toba60

Dr. Bruce Lipton: Come la Tecnologia ha Disonorato la Scienza

Siamo Stati Censurati, Quindi Condividi Questo Articolo

La scienza in se è qualcosa di meraviglioso, tutto ciò che vediamo e’ frutto di scoperte scientifiche, ma ci si dimentica spesso che la sua finalità dovrebbe essere solo ed esclusivamente in funzione dell’uomo che grazie ad essa può essere sgravato dalle mille inevitabili difficoltà che la vita ci pone davanti.

Oggi si potrebbe tutti lavorare 3 ore al giorno e guadagnare oltre il necessario per vivere, godere dell’arte e della cultura perché il tempo libero che si viene a creare assume così il suo autentico significato, le malattie potrebbero essere tutte debellate, insomma, abbiamo tutto il necessario per poter fare questo.

Eppure si vive in un mondo terrificante dove la tecnologia prende piede solo in funzione di quanto di più’ distruttivo e commerciabile si possa immaginare e si combatte tutti i giorni contro un nemico invisibile che e’ dato dalla nostra cecità’ a vedere e percepire le cose così come si conviene.

Di fronte a questo stato di cose un cambio di paradigma si rende necessario e non lo si deve delegare agli altri ma parte da noi stessi, i quali possiamo con il nostro comportamento modificare il corso degli eventi……….e smettetela di dire….e io cosa posso fare….

…Fai e Basta.

Toba60

Come la Tecnologia ha Disonorato la Scienza

C’è stato un momento nella tua vita in cui una singola esperienza o un evento ha plasmato il carattere del resto della tua esistenza?

Settant’anni fa, nel 1951, quando ero uno studente di sette anni in seconda elementare, anche se a mia insaputa in quel momento, un’esperienza momentanea stava per plasmare il destino del resto della mia vita. Accadde nel momento in cui guardai per la prima volta nell’oculare di un microscopio e vidi un sorprendente “universo” di esseri viventi in un mondo che prima era “invisibile” per me. Ho osservato un’ameba, un paramecio e un’alga verde, il cui nome non avrei mai dimenticato… spirogyra (forte, vero?).

Quindici anni dopo, il mio interesse per le cellule mi ha portato a diventare uno studente laureato presso il Dipartimento di Biologia dell’Università della Virginia nel 1966. A quel tempo, stavo fissando l’oculare di un enorme microscopio elettronico, non guardando un’ameba, ma questa volta, scrutando in profondità nella sua anatomia molecolare. Stavo diventando un vero scienziato, un biologo cellulare che esplorava la natura della vita al suo livello più fondamentale. Ogni giorno, quando andavo in laboratorio e guardavo in quel microscopio, era come un’avventura di Star Trek, piuttosto che andare nello spazio esterno, stavo andando nel profondo spazio interiore “dove nessuno è mai andato prima”. (… Grazie, capitano James T. Kirk).

Andare a lavorare come scienziato era veramente un’avventura ogni giorno. Ero un esploratore che utilizzava un microscopio elettronico per viaggiare nelle profondità della vita e osservare siti mai visti prima dall’uomo. Sì, i “veri” scienziati erano rigorosamente esploratori spinti dalla loro ricerca di conoscere l’ignoto, cercando intuizioni sulla natura della vita stessa.

Eppure, ho osservato che il mondo della vera biologia era profondamente fratturato alla fine degli anni ’70, quando apparve una nuova razza di studenti laureati. Questi studenti non erano lì per l’avventura di “Star Trek”, erano lì per cercare opportunità di lavoro ben pagate nel fiorente mondo dell’industria farmaceutica. Erano venuti a raccogliere conoscenze per “fare” un prodotto e acquisire un profitto nella scoperta di farmaci.

Secondo la mia definizione, questi studenti non si stavano addestrando per diventare scienziati, erano su un percorso per diventare tecnologi, individui che “usano” la scienza per creare oggetti commerciabili. Questa non è la missione di un vero scienziato. Purtroppo, nella loro fretta di fare soldi, questi “tecnologi” hanno rilasciato nella società farmaci e prodotti che non solo hanno minato la salute, ma hanno avuto un impatto molto negativo non solo sui pazienti, ma sulla civiltà e sulla natura stessa.

A partire da quattro anni fa, i guai sanitari e ambientali del paese sono stati imputati alle attività della “Scienza”. Oggi, il pubblico continua ad esprimere sfiducia e disprezzo per il regno della Scienza. Tuttavia, percepisco che questo è un attacco mal diretto alla Scienza, perché non è la Scienza che ha creato i problemi, è l’uso improprio della consapevolezza scientifica da parte dei Tecnologi che ha fatto precipitare i problemi.

Questo è particolarmente vero per quanto riguarda la debacle nella gestione della pandemia COVID-19, che è stata anch’essa imputata alla Scienza. Infatti, Anthony Fauci non è uno “scienziato”, è un tecnologo, che usa la consapevolezza scientifica per manifestare la produzione di vaccini COVID-19 … un prodotto della scienza.

Sono rimasto davvero profondamente turbato quando Fauci, in risposta ai critici della sua gestione della pandemia COVID-19, ha dichiarato che “gli attacchi a me sono, francamente, attacchi alla scienza.” (9 giugno 2021, CNBC Health and Science News articolo intitolato, “Fauci fa esplodere ‘assurde’ cospirazioni Covid, accusa i suoi critici di ‘attacchi alla scienza’”). Il proclama di Fauci suggerisce che la sua visione è la visione della Scienza. Non è il “Papa” della Scienza, la fonte della conoscenza scientifica infallibile.

Mentre lui ha le sue opinioni personali sulla scienza, ci sono molti altri scienziati che offrono intuizioni alternative che sfidano la percezione di Fauci di essere l’UNICA FONTE della conoscenza. Come fornitore auto-riconosciuto di “One Source Science”, Fauci ha guidato una missione personale per far sì che il governo, le notizie e le organizzazioni di social media censurino e deprechino le scoperte di altri ricercatori che sfidano la sua visione personale della scienza. Le azioni di Fauci assomigliano direttamente allo sforzo della Chiesa nel 1500 per mantenere la sua pretesa di essere la “fonte unica” di conoscenza infallibile, impegnandosi nell’Inquisizione, una missione per eliminare i dissidenti etichettandoli come eretici.

La buona natura e l’intento della scienza sono stati sbiaditi dalle idee introdotte da quei tecnologi i cui sforzi non sono guidati dalla consapevolezza, ma dal denaro. Per quanto ne so, gli “scienziati” non fanno prodotti! Come scienziato, e secondo Fauci, un eretico, sono fermamente convinto che la ricerca derivata dalla vera Scienza sarà la fonte di consapevolezza che ci permetterà di prosperare nel futuro… a patto che si riesca a tenere sotto controllo la Tecnologia.

Sono onorato e orgoglioso di essere uno scienziato, e credo che ci siano molti approcci scientifici diversi che dovrebbero essere considerati mentre ci evolviamo nel futuro.

Augurandovi … salute, felicità e armonia,
Bruce

Dr. Bruce Lipton

Fonte: awaken.com

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE

Abbiamo bisogno del tuo aiuto …

La censura dei motori di ricerca, delle agenzie pubblicitarie e dei social media controllati dall’establishment riduce notevolmente le nostre entrate . Se trovi utile il contenuto che pubblichiamo, considera di sostenerci con un abbonamento mensile.


Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code