toba60

Documenti Ufficiali del Governo Indicano che il Vaiolo delle Scimmie è una Cortina di Fumo per Nascondere il Fatto che i Vaccini Covid Causano Immunodeficienza

Noi siamo convinti alla luce di quanto sta avvenendo nel mondo, che la morte in questo periodo storico è la sola ragione di vita per gran parte degli abitanti della terra….ma non avevano un altra motivazione per dare un senso a quanto madre natura ha conferito loro al momento della nascita?

Toba60

Il nostro lavoro come ai tempi dell’inquisizione è diventato attualmente assai difficile e pericoloso, ci sosteniamo in prevalenza grazie alle vostre donazioni volontarie mensili e possiamo proseguire solo grazie a queste, contribuire è facile, basta inserire le vostre coordinate già preimpostate all’interno dei moduli all’interno degli editoriali e digitare un importo sulla base della vostra disponibilità. Se apprezzate quello che facciamo, fate in modo che possiamo continuare a farlo sostenendoci oggi stesso…

Non delegate ad altri quello che potete fare anche voi.

Staff Toba60

Meno dello 0,1% dei nostri lettori ci supporta, ma se ognuno di voi che legge questo ci supportasse, oggi potremmo espanderci, andare avanti per un altro anno e rimuovere questo fastidioso Banner…

IL VAIOLO DELLE SCIMMIE È UNA CORTINA DI FUMO PER NASCONDERE IL FATTO CHE I VACCINI COVID CAUSANO IMMUNODEFICIENZA

La nuova isteria in evoluzione che circonda la presunta comparsa del “vaiolo delle scimmie” nelle nazioni occidentali non è quello che sembra. Non stiamo assistendo alla diffusione del virus del vaiolo delle scimmie nei Paesi del primo mondo in modo nuovo.

Invece, stiamo assistendo all’ultimo tentativo di promuovere politiche draconiane di biosicurezza attraverso un monumentale insabbiamento dei danni devastanti causati al sistema immunitario delle persone che hanno ricevuto il vaccino Covid-19.

Il vaiolo delle scimmie umano è una zoonosi che si ritiene si manifesti sporadicamente nelle foreste pluviali dell’Africa occidentale e centrale. Ma l’esatta incidenza e la distribuzione geografica sono in realtà sconosciute perché molti casi non vengono riconosciuti. Il motivo è che viene comunemente confusa con la varicella/rosolia.

Secondo uno studio scientifico pubblicato nel 1988, tra il 19981 e il 1986, 977 persone con eruzioni cutanee non diagnosticate clinicamente come vaiolo delle scimmie umano sono state sottoposte a test di laboratorio nello Zaire (ora noto come Repubblica Democratica del Congo).

I risultati sono stati i seguenti:

Il 3,3% dei casi di vaiolo simico umano è stato riscontrato tra i 730 pazienti diagnosticati come casi di varicella, il 7,3% tra i casi diagnosticati come “varicella atipica” e il 6,1% tra i casi con eruzione cutanea per i quali non è stato possibile stabilire una diagnosi clinica.

Le difficoltà diagnostiche si basavano principalmente sulle caratteristiche cliniche della varicella: pleomorfismo regionale (nel 46% dei casi erroneamente diagnosticati), distribuzione corporea non definita delle eruzioni cutanee (49%) e distribuzione centripeta delle lesioni cutanee (17%). L’ingrossamento dei linfonodi è stato osservato nel 76% dei pazienti con diagnosi errata. In assenza di vaiolo, il principale problema diagnostico clinico è la differenziazione tra vaiolo umano e varicella.

Ora si capisce perché la diagnosi era regolarmente sbagliata.

Il vaiolo delle scimmie umano è stato identificato per la prima volta nell’uomo nel 1970, nella Repubblica Democratica del Congo, in un bambino di 9 anni. Da allora, sono stati segnalati casi umani di vaiolo delle scimmie in 11 Paesi africani. Solo nel 2003 è stato registrato il primo focolaio di vaiolo delle scimmie al di fuori dell’Africa, negli Stati Uniti.

Immagine del vaiolo delle scimmie al microscopio

I punti principali da trarre sono che la presunta malattia del vaiolo scimmiesco è estremamente rara, è stata raramente osservata al di fuori dell’Africa e non è mai stata registrata contemporaneamente in più Paesi al di fuori dell’Africa.

Quindi, stando così le cose, non sembra strano che improvvisamente ci venga detto che casi di vaiolo delle scimmie sono stati segnalati negli Stati Uniti, in Canada, nel Regno Unito, in Australia, in Svezia, nei Paesi Bassi, in Belgio, in Francia, in Spagna, in Italia e in Germania, tutti nello stesso momento?

Soprattutto quando l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha confermato che non ci sono prove che il virus del vaiolo delle scimmie sia mutato.

Ma se non vi sembra strano, la seguente mappa che mostra i Paesi in cui è stata somministrata principalmente l’iniezione Covid-19 di Pfizer potrebbe farvi cambiare idea:

Perché le prove suggeriscono che non stiamo assistendo a un’epidemia di vaiolo nei Paesi del primo mondo. Invece, stiamo assistendo alle conseguenze dei danni che le iniezioni di Covid-19 hanno causato ai sistemi immunitari negli stessi Paesi del primo mondo, e le autorità sono pronte a insabbiare il tutto.

L’Herpes simplex virus (HSV) è una causa comune di malattia cutanea ulcerosa sia nelle persone immunocompromesse che in quelle immunocompetenti. La maggior parte delle persone infettate dall’HSV non presenta sintomi o presenta sintomi lievi che passano inosservati.

Quando i sintomi compaiono, si presentano inizialmente con formicolio e/o arrossamento, seguiti da lesioni simili a vesciche che si sviluppano rapidamente in piaghe aperte e trasudanti. Le piaghe sono solitamente molto dolorose e possono essere accompagnate da febbre e ingrossamento dei linfonodi.

Come il vaiolo delle scimmie.

Nelle persone immunocompromesse, come quelle con sindrome da immunodeficienza acquisita, la frequenza e i sintomi dei focolai di HSV possono talvolta essere gravi e diffondersi dalla bocca o dai genitali ai tessuti più profondi dei polmoni o del cervello. Per questo motivo, l’HSV è stato classificato come una “condizione che definisce l’AIDS” se dura più di un mese o se si manifesta nei polmoni, nei bronchi o nell’esofago.

Sapevate che l’herpes è elencato come evento avverso di particolare preoccupazione (AESI) da Pfizer in relazione all’iniezione di Covid-19? Si potrebbe essere perdonati se non lo si sapesse, perché è stato recentemente rivelato in documenti riservati di Pfizer che la FDA è stata costretta a rilasciare per ordine del tribunale nel 2022.

Documenti riservati di Pfizer

La Food and Drug Administration (FDA) statunitense ha cercato di ritardare la pubblicazione dei dati sulla sicurezza del vaccino COVID-19 di Pfizer per 75 anni, nonostante l’11 dicembre 2020 abbia approvato l’iniezione dopo soli 108 giorni di revisione della sicurezza.

Ma all’inizio del gennaio 2022, il giudice federale Mark Pittman ha ordinato loro di rilasciare 55.000 pagine al mese. Hanno rilasciato 12.000 pagine alla fine di gennaio.

Da allora, il PHMPT ha pubblicato tutti i documenti sul proprio sito web. L’ultima caduta si è verificata il 2 maggio 2022.

Uno dei documenti contenuti nel data dump è “reissue_5.3.6 postmarketing experience.pdf”. La pagina 21 del documento confidenziale contiene dati su eventi avversi di particolare interesse, tra cui in particolare le infezioni da herpes virus.

Secondo il documento, alla fine di febbraio 2021, appena due mesi dopo che il vaccino di Pfizer aveva ottenuto l’autorizzazione all’uso di emergenza sia negli Stati Uniti che in Gran Bretagna, Pfizer aveva ricevuto 8.152 segnalazioni relative all’infezione da herpes zoster, 18 delle quali avevano già provocato una sindrome da disfunzione multipla d’organo (MODS).

La sindrome da disfunzione d’organo multipla (MODS) è una risposta infiammatoria sistemica e disfunzionale che richiede una permanenza prolungata nell’unità di terapia intensiva (ICU). È caratterizzata da un elevato tasso di mortalità a seconda del numero di organi coinvolti. Può essere causata da un’infezione da herpes, come dimostrato da questo studio scientifico del 2012:

Vale la pena notare come, secondo lo studio, lo shock settico insieme all’insufficienza d’organo multipla abbia portato alla morte delle persone, perché molto presto passeremo alla sepsi.

I documenti riservati di Pfizer elencano anche un’altra patologia che presenta estreme analogie con il vaiolo delle scimmie: la malattia autoimmune delle vesciche.

La condizione è nascosta nel lungo elenco di 9 pagine di eventi avversi di particolare interesse alla fine del documento reissue_5.3.6 postmarketing experience.pdf di Pfizer.

La malattia autoimmune delle vesciche provoca vesciche sulla pelle e sulle membrane mucose di tutto il corpo. Può colpire bocca, naso, gola, occhi e genitali. Non è del tutto chiaro, ma gli “esperti” ritengono che si scateni quando una persona che ha una tendenza genetica a questa condizione entra in contatto con un fattore scatenante ambientale. Potrebbe trattarsi di una sostanza chimica o di un farmaco, come l’iniezione di Covid-19 di Pfizer?

Quindi, ora che sappiamo che Pfizer ha elencato diverse condizioni con sintomi estremamente simili al vaiolo delle scimmie come “eventi avversi di particolare preoccupazione per la sua iniezione di Covid-19, sarebbe molto utile sapere se queste stesse condizioni si sono effettivamente verificate regolarmente nel mondo reale. Fortunatamente, i Centri statunitensi per il controllo delle malattie hanno uno strumento molto utile che ci permette di scoprirlo.

Eventi avversi segnalati negli Stati Uniti.

Il Vaccine Adverse Event Reporting System (VAERS), ospitato dai Centers for Disease Control (CDC), contiene dati storici sulle reazioni avverse segnalate per ogni vaccino somministrato negli Stati Uniti d’America e può essere consultato qui.

Abbiamo eseguito diverse ricerche nel database e importato i dati in grafici. Ma ecco un esempio di ciò che troverete se farete la ricerca da soli.

Di seguito è riportato un elenco di tutti i vaccini relativi a herpes zoster, vaiolo, varicella, epatite, ecc.

E quello che segue è l’elenco dei risultati di ricerca delle reazioni avverse a vaccini precedenti in relazione all’infezione da herpes tra il 2008 e il 2020.

La tabella seguente mostra gli eventi avversi segnalati a VAERS relativi all’herpes zoster, all’herpes zoster e alla sindrome da disfunzione multipla degli organi. Mostra il numero di eventi avversi segnalati per i vaccini antinfluenzali, per tutti i vaccini combinati (escluse le iniezioni di Covid-19) e per i vaccini HPV/vaiolo tra il 2008 e il 2020. nonché il numero di eventi avversi segnalati per le iniezioni di Covid-19 fino al 13 maggio 2022.

Come si può vedere, le iniezioni di Covid-19 hanno causato il maggior numero di infezioni da herpes in 17 mesi. Se si confrontano questi dati con il numero di focolai segnalati contro i vaccini HPV/vaiolo in 13 anni, queste cifre sono estremamente preoccupanti.

Molti sostengono che questo fenomeno potrebbe essere indipendente e dovuto alle numerose iniezioni di Covid-19 somministrate. Ma le stesse persone che sostengono questo non forniscono alcuna prova a sostegno. Quindi lo faremo.

Secondo “Our World in Data”, al 6 maggio 2022, negli Stati Uniti sono stati somministrati in totale 579,9 milioni di iniezioni di Covid-19.

Ma secondo i dati diffusi dal CDC, tra il 2008 e il 2020 negli Stati Uniti sono stati somministrati in totale 1,72 miliardi di vaccini antinfluenzali.

Quindi, come puoi vedere, solo tra il 2008 e il 2020 sono stati somministrati più di 3 volte più vaccini antinfluenzali.

Ora che conosciamo queste cifre, possiamo usarle per calcolare il tasso di eventi avversi legati all’herpes, ecc. per milione di dosi somministrate. Tutto ciò che dobbiamo fare è eseguire il seguente calcolo:

Numero di dosi somministrate / 1 milione = Y Numero di eventi avversi / Y = Tasso di eventi avversi per 1 milione di dosi.

La tabella seguente rivela la risposta a questo calcolo:

Il tasso di infezioni correlate all’herpes zoster riportate come reazioni avverse ai vaccini antinfluenzali è di 0,75 eventi avversi per 1 milione di dosi somministrate. Tuttavia, il tasso di infezioni legate all’herpes riportate come reazioni avverse alle iniezioni di Covid-19 è di 31,31 eventi avversi per milione di dosi somministrate.

Si tratta di una differenza del 4,075% che indica un problema molto serio. Ma quale meccanismo della vaccinazione Covid-19 sta causando questo fenomeno?

La risposta sta nel fatto che le iniezioni di Covid-19 causano ai riceventi lo sviluppo della Sindrome da Immunodeficienza Acquisita.

Sindrome da immunodeficienza acquisita da vaccino (VAIDS)

Da mesi i governi di tutto il mondo stanno rilasciando in sordina dati che suggeriscono fortemente che le iniezioni di Covid-19 causano danni estesi al sistema immunitario naturale, facendo sì che i riceventi sviluppino una nuova forma di sindrome da immunodeficienza acquisita.

Questo è un esempio di dati provenienti dalla UK Health Safety Agency (UKHSA).

La seguente tabella è stata assemblata a partire dalle tabelle dei tassi di casi presenti nei rapporti di sorveglianza vaccinale dell’UKHSA per la terza, la settima e la tredicesima settimana e mostra i tassi di casi di Covid-19 per 100.000 tra la popolazione non vaccinata e triplamente vaccinata in Inghilterra:

Come si può vedere, i tassi di casi per 100.000 persone sono stati più alti tra la popolazione con triplo vaccino durante questi 3 mesi, ad eccezione dei giovani di età compresa tra i 18 e i 29 anni solo nel rapporto della terza settimana e dei giovani di età inferiore ai 18 anni nei 3 mesi. Tuttavia, vale la pena di notare il rapido declino dei tassi tra i bambini non vaccinati rispetto al piccolo declino dei tassi tra i bambini vaccinati.

Con questi tassi, possiamo calcolare l’efficacia del vaccino nel mondo reale utilizzando la formula di efficacia di Pfizer:

Tasso dei casi non vaccinati – Tasso dei casi vaccinati / Tasso dei casi non vaccinati x 100.

Il grafico seguente mostra l’efficacia del vaccino Covid-19 tra la popolazione vaccinata con MMR in Inghilterra alla settimana 3, alla settimana 7 e alla settimana 13 nel 2022.

Come si può vedere nella tabella qui sopra, all’inizio del 2022 la situazione era significativamente peggiore di quella di ottobre in termini di efficacia; e disastrosamente peggiore alla fine di marzo.

I dati mostrano che l’efficacia del vaccino è diminuita di mese in mese, con l’efficacia più bassa registrata tra i 60-69enni, con uno sconcertante -391%. Questa fascia d’età ha registrato anche il calo più marcato, passando da meno 104,69% nella terza settimana.

Ma uno dei cali più preoccupanti nell’efficacia del vaccino è stato registrato tra i giovani di età compresa tra i 18 e i 29 anni, scendendo a meno -231% nella 12a settimana del 2022 da +10,19% nella 3a settimana.

Un’efficacia vaccinale negativa indica un danno al sistema immunitario, perché l’efficacia vaccinale non è una vera e propria misura dell’efficacia di un vaccino. Si tratta di una misura delle prestazioni del sistema immunitario di una persona vaccinata rispetto alle prestazioni del sistema immunitario di una persona non vaccinata.

Il vaccino Covid-19 dovrebbe addestrare il sistema immunitario a riconoscere la proteina spike del ceppo virale Covid-19 originale. Questo avviene istruendo le cellule a produrre la proteina spike, quindi il sistema immunitario produce anticorpi e si ricorda di usarli in seguito se incontra di nuovo la parte spike del virus Covid-19.

Ma il vaccino non si sofferma dopo la formazione iniziale, lasciando che il sistema immunitario si occupi del resto. Quindi, quando le autorità dicono che l’efficacia dei vaccini si indebolisce con il tempo, in realtà intendono dire che le prestazioni del sistema immunitario si indeboliscono con il tempo.

Il problema che riscontriamo nei dati ufficiali è che il sistema immunitario non sta tornando al suo stato originale, naturale e il grafico sottostante mostra le prestazioni del sistema immunitario della popolazione triplamente vaccinata in Inghilterra per fascia di età su periodi di quattro settimane. rispetto al sistema immunitario naturale della popolazione non vaccinata.

Alla fine di marzo 2022, la prestazione più bassa del sistema immunitario era quella dei 60-69enni, con uno sconcertante meno 80%, ma tutti i 30-59enni che hanno ricevuto il vaccino MMR non erano molto lontani, con prestazioni del sistema immunitario che andavano dal meno 75% al meno 76%.

Anche i giovani di età compresa tra i 18 e i 29 anni si trovavano in questa regione con un meno 70 per cento, passando da una performance del sistema immunitario di +11,35 per cento tra la settimana 51 e la settimana 2, il che significa che hanno subito il declino più rapido delle prestazioni del sistema immunitario.

Questo si è tradotto anche in morti.

Il grafico sottostante mostra i tassi di mortalità Covid-19 per 100.000 per stato di vaccinazione in Inghilterra nel marzo 2022 secondo i dati pubblicati dall’UKHSA:

Ecco cosa significava in termini di efficacia del vaccino contro la morte nel mondo reale:

Tutto ciò è indicativo della sindrome da immunodeficienza acquisita da vaccino Covid-19, che a sua volta può portare all’attivazione di infezioni latenti da herpes, e altri dati del sistema VAERS dei Centers for Disease Control lo confermano.

Il grafico seguente mostra la percentuale di tutte le suddette reazioni avverse correlate all’AIDS segnalate a VAERS per tutti i vaccini per anno:

Il 51% di tutte le reazioni avverse associate all’AIDS segnalate dal 2000 è stato segnalato nel 2021, mentre un ulteriore 16% è stato segnalato finora nel 2022.

Il seguente grafico mostra il numero di disordini immunitari acquisiti, compreso l’AIDS, segnalati a VAERS come reazioni avverse a tutti i vaccini (compresi i vaccini covid-19) per l’anno segnalato, e ai soli vaccini covid-19 per l’anno segnalato.

Finora si è registrato un forte aumento delle segnalazioni nel 2021 e nel 2022, la maggior parte delle quali attribuite alle iniezioni di Covid-19.

Il numero medio di disordini immunitari acquisiti segnalati come reazioni avverse a qualsiasi vaccino tra il 2000 e il 2020 è 31.

Il numero totale di disordini immunitari acquisiti segnalati come reazioni avverse nel 2021 è stato di 386. Ciò rappresenta un aumento dell’1145%.

Tuttavia, è importante notare che non tutte le reazioni avverse vengono segnalate a VAERS. In realtà, il CDC ha ammesso che solo l’1-10% delle reazioni avverse viene segnalato al sistema. Ma una brillante analisi di Jessica Rose Phd stima con precisione che il fattore di sottostima è almeno 41,3. Vedere qui.

Il grafico seguente mostra il numero di tumori comuni generalmente associati all’AIDS che sono stati segnalati a VAERS come reazioni avverse a tutti i vaccini (comprese le iniezioni di covid-19) per l’anno segnalato e ai soli vaccini covid-19 per l’anno segnalato:

Come si può notare, finora c’è stato un forte aumento delle segnalazioni nel 2021 e nel 2022, e la maggior parte di esse sono attribuite alle iniezioni di Covid-19.

Il numero medio di tumori comuni associati all’AIDS riportati come reazioni avverse a qualsiasi vaccino tra il 2000 e il 2020 è pari a 21,3.

Il numero totale di tumori comuni associati all’AIDS segnalati come reazioni avverse nel 2021 è stato di 430. Ciò rappresenta un aumento del 1919%.

La tabella seguente mostra il numero di infezioni/complicanze da herpes segnalate a VAERS come reazioni avverse a tutti i vaccini (comprese le iniezioni di covid-19) per l’anno segnalato, e ai soli vaccini covid-19 per l’anno segnalato:

Immaginiamo che stiate iniziando a vedere lo schema? Un altro grande aumento nel 2021 e 2022.

Il numero medio di infezioni da herpes zoster segnalate come reazioni avverse a qualsiasi vaccino tra il 2000 e il 2020 è pari a 926.

Il numero totale di infezioni da herpes zoster segnalate come reazioni avverse nel 2021 è stato di 18.336. Ciò rappresenta un aumento del 1880%.

La tabella seguente mostra il numero di casi di sepsi segnalati a VAERS come reazioni avverse a tutti i vaccini (comprese le iniezioni di covid-19) per l’anno segnalato e ai soli vaccini covid-19 per l’anno segnalato:

La sepsi è una risposta estrema dell’organismo alle infezioni. Si tratta di un’emergenza medica pericolosa per la vita. La sepsi si verifica quando un’infezione esistente innesca una reazione a catena in tutto l’organismo. Le infezioni che causano la sepsi iniziano solitamente nei polmoni, nel tratto urinario, nella pelle o nel tratto gastrointestinale.

Il numero medio di casi di sepsi segnalati come reazioni avverse a un qualsiasi vaccino tra il 2000 e il 2020 è di 75.

Il numero totale di casi di sepsi segnalati come reazioni avverse nel 2021 è stato di 1593. Ciò rappresenta un aumento del 2024%.

Questo non è limitato solo al Regno Unito e agli Stati Uniti. Anche in Canada e in Nuova Zelanda si assiste agli stessi modelli. Le prove suggeriscono fortemente che le iniezioni di Covid-19 causano ai riceventi lo sviluppo della sindrome da immunodeficienza acquisita.

Questo, a sua volta, porta a focolai di infezioni da herpes che causano condizioni come l’herpes zoster, la malattia autoimmune delle vesciche e la sindrome da disfunzione multipla degli organi. Ma i funzionari dicono che la colpa è del vaiolo delle scimmie, nel tentativo di coprire le conseguenze dei danni provocati dal vaccino covid-19 al sistema immunitario naturale.

Lo suggeriscono i documenti riservati di Pfizer, lo suggerisce il database VAERS dei Centers for Disease Control, lo suggeriscono i dati governativi pubblicati in tutto il mondo e lo suggerisce questo studio scientifico pubblicato nell’ottobre 2021:

Si tratta ora di capire fino a che punto le autorità sono disposte a spingersi. Il governo britannico sta già “consigliando” che i contatti stretti identificati di casi “confermati” di vaiolo delle scimmie debbano essere isolati per un minimo di tre settimane. Il vaiolo delle scimmie sta per essere usato come l’ultima scusa per far avanzare politiche draconiane di biosicurezza e per accaparrarsi il potere globale?

Il fatto che la presunta epidemia di vaiolo delle scimmie sia stata dichiarata un’Emergenza Sanitaria Pubblica di Preoccupazione Internazionale dal Direttore Generale dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, Tedros Adhanom Ghebreyesus, che ha scavalcato il gruppo di esperti dell’OMS dopo che questi avevano votato contro la dichiarazione di PHEIC, significa che stiamo per scoprirlo.

Temo, mio barbuto amico “progredito”, che i falsi “vaccini” che venderanno come rimedio alla nuova peste saranno ancora una volta infinitamente peggiori della sindrome che ci dicono di risolvere. Fidarsi dei criminali di Covid è già un segno di profonda oligofrenia, ma quando persino LORO vi avvertono che questo jab può uccidervi, dovreste stare più attenti di un Gremlin in una spa.

Fonte: expose-news.com

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code