toba60

Ecco che Arriva la Rivoluzione

Temo proprio che siamo arrivati alla dirittura d’arrivo, non credo che tutto si evolverà in modo premeditato e lineare, come ben sapete il Cigno Nero non ha alcuna regola e tutto esplode quando meno te lo aspetti.

LA RIVOLUZIONE MILANESE DEL 1848 – ( CINQUE GIORNATE DI MILANO)

Più’ che un disfattista direi che sono realista abbastanza per capire che lo spazio della ragione non ha più’ motivo di esistere in un contesto globale come quello che si sta verificando in questo momento.

Lo spaccato dell’America descritto in questo editoriale può essere tranquillamente quello di un qualsiasi altro paese al mondo, lascio comunque a voi giudicare, rimane il fatto che basta un nulla affinché ovunque degenerino le cose.

Chi scrive lo fa dall’Italia un paese che come tutti sanno la storia recente l’ha sempre vista in balia degli eventi esterni che poi hanno sancito il destino del paese, la Francia, la Germania o l’Inghilterra viceversa vivono di luce propria, con regole cultura e motivazioni ideologiche di bel altra portata, fermo restando che con l’avvento della rete si è ampliata la conoscenza generale delle problematiche sociopolitiche in atto in tutto il mondo, creando cosi una certa solidarietà’ collettiva.

Se proprio dovessi azzardare un posto in Italia dove tutto avrà inizio scarterei già in partenza la capitale Roma, e’ sciocco ed inutile per una qualsiasi opposizione che sia politica o popolare, giocare in casa d’altri la partita.

L’Italia non e’ mai stato un paese unito sin dalle sue origini, inutile pensare che si possa operare un cambiamento partendo dall’unico luogo dove tutto e’ perfettamente funzionale al consolidamento del potere fine a se stesso.

Opporsi al sistema per chi vive in questa città’ significa essere veramente degli eroi, i nemici sono dentro e fuori casa e c’è poco da fare, basta vedere la partecipazione di massa ”si fa per dire” ad ogni rivendicazione sociale per capire che nel complesso a pochi li importa se le cose non funzionano, il concetto di giusto o sbagliato come si sa è molto relativo e la politica sa benissimo come questa sia estremamente manipolabile e facile da instillare alle masse.

PROTESTE A TORINO

Non è un azzardo dire che Milano e Torino diventeranno tra breve le vere ed autentiche capitali d’Italia, il comando di una nazione avviene sempre li dove il popolo assume il ruolo attivo di una rivolta e per averlo ci devono essere non solo i soggetti predisposti per poterlo fare, ma anche una logistica urbana particolarmente favorevole.

Uno dei motivi per cui i leader politici in Italia sono permissivi ad ogni iniziativa collettiva nella capitale e’ dovuta al fatto che la possono facilmente controllare, cosa impossibile viceversa in altri contesti come quelli delle capitali del nord citate ora.

Detto tra noi …….Città come Milano e Torino quando si sono messe in moto, hanno fatto vedere in tutto il mondo quello che riescono a fare, ora hanno a tutti gli effetti tutto da perdere dal perdurare di questa situazione che non e’ solo Italiana badate bene, essi hanno carattere, organizzazione, capacita di adattamento e soprattutto la predisposizione ad originare le cose non solo a parole ma a fatti.

E’ li che si gioca il destino dell’Italia inutile focalizzarne l’attenzione su Roma

Stiamo a vedere……..

il cigno nero e’ sempre in agguato!

Toba60

Quali teste rotoleranno per prime: quelle dei Padroni o quelle degli Schiavi?

Sapevate che il governo degli Stati Uniti ha acquistato 30.000 ghigliottine da usare contro i dissidenti politici nei campi della FEMA e nelle basi militari statunitensi sparse in tutta l’America? Eravate a conoscenza dell’allarmante rapporto secondo cui il nuovo presidente americano entrante, Joe Biden, avrebbe visitato questi nascondigli segreti per ispezionare le ghigliottine e vedere come funzionano efficacemente?

FRANCIA, 1793: IL REGNO DEL TERRORE
QUANDO LA GHIGLIOTTINA FECE GLI
STRAORDINARI

La grande domanda è: quale collo cadrà per primo sotto la ghigliottina? I colli delle classi dirigenti predatrici o i colli dei proletari ribelli che hanno subito abbastanza maltrattamenti?

Parlo simbolicamente, naturalmente, poiché dubito sinceramente che un paese capace di far saltare in aria l’intero pianeta in pochi secondi si prenderebbe la briga di acquistare 30.000 strumenti di terrore che andavano di moda 227 anni fa. Il solo fatto che queste storie assurde, complete di infografiche per illustrarle, abbondino e proliferino su internet ci dice qualcosa sulla credulità del pubblico e sull’efficacia della propaganda.

La rivoluzione è molto nell’aria al giorno d’oggi. Il suo soffio può essere sempre più rilevato su internet e nel discorso pubblico. Persone che solo un anno fa, prima che la pandemia di Coronavirus alzasse la sua brutta testa, non avrebbero schiacciato una mosca, sono ora occupate a fantasticare di mettere le loro classi dirigenti davanti ai plotoni d’esecuzione.

Come pacifista, non è nella mia natura raccomandare la violenza e la crudeltà insensata. Non c’è niente che aborrisca tanto quanto l’infliggere dolore ai deboli e ai vulnerabili. Come realista pragmatico, tuttavia, sono convinto che più persone che mai sono dell’opinione che il tempo delle parole sia finito. Rimedi drastici, mi dicono, sono necessari per malattie drastiche.

Robert A. Heinlein, autore del classico romanzo cult Stranger in a Strange Land (1961), era più di un grande scrittore di fantascienza. La sua conoscenza della storia e della politica era profonda. Cosa avrebbe pensato Heinlein della spaventosa situazione in cui si trovano ora intere nazioni, dopo la Grande Peste del 2020, quando una minoranza ricca e potente conosciuta come l’Uno per cento è diventata oscenamente ricca a spese dei poveri? Non credo che Heinlein sarebbe stato di poche parole. Il suo pensiero sul ruolo della violenza nella storia del mondo, pesantemente influenzato da Darwin, è ben degno di nota:

A chiunque si aggrappi alla dottrina storicamente falsa e completamente immorale che la violenza non risolve mai nulla, consiglierei di evocare i fantasmi di Napoleone Bonaparte e del Duca di Wellington e lasciarli discutere. Il fantasma di Hitler farebbe da arbitro. La violenza, la forza nuda, ha risolto più problemi nella storia che qualsiasi altro fattore; e l’opinione contraria è il peggior pensiero velleitario. Le razze che dimenticano questa verità fondamentale hanno sempre pagato con le loro vite e le loro libertà. (Robert A. Heinlein, Starship Troopers (1959), citato qui, p. 350)

Darwin stesso, o uno qualsiasi dei suoi fedeli discepoli, avrebbe potuto scrivere questa frase finale: Le razze che dimenticano questa verità fondamentale hanno sempre pagato con le loro vite e le loro libertà”.

La violenza potrebbe presto diventare necessaria nell’interesse dell’autoconservazione.

Se lo Stato si rifiuta di intervenire e di ridurre l’osceno abisso tra ricchi e poveri, gli impazienti attivisti politici prima o poi prenderanno la legge nelle loro mani. Siatene certi. Nuove Bastiglie saranno prese d’assalto. E i colli delle classi dirigenti andranno sotto nuove versioni della ghigliottina. Le classi dominanti hanno quindi una scelta: agire nell’interesse del popolo che servono o essere spazzate via in una nuova rivoluzione che farà sembrare tutte le rivoluzioni del passato dei picnic domenicali.

L’autodifesa non ha bisogno di difesa.

Nel 2020 i mega ricchi sono diventati inimmaginabilmente più ricchi. Nel frattempo, milioni di altre persone hanno perso il loro lavoro, le loro case, e sono rimaste senza casa e affamate. In soli nove mesi, da marzo 2020, 651 miliardari statunitensi hanno aggiunto 1 trilione di dollari alla loro ricchezza ($1000, 000, 000, 000). Secondo Oxfam, otto dei miliardari più ricchi del mondo possiedono tanto quanto la ricchezza combinata del 50% della “metà più povera della razza umana”.

JEFF BEZOS, l’uomo più ricco del mondo,
con la sua ex moglie, MacKenzie Scott,
una delle donne più ricche del mondo.

Ad oggi, i primi CINQUE miliardari statunitensi sono i seguenti:

JEFF BEZOS (184,4 miliardi di dollari), ELON MUSK (143,1 miliardi di dollari), BILL GATES (118,7 miliardi di dollari), MARK ZUCKERBERG (104,8 miliardi di dollari), WARREN BUFFETT (67,5 miliardi di dollari). A differenza di Warren Buffett, la cui ricchezza è salita solo del 4,8% nell’ultimo anno, quella di Jeff Bezos è aumentata del 40,8%. Mark Zuckerberg di Facebook ha fatto meglio di Jeff Bezos; la sua ricchezza è aumentata nello stesso arco di tempo del 68,3%. L’aumento più sbalorditivo della ricchezza nell’ultimo anno, tuttavia, è andato a Elon Musk, la cui ricchezza è salita di uno sbalorditivo 541,7%.

(Basato sul grafico qui sotto).

La ricchezza collettiva dei 651 miliardari d’America è balzata di oltre 1 trilione di dollari dall’inizio della pandemia COVID-19 a un totale di 4 trilioni di dollari alla chiusura del mercato di lunedì 7 dicembre 2020.

Il patrimonio netto totale dei 651 miliardari della nazione è passato da 2,95 trilioni di dollari nel marzo 2020 – quando è iniziata la chiusura della pandemia – a 4,01 trilioni di dollari nella prima settimana di dicembre 2020, un balzo del 36%. La ricchezza combinata dei primi 10 miliardari ammonta ora a più di 1 trilione di dollari.

La ricchezza totale di tutti i miliardari statunitensi oggi è di circa 4 trilioni di dollari. Questo è quasi il doppio dei 2,1 trilioni di dollari di ricchezza totale detenuta dalla metà inferiore della popolazione, che comprende 165 milioni di persone. (Fonte delle statistiche)

“Mai prima d’ora l’America ha visto un tale accumulo di ricchezza in così poche mani”, ha detto Frank Clemente, direttore esecutivo di Americans for Tax Fairness. “Mentre decine di milioni di americani soffrono per la salute e le devastazioni economiche di questa pandemia, alcune centinaia di miliardari aggiungono alle loro enormi fortune.

I loro profitti della pandemia sono così immensi che i miliardari d’America potrebbero pagare un grande disegno di legge per il sollievo del Covid e ancora non perdere un centesimo delle loro ricchezze pre-virus. La loro crescita di ricchezza è così grande che loro da soli potrebbero fornire un pagamento di stimolo di 3.000 dollari ad ogni uomo, donna e bambino nel paese, ed essere ancora più ricchi di quanto fossero 9 mesi fa”.

“Il flusso di ricchezza verso la classe dei miliardari è inquietante in un momento in cui milioni di persone affrontano lo sfratto, l’indigenza e la perdita”, ha notato Chuck Collins dell’Istituto per gli Studi Politici e co-autore di Billionaire Bonanza 2020, un rapporto che esamina il profitto pandemico e la ricchezza dei miliardari. “I miliardari stanno estraendo ricchezza in un momento in cui i lavoratori essenziali sono spinti nella linea virale del fuoco”. (Vedi qui)

Gli americani comuni, è chiaro, non se la sono cavata così bene come i miliardari durante la pandemia:

Quasi 14,9 milioni di americani si sono ammalati del virus e 284.000 ne sono morti.

Quasi 67 milioni hanno perso il lavoro tra il 21 marzo e il 7 ottobre 2020. 20 milioni stavano raccogliendo la disoccupazione il 14 novembre 2020. 98.000 imprese hanno chiuso definitivamente.

12 milioni di lavoratori hanno perso l’assicurazione sanitaria sponsorizzata dal datore di lavoro durante la pandemia a partire dal 26 agosto 2020.

– Quasi 26 milioni di adulti hanno recentemente riferito che le loro famiglie sono senza cibo sufficiente per nutrire le loro famiglie. – 2,4 milioni di adulti un affittuario su 6 hanno dichiarato a novembre di essere in ritardo con l’affitto. Fonte

In un solo giorno di quest’anno, a causa di un’enorme impennata nel valore delle azioni Amazon, la ricchezza di Jeff Bezos è balzata di un incredibile QUATTRO MILIARDI DI DOLLARI abbastanza per comprare 14.000 case da un milione di dollari!

Un uomo che guadagna in un solo giorno abbastanza per comprare a se stesso e alla sua famiglia una nuova casa è davvero un uomo fortunato. Eccezionalmente raro, direi. La maggior parte della gente impiega 30-40 anni per pagare il mutuo di una proprietà modesta, figuriamoci una casa valutata un milione di dollari.

Jeff Bezos è l’imperatore stesso della ricchezza oscena. Con i guadagni di un solo giorno, può accaparrarsi 14.000 nuove impressionanti proprietà, una qualsiasi delle quali sarei felicissimo di possedere.

Invidio Jeff Bezos? In realtà, no. Ci sono altre cose che apprezzo molto di più, cose che il denaro non può comprare.

L’America e non solo quella è ora una polveriera di rabbia bianca.

Anche se gran parte della popolazione si trova ancora immersa in un torpore sonnambolico, completamente demoralizzata dalle dipendenze astutamente create per loro dai mass media e dalle classi dominanti droghe, alcol, pornografia e simili – molti altri si sono svegliati dal loro sonno come risultato dell’isolamento del Coranavirus.

L’isolamento ha dato loro il tempo libero per indulgere in qualcosa di estremamente pericoloso: pensare con la propria testa. Hanno avuto il tempo di rimuginare, di contemplare le loro piaghe incancrenite e di capire chi sono i loro nemici. Ora sono pronti per la violenza, maturi per la vendetta contro i loro oppressori d’élite.

Esaminiamo i fatti al microscopio.

Quando il Congresso ha approvato il Coronavirus Aid, Relief, and Economic Security Act (noto come ‘CARES’) da 2,2 trilioni di dollari alla fine di marzo 2020, sono state date vaghe assicurazioni che questo sarebbe stato un pacchetto di aiuti per i poveri – per coloro, infatti, che avevano più bisogno di aiuto in questi tempi straordinari di disoccupazione di massa e difficoltà economiche.

Egualitarismo’ era la parola polisillabica che le masse non istruite erano orgogliose di aggiungere ai loro vocabolari. Diceva loro quello che avevano bisogno di sentire: “Non morirete di fame! Non diventerete dei senzatetto! Il vostro governo gentile e premuroso si prenderà cura di voi e vi manderà generosi assegni in modo che possiate pagare tutte le vostre bollette e tenere la testa fuori dall’acqua!

Per la costernazione delle masse, il contrario si è rivelato essere il caso.

Le ricche società, i ricchi dirigenti, hanno ricevuto la maggior parte dell’elemosina di 2,2 trilioni di dollari. I poveri non hanno avuto quasi nulla. Sono stati lasciati a morire di fame e a suicidarsi.

Risultato? Rabbia. Rabbia rovente. Un desiderio ardente tra le masse oppresse di vendetta contro le loro sporche e ricche classi dirigenti. È la vecchia, vecchia storia: ricchi maiali contro proletari.

La stessa cosa, curiosamente, era successa nella crisi finanziaria del 2008. Wall Street è stata salvata. Le grandi banche sono state salvate. Le eleganti e pinguide classi privilegiate ridevano fino alle loro banche, mentre i poveri andavano in giro a comprare buone corde di canapa e libretti di istruzioni su come legare i cappi.

É sempre stato così.

Neil Barovsky, che ha supervisionato il Troubled Asset Relief Program (TARP) come ispettore generale sotto l’amministrazione Obama, ha questo da dire sull’ultimo “pacchetto di salvataggio” per i ricchi:

“Nessuna lezione è stata imparata [dal salvataggio del 2008]. Sembra certamente che in questo modo…. Tutto questo si inclinerà verso le aziende più grandi e consolidate e le imprese più piccole e le persone normali saranno lasciate indietro”. Aggiunge fatalisticamente: “Perché è quello che succede sempre”.

2,2 trilioni di dollari sono un sacco di soldi da distribuire in sussidi, e sembra che “centinaia di miliardi di dollari devono ancora essere erogati”.

Indovinate un po’? Piuttosto che dare il denaro ai poveri immeritevoli, il vostro governo premuroso se lo tiene stretto. Solo nel caso in cui i ricchi meritevoli abbiano bisogno di ulteriore assistenza nei cupi giorni a venire.

Non si può inventare.

La rivoluzione si avvicina? La grande domanda è: lo fa davvero? O è solo un gran parlare? Le solite sbruffonate e i soliti desideri dei fantasisti della teoria della cospirazione?

Ecco un cinico esperto che la pensa così:

“Sono molto fiducioso”, egli opina, “che gli americani soffriranno qualsiasi indignazione, e intraprenderanno qualsiasi difficoltà imposta o promossa dalla loro classe dirigente, senza tanto un lamento di protesta o disapprovazione.

Faranno quello che gli viene detto, come è stato il caso per almeno la durata della mia vita, circa 65 anni, e probabilmente molto di più. Se mai ci sarà una rivolta, sarà repressa brutalmente e rapidamente, e le masse loderanno i loro padroni come il più libero e il più giusto di tutti i governi.” (Commento 1, qui)

Temo che ci possa essere molta verità in questo.

D’altra parte, ecco un commento dal sito Darkmoon che stava per essere cancellato dal moderatore (“incitamento alla violenza”) quando l’ho salvato dall’oblio in nome della libertà di parola. Qui c’era un uomo che si preparava ad entrare a Dodge City, con tutte le canne fumanti.

Viene da un amabile vecchio brontolone con cui ho scambiato alcune e-mail amichevoli negli ultimi anni un “diamante grezzo”, un tipo di sale della terra. Possiede una piccola fattoria nell’America rurale e passa il suo tempo a gironzolare intorno alla sua fattoria, a cacciare, a cavalcare, a controllare le sue pistole e munizioni, e a prepararsi per l’Armageddon e i giorni della fine:

“Sono determinato”, scrive, “a massacrare quanti più agenti comunisti riesco a mettere nel mio mirino, prima che loro prendano me! È inutile pensare il contrario. Il “pensare” e la ragione non funzionano con questi pazzi. Mantenete i nervi saldi. I tempi saranno difficili, ma la storia ci ha mostrato il prezzo della concessione. Mentre raccoglievo i semi di soia oggi, pensavo all’inutilità di pianificare raccolti futuri di successo. Raccogliete solo abbastanza per voi stessi e per la vostra famiglia, e siate grati di avere ancora la terra su cui farlo. Temo la tribolazione, ma sembra che stia iniziando”.

GILBERT HUNTLY 11 dicembre 2020 alle 3:59

Un ultimo punto.

L’America è stata brutalmente dura con i suoi cittadini in un modo che nessun altro governo è stato con il suo popolo durante questi tempi traumatici. In tutto il mondo, generosi pacchetti di aiuti sono stati fatti da altri paesi alle loro classi lavoratrici per attutire i colpi della disoccupazione di massa, delle difficoltà economiche e dei senzatetto. L’America è l’unico paese al mondo che coccola la sua minoranza ricca e privilegiata e tratta le sue classi medie e basse come escrementi di cane.

Se avete poco tempo, cliccate su @ 13.00-16.00 min. Questo è il pezzo migliore. Qui sentirete la parola F usata con effetto sinfonico, come se Wagner fosse tornato dalla morte con una sola parola nel suo vocabolario.

Ecco un grafico che vi spiega tutto:

Percentuale dei salari attualmente sovvenzionati dai governi a causa di Covid:

  • GIAPPONE : 100% per le piccole imprese, 80% per le grandi imprese
  • PAESI BASSI : Fino al 90%
  • GERMANIA : Fino all’87%
  • FRANCIA : Fino a 84%
  • REGNO UNITO : Fino all’80%
  • CANADA : Fino al 75%
  • STATI UNITI: 0%

Lasha Darkmoon

Fonte: darkmoon.me

SOTTOSCRIVI UN  PIANO DI ABBONAMENTO MENSILE E AIUTA COLORO CHE L’ESTABLISHMENT VUOLE CENSURARE

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE

Abbiamo bisogno del tuo aiuto …

La censura dei motori di ricerca, delle agenzie pubblicitarie e dei social media controllati dall’establishment riduce notevolmente le nostre entrate . Se trovi utile il contenuto che pubblichiamo, considera di sostenerci con un abbonamento mensile.




Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code