toba60

Documenti Ufficiali: Il Governo Spagnolo ha Ordinato ai Militari di Irrorare Scie Chimiche Letali Come Parte del Programma Segreto delle Nazioni Unite

In tutti questi anni la gente si è assuefatta all’idea che sopra la nostra testa vi sia qualcosa di diverso, prendendo a prestito un termine assai in voga da un po di tempo, possiamo dire che questa è la cosiddetta nuova normalità.

´ Un consiglio che vi do, è quello di non sottovalutare mai quelle che sono le nostre abitudini perché sono proprio queste che hanno portato il mondo ad una irreparabile conflittualità che pare non avere mai fine.

Fate bene attenzione!!!

Siamo abituati nelle nostre ricerche a dover relazionarci a fatti di cronaca estremamente delicati e abbiamo una grossa responsabilità nei confronti di un pubblico che da 100 paesi al mondo ci segue.

Nel corso delle verifiche abbiamo consultato le 33 fonti inserite risultate tutte attendibili che potrete in totale autonomia verificare, ed in questo articolo abbiamo concentrato due servizi che possono apparire uguali ma sono complementari tra loro.

Toba60

Il nostro lavoro come ai tempi dell’inquisizione è diventato attualmente assai difficile e pericoloso, ci sosteniamo in prevalenza grazie alle vostre donazioni volontarie mensili e possiamo proseguire solo grazie a queste, contribuire è facile, basta inserire le vostre coordinate già preimpostate all’interno dei moduli all’interno degli editoriali e digitare un importo sulla base della vostra disponibilità.

Se apprezzate quello che facciamo, fate in modo che possiamo continuare a farlo sostenendoci oggi stesso…

Non delegate ad altri quello che potete fare anche voi.

Staff Toba60

 Meno dello 0,1% dei nostri lettori ci supporta, ma se ognuno di voi che legge questo ci supportasse, oggi potremmo espanderci, andare avanti per un altro anno e rimuovere questo fastidioso Banner …

Irrorazione di Scie Chimiche Letali Come Parte del Programma Segreto delle Nazioni Unite

Un decreto reale pubblicato dal governo spagnolo ha dichiarato lo stato di emergenza a causa della pandemia di Covid-19, autorizzando l’uso di sostanze chimiche biocide.

In altre parole, il governo spagnolo ha autorizzato l’irrorazione di chemtrails con il pretesto dello “stato di emergenza” dichiarato durante la pandemia.

L’ordine governativo descrive anche nei dettagli l’applicazione prevista delle sostanze chimiche, che avviene con tecniche “aeree” e non con un’applicazione manuale.

Si stima che il 17% delle persone in tutto il mondo creda che le sostanze chimiche siano spruzzate intenzionalmente nell’aria come parte di un programma atmosferico segreto su larga scala (SLAP), talvolta definito anche geoingegneria segreta o chemtrails.

In un sondaggio condotto tra esperti di chimica atmosferica, uno scienziato ha risposto “sì” quando gli è stato chiesto se avesse mai incontrato prove che indicavano l’esistenza di un programma atmosferico segreto su larga scala (SLAP), a causa di una località remota con livelli insolitamente alti di bario nell’atmosfera.

Le scie chimiche, comunemente note come chemtrails, si riferiscono alle scie bianche che talvolta si lasciano dietro quando gli aerei volano nel cielo. Si stima che il 17% delle persone in tutto il mondo creda che queste scie siano in realtà sostanze chimiche tossiche spruzzate intenzionalmente nell’aria come parte di un programma atmosferico segreto su larga scala (SLAP), a volte definito anche geoingegneria segreta.

I funzionari pubblici hanno generalmente negato l’esistenza delle chemtrails e un documento pubblicato nel 2000 dall’EPA statunitense suggerisce che le “scie di condensazione” o “contrails”, visibili dietro i motori degli aerei a reazione, sono “composte principalmente da acqua (sotto forma di cristalli di ghiaccio) e non comportano rischi per la salute degli esseri umani”, ma ha osservato che “influenzano comunque la nuvolosità dell’atmosfera terrestre e quindi potrebbero influenzare la temperatura atmosferica e il clima”.

Un ordine rilasciato dal governo spagnolo, tuttavia, racconta una storia diversa, suggerendo che ha autorizzato i suoi militari a spruzzare sostanze chimiche pericolose nei cieli come parte di una difesa contro il Covid-19.
Ordine spagnolo autorizza l’irrorazione di biocidi per la disinfezione

Un decreto reale pubblicato il 16 aprile 2020 dal governo spagnolo sulla Gazzetta Ufficiale dello Stato ha dichiarato lo stato di emergenza a causa della pandemia di Covid-19, autorizzando l’uso di sostanze chimiche biocide:

“Ordinanza SND/351/2020, del 16 aprile, che autorizza le Forze e le Unità Armate e le Unità Militari di Emergenza all’uso di sostanze chimiche biocide autorizzate dal Ministero della Salute per la disinfezione al fine di affrontare la crisi sanitaria del Covid-19″.

Il Regio Decreto 463/2020, del 14 marzo, dichiara lo stato di emergenza per la gestione della situazione di crisi sanitaria causata dal Covid-19, che prevede una serie di misure volte a tutelare il benessere, la salute e la sicurezza dei cittadini e il contenimento della progressione della malattia e a rafforzare il sistema sanitario pubblico”.

Il decreto concedeva al ministro della Sanità, Salvador Illa Roca, l’autorità di dettare tali ordini:

“In particolare, in conformità con quanto disposto dall’articolo 4.3 del Regio Decreto 463/2020, del 14 marzo, il Ministro della Salute è autorizzato a dettare gli ordini, le risoluzioni, le disposizioni e le istruzioni interpretative che, nell’ambito del suo raggio d’azione come autorità delegata, sono necessarie per garantire la fornitura di tutti i servizi, ordinari o straordinari, al fine di proteggere le persone, i beni e i luoghi, attraverso l’adozione di una qualsiasi delle misure previste dall’articolo undici della Legge Organica 4/1981, del 1° giugno, degli stati di allarme, di eccezione e di sito.

Per l’effettiva realizzazione di queste misure, i delegati delle autorità competenti possono richiedere l’intervento delle Forze armate, in conformità con quanto previsto dall’articolo 15.3 della Legge organica 5/2005, del 17 novembre, sulla difesa nazionale”.

Richiesta di utilizzo di “mezzi aerei”, “nebulizzazione”.

Oltre a riconoscere che il Ministero della Salute ha valutato la capacità virucida degli antisettici e dei disinfettanti chimici, l’ordine governativo specifica anche l’applicazione prevista delle sostanze chimiche, che è tramite tecniche “aeree” e non manuali:

“Tra le tecniche di disinfezione più efficaci c’è l’uso di mezzi aerei, quindi attraverso di essi, con tecniche di nebulizzazione, termo nebulizzazione e micro nebulizzazione, si raggiungono rapidamente tutte le superfici, evitando di dipendere dall’applicazione manuale, che è più lenta, e a volte non raggiunge tutte le superfici perché ci sono ostacoli che impediscono di raggiungerle”.

Le unità di difesa CBRN delle Forze Armate e dell’Unità Militare di Emergenza (UME) dispongono di mezzi personali, materiali, procedure e addestramento sufficiente per effettuare la disinfezione aerea, in quanto si tratta di operazioni che eseguono regolarmente, con l’eccezione che invece di utilizzare prodotti biocidi lo fanno con altri prodotti chimici decontaminanti.

È quindi che, in considerazione di quanto sopra e dell’effetto di migliorare e snellire le operazioni di disinfezione di tutti i tipi di strutture che il personale delle Forze Armate viene a svolgere, si ritiene opportuno autorizzare, in via eccezionale e per tutta la durata dello stato di allarme, le Unità di Difesa CBRN delle Forze Armate e l’UME, l’uso di disinfettanti e biocidi del gruppo principale 1 descritto nell’articolo 1.1 del Regio Decreto 830/2010, del 25 giugno, che ne stabilisce il regolamento”.

In breve, come riporta Planet Today, “il governo spagnolo ha ordinato ai militari di spruzzare tranquillamente letali chemtrails sui suoi cittadini con l’autorizzazione delle Nazioni Unite, sotto la copertura dello ‘stato di emergenza per la gestione della situazione di crisi sanitaria causata dal Covid-19‘” , e non è la prima volta che lo fa.

Secondo l’agenzia di stampa, nel 2015 quattro informatori dell’agenzia meteorologica spagnola hanno dichiarato al Parlamento europeo che le sostanze chimiche venivano regolarmente spruzzate sul Paese per alterare il clima:

“Il 19 maggio 2015, l’eurodeputato Ramon Tremosa i Balcells (ALDE) ha annunciato al Parlamento europeo che quattro lavoratori dell’Agenzia meteorologica statale hanno confessato che la Spagna viene interamente irrorata da aerei che diffondono nell’atmosfera biossido di piombo, ioduro d’argento e diatomite”.

L’obiettivo, secondo lo stesso eurodeputato, sarebbe quello di allontanare le piogge e permettere l’innalzamento delle temperature, creando un ambiente climatico sommario per il turismo e, allo stesso tempo, aiutando le aziende del settore agricolo. Questo, a sua volta, sta producendo gocce di freddo di grande intensità”.

La geoingegneria sta diventando di moda

La manipolazione su larga scala del clima terrestre, nota come geoingegneria , sta diventando sempre più mainstream. Le Nazioni Unite sono tra coloro che stanno prendendo in considerazione una forma controversa di geoingegneria, che prevede l’irrorazione di aerosol di solfato nella stratosfera terrestre per modificare il clima con effetti sconosciuti e potenzialmente disastrosi.

Gli aerosol di solfato sono minuscole particelle riflettenti che possono riflettere più luce solare nello spazio quando vengono spruzzati nella stratosfera a 12-16 miglia sopra la superficie terrestre. Questo porta a un abbassamento delle temperature globali e a una riduzione delle precipitazioni medie , evidenziando un potenziale svantaggio significativo.

Un rapporto del Gruppo intergovernativo di esperti sul cambiamento climatico (IPCC) delle Nazioni Unite, pubblicato nell’agosto del 2021, cita la gestione della radiazione solare e la rimozione dei gas serra come forme di geoingegneria. Gli aerosol solfati rientrano nella categoria della gestione della radiazione solare, ma sarebbero necessarie altre tecniche di geoingegneria, come l’assottigliamento dei cirri nell’alta atmosfera, per contrastare la diminuzione delle precipitazioni causata dal loro uso.

Inoltre, diverse regioni potrebbero subire gravi conseguenze dalle tecniche di geoingegneria utilizzate in altre parti del mondo, al punto da compromettere la loro capacità di coltivare cibo. L’autore del rapporto Govindasamy Bala, dell’Indian Institute of Science, ha affermato che “la scienza c’è ” per utilizzare la geoingegneria, ma è ben lontana dall’essere esatta.

“Penso che la prossima grande domanda”, ha detto Bala alla Reuters, “sia: volete farlo? … Questo comporta incertezza, questioni morali, etiche e di governance”. Come riporta la Reuters, “questo perché ogni regione sarebbe colpita in modo diverso. Mentre alcune regioni potrebbero trarre vantaggio da un mondo artificialmente più freddo, altre potrebbero soffrire, ad esempio non avendo più le condizioni per coltivare”. Paulo Artaxo, fisico ambientale dell’Università di San Paolo e altro autore del rapporto, ha aggiunto:

“Fondamentalmente il messaggio è più o meno lo stesso del rapporto precedente: La scienza non è abbastanza matura. Gli effetti collaterali di una qualsiasi delle tecniche di geoingegneria conosciute possono essere molto significativi… La società deve valutare se questi effetti collaterali sono troppo grandi per provare qualsiasi strategia”.

L’inseminazione delle nuvole va avanti da decenni

Va notato che alcune forme di geoingegneria sono già in uso. Era la metà del XX secolo quando la geoingegneria è stata sviluppata per la prima volta, utilizzando le tecnologie della Seconda Guerra Mondiale.

L’inseminazione delle nuvole è un esempio che viene utilizzato da decenni19 e consiste nel “seminare” le nuvole con ioduro d’argento o anidride carbonica solida per favorire la pioggia e la neve o indebolire le tempeste tropicali. Almeno otto stati occidentali degli Stati Uniti e decine di Paesi utilizzano la semina delle nuvole per aumentare le precipitazioni.

“Inoltre, i militari statunitensi hanno suggerito che le armi nucleari potrebbero essere utilizzate come strumenti per alterare i climi regionali e rendere alcune aree del mondo più favorevoli all’insediamento umano. Questa proposta, tuttavia, non è stata testata”, riporta Britannica.

Sono state discusse anche altre idee per alterare il clima della Terra. Tra i metodi proposti per riflettere una maggiore quantità di luce solare e ridurre il riscaldamento globale vi è quello di far galleggiare miliardi di palline da golf negli oceani, di mandare in orbita uno specchio gigante, di eliminare i cirri, di piantare coltivazioni ed edifici più lucidi e di rilasciare microbolle per rendere la superficie degli oceani più riflettente.

È stata persino presa in considerazione la possibilità di far fluttuare gigantesche astronavi sopra la Terra per riflettere la luce del sole.


La geoingegneria come porta per il controllo sociale

Bill Gates ha investito molto nelle tecniche di geoingegneria. Nel 2010 ha finanziato la ricerca per sviluppare macchine che spruzzassero acqua di mare nelle nuvole con l’obiettivo di aumentare la capacità di riflettere la luce solare nello spazio e quindi ridurre le temperature globali.

Nel 2018, Gates ha anche contribuito a finanziare gli esperimenti degli scienziati di Harvard, che hanno proposto di irrorare la stratosfera con cloruro di calcio per contribuire a rallentare il riscaldamento della Terra bloccando il sole. Ma come ha spiegato Vandana Shiva, PhD, in una nostra passata intervista, la modificazione del tempo atmosferico attraverso la geoingegneria potrebbe essere usata come arma di controllo, compreso il controllo dell’agricoltura.

Scrivendo su The Defender, Robert F. Kennedy Jr. ha anche avvertito che le incursioni di Gates nel controllo del clima potrebbero facilmente essere un pretesto per il controllo sociale:

La sua storia di investimenti suggerisce che la crisi climatica, per Gates e i suoi compari, non è altro che un alibi per un controllo sociale intrusivo, per una sorveglianza su scala “Great Reset” e per massicce boondoggles di geoingegneria fantascientifica, tra cui i suoi demenziali e terrificanti progetti di irrorazione della stratosfera con cloruro di calcio o acqua di mare per rallentare il riscaldamento, il dispiegamento di palloni aerostatici giganti per saturare la nostra atmosfera con particelle riflettenti per oscurare il sole, o il suo pericoloso gioco d’azzardo di rilasciare milioni di zanzare geneticamente modificate nel sud della Florida. “

La ricerca scientifica sulle chemtrails è sorprendentemente scarsa, ma uno studio esiste. Pubblicato nel 2016 sulla rivista Environmental Research Letters, include un sondaggio in cui è stato chiesto agli esperti di chimica atmosferica e deposizione atmosferica di “valutare scientificamente le affermazioni dei teorici dello SLAP”.

Quasi tutti gli scienziati 76 su 77 hanno concluso di non aver riscontrato prove di SLAP e di ritenere che le chemtrails possano essere spiegate da altri fattori, “tra cui la fisica e la chimica ben comprese“. Ma c’è stato uno scienziato che non ha potuto escluderle e, infatti, ha risposto “sì” quando gli è stato chiesto se avesse mai riscontrato prove che indicassero l’esistenza di SLAP.

Hanno citato una località remota in cui i livelli di bario nell’atmosfera erano insolitamente alti rispetto ai livelli di bario nel terreno. I livelli di bario nell’ambiente sono tipicamente molto bassi – e si suggerisce che concentrazioni anomale di elementi come il bario siano una forma di prova della presenza di sostanze chimiche irrorate.

Programma Segreto delle Scie Chimiche Militari

Come promemoria, questa non è la prima volta che il governo spagnolo è coinvolto in uno scandalo sulle chemtrail.

Nel 2015, quattro dipendenti del Servizio Meteorologico Statale hanno annunciato tramite il Parlamento Europeo che gli aerei spruzzavano regolarmente le cosiddette chemtrails in tutta la Spagna e che la concentrazione di sostanze chimiche tossiche in alcune regioni era così alta che la popolazione locale stava sviluppando un aumento delle malattie respiratorie:

Le comunità autonome di Murcia e Valencia e la provincia di Almeria sono le più colpite: non una goccia di pioggia da oltre sette mesi, tempeste catastrofiche di “gota fría” e malattie respiratorie della popolazione causate dall’inalazione di biossido di piombo e altri composti tossici. Questi aerei decollano dall’aeroporto militare di San Javier, a Murcia.

Nota: lo scandalo è enorme, probabilmente troppo grande e soprattutto troppo scottante perché i media tradizionali se ne occupino, per non dire che se ne occupino.

Ora un ordine di controllo della pandemia esplosiva appare nella gazzetta ufficiale del governo spagnolo, confermando l’uso di aerei militari e l’irrorazione di biocidi sulla popolazione:

Ordinanza SND/351/2020 del 16 aprile, che autorizza le forze armate e le unità e i reparti di emergenza militare a utilizzare (…) biocidi per la disinfezione per far fronte alla crisi sanitaria Covid 19.

Tra le tecniche di disinfezione più efficaci c’è l’uso di mezzi aerei, attraverso i quali vengono utilizzate tecniche di nebulizzazione, termo-nebulizzazione e micro-nebulizzazione per raggiungere rapidamente tutte le superfici, (…)

Le Unità di Difesa CBRN delle Forze Armate e l’Unità Militare per le Emergenze (UME) dispongono delle risorse umane, dei materiali, delle procedure e dell’addestramento sufficiente per effettuare la disinfezione aerea, (…)

L’ordinanza SND/351/2020 è stata approvata con decreto reale il 14 marzo 2020, solo tre giorni dopo che l’OMS aveva dichiarato la presunta pandemia di Covid 19.

I biocidi sono pericolosi?

I biocidi sono utilizzati per uccidere o respingere gli organismi nocivi. Agiscono, ad esempio, paralizzando il sistema nervoso o compromettendo la capacità di riproduzione degli organismi nocivi. Allo stesso tempo, questo li rende potenzialmente pericolosi per l’uomo e per l’ambiente. (cfr. bmuv.de)

Conclusione

Queste rivelazioni sono esplosive, poiché da un lato forniscono una possibile spiegazione per le diffuse malattie respiratorie e dall’altro rappresentano una conferma ufficiale dei programmi segreti e pericolosi delle chemtrail. È anche notevole che dopo soli tre giorni di “pandemia”, la famiglia reale spagnola intervenga con un decreto che esemplifica ancora una volta come lo Stato equipari le persone a organismi nocivi e le spruzzi di conseguenza con pesticidi dall’aria.

Jan Walter & Rhoda Wilson & Dr. Joseph Mercola

Fonte: www.legitim.ch & expose-news.com & mercola.com

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code