toba60

COVID-19.Cosa Potrebbe Esserci di Peggio?

Credo che al termine della lettura rimarrete letteralmente basiti, io stesso seguendo il filo logico di quello che l’autore ha spiegato con dovizia di dati, grafici e riferimenti, stentavo a credere di come, a prescindere da tutto quello che già si sapeva, bastava considerare l’ovvio che era davanti i nostri occhi per non cadere nella trappola a cui il mondo intero e’ caduto.

Avete presente il gioco delle 3 carte, chi non ha mai avuto la tentazione di giocare almeno una volta con la fiduciosa prospettiva di vincere?

Gli esseri umani sono cosi, facilmente manipolabili e ingenuamente presi dalla smania di sapere tutto attraverso un perenne interlocutore esterno che fornisce lui ogni soluzione ai problemi della vita.

Alla fine sorge la classica domanda….come ho fatto a non capirlo prima!!

Mettetevi il cuore in pace….c’è chi nemmeno davanti l’evidenza non arriverà’ mai a comprenderlo, non e’ una questione di intelligenza quella e’ un optional che esula dalla ragione….

…..non vi preoccupate al peggio non c’è mai fine

LEGGETE PRIMA QUESTO:

I dati e le conclusioni che seguono sono tutti fattualmente corretti. Anche se sono estremamente allarmanti, credo che la nuova malattia qui discussa ci offra una maggiore comprensione della nostra attuale situazione.

Ma per favore leggete fino alla fine di questo articolo prima di comprare altra carta igienica!

Cosa potrebbe essere peggio del COVID-19?

Siamo nella morsa di una pandemia. La maggior parte del mondo è in isolamento, in qualche misura. Le imprese stanno chiudendo, le strutture di supporto sociale si stanno disintegrando e l’interazione umana si sta sistematicamente rompendo. In alcune parti del mondo i residenti non possono lasciare le loro case. Molti esperti prevedono un crollo economico diffuso.

La giustificazione per tutto questo è che abbiamo per le mani una nuova malattia che si sta diffondendo in modo incontrollato, minacciando di invadere ogni angolo del mondo se non viene arrestata. Ogni giorno sentiamo che i casi stanno aumentando vertiginosamente, insieme a titoli come “Servizi medici al punto di rottura”, o “Virus fuori controllo”.

Giusto? Cosa potrebbe essere peggio?

Beh, c’è qualcosa, e in realtà è molto peggio: una “nuova” malattia sul radar. In realtà è emersa nello stesso periodo di COVID-19 ed è aumentata allo stesso ritmo di COVID-19 esattamente nello stesso periodo di tempo. Ma per qualche motivo non ne abbiamo sentito parlare. Per finire, ha esattamente lo stesso profilo di sintomi di COVID-19. Infatti, i due sono clinicamente indistinguibili!

Coincidenza? Può darsi. Gli è stato dato il misterioso nome di “NC-19”. Spiegherò il perché più tardi.

Ottenere buoni dati sull’NC-19 è difficile. Al momento in cui scrivo, una ricerca su “NC-19” non porta a nulla; diversi media mainstream, tuttavia, lo stanno lentamente scoprendo, compresi i reporter di The Atlantic (U.S.A.) e The Guardian Australia. Discuterò a breve ciò che hanno trovato e vi porterò dove potete trovare i dati. Ma prima voglio mostrarvi qualcosa di mozzafiato dal paese che si ritiene abbia raccolto i migliori dati sia su COVID-19 che su NC-19.

La figura 1 è un grafico dei casi di NC-19 della Corea del Sud, sia il conteggio cumulativo che i “nuovi” casi giornalieri.

Fig 1. Conteggio cumulativo e giornaliero dei casi NC-19, Corea del Sud

Per confronto, la Figura 2 mostra i casi di COVID-19 della Corea del Sud nello stesso periodo.

Fig 2. COVID-19 conteggio cumulativo e giornaliero dei casi, Corea del Sud

Notate la somiglianza. Ora guardate meglio gli assi verticali… e tenetevi forte! Ci sono stati più casi di NC-19. Parecchi di più. Quasi 40 volte di più, in effetti.

Cosa sta succedendo? Perché non ci è stato detto prima?

Ripeto: le due malattie sono emerse nello stesso momento, e si sono diffuse allo stesso ritmo, nello stesso periodo. Inoltre, i sintomi di NC-19 rispecchiano esattamente quelli di COVID-19.

Oh, c’è un’altra cosa. Tutti i casi di NC-19 sono stati confermati in laboratorio.

L’unica differenza è che la causa di NC-19 non è stata trovata. Naturalmente, coloro che hanno familiarità con la conferma di laboratorio si chiederanno “come può essere confermato in laboratorio se la causa non è nota? Buona domanda. Lo spiegherò più tardi, ma, per ora, vi prego di accettare che i casi sono stati confermati in laboratorio, perché è così.

Quindi cosa sta succedendo?

Se vi sembra di esservi persi qualcosa, non siete soli. Perché i media sono rimasti in silenzio sulla NC-19? Nessuno ha fiatato. Potrebbe essere che la malattia sia solo in Corea del Sud? La risposta è un enfatico “No”. Sta succedendo in tutto il mondo. È solo che la Corea del Sud ha pubblicato una serie abbastanza completa di dati al riguardo.

Chiaramente, tutto quello che abbiamo da temere dal COVID-19, lo affrontiamo in un senso molto più grande con l’NC-19. Ma non ne sentiamo parlare. Per qualche ragione, il mondo intero si concentra su una malattia e ne ignora un’altra che è molto più grande.

Come accennato in precedenza, i giornalisti di The Atlantic sono riusciti a raccogliere una serie limitata di dati sui casi di entrambi (COVID-19 e NC-19) negli Stati Uniti per il mese di marzo 2020. Ancora una volta i risultati sono strabilianti (vedi figure 3 e 4).

Fig 3. Conteggio cumulativo e giornaliero dei casi NC-19, U.S.A.
Fig 4. Conteggio cumulativo e giornaliero dei casi COVID-19, U.S.A.

La storia è simile a quella della Corea del Sud, tranne che questa volta NC-19 è solo circa cinque volte il problema di COVID-19. Perché questo potrebbe essere? Una spiegazione può essere trovata nel fatto che gli Stati Uniti sono stati pesantemente criticati per la loro mancanza di test.

Si noti che i numeri sui grafici sono multipli di 1000. Ciò significa che, nonostante la mancanza di test, a partire da questa scrittura gli Stati Uniti avranno probabilmente confermato più di mezzo milione di casi di NC-19. Che è circa lo stesso dell’intero conteggio mondiale del COVID-19.

Nel mio paese d’origine, l’Australia, i giornalisti del Guardian Australia hanno raccolto tutti i dati pubblicamente disponibili sul NC-19. Purtroppo sono troppo scarsi per fare un grafico giorno per giorno, ma gli ultimi numeri di casi che hanno cumulato (fino al momento di questo scritto) sono nella tabella qui sotto, con i loro confronti COVID-19.

Questi dati provengono solo da tre stati; ma, come potete vedere, l’Australia sembra avere circa 50 volte più casi di NC-19 che di COVID-19.

Di nuovo, perché non abbiamo sentito parlare di tutto questo? Potrebbe essere che la situazione è semplicemente troppo terribile? Il mondo è quasi al punto di rottura con il COVID-19. Quanto ancora potremmo sopportare?

Discussione [IMPORTANTE – DEVI LEGGERE!]

Questa è chiaramente una situazione angosciante. Per molti sarà la prima volta che sentono parlare di NC-19. Si è tentati di sperare che ci sia qualcosa di sbagliato nei dati. Non c’è, anche se finché i media rimarranno in silenzio tale speranza continuerà. Una volta che la storia si diffonderà, sarà diverso.

Ma avete visto cosa ho fatto lì? Probabilmente no. Quelli che capiscono la situazione stanno probabilmente ridendo a crepapelle, perché sanno esattamente cosa ho fatto.

Ho appena fatto a voi esattamente quello che i media hanno fatto a voi.

Ho usato dati di fatto. (Sì, sono completamente reali. Potete controllarli da soli usando i link qui sotto). Li ho presentati graficamente e senza trucchi. Ma vi ho fatto credere che fosse qualcosa di grande, quando la verità è che non significa nulla. Questo è esattamente quello che i media vi hanno fatto con COVID-19.

A proposito, sono stato io a dargli il nome NC-19. Sta per “NON COVID-19”. Questa è l’unica parte inventata.

Quindi cos’è esattamente NC-19? La risposta semplice è che sono tutte le persone testate per COVID-19 che sono risultate negative. Sono tutti identici ai casi di COVID-19 sotto ogni aspetto, tranne il risultato del test.

Quindi:

  • Le due malattie sono emerse nello stesso momento;
  • Tutti erano confermati in laboratorio (positivi se erano COVID-19 e negativi se erano NC-19);
  • Tutti erano malati con esattamente lo stesso profilo di sintomi (avendo dovuto soddisfare gli stessi criteri).

Ho promesso che avresti potuto confermare i dati da solo. Ricorda solo che ho dato il nome alla malattia – quindi non aspettarti di vedere “NC-19” elencato in nessuno dei seguenti link. Cercate solo i risultati del test: positivo significa COVID-19, e negativo significa NC-19. Ecco le fonti:

Corea del Sud – dovrai esaminare tutti i comunicati stampa uno per uno;

USA – tutti raccolti per voi; https://covidtracking.com/

Un esempio di critica agli USA per i test e le registrazioni scadenti;

Australia – raccolti ma, come detto, scarsi.

Rimane una cosa da spiegare. Perché i numeri sono aumentati allo stesso ritmo? Il COVID-19 si sta diffondendo in tutto il paese perché è un “nuovo” virus, giusto? Ed è per questo che c’è tutto il panico, giusto? NC-19 non è un ‘nuovo’ virus, quindi perché sta facendo la stessa cosa?

E questa è l’intera ragione di questo articolo. Continuate a leggere per l’importante messaggio da portare a casa!

Non si può contare solo sul conteggio.

Quando qualcosa è nuovo – o anche non nuovo ma solo qualcosa che non sapevamo ci fosse prima (forse perché non riuscivamo a vederlo) e cominciamo a notarlo per la prima volta, ovviamente quante volte lo troviamo dipende da quanto impegno ci mettiamo.

Ha senso?

Riuscite a vedere cosa è successo? Più test abbiamo condotto, più risultati abbiamo ottenuto – sia positivi che negativi. Ecco perché vediamo i grafici sorprendenti qui sopra. Questo NON significa che una delle due malattie sia in aumento. Significa solo che i test stanno aumentando. Poiché i nostri test sono aumentati esponenzialmente, anche i nostri risultati – sia positivi che negativi – sono aumentati esponenzialmente. Non è una sorpresa: è ovvio che sia così!

Con COVID-19, abbiamo aumentato il numero di persone che testiamo ogni giorno. Per esempio, l’Australia aveva testato meno di 200 persone alla fine di gennaio (secondo i rapporti ufficiali). Alla fine di febbraio, ne abbiamo testate più di 2000; a metà marzo, più di 20.000; e ora, mentre ci avviciniamo alla fine di marzo, quasi 200.000. Questo è un aumento esponenziale nei test.

Ma i media hanno trasformato questa semplice osservazione in titoli come “Casi in aumento esponenziale”. Il titolo corretto sarebbe stato “Test in aumento esponenziale”.

Questo copre solo un aspetto dell’enigma. È un aspetto molto importante, poiché ha gettato le basi di questa apparente emergenza in evoluzione. Ma c’è molto di più da coprire.

Che dire, per esempio, dei morti? E l’Italia?

Per ora, anche se può essere facile assumere che i sintomi successivi più gravi (compresa la morte) devono essere più comuni in coloro che sono risultati positivi rispetto a quelli che sono risultati negativi, non è stata pubblicata alcuna prova a sostegno di ciò. Infatti, non c’è alcun suggerimento che coloro che sono risultati negativi siano stati seguiti il che implica che il test potrebbe semplicemente allontanare molti che sono effettivamente malati.

Nei prossimi giorni, scriverò di più su COVID-19, per cercare di fare nuova luce su quello che sta succedendo. In particolare, tratterò i seguenti argomenti (che in questo articolo diventeranno collegamenti ipertestuali attivi man mano che verranno pubblicati):

Si sta diffondendo? (L’intera giustificazione delle attuali restrizioni!)

È pericoloso? (E l’Italia, ecc.)

È reale? (Cosa significa il test?)

Discuterò anche il ruolo che i media hanno giocato in tutto questo.
Nel frattempo, parlate con i vostri amici. Spiegate loro cosa è successo per causare un aumento percepito dei casi. Con tutti noi che facciamo la nostra piccola parte per applicare il pensiero critico a ciò che abbiamo appreso della situazione, forse troveremo un modo per ripristinare la situazione nelle nostre comunità.

È stata la dichiarazione che il COVID-19 si stava diffondendo in modo epidemico a giustificare le restrizioni senza precedenti che stiamo vivendo ora.

Quella dichiarazione era basata su prove?

Quando i media e, più tardi, gli esperti sanitari di tutto il mondo, notarono che il numero di persone positive ai test stava aumentando sostanzialmente ogni giorno, annunciarono che la malattia si stava diffondendo in modo incontrollato, Se siete arrivati sino a qua capirete che abbiamo scoperto che stavano trascurando qualcosa di vitale: che il numero di persone non positive ai test stava crescendo in parallelo.

Questo è un errore di base nella scienza. Molto elementare. Usiamo un altro esempio per illustrare. Diciamo che vogliamo valutare l’estensione dei mancini nella nostra città. Iniziamo contando cinque mancini nella nostra strada. Un paio di giorni dopo ne contiamo 50 nel nostro quartiere. Poi reclutiamo alcuni aiutanti e ne contiamo 500 in un intero quartiere. La settimana seguente chiediamo alla squadra di passare le tre settimane successive a coprire l’intera città. Diciamo che ne contano 5000.

Ciò significherebbe che il numero di mancini nella nostra città è aumentato drasticamente da cinque a 5000 nello spazio di un mese?

Questo solleva naturalmente un’altra domanda: se le prove disponibili sostengono la tesi che il COVID-19 si sta o si è diffuso.

Per rispondere definitivamente a questa domanda, dobbiamo sapere se c’è stato un aumento dell’incidenza del COVID-19: casi pro capite. Questo può essere determinato solo confrontando campioni casuali e rappresentativi della popolazione nel tempo.

Purtroppo, sul COVID-19, non abbiamo tali dati. È possibile, però, testare la tesi qua e là.

Sono stati pubblicati i dati dei test giornalieri di molti paesi e, come menzionato nella Parte 1, alcuni di questi includono totali giorno per giorno sia per i risultati positivi che per quelli negativi.

Anche se questi campioni non sono né casuali né rappresentativi, essendo indagini giornaliere fresche di un sottoinsieme definito della popolazione, vale la pena guardarli; e i criteri di ammissibilità per questo sottoinsieme sono rimasti abbastanza costanti per tutto il tempo.

Quindi, tracciare il rapporto tra positivi e negativi per ogni giorno dovrebbe permetterci di valutare la tendenza. Se la malattia si sta diffondendo, il rapporto positivo/negativo in una regione dovrebbe aumentare; e se la malattia si sta diffondendo in modo epidemico, il rapporto dovrebbe aumentare esponenzialmente.

Quindi diamo un’occhiata a questo. Partendo di nuovo dalla Corea del Sud, la figura 5 ci ricorda il semplice conteggio dei casi (cioè solo i positivi) che era la base per la dichiarazione di pandemia. (I dati usati per tracciare i seguenti tre grafici possono essere compilati dai comunicati stampa ufficiali della Corea del Sud). All’inizio sembra convincente, vero?

Fig 5. Risultati positivi ai test COVID-19 (giornalieri e cumulativi), Corea del Sud

Ricordate, sono stati questi numeri, riprodotti per ogni paese a turno, che hanno spinto i media a chiedere un’azione urgente. (Ho evidenziato la parte più ripida dell’aumento in rosso; spiegherò il perché tra poco).

Tracciamo ora il rapporto giornaliero tra positivi e negativi. In una malattia che aumenta in modo tipicamente epidemico, dovremmo vedere questo rapporto aumentare notevolmente con il passare dei giorni. Esaminiamo prima l’intero periodo coperto dalla figura 5, prima di concentrarci su una parte particolare di esso.

Fig 6. Rapporto giornaliero positivo / negativo COVID-19, Corea del Sud

Ho incluso una ‘linea di miglior adattamento’ generata dal computer in questi grafici per aiutarci a visualizzare la tendenza. Come detto sopra, in un’epidemia dovremmo vedere un aumento; infatti, dovrebbe essere un aumento esponenziale. Ma qui vediamo il contrario: una diminuzione.

Tenete questo pensiero.

Ora controlliamo il segmento più drammatico del periodo: la parte segnata in rosso nella figura 5. Chiaramente questo rappresenta l’aumento più ripido dei casi. Se questo rappresenta una diffusione della malattia, dovremmo almeno vedere un aumento qui nel nostro rapporto tra positivi e negativi (Figura 7).

Fig 7. Rapporto giornaliero positivo / negativo COVID-19, Corea del Sud

Ma, come potete vedere, non vediamo questo aumento. Anche durante questo apparentemente, il peggiore periodo della Corea del Sud, non c’è stato alcun aumento.

Significativamente, inoltre, il governo sudcoreano non ha imposto chiusure, coprifuoco o altre severe restrizioni sociali alla popolazione. Questo è dovuto al fatto che gli esperti sanitari sudcoreani hanno letto correttamente i segnali? Si sono concentrati su test approfonditi, mettendo in quarantena solo coloro che sono risultati positivi, ma senza introdurre altre misure di allontanamento fisico.

Diamo ora un’occhiata agli Stati Uniti, dove sembra essere successo molto da quando ho pubblicato la Parte 1. Di nuovo, cominceremo con un richiamo, nella Figura 8, dell’immagine che ha spinto prima i media e, più tardi, gli esperti di salute a chiedere severe restrizioni sociali per frenare la ‘pandemia’. (I dati per i due grafici seguenti sono disponibili dal COVID Tracking Project).

Fig 8. Risultati positivi ai test COVID-19 (giornalieri e cumulativi), U.S.A.

Ora saltiamo direttamente al rapporto giornaliero positivo/negativo nello stesso periodo, nella figura 9.

Fig 9. Rapporto giornaliero positivo / negativo COVID-19, U.S.A.

Questa volta, ho colorato i punti in blu fino al 16 marzo e in rosso dopo. Ho fatto questo perché gli Stati Uniti sono andati in blocco virtuale dopo il 16, dandoci l’opportunità di confrontare prima e dopo e una linea di best fit per ciascuno dei due periodi.

La prima cosa da notare è che il rapporto è diminuito nel primo periodo, proprio come in Corea del Sud e da allora è aumentato.

La metà blu è stato il periodo in cui il paese è stato accusato di trascinare i talloni: nessuna restrizione sociale. Il presidente Trump è stato accusato di non prendere sul serio la minaccia, ed è stato sottoposto a un’intensa pressione internazionale per fare qualcosa. Così ha fatto. È solo da allora che gli U.S.A. sono sempre più sotto chiave, e solo da allora che i risultati dei test suggeriscono qualsiasi prova di diffusione del COVID-19.

Vedi già uno schema? Corea del Sud: nessun blocco; incidenza del COVID-19 in diminuzione, anche durante il periodo apparentemente peggiore. Gli Stati Uniti: nessun blocco e incidenza in diminuzione; poi blocchi e incidenza in aumento.

Ho menzionato all’inizio che i dati pubblicati per l’Australia erano scarsi. Uno stato, tuttavia, ha pubblicato abbastanza dati per permettere un’analisi simile: Il Nuovo Galles del Sud. La figura 10 mostra il rapporto tra positivi e negativi in quello stato dall’inizio di marzo. Ho di nuovo diviso i dati in prima (blu) e dopo (rosso) le restrizioni sono state messe in atto.

Fig 10. Rapporto giornaliero positivo / negativo COVID-19, New South Wales

In Australia, le restrizioni risalgono al 13 marzo, quando il primo ministro ha annunciato che i raduni all’aperto dovevano essere limitati a 500 e quelli al chiuso a 100. Da quel giorno, gli uffici hanno iniziato a istruire il personale a lavorare da casa, e gli studenti universitari hanno iniziato a passare alle lezioni online.

Si consigliava alle persone di stare a 1,5 metri di distanza l’una dall’altra. Il 23 marzo, pub, club, palestre, cinema e luoghi di culto sono stati chiusi per ordine, e ristoranti e caffè sono stati limitati al commercio da asporto. I raduni sono stati ulteriormente limitati a 10, prima di essere limitati il 27 marzo a soli due.

Ancora una volta vediamo una tendenza al ribasso nel rapporto tra positivi e negativi prima delle restrizioni, e una tendenza al rialzo dopo di esse.

Alcuni lettori mi hanno sollecitato a presentare i dati dell’Italia. I numeri dei casi possono essere trovati tramite la fonte ufficiale italiana, o una traduzione inglese da Wikipedia, ma, sfortunatamente, nessuno dei due fornisce un conteggio giorno per giorno dei “negativi”.

Anche se si è tentati di calcolarli sottraendo i “positivi” dal numero totale dei test, ho resistito a farlo finora, perché in realtà non è il modo corretto di fare le cose. A causa del tempo necessario per elaborare i test, i positivi riportati in qualsiasi giorno rappresentano i risultati di test che probabilmente sono stati effettuati uno, due o anche più giorni prima.

Fig 11. Giornaliero positivo come frazione dei test COVID-19 giornalieri totali, Italia

I dati della Figura 11, che mostrano il numero di positivi riportati in ogni giorno come frazione del totale dei test riportati in quel giorno, saranno quindi un po’ imprecisi a causa di tali slittamenti di data. Tuttavia, i numeri suggeriscono un modesto aumento per la maggior parte del mese di marzo, seguito da una diminuzione alla fine. L’Italia è stata sottoposta a severe restrizioni per l’intero periodo graficato. Le chiusure del paese sono iniziate il 27 febbraio in diverse regioni del nord, e sono aumentate con il passare dei giorni, culminando in una rigida chiusura a livello nazionale l’11 marzo. Per due settimane dopo questo rigido blocco, una percentuale molto alta (circa un quarto) dei test ha dato risultati positivi.

Torniamo al punto

Presento tutto questo non per sostenere che le restrizioni erano controproducenti, anche se possono esserlo state, ma piuttosto per dimostrare che la giustificazione per imporle non esisteva. I dati sia dell’Australia che degli Stati Uniti non mostravano alcuna indicazione che ci trovassimo di fronte a un’epidemia che richiedesse un intervento insolito, per non parlare delle restrizioni che ora affrontiamo; e la Corea del Sud, uno dei paesi più densamente popolati del mondo, dimostra che lì tali misure non erano necessarie.

Naturalmente, ci possono essere altre spiegazioni per ciò che abbiamo osservato qui:

ci possono essere altri dati che i vari governi non hanno pubblicato (anche se la possibilità che abbiano pubblicato alcuni dati ma abbiano tralasciato i pezzi che hanno fornito la giustificazione delle loro azioni è così bizzarra da essere improbabile); nei casi di Australia, Stati Uniti e Italia, gli aumenti osservati dopo le restrizioni sarebbero stati molto peggiori se le restrizioni non fossero state imposte (anche se la Corea del Sud suggerisce il contrario); i dati erano di scarsa qualità e non dovrebbero essere usati per questo (il che, anche se valido, solleverebbe la domanda su quali dati hanno basato le loro decisioni e perché non li hanno condivisi).

In relazione all’ultimo punto, vale la pena notare che la popolazione testata non è necessariamente rappresentativa della popolazione più ampia (poiché quelli testati hanno dovuto soddisfare determinati criteri) e cambierà man mano che i criteri di ammissibilità per i test diventeranno più inclusivi. Per quanto ne so, i criteri sono stati stabili nel periodo esaminato in questo post, almeno in Australia. Al momento in cui scrivo, tuttavia, sta emergendo la notizia che il requisito di aver avuto viaggi all’estero o contatti con un caso noto sta per essere allentato.

Il senno di poi è sempre buono, me ne rendo conto. Tuttavia, la decisione di imporre restrizioni sociali e di altro tipo, che non abbiamo mai visto prima e speriamo di non vedere mai più, non era evidentemente giustificata nemmeno nel momento in cui è stata presa. Il senno di poi non fa altro che ribadirlo.

BuyBitcoinswithDebitCard

Un ultimo punto: anche se fossimo di fronte a una minaccia sostanziale, quali sono le prove che le chiusure e altre restrizioni sono la risposta? Scrivendo sui danni di un’informazione esagerata in relazione al COVID-19, John Ioannidis, uno dei ricercatori medici più citati al mondo, ha scritto che “Una revisione sistematica sulle misure per prevenire la diffusione dei virus respiratori ha trovato prove insufficienti per lo screening dei porti d’ingresso e il distanziamento sociale nel ridurre la diffusione epidemica.”

Naturalmente, non abbiamo ancora affrontato le morti attribuite al COVID-19. E temo che questo argomento dovrà attendere la prossima puntata.

za ka lu

Fonte: vaccinationdilemma.com

Novità letteraria di Toba60 IL mondo non e’ quello che sembra

Codice  IBAN  IT19B0306967684510332613282

Abbiamo bisogno del tuo aiuto …

La censura dei motori di ricerca, delle agenzie pubblicitarie e dei social media controllati dall’establishment sta riducendo drasticamente le nostre entrate . Questo ci rende difficile continuare. Se trovi utile il contenuto che pubblichiamo, considera di sostenerci con una piccola donazione finanziaria mensile.

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code