toba60

Ecco a Voi le Prove Contenute nei Documenti Riservati della Pfizer le quali Confermano che la Vaccinazione Contro il Covid Causerà uno Spopolamento di Massa

Se ci pensate bene di che cosa ha paura la gente, facile la risposta, di morire, siamo cosi abituati alla morte che la gente si è scordata di vivere al punto tale che oggettivamente essa stessa ha perso di ogni significato.

E allora ben venga la fine prematura di ogni singolo individuo votato alla sua autodistruzione, seguendo la falsariga degli ebrei, quando solo davanti alle camere a gas hanno avuto sentore che forse quelli in divisa facevano sul serio.

Cosa volete, noi più di così non possiamo fare, ad ognuno il suo destino, così è la vita ….

….scusate, volevo dire la morte.

Toba60

Il nostro lavoro come ai tempi dell’inquisizione è diventato attualmente assai difficile e pericoloso, ci sosteniamo in prevalenza grazie alle vostre donazioni volontarie mensili e possiamo proseguire solo grazie a queste, contribuire è facile, basta inserire le vostre coordinate già preimpostate all’interno dei moduli all’interno degli editoriali e digitare un importo sulla base della vostra disponibilità.

Se apprezzate quello che facciamo, fate in modo che possiamo continuare a farlo sostenendoci oggi stesso…

Non delegate ad altri quello che potete fare anche voi.

Staff Toba60

Meno dello 0,1% dei nostri lettori ci supporta, ma se ognuno di voi che legge questo ci supportasse, oggi potremmo espanderci, andare avanti per un altro anno e rimuovere questo fastidioso Banner…

La vaccinazione covid-19 porterà a uno spopolamento di massa.

È un’affermazione piuttosto audace. “Il vostro governo sta cercando di uccidervi” è ancora più audace.

Ma purtroppo queste affermazioni audaci sono ora supportate da una montagna di prove, la maggior parte delle quali si trovano nei documenti riservati della Pfizer che la Food & Drug Administration statunitense è stata costretta a pubblicare per ordine del tribunale.

Iniziamo quindi con le prove contenute nei documenti riservati di Pfizer.

La Food and Drug Administration (FDA) statunitense ha tentato di ritardare la pubblicazione dei dati sulla sicurezza del vaccino COVID-19 di Pfizer per 75 anni, nonostante l’11 dicembre 2020 avesse approvato l’iniezione dopo soli 108 giorni di revisione della sicurezza.

Ma all’inizio di gennaio 2022, il giudice federale Mark Pittman ha ordinato di rilasciare 55.000 pagine al mese. Alla fine di gennaio sono state rilasciate 12.000 pagine.

Da allora, il PHMPT ha pubblicato tutti i documenti sul proprio sito web.

L’ultimo rilascio è avvenuto il 1° giugno 2022.

Uno dei documenti contenuti nel data dump è “reissue_5.3.6 postmarketing experience.pdf”. La pagina 12 del documento riservato contiene dati sull’uso dell’iniezione Covid-19 di Pfizer in gravidanza e allattamento.


I documenti riservati di Pfizer rivelano che il 90% delle donne incinte vaccinate con Covid ha perso il proprio bambino

Nel documento Pfizer afferma che al 28 febbraio 2021 erano noti 270 casi di esposizione all’iniezione di mRNA durante la gravidanza.

Il 46% delle madri (124) esposte all’iniezione di Covid-19 di Pfizer ha avuto una reazione avversa.

Di queste 124 madri che hanno avuto una reazione avversa, 49 sono state considerate reazioni avverse non gravi, mentre 75 sono state considerate gravi. Ciò significa che il 58% delle madri che hanno riferito di aver avuto reazioni avverse ha subito un evento avverso grave, che va dalla contrazione uterina alla morte del feto.

In totale sono stati segnalati 4 casi gravi di feto/neonato dovuti all’esposizione all’iniezione di Pfizer.

Al momento della stesura del rapporto, gli esiti erano complessivamente 34, ma 5 di essi erano ancora in sospeso. Pfizer osserva che solo 1 dei 29 esiti noti era normale, mentre 28 dei 29 esiti hanno comportato la perdita/morte del bambino. Ciò equivale al 97% di tutti gli esiti noti della vaccinazione Covid-19 durante la gravidanza con conseguente perdita del bambino.

Includendo i 5 casi in cui l’esito era ancora in sospeso, si arriva all’82% di tutti gli esiti della vaccinazione Covid-19 in gravidanza con perdita del bambino. Ciò equivale a una media di circa il 90% tra l’82% e il 97%.

Ecco quindi la prima prova che qualcosa non va quando si tratta di somministrare l’iniezione Covid-19 di Pfizer durante la gravidanza.

Ecco le indicazioni tratte dal documento “REG 174 INFORMATION FOR UK HEALTHCARE PROFESSIONALS” del governo britannico.

Questo è quanto si leggeva nelle linee guida nel dicembre 2020. Sfortunatamente, appena un mese dopo, il governo britannico e altri governi di tutto il mondo hanno rivisto le linee guida nel modo seguente.

Questa è ancora la guida ufficiale a partire dal giugno 2022, e porta a diverse domande che richiedono risposte urgenti se si considera che dall’inizio del 2021 alle donne in gravidanza è stato detto che la vaccinazione Covid-19 è perfettamente sicura.

Basta guardare le cose che alle donne è stato detto di evitare durante la gravidanza prima che venisse detto che è perfettamente sicuro fare un’iniezione sperimentale per rendersi conto che c’è qualcosa che non quadra.

  • Pesce affumicato,
  • Formaggio a pasta molle,
  • Vernice bagnata,
  • Caffè, alle erbe,
  • Integratori vitaminici,
  • Cibi spazzatura trasformati.

Questi sono solo alcuni esempi e l’elenco è infinito.

Cominciamo quindi con la sezione “Gravidanza” della guida ufficiale. Nel dicembre 2020 la guida affermava che “la vaccinazione Covid-19 non è raccomandata durante la gravidanza”. Solo un mese più tardi la guida affermava: “Gli studi sugli animali non indicano effetti dannosi in relazione alla gravidanza, ecc.

Diamo quindi un’occhiata agli studi sugli animali in questione.

Ma prima di farlo, vale la pena sottolineare che la guida ufficiale afferma, a partire dal giugno 2022, che “la somministrazione del vaccino COVID-19 mRNA BNT162b2 in gravidanza deve essere presa in considerazione solo quando i potenziali benefici superano i potenziali rischi per la madre e il feto”. Allora perché mai ogni singola donna incinta in tutto il Paese è stata attivamente costretta a sottoporsi a questa iniezione?


Pfizer e i regolatori del settore farmaceutico hanno nascosto i pericoli della vaccinazione Covid-19 durante la gravidanza a causa di uno studio sugli animali che ha rilevato un aumento del rischio di difetti alla nascita e infertilità.

Lo studio limitato sugli animali di cui si parla nella guida ufficiale ha effettivamente rivelato il rischio di danni significativi al feto in via di sviluppo, ma le autorità di regolamentazione del settore medico negli Stati Uniti, nel Regno Unito e in Australia hanno scelto attivamente di rimuovere queste informazioni dai documenti pubblici.

Lo studio vero e proprio può essere consultato integralmente qui ed è intitolato “Mancanza di effetti sulla fertilità femminile e sullo sviluppo prenatale e postnatale della prole nei ratti con BNT162b2, un vaccino COVID-19 a base di mRNA”.

Lo studio è stato condotto su 42 femmine di ratto Wistar Han. A 21 è stata somministrata l’iniezione di Covid-19 di Pfizer e a 21 no.

Ecco i risultati dello studio

I risultati del numero di feti con costole lombari sovrannumerarie nel gruppo di controllo sono stati 3/3 (2,1). Ma i risultati del numero di feti con costole lombari sovrannumerarie nel gruppo vaccinato sono stati 6/12 (8,3). Quindi, in media, il tasso di insorgenza era del 295% più alto nel gruppo vaccinato.

Le costole soprannumerarie, dette anche costole accessorie, sono una variante poco comune di costole extra che si formano più comunemente dalle vertebre cervicali o lombari.

Lo studio ha quindi rilevato la prova di una formazione fetale anomala e di difetti alla nascita causati dall’iniezione di Covid-19 di Pfizer.

Ma i risultati anomali dello studio non finiscono qui. Il tasso di “perdita pre-impianto” nel gruppo di topi vaccinati era doppio rispetto al gruppo di controllo.

La perdita pre-impianto si riferisce agli ovuli fecondati che non riescono a impiantarsi. Pertanto, questo studio suggerisce che l’iniezione di Covid-19 di Pfizer riduce le possibilità di una donna di rimanere incinta. Quindi, aumenta il rischio di infertilità.

Quindi, stando così le cose, come mai gli enti regolatori del settore farmaceutico di tutto il mondo sono riusciti ad affermare nelle loro linee guida ufficiali che “gli studi sugli animali non indicano effetti dannosi diretti o indiretti rispetto alla gravidanza”? E come hanno fatto a dichiarare “Non è noto se il vaccino Pfizer abbia un impatto sulla fertilità”?

La verità è che hanno scelto attivamente di insabbiare tutto.

Lo sappiamo grazie a una richiesta di “libertà di informazione” (FOI) presentata al Dipartimento della Salute del governo australiano Therapeutic Goods Administration (TGA).

Il documento intitolato “Delegate’s Overview and Request for ACV’s Advice“, creato l’11 gennaio 2021, è stato pubblicato con la richiesta FOI. A pagina 30 e seguenti del documento è riportata una “revisione delle informazioni sul prodotto” e sono evidenziate le modifiche da apportare al “Rapporto di valutazione non clinica” prima della pubblicazione ufficiale.

Le modifiche dovevano essere apportate da Pfizer prima del successivo aggiornamento delle informazioni sul prodotto.

Alcune delle modifiche richieste sono le seguenti

Il valutatore del Modulo 4 ha chiesto a Pfizer di rimuovere l’affermazione “Gli studi sugli animali non indicano effetti dannosi diretti o indiretti per quanto riguarda la tossicità riproduttiva”.

Perché?

Il valutatore del modulo 4 ha comunicato a Pfizer che la “categoria di gravidanza B2” era considerata appropriata e ha chiesto di aggiungere la seguente riga

“Uno studio combinato sulla fertilità e sulla tossicità dello sviluppo nei ratti ha mostrato un aumento delle costole lombari soprannumerarie nei feti di ratti femmina trattati con COMIRNATY”.

Ma ecco un promemoria di come recita il documento ufficiale rilasciato al grande pubblico

La categoria di gravidanza è stata cambiata in “B1”, non è stata inclusa alcuna riga sull’aumento dell’occorrenza di costole lombari sovrannumerarie nei feti ed è stata invece inserita la riga di cui è stata richiesta la rimozione, affermando che “Gli studi sugli animali non indicano effetti dannosi diretti o indiretti in relazione alla gravidanza…”.

Ecco la descrizione ufficiale delle categorie di gravidanza

Si tratta di una differenza notevole tra le due categorie. Ma il fatto che il valutatore del Modulo 4 abbia ritenuto appropriata la categoria di gravidanza B2 è molto discutibile se si considerano i risultati, come abbiamo rivelato sopra, dello studio “inadeguato” ed estremamente piccolo condotto sugli animali per valutare la sicurezza della somministrazione dell’iniezione di Covid-19 della Pfizer durante la gravidanza.

Quindi non solo abbiamo la prova che il vaccino Pfizer può causare la perdita del bambino tra l’82% e il 97% delle persone che lo ricevono, ma abbiamo anche la prova che il vaccino Pfizer comporta un aumento del rischio di infertilità o di difetti alla nascita.

Entrambi questi esempi supportano da soli il suggerimento che la vaccinazione Covid-19 porterà allo spopolamento. Ma purtroppo le prove non finiscono qui.


Documenti riservati della Pfizer rivelano che il vaccino Covid-19 si accumula nelle ovaie

Un altro studio, che si trova nel lungo elenco di documenti riservati della Pfizer che la FDA è stata costretta a pubblicare tramite un’ordinanza del tribunale, è stato condotto su ratti Wistar Han, 21 dei quali erano femmine e 21 maschi.

Ogni ratto ha ricevuto una singola dose intramuscolare dell’iniezione di Covid-19 di Pfizer e poi il contenuto e la concentrazione di radioattività totale nel sangue, nel plasma e nei tessuti sono stati determinati in punti predefiniti dopo la somministrazione.

In altre parole, gli scienziati che hanno condotto lo studio hanno misurato quanta parte dell’iniezione di Covid-19 si è diffusa in altre parti del corpo, come pelle, fegato, milza, cuore ecc.

Ma uno dei risultati più preoccupanti dello studio è il fatto che l’iniezione di Pfizer si accumula nel tempo nelle ovaie.

L’ovaio è una delle due ghiandole femminili in cui si formano gli ovuli e vengono prodotti gli ormoni femminili estrogeni e progesterone.

Nei primi 15 minuti successivi all’iniezione del jab di Pfizer, i ricercatori hanno scoperto che la concentrazione totale di lipidi nelle ovaie misurava 0,104 ml. Questa è poi aumentata a 1,34 ml dopo 1 ora, a 2,34 ml dopo 4 ore e a 12,3 ml dopo 48 ore.

Gli scienziati, tuttavia, non hanno condotto ulteriori ricerche sull’accumulo dopo un periodo di 48 ore, quindi non sappiamo se tale accumulo sia continuato.

Tuttavia, i dati ufficiali del Regno Unito pubblicati da Public Health Scotland, consultabili qui, offrono alcuni indizi preoccupanti sulle conseguenze di tale accumulo sulle ovaie.

I dati relativi al numero di individui affetti da tumore ovarico mostrano che la tendenza nota nel 2021 era significativamente più alta rispetto al 2020 e alla media 2017-2019.

Cancro ovarico –Fonte

Il grafico precedente mostra fino a giugno 2021, ma i grafici presenti sul dashboard di Public Health Scotland mostrano ora i dati fino a dicembre 2021 e purtroppo rivelano che il divario si è ulteriormente ampliato, con un aumento significativo del numero di donne affette da cancro ovarico.

Questo conclude la nostra terza prova. Quindi ora sappiamo che…

I documenti riservati di Pfizer mostrano un tasso di aborto spontaneo tra l’82 e il 97%, l’unico studio sugli animali condotto per dimostrare la sicurezza della somministrazione del vaccino Pfizer durante la gravidanza ha indicato un aumento del rischio di infertilità e di difetti alla nascita, e altri documenti riservati di Pfizer rivelano che il vaccino si accumula nelle ovaie.

Purtroppo, abbiamo anche la prova che la vaccinazione Covid-19 aumenta il rischio che i neonati perdano tristemente la vita, e ciò proviene anche dal dashboard “Covid-19 Wider Impacts” di Public Health Scotland.
I decessi dei neonati hanno raggiunto livelli critici per la seconda volta in 7 mesi nel marzo 2022

I dati ufficiali rivelano che il tasso di morti neonatali è salito a 4,6 per 1000 nati vivi nel marzo 2022, con un aumento del 119% rispetto al tasso di decessi previsto.

Ciò significa che il tasso di mortalità neonatale ha superato la soglia massima di allarme nota come “limite di controllo” per la seconda volta in almeno quattro anni.

L’ultima volta che è stato superato è stato nel settembre 2021, quando i decessi neonatali per 1.000 nati vivi sono saliti a 5,1. Sebbene il tasso fluttui da un mese all’altro, il dato di settembre 2021 e marzo 2022 è pari ai livelli registrati per l’ultima volta alla fine degli anni Ottanta.

La Public Health Scotland (PHS) non ha annunciato formalmente di aver avviato un’indagine, ma è ciò che dovrebbe fare quando viene raggiunta la soglia di allarme superiore, e lo ha fatto già nel 2021.

All’epoca, il PHS ha dichiarato che il superamento del limite superiore di controllo “indica che esiste una maggiore probabilità che vi siano fattori al di là della variazione casuale che possono aver contribuito al numero di decessi che si sono verificati”.

L’ultima prova a sostegno dell’affermazione che la vaccinazione Covid-19 porterà allo spopolamento arriva sotto forma di altri dati reali, ma questa volta dagli Stati Uniti.

La vaccinazione Covid-19 aumenta il rischio di aborto spontaneo di almeno il 1.517%.

Secondo il Centers for Disease Control (CDC)) Vaccine Adverse Event Database (VAERS), ad aprile 2022 erano state segnalate in totale 4.113 morti fetali come reazioni avverse alle iniezioni di Covid-19, 3.209 delle quali contro l’iniezione di Pfizer.

Il CDC ha ammesso che solo dall’1 al 10% delle reazioni avverse viene effettivamente segnalato al VAERS, quindi la cifra reale potrebbe essere molto più alta. Ma per mettere questi numeri in prospettiva, ci sono stati solo 2.239 decessi fetali segnalati al VAERS nei 30 anni precedenti l’autorizzazione all’uso di emergenza delle iniezioni di Covid-19 nel dicembre 2020. (Fonte)

Un altro studio, consultabile qui, ha rilevato che il rischio di subire un aborto spontaneo in seguito alla vaccinazione Covid-19 è superiore del 1.517% rispetto al rischio di subire un aborto spontaneo in seguito alla vaccinazione antinfluenzale.

Il rischio reale, tuttavia, potrebbe essere molto più alto, perché le donne in gravidanza sono un gruppo target per la vaccinazione antinfluenzale, mentre finora sono solo una piccola parte demografica in termini di vaccinazione contro la Covid-19.

Con il rischio che questo si trasformi in un saggio, si concludono le prove per oggi, ma ce ne sono molte altre in giro e ci assicureremo di riferirle.

Ma con…

Documenti riservati della Pfizer che mostrano un tasso di aborto spontaneo tra l’82% e il 97%, l’unico studio sugli animali condotto per dimostrare la sicurezza della somministrazione del vaccino Pfizer durante la gravidanza che indica un aumento del rischio di infertilità e di difetti alla nascita.

Ulteriori documenti riservati di Pfizer che rivelano che il vaccino si accumula nelle ovaie, dati dalla Scozia che rivelano che i casi di cancro alle ovaie sono ai massimi storici, ulteriori dati dalla Scozia che rivelano che le morti dei neonati hanno raggiunto livelli critici per la seconda volta in sette mesi, e i dati CDC VAERS mostrano che la vaccinazione Covid-19 aumenta il rischio di aborto spontaneo di almeno il 1.517%,

Sembra che abbiamo già prove più che sufficienti per affermare che la vaccinazione Covid-19 porterà allo spopolamento.

Fonte: expose-news.com

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *