toba60

COVID-19: Ecco a Voi i Fatti Oggettivi Che i Nostri Politici Vigliacchi da Due Anni ci Hanno Tenuto Nascosto

E’ un rapporto estremamente voluminoso e dettagliato con numerosi riferimenti dove ognuno può attingere con dovizia di particolari.

Sappiamo bene chi deve prendere il loro posto

Sviluppato in piena emergenza Coronavirus, da un idea precisa di come ogni capo di governo con il suo seguito di ogni ordine e luogo abbia agito deliberatamente per uccidere il maggior numero di persone con il fine ultimo di distruggere tutto il comparto economico e sociale di ogni paese.

Era impossibile con i dati a disposizione operare delle scelte sbagliate, eppure lo hanno fatto, come e perché sarà un inevitabile processo come quello di Norimberga a Stabilirlo…..

quando non si sa, speriamo presto …

Toba60

COVID-19: Ecco a Voi i Fatti Oggettivi

Quanto è letale il COVID-19?

Il professore di Medicina ed Epidemiologia di Stanford John P. A. Ioannidis nell’European Journal of Clinical Investigation ha esaminato i dati di studi a livello globale e ha stimato che il tasso di fatalità dell’infezione (IFR) del COVID-19 è intorno allo 0,15%. Esso varia considerevolmente da regione a regione (per motivi quali la demografia e la precedente suscettibilità) e tra paesi all’interno delle regioni. In Europa e nelle Americhe è intorno allo 0,3%-0,4%. In Africa e in Asia è intorno allo 0,05%.

Varia anche considerevolmente tra le età e a seconda della presenza di condizioni sottostanti. Il professore di statistica di Cambridge David Spiegelhalter ha utilizzato i dati di mortalità dell’epidemia della primavera 2020 in Inghilterra e Galles per mostrare che il rischio di morire per un’infezione da COVID-19 aumenta approssimativamente del 12-13% per ogni anno di età, raddoppia ogni 5-6 anni ed è circa 10.000 volte più alto per i più vecchi rispetto ai più giovani. È anche approssimativamente proporzionale al rischio normale di morire in un dato anno (anche se è in parte in aggiunta a quel rischio normale). Gli uomini hanno circa il doppio del rischio di morte delle donne della stessa età.

L’età media di morte per Covid in Inghilterra e Galles nell’epidemia di primavera è stata di 80,4 secondo l’ONS, dividendo 78,7 per gli uomini e 82,5 per le donne. L’età media di morte nel Regno Unito è 79,3 per gli uomini e 82,9 per le donne (anche se si noti che queste sono stime modellate dell’aspettativa di vita alla nascita basate su tabelle di vita, non l’effettiva età media di coloro che muoiono ogni anno). Public Health England ha stimato che l’aspettativa di vita è stata ridotta di 1,3 anni per gli uomini e di 0,9 anni per le donne nel 2020 a causa delle morti di Covid e Lockdown, sebbene anche queste cifre siano modellate.

L’economista John Appleby, scrivendo sul BMJ, ha dimostrato che ogni anno prima del 2009 è stato più mortale del 2020 in Inghilterra e nel Galles, una volta presa in considerazione la dimensione e l’età della popolazione. La stessa analisi mostra anche che le pandemie precedenti non hanno portato a tassi di mortalità elevati per più di un anno o due nonostante non ci fossero vaccini per le malattie, indicando come il sistema immunitario umano e le malattie si adattano in una relazione meno mortale.

Una revisione svedese dei decessi per Covid al di fuori degli ospedali (cioè nelle case di cura e nelle case private) in una contea ha rilevato che l’85% era dovuto a una diversa causa di base. In Irlanda del Nord, il 38% dei decessi per Covid nella primavera del 2020 sono stati determinati come non dovuti principalmente a COVID-19. Tuttavia, la stessa cifra in Inghilterra e Galles era dell’8%, suggerendo differenze significative nel modo in cui i decessi per Covid sono registrati tra le giurisdizioni.

Come si diffonde il COVID-19?

Secondo i dati più aggiornati, il COVID-19 si diffonde principalmente attraverso gli aerosol che si accumulano nell’aria di una stanza piuttosto che attraverso gocce più grandi o attraverso il contatto con le superfici (fomiti). Questo è il motivo per cui molte delle misure adottate per combattere la diffusione del COVID-19, come la distanza, le barriere, le maschere facciali (vedi sotto) e la pulizia delle superfici sono inefficaci.

Public Health England ha usato i dati del programma di test del governo per mostrare che il tasso di attacco secondario (percentuale di contatti che prendono il virus da una persona infetta) nelle case private è circa il 10,1%. Uno studio americano su JAMA ha trovato che era del 16,6%.

Il basso tasso di attacchi secondari nel contesto ad alta esposizione delle case private è indicativo di alti livelli di immunità preesistente alla malattia, come discusso nel BMJ da Peter Doshi. Si noti che l’immunità non è binaria una persona può essere resistente in una occasione e non resistente in un’altra, per una varietà di motivi. Le cellule T cross-reattive che forniscono una misura dell’immunità sono state trovate in una serie di studi nel 20-50% delle persone non esposte, o anche fino al 81%. L’esposizione senza infezione rilevabile (rilevabile da un test PCR) è stata anche trovata per indurre un grado di immunità delle cellule T.

L’infezione con COVID-19 è stata dimostrata in un certo numero di studi, tra cui uno su marines statunitensi pubblicato su Lancet, per conferire un’immunità naturale che dà circa l’80% di protezione dalla reinfezione e il 90% di protezione dalla reinfezione sintomatica, con una carica virale dieci volte inferiore (corrispondente all’infettività).

E la trasmissione asintomatica e presintomatica?

L’infezione asintomatica è tipicamente caratterizzata da una carica virale molto più bassa e di conseguenza da un’infettività molto più bassa. Lo studio in JAMA sul tasso di attacchi secondari domestici (SAR) citato sopra ha trovato che le infezioni asintomatiche hanno un SAR di appena lo 0,7% contro un SAR del 18% per le infezioni sintomatiche. La proporzione di infezioni che sono asintomatiche aumenta tra coloro che hanno l’immunità da un’infezione precedente o da una vaccinazione, dimostrando che è una caratteristica dell’immunità.

Le persone diventano infettive circa due giorni prima della comparsa dei sintomi quando la carica virale raggiunge il suo picco. Si stima che questa trasmissione presintomatica rappresenti circa il 6,4% della diffusione, secondo uno studio di eventi di trasmissione reali da Singapore. Le stime modellate del contributo della diffusione presintomatica sembrano andare troppo in alto.

Questo significa che le persone senza sintomi, asintomatiche o presintomatiche, non sono i principali motori dell’epidemia.

I lockdown funzionano?

“I blocchi completi e i test COVID-19 diffusi non sono stati associati a riduzioni del numero di casi critici o della mortalità complessiva”. ” Un’analisi a livello nazionale che misura l’impatto delle azioni del governo, della preparazione del paese e dei fattori socioeconomici sulla mortalità da COVID-19 e sui relativi esiti sanitari ” di Rabail Chaudhry, George Dranitsaris, Talha Mubashir, Justyna Bartoszko, Sheila Riazi. EClinicalMedicine ( Lancet ) 25 (2020) 100464, 21 luglio 2020.

“Troviamo che gli ordini di rifugi sul posto non hanno avuto benefici per la salute rilevabili, solo effetti modesti sul comportamento e effetti piccoli ma negativi sull’economia”. ” Valutazione degli effetti delle politiche di rifugio sul posto durante la pandemia di COVID-19 ” di Christopher R. Berry, Anthony Fowler, Tamara Glazer, Samantha Handel-Meyer e Alec MacMillen, Atti della National Academy of Science of the USA , 13 aprile 2021.

“La severità delle misure stabilite per combattere la pandemia, compreso il blocco, non sembra essere collegata al tasso di mortalità”. ” Covid-19 Mortality: A Matter of Vulnerability Among Nations Facing Limited Margins of Adaptation ” di Quentin De Larochelambert, Andy Marc, Juliana Antero, Eric Le Bourg e Jean-François Toussaint. Frontiere della sanità pubblica , 19 novembre 2020.

“Confrontando la mortalità settimanale in 24 paesi europei, i risultati di questo documento suggeriscono che politiche di blocco più severe non sono state associate a una mortalità più bassa. In altre parole, i blocchi non hanno funzionato come previsto”. “ Ha funzionato il blocco? Confronto tra paesi di un economista ” di Christian Bjørnskov. CESifo Studi Economici 29 marzo 2021.

“Anche se non si possono escludere piccoli benefici, non troviamo vantaggi significativi sulla crescita dei casi di NPI più restrittivi“. ” Valutazione degli effetti obbligatori di soggiorno a casa e chiusura aziendale sulla diffusione di COVID-19 ” di Eran Bendavid, Christopher Oh, Jay Bhattacharya, John PA Ioannidis. European Journal of Clinical Investigation , 5 gennaio 2021.

Gli studi che concludono diversamente sono invariabilmente basati su modelli piuttosto che su dati.

Il professor Simon Woods, un matematico, ha dimostrato che le infezioni erano in declino prima dell’inizio di tutti e tre i blocchi in Inghilterra.

Potete trovare un utile riepilogo degli studi che dimostrano che le chiusure non funzionano all’AIER.

Il distanziamento sociale funziona?

Molti studi (inclusi alcuni di quelli sopra) che concludono che le chiusure non funzionano, aggiungono comunque che le pratiche di allontanamento sociale volontario riducono le infezioni o i decessi sopprimendo la diffusione. Tuttavia, questo è tipicamente affermato senza prove a sostegno. Infatti, le prove su questo sono anche piuttosto deboli.

Uno studio di confronto internazionale su Nature di R.F. Savaris e colleghi ha scoperto che anche il fatto di rimanere a casa (misurato dai dati di mobilità del telefono cellulare) non fa una differenza significativa per i risultati. “Non siamo stati in grado di spiegare la variazione dei decessi per milione nelle diverse regioni del mondo attraverso l’isolamento sociale, qui analizzato come differenze nello stare a casa, rispetto alla linea di base”, hanno scritto. “Nei confronti restrittivi e globali, solo il 3% e l’1,6% dei confronti erano significativamente diversi, rispettivamente”.

Un altro studio su Nature ha scoperto che quelli istruiti a schermarsi (autoisolarsi) perché ad alto rischio di malattia grave in Scozia avevano più di otto volte il tasso di infezione e più di cinque volte il tasso di mortalità dei casi a basso rischio che non si schermavano.

Il distanziamento sociale non ha un impatto significativo sulle infezioni o sui decessi per una serie di ragioni.

In primo luogo, il fatto che la trasmissione avviene principalmente tramite aerosol che si accumulano nell’aria di una stanza significa che mantenere una distanza fisica dalle persone fa poca differenza per il rischio. Uno studio del MIT ha usato un modello di dinamica virale per mostrare che la distanza fisica non fa alcuna differenza significativa per il rischio di trasmissione negli spazi chiusi.

In secondo luogo, gran parte della diffusione, soprattutto quella che porta a infezioni gravi e alla morte, è nosocomiale, cioè avviene nelle case di cura e negli ospedali. Secondo i dati dell’ONS, il 39% dei decessi per Covid in Inghilterra e Galles nella primavera 2020 erano residenti in case di cura. Secondo la Public Health Scotland, tra la metà e i due terzi delle infezioni gravi da Covid durante l’inverno sono state prese in ospedale.

In terzo luogo, non tutti stanno a casa, anche quando non stanno bene. I dati ONS mostrano che quasi la metà delle persone nel Regno Unito si è recata al lavoro durante il blocco di gennaio. Un’importante indagine del King’s College di Londra ha scoperto che meno della metà delle persone con Covid sintomatico si sono completamente auto-isolate durante il loro periodo infettivo.

Poiché il distanziamento sociale non sopprime significativamente la diffusione virale, non c’è ragione di aspettarsi una nuova grande ondata di infezioni quando le pratiche di distanziamento sociale vengono allentate o terminate. Questo è in linea con l’esperienza di stati negli Stati Uniti come la Florida, il Texas e il Sud Dakota che hanno terminato le restrizioni o non le hanno mai imposte e non hanno avuto risultati notevolmente peggiori rispetto agli stati che le hanno mantenute.

Le serrate sono dannose?

Le serrate sono estremamente dannose per la salute e il benessere umano, portando a grandi riduzioni nell’accesso all’assistenza sanitaria, all’istruzione e alle fonti di sostegno sociale, e a considerevoli riduzioni dell’attività economica con conseguenti perdite su larga scala di guadagni e mezzi di sussistenza.

Un rapporto del governo britannico ha stimato che il primo blocco avrebbe ucciso almeno 63.000 persone a causa delle mancate cure mediche e del peggioramento delle condizioni economiche. Sosteneva che questa perdita di vite era giustificata perché si prevedeva che COVID-19 avrebbe ucciso direttamente fino a 1,5 milioni di persone o circa il 2,2% della popolazione. Tuttavia, questa cifra è molte volte più alta del numero di morti in qualsiasi paese della terra, non importa quanto lassista sia la sua risposta. Il paese più colpito dall’8 maggio 2021, l’Ungheria, ha perso meno dello 0,3% della sua popolazione con COVID-19 secondo i dati ufficiali. La Svezia, con restrizioni più permissive, ha perso meno dello 0,14%.

L’economia del Regno Unito si è ridotta di quasi il 10% nel 2020, il più grande calo annuale mai registrato.

Le chiusure hanno un pedaggio sulla salute mentale. L’ONS stima che la proporzione di adulti britannici che sperimentano una qualche forma di depressione è “più del doppio” di quanto fosse prima della pandemia, aumentando dal 10% nel 2019 al 21% nel 2020.

Le Nazioni Unite hanno stimato che l’interruzione dei servizi sanitari causata dalle risposte del governo alla COVID-19 in Afghanistan, Nepal, Bangladesh, India, Pakistan e Sri Lanka (dove vivono circa 1,8 miliardi di persone) potrebbe aver causato 239.000 morti materne e infantili. Di questi, si stima che 228.000 siano bambini sotto i cinque anni, che sono a bassissimo rischio per il virus.

Le Nazioni Unite hanno anche stimato che altri 207 milioni di persone potrebbero essere spinti nella povertà estrema nel prossimo decennio a causa dell’impatto a lungo termine dei blocchi.

Un sito web è stato creato dai firmatari della Dichiarazione di Great Barrington per documentare alcuni dei danni delle chiusure, chiamato Collateral Global.

I vaccini sono efficaci?

I vaccini sembrano essere efficaci nel prevenire gravi infezioni da COVID-19. Uno studio basato sui dati dell’applicazione di studio ZOE Covid Symptom ha trovato che la vaccinazione con almeno una dose di un vaccino Covid ha ridotto il rischio di ospedalizzazione del 64%, un risultato che si riflette anche nella diminuzione della percentuale di ricoveri ospedalieri Covid tra le coorti di età più vaccinate. A sostegno di ciò, i vaccini riescono a produrre anticorpi contro la SARS-CoV-2.

Tuttavia, tra le persone più vulnerabili al virus sembrano essere meno efficaci. Lo stesso studio ZOE ha scoperto che gli anziani (oltre i 60 anni) avevano fino a tre volte più probabilità di essere infettati dopo almeno una dose di vaccino se erano fragili che se non lo erano. Uno studio tedesco ha scoperto che un terzo degli over 80 completamente vaccinati con il jab Pfizer non ha generato anticorpi.

Un certo numero di studi ha suggerito che i vaccini sono altamente efficaci nel prevenire l’infezione. Tuttavia, molti di questi studi possono essere confusi dalla diminuzione dell’incidenza di fondo, e ci sono prove emergenti che i vaccini potrebbero non essere così efficaci contro l’infezione come suggeriscono tali studi.

Alcune varianti di coronavirus stanno mostrando segni di parziale fuga dall’immunità indotta dal vaccino. Per esempio, il vaccino AstraZeneca è risultato essere solo il 21,9% efficace contro la variante sudafricana. È stata suggerita la necessità di richiami regolari su misura per le nuove varianti.

I vaccini sono sicuri?

Un certo numero di problemi di sicurezza sono stati sollevati riguardo ai vaccini, alcuni dei quali hanno portato a limitare o rimuovere alcuni dei vaccini in alcuni paesi.

Il sistema statunitense di segnalazione degli effetti avversi dei vaccini (VAERS) ha generato rapporti di decessi legati alle vaccinazioni Covid a un tasso 30 volte superiore a quello delle vaccinazioni antinfluenzali (anche se il numero di decessi associati ai vaccini antinfluenzali è molto basso). Centinaia di gravi reazioni avverse sono state segnalate nel Regno Unito.

Un importante studio nel Regno Unito ha riportato “un’abbondanza di pazienti ammessi in ospedale entro sette giorni dalla vaccinazione”.

I vaccini implicano l’uso di istruzioni genetiche per indurre il corpo a produrre la proteina spike del virus. Tuttavia, ci sono preoccupazioni che la proteina spike sia essa stessa patogena. Uno studio ha riferito che: “La proteina spike della SARS-CoV-2 (senza il resto dei componenti virali) innesca eventi di segnalazione cellulare che possono promuovere il rimodellamento vascolare polmonare e l’ipertensione arteriosa polmonare, nonché eventualmente altre complicazioni cardiovascolari”. La proteina spike da sola ha dimostrato di danneggiare i polmoni dei topi.

Poiché i vaccini sono nuovi, non ci sono attualmente dati disponibili sulla sicurezza a lungo termine.

Ci sono anche prove che un programma di vaccinazione Covid può causare un picco di infezioni. L’associazione di programmi di vaccinazione e picchi di Covid in un certo numero di paesi è stata discussa nelle pagine del BMJ. La dottoressa Clare Craig ha sostenuto che non si tratta di un comportamento (persone che abbassano la guardia) e ha indicato i risultati degli studi sul vaccino che hanno mostrato una riduzione dei globuli bianchi nei giorni successivi al vaccino che può indicare una soppressione immunitaria temporanea.

Il calcolo rischio-beneficio per la vaccinazione Covid è stato riconosciuto da figure di spicco tra cui il Chief Medical Officer Chris Whitty per essere diverso per coloro che sono a basso rischio dalla malattia, in particolare i giovani. Nel Regno Unito, il vaccino AstraZeneca non è più raccomandato per coloro che hanno meno di 40 anni.

Le mascherine funzionano?

Poiché la trasmissione del COVID-19 avviene principalmente attraverso gli aerosol che si accumulano nell’aria degli spazi interni, le maschere facciali hanno un impatto minimo o nullo sul rischio di infezione o trasmissione. Questo perché anche le maschere chirurgiche non filtrano abbastanza aerosol infetti per essere considerati dispositivi di protezione respiratoria. Inoltre, gli aerosol sfuggono abitualmente con il respiro intorno ai lati della mascherina.

Di conseguenza, gli studi non trovano costantemente alcun beneficio significativo dall’indossare le mascherine. Lo studio randomizzato controllato (RCT) Danmask-19 ha trovato che le maschere chirurgiche non forniscono alcuna protezione significativa per chi le indossa dall’infezione da COVID-19. Questo è in linea con altri RCT per altri virus simili. Uno, pubblicato nell’autunno 2020, ha concluso che le maschere facciali “non sembrano essere efficaci contro le infezioni respiratorie virali confermate in laboratorio né contro l’infezione respiratoria clinica”.

I consulenti scientifici del governo ammettono che le mascherine sono poco utili a chi le indossa, dicendo che “possono fornire una piccola quantità di protezione a un indossatore non infetto; tuttavia, questo non è il loro scopo primario”. Piuttosto sono “prevalentemente un controllo alla fonte” (prevenire la trasmissione). I consulenti citano i risultati di uno studio di Brainard et al, che esamina una serie di RCT e conclude che le maschere chirurgiche forniscono a chi le indossa protezione solo dal 6% delle infezioni. La revisione dello stesso studio degli RCT per le mascherine come controllo alla fonte non trova alcuna prova al di sopra della bassa qualità.

Yinon Weiss ha tracciato i dati del mondo reale per mostrare che non c’è alcun segno che i mandati delle maschere alterino il corso o le dimensioni delle epidemie di Covid nei paesi e negli stati di tutto il mondo.

Le maschere sono sicure?

Un certo numero di studi solleva preoccupazioni sulla sicurezza delle mascherine per il viso usate quotidianamente e per lunghi periodi.

Uno studio in Water Research ha chiesto una “indagine completa” sulla sicurezza delle maschere per il viso, dopo aver rilevato particelle di microplastica e metalli pesanti facilmente staccabili. “La tossicità di alcune delle sostanze chimiche trovate e i rischi postulati del resto delle particelle e delle molecole presenti, sollevano la questione se le DPF [maschere facciali in plastica monouso] siano sicure per essere usate quotidianamente”, si legge.

Il professor Michael Braungart, capo dell’Istituto Ambientale di Amburgo, ha avvertito: “Molte di esse sono fatte di poliestere, quindi si ha un problema di microplastica. Se ho la maschera davanti al viso, allora ovviamente inalo direttamente le microplastiche e queste sostanze sono molto più tossiche che se le ingoi, perché arrivano direttamente nel sistema nervoso”.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità evidenzia una serie di potenziali danni e rischi dell’uso prolungato della maschera nella sua guida, tra cui contaminazione, lesioni cutanee e mal di testa.

Uno studio in Clinical Research in Cardiology, “Effetti delle maschere chirurgiche e FFP2/N95 sulla capacità di esercizio cardiopolmonare“, trova un impatto significativo sulla funzione polmonare dall’indossare una maschera durante l’esercizio: “I parametri di funzione polmonare erano significativamente più bassi con la mascherina… la ventilazione era significativamente ridotta con entrambe le maschere facciali… La risposta al picco di lattato nel sangue era ridotta con la maschera. … I partecipanti hanno riportato un disagio consistente e marcato indossando le maschere”.

Le mascherine facciali sono risultate essere un rischio di trasmissione, con il virus infettivo che rimane sulla maschera per diversi giorni.

Ci sono anche importanti conseguenze psicologiche dall’uso frequente e diffuso delle maschere.

Sono disponibili trattamenti efficaci?

Un certo numero di trattamenti sono stati utilizzati dai medici di tutto il mondo che sembrano avere un certo impatto benefico sul trattamento della COVID-19. Tra i più promettenti ci sono l’Ivermectina, come descritto nell’American Journal of Therapeutics, e il Budesonide, come descritto nel Lancet. Il profilo di sicurezza di questi farmaci affermati è ben noto e non controverso.

Cosa avrebbero dovuto fare i governi?

Il governo britannico ha una strategia di preparazione alla pandemia, redatta nel 2011 in linea con le norme etiche internazionali e le prove scientifiche. È principalmente per una pandemia di influenza, ma prevede anche una pandemia simile alla SARS e prevede fino a 315.000 morti, la maggior parte nel giro di poche settimane. Raccomanda principalmente l’igiene delle mani e l’autoisolamento degli infetti. Non raccomanda la chiusura delle scuole, la chiusura delle frontiere, la chiusura delle imprese, le maschere per il viso nella comunità o il divieto di grandi raduni.

Mira a incoraggiare il “business as usual”, affermando:

Durante una pandemia, il governo incoraggerà coloro che stanno bene a continuare la loro normale vita quotidiana per tutto il tempo e nella misura in cui ciò sia possibile, pur prendendo le precauzioni di base per proteggersi dall’infezione e ridurre il rischio di diffondere l’influenza agli altri.

Il governo britannico non prevede di chiudere le frontiere, fermare i raduni di massa o imporre controlli sui trasporti pubblici durante qualsiasi pandemia. … I grandi raduni pubblici o gli eventi affollati in cui le persone possono essere vicine sono un importante indicatore di “normalità” e possono aiutare a mantenere il morale pubblico durante una pandemia. Le conseguenze sociali ed economiche di consigliare la cancellazione o il rinvio di grandi raduni sono probabilmente considerevoli per gli organizzatori dell’evento, i contribuenti e i partecipanti.

Il governo avrebbe dovuto seguire questa strategia, come stava facendo fino al 16 marzo 2020 circa, e non subire pressioni per discostarsene. Avrebbe dovuto riconoscere che nessuna pandemia ha causato una mortalità elevata per più di un anno o due e mantenere il senso delle proporzioni.

Detto questo, la strategia è notevolmente silenziosa sul ruolo degli ospedali e delle case di cura nella diffusione del virus (diffusione nosocomiale). Non include disposizioni speciali per proteggere i residenti delle case di cura, i pazienti ospedalieri o qualsiasi altra categoria vulnerabile.

Potrebbe quindi essere migliorata considerando come una protezione mirata, come sostenuto nella Dichiarazione di Great Barrington, potrebbe ridurre le morti tra i vulnerabili. Potrebbe anche dare maggiore considerazione a come i pazienti infetti potrebbero essere isolati più efficacemente dai pazienti non infetti negli ospedali.

Un ulteriore miglioramento sarebbe quello di porre maggiore enfasi sulla ricerca rapida di trattamenti efficaci oltre ai vaccini, specialmente farmaci riproposti che sono facilmente disponibili e il cui profilo di sicurezza è noto.

Will Jones

Fonte: dailysceptic.org

Abbiamo  bisogno della vostra collaborazione ! Contiamo su di voi per un supporto economico necessario per  finanziare i nostri rapporti investigativi. Se vi piace quello che facciamo, un abbonamento mensile è un riconoscimento a noi per tutto lo sforzo e l’impegno che ci mettiamo. 

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE





Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code