toba60

Corridori su Strada e Trail Runner: Cosa possono Imparare l’Uno dall’Altro

Siamo Stati Censurati, Quindi Condividi Questo Articolo

Corridori su Strada e Trail Runner….ehh si, e’ proprio vero, sono a tutti gli effetti due modi totalmente differenti di concepire la corsa.

Io ho sempre preferito la corsa a briglie sciolte su e giù per le montagne che rifletteva in pieno il mio carattere e la mia predisposizione fisiologica.

Ed ora alcune mie considerazioni personali in proposito.

E’ un luogo comune dire che chi va forte in montagna corre piano in pianura, e’ un falso paradigma che non ha alcun fondamento, in oltre 40 anni che corro ho notato che la tendenza e’ sempre stata quella di specializzarsi nell’una o nell’altra specialità’ ed è gioco forza che si ottengono i migliori risultati li dove si focalizza il proprio sforzo.

I numerosi membri dalla nazionale di corsa in montagna che spesso dalle mie parti in Veneto affrontavo nelle corse su strada (Si fa per dire:-) ) ogni domenica, erano sistematicamente sul podio di ogni gara.

Un particolare ho notato nei lunghi anni che ho trascorso correndo.

Chi come in Italia ha praticato il calcio, una volta che decide di dedicarsi alle competizioni Trial in montagna, scoprirà di essere particolarmente predisposto per questo genere di corse, penso ciò sia dovuto alla sua familiarità’ agli sforzi intensi, la biomeccanica e la forza nelle gambe assimilate nel calciare la palla e le frequenti variazioni di ritmo che ricreano determinate situazioni che si verificano frequentemente nelle corse in salita.

Cari amici calciatori, se decidete di correre sappiate che se il vostro avversario vi da 3 secondi al km, a parità di condizione e’ probabile che in una gara di Trail il finale ve lo giocherete allo sprint!

Toba60

Corridori su Strada e Trail Runner

C’è sempre stata un po’ di rivalità tacita tra i corridori su strada e i trail runner. Sì, fanno parte della stessa squadra, ma entrambi vogliono credere che la loro disciplina sia la più dura. La velocità e l’intensità della strada contro le salite che spaccano i polmoni e le discese difficili dei sentieri…

Come qualcuno a cui piace competere in entrambi, posso dire con certezza che qualsiasi tipo di corsa è difficile come la fai tu. Se ti stai spingendo al limite, fa male. Che sia il dolore intenso di una corsa di un miglio o la sofferenza prolungata di un’ultramaratona di 100 km, in un modo o nell’altro ti fa male.

Ma non è questo il punto di questo pezzo. Pensiamo che piuttosto che vedersi come un ‘roadie’ o un trail runner, ha molto più senso imparare da entrambe queste discipline il più possibile. Considereremo alcuni diversi aspetti dell’allenamento, guardando come le discipline si confrontano e possono forse imparare l’una dall’altra:

Allenamento

A causa della varietà del terreno del trail running, correre completamente a ritmo è essenzialmente impossibile. Piuttosto, i corridori devono imparare a concentrarsi sulla “sensazione” del loro sforzo e ascoltare questo indicatore interno dello sforzo. Imparare ad ascoltare il nostro corpo e come si sente in questo modo è un’abilità così importante sia per l’allenamento che per la corsa, ed è certamente qualcosa che molti corridori potrebbero praticare che sono diventati troppo dipendenti da ciò che il loro orologio dice loro.

D’altra parte, la corsa su strada permette di praticare una precisione assoluta per quanto riguarda il ritmo. Se usato nel modo giusto, può diventare un buon strumento per insegnare a mantenere uno sforzo costante, molti corridori su strada esperti possono raggiungere un ritmo estremamente costante senza consultare l’orologio. Una cosa che vediamo spesso è che i trail runner che affrontano alcuni allenamenti di corsa su strada fanno fatica a mantenere un ritmo costante, perché sono abituati a più fluttuazioni nei loro sforzi a causa della natura dei loro percorsi.

Varietà di Allenamenti

In generale, i corridori su strada includono molta più varietà nel loro allenamento in termini di tipi di allenamenti che fanno – colline, intervalli, fartleks, tempi, ecc. e tutti questi in una vasta gamma di passi e intensità. Il tuo tipico trail runner (questa è ovviamente una grande generalizzazione) sarà più concentrato sulle colline e sulle corse lunghe, perché spesso queste sono viste come il tipo di sessioni più ‘specifiche’ per il loro evento. Anche se questo è vero, c’è ancora molto da guadagnare da un’ampia varietà di allenamenti che sollecitano e stimolano il nostro corpo in modi diversi e utilizzano diversi sistemi energetici.

C’è un malinteso comune tra i corridori su strada che “il trail running ti rende lento” quando la realtà è molto diversa. Ciò che “ti rende lento” è se ignori completamente l’allenamento per la velocità. È del tutto possibile trascorrere molto tempo sui sentieri e mantenere/migliorare la propria velocità allo stesso tempo, se si concede un po’ di tempo per il lavoro sulla velocità. Anche se questo può non sembrare importante per i trail runner, è un modo efficace per migliorare la tua falcata, la tua potenza e la tua efficienza.

Mentalità e Psicologia

Per il 99% di noi, la corsa è solo un hobby e qualcosa che dovrebbe, almeno la maggior parte del tempo, essere un’attività piacevole. La crescita del trail running ha inaugurato una nuova ondata di corridori intenti a godersi l’allenamento il più possibile. Questi corridori sono spesso più interessati a trovare i migliori percorsi e sentieri, e di solito sono meno stressati nel rispettare un piano di allenamento.

D’altra parte, il tipico corridore su strada è di solito molto più severo riguardo al ritmo e alla distanza, e si attiene a un programma settimanale più strutturato. Nessuno di questi approcci è giusto o sbagliato; dopo tutto, molti di noi trovano piacere nelle dure sessioni di allenamento e nella pianificazione dei nostri allenamenti. Per altri, si tratta piuttosto di uscire per un’avventura con gli amici.

Molti corridori su strada, tuttavia, possono probabilmente imparare una lezione o due dai trail runner più “rilassati”. Anche negli allenamenti seri, è importante concedersi la flessibilità di fare a volte un passo indietro e correre solo per il gusto di farlo – e ricordare che in definitiva, lo si fa per divertimento.

E’ un video Semplicemente fantastico che Riprende Diviggiano Simone, un nostro lettore il quale ci ha cortesemente fornito queste spettacolari immagini.

Al contrario, la rigida disciplina del tipico corridore su strada è qualcosa che si può tradurre in tutte le sfere della vita. Disciplina, forza mentale e struttura forniscono molto valore. Coloro che hanno fatto molte corse su strada lunghe e difficili sapranno della concentrazione e della forza mentale che questo richiede. Per ogni trail runner che vuole migliorare, è importante essere in grado di gestire anche questo tipo di corse piuttosto che solo quelle divertenti e piacevoli.

Struttura

L’allenamento strutturato e polarizzato è molto comune tra i corridori su strada, ma probabilmente meno tra i trail runner. Lo svantaggio di questo per il trail running è che si può finire con molte corse nella zona di “sforzo moderato”, piuttosto che un approccio più polarizzato con giorni duri e facili che sappiamo essere un meccanismo efficace per permettere al corpo di essere stressato e adattarsi. Inoltre, può essere piuttosto difficile mantenere lo sforzo ‘facile’ se si sta scalando una vetta di montagna quindi questo tipo di sforzi di recupero sono dove i trail runner possono considerare piuttosto optando per una corsa su strada più piatta e facile.

Lato Tecnico dell’allenamento

A causa della mancanza di feedback esterni (split, ritmo, ecc.), i trail runner spesso si avvicinano agli allenamenti con un certo sforzo in mente che si adatta allo scopo dell’allenamento. Il lato positivo di questo è che, piuttosto che andare troppo veloce/lento a causa di qualche idea preconcetta del ritmo “giusto”, possono concentrarsi puramente sul loro livello di sforzo percepito e assicurarsi che questo si adatti all’obiettivo della sessione.

Gli allenamenti di corsa su strada possono occasionalmente indurci a correre più forte del previsto, perché siamo troppo presi e ossessionati dal “vincere l’allenamento” e raggiungere il ritmo stabilito per la corsa (quando in realtà, questo ritmo è semplicemente una linea guida piuttosto che qualcosa da cercare di “battere”).

Questo aspetto più tecnico e preciso della corsa su strada ha comunque il suo lato positivo, in quanto ci permette di confrontare più facilmente gli allenamenti e monitorare i miglioramenti nel tempo. Inoltre, la corsa su strada enfatizza molto di più cose come il riscaldamento, gli esercizi e la tecnica. Questi sono aspetti importanti per migliorare la nostra efficienza e prevenire gli infortuni, e dovrebbero essere implementati da tutti i corridori.

Allenamento della Forza

L’allenamento della forza gioca un ruolo enorme nel trail running, perché è molto più impegnativo per tutto il corpo. La forza delle gambe è essenziale per la capacità di arrampicata di un trail runner, mentre il terreno vario e tecnico richiede forti muscoli stabilizzatori e molti altri. A parte la prospettiva della performance, l’allenamento della forza è anche un meccanismo chiave per la prevenzione degli infortuni.

Anche se è probabilmente meno importante per i corridori su strada, l’allenamento della forza ha ancora un ruolo da svolgere in termini di promozione della buona forma e dell’attivazione muscolare (e dal punto di vista degli infortuni, come detto). La maggior parte dei corridori su strada potrebbe certamente beneficiare dell’introduzione di una o due sessioni extra di forza a settimana.

Nonostante le molte differenze tra il trail e la corsa su strada sono entrambi ancora in corsa. Ci sono molte più somiglianze tra i due che differenze, e non ha senso ignorare ciò che abbiamo imparato da entrambe le discipline.

Non è una sorpresa vedere che la maggior parte dei migliori corridori su strada del mondo trascorrono molto del loro tempo correndo su sentieri/sterrato, e molti dei migliori trail runner del mondo includono intervalli regolari su strada/pista nel loro allenamento. Non vederla come una scelta o l’altra in termini di quale stile di allenamento vorresti seguire, ma piuttosto come la combinazione che ha più senso per te e per i tuoi obiettivi individuali.

Fonte: runningscience.co.za

La censura è una spada di Damocle che incombe ogni giorno sopra la nostra testa, collabora con noi attraverso un contributo mensile, Byoblu ha dovuto accedere alle reti televisive per lavorare liberamente e va ”Supportato”, fa che coloro che rimangono non debbano chiudere, siamo pure noi fondamentali ed importanti e solo insieme possiamo far fronte ad uno strapotere mediatico neoliberista e non intendiamo in alcun modo offrire loro il monopolio assoluto dell’informazione. Toba60

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE

Prosourcefit.com logos



Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code