toba60

Covid-19:Quello che Devi Sapere su Causa di Morte e Malattia

Siamo Stati Censurati, Quindi Condividi Questo Articolo

E’ bene che tutti abbiano bene in mente che parlare di vaccini, farmaci o quant’altro sia legato alla salute delle persone, significa mobilitare triliardi e triliardi di dollari che fanno da capolino a societa’ che detengono le redini del potere nel mondo.

Ieri sera nell’intervallo di un documentario rifetito alla Civilta’ Maia su Focus, con il telecomando cambio canale e sulla Rai mi imbatto su un medico che dalle diciture in sovrimpressione doveva essere un luminare della medicina, lo spettatore ignaro della materia non puo’ che focalizzare per filo e per segno tutto quello che dice

Egli con un linguaggio tipico dei cattedratici, faceva riferimento alla FDA (Food and Drug Administration”. E’ l’agenzia governativa statunitense che si occupa della valutazione ed approvazione di dispositivi medici, farmaci e tecniche chirurgiche) come se fosse una struttura al di sopra della parti e che doveva rappresentare il punto di riferimento su ogni presa di posizione in relazione ai vaccini.

Fare affidamento alla FDA, considerate le credenziali acquisite negli anni (Sono milioni i morti a cui non ha mai dovuto rendere conto negli ultini 50 anni) é l’equivalente di di chi per salvaguardare la tutela di un gregge di pecore si affidi ad un Lupo Affamato.

Dopo il primo minuto ho preferito la reclam televisiva, ma tra me pensavo a come tutti gli spettatori ignari della cosa, ora vanno di corsa a prenotare un vaccino costi quel che costi (Gratis)

Esite ancora gente la quale pensa che una qualsiasi istituzione governativa dopo aver smembrato tutto quello che c’era da distruggere, si offra Gratis per una soluzione che non e’ altro che un ulteriore problema da cui hanno gia pronta un altra…….

il seguito lo decidete voi, ma mi raccomando …….che sia Gratis, e’ una Garanzia che non si puo’ proprio perdere.

Toba60

Causa di Morte e Malattia

Nel 2017 sono morte 56 milioni di persone. Il grafico seguente mostra da cosa sono morte:

Una delle principali cause di morte non menzionate sopra sono i disturbi iatrogeni, cioè i decessi indotti inavvertitamente da trattamenti medici, compresi gli errori medici. Secondo un rapporto del 2006, il numero stimato di decessi iatrogeni negli Stati Uniti è di circa 784.000 all’anno, rendendolo la principale causa di morte, prima delle malattie cardiache e del cancro.

È improbabile che la situazione sia molto diversa in altri paesi in cui la medicina occidentale ha influenza. Questa epidemia a danno dei pazienti è uno scandalo enorme, ma ampiamente ignorato dalle autorità sanitarie governative.

Nei primi sei mesi del 2020 si dice che la malattia da coronavirus (COVID-19) abbia ucciso circa mezzo milione di persone in tutto il mondo e che il bilancio delle vittime abbia raggiunto 1 milione alla fine di settembre.

Tuttavia, questo numero è altamente gonfiato: non fa distinzione tra i casi in cui il coronavirus è la causa principale di morte e i casi in cui un’altra condizione di salute è la causa principale; anche le persone morte in incidenti motociclistici o ferite da arma da fuoco o infarti sono state etichettate come vittime di “coronavirus” in alcuni paesi.

Alcuni “decessi da COVID-19” sono decessi iatrogeni: è stato scoperto, ad esempio, che attaccare i tubi nella gola dei pazienti sedati nei polmoni per aiutarli a respirare (intubazione) può causare ulteriori danni ai polmoni . Per confronto, fino a 650.000 persone possono morire durante una brutta epidemia di influenza stagionale, ma senza isteria mediatica e sensazionalismo.

Numerosi professionisti medici in tutto il mondo si sono espressi contro la risposta autoritaria alla pandemia e hanno chiesto che la protezione sia rivolta ai principali gruppi a rischio (in particolare agli anziani) piuttosto che alla popolazione nel suo complesso.

La recessione economica innescata dalle misure imposte probabilmente spingerà mezzo miliardo di persone in più nella povertà e causerà milioni di morti premature nei prossimi anni .

La sola interruzione dei programmi contro la tubercolosi dovrebbe causare 1,4 milioni di decessi supplementari nei prossimi cinque anni. Un alto consulente scientifico del governo britannico ha confessato in agosto: “Il lockdown è stata una misura di panico e credo che la storia dirà che cercare di controllare il COVID-19 attraverso il lockdown è stato un errore monumentale su scala globale; la cura era peggiore della malattia”.

All’inizio di ottobre, di fronte alla crescente opposizione scientifica, l’inviato speciale dell’Organizzazione Mondiale della Sanità sul COVID-19 ha fatto marcia indietro e ha esortato i leader mondiali a smettere di usare i blocchi come metodo principale per controllare il virus in quanto stavano causando “una terribile, orribile catastrofe globale”, tra cui il raddoppio della povertà globale e della malnutrizione infantile.

Nel 2018, 1,5 milioni di persone sono morte di tubercolosi L’agente patogeno ritenuto responsabile di questa malattia fu scoperto da Robert Koch nel 1882; lo chiamò il “bacillo tubercolare”, ed è ora noto come Mycobacterium tuberculosis.

Il suo lavoro diede una grande spinta alla teoria germinale della malattia, che si trovava in opposizione alla prevalente teoria del miasma – l’idea che le malattie siano causate dalla presenza nell’aria di un miasma, un vapore velenoso contenente particelle di materia in decomposizione, caratterizzato da un cattivo odore.

Il fatto che quartieri urbani poveri, sporchi e maleodorante creati dalla rapida industrializzazione e urbanizzazione tendessero ad essere i punti focali di malattie ed epidemie sembrava sostenere questa teoria, che risale al Medioevo.

L’affermazione secondo cui il micobatterio della tubercolosi causa la tubercolosi è smentita dal fatto che questo batterio non è mai stato trovato nelle prime fasi della malattia ed è assente nel 50% dei casi e dall’85 al 95% delle persone “infettate” da questo batterio non sviluppa la tubercolosi; né nessuno ha mai dimostrato in esperimenti controllati di essere in grado di causare i vari sintomi della tubercolosi, figuriamoci come potrebbe farlo (Lester & Parker, 2019, cap. 4). G. de Purucker afferma che i microbi non sono la causa principale della malattia; sono il risultato di una condizione masabile del corpo e agiscono come spazzini.

Vaccinazione antinfluenzale

In tutto il mondo, si stima che le epidemie influenzali annuali si traducano in circa 3-5 milioni di casi di malattie gravi e da 290.000 a 650.000 decessi respiratori.

La stagione influenzale nell’emisfero settentrionale tende a raggiungere il picco nei mesi più freddi. Si dice che ciò sia dovuto al fatto che il virus dell’influenza sopravvive più a lungo in aria fredda e secca e livelli di luce ultravioletta più bassi consentono al virus di rimanere attivo nell’ambiente più a lungo.

Ancora più importante forse, la mancanza di luce solare porta a livelli più bassi di vitamina D e melatonina nel nostro corpo, compromettendo così il nostro sistema immunitario.

I sintomi sinuosi indicano che il corpo è pronto per una disintossicazione, e non sorprende che spesso si verifichino dopo il periodo di vacanza, caratterizzato da eccesso di cibo, bevute eccessive e forse stress da visite familiari.

Le autorità sanitarie governative di tutto il mondo sostengono la vaccinazione contro l’influenza.

La vaccinazione è un tentativo di proteggere le persone da malattie specifiche iniettando materiale tossico (incluso il presunto agente patogeno responsabile per loro) nel corpo, spesso direttamente nel flusso sanguigno, bypassando così le difese esterne del corpo , cioè la pelle e le mucose (sistema immunitario cellulare). L’obiettivo è ingannare il sistema di difesa interno (sistema immunitario umoristico) nella produzione di anticorpi (un tipo di proteina), ma senza causare la malattia completa – ma sono proprio i sintomi della malattia che aiutano ad espellere le tossine dal corpo.

Tuttavia, la presenza di anticorpi contro un particolare virus o batterio non è una garanzia contro la malattia. Gli anticorpi si attaccano a elementi estranei tossici e le cellule immunitarie note come leucociti eliminano quindi questi elementi contrassegnati dal corpo, ma questo processo può avvenire anche senza la formazione di anticorpi.

Le persone che soffrono di allergie, asma, malattie autoimmuni e una maggiore vulnerabilità alle infezioni virali e fungine mostrano una produzione di anticorpi molto attiva. Non sorprende quindi che molti studi abbiano dimostrato che i bambini vaccinati (la cui produzione di anticorpi è stata stimolata artificialmente) sono più inclini a malattie autoimmuni e allergie come l’asma e l’eczema rispetto ai bambini con vaccini limitati o assenti (Quenten, 2004).

Inoltre, l’immunità vaccinale è solitamente di breve durata, mentre contrarre una malattia tende naturalmente a fornire un’immunità permanente.

Inoltre, i vaccini possono essere debilitanti o mortali per individui particolarmente sensibili a qualsiasi ingrediente specifico . Per innescare una risposta immunitaria più forte, i vaccini spesso contengono neurotossine, in particolare alluminio (un adiuvante) e mercurio (un conservante), sebbene quest’ultimo sia ora in fase di eliminazione, almeno in Occidente. Contengono anche antibiotici, frammenti di geni estranei, proteine ​​animali e altre sostanze chimiche tossiche. Sebbene la vaccinazione sia spesso attribuita alla massiccia riduzione delle malattie infettive dal 19 ° secolo, i dati storici mostrano chiaramente che il fattore prioritario era il miglioramento delle condizioni igieniche, e nutrizionali Nel Regno Unito, ad esempio, il tasso di mortalità dovuto al morbillo è sceso del 99,5% prima dell’introduzione del vaccino contro il morbillo.

I Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) hanno la responsabilità di indagare sulla sicurezza e l’efficacia di tutti i nuovi vaccini e di decidere quale di essi deve essere aggiunto al programma vaccinale. I membri del CDC possiedono più di 50 brevetti relativi alle vaccinazioni e / o detengono azioni o ricevono finanziamenti per la ricerca da aziende farmaceutiche che producono vaccini, creando un ovvio conflitto di interessi. All’inizio degli anni ’80, i bambini americani ricevevano due dozzine di dosi di vaccino all’età di 18 anni per sette malattie. Oggi ricevono quasi sei dozzine di dosi per 16 malattie. Negli ultimi tre decenni, il costo medio per vaccinare completamente un bambino fino all’età di 18 anni è passato da $ 100 a $ 2192 e l’industria della vaccinazione ora guadagna $ 30 miliardi di profitti ogni anno.

Secondo il CDC: “La vaccinazione antinfluenzale non è un prodotto perfetto, ma è il modo migliore per proteggersi dall’influenza”. Ma anche le stesse informazioni pro-vaccino del CDC rendono alcune ammissioni interessanti .

‘Il vaccino antinfluenzale varia nel modo in cui funziona e sfortunatamente, alcune persone possono essere infettate da un virus influenzale che un vaccino antinfluenzale è progettato per proteggere contro, nonostante la vaccinazione.

Secondo il CDC, il vaccino è stato efficace al 29% nel 2018-19 e al 45% (cifra ad interim) nel 2019-20.

La protezione fornita dalla vaccinazione antinfluenzale può variare ampiamente, in parte in base ai fattori di salute e di età della persona che viene vaccinata. Può anche variare in base alla corrispondenza tra i virus vaccinali utilizzati per produrre il vaccino e i virus circolanti in quella stagione .

Anche gli studi tradizionali hanno dimostrato che durante l’alta stagione influenzale, solo il 10% delle malattie delle vie aeree superiori può essere collegato ai virus influenzali (Engelbrecht & Köhnlein, 2007, p. 247).
“In generale, un vaccino antinfluenzale funziona meglio tra i giovani adulti sani e i bambini più grandi . In altre parole, le persone più sane tendono a rimanere più sane!

“Alcune persone anziane e persone con determinate malattie croniche possono sviluppare una minore immunità dopo la vaccinazione .

Gli Stati Uniti usano un vaccino “vivo” (cioè uno contenente un virus non attenuato) e un vaccino inattivato. I possibili effetti collaterali del vaccino inattivato includono: febbre, dolori muscolari, mal di testa, sindrome di Guillain-Barré (una grave malattia paralitica) e convulsioni . I possibili effetti collaterali del vaccino vivo includono: naso che cola o congestione nasale, respiro sibilante, mal di testa, vomito, dolori muscolari, febbre, mal di gola e tosse. In altre parole, entrambi i vaccini possono causare sintomi influenzali.

Negli Stati Uniti, solo il 15% delle persone anziane ha ricevuto il vaccino antinfluenzale prima del 1980. Nel 2001, il 65% era stato vaccinato, ma i tassi di mortalità sono rimasti costanti.

Nel 2004 solo 45 milioni di persone, invece dei soliti 90 milioni, sono state vaccinate perché diversi lotti di vaccini antinfluenzali erano contaminati e dovevano essere distrutti. Eppure nel 2004 il numero di persone che muoiono di influenza è stato del 30% inferiore rispetto all’anno precedente.

Gli studi dimostrano che la vaccinazione annuale contro l’influenza stagionale riduce l’immunità contro i ceppi più virulenti (in altre parole, la vaccinazione ripetuta porta a malattie più gravi). I medici statunitensi hanno iniziato a vaccinare il maggior numero possibile di bambini contro l’influenza nel 2002.

L’anno successivo, i decessi per influenza nei bambini di età inferiore ai cinque anni sono aumentati di sette volte a 90 casi.

I bambini vaccinati hanno una probabilità tre volte maggiore di essere ricoverati in ospedale per complicanze legate all’influenza rispetto ai bambini non vaccinati, mentre le donne incinte vaccinate hanno quattro volte più probabilità di essere ricoverate in ospedale rispetto alle donne non vaccinate.

Sebbene i medici incoraggino gli altri a sottoporsi a un vaccino antinfluenzale annuale, i sondaggi mostrano che circa il 70% dei medici e degli infermieri statunitensi non riceve essi stessi i vaccini antinfluenzali annuali (Miller, 2008, pp. 81-98; 2016, cap.4).

Sebbene i bambini che sono stati vaccinati siano presumibilmente “protetti”, i genitori che non fanno vaccinare i loro figli vengono criticati e diffamati, perché la loro inazione presumibilmente minaccia il benessere dei bambini nel loro insieme.

Apparentemente, il vaccino in un bambino potrebbe non funzionare a meno che non sappia in qualche modo che anche la maggior parte degli altri bambini sono stati vaccinati! Questa è solo una scusa per l’inefficacia del vaccino.

Per ogni vaccino, il CDC emette il seguente avviso: “Come con qualsiasi medicinale, esiste una possibilità molto remota che un vaccino provochi una grave reazione allergica, altre lesioni gravi o la morte”.

Dal 1989 al gennaio 2020, 21.636 richieste di risarcimento sono state presentate al programma statunitense di risarcimento per lesioni da vaccino, il 94% delle quali per lesioni correlate al vaccino e il 6% per morte correlata al vaccino; Il 28% riguardava il vaccino antinfluenzale.

Delle 18.586 richieste giudicate, il 38% è stato accolto, per un totale di 4,3 miliardi di dollari assegnati a titolo di risarcimento. Questo denaro è pagato dal governo (cioè i contribuenti); è impossibile citare in giudizio direttamente i produttori di vaccini, perché sono protetti dalla legge! Si stima che meno dell’1% degli eventi avversi del vaccino venga mai segnalato.

Non esiste un sistema per il monitoraggio degli eventi avversi che si verificano mesi o anni dopo la vaccinazione e non è mai stato condotto un singolo studio sugli effetti a lungo termine.

Inutile dire che i resoconti personali di gravi effetti negativi dell’influenza e di altri vaccini non si trovano da nessuna parte nella propaganda diffusa dalle autorità governative, dall’establishment medico e dalle aziende farmaceutiche. Il sito Web ThinkTwice afferma:

Se una mezza dozzina di persone in tutta la nazione dovessero soffrire di gravi disturbi gastrointestinali a seguito dell’ingestione di aspirina o tylenol, la FDA [US Food and Drug Administration] prenderebbe in considerazione il ritiro immediato di quei prodotti. Tuttavia, ogni anno vengono segnalati alla FDA una media di 12.000-14.000 eventi avversi a seguito della somministrazione di vaccini, inclusi ricoveri, danni cerebrali e morte. La FDA si rifiuta di indagare su un singolo caso.

La vaccinazione è, dopo tutto, un’industria multimiliardaria.

David Pratt

Fonte: http://davidpratt.info

Puoi risparmiare 1,00 Euro al mese per supportare i media indipendenti

A differenza della Rai, Mediset o Sky, NON siamo finanziati da Benetton, Bill & Melinda Gates o da altre ONG o governi. Quindi alcune monete nel nostro barattolo per aiutarci ad andare avanti sono sempre apprezzate.

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code