toba60

Dimitri Khalezov Esperto Dell’Intelligence Russa spiega la Demolizione Atomica e Nucleare delle Torri l’11 Settembre

Siamo Stati Censurati, Quindi Condividi Questo Articolo

Nel momento in cui scrivo siamo in balia di un inganno identico a quello in cui il mondo intero è caduto l’11 settembre del 2001 e ……..

….non ha imparato nulla da allora.

Toba60

11 . Settembre: La terza verità

La storia ufficiale dell’11 settembre è un sacco di bugie. Per la comunità alternativa questo sembra essere un dato di fatto, ma cosa è successo veramente? Una nuova serie di rivelazioni di un ex membro dell’intelligence nucleare russa ha scioccato anche coloro che pensavano di avere le cose dritte dietro la tenda.

Come sono crollate esattamente le Torri Gemelle? L’analisi di un esperto di esplosioni nucleari ci porta a una conclusione sorprendente. Inoltre, bisogna notare che più di 2.200 casi di cancro sono stati rilevati tra coloro che erano vicini a Ground Zero, la zona controllata dell’esplosione atomica.

Quando il mondo ha visto come gli aerei hanno colpito le Torri Gemelle del WTC a New York e come sono crollate in nuvole di polvere durante gli eventi dell’11 settembre, è stato sufficientemente scioccato per esaminare i fatti sotto un certo livello di scrutinio. Da quel momento in poi, una strana nozione crebbe nella sua mente: come potevano gli aerei di alluminio penetrare in edifici fatti interamente di acciaio e come poteva il carburante dei jet fondere quelle solide strutture fino a ridurle in polvere morbida e microscopica?

Prima o poi queste idee ridicole sarebbero state scartate: il crollo delle torri non aveva nulla a che fare con gli aerei o con il fuoco che si supponeva fosse causato da essi. Questo è un fatto che negli ultimi anni ha preoccupato gli americani insoddisfatti della versione ufficiale dell’11 settembre. Dopo lo shock iniziale, molti cominciarono a notare che le incongruenze in quella versione non erano poche.

La prima cosa che colpì l’attenzione fu che l’ordine in cui le torri caddero non corrispondeva all’ordine in cui furono colpite dagli aerei. La Torre Sud, la seconda ad essere colpita, crollò per prima, mentre la Torre Nord, che fu colpita per prima, crollò dopo. Ciò significa che il “fuoco” ha impiegato un’ora e quarantadue minuti per far crollare la prima torre e solo cinquantasei minuti per far crollare la seconda torre.

Considerando che le fiamme in entrambe le torri sono state causate approssimativamente dalle stesse quantità di combustibile e considerando che le torri erano gemelle (e assolutamente identiche per forza), questo sarebbe il primo segno che i crolli non hanno nulla a che fare con il fuoco. La scoperta successiva è arrivata quando gli investigatori dell’11 settembre hanno cominciato a considerare che l’edificio 7 (un enorme e robusto grattacielo di 47 piani con struttura metallica) è crollato in modo simile lo stesso giorno, senza essere stato colpito da alcun aereo.

Se il crollo delle torri fu ufficialmente attribuito al carburante trasportato dagli “aerei”, il crollo dell’edificio 7 fu inspiegabile, al punto che il rapporto ufficiale della Commissione 9/11 preferì non menzionarlo, come se la caduta di un grattacielo moderno di 47 piani non fosse degna di essere menzionata.

Il confronto di questi tre eventi, più una serie di irregolarità riguardanti i crolli, ha portato i primi investigatori dell’11 settembre a credere di essere stati ingannati dalle autorità e che la distruzione del WTC non aveva nulla a che fare né con il carburante né con gli “aerei”, perché gli aerei non erano davvero necessari. Il crollo del solo edificio 7 del WTC la sera dell’11 settembre 2001 ha dimostrato che gli aerei erano superflui e che la caduta del WTC sarebbe avvenuta comunque, indipendentemente da qualsiasi aereo. Qualcuno aveva semplicemente bisogno che il WTC cadesse e questo è stato il motivo della sua caduta.

Da questo punto è iniziato il cosiddetto “9/11 Truth Movement”.

Poi la gente ha cominciato ad accusare il governo degli Stati Uniti di aver demolito intenzionalmente il WTC in un processo industriale chiamato “demolizione controllata”. Sempre più persone negli Stati Uniti hanno accusato il proprio governo di essere il principale responsabile degli attacchi e alla fine più del 65% della popolazione statunitense ha espresso incredulità nella spiegazione ufficiale degli attacchi dell’11 settembre e della caduta del WTC. Infatti, chiunque abbia guardato da vicino la copertura di quei momenti può ricordare le immagini quando si parlava della “terza esplosione”:

E, comprensibilmente, la maggior parte delle persone che non erano d’accordo con la versione ufficiale del “carburante” accusarono il governo degli Stati Uniti di aver demolito intenzionalmente il WTC. Tuttavia, non hanno una conoscenza sufficiente del processo di demolizione in generale e della costituzione del WTC in particolare.

Quindi, sono emerse teorie di cospirazione che suggeriscono che il WTC è stato presumibilmente truccato con esplosivi o che è stato demolito utilizzando la “nano-termite” (una sostanza mistica non conosciuta fino ad oggi), che è stata applicata “come un rivestimento” su ogni pezzo di acciaio nelle strutture delle torri.

Ci sono teorie molto più strane che danno la colpa del crollo degli edifici all’uso di armi ad alta tecnologia, come i raggi laser lanciati dallo spazio, per esempio. Naturalmente, nessuno di questi teorici era d’accordo con l’altro e così hanno perso tempo non solo accusando il governo di essere il principale colpevole, ma accusandosi a vicenda di “confondere le acque della verità”.

Il problema con loro è che ignorano ciò che è realmente accaduto con il WTC e, soprattutto, ignorano perché è successo nel modo in cui è successo.

L’autore di questo articolo cercherà di presentare qualcosa di diverso. Invece di un’altra teoria di cospirazione, presenterà un’opinione di esperto accoppiata a una testimonianza oculare basata sulla sua esperienza e conoscenza data la sua precedente posizione nella Marina sovietica. Come risultato di questo contributo, spero che il lettore avrà una migliore comprensione della demolizione del WTC di quella che può essere trovata su qualsiasi forum internet relativo all’11 settembre.
Ground Zero e Ground Zero.

Per cominciare, vorrei ricordare a tutti che l’area del WTC originale a New York si chiama “Ground Zero”. Molti non sembrano sapere cosa significano queste parole “ground zero” e l’importanza di ciò che rappresentano. Molti prendono “Ground Zero” come nome proprio, come se fosse il nome di una città o il nome di una nave. Tuttavia, pochi ricordano che lo strano nome “ground zero” è stato assegnato alla zona del WTC troppo rapidamente come “nome proprio”.

Quasi immediatamente dopo la caduta delle torri (poche ore prima della caduta dell’edificio 7), cioè a mezzogiorno dell’11 settembre 2001, quasi tutti i funzionari e persino alcuni giornalisti hanno iniziato a riferirsi alla zona come “ground zero”. Tutti i giornali lanciati il giorno dopo si riferivano all’area del WTC come “ground zero”. All’epoca, queste parole erano scritte in minuscolo. L’uso di “ground zero” in relazione all’area del WTC continuò il 12 settembre 2001 e alcune agenzie continuarono a usarlo in minuscolo fino al 13 settembre 2001.

Solo allora, come se qualcuno avesse scoperto l’errore, questo strano nome fu cambiato di stato in “Ground Zero”, con lettere maiuscole e, come tale, alla fine divenne un nome proprio. Ma cosa è successo a “ground zero” in minuscolo, cioè anche senza lo status di “nome proprio”?

Perché chiamare l’area del WTC “ground zero” subito dopo la caduta delle torri, è stato un errore dovuto all’agitazione in mezzo agli eventi dell’11 settembre? Potrei rispondere “sì”. È stato sicuramente un errore causato dalla confusione generale.

Tuttavia, non è stato un errore nel senso che è stato scelto il nome sbagliato per il sito del WTC, semplicemente perché era troppo presto all’epoca per capire un nome appropriato. In effetti, gli specialisti della protezione civile avevano ragione a chiamare la zona “ground zero”. Non c’era assolutamente nessun errore in quella designazione. Era “ground zero” nel modo in cui lo intende la protezione civile. Ma è stato un errore assoluto, nel senso che quelle strane parole “ground zero” sono state inavvertitamente fatte trapelare ai giornalisti e attraverso loro al grande pubblico.

Dopo di che era troppo tardi per sopprimere questa strana denominazione di protezione civile, e così i disperati funzionari statunitensi non avevano altra scelta che “capitalizzare” queste parole sediziose e trasformare questa denominazione di protezione civile in un “Nome proprio”.

Per cominciare, vorrei citare qui una dichiarazione relativa a uno degli eroi dell’11 settembre, il detective John Walcott, un soccorritore di “Ground Zero” che ha passato molto tempo a sgomberare le macerie dell’area del WTC. Ha passato abbastanza tempo lì per sviluppare una malattia rara: la leucemia mieloide nella sua forma terminale.

Solo due paragrafi di questa dichiarazione in un articolo spettrale chiamato “Death by Dust” (Nota: la storia completa è a questo link: ) ci ha portato a conoscere questo tipo di cose “inspiegabili” – che il lettore avrà bisogno come premessa di base per capire il punto principale di questo articolo.

Entrambi i paragrafi si riferiscono alla polvere e alle radiazioni:

“…poiché Walcott era un detective, finì per passare i suoi cinque mesi di lavoro non solo a Ground Zero ma anche a Fresh Kills. Per quanto fosse soffocato dall’aria fetida di Lower Manhattan, era anche terrorizzato dalla discarica di Staten Island (il sito della discarica dei detriti dell’11 settembre – NdR). Wallcott sapeva che nelle torri era caduto tutto: tavoli, luci, computer. Ma oltre alla solita rete d’acciaio, i detriti che ha esaminato consistevano in minuscole particelle di polvere, cioè nessun mobile, nessun cavo elettrico, nemmeno un mouse del computer.

I detective si rifugiavano spesso in capannoni di legno, nel tentativo di allontanarsi da quella che Wallcott chiamava “quella maledetta aria cattiva”. Ma un giorno, mentre era nel rifugio con i suoi colleghi, mangiando barrette di cioccolato e bevendo bibite, apparvero degli agenti dell’FBI. Erano completamente coperti da tute e maschere sigillate con nastro adesivo per isolare i fumi “C’è qualcosa che non va qui…” pensò Walcott, mentre paragonava i ben protetti agenti dell’FBI ai poliziotti di New York che indossavano solo maschere per respirare…” (NdT: Ibid., p. 2). (Nota 2: Ibid., S.5)

È vero, signor Walcott, purtroppo c’era qualcosa che non andava, piuttosto sbagliato….

Quegli agenti, che non si vergognavano di indossare quelle tute di fronte a persone comuni completamente prive di protezione, sapevano la verità. Ecco perché non soffrivano di leucemia o di qualche tipo di cancro terminale. E, a quanto pare, vivranno molto più a lungo, nonostante siano stati a “Ground Zero” …

Se tu aprissi un dizionario contemporaneo, e guardassi il significato di quello strano termine, non avresti bisogno di fare la domanda; capiresti immediatamente cosa c’è di sbagliato in “Ground Zero”:

Possibili significati di ‘ground zero’ come definito dal The New International Webster’s Comprehensive Dictionary of the English Language (Deluxe Encyclopedic Edition 1999, ISBN 1-888777796), pagina 559.

Vale la pena ricordare che il signor Walcott alla fine è sopravvissuto, a differenza di molti dei suoi colleghi che lavoravano a Ground Zero, che, per inciso, sono stati meno fortunati.

Il 17 dicembre 2007, è stato vagamente menzionato in alcuni media su internet che Walcott ha subito una bizzarra ed estremamente dolorosa operazione – un trapianto di midollo osseo. (Nota 3: vedere qui: per un’altra storia agghiacciante pubblicata a questo link)

Ora sta vivendo, ma sotto farmaci immunosoppressori per prevenire il rigetto del trapianto, e anche incapace di lasciare la casa perché il suo sistema immunitario è inesistente, quindi qualsiasi tipo di infezione potrebbe rivelarsi fatale.

Per coloro che non sanno cosa significa un “trapianto di midollo osseo”, sono obbligato a spiegarlo. Questo trapianto è necessario per i pazienti che hanno subito forti dosi di radiazioni, sia radiazioni penetranti che radiazioni ionizzanti residue, o entrambe, e il cui midollo osseo (che è responsabile della rigenerazione del sangue) è distrutto da queste forti dosi di radiazioni. È una strana proprietà delle radiazioni attaccare le cellule del midollo osseo più fortemente di qualsiasi altra cellula del corpo umano, ed è per questo che la maggior parte delle vittime delle radiazioni soffrono di leucemia.

Maggiore è l’esposizione alle radiazioni, maggiore è il numero di cellule del midollo osseo che muoiono e, di conseguenza, maggiore è la leucemia sofferta. Walcott ha apparentemente sofferto la condizione più grave della leucemia. Prima del suo trapianto, è sopravvissuto esclusivamente con il sangue di un donatore, poiché il suo stesso sangue non poteva rigenerarsi.

Oltre alla distruzione del midollo osseo, le radiazioni ionizzanti, specialmente quando si inala o si ingerisce polvere o vapore radioattivo, possono causare vari tipi di cancro che possono colpire praticamente qualsiasi parte del corpo umano, o anche molte parti contemporaneamente. Tuttavia, è facile per medici e specialisti della salute senza scrupoli dare qualche spiegazione per questi casi. Possono dire che il cancro è dovuto a “amianto”, “gas tossici”, “particelle di polvere tossica”, ecc. Ma questi bugiardi sono smascherati quando si tratta di danni al midollo osseo. Il danno al midollo osseo può essere causato solo dalle radiazioni ionizzanti.

Questo è precisamente il motivo per cui gli agenti dell’FBI indossavano quelle “ridicole” tute hazmat con maschere protettive sigillate con nastro adesivo per “isolare i gas” mentre visitavano “Ground Zero”: non volevano contrarre la leucemia o qualsiasi altro tipo di cancro, quindi quando sigillavano le loro maschere con quel nastro adesivo, non lo facevano solo per isolare i gas, come Walcott pensava erroneamente. Lo facevano per evitare la polvere radioattiva e soprattutto il vapore radioattivo, che non volevano inalare, figuriamoci ingerire.

Alcuni lettori potrebbero essere scioccati da questa rivelazione e potrebbero essere inclini a non credermi – pensando che io stia speculando. Tuttavia, la storia di Walcott e degli agenti dell’FBI che indossavano maschere da sci a “ground zero” non ha nulla a che fare con me personalmente; queste storie esistono, indipendentemente dall’umile autore dell’articolo, così come esiste l’attuale definizione legale di “ground zero” che, prima dell’11 settembre, era la seguente:

‘Ground zero’ – un punto sulla superficie della terra o dell’acqua direttamente sotto, direttamente sopra o in corrispondenza del quale esplode una bomba atomica o all’idrogeno.
Webster’s Encyclopedic Unabridged Dictionary of the English Language (edizione 1989, stampata nel 1994, ISBN 0-517-11888-2).
‘Ground zero’ = punto a terra, direttamente sotto l’esplosione di un’arma nucleare.
Dizionario dei termini militari (Peter Collins Publishing 1999, ISBN 1-901659-24-0).
Ground zero’ /,.’../ n [U]. Luogo in cui esplode una bomba NUCLEARE, dove si verificano i danni più gravi
Longman Advanced American Dictionary (nuovo, pubblicato per la prima volta nel 2000, ISBN 0 582 31732 0).
‘Ground zero’ sostantivo 1 [C di solito singolare] il luogo esatto in cui esplode una bomba nucleare: L’esplosione è stata avvertita a 30 miglia da ground zero. 2 [U] il sito del vecchio World Trade Center a New York, distrutto in un attacco l’11 settembre 2001.
Cambridge Advanced Learner’s Dictionary, 2a edizione. (2a edizione 2006, ISBN-13 978-0-521-60499-4 – questa è un’edizione post 9-11, completamente disponibile).

Queste erano le definizioni complete di “ground zero”. Se non credi a quello che vedi e preferisci correre alla libreria più vicina per comprare qualche dizionario inglese, non avere fretta. Quando ci arriverete, sarete ancora più sorpresi perché non sarà possibile trovare nessun dizionario con la definizione pura e antica di questo termine.

I dizionari stampati prima dell’11 settembre, come quelli menzionati sopra, che contenevano l’unico significato corretto di “ground zero” sono stati da tempo rimossi dagli scaffali delle librerie e sostituiti con nuove edizioni degli stessi. Purtroppo, la stessa lingua inglese è stata una delle prime vittime del 9/11….

Non stupitevi che quasi tutti i nuovi dizionari inglesi stampati dopo l’11 settembre abbiano iniziato a descrivere “ground zero” presumibilmente con più di un significato. Almeno 3 o 5 nuovi significati sono stati aggiunti a questo termine, da “grande devastazione”, “grande disordine” у “attività pressante” a “punto base” о “punto di partenza”.

Alcuni preferiscono un altro approccio: i redattori del nuovo Longman Dictionary, per esempio, lo definiscono come “luogo dove esplode una bomba”, senza menzionare nulla sul fatto che quella bomba sia nucleare о termonucleare. Inoltre, ora tutti i dizionari hanno iniziato a includere questa, o, per essere più precisi, “queste” definizioni.

Il termine “ground zero” – ovviamente perché era così specifico, prima dell’11 settembre esisteva solo nei grandi dizionari come il Webster’s Unabridged о il Collins completo, American Heritage о e simili (in cui c’era un solo significato). Per esempio, “ground zero” era assente nell’Oxford Advanced Dictionary, quarta, quinta e sesta edizione, pubblicata prima dell’11 settembre 2001. Persino l’Oxford Encyclopaedic non ha incluso alcuna menzione di “ground zero”. Solo nella sua settima edizione tratta questo termine.

I dizionari stampati dopo l’11 settembre, come il Macmillan Advanced Learner’s Dictionary of English у Longman’s Dictionary of Contemporary English, tutti i nuovi Merrian Webster’s, la maggior parte dell’Heritage, il nuovo Collins, Microsoft Encarta у molti altri nuovi dizionari у enciclopedie hanno iniziato a includere “ground zero” у a definirlo in un senso che presumibilmente potrebbe avere più di un significato, facendo del loro meglio per attirare l’attenzione dei lettori lontano dalla natura nucleare (e solo nucleare) originale di quel termine.

Per inciso, i redattori dell’ultimo Cambridge Advanced Dictionary sono stati acclamati per non aver ingannato i loro lettori: sono stati abbastanza coraggiosi da non includere alcuna definizione fuorviante di “ground zero” nei loro dizionari post 11 settembre, in netto contrasto con gli altri redattori di dizionari al servizio dei truffatori dell’11 settembre. Si dice che ci sono stati ulteriori tentativi di provare che “ground zero” è stato deliberatamente usato per descrivere quel luogo molto prima dell’11 settembre 2001. Senza dubbio tutti questi sforzi linguistici post 11 settembre legati a “ground zero” sono comprensibili.

Evidentemente, quel nome strano e rivelatore, scelto frettolosamente dagli specialisti della Protezione Civile per indicare le demolizioni al WTC, era così rivelatore da rimanere con la sua definizione unica e originale nelle future edizioni dei dizionari?

La demolizione nucleare del World Trade Center

L’autore di questo articolo era un ufficiale dell’unità militare sovietica 46179, conosciuta anche come “Servizio di controllo speciale del 12° dipartimento del Ministero della Difesa dell’URSS”. Il 12° Dipartimento era esso stesso un’organizzazione responsabile della manutenzione, del controllo della produzione, della manutenzione tecnica, ecc. dell’intero arsenale nucleare statale.

Nel frattempo, il suo servizio di controllo speciale era responsabile del rilevamento di esplosioni nucleari e anche del monitoraggio del rispetto dei trattati relativi ai test nucleari. Questo è particolarmente importante a causa dell’esistenza del cosiddetto “Trattato sulle esplosioni nucleari pacifiche” del 1976 tra l’Unione Sovietica e gli Stati Uniti. Secondo questo trattato, le parti erano obbligate a informarsi a vicenda sulle esplosioni nucleari non militari pianificate.

Durante il mio servizio militare nella suddetta organizzazione alla fine degli anni ’80, sono venuto a conoscenza dell’esistenza di un cosiddetto “schema di demolizione nucleare di emergenza” costruito alle Torri Gemelle del World Trade Center di New York. L’effettivo schema di demolizione era basato su enormi cariche termonucleari (quasi 150 chilotoni di TNT equivalente) che furono collocate circa 50 metri sotto le fondamenta di ciascuna delle torri.

Era strano per me e, ad essere onesti, difficile da credere che le autorità statunitensi potessero essere così folli da demolire edifici nel mezzo di una città abitata, usando cariche nucleari sottoterra.

Tuttavia, se ho capito bene, nessuno ha pianificato di demolire il WTC in quel modo di per sé. Era un modo per evitare un certo problema burocratico: un tale schema di demolizione nucleare doveva essere costruito all’interno delle torri non esattamente per demolirle, ma per ottenere il permesso di costruirle dopotutto: il codice edilizio di New York all’epoca (così come quello di Chicago) non permetteva al Department of Buildings di autorizzare la costruzione di un grattacielo se il costruttore non forniva un modo soddisfacente per, in futuro o in caso di emergenza, demolire una costruzione di quelle dimensioni. Dalla fine degli anni ’60 (quando le torri furono proposte) questo tipo di costruzione con struttura in acciaio rappresentava un nuovo concetto, quindi nessuno aveva idea di come affrontarlo in termini di demolizione. Perché i metodi di demolizione convenzionali (o “tradizionali”) erano applicabili solo agli edifici di vecchio stile; bisognava inventare qualcosa di nuovo per le robuste torri d’acciaio, in modo da convincere il dipartimento di edilizia a concedere il permesso per la loro costruzione, e questo “qualcosa” era stato effettivamente inventato: la demolizione nucleare.

Una breve storia del concetto di demolizione atomica e nucleare

L’idea iniziale di usare cariche nucleari per demolire edifici è nata quasi di pari passo con l’avvento delle armi nucleari nei primi anni ’50. All’inizio, le munizioni nucleari non erano chiamate “nucleari”, ma “atomiche”, quindi il concetto di demolizione con queste munizioni era chiamato “demolizione atomica”. Queste parole sono riuscite a persistere e, nonostante siano state rinominate “armi nucleari”, le parole “demolizione atomica” si trovano ancora nei nomi degli apparecchi speciali – SADM (Special Atomic Demolition Munitions) e MADM (Medium Atomic Demolition Munitions). Molte persone credono erroneamente che SADM si riferisca a “Small Atomic Demolition Munitions”. (SADM = “Special Atomic Demolition Munitions”: da qui la “S” di Special viene scambiata con la S di Small – NdR).

In effetti, non sarebbe un grosso errore chiamarli “piccoli” piuttosto che “speciali”, perché i SADM sono davvero piccoli. Il loro carico utile nucleare di solito non supera un chilotone di TNT equivalente. Considerando che i moderni SADM hanno carichi utili variabili che possono essere impostati a meno di 0,1 kiloton, e alcuni anche a 0,01 kiloton (equivalenti a 100 e 10 tonnellate metriche di TNT rispettivamente), meritano di essere chiamati “piccole” munizioni. Altri nomi noti per questi SADM sono “mini-nuke” e “suitcase-nuke”. Logicamente, però, quest’ultimo termine è forse scorretto. In realtà la maggior parte dei SADM sembrano enormi ciotole del peso di 50-70 chilogrammi che potrebbero essere trasportate in zaini, quindi è altamente improbabile che possano entrare in una valigia.

Tuttavia, ci sono anche moderne ‘mini-nukes’ fatte di Plutonio-239, piuttosto che di Uranio-235, e a causa della massa critica molto più bassa del Plutonio, le loro dimensioni potrebbero essere significativamente più piccole. Alcune recenti “mini-nukes” fatte di plutonio potrebbero stare in una valigetta. I MADM sono enormi sia in termini di dimensioni che di carico utile di TNT, e possono trasportare un carico utile fino a 15 chilotoni di TNT equivalente, pesare fino a 200 kg ed essere grandi come una bombola di gas domestico.

Ognuna delle munizioni di cui sopra potrebbe essere usata con successo per demolire obiettivi enormi che non potrebbero essere abbattuti con una quantità ragionevole di esplosivi convenzionali. Soprattutto in tempi di emergenza, quando non c’è né tempo né possibilità di preparare una demolizione “normale” con mezzi convenzionali. Per esempio, potrebbero essere utilizzati su ponti, dighe, gallerie, strutture sotterranee rinforzate, gigantesche costruzioni rinforzate, ecc. Tuttavia, il fattore di efficienza di tali demolizioni nucleari con SADM o MADM non è molto alto. Come è probabilmente noto, l’obiettivo principale della demolizione controllata di edifici con il metodo dell’implosione è proprio quello di eliminare tali costruzioni senza farle saltare in aria e far volare le loro parti ovunque, ma di farle crollare con il minor danno possibile all’ambiente circostante.

Per questo motivo, gli ingegneri che preparano le demolizioni controllate devono prima determinare gli esatti punti di supporto delle strutture e impostare le cariche nei punti giusti per romperle. In quasi tutti i casi ci potrebbe essere più di un punto in cui piazzare gli esplosivi, poiché è improbabile che una struttura del genere abbia solo una trave di sostegno o una colonna da rompere. Nel migliore dei casi potrebbero essercene alcuni, se non molti. Nel caso della demolizione atomica con le munizioni da demolizione di cui sopra, questo non è il caso.

Le persone che pianificano l’uso di cariche atomiche nelle emergenze possono non avere tempo o formazione sufficiente per fare calcoli così precisi come nel caso delle demolizioni convenzionali. In molti casi, ciò che possono avere è l’esperienza ingegneristica più elementare e qualche conoscenza dell’uso delle armi nucleari. Così, l’uso di cariche di demolizione atomica in un caso del genere comporta l’abbattimento di una struttura non così pulita, ma comunque e a qualsiasi costo.

Ecco perché una carica atomica usata per demolire strutture in casi di emergenza potrebbe essere eccessiva in ogni caso, con gran parte della sua energia sprecata, come in qualsiasi esplosione nucleare. Così, la maggior parte dell’energia liberata da un’esplosione nucleare di una carica come un dispositivo di demolizione atomica potrebbe essere consumata in una serie di fattori ben noti di una detonazione atomica: radiazione termica, onda d’urto, radiazione ionizzante, impulso elettromagnetico, che non hanno nulla a che fare con l’opera di demolizione e difficilmente vi contribuiscono.

Tuttavia, questi fattori distruttivi potrebbero contribuire enormemente ai danni all’ambiente circostante, danni che di solito potrebbero essere estremi e sicuramente superare in costo il prezzo da pagare per la demolizione.

Si può dire che una demolizione nucleare nel senso di cui sopra ha un tasso di rendimento molto più basso rispetto al processo di demolizione reale, poiché quest’ultimo utilizza quasi tutta l’energia degli esplosivi per rompere le colonne invece di creare un’onda di radiazione termica. Ma oltre a questo, un dispositivo di demolizione atomica è piuttosto costoso.

Come minimo, una mini-bomba all’uranio costa un paio di milioni di dollari, se non di più (una bomba al plutonio costa molto di più). A quanto pare, alcune migliaia di tonnellate di TNT possono costare meno di un chilotone di munizioni atomiche. Tuttavia, è possibile demolire alcune distruzioni usando 1000 tonnellate di TNT, mentre è possibile demolire un singolo edificio (ma danneggiarne altri intorno) con un solo mini-nuke.

Considerando questo, si può concludere che l’uso di munizioni nucleari – indipendentemente dalle loro dimensioni – per demolire edifici civili in tempo di pace, quando c’è abbastanza tempo per preparare la demolizione di tali oggetti con mezzi convenzionali, non è un’opzione. In ogni caso, una demolizione controllata potrebbe essere più economica di una demolizione nucleare. Le mini-nukes potrebbero essere usate per la demolizione solo in caso di una vera emergenza.

Com’è allora che questo vecchio concetto di demolizione atomica nonostante sia noto che sia costoso e che abbia un tasso di rendimento molto basso rispetto a una demolizione controllata da implosione è stato alla fine resuscitato e persino implementato nel progetto di demolizione del WTC?

Una cosa del genere accade a causa della nuova generazione di edifici che sono stati eretti alla fine degli anni ’60, chiamati ‘steel frame buildings’. Malgrado l’errata convinzione della gente, prima delle torri del WTC, non si è mai verificata in nessuna parte del mondo una demolizione per implosione di un grattacielo simile.

In primo luogo, perché la maggior parte dei grattacieli erano edifici nuovi il cui tempo di essere demoliti non era ancora arrivato. Il più grande edificio distrutto per implosione è stato un edificio di 47 piani, il Singer Building di New York City, costruito nel 1908 e demolito nel 1968 come obsoleto. Questo edificio era una struttura molto più debole rispetto ai grattacieli incredibilmente potenti con struttura in acciaio. Così, non è possibile demolire un tale edificio con i mezzi comunemente conosciuti.

Nei tempi in cui gli edifici erano rivestiti con mattoni e pannelli di cemento, le loro strutture avevano colonne e travi di cemento. A volte queste strutture erano rinforzate con innesti di acciaio, ma a volte erano semplicemente di cemento. In entrambi i casi, è stato possibile calcolare l’esatta quantità di esplosivo da collocare in queste strutture nei punti giusti (o da collocare in fori praticati nei loro supporti) per romperle contemporaneamente e far crollare l’edificio sulle sue fondamenta.

Tuttavia, questo non è possibile con i moderni edifici con nucleo in acciaio, come le Torri Gemelle, l’Edificio 7 o la Sears Tower di Chicago.

Ecco un esempio del telaio in acciaio delle Torri Gemelle del WTC

Non ci sono “strutture di sostegno” in quanto tali. L’intera torre è essenzialmente una “struttura portante”. La struttura in acciaio delle torri del WTC consisteva in un perimetro e un nucleo, entrambi costituiti da colonne in acciaio a doppia parete eccezionalmente spesse. Questa cosiddetta “struttura tubolare” è stata un’innovazione che ha reso possibile l’apertura di piani piatti invece di riempirli con colonne distribuite all’interno per sostenere i carichi, come si faceva tradizionalmente negli edifici precedenti.

Le Torri Gemelle erano caratterizzate da un perimetro di colonne di sostegno (a taglio quadrato) poste a un metro di distanza l’una dall’altra sulla facciata delle torri per formare una struttura rigida che resistesse praticamente a tutti i carichi laterali (come quelli del vento, per esempio) e condividesse così il peso della gravità con le colonne interne.

La struttura perimetrale consisteva in 59 colonne simili per lato, mentre la struttura centrale consisteva in 47 colonne d’acciaio (di sezione rettangolare) che andavano dalla base alla cima delle torri. Nell’immagine qui sotto, che mostra i resti come sono stati trovati a Ground Zero dopo la demolizione in seguito agli attacchi dell’11 settembre, si può vedere come sono le colonne d’acciaio del perimetro e del nucleo:

Si noti che queste colonne del nucleo (rettangolari) e del perimetro (quadrate) non appartengono alle parti inferiori delle torri, ma alle parti superiori. Questo perché sono stati buttati fuori dalla polverizzazione a cui sono state sottoposte le torri durante la loro demolizione, mentre quasi nulla, tranne la polvere microscopica, è rimasto delle colonne identiche appartenenti alle parti inferiori.

Ecco un’altra foto (dal rapporto del NIST – National Institute of Standards and Technology), che mostra le colonne perimetrali durante la loro costruzione:

Figura 1-4. Assemblaggio tra la parete portante e la struttura del pavimento

Queste colonne erano incredibilmente spesse la parete di ciascuna misurava 2,5 pollici (6,35 cm), per uno spessore totale di 5 pollici (12,7 cm). Per immaginare quanto fossero spessi, ecco un buon esempio per il confronto: la corazza anteriore del T-34, il miglior carro armato della seconda guerra mondiale, era di soli 1,8 pollici, o 4,5 cm, ed era un singolo proiettile.

A quei tempi, non c’era nessun obice in grado di penetrare un tale proiettile. Naturalmente, nessun esplosivo poteva essere in grado di ferire la corazza di un qualsiasi carro armato, tranne una bomba a carica cava che non avrebbe potuto nemmeno strapparne un pezzo completo, anche se avrebbe potuto farvi un piccolo foro.

Considerando che le strutture in acciaio delle torri consistevano in colonne d’acciaio a doppia parete che erano quasi tre volte più spesse della corazza frontale di un T-34, era impossibile trovare un modo per rompere queste colonne simultaneamente in diversi punti per ottenere l’effetto di un’implosione l’obiettivo principale di una demolizione controllata. Certo, era tecnicamente possibile rompere alcune colonne in certi punti, usando enormi quantità di carica cava attaccata ad ogni colonna, ma anche questa incredibile soluzione non avrebbe potuto aiutare a raggiungere un tale effetto.

Le torri erano semplicemente così alte e rigide che le loro colonne d’acciaio avrebbero potuto essere rotte simultaneamente in diversi punti di ogni piano una cosa difficile da realizzare – e anche allora, una tale soluzione non avrebbe potuto raggiungere lo scopo previsto. Non c’era alcuna garanzia che una struttura così gigantesca cadesse direttamente sulle sue fondamenta. Al contrario, i detriti avrebbero potuto finire lanciati per un quarto di miglio al massimo, considerando il loro peso. Così, era impossibile demolire le Torri Gemelle del WTC con qualsiasi mezzo di demolizione tradizionale.

Lo stesso si può dire del WTC Building 7, o del Sears Building di Chicago. Entrambi sono stati costruiti utilizzando un sistema simile di telaio in acciaio a doppia parete, impossibile da rompere per le ragioni già descritte. Tuttavia, secondo le leggi statunitensi che regolano la costruzione di grattacieli, gli architetti devono fornire un progetto di demolizione soddisfacente prima che il progetto di costruzione sia approvato dal Dipartimento degli edifici.

Nessuno potrebbe costruire un grattacielo che non possa essere demolito in futuro. Questo è il punto principale della demolizione dei grattacieli. Ironia della sorte, tale schema di demolizione nucleare non contempla esattamente la demolizione dell’edificio, soprattutto considerando che nessuno ha pratica nella demolizione di edifici con tali mezzi. Questo è solo per convincere il Dipartimento ad approvare la costruzione in qualsiasi forma essa avvenga. Sembra che gli architetti e i promotori di questi schemi non pensassero sinceramente che le loro idee sarebbero state realizzate durante la loro vita.

Come funziona?

Prima di tutto, la demolizione nucleare ha poco o niente a che fare con la demolizione tradizionale con SADM o MADM come descritto sopra. È un concetto totalmente nuovo. Durante un moderno processo di demolizione nucleare, la carica nucleare non produce un’esplosione nucleare atmosferica, con la sua classica nuvola a forma di fungo, radiazione termica, onda d’urto e impulso elettromagnetico.

Esplode molto al di sotto della superficie, proprio come esplode una carica nucleare in un tipico test. Così, non produce nessuna onda, nessuna radiazione termica, nessuna radiazione ionizzante penetrante e nessun impulso elettromagnetico. Può causare danni relativamente minori all’ambiente circostante a causa di una probabile contaminazione, che però viene considerata dai progettisti di tali progetti come un fattore trascurabile e insignificante.

Qual è la differenza fondamentale tra un’esplosione atmosferica e un’esplosione sotterranea? Che durante la fase iniziale di un’esplosione nucleare (o anche di un’esplosione termonucleare), l’energia viene rilasciata sotto forma di quella che viene chiamata “radiazione primaria”, la maggior parte della quale, quasi il 99%, è nello spettro dei raggi X (la parte restante è rappresentata da uno spettro di radiazioni Gamma, che provoca danni, e da uno spettro visibile che produce un lampo di luce).

Così, questa energia esplosiva rappresentata dai raggi X potrebbe essere consumata riscaldando l’aria circostante di decine di metri intorno all’ipocentro di una tale esplosione. Questo perché i raggi X non possono viaggiare così lontano, essendo consumati dall’aria circostante. Il riscaldamento di questa zona relativamente piccola intorno all’ipocentro di un’esplosione nucleare potrebbe provocare la comparsa di “palle di fuoco nucleari”, che fisicamente non sono altro che aria estremamente surriscaldata.

Queste “palle di fuoco nucleari” sono responsabili dei due principali fattori distruttivi di un’esplosione nucleare atmosferica: la radiazione termica e l’onda d’urto, poiché questi fattori sono esclusivamente il prodotto delle alte temperature dell’aria intorno a un’esplosione nucleare. Ma il quadro è completamente diverso quando si verifica un’esplosione nucleare sotterranea. Non c’è aria intorno alla scatola zero dove si trova la carica nucleare.

Così, invece, tutta l’energia rilasciata da un’esplosione nucleare sotto forma di raggi X potrebbe essere consumata dal riscaldamento della roccia circostante. Questo può portare al surriscaldamento, alla fusione e all’evaporazione di questa roccia, che a sua volta può portare alla creazione di una cavità sotterranea, le cui dimensioni dipendono direttamente dalla carica esplosiva o dalla munizione utilizzata. Si può avere un’idea di quanta roccia potrebbe scomparire durante un’esplosione nucleare sotterranea dalla tabella qui sotto dove la quantità di vari materiali evaporati e fusi (in tonnellate metriche) è mostrata nella colonna “per chilotone di carica”:

Solo un esempio: la detonazione di una carica termonucleare da 150 chilotoni, sepolta abbastanza in profondità nella roccia granitica, potrebbe portare alla creazione di una cavità di circa 100 metri di diametro, come mostrato nella figura qui sotto:

Per esempio, nel caso specifico delle Torri Gemelle, le loro fondamenta più basse si trovavano a 27 metri sotto la superficie, mentre le cariche termonucleari da 150 chilotoni per la demolizione furono collocate a una profondità di 77 metri, misurata dalla superficie, o 50 metri sotto le fondamenta. Una tale esplosione termonucleare a 77 metri di profondità potrebbe creare una cavità estremamente surriscaldata con la sua sfera superiore che tocca le fondamenta inferiori della torre gemella da demolire. Ma anche così, la sua portata sarebbe troppo corta per superare i 27 metri e raggiungere la superficie, quindi le strutture circostanti non potrebbero essere colpite da nessun fattore distruttivo di un’esplosione nucleare sotterranea, tranne forse la contaminazione radioattiva. La torre da demolire deve perdere completamente le sue fondamenta ed essere risucchiata nella cavità surriscaldata, la cui temperatura interna è considerata sufficiente per fonderla completamente. Simili schemi di demolizione sono stati pianificati per il Building 7 e la Sears Tower di Chicago.

Tuttavia, c’è un altro fattore da considerare durante il calcolo della demolizione nucleare dei grattacieli. Si tratta del granito evaporato all’interno della cavità. 27 m Dove dovrebbe andare tutto quel granito ora allo stato gassoso? Un grafico degli eventi fisici dopo un’esplosione nucleare sotterranea sarà interessante, senza dubbio. Diamo un’occhiata:

Il grafico rappresenta i processi fisici più importanti che avvengono durante un’esplosione nucleare sotterranea “ideale” (che si presume avvenga a una distanza sufficiente dalla superficie). Così, dovrebbe essere chiaro che l’estrema pressione della roccia evaporata all’interno della cavità compie due importanti lavori: 1) Espande la cavità dalla sua dimensione “primaria” alla sua dimensione “secondaria”; e 2) Poiché questa espansione è a spese delle aree di roccia circostanti, questo produce due zone danneggiate intorno a sé, che rappresentano un altro livello di danno.

Nel gergo nucleare, la zona immediatamente adiacente alla cavità è chiamata “zona schiacciata”. Questa zona può essere grande quanto il diametro della cavità stessa ed è riempita con una materia piuttosto particolare, cioè roccia completamente polverizzata, ridotta a polvere microscopica le cui particelle misurano circa 100 micron. Inoltre, questo particolare stato della materia all’interno della “zona compressa” è così strano che, a parte un test nucleare sotterraneo, non si verifica da nessun’altra parte in natura. Se si prende delicatamente una pietra di questa zona, questa può rimanere intera e, per il suo aspetto, forma e colore, assomigliare a una pietra. Ma se si preme leggermente su questa “pietra”, essa si disintegra immediatamente, come la polvere microscopica che è in realtà.

Una seconda zona, vicina alla “zona compressa”, è chiamata “zona danneggiata” nel gergo nucleare. Questa “zona danneggiata” è piena di roccia ridotta a pezzi che vanno da pochi millimetri a frammenti relativamente grandi. Più vicino alla “zona compressa”, più piccoli sono i detriti, e più lontano dall’ipocentro, più grandi sono i detriti.

Infine, al di fuori del confine della “zona danneggiata”, non dovrebbero esserci praticamente altri danni alla roccia circostante.

Tuttavia, quelli che abbiamo considerato sopra sono i processi fisici più vicini a una distruzione nucleare “idealmente profonda”. Ma quando una carica nucleare non è sepolta abbastanza in profondità, il quadro è diverso. In questo caso le zone “compresse” e “danneggiate” non saranno esattamente rotonde. Spesso potrebbero essere di forma ellittica, con il lato più lungo rivolto verso l’alto, paragonabile a un uovo con il lato più sottile rivolto verso l’alto; o forse sarebbero più ellissoidali e più appuntiti di un tipico uovo. Questo perché la pressione dei gas evaporati può incontrare meno resistenza verso la superficie in quanto è più vicina alla superficie, quindi le zone “compresse” e “danneggiate” possono estendersi verso l’alto piuttosto che in qualsiasi altra direzione.

Il disegno illustra la resistenza della roccia circostante quando una cavità non è posta abbastanza in profondità sotto la superficie terrestre. Evidentemente, la resistenza della roccia verso la superficie sarà molto minore che nell’altra direzione, perché tutto si muove nella direzione di minor resistenza. Logicamente, quindi, la cavità tenderà ad espandersi verso la superficie e non sarà mai rotonda (o “idealmente rotonda”). Sarà sempre di forma ellittica.

Quando la pressione si propaga verso l’alto e i contorni superiori delle zone “danneggiate” e “compresse” incontrano le fondamenta sotterranee della torre da demolire, la figura può essere ancora più diversa. Questo perché i materiali di cui è fatta la torre differiscono dal granito circostante, in termini di “forza del materiale”. Inoltre, c’è abbastanza spazio vuoto all’interno della torre, mentre il granito nelle altre direzioni è solido. Così, l’espansione del contorno superiore di entrambe le zone (“compresse” e “danneggiate”) sarà maggiore.

Nel caso della Sears Tower o delle Twin Towers, la “zona danneggiata” può raggiungere i 350-370 m, mentre la “zona compressa” può raggiungere i 290-310 m. Nel caso dell’edificio 7, tutta la sua lunghezza sarà all’interno della “zona compressa”, in modo che possa essere completamente polverizzato. Questa è una delle qualità uniche di tutta la demolizione nucleare: la sua capacità di polverizzare il cemento e l’acciaio.

La figura qui sopra mostra la microscopica polvere fine che copriva Manhattan dopo la demolizione del WTC. Molti pensavano erroneamente che fosse cemento polverizzato, ma non lo era. Era polvere, sì, ma per lo più era acciaio in polvere. Nonostante la diffusa ed errata credenza popolare, le strutture delle torri non avevano molto cemento.

Il calcestruzzo fu usato, anche se in quantità limitate, per fare pavimenti sottili nella costruzione delle torri, ma a parte questo, non fu usato altrove. Gran parte delle torri erano in acciaio, ma non in cemento. Di conseguenza, quella polvere fine era in gran parte composta da acciaio in polvere, anche se non tutto era “acciaio in polvere”.

Era anche “mobili in polvere”, “legno in polvere”, “carta in polvere”, “tappeti in polvere”, “parti di computer in polvere” e persino “esseri umani in polvere”, poiché le persone rimaste nelle torri furono polverizzate allo stesso modo dell’acciaio, del cemento e dei mobili.

Qualcuno potrebbe chiedersi perché l’edificio 7 è crollato alle sue fondamenta mentre le torri hanno emesso non solo polvere ma anche detriti e macerie a grande distanza? È facile rispondere a questa domanda. Date un’occhiata alla distribuzione delle zone “compresse” e “danneggiate” lungo le strutture delle torri e troverete che la risposta è ovvia.

Il grafico qui sopra rappresenta la distribuzione approssimativa delle zone danneggiate nello scenario di una demolizione nucleare di un grattacielo con una carica termonucleare da 150 chilotoni posta 50 metri più in basso delle fondamenta di un grattacielo. Non dimenticate che le cariche di demolizione in questo caso particolare non erano sepolte a “profondità ideale”, ed è per questo che la forma delle zone “compresse” e “danneggiate” non era rotonda ma ellittica, con il loro lato appuntito che puntava verso l’alto verso le zone di minor resistenza. È facile capire che l’intera lunghezza dell’edificio 7 rientra nella “zona compressa” in modo che nessuna parte superiore non danneggiata sia rimasta tale da causare lo stesso effetto visto nel crollo delle Torri Gemelle.

Questa particolare distribuzione dei danni sulla lunghezza delle strutture dei grattacieli, inflitta da un tale processo, può essere meglio compresa guardando i video che mostrano i dettagli del crollo delle Torri Gemelle e dell’edificio 7.

Bisogna aggiungere che nonostante l’apparente insufficienza di 150 chilotoni per polverizzare grattacieli torreggianti nella loro interezza (come si può vedere nelle immagini, le torri non sono state polverizzate fino all’80% della loro totalità, lasciando intatte le parti superiori), nella demolizione nucleare non è possibile utilizzare cariche di potenza superiore per ragioni puramente legali.

Il problema è che secondo il trattato del 1976 tra Stati Uniti e Unione Sovietica sulle esplosioni nucleari pacifiche, le cariche per le munizioni nucleari usate per scopi non militari erano limitate a 150 kilotoni per detonazione e a un massimo di 1,5 megaton per gruppo di esplosioni.

Così, l’industria della demolizione nucleare rientra in questi parametri: nel caso della demolizione del WTC, è stato possibile utilizzare tutte le cariche necessarie ma non superare i 150 kilotoni per carica. Così lo schema di demolizione del WTC consisteva in tre cariche di questo tipo per una carica totale di 450 chilotoni. Per coloro che non possono immaginare la potenza di 150 chilotoni, è bene ricordare che la potenza di una bomba lanciata su Hiroshima nel 1945 era inferiore a 20 chilotoni.

Fonte: nexus-magazin.de

Abbiamo  bisogno della vostra collaborazione ! Contiamo su di voi per un supporto economico necessario per  finanziare i nostri rapporti investigativi. Se vi piace quello che facciamo, un abbonamento mensile secondo le proprie possibilità è un riconoscimento a noi per tutto lo sforzo e l’impegno che ci mettiamo.  

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE




Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code