toba60

Dopo la Vaccinazione (Covid-19), la Mortalità Media Giornaliera è Aumentata in 13 dei 14 Paesi Esaminati

Siamo Stati Censurati, Quindi Condividi Questo Articolo

Abbiamo inserito una delle centinaia di verifiche dettagliate che in ogni parte del mondo non fanno che ribadire l’omicidio legalizzato che si ripete a cadenza oraria senza che ancora nessuno accenni ad una reazione che in altri tempi avrebbe messo sottosopra il pianeta.

La vera morte cui si deve temere non e’ quella fisica, ma etica e morale che ha avuto più virulenza del virus e che purtroppo si è consolidata ovunque con estrema facilità.

Toba60

Vaccini Killer

In tutti i seguenti paesi: SEICELLE, ISRAELE, REGNO UNITO, MONGOLIA, AU EMIRATI, BAHRAIN, UNGHERIA, USA, CANADA, FRANCIA, SVIZZERA, BRASILE, INDIA, più persone muoiono in media ogni giorno dall’inizio della vaccinazione.

Così, al 17/05/21, in Brasile (17% della popolazione che ha ricevuto almeno una dose), la mortalità media giornaliera è moltiplicata per TRE; in Ungheria per CINQUE (48% della popolazione che ha ricevuto almeno una dose); in Francia per più di 1,5 (30% della popolazione che ha ricevuto almeno una dose)…

Leggendo questa tabella con l’esempio di ISRAELE: dal 1° marzo 2020 al 19/12/2020 (inizio della campagna di vaccinazione in ISRAELE), cioè durante 293 giorni, la mortalità media giornaliera è di 1,19 morti per milione di abitanti. Dal 19/12/2020 al 17/05/2021, cioè 149 giorni, la mortalità media giornaliera è di 2,52 morti per milione di abitanti, cioè più del doppio.

Come sono state calcolate le cifre di cui sopra?

Tutti i dati provengono dal sito web “ourworldindata” e sono aggiornati al 17/05/21; i 14 paesi sono stati scelti in modo che ci fosse la massima eterogeneità, sia in termini di caratteristiche intrinseche che di tasso di vaccinazione di ogni paese. L’idea iniziale era quella di confermare le informazioni fornite da Jean-Jacques Crèvecœur su scala ridotta. Essi mostrano che la mortalità media giornaliera COVID-19 è aumentata in quasi tutti i paesi studiati dall’inizio delle campagne di vaccinazione; solo il Belgio è un’eccezione.

Anche se il legame diretto con la vaccinazione sembra una scorciatoia veloce, ci si può onestamente chiedere cosa potrebbe spiegare altrimenti… Avremmo bisogno di sapere, per confermarlo o negarlo, il numero di morti di COVID che erano vaccinati. Nel frattempo, possiamo vedere che i casi delle Seychelles e della Mongolia sono enormi (rispettivamente 1 e 2 morti prima, 31 e 212 dopo!), quello del Brasile è impressionante e quello dell’Ungheria è semplicemente sbalorditivo. Vediamo anche che l’India, i cui media hanno reso l’ultima epidemia una catastrofe, ha tassi di mortalità molto più bassi dei nostri (bisogna dire che molti stati usano l’Ivermectin da molto tempo!)

Qui sopra c’è il grafico corrispondente, più visivo: rappresenta la media di morti/giorno/milione di popolazione prima (bastoncino blu) e dopo la vaccinazione (bastoncino arancione), ordinati da sinistra a destra dal paese con la più alta % di popolazione vaccinata (Seychelles) al più basso (India). La % della popolazione vaccinata (curva grigia) si legge sulla scala di destra; i decessi medi giornalieri (bastoncini blu e arancione) sulla scala di sinistra.

Il ruolo dei “grandi” media e della maggior parte dei siti di “factchecking” deve ancora essere messo in discussione; la loro responsabilità nelle bugie e nelle sciocchezze che circolano e che la popolazione prende come vere è enorme: la maggiore gravità della mortalità dovuta al covid in India rispetto alla Francia: bugia; l’eccezionale gravità dell’epidemia di covid: bugia; l’innocuità dei “vaccini” o il miglior rapporto “beneficio/rischio”: bugia; l’interesse vitale di indossare una maschera all’aperto: menzogna; il carattere democratico e rispettoso della libertà del lasciapassare sanitario: menzogna; l’affermazione che la prevenzione contro il covid è inutile: menzogna; l’affermazione che non esiste un trattamento contro il covid: menzogna; l’affermazione che il “vaccino” è l’unica soluzione: menzogna; la sistematica non contestazione delle inettitudini della politica “sanitaria” del governo: oscilliamo tra la cecità dovuta alla paura, la psicosi collettiva, il compromesso e la vigliaccheria; ecc. Ma sempre, dal marzo 2020, il prezzo del fallimento dei media dominanti si paga in vite umane.

La larghezza della pagina non permette una tabella con molte colonne, quindi è stata divisa in due. Ecco gli altri dati per capire le cifre proposte nella prima tabella, situata all’inizio dell’articolo.

Fonte: Agora Vox

SOTTOSCRIVI UN PICCOLO PIANO DI DONAZIONE MENSILE E AIUTA COLORO CHE L’ESTABLISHMENT VUOLE CENSURARE

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE

Abbiamo bisogno del tuo aiuto …

La censura dei motori di ricerca, delle agenzie pubblicitarie e dei social media controllati dall’establishment sta riducendo drasticamente le nostre entrate . Questo ci rende difficile continuare. Se trovi utile il contenuto che pubblichiamo, considera di sostenerci con una piccola donazione finanziaria mensile.

Comments: 1

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code