toba60

Enrico Montesano & Licia Ronzulli Due Mondi Paralleli a Confronto

Siamo Stati Censurati, Quindi Condividi Questo Articolo

Nel momento in cui scrivo ho compiuto esattamente un anno da quando non guardo più un solo programma di Mediaset, Rai e Sky and Friends.

La mia salute mentale e schizzata alle stelle da quando seguo in alternativa i programmi di ByoBlu di Claudio Messora.

Mio malgrado mi capita alle volte di vedere sul canale telegram di Toba60 qualche avvisaglia di quello che accade nel mondo incantato di questi disinformatoti seriali e mi sono imbattuto in una diatriba tra Enrico Montesano e Licia Ronzulli, una politica che nemmeno conoscevo e che non avevo mai visto in vita mia.

Come sapete noi della redazione concentriamo i nostri notiziari prevalentemente sulla politica estera, ed i personaggi folcloristici italiani passano spesso in secondo piano.

L’idea di pubblicare un articolo su questi due soggetti che appartengono a due mondi paralleli, nasce dal fatto che uno dei più pericolosi siti statunitensi di informazione in controtendenza al mondo, (Questo naturalmente in un ottica legata alla nuova normalità) ha dedicato un breve articolo sulla questione e noi non volevamo essere da meno.

Abbiamo voluto porre all’attenzione del pubblico la differenza sostanziale tra una notizia mainstream, ed un’altra svolta con tutti i crismi che un giornalista degno di essere considerato tale dovrebbe pubblicare.

Da una parte i dati fini a se stessi che si prestano ad una semplicistica interpretazione e dall’altra una mole di informazioni che aprono mille varchi che inevitabilmente lasciano spazio all’utente finale ad una visione pluralistica dei fatti.

Enrico Montesano è un signore, ed e’ caduto suo malgrado nella trappola che solitamente pianificano con maestria delle persone che della falsità ne hanno fatto una ragione di vita.

Non vogliamo aggiungere altro, abbiamo posto due articoli pubblicati da due strutture mediatiche totalmente opposte, la prima Mainsteam che tutti voi ben conoscete e la seconda da parte di gente che deve uscire con la scorta per sperare di vedere l’alba del giorno seguente.

Toba60

Articolo Mainstream della Nuova Normalità

Montesano litiga con Licia Ronzulli sui “morti di Covid”

L’attore, protagonista nei giorni scorsi di una comparsata sul “set” della manifestazione No Green Pass di Trieste, inizia a leggere i dati pubblicati dall’Istituto Superiore di Sanità nelle scorse settimane. Si tratta di numeri reali che, però, Montesano – così come fatto da Franco Bechis su “Il Tempo”, vengono estratti dal loro contesto. Con un solo intento: continuare ad ammiccare al pubblico no vax e no green pass e ai negazionisti della pandemia.

Perché sì, solamente il 3% dei decessi totali in Italia (con gli ultimi bollettini abbiamo superato quota 130mila) non aveva patologie pregresse e la causa primaria della morte è stata l’infezione da Sars-CoV-2. Ma questo significa poco o nulla. Il 97% delle persone decedute era affetto anche da altre malattie, ma il Covid ha contribuito a provocare la loro morte. Inutile, dunque, proseguire – come invece vuole fare Montesano – con la distinzione tra i “morti di e morti con Covid”, perché si tratta di un mero esercizio di negazionismo. Senza il virus, probabilmente, quelle vittime sarebbero ancora in vita. Lo sanno tutti, lo sanno bene anche a “Il Tempo”. Montesano, invece, forse no.

(da Zona Bianca, Rete4)

Articolo ……..della ”Non Normalità”

Da 132.161 a 3.783 il Conteggio dei Sospetti Morti per Covid in Italia

Un nuovo rapporto dell’Istituto Superiore di Sanità italiano fornisce un’analisi obiettiva dell’ingannevole conteggio delle morti per covid-19 della nazione. Il conteggio ufficiale dei morti per covid dell’Italia è salito a 132.161 nell’ottobre del 2021. Questo conteggio è irrealistico perché il covid-19 è stato diagnosticato in fretta e in condizioni di corruzione finanziaria utilizzando criteri diagnostici non specifici.

Il covid-19 era spesso elencato come causa di morte quando era solo “sospettato” e quando “non poteva essere escluso”.

Dopo un’attenta revisione dei rapporti medici, si scopre che le infezioni respiratorie possono essere state un fattore che ha contribuito, ma non hanno causato la maggior parte di queste morti per covid-19.

Varie forme di negligenza medica, trattamenti negati, isolamento disumano, denutrizione e standard di cura non etici sono alla radice di questa crisi medica mondiale. Le morti sono reali, ma le cause sono distorte.

Una nuova analisi medica riduce il numero di morti per covid-19 in Italia del 97,1%

Una nuova analisi ha ridotto il conteggio delle morti per covid-19 in Italia del 97,1% e ha fornito un quadro più accurato del perché queste persone sono morte in ospedale. Solo 3.783 casi potevano essere direttamente correlati con una diagnosi di covid-19. Poiché il test PCR (che è stato progettato per rilevare il covid-19) è stato calibrato in modo fraudolento fin dall’inizio, anche questi 3.783 casi di covid-19 sono sospetti.

I sintomi dell’infezione respiratoria avrebbero potuto essere il risultato di un qualsiasi numero di infezioni che uccidono le persone ogni anno, che si tratti di influenza, tubercolosi, polmonite o innumerevoli altre infezioni delle vie respiratorie inferiori e superiori. Le infezioni virali non hanno lo stesso effetto su una persona al prossimo a causa di diversi fattori sottostanti tra cui il terreno cellulare e microbioma, quindi è estremamente difficile diagnosticare con precisione una specifica infezione respiratoria e quantificare la carica virale.

Secondo questa nuova analisi, solo il 2,9% dei decessi registrati dalla fine di febbraio 2020 sono stati causati dal nuovo coronavirus SARS che non è mai stato isolato dall’uomo e replicato in campioni di tessuto umano. Le infezioni respiratorie annuali, le infezioni batteriche resistenti agli antibiotici, gli errori medici e altre emergenze mediche acute che di solito causano il sovraffollamento degli ospedali sono stati usati come propaganda per terrorizzare e defraudare il mondo in una chiusura perpetua.

Il conteggio dei morti per covid-19 includeva italiani che soffrivano da una a cinque malattie croniche sottostanti; molti erano sotto farmaci immunosoppressori, e una certa percentuale è morta per emergenze mediche che sono totalmente estranee al covid-19. Un totale del 67,7% soffriva di più di tre malattie croniche che non erano state risolte dalla medicina moderna. Gli italiani che già soffrivano di condizioni croniche hanno continuato a soffrire di polmonite associata al ventilatore e di danni polmonari associati al ventilatore.

Uno su dieci dei pazienti deceduti ha avuto un ictus; il 65,8% degli italiani aveva ipertensione arteriosa ed era sotto farmaci immunosoppressori; il 15,7% soffriva di insufficienza cardiaca; il 28% aveva una cardiopatia ischemica; il 24,8% soffriva di fibrillazione atriale. Almeno il 17,4% aveva già i polmoni malati. Molti (il 29,3% aveva il diabete e altri disturbi metabolici) che impattavano drasticamente la loro risposta immunitaria.

C’erano diversi pazienti (16,3%) che erano sul letto di morte, lottando su farmaci immunosoppressori di chemioterapia e radiazioni noti per rendere le persone suscettibili a qualsiasi infezione respiratoria.

Questi pazienti avevano avuto a che fare con il cancro negli ultimi cinque anni, con un tasso medio di sopravvivenza alla chemioterapia di tre-cinque anni. Un altro 23,5% stava lottando con la demenza, la loro vita stava per finire.

Pratiche immorali e disumane sono state implementate nei sistemi medici di tutto il mondo

Da quando l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha dichiarato una pandemia mondiale di SARS-CoV-2, i sistemi medici di tutto il mondo hanno gestito diversamente i pazienti ospedalizzati. I pazienti con qualsiasi tipo di sintomo respiratorio sono stati isolati e separati dai membri della famiglia.

“Per eccesso di cautela”, i sistemi ospedalieri hanno fatto diagnosi vaghe, classificando chiunque “sospetti di covidi” come un caso ufficiale di SARS-CoV-2. Questi pazienti sono stati visti come vettori di malattia altamente contagiosi che dovevano essere isolati e messi in ventilazione meccanica.

I trattamenti efficaci sono stati ignorati. Le persone che morivano sui ventilatori erano classificate come morti per covid “quando il covid-19 non poteva essere escluso come causa primaria della loro morte”.

Mentre il terrore e la paura si propagavano attraverso i media, i sistemi ospedalieri misero in attesa le procedure non urgenti ed elettive, sospendendo i servizi ambulatoriali di routine che lasciarono molti pazienti cronici senza cure mediche adeguate.

Nazioni industrializzate come l’Italia non hanno implementato piani di trattamento a domicilio e non hanno distribuito nutraceutici e profilattici per aiutare a controllare le malattie respiratorie nella popolazione. Questo ha causato la dipendenza delle popolazioni da un sistema già sovraffollato che non è impostato per affrontare il panico, l’ignoranza e l’impotenza.

Mentre le nazioni continuano a puntare tutto sui vaccini antinfluenzali contaminati da retrovirus e sui vaccini sperimentali contro i coronavirus ad interferenza genica, la gente continua a soffrire e a morire, anche se esistono innumerevoli terapie immunitarie antivirali, bronco-dilatatrici e antinfiammatorie.

Fonte e riferimento: AFinalWarning.com; Il Tempo Italia & twnews.it

La censura è una spada di Damocle che incombe ogni giorno sopra la nostra testa, collabora con noi attraverso un contributo mensile, Byoblu ha dovuto accedere alle reti televisive per lavorare liberamente e va ”Supportato”, fa che coloro che  rimangono non debbano chiudere, siamo pure noi fondamentali ed importanti e solo insieme possiamo far fronte ad uno strapotere mediatico neoliberista e non intendiamo in alcun modo offrire loro il  monopolio assoluto dell’informazione.  Toba60

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE


Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code