toba60

Diaologo con Patrick Sang, l’allenatore di Eliud Kipchoge e di Innumerevoli Talenti

Siamo Stati Censurati, Quindi Condividi Questo Articolo

Molti pensano che gli atleti africani sono come antilopi allo stato brado, in realtà le cose non stanno affatto cosi, dietro ci sono allenatori di primo livello i quali non trascurano nulla in ambito tecnico in relazione alla preparazione, ed al termine del testo che avrete modo di leggere converrete con me che tutto quello che pensavate sia stato un abbaglio dettato dai soliti paradigmi perennemente in agguato

Toba60

Ma chiedete a uno qualsiasi dei 25 atleti d’élite del Kaptagat Camp e tutti diranno che Patrick Sand è più di un semplice allenatore. Questo si riflette nel campo stesso, poiché gli atleti fanno più che correre al campo.

Per Patrick Sand e i suoi atleti, correre è uno stile di vita.

Quando hai iniziato ad allenare?

Ho iniziato ad allenare gli atleti nel 1997, dopo aver organizzato il mio allenamento come atleta in servizio attivo. Ma quando mi sono ritirato, ho capito che non avevo la capacità di allenare. Anche se avevo molta esperienza nell’handicap, non avevo le competenze per altre discipline. Così ho fatto il corso di allenatore di World Athletics qui in Kenya, dal livello iniziale a quello avanzato, concentrandomi su eventi di media distanza o di lunga distanza. Questo mi ha dato la fiducia necessaria per organizzare programmi di allenamento per gli atleti.

Come definisce il ruolo di un allenatore?

Un allenatore è un artista. Vedo l’intero quadro e il potenziale dell’atleta con i miei occhi. Quando testo gli atleti, vedo dove sono le loro debolezze.

Non li controlliamo e non gli diciamo cosa devono fare, li alleniamo. Se gli atleti sono in buona forma, correranno. E abbiamo bisogno che gli atleti capiscano che la corsa deve essere progressiva e che l’allenamento aumenta naturalmente. Il più grande errore che gli atleti fanno è non ascoltare il loro corpo e non capire cosa dovrebbero fare. Se lo capissero, allora organizzerebbero il loro programma.

Non solo sei un allenatore, ma vuoi dare loro qualcos’altro da fare al di fuori della corsa. Puoi parlarci della tua filosofia?

L’intera idea è quella di rendere l’atleta un tuttofare. Incoraggiamo il dialogo, l’interazione, l’apprendimento e lo sviluppo di diverse abilità. Non si vuole che un atleta che è un buon corridore sia in realtà una star che è fuori dal mondo reale.

Per fare questo, teniamo sessioni di apprendimento e assumiamo esperti per insegnare diverse conoscenze come la gestione finanziaria, l’assicurazione o qualsiasi problema che potresti incontrare più avanti nella tua carriera sportiva. Gli atleti sono incoraggiati a discutere, comunicare e aiutarsi a vicenda, e questo diventa la cultura del campo. Questo è il modo in cui speriamo di sviluppare gli atleti in individui a tutto tondo.

Come fai a trattare con così tanti atleti diversi?

Quando organizzo il programma di allenamento di un atleta, per prima cosa identifico gli obiettivi annuali di gara di ogni atleta e poi lavoro a ritroso attraverso il ciclo di allenamento. È questo che lo rende diverso. Naturalmente, corrono tutti insieme quando tornano a correre. Ma quando si tratta di un allenamento più specifico, ogni atleta ha un programma di allenamento specializzato.

Atleti diversi in discipline diverse operano con sistemi energetici diversi. Devi allenarli allo stesso modo e prima di tutto devi capire chi sono come individui, in modo che quando gli atleti hanno completato i loro eventi target, sai dove stanno andando.

Come si fa a stare al passo con la curva del coaching e a garantire i migliori metodi di allenamento?

In generale, gli atleti con cui lavoro e con cui ho successo si fidano dell’allenatore. Non si può andare lontano con un atleta senza fidarsi l’uno dell’altro. Atleti come Eliud e Geoffrey non mi hanno mai chiesto: “Perché facciamo questo o quello? Si fidano semplicemente e fanno l’allenamento anche se a volte questo mette più pressione sull’allenatore.

Non voglio essere orgoglioso dei risultati degli atleti, abbiamo una squadra molto buona. Per esempio, abbiamo professionisti nel campo della nutrizione. Una volta il nutrizionista è venuto a condividere con noi e ha scoperto che c’erano degli aggiustamenti nel campo: il nutrizionista ha analizzato la composizione del cibo del campo e ha scoperto che l’assunzione di proteine era troppo bassa. Così abbiamo fatto il nostro pane fortificato, che è molto più sano per gli atleti. Usiamo anche il latte fermentato, che è ricco di nutrienti e un ottimo modo per ottenere proteine.

La vita e l’allenamento per gli atleti è semplice, il campo di allenamento Kaptagat usa la nuova tecnologia?

In passato, la maggior parte degli atleti kenioti correva su strade sterrate, ma mentre il paese continua a svilupparsi, vengono costruite sempre più strade asfaltate. Le strade sterrate sono più morbide dell’asfalto e il nuovo asfalto significa che ci sono meno aree su cui allenarsi.

I nuovi sviluppi nelle scarpe da corsa hanno aiutato in questo senso, permettendo agli atleti di allenarsi di più sull’asfalto duro e ancora recuperare presto per la prossima sessione di allenamento difficile. Nel complesso, lo sviluppo della tecnologia compresi gli orologi intelligenti e l’uso dei dati è un vero vantaggio per il lavoro degli allenatori e le prestazioni degli atleti.

Geoffrey Kamworor è tornato in forma quest’anno dopo essere stato coinvolto in un incidente stradale nel giugno 2020. Come valuta le sue condizioni?

Per me, Geoffrey è fisicamente e mentalmente più forte. È un atleta professionista. Non fisso nessun obiettivo per un atleta come lui, perché gli mette pressione per fissare degli obiettivi. Credo che gli atleti seri siano disposti a dare il massimo ed è quello che chiediamo.

Qual è stato il miglior risultato di Eliud Kipchoge fino ad oggi?

È difficile scegliere il miglior risultato, ma per me la cosa più importante è che si è reso conto di avere un talento ed è riuscito a cavalcare il viaggio fino all’apice del suo talento. Questo è il vero viaggio di un corridore.

Quando ha vinto il titolo mondiale dei 5.000 metri a Parigi nel 2003, Eliud era un adolescente che è riuscito a battere le stelle sportive del tempo, Kenenisa Bekele e Hicham El Guerrouj, ma questo era solo l’inizio del suo viaggio di successo. Le sfide Sub 2 a Monza e Vienna sono state probabilmente le più grandi sfide della sua carriera atletica fino ad oggi. Naturalmente, difendere il suo titolo olimpico nelle difficili condizioni dei giochi di Tokyo era anche importante.

Che consiglio darebbe a qualcuno che vuole correre?

Il miglior consiglio sarebbe quello di conoscere te stesso, raggiungere il tuo massimo potenziale e non aver paura di chiedere informazioni agli esperti e agli allenatori che possono aiutarti come atleta. Ognuno ha un potenziale diverso ed è importante lavorare per i propri talenti.

Loic Malroux

Fonte: worldathletics.org

Abbiamo bisogno della vostra collaborazione ! Contiamo su di voi per un supporto economico necessario per finanziare i nostri rapporti investigativi. Se vi piace quello che facciamo, un abbonamento mensile è un riconoscimento a noi per tutto lo sforzo e l’impegno che ci mettiamo.

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE

efootwear.com Asics runner

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code