toba60

Enrico Ruggeri un Artista Fuori dal Coro

Views: 219

La nota stonata più’ evidente scaturita in seguito alla crisi dovuta al covid-19, e’ stato, prima ancora del clamore mediatico dato sconsideratamente in ogni settore della politica, amplificato a dismisura dai media, il silenzio totale di una categoria il cui uso della voce e’ uno strumento di lavoro assai comunicativo e di forte impatto sulla gente.

Enrico Ruggeri

Ne ho gia parlato in un articolo precedente, ma voglio ora soffermarmi su un cantante, ”Enrico Ruggeri”, che fuoriesce letteralmente dagli schemi e si mette in gioco come pochi sanno fare nel momento in cui tutto ”Andra’ Bene”.

I cantanti in genere, quando sono in pubblico nei loro monologhi tra una canzone e l’altra, assumono il ruolo di intellettuali, esprimendo idee ed esperienze di vita vissuta, ora, alla luce di quello che e’ stato il comportamento collettivo dei nostri idoli, il grande pubblico forse dovrebbe un po rivedere il concetto di intelligenza saggezza, etica e moralita’ dei nostri musicisti.

Molti di loro hanno perso una grande occasione per rivendicare a pieno titolo l’onore ed il privilegio di essere portavoce di una società’ che ha molte cose da dire…………………Enrico Ruggeri non ha avuto bisogno di alcuno stimolo esterno per ribadire le sue idee a riguardo, perché’ esprime se stesso da un punto di vista interiore assai privilegiato che nessuno potrà’ mai intaccare.

Amo la musica, ma piu’ ancora mi piace sapere che ci sono persone come lui, che alla musica danno un valore aggiunto che pochi ancora ambiscono a far proprio……..Grazie Enrico.

Toba60

Enrico Ruggeri

Ho vissuto con difficoltà questo momento, nel quale una società che si vuole vedere e raccontare come evoluta, ha deciso di barattare la libertà con la salute, o, peggio, con una rassicurante idea di salute.

Enrico Ruggeri

Giuro di dire la verità: anche se mi trovassi in punto di morte per Covid-19 sarei disposto a ripetere quanto sto per dire. Ho più volte rischiato la vita, negli anni, e sono sempre rimasto lucido, come lo sono ora: credo che l’uomo sia per sua natura propenso a ricercare la libertà. Altrimenti saremmo come lo scarafaggio della “Metamorfosi” di Kafka, un essere che pensava di colpo solo a mangiare e a salvarsi, pronto a nascondersi nel caso si accendesse la luce nella stanza.

Noi non siamo fatti così: siamo uomini. E nello specifico io sono un artista, e l’idea di arte che ho non è certo quella di dover cercare il consenso per il consenso, tanto più se a repentaglio c’è l’idea stessa di libertà. Lo slogan #IoRestoACasa? I dittatori hanno sempre imposto regole, anche assurde, che negavano ogni fondamento di libertà, sempre spacciandole come decisioni fatte per il bene del popolo. Neanche Stalin ha mai detto che faceva quel che faceva per cattiveria o tirannia, ma per amore del popolo russo.

Enrico Ruggeri

In questo, credo, ci siamo trovati di colpo a vivere in una condizione dittatoriale, seppur una dittatura che non è passata per un esercito ma attraverso una comunicazione di tipo vagamente terroristico. Ci mettevano paura e poi ci offrivano la scappatoia per salvarci, rinunciare alla nostra libertà, appunto. Intendiamoci: non voglio mica dire che qualcuno, magari i dieci potenti della Terra di cui cantavamo nella canzone “L’Anticristo” dei Decibel, da qualche parte ha deciso tutto questo. È successo, c’è stata un’emergenza, ma mi sembra evidente che l’emergenza è stata abbondantemente sfruttata a livello globale da chi ci guida e ci comanda per tenerci sotto, buoni e zitti. E gli artisti, in questo, si sono ancora una volta dimostrati tutti molto impauriti e pronti a seguire la scia: ce ne fosse stato uno che, a rischio di prendersi critiche, si sia esposto. Guarda, alzo il tiro: dopo aver citato Stalin vado oltre.

Pensiamo ai partigiani, quelli per ricordare i quali, il 25 aprile, in tanti hanno cantato “Bella Ciao” dal balcone, perché durante il lockdown usava così: pensate che quei giovani sarebbero andati sui monti a rischiare di morire, in alcuni casi proprio a morire se avessero messo la loro salvaguardia, la loro salute, prima del valore sacro della libertà?

Io non sono esperto di virus, quindi non ambisco a poter dire la mia riguardo la pandemia né riguardo la gestione medica della pandemia, anche se da quel che sta emergendo è chiaro che si sono fatti tanti passi falsi, errori anche molto gravi; ma mi sembra evidente che il coronavirus sia stato preso come una palla al balzo per tenerci ulteriormente sotto, più di quanto già non si facesse in precedenza. Se affacciandoti alla finestra, durante il lockdown, ti è capitato di vedere un’ambulanza a sirene spiegate che procede con calma a quaranta all’ora in una strada deserta, magari, il dubbio che ci sia una volontà di terrorizzarci c’è.

Non sono in grado di dire chi ha deciso che tutto ciò dovesse accadere: parlo del tenerci tutti sotto, zitti, ma che sia accaduto mi sembra evidente. Se poi pensate che, in tutto questo, gli unici ambiti rimasti ancora al palo (dopo le discoteche piene, la movida, le spiagge disposte esattamente come l’anno scorso e quello prima ancora) sono l’istruzione e la cultura e lo spettacolo, qualche domanda devi per forza fartela.

Perché i miei colleghi se ne stanno tutti zitti? Perché non c’è una presa di coscienza comune di quel che sta accadendo e di come questa situazione potrebbe davvero portare all’implosione di tutta la filiera? È così da tempo, diciamo da quando esistono i social.

Sono tutti conformi, omologati: hanno paura di dire la propria perché altrimenti perdono followers, ricevono critiche pubbliche, rendono esiguo il proprio pubblico. E dire che l’arte dovrebbe essere per sua natura sovversiva, porre domande – volendo, dovrebbe essere anche oltraggiosa. Sono anni che veniamo visti, e di conseguenza trattati, con accondiscendenza, come si potrebbe parlare di un bambino, di un animale da compagnia. Nessuno ha provato mai a fare qualcosa per tutelare il nostro mondo prima, figuriamoci se ha senso farlo ora, che tutto sta crollando a pezzi. Solo che a vedere quelle fotografie, le discoteche piene zeppe di persone, le spiagge dove si fatica a trovare la sabbia tanta è la gente che ci sta, viene da chiedersi davvero se il tenerci tutti zitti, anche quelli che comunque direbbero qualcosa di rassicurante e assolutamente integrato, non sia parte di un discorso più ampio nel quale, ahinoi, non siamo altro che contorno.

Enrico Ruggeri

Fonte : https://www.tpi.it

Covid
Il virus della paura
€ 13,50

Coronavirus - COVID-19
No! Non è andato tutto bene
€ 14,00

Covid 19(84) - Oltre il Corona Virus
Tutto quello che devi sapere: dalla sottomissione dell’umanità a un futuro transumano
€ 12,70

Puoi risparmiare  1,00 Euro al mese per supportare i media

indipendenti

A differenza della Rai, Mediset o Sky, NON siamo finanziati da Benetton, Bill & Melinda Gates o da altre ONG o governi. Quindi alcune monete nel nostro barattolo per aiutarci ad andare avanti sono sempre apprezzate

                 IL Nostro codice JTR Bitcoin è:  bc1qkspp89dl7ywl4v4ngdz6h0nrzfrt850anlgpll 

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code