimenti e un’esercitazione contro la pandemia

In “COVID-19: influenza o arma biologica?” ho scritto che gli agenti di guerra biologica cinesi avevano rubato il coronavirus dal Laboratorio Nazionale Canadese di Microbiologia di Winnipeg, Canada. Molti lettori l’hanno preso sul serio; alcuni hanno iniziato a ridere, riferendosi a Mission Impossible 2 di Tom Cruise, dove il collega agente Sean Ambrose ruba un virus sintetico mortale per spazzare via la popolazione mondiale.

Purtroppo è estremamente grave.

Ricerca americana e cinese
Centro di biotecnologia della Carolina del Nord

Ralph Baric

Ralph Baric, un ricercatore di malattie infettive presso l’Università del North Carolina a Chapel Hill, studia con il suo team il coronavirus del grande pipistrello a ferro di cavallo, tra gli altri. Hanno scoperto che il nuovo virus ibrido può infettare le cellule delle vie respiratorie umane e causare la sindrome respiratoria acuta. I risultati sono pubblicati su Nature Medicine il 9 novembre 2015. Il titolo della pubblicazione: “Un cluster di coronavirus di pipistrello simile alla SARS può infettare l’uomo”.

Pubblicazione Rivista Nature

Due membri del suo team sono Xing-Yi Ge e Zhengli-Li Shi del Laboratorio di agenti patogeni speciali e biosicurezza, Istituto di virologia di Wuhan, Accademia cinese delle scienze, Wuhan, Cina. Lavorando con Baric, hanno accesso a tutti i suoi dati, compresi quelli di uno studio del 2012 sulla capacità della proteina SHC014 di infettare le cellule umane. Lo studio conferma anche che i coronavirus nei pipistrelli possono “saltare” direttamente all’uomo senza usare un altro animale come ospite. Wuhan stava, per così dire, guardando oltre la spalla di Baric.

Potenziale epidemico

Lo studio del 2012 ha suscitato un dibattito sull’ammissibilità di tale ricerca. Se un virus sfugge, può causare una pandemia. Per questo motivo, il governo degli Stati Uniti ha smesso di finanziarlo nell’ottobre 2013. Tuttavia, lo studio Baric è ancora autorizzato a continuare. Lo studio è iniziato prima che la moratoria fosse annunciata e Baric ritiene che questi virus siano un “pericolo per la società” e quindi dovrebbero essere indagati.

Alleanza per la salute ecologica

Lo studio è finanziato da Eco Health Alliance, che comprende la Johns Hopkins Bloomberg School of Public Health.
Johns Hopkins Bloomberg School of Public Health

Johns Hopkins Bloomberg School of Public Health

Questa “scuola” è finanziata da Michael Bloomberg, candidato miliardario alle elezioni presidenziali USA 2020. Johns Hopkins è il co-organizzatore dell’esercitazione pandemica ‘Event 201’, di cui parleremo più avanti.

Laboratorio o Natura

. Il dottor Francis Boyle crede che il virus sia stato creato all’Istituto di virologia di Wuhan. Boyle pensa che la Cina voglia diventare la potenza militare biotecnologica del mondo. Dopo tutto, sono molto indietro nell’armamento nucleare.
Dottor Francis Boyle

Ora lo guarderemo un po’ più da vicino. C’è qualche prova scientifica che il COVID-19 sia stato fatto in laboratorio? È importante saperlo, perché legato a questo c’è la domanda “e perché?

Uno studio pubblicato il 18 marzo 2020 sulla rivista Antiviral Research, Vol. 176, aprile 2020, mostra che il mortale coronavirus COVID-19 salta facilmente da uomo a uomo, il che spiega immediatamente perché il virus è così difficile da isolare. Non si sa dove il coronavirus COVID-19 abbia avuto origine, il che suggerisce che non si presenti in natura.

Non è esattamente una prova conclusiva, ma c’è di più:

Gli scienziati guidati dal dottor Prashant Pradhan dell’Indian Institute of Technology, Kusuma School of Biological Sciences, Delhi, stanno scoprendo segmenti di RNA in COVID-19 che non sono simili ad altri coronavirus come la SARS. COVID-19 è più simile all’HIV. Il virus risponde anche al trattamento con farmaci per l’HIV. L’RNA o acido ribonucleico, è una macromolecola biologica essenziale per la regolazione dei processi cellulari in tutte le forme di vita conosciute.

“Abbiamo trovato 4 aggiunte nella glicoproteina (S) che sono uniche per il 2019-nCoV e non si verificano in altri coronavirus. I residui di aminoacidi sono simili a quelli dell’HIV-1 gp120 o HIV-1 Gag. E questo è estremamente strano.”

La segnalazione in questo articolo ha portato a un’ondata di smentite da parte dei governi, delle autorità sanitarie e dei media. Qualsiasi suggerimento che il coronavirus fosse stato sviluppato in un laboratorio è stato respinto. COVID-19 è stato consegnato da Madre Natura, non creato da scienziati che giocano con virus mortali.

Sotto forte pressione, gli autori hanno ritirato l’articolo e l’editore ha pubblicato un messaggio che avverte che tutti gli articoli scientifici sono di natura “preliminare”.

Quattro inserzioni geniche non accadono solo se non per un design intenzionale e malevolo

Glicoproteina spike modellata dell’omotrimero del virus 2019-nCoV. Gli inserti dall’HIV
le proteine ​​dell’involucro sono mostrate con perline colorate, presenti nel sito di legame della proteina.
4 inserzioni uniche per il 2019-nCoV

SCARICA QUI IL DOCUMENTO IN FORMATO PDF corona-Delhi-uni

Ma ci sono altre prove che COVID-19 proviene da un laboratorio:

Sequenza o sequenza genica in biologia si riferisce all’ordine dei nucleotidi in una macromolecola di DNA o RNA; o l’ordine degli amminoacidi in una proteina. Poiché il DNA di un gene codifica per una proteina, la sequenza di nucleotidi in tale gene determina la sequenza di amminoacidi nella proteina corrispondente.

E con questo, Weiler mette sul tavolo la prova inconfutabile che COVID-19 è stato sviluppato in un laboratorio.

Tweet sulla FIRMA DEL MOTIF del 2019nCoV

Sul sito dell’IPAK è pubblicato il seguente appello:

Trovare l’origine del virus è terribilmente importante. Quando si sa esattamente come è stato fatto il virus, è possibile determinare come funziona e come sviluppare un vaccino.

Tweet sulla FIRMA DEL MOTIF del 2019nCoV

Per riassumere

Gli scienziati stanno sviluppando un virus mortale il cui codice genetico è “incorporato” nell’HIV, che appartiene a una famiglia di virus completamente diversa. Ha un segmento centrale insolito e misterioso che non è mai stato visto in un coronavirus e potrebbe essere responsabile dell’ingresso nelle cellule dell’ospite. Questo segmento può anche aumentare il tasso di infezione.

COVID-19 non è sicuramente un virus che vive in natura, ma uno che è stato creato in laboratorio. Secondo Weiler, una proteina della SARS che è stata messa in un coronavirus con capacità di HIV.

Spionaggio di guerra biologica

Altre spie

Dal 2010, i cinesi predano le conoscenze americane di virologia e biotecnologia. Nel dicembre 2019, agenti cinesi dell’Università di Harvard sono stati sorpresi a contrabbandare virus mortali.

Charles Dear accusato di spionaggio di Wuhan

Il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti il 28 gennaio 2020 ha incriminato il dottor Charles Lieber, il presidente del Dipartimento di Chimica e Biologia Chimica dell’Università di Harvard, e due cittadini cinesi per spionaggio per la Repubblica Popolare Cinese. Lieber lavorava già per l’Istituto di virologia di Wuhan. Lì cercava “studenti intelligenti” con un interesse per la ricerca scientifica biotecnologica. Questo programma è stato precedentemente criticato in un’udienza dell’aprile 2018 intitolata “Scienziati o spie”.

Il commissario della Commissione economica e di sicurezza America-Cina, Michael Wessel, ha raccomandato che il Congresso cancelli le sovvenzioni, i prestiti o qualsiasi altra assistenza a Charles Lieber. Lieber riceveva 50.000 dollari al mese per i suoi meriti dall’Istituto Wuhan, senza includere le spese di soggiorno di 158.000 dollari. Ha anche ricevuto 1,5 milioni di dollari per la creazione di un laboratorio di ricerca. Lieber è in congedo amministrativo.

Liebers Thousand Talents contratto di partecipazione e premi

“La Cina ha piazzato agenti dormienti nelle nostre università per rubare informazioni scientifiche“, ha detto Lamar Smith, presidente della commissione per la scienza, lo spazio e la tecnologia, durante l’audizione.

Il procuratore statunitense Andrew Lelling ha definito le accuse contro il dottor Charles Lieber “parte di una campagna cinese per rubare la tecnologia e la conoscenza americana”.

Department of justice announcement

L’agente dell’FBI di Boston Joseph Bonavolonta aggiunge:

“Nessun paese è una minaccia alla nostra sicurezza nazionale e alla nostra prosperità economica più grande della Cina. L’obiettivo del governo comunista è semplicemente quello di sostituire l’America come potenza mondiale.”

Un altro colpevole era Yanqing Ye, 29 anni, membro del Partito Comunista Cinese (PCC) e tenente dell’Esercito Popolare di Liberazione, le forze armate della Repubblica Popolare Cinese. Ha scambiato informazioni con l’Università di Tecnologia della Difesa (NUDT), un’accademia militare gestita dal PCC.

La terza spia è Zaosong Zheng, 30. È stato arrestato all’aeroporto internazionale di Boston il 10 dicembre 2019. Voleva contrabbandare in Cina 21 provette contenenti virus. È detenuto dal 30 dicembre 2019.

The Beth Israel Deaconess Medical Center in Boston

La corsa al vaccino

Le provette sono state rubate dal Centro di virologia e ricerca sui vaccini al Beth Israel Diakonesse Medical Centre nel campus di Longwood. Il centro medico è affiliato all’Università di Harvard, Dipartimento della Salute.

Johnson & Johnson and Janssen

Il 13 marzo 2020, Johnson & Johnson ha annunciato che la sua filiale Janssen Pharmaceutical ha avviato una collaborazione con il Beth Israel Diakonesse Medical Center per sviluppare un vaccino per COVID-19. Janssen intende aumentare la capacità di produzione per soddisfare la vaccinazione mondiale dei pazienti COVID-19 nel prossimo futuro.

Paul Stoffels, amministratore delegato e vicepresidente del consiglio di amministrazione di Johnson & Johnson, ha dichiarato: “Siamo grati di avere partner di collaborazione esperti e di talento come Dan Barouch e il suo team. Mettendo in comune conoscenze e risorse, possiamo contenere questa pandemia”.

Bill Melinda Gates Foundation Headquarters

Il Dr. Dan Barouch ha ricevuto quattro sovvenzioni dalla Gates Foundation nel 2011, 2012, 2013 e 2014. Il suo gruppo è una parte fondamentale della Fondazione Bill & Melinda Gates, una rete scientifica per lo sviluppo dei vaccini, l’American Institutes of Health (NIH), il Centre for HIV/AIDS Vaccine Immunology, e il Ragon Institute al Massachusetts Hospital, che prende il nome dalla donazione di 100 milioni di dollari di Phillip T. e Susan M. Ragon.

Il secondo candidato in questa corsa è Baric. Lui e la Vanderbilt University hanno testato quasi 200.000 farmaci contro SARS, MERS e altri coronavirus. Uno di questi era il trattamento ‘remdesivir’ di Gilead Science, che l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha definito “promettente”. È in fase di test in Cina e potrebbe dare risultati in aprile.

Il terzo candidato è stato presentato da Genetic Engineering & Biotechnology News il 24 febbraio 2020. L’Università di Harvard e il Guangzhou Institute of Respiratory Diseases della Cina svilupperanno congiuntamente un vaccino. La collaborazione è finanziata da 115 milioni di dollari dal gigante immobiliare cinese China Evergrande Group.
Zhong Nanshan, dell’Istituto di Guangzhou, guiderà il team di ricerca. È a capo dell’unità di esperti 2019n-CoV cinese.

Sono sbalordito. Gli scienziati americani ricercano e manipolano virus mortali. Questi sono rubati da agenti cinesi. Continuano ad armeggiare nei laboratori cinesi. E quando il virus viene rilasciato, tutte le persone coinvolte iniziano a cercare una soluzione. Sanno cos’è il COVID-19 e ne hanno così paura che anche gli scienziati cinesi e americani iniziano a lavorare insieme.

Avvertenze

Supponiamo di avere un virus creato dall’uomo che i creatori vorrebbero testare per qualche motivo. Persone che non si preoccupano di decine di migliaia o milioni di morti. Non si dovrebbe emettere una sorta di dichiarazione di pandemia in un caso simile? Il mondo non dovrebbe avere il permesso e la possibilità di prepararsi prima? Qualcosa come “abbiamo un virus mortale e stiamo per testarlo, comprate i tappi per la bocca e restate dentro”. Anche i terroristi avvertono un governo prima di agire.

La verità: ci sono stati continui avvertimenti, ma nessuno e nessun governo ha ascoltato.

Bill Gates, durante il suo TED Talk del 2015 intitolato ‘The coming outbreak, are we ready for it’, ha avvertito quanto segue:

”Se più di 10 milioni di persone saranno uccise in un colpo solo nei prossimi decenni, sarà da un virus infettivo. Non razzi, ma microbi”.

Due anni dopo, ha detto lo stesso in un evento a Davos.

Il professor Ralp Baric ha detto il 15 ottobre 2017 in una pubblicazione del Carolina Public Health Magazine intitolata “Siamo pronti per la prossima epidemia di superbug?

Il seguente:

“Possiamo capire cosa sta succedendo. Non siamo in grado di sviluppare, testare e produrre vaccini in grandi quantità a breve termine. Inoltre, non abbiamo farmaci sullo scaffale per combattere un virus sconosciuto”

Nel febbraio 2018, Bill Gates ha avvertito in Business Insider:

“Gli epidemiologi dicono che un agente patogeno trasportato dall’aria potrebbe uccidere più di 30 milioni di persone in meno di un anno. E non siamo preparati. Dobbiamo costruire un arsenale di vaccini, farmaci e strumenti diagnostici. Dobbiamo anche migliorare l’assistenza sanitaria pubblica e prepararci alle epidemie come l’esercito si prepara alla guerra. A partire dal gioco di ruolo per capire meglio come si diffondono le malattie, come reagisce la gente nel panico e come affrontiamo le autostrade congestionate e i sistemi di comunicazione.

Cita Bill Gates

Un mese dopo, Gates ha detto in una discussione sulle epidemie organizzata dalla Massachusetts Medical Association e il New England Journal of Medicine a Londra:

“La storia dimostra che una malattia mortale si diffonderà nel mondo. E noi non siamo pronti per questo. Non c’è preparazione alla pandemia. Sta anche diventando sempre più facile per i terroristi, per esempio, creare un virus mortale in laboratorio. La malattia che ci sta arrivando è probabilmente una malattia che vediamo per la prima volta, come la SARS e la MERS.

Cita Bill Gates

Bill Gates e Bloomberg Prove Pandemiche

L’ultimo avvertimento è arrivato nell’ottobre 2019. Il Johns Hopkins Centre for Health Security con il World Economic Forum e la Bill and Melinda Gates Foundation ha organizzato un esercizio di pandemia globale chiamato “Event 201” a New York il 19 ottobre 2019.

L’esercizio sulla pandemia globale Evento 2021.

L’esercizio ha utilizzato un nuovo coronavirus come modello. I protagonisti di questo esercizio sono stati 15 leader del business, del governo e della sanità pubblica. Tra questi:

Il professor George F. Gao, D.G. Centro cinese per il controllo e la prevenzione delle malattie, professore presso l’Istituto di microbiologia dell’Accademia cinese delle scienze, presidente della Società cinese di biotecnologia e presidente della Federazione asiatica di biotecnologia (AFOB). Martin Knuchel, direttore e capo del team di crisi, emergenza e continuità aziendale di Lufthansa. Stephen C. Redd, vicedirettore per la salute pubblica e le scienze esecutive presso il Centro statunitense per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC). Adrian Thomas, vicepresidente della sanità pubblica alla Johnson & Johnson.

L’esercizio sulla pandemia globale Evento 2021.

L’esercizio consisteva in come reagire e lavorare insieme in tempi di una pandemia. Particolare attenzione è stata data alla cooperazione reciproca di aziende, governi e salute pubblica e alle conseguenze economiche e sociali di una pandemia. Gli organizzatori hanno dichiarato in seguito che “una nuova forma di cooperazione pubblico-privato è necessaria”.

COVID-19 Cosa è successo e chi è colpevole?

Vedo una guerra per procura tra diversi partiti economici e politici? I democratici americani stanno usando la CIA per sfilettare i repubblicani? È una mossa spaventosa dello Stato Profondo per stabilire l’Unione Europea una volta per tutte? È un’operazione false-flag per coprire la prevista recessione economica globale? È un esperimento di vaccinazione andato male?

Stiamo indagando su tutte queste possibilità per scoprire la verità.

Fonti: DeepWeb & peterstuivenberg.com & stateofthenation.co & thewatchtowers.org

Abbiamo  bisogno della vostra collaborazione ! Contiamo su di voi per un supporto economico necessario per  finanziare i nostri rapporti investigativi. Se vi piace quello che facciamo, un abbonamento mensile è un riconoscimento a noi per tutto lo sforzo e l’impegno che ci mettiamo. 

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE


Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code