toba60

Eliminazione del Gran Reset: La Lotta Imminente che ci Attende

Siamo Stati Censurati, Quindi Condividi Questo Articolo

Non e’ difficile immaginare come prima o poi si vengano a creare tutti i presupposti per uno scontro finale, rimane la questione su chi saranno i contendenti, si sa benissimo che l’1% della popolazione mondiale non potrà mai confrontarsi con il 99% rimasto.

La strategia e’ una sola, mettere in competizione la maggioranza su ogni cosa, che siano i vaccini, uno schieramento politico o la stronzata megagalattica di chi ora ci mette di mezzo pure i gay e le lesbiche per una conflittualità’ che non potrà mai essere risolta nemmeno con l’avvento di un nuovo Messia.

I polli ci cascano sempre, fosse anche per rivendicare il diritto alla propria libertà’ che poi finisce per essere spesso a scapito di qualcun altro che inevitabilmente viene privato di qualcosa.

L’1% non muoverà’ un solo dito e non farà nulla, tutto il fardello lo lascerà al resto della popolazione che oggettivamente non sa che pesci pigliare.

Torniamo un po indietro nel passato, ma chi rompeva i coglioni agli ebrei al tempo della repressione razziale nel periodo nazista, Adolf Hitler? Herman Goering? Joseph Goebbels? Heinrich Himmler? Macche! ognuno di loro era preso a giocare a baracche e burattini e puttane insieme ai panzer sul fronte.

Il Ruolo primario lo aveva il droghiere, il pasticcere, l’operaio della Thissen o la mite massaia della porta affianco che implorava la Gestapo di intervenire per liberarla da quegli sporchi ebrei rei di avergli rovinato il pedigree razziale.

Ci troviamo in una fase interlocutoria in cui ancora non si hanno ben chiare le dinamiche inerenti i reali meccanismi politici economici e sociali venutosi a creare.

In questo momento il nemico e’ l’inquilino della porta affianco che non si fa il vaccino, o il ribelle che non usa la mascherina, o il complottista che nota qualcosa di strano e si comporta in modo diverso.

Gli immigrati africani ora sono un perfetto baluardo per una guerra santa, i meridionali del passato ve li ricordate, quelli che la Lega Nord portavoce della razza perfetta che li definiva sporchi, fannulloni e puzzolenti e ora sono stati sostituiti da una pletora di disperati che si sono pentiti amaramente di aver dato ascolto a quel’ 1% che gli ha promesso la luna.

Sono tutti qua i nodi al pettine, la strumentalizzazione di una guerra che nelle intenzioni di chi tiene le redini del potere deve avere un unico comune denominatore.

Cambiare tutto per non cambiare nulla.

Toba60

La Lotta Imminente che ci Attende

Qualche tempo fa ho scritto un articolo in cui spiegavo il mio viaggio di apprendimento verso l’agenda del Grande Reset. In quel pezzo ho detto che pensavo che questo spettacolo dell’orrore sarebbe continuato per qualche tempo, ma alla fine sarebbe fallito, ma a grande costo per la nostra società e per tutti noi.

Più recentemente ho cercato informazioni sui nuovi ‘vaccini’ e come altri, ora mi chiedo seriamente se questo fa parte di qualcosa di sinistro e forse anche più di una minaccia alla nostra stessa esistenza.

Come sollievo dalla follia e dalla lettura pesante degli studi scientifici, guardo molto le presentazioni online di Ivor Cummins, del dottor Mike Yeadon e del dottor Sucharit Bhakdi, che sono professionali, chiare e potenti. La recente intervista del dottor Bhakdi qui è brillante, ma anche la più terrificante che ho visto riguardo ai vaccini.

Ci sono alcuni esperti là fuori con vera passione, intelligenza e un’incredibile capacità di tagliare attraverso le complessità. Dovremmo essere tutti grati di avere persone così coraggiose che espongono i fatti.

Naturalmente, molti di questi esperti e commentatori hanno un accesso limitato al cosiddetto mainstream. Sono stati censurati senza sosta. È facile avvilirsi per il fatto che i fatti ormai ovvi su Covid-19, le chiusure e i vaccini non vengono ancora ascoltati.

Per me, è la frustrazione che il pubblico sia ancora in gran parte ignaro dell’imminente incubo che sta per abbattersi su di loro e sulle loro famiglie. E l’impotenza di fermarlo, come un incidente d’auto al rallentatore.

Dottor Reiner Fuellmich

Proprio di recente, sono stato attratto da alcune presentazioni e interviste che coinvolgono un importante avvocato tedesco, Reiner Fuellmich. Parecchi lettori qui potrebbero aver visto lo stesso materiale.

È ben noto per aver intrapreso in precedenza azioni legali di successo contro grandi aziende, Volkswagen, per i suoi dati fraudolenti sulle emissioni e anche Deutsche Bank per uno scandalo finanziario.

L’anno scorso la sua attenzione è stata attirata verso la risposta alla cosiddetta crisi del Coronavirus e, con molti altri, ha istituito il comitato investigativo tedesco Corona per indagare. Ora, questo comitato ha condotto gran parte delle sue indagini e sta procedendo con azioni legali a livello globale.

Penso che valga la pena riassumere alcuni di questi fatti qui.

Inoltre, anche se molti di noi sono a conoscenza di molte delle ragioni, motivazioni, tempistiche del cosiddetto Grande Reset, penso che le intuizioni e i pensieri di Reiner siano interessanti e forniscano collettivamente una comprensione più completa di ciò che c’è dietro tutto questo. E forse c’è un po’ di luce alla fine del tunnel.

Qui sotto c’è la mia recensione e alcuni pensieri sulle clip di cui sopra, l’approccio di Reiner, le osservazioni e le scoperte, con alcuni dei miei pensieri.


Background

Reiner ha istituito il comitato di indagine nel luglio 2020. Questo è un buon riassunto della linea temporale, delle preoccupazioni e delle domande sollevate e delle conclusioni che sono seguite.

Hanno deciso che le tre domande principali a cui rispondere nel contesto di un approccio giudiziario alle questioni del coronavirus erano:

C’è una pandemia di coronavirus o c’è solo una pandemia da test PCR? In particolare, un risultato positivo del test PCR significa che la persona testata è infettata dal Covid-19, o non significa assolutamente nulla in relazione all’infezione da Covid-19?

Le cosiddette misure anti-corona, come l’isolamento, le maschere obbligatorie, l’allontanamento sociale e le norme di quarantena, servono a proteggere la popolazione mondiale dalla corona, o queste misure servono solo a far entrare la gente nel panico in modo che creda senza fare domande – che la sua vita sia in pericolo, in modo che alla fine le industrie farmaceutiche e tecnologiche possano generare enormi profitti dalla vendita di test PCR, test antigene e anticorpi e vaccini, così come la raccolta delle nostre impronte genetiche?

È vero che il governo tedesco è stato massicciamente pressato, più di ogni altro paese, dai principali protagonisti di questa cosiddetta pandemia di corona, il signor Drosten, virologo dell’ospedale di beneficenza di Berlino; il signor Wieler, veterinario e capo dell’equivalente tedesco del CDC, il RKI; e il signor Tedros, capo dell’Organizzazione Mondiale della Sanità o OMS; perché la Germania è conosciuta come un paese particolarmente disciplinato e quindi doveva diventare un modello per il resto del mondo per la sua rigorosa e, naturalmente, riuscita aderenza alle misure corona?

Nell’esaminare questi punti e per capire meglio il quadro generale, Reiner dice di aver parlato con più di cento esperti e di aver raccolto testimonianze. Da scienziati, medici, psicologi e molti altri esperti nei loro campi, compresi gli informatori con conoscenza del Grande Reset.

Reiner afferma con fiducia nell’intervista di avere un buon caso per dimostrare che la combinazione di decisioni e misure di isolamento in risposta ai test Covid-19 e PCR e altre prove, è uno scandalo su vasta scala e il più grande crimine contro l’umanità, mai.

Senza ripetere tutti gli eventi degli ultimi 14 mesi (che sono in gran parte coperti all’interno dei link di cui sopra), è ormai ovvio che praticamente ogni governo occidentale ufficiale, narrazione scientifica e misure è stato il completo opposto di come affrontare una vera crisi di salute pubblica. È chiaro che Covid-19 viene usato per inaugurare un regime di controllo completo su di noi.

Opportunità legali

Reiner spiega nell’intervista che le azioni legali sono in fase di pianificazione e saranno a più livelli e condotte attraverso le giurisdizioni internazionali. Crede che alla luce delle sentenze favorevoli in Portogallo e Austria riguardo all’inefficacia del test PCR, questo sia un buon approccio.

Spiega anche che poiché l’agenda di reset non è limitata a una sola giurisdizione, ha un buon senso da questo punto di vista.

Mi sembra che, solo in base ai fatti, avrebbe un caso forte in qualsiasi tribunale equo. Ma penso che tutti abbiamo visto esempi di tribunali europei che hanno emesso decisioni inspiegabili o che hanno evitato un giudizio su questioni enormemente importanti su un punto di diritto o di giurisdizione.

Reiner dice che forse le migliori possibilità di successo legale sono nei sistemi legali degli Stati Uniti e del Canada con cui ha familiarità, che permettono azioni collettive. Le azioni collettive possono essere unite da individui che credono di essere stati svantaggiati da decisioni dello stato o di una grande azienda, per esempio, per frode, negligenza o discriminazione.

Reiner afferma durante l’intervista che i sistemi statali nazionali potrebbero non essere adatti a questo tipo di caso a causa dell’enorme portata della frode Covid-19 e alla fine prevede uno scenario da ‘Norimberga 2’.

Alcune persone potrebbero pensare che il processo legale, anche se non è stato comprato e pagato dai globalisti responsabili di questi crimini, richiederà troppo tempo per fermare ciò che sta accadendo. Penso che questo sia un pericolo, ma molto lavoro è già stato fatto dal Comitato Investigativo Tedesco Corona e molte prove sono già di dominio pubblico e casi in arrivo.

In ogni caso, credo che sarà interessante osservare questi eventi, forse nel contesto del continuo orrore della distruzione sanitaria, sociale ed economica in corso e dell’agenda del Grande Reset. Tale crescente consapevolezza pubblica potrebbe determinare l’esito, come questi casi procedono o sono giudicati, o anche se procedono affatto.
Gli interessi che guidano il Grande Reset: il punto di vista di un avvocato

CEX.IOBitcoinExchange

Ciò che è stato più interessante dall’intervista è ciò che Reiner ha detto sulle persone coinvolte in questa agenda e le possibili motivazioni dietro di essa. Mentre io e molti di noi abbiamo una discreta idea di quali siano, e sembra che ce ne siano molti, penso che facciamo fatica a capire la struttura dietro a tutto questo, come funziona insieme e come attribuire la responsabilità ad ogni parte in movimento (finanziaria e bancaria, big pharma, organizzazioni mondiali, agenda del cambiamento climatico, professione medica, magistratura ecc.)

Le osservazioni di Reiner su questo sono interessanti e penso che forniscano alcune basi per l’ottimismo.

Dice che da quello che ha imparato pensa che ci sono circa 3.000 persone nel mondo più direttamente complici che agiscono contro una popolazione di circa 8 miliardi. Si riferisce a loro come alla ‘cricca di Davos’. Dice, tuttavia, che stima che tra il 10 e il 20% delle persone nel mondo si sono svegliate a questa agenda e probabilmente molte altre sono sulla strada della scoperta.

Quindi sono 3.000 criminali incalliti contro forse 1,5 miliardi, finora.

Reiner dice anche che questi criminali sono composti da persone con interessi contrastanti e dove avvengono lotte intestine. Questo, secondo lui, può essere un’opportunità per respingere proprio nello stesso modo in cui loro ci hanno diviso. Sembra che gli informatori abbiano fornito informazioni e, man mano che questa terrificante agenda si sviluppa, questo dovrebbe aumentare.

Allo stesso modo, quando gli viene chiesto chi sono queste persone e quali sono i motivi combinati, spiega che sono costituiti dai “soliti sospetti” delle organizzazioni mondiali come l’OMS, il WEF, il FMI, i tecnocrati miliardari, i giganti farmaceutici, le grandi piattaforme dei media, le banche e i fondi di investimento.

Dice che il motivo non è principalmente finanziario, perché queste persone sono già scandalosamente ricche. Lo descrive più come un controllo sull’umanità. Questo opera sotto l’apparenza di diversi motivi e programmi, autoconservazione e consolidamento, Covid e vaccini, ideologia del cambiamento climatico, ma essenzialmente si tratta di potere. Ma il loro denaro è ciò che alimenta il macchinario sotto di loro.

Penso che forse la struttura che Reiner e altri hanno descritto è come una piramide. Lui dice che questi culti elitari hanno fatto filtrare il denaro verso il basso per ungere le varie catene di comando sotto di loro, come i governi, i partiti di opposizione, i media, gli scienziati, le università, i trust degli ospedali e così via.

Reiner dice che crede anche che alcuni individui nel governo potrebbero essere stati corrotti, costretti o minacciati per cooperare. Abbiamo visto possibili segni di questo altrove, come in Bielorussia, Tanzania e Burundi.

Immagino che più si scende in basso nella piramide, più si arriva ai ‘middle manager’ e ai ‘foot-soldiers’. Alcuni che vengono corrotti con sovvenzioni di finanziamento. Alcuni che sospettano qualcosa ma hanno troppa paura di parlare. Alcuni che sono ignari di quello che sta succedendo.

Non è difficile immaginare che con tutte le forze di cui sopra che tirano insieme, consapevolmente o meno, possa iniziare un’impresa così grande di un colpo di stato globale. La mia analogia è simile alla Germania nazista e la struttura di comando sembra molto simile.

Reiner ha anche menzionato due scenari interessanti che non avevo considerato così tanto. Dice che gli è stato detto da un informatore che il piano originale era di introdurre il reset nel 2050. Questo è stato anticipato al 2030 e poi ad oggi perché alcuni elementi all’interno di questo gruppo sono diventati impazienti. Dice che crede che il fatto che questo sia stato affrettato ora è il motivo per cui stanno facendo così tanti errori evidenti che possono essere sfruttati.

Hosting WordPress

Inoltre Reiner dice che gli è stato detto che l’Europa è il campo di battaglia dove stanno cercando di ottenere il maggior controllo. Questo perché l’Europa e la banca centrale sono essenzialmente in bancarotta e in particolare i grandi fondi pensione che per ovvie ragioni non vogliono che la gente lo sappia. Pensano che spingere la loro agenda con la scusa delle pandemie, del cambiamento climatico, dei conflitti e di altre crisi distrarrà il pubblico e quando si sveglieranno, avranno il pieno controllo.

Dopo che le stesse persone hanno causato il precedente crollo finanziario, ci hanno rassicurato che tutto era di nuovo a posto, ma da allora stanno stampando denaro e saccheggiando di più.

Reiner ritiene che, poiché il sistema finanziario ha iniziato a mostrare segni di implosione di nuovo nel 2019, questo è stato il momento in cui i globalisti hanno deciso di incontrarsi e hanno concordato di spingere la narrazione del Coronavirus e verso il Grande Reset.

Quali sono le possibilità di fermare la loro presa di potere?

Reiner è abbastanza fiducioso che questo possa accadere e che possa emergere un mondo migliore e lontano dal globalismo che ha creato i problemi del mondo. Dice che, se falliamo, potrebbe essere la fine dell’umanità, quindi non possiamo fallire. Condivido questa valutazione e il cauto ottimismo.

Personalmente, penso che i culti globalisti possano aver morso più di quanto possano masticare in una volta sola. A causa del fatto che l’agenda generale è un obiettivo condiviso tra diversi interessi, ma combinato con molte agende più piccole all’interno di questi gruppi (che a volte sono in conflitto), penso che sia difficile da portare a termine.

Credo che i tribunali, in teoria, offrano rimedi finché sono indipendenti o c’è una possibilità, almeno, che i globalisti possano fare marcia indietro o accordarsi se vedono che le prove contro di loro sono schiaccianti e la consapevolezza cresce.

Gli informatori potrebbero iniziare a farsi avanti più spesso, forse a causa di un evento inaspettato o di un’opposizione di cui le élite non hanno tenuto conto o di ulteriori errori che commettono. Quindi, c’è un forte elemento psicologico in questa battaglia.

Allo stesso modo, molte più persone di quanto ci rendiamo conto ora potrebbero essere sul punto di svegliarsi e una scintilla da qualche parte, forse grandi disordini civili potrebbero causare un contagio. Le élite potrebbero perdere i loro nervi, diventare troppo avide, le divisioni e le lotte intestine potrebbero seguire portando all’autodistruzione.

Ma credo che le élite potrebbero raddoppiare con ulteriori crisi generate. Problemi con la catena alimentare, interruzioni di corrente, nuove varianti e altre distrazioni. Ci potrebbe essere il male che non abbiamo considerato.

La tragedia per l’umanità è che se la gente non si sveglia ora, potrebbe non rendersi conto fino a quando non sarà nell’incubo, dove non possederanno nulla e ci si aspetta che siano felici, o molto peggio.
Cosa possiamo fare?

Reiner dice che non vale la pena cercare di persuadere attivamente le persone che sembrano aver spento il cervello e rimboccato le maniche. Piuttosto concentrati sulla diffusione del messaggio e connettiti con individui che la pensano come te o con quelli che hanno semplicemente dei dubbi su quello che sta succedendo.

Nella mia mente ci sono due cose che dobbiamo fare come individui. Vincere e resistere fino a quando non ci riusciamo.

Il mio pensiero è di prendere un giorno alla volta, di non pensare troppo all’impensabile. La mia opinione è anche quella di diffondere i potenti messaggi, i gravi dubbi sui vaccini, i passaporti, le valute digitali, evidenziando il Grande Reset e ciò che questo significherà per la vita di tutti noi se accettiamo il pieno controllo da parte di un gruppo di criminali stile Bond Villain.

Usate un linguaggio forte, chiamate questa agenda per quello che è. Comunismo, fascismo, eco-autoritarismo o analogie con la Germania nazista.

Usate la paura della loro vera, terrificante agenda, proprio come hanno usato la paura di un “virus” che non è una minaccia, contro di noi. Nel diffondere queste informazioni usate immagini, ridicolo e umorismo.

Infine, per me, una parte molto avvincente dell’intervista di Reiner aveva a che fare con la spiritualità che ha menzionato in alcune parti del suo clip verso la fine e che vale la pena ascoltare.

Dice che non è religioso, ma è arrivato a credere che alcune persone hanno forse un dono o una capacità di vedere cose che la maggioranza non può o non vuole. Credo che stesse suggerendo qualcosa al di là della ricerca degli eventi. Forse più una percezione superiore degli eventi, una spiritualità, o un istinto naturale ben al di sopra della generale capacità umana di percepire o razionalizzare le cose – che lui sente essere rilevante per questo e per la connessione con l’altro.

Reiner ha fatto l’esempio di un amico che descriveva il proprio figlio in compagnia di altri bambini, lui che era diverso dagli altri.

Questo è qualcosa a cui posso riferirmi, nella direzione della mia vita che è stata in gran parte senza meta e insoddisfatta e che oggi combatte l’ingiustizia ovunque io la veda.

Sento che c’è una dimensione spirituale e la percepisco con altri che combattono questa e altre cause simili. Che sia spirituale o che ci sia un’altra spiegazione, penso che l’essenza di ciò che Reiner sta dicendo sia molto vera e risuonerà con molte persone, sia che si tratti di opporsi alle guerre straniere o di lottare contro la guerra che le elite globali e i loro burattini hanno ora scatenato su tutta l’umanità sotto la maschera di Covid-19.

Alla fine dell’intervista, l’intervistatore chiede a Reiner se la storia guarderebbe ora con affetto a lui e agli altri che hanno preso parte a questa lotta. Reiner risponde “assolutamente, naturalmente”.

Reiner è chiaramente una persona di grande integrità, passione e intelligenza. Una delle tante persone eccellenti che hanno combattuto per noi.

Kevin Smith

Fonte: off-guardian

SOTTOSCRIVI UN  PIANO DI ABBONAMENTO MENSILE  BASTA UN MINUTO DEL TUO TEMPO PER DONARE L’IMPORTO DI UN CAFFÉ

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE

Abbiamo bisogno del tuo aiuto …

La censura dei motori di ricerca, delle agenzie pubblicitarie e dei social media controllati dall’establishment sta riducendo drasticamente le nostre entrate . Questo ci rende difficile continuare. Se trovi utile il contenuto che pubblichiamo, considera di sostenerci con una piccola donazione finanziaria mensile.



Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code