toba60

Documento Raro: Nikola Tesla Guarda alla Scienza per Porre fine alla Guerra

Siamo Stati Censurati, Quindi Condividi Questo Articolo

E’ un testo straordinario per tutti gli appassionati di Tesla, reperito da un nostro collaboratore presso un archivio Ungherese.

Un Nikola Tesla che si esprime in modo cosi sciolto e diretto su tematiche tanto distanti da quelle consuete della scienza è estremamente insolito, sono quegli aspetti di lui sconosciuti e che destano una certa sorpresa, faccio notare che questa intervista e’ stata fatta nel 1914-12-20 il che da un idea di come la cultura dell’epoca non aveva influito minimamente su Tesla, che mantenne un atteggiamento sempre molto distaccato nel fare un analisi degli avvenimenti drammatici di quel periodo storico.

Il testo Lascia intendere che l’energia Nucleare era già nella sua mente e pronta per la realizzazione e solo il buon senso ha impedito lui di dare input a questo progetto.

Credo che alcune foto di NikolaTesla non le abbiate mai viste, occhio alle immagini

Mano alle patatine un bicchiere di birra e buona lettura

Toba60

La scienza e la scoperta sono le grandi forze che porteranno al termine della guerra

Qualunque cosa le epoche future possano avere in serbo per la razza umana, lo sviluppo finora indica come suo probabile destino la lotta perpetua. La civiltà da sola è evidentemente insufficiente ad assicurare la pace permanente sulla terra. Essa non fa che ritardare lo scontro per aumentarne l’intensità e la grandezza, rendendolo ancora più terribile e rovinoso.

Prima di partire per Colorado Springs, Tesla partecipa ad una conferenza con l’American Institute of Electrical Engineers é l’ultimo in alto nel mezzo davanti al simbolo completo

L’attuale lotta colossale crea un’impressione a parte, un sentimento di timore, un senso di solennità, derivante dalla consapevolezza che una terribile calamità, più grande di qualsiasi altra registrata negli annali della storia, si è abbattuta sul mondo. Improvvisamente risvegliate dalla sicurezza immaginata alla coscienza di un pericolo insospettato e universale, le nazioni sono agitate. È come se qualche vasto sconvolgimento terrestre avesse luogo, come se forze gigantesche si fossero scatenate, minacciando l’intero globo.

Mai prima d’ora sono stati impegnati in battaglia eserciti così immensi e sono stati impiegati strumenti così spaventosamente distruttivi; mai si è potuto dipendere così tanto da una vittoria delle armi. Già le perdite subite ammontano a decine di miliardi di dollari; più di tre milioni di uomini sono stati uccisi e resi invalidi, e per ognuno di questi almeno dieci sono stati trasformati in relitti nervosi, che imprimeranno le loro miserie nelle generazioni successive e oscureranno i loro giorni. In tutto il mondo innumerevoli sofferenti, straziati dall’angoscia, si domandano per quanto tempo dovrà continuare questo spaventoso massacro e questo sacrilego spreco.

La guerra è essenzialmente una manifestazione di energia che comporta l’accelerazione e il ritardo di una massa da parte di una forza. In tal caso è una verità universalmente stabilita che il tempo necessario per imprimere una data velocità e quantità di moto è proporzionale alla massa. La stessa legge si applica anche all’annientamento della velocità e della quantità di moto da parte di una forza resistente. Tradotto in linguaggio popolare questo significa che il periodo o la durata di un conflitto armato è teoricamente proporzionale alla grandezza degli eserciti o al numero dei combattenti.

Si presuppone ovviamente che le risorse siano ampie e che tutte le altre condizioni siano uguali. Inoltre, nel fare deduzioni dalle guerre precedenti, bisogna prendere in considerazione un certo numero di fattori e stimare tutte le quantità al loro giusto valore sulla base di dati statistici e di altro tipo. Supponendo che, come sembra, 12.000.000 di uomini siano impegnati nella lotta attuale, un confronto con alcune delle guerre passate dà i seguenti risultati:

Durata 
GuerreNumero di combattentiY.M.osservazioni
Guerra civile4,600.0004 Protratta dalla distanza, dalle scarse comunicazioni e dalle armi inefficaci.
Guerra attuale12,000.00010  
Guerra franco-tedesca1,700.000 13Equipaggiamento non proprio moderno.
Guerra attuale
Guerra attuale12,000.00076 
Guerra russo-giapponese2,200.00016Allungata dalla distanza, dalla scarsa comunicazione e dalla natura della campagna.
Guerra attuale12,000.0008  
Prima guerra balcanica1,200.000 6In tutto e per tutto fino ad oggi.
Guerra attuale12,000.0005  
Guerra media ipotetica2,425.00019Varie cause che influiscono sulla durata”.
Guerra attuale12,000.00086 

In queste stime comparative si otterrebbero termini molto più concordanti e più brevi se i dati disponibili fossero corretti come indicato e se si tenesse conto delle strutture di trasporto e di comunicazione, dell’aumento della potenza e della distruttività delle armi e di altri fattori che tendono ad aumentare il ritmo con cui l’energia viene erogata, e quindi ad accelerare la fine dello scontro.

La migliore deduzione è certamente quella tratta dalla guerra dei Balcani, come la più moderna, secondo la quale il termine dovrebbe essere di cinque anni. Anche se questa è solo un’approssimazione, è sufficiente a dimostrare che, salvo qualche sviluppo straordinario, questa guerra sarà lunga.
Infatti, sembra, su basi puramente scientifiche, che un conflitto su una scala così vasta possa terminare solo per esaurimento.

Foto che si riferisce ad una conferenza newyorkese del santone Swami Vivekananda verso la cui filosofia Tesla provava un certo interesse.

L’enorme estensione del fronte di battaglia, a causa del numero e della conseguente impossibilità di sferrare un colpo decisivo, è a ulteriore sostegno di questa teoria.

È anche molto significativo osservare a questo proposito come le linee di battaglia originali, determinate in anticipo dalla strategia, sono state gradualmente spostate e raddrizzate, il contatto tra le masse combattenti è stato infine stabilito su linee fissate dalla legge naturale e dalla forza bruta della spinta in spregio al disegno militare.

La probabilità di una tale conclusione è aumentata dal fatto che la perturbazione si estende su un’area immensa, rendendo il rifornimento di beni di prima necessità ad alcune delle regioni colpite eccezionalmente difficile.

Accettando, quindi, questa teoria come corretta, siamo giustificati nell’aspettarci che, rimanendo le condizioni normali, la lotta durerà più o meno a seconda della forma che l’esaurimento può assumere. La mancanza di cibo, il deterioramento e la carenza di equipaggiamento, la mancanza di metalli, di prodotti chimici e di munizioni, la scarsità di capitale pronto, la mancanza di uomini addestrati o il puro esaurimento dell’energia umana sono alcuni degli elementi da mettere in conto, ognuno dei quali può costringere una cessazione anticipata delle ostilità. Che la guerra non può essere continuata molto più a lungo con la sua intensità attuale può essere facilmente dimostrato.

Il costo giornaliero delle operazioni è più di quaranta milioni di dollari, e, a giudicare dalle perdite registrate fino ad oggi, venticinque mila uomini, in media, vengono uccisi e resi disabili in battaglia ogni giorno. A questo ritmo solo altri quattro mesi di campagna attiva si tradurrebbe in una spesa di cinque miliardi di dollari e una perdita di vita di tre milioni di uomini.

Questo è, chiaramente, un fardello aggiuntivo troppo grande da sopportare, perché anche se il materiale di combattimento potrebbe essere disponibile, il capitale è sicuro di mancare.

Si potrebbe quindi concludere con certezza che la pace sarà ristabilita prima del prossimo inverno, se non fosse per una possibilità, o piuttosto una probabilità, quella di una situazione di stallo, che sarebbe la peggiore calamità, perché, considerando la vera causa del problema e il carattere delle nazioni coinvolte, non potrebbe non protrarre la guerra per anni.
Profetizzare è un’occupazione ingrata, ma la previsione scientifica è una forma utile di impegno e sarebbe molto più tale se la natura umana non fosse così incline a lasciare inascoltati consigli e lezioni.

Avendo fatto un attento studio della situazione, un esperto può prevedere certi accadimenti con perfetta sicurezza. Ci sono ora solo tre possibili risultati di questa guerra: primo, il crollo dell’Austria; secondo, la conquista dell’Inghilterra da parte dei tedeschi, e, terzo, l’esaurimento e la sconfitta della Germania.

La caduta dell’Austria è inevitabile e deve avvenire nei prossimi mesi. Potrebbe sfidare l’influenza tedesca e chiedere autonomamente la pace per salvarsi, ma è dubbio che potrebbe offrire qualcosa di accettabile agli Alleati. Molto più probabile è che il vecchio imperatore, stanco della vita e riconoscendo l’ingiustizia della causa dell’Austria, abdicherà lui stesso e raccomanderà la divisione.

Qui Nikola Tesla è nel suo laboratorio. Si suppone si tratti del laboratorio di Colorado Springs dove, cosciente di dover fare attività di sperimentazione, pensò bene di portarsi una macchina fotografica. La qualità non è eccelsa ma la figura del nostro è chiara. Le “casse” su cui è seduto sono dei banchi di condensatori elettrolitici costruiti dallo stesso Tesla utilizzando bottiglie di vetro e soluzioni saline.

Questo potrebbe non essere sgradito alla Germania duramente pressata, perché aprirà un modo di fare la pace a termini che non saranno umilianti e la compenserà per la probabile perdita dell’Alsazia-Lorena e della Prussia orientale.

La doppia monarchia si è mantenuta per decenni come per miracolo. Sarebbe stata dissolta da tempo se non fosse stato per l’ostinata adesione dei magnati ungheresi a una promessa fatta a Maria Teresa e per la straordinaria popolarità della dinastia regnante, dovuta in gran parte alla compassione dei sudditi di tutte le nazionalità suscitata dalle molte strane disgrazie che hanno colpito la casa d’Asburgo.

È ben riconosciuto che l’esistenza innaturale di questo stato feudale è stata una minaccia costante alla pace europea ed è la causa principale del presente sconvolgimento. Una divisione del territorio austro-ungarico lungo le linee razziali soddisferà tutte le nazioni in guerra sul continente europeo. Questo avverrà sicuramente. È un processo naturale e inevitabile come la caduta di una mela troppo matura dall’albero.

Per quanto riguarda la seconda possibilità, non è ancora sicuro fare una previsione e si devono attendere ulteriori sviluppi prima di poter trarre una conclusione sull’esito. Ci sono molte indicazioni che la Germania si sta preparando per un attacco all’Inghilterra con tutta l’energia e la velocità, e forse le sue operazioni a est e a ovest servono a mascherare questa mossa. La tensione tra i due paesi è molto grande, le cause del litigio particolari e una soluzione pacifica della difficoltà è quasi impossibile.

La terza delle questioni menzionate significherebbe una guerra molto lunga. La Germania non può sfondare il muro d’acciaio in Francia e in Belgio; le sue vittorie parziali in Polonia non possono fare impressione sulle masse russe. Gradualmente deve stabilirsi sulla difensiva. Ha il carico maggiore da portare e deve cedere per prima, secondo i finanzieri e gli statistici.

Ma con un popolo così intelligente, industrioso, pieno di risorse e solidamente unito, tali previsioni sono pericolose. I tedeschi sono pienamente capaci di “far crescere due fili d’erba dove prima ne cresceva uno” ed è proprio per questo e per la loro perfetta organizzazione militare che esiste il pericolo di un lungo conflitto. Una tale prospettiva è sufficiente a causare le più gravi apprensioni e il pensiero più importante nelle menti dei veggenti è come prevenire una tale paralisi del progresso e un’orribile carneficina e spreco. Si può fare?

C’è una cupa determinazione di tutti i diretti interessati a combattere le questioni fino alla fine, sulla base del fatto che una pace prematura, lasciando le questioni vitali irrisolte, significherebbe solo la continuazione del pernicioso regime esistente e la ripetizione del male. Un nuovo e irresistibile argomento deve essere portato avanti per fermare il conflitto. Il caso è disperato, ma c’è una speranza. Questa speranza risiede nella scienza, nella scoperta e nell’invenzione.

Le macchine moderne costruite dalla scienza sono responsabili di questa calamità; la scienza disfarà anche il mostro di Frankenstein che ha creato. Secoli fa si dice che un ingegnoso artificio di Archimede abbia deciso una battaglia e messo fine ad una grande guerra.

Qui non abbiamo il faccione di Tesla bensì le sue mani. A titolo puramente personale, trovo molto interessante avere un’immagine tanto grande e definita delle mani di Tesla. Ha le dita sottili, non particolarmente lunghe. La falange dell’indice è leggermente incurvata così come quella del mignolo. Insomma, mi sembrano le mani di un uomo che ha coniugato la penna con il cacciavite. C’è qualcuno qui che sappia leggere la mano?

Che sia un mito o un fatto, questa storia offre una lezione ispiratrice. Ciò di cui c’è bisogno in questo momento psicologico è una simile rivelazione. Una nuova forza, un nuovo agente, una dimostrazione con qualsiasi mezzo, vecchio o nuovo, ma di un tipo che sorprenda e illumini improvvisamente, che faccia rinsavire i belligeranti e fornisca una prova irrefutabile della follia e dell’inutilità di continuare la brutale lotta.

Questa idea, alla quale io stesso ho dedicato anni di lavoro, si è ora impossessata degli uomini scientifici e degli esperti di tutto il mondo. Migliaia di inventori, stimolati da questa opportunità unica, sono impegnati a sviluppare qualche processo o apparato per realizzare lo scopo, e c’è un’attività febbrile in Francia, Russia e soprattutto in Germania, tra elettricisti, chimici e ingegneri.

Cosa il genio delle nazioni produrrà nessuno può dirlo, ma non è troppo dire che i risultati saranno di tale carattere da influenzare materialmente il risultato e la durata della lotta.

È per questo motivo che si attribuisce importanza ai vaghi resoconti di misteriosi esperimenti con Zeppelin, raggi esplosivi e bombe magiche, perché anche se tali notizie non possono essere accettate come vere, esse rivelano altrettante sorprendenti possibilità. Nella produzione e nell’applicazione di nuovi mezzi di guerra la Germania dovrebbe essere la prima, non solo a causa delle strutture superiori e dell’eccellente addestramento dei suoi esperti, ma perché ciò è diventato una terribile necessità, una questione di vita o di morte nella sua attuale difficile posizione.

I dispacci incerti e spesso contrastanti degli avvenimenti quotidiani ricevuti da varie fonti hanno reso difficile formarsi un’opinione decisa sullo stato attuale delle cose, ma nonostante la rigida censura sono gradualmente emersi i fatti principali. Uno di questi è che i tedeschi erano l’unico popolo pronto alla guerra.

Nemmeno i francesi, che si vantavano di essere pronti, sono stati in grado di mobilitarsi in tempo. L’invasione della Prussia orientale non era che un colpo audace dei russi per attirare il nemico e alleggerire la pressione sulla Francia, riuscito ma molto costoso per loro. Quanto ai compiacenti britannici, dormivano profondamente. Qualunque cosa si possa dire contro la Gran Bretagna, la sua assoluta impreparazione e il grande pericolo a cui si esponeva con il suo ultimatum alla Germania sembrano essere una prova positiva che lei non desiderava entrare nel conflitto.

Un altro fatto, altrettanto evidente, è che la Germania, non contenta di una vittoria parziale, anche se certa, aveva deciso di sconfiggere tutti gli alleati in rapida successione. Il suo piano di dettare i termini della pace prima a Parigi, poi a Pietrogrado, e infine a Londra, non fu adottato come una necessità militare, ma come un programma deliberato basato sulla fiducia assoluta nello strapotere delle sue armi. Né intendeva fermarsi a questo. Il suo obiettivo era molto più alto; non voleva niente di meno che dominare tutte le nazioni.

Questo è ora ammesso francamente da molti dei suoi uomini di punta. Per la maggior parte di noi una tale impresa è stupefacente nella sua audacia e grandezza, tanto più che è destinata ad essere portata a termine con la forza. Ma sarebbe un errore accusare i tedeschi di presunzione e arroganza. Sono convinti della loro superiorità, e bisogna ammettere che c’è qualche giustificazione per il loro tentativo.

È stata spesso sollevata la questione se il nostro ulteriore sviluppo sarà nella direzione dell’artistico e del bello o dello scientifico e dell’utile. La conclusione inevitabile è che l’arte deve essere sacrificata alla scienza. Stando così le cose, i tedeschi razionali rappresentano l’approccio più vicino all’umanità del futuro. Gli slavi, che sono in ascesa e guideranno a loro volta, daranno un nuovo impulso allo sforzo creativo e spirituale, ma anche loro dovranno concentrarsi sul necessario e sul pratico. Un mondo di api sarà il risultato finale.

Tesla partecipa ad un matrimonio, in particolare a quello di un tale Mr. Hobson che pare sia una delle pochissime persone capaci di tirare fuori Nikolino dal suo laboratorio. Questa foto ne è la prova!

La Germania è stata sventata nel suo tentativo. Anche se ancora imbattuta, la sua campagna è un fallimento. Sono state fatte molte dichiarazioni per spiegare l’arresto improvviso delle sue armate vittoriose, come per miracolo, alle porte di Parigi, ma le opinioni espresse sono di carattere speculativo e non trattano le vere cause fisiche. Queste possono essere brevemente chiarite.

La macchina da guerra tedesca è un tentativo di sostituire a un assemblaggio di unità temperamentali e problematiche collegate tra loro, una massa compatta e apatica che si muove a comando con precisione da orologio, simile a una macchina, impassibile, indifferente al pericolo e alla morte, in battaglia come in parata.

La sua concezione poggia su un fondamento profondamente scientifico. Ogni essere umano è influenzato dal coraggio e dalla paura, ma il primo predomina. Questo è evidente, perché la vita o l’esistenza stessa è una lotta piena di pericoli e dolori che devono essere affrontati con determinazione e forza. La paura deriva dalla coscienza di un ambiente ostile ed è accentuata dall’isolamento.

Quando molti uomini sono posti vicini, l’ambiente amichevole e il senso di connessione producono un distinto effetto psicologico di massa, calmando i nervi e sottomettendo il timore e l’apprensione innati. D’altra parte, l’esercizio frequente e severo mantenuto per anni, oltre ad essere favorevole alla precisione e alla sincronia dei movimenti, ha una decisa influenza ipnotica, eliminando ulteriormente l’iniziativa individuale e l’incertezza. Così risulta un corpo forte e sano che si muove e agisce come un’unità, che è senza fallimenti e carenze umane e capace di prestazioni massime attraverso l’applicazione ben diretta e simultanea di sforzi separati.

Tale è il formidabile motore che la Germania ha perfezionato per la protezione della sua Kultur e la conquista del globo – un automa insensibile, un congegno diabolico per la distruzione scientifica, spietata, all’ingrosso, di cui non si è mai sognato prima. Si crede che esprima la più alta efficienza, ma è ingannevole in questo senso, per nessuno più dei tedeschi stessi. In realtà questa moderna macchina da guerra, considerata come un trasformatore di energia, è barbaramente dispendiosa.

Non solo richiede un enorme dispendio di denaro e di sforzi quando è inattiva, ma comporta un errore fondamentale che gli scrittori militari ignorano, vale a dire, le condizioni che determinano il suo rendimento, e quindi la sua efficienza, sono in gran parte, se non del tutto, controllate dal nemico. Infatti, è la mancanza di apprezzamento di questa verità che è responsabile del fallimento di Parigi.

La prima delle due cause principali dell’insuccesso tedesco si trova nella mirabile tattica difensiva dei francesi, che rifiutarono di prendere posizione per una battaglia decisiva, impedendo così alla macchina tedesca di sviluppare tutta la sua potenza e costringendola a lavorare a bassa efficienza. Il secondo, ancora più importante, fu il risultato della fretta eccessiva dei tedeschi, che guidarono il loro motore troppo velocemente, aumentando così notevolmente le perdite senza un adeguato guadagno in prestazioni utili.

Se avessero preso più tempo, che, come i successivi sviluppi hanno dimostrato, avrebbero potuto ben permettersi, ci sarebbe stata più energia conservata e il compito sarebbe stato probabilmente portato a termine con successo.

Il più sorprendente dei fatti che sono trapelati è che sono stati commessi nella transazione diplomatica e nella condotta della campagna tedesca una serie di gravi errori, così evidenti che nessuna rappresentazione della stampa può nasconderli. Questa è una rivelazione per la quale il mondo era meno preparato e che mostra chiaramente che l’erudizione e la competenza tecnica tedesca sono state ottenute a spese dell’intuizione, del tatto e del buon senso.

Tesla a discapito di quanto molti pensano era uno grande sportivo ed un provetto nuotatore

Che abbaglio fu la violazione della neutralità belga, che errore l’aspettativa che l’Inghilterra avrebbe tollerato uno sconfinamento così pericoloso per la sua esistenza, che l’Italia avrebbe sacrificato la sua flotta e il suo commercio per compiacere l’alleanza! I tedeschi avevano cannoni meravigliosi, che rendevano inutili le fortificazioni, e tuttavia nell’attaccare la Francia, invece della via più breve, presero un percorso tortuoso attraverso il Belgio, perdendo così tempo ed evocando inoltre nuovi pericoli e complicazioni. Decine di migliaia di uomini furono condotti a morte certa in vani assalti in formazione di massa, quando pochi colpi di questi cannoni sarebbero stati sufficienti a radere al suolo i forti.

Le truppe furono ritirate dalla Francia verso punti meno importanti proprio nel momento in cui la loro presenza significava vittoria certa. I tedeschi avrebbero potuto marciare su Varsavia e Pietrogrado prima che il nemico fosse pronto a opporre una resistenza efficace, eppure hanno ritardato l’invasione fino a quando i russi hanno portato i loro milioni.

Avrebbero potuto prendere Dunkerque e Calais senza grandi sforzi ed evitare così le terribili perdite che questo compito, se realizzabile, deve ora comportare. Attualmente si stanno avventurando sconsideratamente nel territorio russo contro numeri schiaccianti e in una stagione in cui le tempeste di neve possono tagliare le comunicazioni e mettere l’intero esercito alla mercé del nemico.

Quale spiegazione può essere offerta per questi e altri singolari errori di una nazione per la quale l’economia è religione, che è dichiaratamente la prima nel raggiungere i successi nel modo più scientifico, lungo le linee di minor resistenza? Una sola ragione può essere data ed è quella che ha causato la caduta di molti imperi! È l’eccesso di fiducia e il disprezzo per gli avversari.

La Germania ha iniziato la guerra con una fede cieca in un’offensiva che non conosce opposizione. Ha imparato, dopo uno spaventoso e inutile sacrificio di vite e proprietà, che la Francia può essere forte senza Napoleone, che i diritti delle nazioni amanti della libertà, come il Belgio e la Serbia, non possono essere impunemente calpestati, che la Russia non è più la bestia goffa e indifesa del nord.

Ha finalmente riconosciuto ciò che avrebbe dovuto sapere fin dall’inizio, che l’Inghilterra è il suo nemico più pericoloso. Potrebbe mantenersi contro gli eserciti del continente, ma con la Gran Bretagna che la chiude dal mare e la strangola per gradi, il compito è reso impossibile.

La vittoria sugli alleati a ovest, se ottenibile, la indebolirebbe fino al punto di pericolo; a est la situazione diventa ogni ora più disperata. La Germania perde diecimila uomini e spende settantacinque milioni di marchi al giorno. La sua linfa vitale si sta esaurendo velocemente; alla fine deve perdere. L’unico modo per vincere è schiacciare l’Inghilterra. In questo modo si libera dalla morsa mortale alla gola e trionfa su tutti i suoi nemici.

La Patria è ora infiammata da questo pensiero e ha iniziato, con un’energia mai mostrata prima, una nuova campagna che, se intrapresa quattro mesi fa, avrebbe potuto porre fine alla guerra prima che fosse stata avviata. La Germania entra in questo combattimento mortale non con la fredda deliberazione di una potenza militare, ma con la determinazione appassionata di una nazione animata da quell’unico desiderio. Dipende per il successo non solo dai suoi generali ma dai suoi fisici, ingegneri, inventori, chimici e artigiani e dai suoi volontari che si offriranno come martiri per la sua causa.

Può fare incursioni e dimostrazioni per intrappolare il nemico, ma non ha la più remota intenzione di impegnare la flotta britannica in una battaglia aperta. Quello che si propone di fare è di distruggerla con mezzi e artifici infernali senza perdere una sola nave delle sue. Se l’Inghilterra non si sveglia immediatamente di fronte a questo grave pericolo e non si prepara ad affrontare la scienza con la scienza, l’abilità con l’abilità e il sacrificio con il sacrificio, i prossimi mesi potrebbero essere critici per il suo regno come padrona dei mari.

Che le regole stabilite all’Aia sono inefficaci nel. prevenire l’uso di dispositivi infernali è già stato dimostrato. Gli accordi internazionali sono di due tipi e possono essere classificati sotto due didascalie, che sono: “Uniti si sta, divisi si cade” e “Le circostanze modificano i casi”. Le disposizioni dell’Aia sono di quest’ultimo tipo.

Coloro che accantonano il suddetto suggerimento come altamente improbabile, se non assurdo, dovrebbero tenere a mente che una grande nazione leader nella realizzazione tecnica sta lottando per la sua esistenza e che l’invenzione ha già fornito i mezzi con cui tale distruzione può essere compiuta, mentre altri sono preannunciati nelle indagini scientifiche degli ultimi anni.

Nel suo attacco all’Inghilterra, la Germania ha quattro modi per farlo: Primo, invasione con la forza senza tener conto della flotta britannica; secondo, impegno con la flotta in battaglia aperta; terzo, distruzione graduale e indebolimento della flotta con dispositivi diversi dalle armi, e quarto, attacchi aerei sulla terra e sul mare.

La storia è piena di conquiste audaci. Può darsi che stiamo per assistere alla più notevole di tutte. Le isole britanniche sono state invase prima, ma in tempi di armi primitive. I mezzi di difesa sono stati portati a grande perfezione, è vero, ma questo è ampiamente compensato da un corrispondente aumento dei poteri di offesa. L’impresa è difficile ma non impossibile.

La strategia, tuttavia, non può giocare un ruolo importante nella sua consumazione. È un caso di Annibale che attraversa le Alpi, un problema di superamento delle barriere naturali. L’Inghilterra ha una piccola linea costiera su cui lo sbarco può essere effettuato e molti luoghi sono probabilmente ben sorvegliati e fortificati. Se i tedeschi contemplano l’invasione arriverà come un colpo di fulmine. Lo tenteranno in pieno giorno e nel loro modo preferito di penetrare attraverso gli ostacoli senza badare alle perdite. I loro sforzi frenetici per ottenere il controllo della costa sembrano indicare che questa è la loro intenzione.

Molti esperti sono dell’opinione che, finché esiste una flotta britannica superiore, un’impresa di questa natura è del tutto fuori questione, ma questo è un errore. È certamente possibile per i tedeschi stabilire una zona operativa nella Manica, protetta ai lati da campi di mine e sottomarini impenetrabili. Inoltre, il possesso di Calais, mentre sarebbe di grande vantaggio per loro, non è assolutamente necessario al loro scopo.
Qualunque sia il piano, sarà un pezzo di ingegneria elaborato in tutti i dettagli con la precisione tedesca.

Questa è la ragione per cui non si può dare credito alle proposte inconsistenti che sono state descritte in alcuni giornali. Nessuno schema fattibile è stato ancora rivelato, ma penso di indovinare correttamente quando dico che i tedeschi contemplano l’uso di fortezze galleggianti appositamente progettate, che saranno in sezioni e trasportabili per ferrovia.

Saranno rese virtualmente invulnerabili agli attacchi di siluri e cannoni e saranno equipaggiate con cannoni di grande portata e potenza distruttiva costruiti proprio con questo obiettivo in vista. Sotto la protezione di queste fortezze, che spazzeranno la costa, lo sbarco delle truppe e dell’artiglieria sarà effettuato mentre i corpi di fanteria saranno trasportati attraverso l’aria, quest’ultima operazione sarà eseguita sotto la copertura dell’oscurità. Con armi di calibro inferiore, e più o meno impreparati, sarà difficile per i britannici frustrare il tentativo.

C’è qualche fondamento nella convinzione che i tedeschi possano azzardare un impegno navale su larga scala. Hanno un numero minore di navi, ma sono per lo più di tipo abbastanza moderno e senza dubbio ogni unità è in perfetto ordine. Tutti i rapporti concordano sul fatto che i loro cannoni sono superiori a quelli degli inglesi, sia per la portata che per la durata. I tedeschi sono maestri nella fabbricazione e nel trattamento di materiali resistenti al calore e molti rami tecnici in altri paesi dipendono interamente dal loro prodotto.

Nikola Tesla - Scritti I e II
€ 27,00

Quando aggiungiamo a questo vantaggio le possibilità offerte da mine, siluri, sottomarini, Zeppelin e altri mezzi di distruzione, abile manovra e sorpresa, la disuguaglianza numerica della flotta assume un’importanza secondaria.

Il meraviglioso exploit di un piccolo sottomarino tedesco che ha affondato quattro incrociatori britannici e ne è uscito indenne è di per sé sufficiente a giustificare la conclusione che l’imminente duello tra i due paesi non sarà deciso solo da cannoni e armature, considerati finora supremi sull’oceano. E tuttavia le piene capacità di questo tipo di imbarcazione devono ancora essere dimostrate.

La Germania ha la tendenza a superare le altre nazioni. La maggior parte delle invenzioni che hanno origine altrove sono migliorate dai tedeschi. Non solo, ma lavorano per l’effetto, sapendo che sorprendere è colpire, colpire è vincere. È molto probabile che abbiano sviluppato nuove cose nei sottomarini e che abbiano risolto il particolare problema che devono affrontare ora, cioè distruggere le navi da guerra in porti protetti.

Questo potrebbe essere fatto da navi in miniatura di costruzione semplificata, che non sarebbero praticamente nient’altro che siluri e che sarebbero presidiate da uno o due operatori volontari. Il dislocamento non avrebbe bisogno di essere più di cinque tonnellate, in modo che due o tre, se non di più, potrebbero essere calati da uno Zeppelin in località convenienti di notte. Tali dispositivi, controllati da uomini risoluti, sarebbero un nuovo terrore del mare difficile da controllare.

In generale sarà molto difficile per gli inglesi combattere efficacemente il pericolo sottomarino. Un dirigibile o un aeroplano può essere combattuto con una macchina simile, ma sotto l’acqua questo metodo è impraticabile e dovranno essere perfezionati dei mezzi speciali.

Le corazzate potrebbero scoraggiare gli attacchi sottomarini con piccole granate riempite di esplosivi ad altissima velocità in modo da produrre scosse di grande intensità. Si possono anche impiegare mine minuscole, costruite in modo da galleggiare ad una certa profondità e da esplodere al contatto. Non farebbero male a una grande nave di superficie, ma rivelerebbero la presenza di un sottomarino e lo ferirebbero, il cui delicato apparato è facilmente deragliato.

Dopo i cannoni, la forma di dirigibile Zeppelin è la più preziosa risorsa di guerra dei tedeschi; almeno così pensano. Molte difficoltà hanno dovuto essere superate nel suo sviluppo.

È stato perfezionato un processo di produzione di idrogeno puro a basso costo, è stata prodotta una nuova lega di notevole resistenza e leggerezza, sono stati costruiti motori adatti e molto economici e sono stati risolti con successo molti altri problemi tecnici. Anche se non comportava una grande originalità, era un notevole progresso come poteva essere raggiunto solo in Germania.

Molto è stato detto, sia in esaltazione che in svalutazione, dello Zeppelin, rendendo necessario separare il grano dalla pula prima di esprimere un parere sui suoi meriti.

È stata avanzata l’affermazione che è stato recentemente scoperto un nuovo gas non infiammabile, con l’uso del quale la capacità di carico della nave è aumentata di due volte e mezzo. L’unico fondamento di questo rapporto persistente è che secondo l’ipotesi periodica degli elementi evoluta dal grande russo Mendelejeff, che si è dimostrata una guida infallibile nella ricerca chimica, dovrebbe esistere un gas di peso atomico 04. In un certo senso la sua esistenza è dimostrata nella corona solare – da cui il nome coronio – e anche nell’aurora boreale, in cui facilità è indicato come terrestre, o geocoronio.

Per stimare ciò che la Germania potrebbe fare con la sua flotta aerea, è necessario fare un’ipotesi corretta sulla sua grandezza. Prima della dichiarazione di guerra aveva trentasei navi di varie dimensioni e strutture effettive per produrre da otto a dieci ogni mese. Ma sotto la pressione della guerra questo tasso potrebbe essere notevolmente aumentato.

Cofanetto Nikola Tesla - I diari di Colorado Springs
Raccolta in un pratico cofanetto degli scritti di Nikola Tesla VI-XIII ad un prezzo incredibile
€ 199,00

La macchina ha superato lo stadio sperimentale ed è semplicemente una questione di riproduzione. Vista la situazione, non sarebbe sorprendente scoprire che un centinaio o più sono stati prodotti da questa melodia. Prodotto in tali numeri, il costo di ciascuno non sarebbe più di 125.000 dollari; il che significa che cento potrebbero essere avuti al prezzo di una singola dreadnought.

La capacità di carico è stata data finora sulla base del peso dei passeggeri, ma per scopi bellici potrebbe essere considerevolmente aumentata, e nell’ultimo tipo potrebbe essere fino a venti tonnellate. Una tale nave potrebbe trasportare 200 uomini con l’equipaggiamento completo e una flotta di 100 potrebbe sbarcare 20.000 uomini in una sola operazione.

Ma le possibilità di danni con gli esplosivi sono molto più impressionanti, soprattutto perché possono essere inflitti senza rischi. Uno Zeppelin dotato di strumenti adeguati può navigare in perfetta sicurezza a grande altezza, trovare il punto esatto per l’attacco facendo riferimento a due impianti radio nell’oscurità assoluta, sganciare molte tonnellate di composto picrico e farlo ancora e ancora.

Diversi esperti si sono espressi in modo poco serio riguardo agli effetti distruttivi, ma il fatto è che l’esplosione di tre tonnellate di dinamite produce un terremoto percepibile ad una distanza di trenta miglia. Se dieci tonnellate di esplosivo clastico venissero lanciate nel cuore di una grande città, migliaia di persone verrebbero uccise e centinaia di milioni di beni annientati: Supponiamo che una flotta di 100 navi di questo tipo passi sopra l’Inghilterra di notte lanciando 100.000 bombe da venti libbre.

Chi può giudicare il danno e la demoralizzazione che ne deriverebbe?
Allo scoppio della guerra fu riferito che i tedeschi avevano ideato una granata i cui fumi velenosi erano di grande distruttività.

Poco dopo si disse che in Francia era stato prodotto un nuovo meraviglioso esplosivo chiamato turpinite. La prima informazione proveniva da ambienti militari e la notizia aveva un certo peso per questo motivo e anche perché la scoperta era attribuita a Eugene Turpin, un ingegnoso e prolifico inventore di prodotti chimici.

L’idea di impiegare bombe velenose o asfissianti è vecchia. Si afferma autorevolmente che alcune furono effettivamente lanciate durante il secondo assedio di Parigi contro l’esercito di Versailles, ma con il solo risultato di uccidere l’esperto che le stava riempiendo. C’è un pregiudizio naturale e profondamente radicato contro l’impiego di agenti velenosi in guerra, e molti di coloro che tollerano gli attuali metodi di distruzione della vita si ritrarrebbero da tale uso. Eppure la morte per molte delle tossine conosciute è meno dolorosa e deturpante.

In assenza di fatti dimostrati, cercherò di mostrare in poche parole come l’efficacia di tali mezzi possa essere enormemente aumentata. Consideriamo innanzitutto una grossa granata che, colpendo il terreno, libera un gas velenoso di densità atmosferica che si diffonde in una mezza sfera, e che il raggio effettivo sia di 1.000 piedi. Ora immaginate che una carica equivalente sia suddivisa in un milione di parti, dando così tanti piccoli proiettili che possono essere sparsi su una vasta area.

Allora, poiché il gas sarà dello stesso volume di prima, il raggio d’azione di ogni proiettile sarà di tre metri e il loro effetto distruttivo combinato sarà 100 volte maggiore di quello del proiettile grande; in realtà, molto di più, perché la distribuzione del gas non sarà uniforme.

Si vedrà che il segreto sta nell’impiego di cariche estremamente piccole in gran numero.

Lo stesso ragionamento porta alla conclusione che utilizzando minuscoli proiettili di tungsteno immersi nel curaro o in un veleno simile, che paralizzano il cuore o le funzioni locomotorie, si fornirebbe un mezzo per combattere le battaglie più umano di quello attuale e incomparabilmente più efficace. Una rivoluzione completa nei metodi di attacco può essere portata avanti attraverso l’uso di tossine o asfissianti più pesanti dell’aria. Questo può essere illustrato da un esempio.

Supponiamo che dieci tonnellate di questo gas liquefatto siano lanciate su un campo di battaglia da una nave aerea. Evaporando, si formerà una coltre di gas sulla superficie terrestre, la cui altezza effettiva può essere assunta a tre metri. Se dieci piedi cubici di gas pesano una libbra, allora dieci tonnellate daranno 200.000 piedi cubici di gas, che può essere più o meno diluito, secondo la sua attività tossica.

Supponiamo che non sia più velenoso del monossido di carbonio, che è fatale quando la sua percentuale nell’atmosfera è la metà dell’uno per cento. Ciò significa che la coperta di gas conterrà 40.000.000 di piedi cubici, ed essendo alta dieci piedi coprirà 4.000.000 di piedi quadrati, o, approssimativamente, 100 acri. In una città popolata, a causa di strutture e altri oggetti, la zona mortale sarebbe molto estesa.

Questo è un pericolo sufficiente, ma se si impiegasse un gas di potenza letale pari a quella dell’acido prussico, dell’aconitina o del più forte veleno conosciuto, la pseudoaconitina, l’area distruttiva sarebbe cento volte maggiore. Evidentemente allora c’è la prospettiva che il chimico, che è in gran parte responsabile della guerra, possa anche trovare i mezzi per costringere la sua rapida fine.

Telautomatica è un nome suggerito per il controllo senza fili degli organi e dei movimenti traslatori degli automi semoventi. Quindici anni fa ho mostrato le sue prime applicazioni e i risultati sono stati ricevuti con un interesse come solo poche invenzioni hanno suscitato. Le mie dimostrazioni furono ripetute in Germania e in altri paesi, ma a causa del fatto che furono impiegate onde Hertz e circuiti imperfettamente sintonizzati, si creò l’impressione generale che tale controllo a distanza degli apparati non fosse assolutamente affidabile.

Nikola Tesla - Il Creatore di Sogni
€ 14,00

Un ulteriore argomento è stato avanzato che se fosse infallibile, i volontari potrebbero sempre essere trovati pronti al sacrificio e più affidabili a causa dell’intelligenza e del giudizio non posseduti da una macchina inanimata. Questo punto di vista è sostenuto da coloro che ora stanno sostenendo l’uso di siluri aerei con equipaggio, ma niente potrebbe essere più errato. Una nave senza equipaggio controllata da un adeguato apparato wireless è in ogni modo superiore come mezzo di attacco.

Grandi cannoni vengono ora prodotti in Germania, così costosi e di breve durata che un singolo colpo costa una piccola fortuna. Sarebbe possibile produrre per meno del prezzo di un colpo un siluro aereo telautomatico di portata molto più lunga e di maggiore distruttività, che colpirebbe il suo obiettivo ogni volta e farebbe a meno della necessità del cannone.

Il nuovo principio può essere applicato anche ad un sottomarino, e, in particolare in relazione al controllo da una grande elevazione, offrirà i mezzi più perfetti per la difesa costiera finora concepiti. Ma le sue piene possibilità saranno apprezzate solo quando l’uso di certe onde elettriche a cui la terra risponde in modo risonante diventerà generale. Sarà allora possibile inviare una barca o un pallone senza equipaggio a distanze di centinaia di miglia, guidarlo lungo qualsiasi carta a volontà e rilasciare la sua energia potenziale in qualsiasi punto desiderato.

Molti dei mezzi e dei metodi attuali diventeranno allora obsoleti. È molto probabile che se questa guerra si prolunga, questa invenzione si rivelerà importante. Recenti rapporti indicherebbero che in Germania si stanno facendo esperimenti con siluri telautomatici rilasciati da palloni.

Un buon effetto di questa disastrosa perturbazione sarà un lungo periodo di pace. Questa è una conseguenza naturale della legge che azione e reazione sono uguali. Ma nell’attuale fase dello sviluppo umano le convulsioni occasionali sono nell’ordine delle cose.

Probabilmente verrà una lotta ancora più grande, quella tra le razze unite dell’Oriente e dell’Occidente.

Finché ci saranno diverse nazionalità ci sarà il patriottismo. Questo sentimento deve essere sradicato dai nostri cuori prima che si possa stabilire una pace permanente. Il suo posto deve essere occupato dall’amore per la natura e dall’ideale scientifico. La scienza e la scoperta sono le grandi forze che porteranno a questa consumazione.

Ho appena reso nota un’invenzione che mostrerà agli elettricisti come produrre immense pressioni e attività elettriche. Con i loro mezzi si otterranno molti risultati meravigliosi. La voce e le sembianze umane saranno trasmesse in tutto il mondo senza fili, l’energia sarà proiettata attraverso lo spazio, le distese dell’oceano saranno rese sicure per la navigazione, il trasporto sarà facilitato, la pioggia precipiterà a volontà e, forse, l’inesauribile riserva di energia atomica sarà liberata.

LEG Tesla Plate Triangolo Uomo - Made in Italy
Per una potente energizzazione di cose, persone, cibi, animali, piante
€ 29,50

Progressi di questo tipo rimuoveranno, nei tempi a venire, le cause fisiche della guerra, la principale delle quali è la vasta estensione di questo pianeta. Il graduale annientamento: della distanza metterà gli esseri umani in più stretto contatto e armonizzerà le loro vedute e aspirazioni. L’imbrigliamento delle forze della natura bandirà la miseria e il bisogno e fornirà ampi mezzi per un’esistenza sicura e confortevole.

Ma mancherà ancora una realizzazione per rendere completo il trionfo della mente dell’uomo. Si deve trovare un modo per interpretare il pensiero e quindi permettere la riduzione accurata di tutte le forme di sforzo umano ad un equivalente comune. Il problema è suscettibile di soluzione.

Le conseguenze di un tale progresso sono incalcolabili. Si inaugurerebbe una nuova epoca nella storia umana e si compirebbe una rivoluzione colossale in campo morale, sociale e in altri aspetti, si eliminerebbero innumerevoli cause di problemi, le nostre vite sarebbero profondamente modificate in meglio e si porrebbero nuove e solide basi a tutto ciò che fa la pace.

Varsányi Péter

Fonte: Archive Top Secret

SOTTOSCRIVI UN PICCOLO PIANO DI DONAZIONE MENSILE E AIUTA COLORO CHE L’ESTABLISHMENT VUOLE CENSURARE

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE

Abbiamo bisogno del tuo aiuto …

La censura dei motori di ricerca, delle agenzie pubblicitarie e dei social media controllati dall’establishment sta riducendo drasticamente le nostre entrate . Questo ci rende difficile continuare. Se trovi utile il contenuto che pubblichiamo, considera di sostenerci con una piccola donazione finanziaria mensile.










Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code