toba60

Dietro le Apparenze

Se c’è una cosa che spesso sfugge all’opinione pubblica è una visione d’insieme della situazione, in questo momento si e’ creata la stessa dicotomia di sempre, i buoni ed i cattivi.

Al Capone e Pablo Escobar

I cattivi sono coloro che fanno la guerra e i buoni quelli che ci vanno contro, ma come ben sapete non e’ sempre stato così, gli Stati Uniti, (Ma come loro molte altre nazioni di rilievo) hanno intrapreso su scala industriale interventi armati in ogni luogo del mondo, ma mai nessuno che si sia posto il problema in proposito, Anzi!! I termini da quando la neo-lingua ha cominciato a farsi largo ha trasformato la guerra come un fatto umanitario e il genocidio perpetrato viene definito un intervento mirato ad una pulizia etnica.

Lasciamo stare per il momento certi dettagli e parliamo un po dei registi che si prodigano a elaborare i loro loschi e discutibili progetti.

Si parla di Stati Uniti, di Unione europea di Nato e di un Patto di Varsavia oramai diventato un lontano ricordo, viviamo in un mondo dove per salvaguardare la salute delle persone a causa di un virus si uccide deliberatamente un numero cento volte maggiore, privando la libertà degli individui e infierendo su tutti coloro che non si prestano ad una quantomai legittima presa di posizione.

Al centro di ogni conflitto si pone sempre la rivendicazione territoriale e l’aspetto economico sistematicamente è l’essenza della questione, ed in relazione a ciò si inventano mille stratagemmi pur di potarla a compimento, ma mai nessuno si è posto la domanda a vantaggio di chi e perché.

I leader politici che siano Vladimir Putin, Joe Biden, Emmanuel Macron, Mario Draghi, Boris Johnson o chi per loro, sono ora in questo momento coloro che gestiscono le sorti del mondo, badate bene, sono in termini numerici una inezia sconcertante e di fatto decidono della vita e della morte di miliardi di persone i quali si adeguano in tutto e per tutto alle loro direttive.

Economia Salute Guerre Libertà Giustizia Pandemie Diritti civili, Istruzione, insomma tutto quello che di fatto dovrebbe rendere la vita di ognuno degna di essere vissuta per il tempo che rimane ad ognuno di noi.

Valutare queste persone per quello che oggettivamente è il loro operato in funzione della collettività, trascende da ciò che viene posto all’attenzione del pubblico ogni giorno e non ha nulla a che vedere con la presa di posizione come quella attuale su, ”Guerra si o Guerra no”.

Stiamo in questo momento supportando falsi miti che soddisfano la brama di rivalsa dettata da logiche che sono state letteralmente perse di vista presi dall’emozione del momento che induce gli individui a supportare il buono o il cattivo che sia.

Penso per esempio a statisti come Charles de Gaulle, Olof Palme, Mahatma Gandhi per non parlare di Robert Kennedy, o membri del tessuto industriale come Adriano Olivetti ed Enrico Mattei il cui loro unico fine era proiettato su un binario che anteponeva l’individuo in relazione a tutto ciò che l’economia e la situazione geopolitica poneva loro di fronte.

Stiamo in questo momento prendendo posizione su membri della nomenclatura politica al comando del mondo che non meritano nella maniera più assoluta tutta la nostra ammirazione e che non adempiono in nulla su quello che è l’interesse del 99,99% della popolazione.

È un dettaglio non trascurabile di quella che e’ la situazione in questo momento, è come schierarsi con Al Capòne o Pablo Escobar in relazione al contesto in cui si verificano determinate situazioni, che come e logico che sia hanno sempre qualcuno che su un determinato argomento ha perfettamente ragione.

Toba60

Le apparenze ingannano le certezze pure

Condivido questo eccellente articolo di Soraya Belmar de Muga, che consiglio per capire la situazione che stiamo vivendo e che sta generando tanto clamore mediatico:

Ancora una volta la stragrande maggioranza cade nella trappola del quarto potere e concentra la sua attenzione esclusivamente sulla programmazione che le élite hanno istituito per lobotomizzare la popolazione.

Mi rattrista che molte persone che si definiscono “risvegliate” cadano in questi copioni orchestrati e si schierino senza capire che sono tutti uguali. Mi rattrista anche che i volgari siano autorizzati a dare le loro opinioni senza una reale conoscenza. Quindi inizierò con un riassunto molto semplificato e cronologico degli eventi geopolitici che devono essere presi in considerazione.

Attualmente la Russia non fa altro che riproporre le richieste che fa costantemente dalla fine della guerra fredda senza che l’Occidente le prenda in considerazione o le consideri legittime. L’equivoco risale al crollo del blocco comunista nel 1991. Logicamente, la scomparsa del Patto di Varsavia avrebbe dovuto portare alla dissoluzione della NATO, che era stata creata solo per affrontare la minaccia sovietica. Tuttavia, gli americani hanno finito per strumentalizzare la NATO a proprio vantaggio, corroborando la loro vittoria su Mosca e consolidando il loro dominio sull’Europa.

Dal 1997, la NATO ha continuato ad espandersi, provocando tendenze nazionaliste, antioccidentali e militariste nell’opinione pubblica russa. Nel 1999, la NATO ha iniziato la sua prima espansione verso est (Ungheria, Polonia e Repubblica Ceca), annunciando di voler raggiungere i confini della Russia. Allo stesso tempo, l’alleanza atlantica entrò in guerra contro la Jugoslavia. Questa sporca guerra è iniziata senza l’approvazione dell’ONU, impedendo così alla Russia di usare il suo veto nel Consiglio di Sicurezza. Le élite russe, che all’epoca cercavano di integrarsi all’Occidente, lo presero come un tradimento.

Paradossalmente, l’anno successivo, con l’ascesa al potere di Putin, le relazioni tra la Russia e l’Occidente si sono stabilizzate. Putin ha ripetutamente sostenuto gli Stati Uniti nella farsa dell’11 settembre (proprio con questo dettaglio tutti dovrebbero capire che entrambi i blocchi sono marionette delle stesse élite, più avanti su questo). Nel 2003 l’invasione dell’Iraq da parte del genocida Zio Sam senza il consenso dell’ONU provocò il rifiuto di Parigi, Berlino e Mosca. Washington teme che questo riavvicinamento tra la Russia e l’Europa metta in pericolo la sua egemonia.

Negli anni successivi, gli Stati Uniti hanno annunciato l’intenzione di installare il loro scudo di difesa missilistica in Europa orientale, in barba alla legge fondante Russia-NATO (firmata nel 1997) che garantiva a Mosca che l’Occidente non avrebbe installato una nuova infrastruttura militare permanente. Nell’aprile 2008, Washington ha esercitato forti pressioni sui suoi alleati europei per ratificare la vocazione della Georgia e dell’Ucraina ad entrare nella NATO, nonostante il fatto che la stragrande maggioranza degli ucraini si sia opposta a tale adesione. Allo stesso tempo, gli Stati Uniti spinsero per il riconoscimento dell’indipendenza del Kosovo, in ulteriore violazione del diritto internazionale, poiché allora era legalmente una provincia serba.

Mentre l’Occidente apriva il vaso di Pandora dell’interventismo e metteva in discussione l’intangibilità dei confini nel continente europeo, la Russia rispondeva intervenendo militarmente in Georgia nel 2008, riconoscendo l’indipendenza dell’Ossezia del Sud e dell’Abkhazia. Così facendo, il Cremlino ha segnalato che avrebbe evitato a tutti i costi un altro allargamento a est della NATO. Ma mettendo in discussione l’integrità territoriale della Georgia, la Russia ha anche violato il diritto internazionale. E ancora una volta possiamo vedere che i signori della guerra di entrambe le parti sono gli stessi psicopatici liberticidi.

Alla fine del 2013 europei e americani hanno sostenuto le manifestazioni che hanno rovesciato il presidente Yanukovych. Mosca sentiva che l’Occidente stava sponsorizzando un colpo di stato per portare l’Ucraina nel campo occidentale a tutti i costi. Era il punto di non ritorno di questa crisi. L’interferenza russa in Crimea e nel Donbas ha accelerato i processi di guerra. Gli europei stanno ora osservando passivamente, come semplici spettatori, i negoziati USA-Russia sulla sicurezza del LORO continente. L’Europa, con esecrabile passività, ha lasciato che Mosca negoziasse questi conflitti con Washington, il che corrobora ancora una volta la cronaca di una morte annunciata della mancanza di competenza e di autogestione dell’UE.

Dopo tutte queste informazioni, situiamoci e rendiamoci conto del cinismo e dell’indigenza morale di entrambi i blocchi.

Nessun essere risvegliato può scegliere tra il pusillanime imperialismo americano e l’esecrabile totalitarismo russo. Entrambi fanno parte dell’oligarchia corrotta che sfrutta l’intera economia mondiale. Come ho spiegato prima, gli Stati Uniti controllano la NATO per promuovere interessi personali e spuri. Non dimentichiamo che Hunter Biden faceva parte di una società di gas ucraina corrotta durante il periodo in cui suo padre era vicepresidente di Obama.

E d’altra parte tutti gli ingenui ignoranti che credono che Putin sia il messia che combatterà l’imperialismo devono aver dimenticato che è un amico intimo di Klaus Schwab. Infatti su google si possono trovare entrambe le foto di Biden e Putin che ridono con Schwab… Sia la Russia che gli USA hanno imposto misure liberticide e totalitarie con la farsa delle cimici, limitando illegalmente i diritti inalienabili.

Entrambi sono marionette della stessa élite satanica che cerca di soggiogare l’intera popolazione mondiale. Putin e Bush hanno invaso insieme l’Afghanistan, infatti la Russia ha prestato territori agli americani. Nella guerra fredda non c’è mai stato un confronto violento tra gli Stati Uniti e la Russia e si può intuire che lo stesso accadrà ora. I babbei della NATO pagheranno il prezzo delle follie belliche di Putin e Biden. Entrambi hanno bisogno di questa guerra per ripulire la loro immagine, l’impopolarità di entrambi tra le loro popolazioni è preoccupante.

Sostenere l’una o l’altra parte è stupido e inconcepibile, non cadere nella falsa dicotomia di buoni e cattivi. Chi sostiene i leader politici sostiene lo sterminio degli innocenti. L’unica vera guerra è quella dello STATO contro i cittadini. Mentre il comico che gli ucraini hanno messo a capo del loro governo corre ai ripari, gli uomini dai 18 ai 60 anni non possono lasciare il paese. Lo stato è il cancro dell’umanità. Le malattie e la guerra sono il più grande affare del mondo, le élite faranno di tutto perché non cessino mai. Nel 1918 alla fine della guerra iniziò una pandemia e oggi alla fine della pandemia inizia una guerra.

Il modus operandi di questi plutocrati genocidi è sempre lo stesso. Uccidono poveri innocenti per i loro riti sacrificali, si arricchiscono e soggiogano meglio la popolazione. Tutto questo lascerà migliaia di morti, arricchirà le compagnie di armi e impoverirà la maggioranza della popolazione perché approfitteranno della situazione per rendere tutte le risorse energetiche abusivamente costose, con la giustificazione del conflitto.

Non cadete nelle trappole del sistema, se i media di disinformazione di massa danno tanto clamore a qualcosa è perché l’élite ha interessi nascosti. Oggi ci sono altre guerre che sono ancora in corso, uccidendo migliaia di innocenti, come in Siria o nello Yemen. Proprio questo giovedì Israele ha bombardato Damasco uccidendo dei civili, ma non ve lo dicono nelle notizie, ora vogliono che guardiate solo all’Ucraina. Quando il saggio indica la luna lo sciocco guarda il dito…

La risposta sta sempre dentro di sé, siate coerenti e non lasciatevi manipolare.

Toba60 & Soraya Belmar de Muga

Fonte: Social Telegram Viviendoenconsciencia

Abbiamo bisogno della vostra collaborazione ! Contiamo su di voi per un supporto economico necessario per finanziare i nostri rapporti investigativi. Se vi piace quello che facciamo, un abbonamento mensile è un riconoscimento a noi per tutto lo sforzo e l’impegno che ci mettiamo.

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code