toba60

Edward Snowden e l’Obiettivo Selettivo delle Fughe di Notizie

Siamo Stati Censurati, Quindi Condividi Questo Articolo

Edward Snowden per chi scrive e’ un autentico punto di riferimento e sarà’ a lui dedicata in seguito una sezione apposita, come sapete gran parte degli articoli da lui pubblicati sono stati censurati e tolti dalla rete, questo e’ avvenuto anche su WebArchive che dovrebbe essere un bacino di utenza neutrale dove pochi se non chi ha una dimestichezza con il computer può’ accedere.

Edward Snowden ci ha insegnato una cosa molto importante, dove c’è un segnale digitale non esiste alcuna privacy, ci sono chiavi per aprire la porta di casa, per aprire la macchina o il lucchetto della bicicletta e il mondo della rete e’ una immensa stanza dove ci sono serrature dappertutto e nessuna si può ritenere inviolabile.

In un mondo dove tutto potenzialmente e’ alla luce del sole, rimangono sempre delle zone d’ombra che a discrezione vengono poste alla vista di tutti per convenienza, interesse, o loschi affari che pochi devono conoscere.

Per comprendere appieno l’articolo su Edward Snowden e’ bene conoscere le dinamiche che si celano dietro i quelli che comunemente vengono chiamati servizi segreti.

Dopo 28 anni di esperienza in rete ho avuto modo di capire che le difese a nostra disposizione sono esternamene limitate, (Non Esistono) possiamo fare tutto ciò che vogliamo, ma nulla impedisce che qualcuno possa accedere a dati sensibili riferiti ad ognuno di noi.

Un politico e’ un soggetto estremamente ricattabile e come lui ogni individuo, c’è sempre un organo che controlla e stabilisce come e quando una cosa può’ venire alla luce e in riferimento a chi e questo agire arbitrario da pare di qualcuno significa potere.

Il controllo collettivo fa si che ogni soggetto e’ parte dell’ingranaggio.

Per farvi un esempio, tutte le intercettazioni telefoniche di Luca Zaia negli ultimi 20 anni o i suoi contatti con esponenti dell’imprenditoria locale e internazionale legati per esempio alle Olimpiadi, o del ministro Speranza per non parlare della parlamentare Giorgia Meloni e Matteo Salvini, sono a disposizione di tutti dentro questo contenitore che e’ la rete, che con una certa ”facilita” si possono reperire e divulgare.

IL punto da prendere in considerazione e’ che ogni cosa verrà fuori solo nel momento in cui qualcuno decide di farlo e questa decisione non la può intraprendere chiunque.

Se lo facessi io per esempio dovrei comunicarlo ad un ufficiale giudiziario che poi fa delle indagini preliminari e via dicendo, ma il seguito verrebbe con estrema facilità fermato in tronco, perché e’ funzionale in questo momento che nulla si sappia e cosi avviene con ogni membro di potere che accede alle più’ alte cariche dello stato.

Gli Intoccabili

Edward Snowden ha evidenziato questo stato di cose e lo ha posto alla ribalta della cronaca e da li l’establishment ha subito posto un freno sulla questione.

Ora sedetevi con calma, magari con un bicchiere di birra e godetevi questo articolo riferito a questo Straodinario Progammatore e Grande Uomo ….ahh dimenticavo …..pure questo editoriale è stato censurato, ma Edward mi ha dato la chiave giusta per poterlo condividere…accedete ai collegamenti e scoprirete come ho potuto farlo 🙂 ( E’ stato molto facile)

Toba60

l’Obiettivo Selettivo delle Fughe di Notizie

Le ampie rivelazioni di Edward Snowden al Guardian e al Washington Post su vari programmi di sorveglianza della National Security Agency (NSA) hanno solo due corollari nella storia contemporanea: la cache classificata che Bradley Manning avrebbe rilasciato a WikiLeaks qualche anno fa e la diffusione dei voluminosi Pentagon Papers di Daniel Ellsberg al New York Times e altri giornali nel 1971.

Gli autori di fughe di notizie come Snowden, Manning ed Ellsberg non rischiano semplicemente di essere chiamati narcisisti, traditori o casi mentali per aver liberato segreti di stato per il pubblico scrutinio. Lo garantiscono assolutamente.

Negli ultimi due giorni, David Brooks del New York Times, Roger Simon di Politico, Richard Cohen del Washington Post e altri hanno diffamato Snowden per aver rivelato lo spionaggio aggressivo del governo sui propri cittadini, chiamandolo autoindulgente, un perdente e un narcisista.

Tuttavia, anche se gli insulti si accumulano e la psicanalisi amatoriale si intensifica, tenete a mente che la fuga di notizie di Snowden ha più cose in comune con la fuga di notizie standard di Washington che non dovrebbe mettere a proprio agio quelli come Brooks, Simon e Cohen.

Senza difendere Snowden per aver rotto il suo voto di salvaguardare i segreti, ha solo fatto nel macro ciò che l’establishment della sicurezza nazionale fa nel micro ogni giorno della settimana per gestire, manipolare e influenzare i dibattiti politici in corso. Mantenere la fuga di notizie sulla politica separata dalla fuga di notizie sull’eresia è cruciale per capire come queste storie si svolgono sulla stampa.

I segreti sono sacrosanti a Washington fino a quando i funzionari non trovano convenienza politica nel declassificarli o nel farli trapelare selettivamente.

Non importa quale amministrazione presidenziale moderna si decida di esaminare per questo comportamento, perché tutte sono colpevoli. Per esempio, l’amministrazione del presidente George W. Bush ha declassificato o fatto trapelare interi barili di informazioni, grezze e non, per convincere il pubblico e il Congresso che la guerra all’Iraq era una buona idea.

Bush stesso ha ordinato il rilascio di informazioni classificate sull’Iraq prima della guerra attraverso il vicepresidente Dick Cheney e il capo dello staff I. Lewis “Scooter” Libby alla giornalista del New York Times Judith Miller nel luglio 2003.

A volte l’indice del governo non ha idea di cosa stia facendo il pollice. Nel 2007, il vicepresidente Cheney andò direttamente da Bush a lamentarsi di quella che considerava una fuga di notizie dannosa per la sicurezza nazionale in una colonna di David Ignatius del Washington Post. “Chiunque stia facendo trapelare informazioni come questa alla stampa sta facendo un vero disservizio, signor presidente”, disse Cheney. Più tardi, il consigliere di sicurezza nazionale di Bush fece visita a Cheney per spiegare che Bush, ehm, lo aveva autorizzato a fare la fuga di notizie a Ignatius.

Nel 2010, il reporter di NBC News Michael Isikoff ha dettagliato simili macchinazioni di segretezza da parte dell’amministrazione Obama, che ha fatto trapelare a Bob Woodward “una ricchezza di dettagli strabilianti da un briefing altamente riservato” al presidente eletto Barack Obama due giorni dopo le elezioni del novembre 2008.

Tra le rivelazioni che appariranno nel libro di Woodward “Obama’s Wars” c’erano, ha scritto Isikoff, “i nomi in codice di programmi NSA precedentemente sconosciuti, l’esistenza di un esercito paramilitare clandestino gestito dalla CIA in Afghanistan, e i dettagli di una cyberpenetrazione cinese segreta dei computer della campagna di Obama e John McCain”.

Nel 2010, il reporter di NBC News Michael Isikoff ha dettagliato simili macchinazioni di segretezza da parte dell’amministrazione Obama, che ha fatto trapelare a Bob Woodward “una ricchezza di dettagli strabilianti da un briefing altamente riservato” al presidente eletto Barack Obama due giorni dopo le elezioni del novembre 2008.

Tra le rivelazioni che appariranno nel libro di Woodward “Obama’s Wars” c’erano, ha scritto Isikoff, “i nomi in codice di programmi NSA precedentemente sconosciuti, l’esistenza di un esercito paramilitare clandestino gestito dalla CIA in Afghanistan, e i dettagli di una cyberpenetrazione cinese segreta dei computer della campagna di Obama e John McCain”.

I segreti condivisi con Woodward erano così delicati che il capo della transizione di Obama John Podesta è stato escluso dalla partecipazione al briefing, che è stato condotto all’interno di una stanza sicura senza finestre, nota come Sensitive Compartmented Information Facility, o “SCIF”.

Isikoff ha chiesto, abbastanza logicamente, come l’amministrazione Obama potrebbe perseguire un doppio standard in cui ha perseguito burocrati di medio livello e ufficiali militari per le loro fughe di notizie alla stampa, ma ha permesso ai funzionari dell’amministrazione di dispensare segreti più grandi a Woodward.

La migliore risposta che Isikoff ha potuto trovare è venuta da John Rizzo, un ex consigliere generale della CIA, che ha ipotizzato che perseguire le fughe di notizie a Woodward sarebbe stato quasi impossibile se il presidente o il direttore della CIA le avessero autorizzate.

“Questo non è un gioco. Questo è molto più importante della semplice politica. Le leggi sono state apparentemente infrante”, ha gridato McCain. Per quanto ne so, nessuna indagine su queste presunte fughe di notizie alla stampa è stata ordinata o è attiva e devo ancora sentire i signori Brooks, Simon e Cohen descrivere gli autori di queste fughe di notizie come autoindulgenti, perdenti o narcisisti. [Addendum, ore 21:24: C’è un’indagine su Stuxnet].

Un’altra varietà della fuga di notizie politica è la contro-diffusione o declassificazione conveniente, progettata per neutralizzare o stigmatizzare un divulgatore non autorizzato. Ron Fournier del National Journal, un ex capo ufficio di Washington per l’Associated Press, accusa esplicitamente l’amministrazione Obama di aver distribuito informazioni sul raid di Bin Laden alla stampa per “promuovere la rielezione del presidente”.

Egli sostiene che praticamente ogni fuga di notizie non autorizzata finisce per essere accompagnata dal rilascio di informazioni classificate o da una fuga di notizie “autorizzata”. In effetti, subito dopo le fughe di notizie di Snowden sulla NSA, il rappresentante Mike Rogers (R-Mich.), il presidente della commissione Intelligence della Camera dei Rappresentanti, si dice che abbia affermato che lo spionaggio della NSA ha contribuito a sconfiggere un attacco pianificato alla metropolitana di New York, anche se questa affermazione è contestata.

A volte la contro-diffusione è più rivelatrice della fuga di notizie che intendeva seppellire.

Nel 2012, l’allora consigliere per la sicurezza nazionale John Brennan è andato un po’ troppo in contropiede nel suo tentativo di annullare un rapporto dell’Associated Press sul complotto sventato dell’attentatore di mutande. In una conferenza telefonica con gli opinionisti televisivi, Brennan ha offerto che il complotto non avrebbe mai potuto avere successo perché gli Stati Uniti avevano “il controllo interno” di esso, che ha contribuito a esporre un doppio agente che lavorava per l’intelligence occidentale. Invece di essere perseguito per la fuga di notizie sensibili e classificate, Brennan è stato promosso a direttore della CIA; questo è il privilegio della fuga di notizie politica.

Le fughe di notizie autorizzate dall’alto non sono le uniche che generalmente restano impunite. A volte, quando i dibattiti politici vengono spinti sottoterra dalla segretezza, i membri dell’élite di governo si riuniscono e raccontano la loro storia alla stampa. L’esempio più recente di questo raggruppamento sarebbe le storie del 2005 nel New York Times su un precedente programma segreto di sorveglianza della NSA. La serie del Times di James Risen e Eric Lichtblau fece infuriare la Casa Bianca di Bush, ma nessuno fu accusato di fuga di notizie perché la serie si ritraeva (accuratamente, direi) come il prodotto di un intenso dissenso interno al governo.

Come hanno scritto Risen e Lichtblau, quasi “una dozzina di funzionari attuali ed ex” hanno parlato al giornale in modo anonimo del programma “a causa delle loro preoccupazioni sulla legalità e la supervisione dell’operazione”.

La volontà del governo di punire i leaker è inversamente proporzionale al grado e allo status dei leaker, il che è una cattiva notizia per qualcuno così privo di questi attributi come Edward Snowden. Ma con l’inizio del processo a Snowden, dovremmo mettere in discussione la sua persecuzione selettiva. Chiediamoci, come ha fatto Isikoff con i funzionari dell’amministrazione Obama che hanno fatto trapelare a Woodward, perché Snowden è stato scelto per essere punito quando ha essenzialmente fatto quello che i dissidenti insider hanno fatto quando hanno parlato con Risen e Lichtblau nel 2005 di un programma invasivo della NSA. Merita la stessa giustizia e la stessa punizione che hanno ricevuto loro.

Abbiamo un debito di gratitudine verso Snowden per aver riavviato o dovrei dire iniziato il dibattito pubblico sulle intrusioni segrete ma “legali” del governo nella nostra privacy. Le sue fughe di notizie, filtrate dal Guardian e dal Washington Post, ci danno l’opportunità, una volta in una generazione, di porre limiti al nostro governo assetato di potere.

Jack Shafer

Fonte : Archive.Fi Top Secret

La censura è una spada di Damocle che incombe ogni giorno sopra la nostra testa, collabora con noi attraverso un contributo mensile, Byoblu ha dovuto accedere alle reti televisive per lavorare liberamente e va ”Supportato”, fa che coloro che  rimangono non debbano chiudere, siamo pure noi fondamentali ed importanti e solo insieme possiamo far fronte ad uno strapotere mediatico neoliberista e non intendiamo in alcun modo offrire loro il  monopolio assoluto dell’informazione.  Toba60

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code