toba60

Dati Spaventosi! La Francia sta Affrontando una Autentica “Epidemia” di Cancro e nel Resto del Mondo …..Pure!

Ne abbiamo già parlato in un articolo precedente, noi siamo una societa’ fondata sul cancro e si affanna a combattere un virus che in confronto è un colpo di tosse.

Abbiamo già ricevuto minacce esplicite formali per i nostri editoriali riferiti al tema e non saranno certo questioni come queste che possono impedisci di proseguire nel nostro lavoro, abbiamo centinaia di servizi inediti già pronti per essere pubblicati, la vita e’ una sola ma a quanto pare la gente focalizza perennemente ogni attenzione sulla morte.

É un servizio per nulla esagerato quello che abbiamo pubblicato e lo abbiamo inserito per evidenziare un fenomeno che pure una testata come quella francese actu.fr notoriamente molto morbida non poteva negare in riferimento alla questione.

L’autore si limita a parlare di ambiente, alimentazione, stile i vita, insomma le cose più scontate del mondo, ma si guarda bene dall’evidenziare le moderne variabili che si frappongono ora attraverso la moderna tecnologia in riferimento alle disastrate difese immunitarie consolidate in modo artificiale nell’era della globalizzazione. (Scie chimiche Onde elettromagnetiche, vaccini, ecc ecc)

Valido sotto tutti i punti di vista è l’approccio scientifico sull’argomento che lo evidenzia per quello che è, numeri alla mano è una vera e propria pandemia che non necessita per l’attenzione del pubblico di un video games stile Mario Giordano, Bruno Vespa, Giuseppe Brindisi, Fabio Fazio, Lilli Gruber o l’incorreggible Enrico Mentana.

Ed ora provate a vedere le epigrafi che vi scorrono a lato dei bar o nelle bacheche apposite ai lati della strada………controllate bene quanti sono i morti per Covid! Fatevi pure il segno della croce, ma non pensate che il peggio è passato, quella era tutta una ”finzione”, perché in Italia già in molte regioni una persona su due muore di cancro! Solo a Taranto dove c’è l’Ilva ne sono morti 2500 in un anno! E domani mattina 2000 persone solo in Italia come ogni giorno da 10 anni a questa parte, riceveranno una lettera in cui sta scritto …abbiamo trovato una materia sospetta su di lei …… è pregata di accedere in ospedale per i dovuti accertamenti.

L’avvento dal vaccino ha deteriorato ogni difesa immunitaria di chi aveva il tumore e non e questo era scritto nero su bianco Sui dossier Pfizer Moderna Astra Zeneca e GlaxoSmithKLine ……..avete notato come con l’avvento del covid abbiamo su scala mondiale modificato ogni terapia chemioterapica e farmacologica giustificando le nuove cure come frutto di nuove ricerche innovative?

Ma che cosa volete che sia …….sono frutto di un esperimento genetico che qualche Miliardo di persone volontariamente ha voluto far suo per vedere che effetto che fa morire di cancro onde evitare una terribile influenza che gli avrebbe rovinato il fine settimana a Jesolo lido in riva al mare dopo 3 ore di colonna e un meritato riposo al bar con la sua rigorosa museruola al grafene in bocca.

Toba60

La Francia sta Affrontando una Autentica “Epidemia” di Cancro”

Il numero dei tumori sta esplodendo. Si tratta di una grave epidemia o è dovuta principalmente all’invecchiamento della popolazione? Due visioni scientifiche opposte.

“Mi sentivo come un’enorme palla in mezzo allo stomaco. Non potevo più mangiare. Aziz è sceso a 48 kg dal suo peso normale di 65. Nel maggio 2020, gli viene diagnosticato un cancro: un linfoma gastrico.

Il 48enne è consapevole di essere sfuggito per un pelo alla morte. È in remissione dal dicembre 2021, ma ha ancora notevoli postumi e deve seguire una “dieta drastica”.

Come Aziz, 3,8 milioni di persone hanno o hanno avuto il cancro in Francia oggi. Il numero di casi sta aumentando drammaticamente. Secondo le statistiche ufficiali di Santé publique France (SPF) e dell’Istituto nazionale del cancro (Inca), “il numero di nuovi casi è aumentato del 65% negli uomini tra il 1990 e il 2018”. Nelle donne, è quasi raddoppiato nello stesso periodo (93%). (Vedi anche Nessuna spiegazione per i cluster di cancro infantile: fallimento delle autorità sanitarie?)

Per le istituzioni pubbliche, questa grave constatazione non è preoccupante, poiché questi dati sono principalmente il risultato dell’aumento della popolazione, del suo invecchiamento e di un rilevamento più efficace.

Gli specialisti prevedono addirittura una diminuzione del numero di tumori negli anni a venire. “Abbiamo i mezzi nel nostro paese per sperare in una svolta significativa nei prossimi dieci anni per sconfiggere il cancro”, dice il dottor Jean-Baptiste Méric, oncologo e direttore dell’unità di salute e cura pubblica dell’Inca.

Per altri scienziati, al contrario, la situazione epidemica è stata dimostrata fin dagli anni ’50. Di cosa è colpa? Costante poli-esposizione agli agenti cancerogeni. “I tumori] sono tra le patologie che possono essere collegate all’ambiente”, secondo un rapporto congiunto dell’Istituto nazionale francese per la salute e la ricerca medica (Inserm) e l’Agenzia francese per la sicurezza alimentare, ambientale e sanitaria (Afsset) del 2008.

Cancri prevenibili

Florian Clatot, oncologo del centro oncologico Henri-Becquerel di Rouen (Seine-Maritime), si dice “davvero sorpreso” da queste cifre. Il professore ammette che “non si era reso conto che era così importante”. Tuttavia, questo specialista si rifiuta di parlare di epidemia: “Cosa è successo tra il 1990 e il 2018? C’è un aumento del numero di pazienti, soprattutto donne che fumano di più, che sono nate durante il baby boom e che raggiungono l’età a rischio. La maggior parte dei tumori si verifica dopo i 40 anni. Se si aumenta notevolmente la popolazione sopra i 40 anni, si aumenterà meccanicamente il numero di tumori. Quindi la prima causa è lì.

(Vedi anche PMA, cancro… Queste donne discriminate nell’accesso ai prestiti bancari: “Non è giusto”)

Anche il dottor Jean-Baptiste Méric, oncologo dell’Inca, si dice “imbarazzato” dall’uso del termine “epidemia”, “nel senso che può dare l’impressione di una fatalità, mentre per un numero considerevole di tumori, ogni persona al proprio livello può agire per limitare il rischio. Possiamo sconfiggere il cancro cambiando certi comportamenti e abitudini di vita”.

L’oncologo ci ricorda che “il 40% dei tumori potrebbe essere evitato se i nostri concittadini non fumassero, bevessero meno alcol, avessero una dieta equilibrata e varia e si impegnassero in un’attività fisica più regolare”.

“Questa epidemia esiste”.

Tuttavia, per alcuni ricercatori, contrariamente all’interpretazione data dalle autorità sanitarie, la Francia sta effettivamente affrontando un'”epidemia di cancro”. “Non so come altro descrivere una malattia che è in costante aumento ed è diventata totalmente ordinaria nella popolazione”, dice Annie Thébaud-Mony, direttore onorario di ricerca all’Inserm e sociologo.

Leggi anche: Lanciata a Lille l’allerta sui tumori ORL: ecco i sintomi a cui prestare attenzione

Questo specialista della salute ambientale sottolinea che il numero di cancri all’anno è passato da 150 000 a quasi 400 000 tra il 1985 e il 2019. Allo stesso modo, per il dottor Jean-François Corty, ex direttore delle operazioni di Médecins du Monde, non c’è dubbio che “questa epidemia esiste”: “Nella definizione di epidemia del Larousse, c’è il fatto che si tratta di un ‘fenomeno pernicioso e nocivo che colpisce un gran numero di individui’.

Siamo in questa configurazione.

Il numero crescente di tumori pediatrici è, per il dottor Corty, che ha firmato un articolo su questo argomento in Le Monde, un indicatore “rivelatore” di questa epidemia. “Ci sono 2.500 casi all’anno e circa 200 morti ogni anno, e queste cifre sono certamente sottostimate”, secondo Jean-François Corty. Le statistiche del Fondo nazionale di assicurazione sanitaria hanno rivelato un aumento del 18% del numero di tumori pediatrici tra il 2003 e il 2019.

“Un fenomeno strettamente legato all’industrializzazione

Poiché i fattori classicamente invocati, il consumo di alcol o il fumo, non funzionano nel caso dei bambini malati, per questi scienziati, dobbiamo cercare le chiavi per capire l’ambiente dei pazienti. “Almeno il 90% dei tumori pediatrici sono legati a cause ambientali. I bambini non devono essere malati di cancro, non è normale”, insiste Jean-François Corty.

Leggi anche VIDEO. Cluster anormale di tumori infantili in Eure: test effettuati dai genitori

Su questo argomento, le cifre sono controverse. Per il dottor Jean-Baptiste Méric, dell’Istituto Nazionale del Cancro, “quando analizziamo bene le cifre, non esiste un’epidemia di cancro infantile. Sono piuttosto stabili. Queste cifre provengono da un’interpretazione un po’ distorta di quelle dell’assicurazione sanitaria. I dati dei registri sono molto più affidabili.

Oltre alle cifre dell’assicurazione sanitaria, Annie Thébaud-Mony ritiene che l’aumento costante del numero di tumori infantili “è probabilmente più o meno simile a quello della Gran Bretagna, dove hanno registri, e dove sappiamo che la mortalità infantile per cancro è aumentata dell’1% all’anno negli ultimi venti anni”.

Leggi anche: Rouen. Un “promettente” passo avanti nella lotta al cancro alla prostata

Per Annie Thébaud-Mony, ci sono pochi dubbi che si tratta di un “fenomeno strettamente legato all’industrializzazione”. Il sociologo ricorda che i primi casi di cancro sono apparsi nel settore minerario nel XVIII e XIX secolo, “ma la vera epidemia è iniziata negli anni ’20 e ’30”, con una “impressionante accelerazione dopo la seconda guerra mondiale”.

Questa accelerazione “ha coinciso con l’ascesa delle industrie chimiche e petrolchimiche, che hanno introdotto nella produzione – e nell’ambiente – milioni di molecole e miscele di sostanze la cui tossicità è in gran parte sconosciuta. A questo si aggiungono le industrie metallurgiche, minerarie e nucleari, alcuni dei cui rischi tossici sono stati identificati da tempo, così come lo sviluppo dell’agricoltura chimica”, ha scritto il Gruppo di interesse scientifico sui tumori professionali nel Vaucluse (Giscop 84) nella rivista internazionale Anthropology and Health nel 2021.

“Sono stato avvelenato” dai pesticidi

I primi risultati del lavoro di Giscop 84 e quello di Seine-Saint-Denis (Giscop 93) tendono a dimostrare questo legame tra la malattia e l’esposizione ad agenti cancerogeni. Dal 2000, l’équipe scientifica di Seine-Saint-Denis ha condotto un’indagine continua su più di 1.200 pazienti affetti da tumori respiratori e urinari.

A Seine-Saint-Denis, “più dell’85% dei pazienti (soprattutto operai o impiegati) sono stati esposti per molto tempo (diversi decenni) a uno o più agenti cancerogeni”, secondo questi scienziati.

Nella regione di Vaucluse, medici ospedalieri, medici di medicina generale e del lavoro, sociologi e geografi seguono dal 2017 i pazienti con tumori ematologici trattati dal reparto di onco-ematologia dell’ospedale di Avignone. E anche qui, la tendenza è la stessa della Seine-Saint-Denis: “il 71% dei pazienti è stato poli-esposto a tre o più agenti cancerogeni durante la sua carriera, spesso per lunghi periodi e con intensità media o alta”. Allo stesso modo, come conferma il medico parigino Jean-François Corty, “ci sono sempre più dati oggettivi che collegano i tumori ai pesticidi”.

Leggi anche: Desertificazione: anche nelle grandi città mancano i medici

Il cancro di Aziz è stato riconosciuto come malattia professionale nel novembre 2020, sei mesi dopo la sua diagnosi. “È ovvio che è legato al mio lavoro. L’uomo ha passato 17 anni come muratore e ha respirato tutta una serie di sostanze chimiche, come intonaci per facciate e additivi per cemento.

Ma questo abitante di Bagnols-sur-Cèze (Gard), era soprattutto un trattorista di vigneti. Era responsabile dell’irrorazione di pesticidi da marzo a luglio. “Ha avvelenato me e l’ambiente.

Se il legame è ora “ovvio”, non lo era all’inizio. “All’inizio i medici cercavano l’hecilobacter pylori, un batterio che infetta lo stomaco. E non avrei mai fatto il collegamento se Giscop non fosse venuto a trovarmi”, ammette l’ex lavoratore agricolo.

Il professor Florian Clatot del Centro Becquerel conferma che “l’ipotesi numero uno per spiegare l’aumento dei linfomi è quella dei pesticidi”.

Nel dicembre 2021, il legame tra il cancro alla prostata e l’esposizione al clordecone, un pesticida ampiamente utilizzato nelle Indie occidentali, è stato riconosciuto dallo Stato. In questo scandalo di avvelenamento da clordecone, i giudici istruttori della divisione di salute pubblica del tribunale giudiziario di Parigi hanno pronunciato il 25 marzo 2022, la fine delle indagini senza che fosse formulata alcuna accusa. Gli abitanti di Guadalupa e Martinica hanno uno dei più alti tassi di incidenza del cancro alla prostata nel mondo.

Leggi anche: Inquinamento da clorecone in Martinica: Emmanuel Macron riconosce la responsabilità dello Stato

Il lavoro del Giscop “è ovviamente interessante”, dice il dottor Méric, oncologo dell’Inca, “ma c’è un passo che non può essere fatto per generalizzarlo”.

La questione della poli-esposizione è una delle aree di ricerca più innovative, ma non possiamo fargli dire ciò che non ha trovato. Questo non deve scoraggiarci dalla lotta contro i fattori di rischio evitabili per il cancro. Cercare di dare la colpa all’inquinamento ambientale o all’esposizione professionale potrebbe distrarre i nostri concittadini da messaggi importanti: il tabacco è responsabile del 20% dei tumori, l’alcol dell’8% e la dieta sbilanciata e la mancanza di attività fisica di poco più del 10%. L’azione su questi fattori di rischio potrebbe portare alla prevenzione di un numero estremamente significativo di tumori. Dottor Jean-Baptiste Méric, Istituto Nazionale del Cancro.

Onde elettromagnetiche Arma letale.

Pressione delle lobby?

Per gli scienziati del Giscop d’Avignon, è chiaro che “la Francia è nel mezzo di un’epidemia di cancro”, “anche se le autorità sanitarie resistono a designarla come tale”. Ma è un’epidemia che si sta diffondendo “più o meno silenziosamente, perché non abbiamo gli strumenti per documentarla correttamente”, secondo l’ex dirigente di Médecins du Monde.

Per esempio, i tumori sono registrati solo da una ventina di registri generali (vedi l’infografica qui sotto), “che coprono il 22% della popolazione francese, senza distinzione tra le regioni altamente industrializzate e quelle che non lo sono”, dice Annie Thébaud-Mony.

“Le cifre si basano su estrapolazioni dai casi di questi pochi dipartimenti. In queste condizioni, è difficile avere una visione chiara del numero di casi”, si lamenta il dottor Corty, impegnato nella lotta contro il cancro infantile.

Per il dottor Jean-François Corty, “c’è una forma di lentezza istituzionale che solleva delle domande: perché non siamo capaci di documentare meglio questa realtà, di realizzare delle indagini ambientali che ci permettono di capire l’origine dei tumori? La sociologa Annie Thébaud-Mony crede di capire perché “non c’è la volontà politica di entrare nel campo dei rischi industriali”: “È evidente che i datori di lavoro e le lobby industriali frenano qualsiasi regolamentazione dei prodotti tossici.

Leggi anche_ I ricercatori di Tolosa fanno un’importante scoperta nel trattamento del cancro

Per il dottor Jean-François Corty, è chiaro che “le lobby industriali hanno enormi difficoltà ad accettare il fatto che i loro prodotti sono potenzialmente cancerogeni. Questi industriali producono molti dati per diluire la conoscenza e far sì che ci si allontani dalle questioni fondamentali.

Inoltre, le due organizzazioni Giscop in Vaucluse e Seine-Saint-Denis hanno spesso sottolineato la loro “difficoltà ad ottenere finanziamenti”.

Le risorse che siamo stati in grado di mettere in Covid dimostrano che possiamo ottenere cose straordinarie in termini di salute pubblica”, analizza il dottor Corty. C’è una battaglia intorno a questa realtà che può creare tensioni tra la salute e le questioni economiche, ma deve essere combattuta perché è inaccettabile.

Raphaël Tual

Fonte: actu.fr

Abbiamo bisogno della vostra collaborazione ! Contiamo su di voi per un supporto economico necessario per finanziare i nostri rapporti investigativi. Se vi piace quello che facciamo, un abbonamento mensile è un riconoscimento a noi per tutto lo sforzo e l’impegno che ci mettiamo.

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code