toba60

Ernst Happel Brontolone e Genio

Siamo Stati Censurati, Quindi Condividi Questo Articolo

È con gioia che pubblico un articolo su Ernst Happel, scrissi tempo fa un editoriale letto da oltre 50.000 persone , dove non esitai a ritenerlo il miglior allenatore in assoluto nel panorama calcistico mondiale di tutti i tempi, fu una disanima che teneva conto di tutte le componenti non strettamente legate alle vittorie che non dimentichiamolo lo vede primattore pure in questa ipotetica classifica.

Tutti gli hanno riconosciuto il fatto che con giocatori che non avrebbero trovato squadra nemmeno in club di seconda divisione, riuscì a vincere trofei internazionali al cospetto dei maggiori club di tutto il mondo.

Ernst Happel

Sono sicuro che molti allenatori conoscendo qualcosa di più su di lui avranno modo di migliorasi come tecnici e soprattutto come uomini.

Toba60

Ernst Happel il Genio del Calcio

Ernst Happel non era solo un uomo di grandi tattiche, ma anche di parole bizzarre.

Di conseguenza, i suoi successi vanno anche al di là della moltitudine di titoli che ha collezionato, perché è stato semplicemente una delle grandi personalità del calcio, nonché una delle sue più grandi menti.

Ernst Happel

“Un giorno senza calcio è un giorno perso”.

Happel il giocatore

Ernst Franz Herrmann Happel era un giocatore eccezionale: come stopper (Happel giocava a sinistra, a destra era Max Merkel, per lo più ancora in un 2-3-5) entusiasmava le folle del Rapid Vienna. Ha ricevuto la sua prima chiamata nella squadra di combattimento durante la guerra all’età di 17 anni. Dopo il suo impiego come soldato in Russia, è diventato un giocatore regolare e di primo piano dopo la guerra.

Rapid Vienna 1951, che in seguito adattò un 2-3-5 / 3-2-2-3 sudamericano e giocò in modo moderno e con una trappola del fuorigioco

Anche se giocava come difensore, di solito era il giocatore più appariscente in campo, impressionando con il suo eccellente feeling con la palla, la sua intelligenza di gioco e i suoi movimenti spettacolari.

“Quando sono entrato nel club a 13 anni, ero già tecnicamente perfetto a destra e a sinistra. Quando ero ragazzo, si andava allo stadio, si imparava qualcosa e appena si usciva si cercava di copiarla con una palla da tennis o una lattina. Ecco come è andata. Oggi? Gli allenatori della gioventù si esercitano con i ragazzi per cinque quarti d’ora, uno di loro senza palla. Correre, correre, ma nessuno mostra ai ragazzi cosa fare con la palla”.

Occasionalmente intercettava palle lunghe degli avversari con il suo fondoschiena, giocava con disinvoltura come ultimo uomo in fuorigioco o saliva in attacco. Il Rapid Wien era una delle migliori squadre d’Europa all’epoca in termini di tattica e tecnica, e viaggiava spesso in Sud America, dove Happel poteva imparare una cosa o due.

“Ma cosa ho ottenuto da un Wuttke che gioca solo con la palla, e niente viene senza la palla”.

Nel 1951 il Rapid – con il nuovo acquisto Gerhard Hanappi a centrocampo e la variante brasiliana del 2-3-5/3-2-2-3 – divenne campione con statistiche incredibili. In 24 partite hanno segnato 133 gol e ne hanno subiti 40 con una sola sconfitta.

“Nella difesa a uomo hai undici asini in campo!”

La stagione seguente furono anche campioni e subirono il minor numero di gol. Tuttavia, la stagione 1950/51 fu speciale perché celebrò anche un successo internazionale, cioè la vittoria della Centropacup giocata solo quell’anno – il previsto successore della Mitropacup (antesignano della Coppa UEFA). Happel ha anche segnato il decisivo 3:2 nella finale.

“Devi imporre il tuo stile all’avversario e non lasciarlo riposare”.

Ha anche dimostrato la sua abilità di segnare in altri modi: Nella nazionale austriaca ha segnato un autogol al 14:0 perché si è annoiato del gioco. Tuttavia, fu uno dei pilastri di quella squadra che arrivò terza nel 1954.

“Cosa sei? La tigre di Glasgow, la pantera di Budapest? Tu sei l’Oaschloch di Hütteldorf”. – Happel al portiere Walter Zeman dopo l’autogol

Ma forse ha celebrato il suo momento migliore nel 1956. Dopo due anni a Parigi è tornato al Rapid e ha incontrato il Real Madrid nella Coppa dei Campioni nazionali. All’andata a Madrid persero ancora nettamente, ma a Vienna Happel segnò tre gol e il Rapid vinse 3:1. A causa dell’assenza della regola dei gol in trasferta, però, ci fu una partita decisiva a Madrid, che il Rapid perse.

Ernst Happel

“Spingere l’avversario nella sua metà, bloccarlo, impedirgli di costruire”, e come coronamento: “Distruggere ciò che non è ancora stato creato; poi sviluppare se stessi”.

A Happel furono negati altri grandi trionfi e terminò la sua carriera nel 1959. Un anno partecipò ancora alla Coppa del Mondo, dove si “vetrinò” prima di una partita.

Gli inizi come allenatore

Dopo due anni di grande successo come section manager del Rapid Vienna, in cui gli austriaci hanno persino raggiunto le semifinali della Coppa dei Campioni Nazionale, si è trasferito in Olanda per allenare l’ADO Den Haag. Sarebbero stati sei anni in cui Happel ha acquisito la sua prima esperienza da allenatore.

“Nel calcio è un incorreggibile, perché nessuno può più ingannarlo. Una volta ogni tanto, il caso può aiutare anche l’allenatore più semplice a vincere un premio. Ma Happel ha sparecchiato ovunque. Questa è abilità. Con l’Ado Den Haag ha vinto la Coppa d’Olanda, con una squadra che Jupp Derwall avrebbe mandato a pascolare i maiali”. Max Merkel

L’aneddoto della lattina sulla traversa risale a questo periodo Happel l’ha abbattuto, i suoi giocatori non ce l’hanno fatta. Se questo aneddoto sia vero, se la storia sia accaduta anni dopo all’HSV (modificata in modo che anche Beckenbauer l’abbia fatta) o se Happel l’abbia fatto più spesso non può essere rintracciato. Ma questa creazione di leggende è anche una delle caratteristiche di Ernst Happel ovunque si trovasse, c’erano storie inverosimili, miti assurdi e tutti i tipi di giocatori deliranti.

La squadra del Feyenoord ha impressionato con fuorigioco, pressing, 4-3-3 (con Libero Israel travestito) e incredibile forza di gioco

“L’anno di gioco inizia con un campo di preparazione, idealmente sei settimane. Due settimane si svolgono internamente, senza influenze esterne. L’allenamento è tre volte al giorno. Questo è coordinato con cinque o sei partite. Durante queste due settimane, l’attenzione si concentra sulla macinazione. Dopo, tutto è più giocoso”.

In ADO, ha continuamente sviluppato il suo team durante questi sei anni. L’ex candidato alla retrocessione era un avversario temuto, che era davanti a molte altre squadre grazie alla sua enorme forza fisica.

“Alla fine, abbiamo solo appeso la testa e ci siamo chiesti: che volpe di allenatore hanno?”. – Günter Netzer dopo una partita contro il Feyenoord e la loro trappola del fuorigioco.

Tuttavia, hanno anche implementato un nuovo sistema 4-3-3 e un pressing aggressivo, che è passato alla storia della tattica come uno dei primi sistemi di pressing organizzato confermato in Europa (insieme alle squadre di Maslov e Lobanovskiy in Unione Sovietica). Ha anche portato a una vittoria in Coppa, che alla fine ha portato Happel a trasferirsi a Rotterdam.

Successi sulla scena internazionale

Lì ha firmato con il top team Feyenoord. Nel loro primo anno hanno vinto il campionato e anche il campionato nazionale e la Coppa del Mondo. Negli anni successivi finirono ancora una volta primi, ma furono battuti due volte dall’Ajax di Rinus Michels. Happel è andato in Spagna per sua decisione.

“Abbiamo sperimentato così tanto che devo fermarmi. Con troppe vittorie, la disciplina scende. Diventiamo troppo amici. Si soffre e si piange, si ride e si vince insieme. E questo non può durare troppo a lungo”. Ernst Happel sulla sua partenza dal Feyenoord

Al Betis Siviglia ha gestito la promozione in prima divisione e si è qualificato con la sua squadra per la Coppa UEFA l’anno successivo, ma non è rimasto a lungo in Andalusia. Si è trasferito in Belgio per unirsi all’FC Brugge, dove è stato incoronato campione tre volte in tre anni, vincendo anche il doppio una volta, ma due volte non riuscendo a raggiungere la finale. La prima volta ancora in Coppa UEFA, due anni dopo contro la leggendaria squadra dei 78ers del Liverpool, che aveva già battuto il Bruges due anni prima.

Ernst Happel

“Hopp hopp, komm’, komm’, Bewegung Bewegung!” echeggia bruscamente attraverso i campi di allenamento di Ochsenzoll esigente. Poi un lungo, gracchiante “Mach’ ma’ Teeempo!”, scagliato in un gioco di pratica dall’allenatore, che solo poco tempo prima stava ancora frugando come assonnato nella giovane erba. La squadra regolare sta giocando contro le riserve, e le riserve hanno la palla. Per Ernst Happel, questa è esattamente la situazione giusta per mettere alla frusta la sua “prima squadra” in attacco. E all’improvviso, tutta la squadra entra in una frenesia di caccia, il partner si affretta” MIchel pl Hans-Joachim Noack in Der Spiegel

Nell’estate del 1978, prese in mano la nazionale olandese, con la quale raggiunse la finale della Coppa del Mondo. Rob Rensenbrink ha colpito il palo all’89’, nei tempi supplementari gli olandesi hanno perso eppure Ernst Happel è ancora il “Wödmasta” nella sua patria, l’Austria.

“A Utrecht, gli spettatori hanno infilato coltelli attraverso la barriera. Ho visto subito che non raggiungevano la mia pelliccia e sono rimasto seduto. La calma disinnesca la più grande totalità”.

Dopo la Coppa del Mondo si è trasferito allo Standard Liegi, dove ha vinto la Coppa una volta in due anni, e infine è finito all’Hamburger SV.

Emerge il mito di Ernst Happel

Ha sparato di nuovo la lattina di coca o forse anche una birra sulla traversa all’HSV? Almeno secondo Manfred Kaltz l’ha fatto. Ma questo non ha molta importanza, perché è stato il modo in cui Ernst Happel si è presentato e i successi che ha ottenuto.

Due centrocampisti centrali (Jansen e Poortvliet) come terzini, un terzino (e centrocampista centrale, come tutti all’epoca) Krol come libero avanzato, ala Rep al posto del mancante Cruijff al centro dell’attacco: versatilità e forza di gioco a tutti gli angoli e alle estremità

Nell’era dopo il macinino Branko Zebec, Happel ha costruito sull’eccellente quadro tattico, lo ha raffinato e ha costruito una delle migliori squadre d’Europa. Hanno perso per un pelo la finale di Coppa UEFA contro l’IFK Gothenburg nel 1981, due anni dopo hanno sorprendentemente sconfitto la Juventus Torino – una storia tutta sua, che spiegheremo più avanti.

“È sempre stato ritratto come un cane ringhioso, ma era esattamente il contrario. Solo un esempio: Potremmo portare i bambini all’allenamento la domenica mattina. Happel amava i bambini, era pazzo di loro e i bambini lo amavano. Era una persona amante del divertimento, esperto di calcio, semplicemente un bravo ragazzo”. Horst Hrubesch sul suo ex allenatore

Ancora oggi, questo è il grande successo nella storia di Amburgo. Felix Magath ha segnato con un meraviglioso tiro di sinistro, i torinesi hanno così perso contro i “ragazzi semplici” dell’Amburgo e il loro sempre scontroso allenatore Happel. Rimase con i rossi fino al 1987, vinse un’altra Coppa DFB e servì anche come consigliere dell’allenatore nazionale Franz Beckenbauer.

“Prima della finale di Coppa Europa del 1983 contro la Juventus Torino, ha organizzato una passeggiata su un campo da golf. Jakobs, Kaltz, Magath ed io eravamo lì. Era da chiarire: Mettere Platini in difesa a uomo, sì o no? Abbiamo valutato i pro e i contro. Eravamo dell’opinione che non fosse necessario e Happel ha detto: ‘Bene, atteniamoci a questo e non giochiamo la difesa a uomo’. Ha funzionato abbastanza bene”. Horst Hrubesch in un’intervista con welt.de

Ernst Happel

È scomparso in Austria, ha preso il controllo di Swarovski Tirol lì e più tardi è diventato anche l’allenatore nazionale del suo paese d’origine. Ma la sua malattia da cancro ai polmoni stava già diventando evidente; i critici parlavano di vedere Ernst Happel morire sulla panchina dell’allenatore. Morì quattro giorni prima di una partita internazionale contro la Germania e uno dei più grandi cessò di esistere troppo presto all’età di soli 67 anni.

“Dopo l’ultima analisi, il medico di Vienna mi ha scritto una lettera dicendo che potrebbe essere maligno. Ho letto solo una riga e mezza della lettera, poi l’ho rimessa in tasca e mi sono detto: “Mi sta scivolando sulla schiena”. Se ho il cancro, allora ho il cancro. Non posso farci niente”.

Cosa c’era di così speciale in Ernst Happel?

Probabilmente la domanda più difficile, perché la risposta è così complessa e difficile da comprendere. Günther Netzer disse una volta che Happel era “il più umano di tutti gli arrotini”. Ma Happel non era né un macinatore né un “brontolone”. Al contrario, il comportamento autoritario di Happel era solo per lo spettacolo, per i media e per i giocatori.

“Ve lo immaginate che ci ordina di fare aerobica? Ha assunto due donne, ci ha ordinato di andare in studio e abbiamo dovuto imitare le signore. Era nuovo, affascinante e si adattava perfettamente come supplemento al normale allenamento. Happel ha sempre pensato fuori dagli schemi, basta chiedere a Günter Netzer”. Horst Hrubesch

L’Amburgo ha giocato con Libero Hieronymus travestito e in avanzata, con il fianco banana personificato Manni Kaltz a destra, un asimmetrico e game designer Magath, che ha usato la zona libera avversaria per segnare il gol della vittoria

A differenza di Felix Magath, che usa la paura dei suoi giocatori, Happel chiedeva solo rispetto. Ma ha anche portato questo rispetto ai suoi giocatori, cosa che non è possibile con la paura. Happel era quindi su un piano di parità con i suoi giocatori, li vedeva alla pari e li lasciava anche discutere tra di loro. Poi ha usato le soluzioni risultanti per prendere le sue decisioni. Un concetto che promuoveva giocatori maturi senza pretenderli.

“Se il giocatore non controlla la palla, ma la palla controlla il giocatore, allora è finita”.

Anche se non è uno stile di leadership partecipativo o democratico, è diverso da uno stile di leadership autocratico, usato da Branko Zebec o ancora oggi da Felix Magath. Ernst Happel usava il suo carisma e la sua autorità naturale per convincere e impressionare i suoi giocatori. La sua indiscussa competenza ha fatto il resto.

“Quando ho parlato con lui come giocatore, non ha mai dato l’impressione che lui fosse il capo e io il suo subordinato. Era una conversazione tra pari. Aveva sempre cercato di far passare la sua idea. Chi ne aveva uno migliore doveva dimostrarlo, poi veniva preso”. – Horst Hrubesch

In questo senso, si potrebbe facilmente paragonarlo a Ottmar Hitzfeld, anche se Happel era chiaramente in anticipo sui tempi in termini di professionalità sul campo di allenamento, motivo per cui è emersa l’immagine dell’arrotino – puntualità, disciplina, lavoro di squadra erano le sue parole d’ordine, che faceva rispettare per principio.

“Non mi interessa quello che vogliono i giocatori. Bisogna essere prima di tutto un essere umano. Si può essere duri, senza brutalità, ma umani. I giocatori devono avere rispetto. Un giocatore può avere rispetto solo se è convinto che l’allenatore è un professionista e conosce la materia, altrimenti i giocatori ridono dell’allenatore”.

Tuttavia, è sbagliato ridurlo solo al suo allenamento, alle sue squadre con una forte condizione e al suo carisma. Happel potrebbe fare tutto. Giocava con i media, aveva sempre l’attenzione su di lui e in un certo senso aveva il carisma di un Mourinho senza portare i suoi tratti antipatici nell’occhio pubblico invece ha tenuto il silenzio o ha dato le sue leggendarie risposte brevi. Inoltre, secondo la sua stessa dichiarazione, si occupava della moderna metodologia di allenamento, considerava i trucchi psicologici ed era probabilmente il migliore nel suo campo tatticamente.

“Bisogna portare con sé tutti i prerequisiti che riguardano il calcio. Prima di tutto, lo sviluppo condizionale dei giocatori, in secondo luogo, la capacità tattica, bisogna sempre essere aggiornati, cambia nel giro di tre, quattro, cinque anni, di solito c’è un nuovo sistema o nuove varianti. Certo, non è detto che si debba adattare questo, bisogna avere il materiale del giocatore anche per questo”.

Ha installato la trappola del fuorigioco, che Rapid ha portato in Europa dal Sud America negli anni ’50, in tutte le sue squadre. Ha anche fatto giocare la squadra con la copertura degli spazi e ha convertito il pressing isolato o il leggero movimento collettivo in un pressing organizzato, che è stato per lo più giocato come pressing d’attacco con un 4-3-3. Questo 4-3-3, tra l’altro, è stato copiato da Rinus Michels, che fino ad allora, dopo Lobanovskiy, aveva preso la strada del 4-4-2. Quest’ultimo non solo aveva ritirato un’ala dal 4-2-4, come fece il Brasile con Zagallo nel 1958, ma entrambi.

Ernst Happel

Happel, invece, ha rischiato, non ha ritirato le ali ma uno dei centravanti e così aveva due ali, tre centrali e un centravanti – una rivoluzione all’epoca, anche se Happel, come Lobanovskiy, sapeva anche sperimentare sistemi tipo 4-5-1.

“Happel l’ha solo sfiorato abbastanza spesso. Una volta mi disse: Una volta mi disse: ‘Mago, lascerò che Netzer si alleni con noi più tardi’. Ma non lo farai giocare”. Questo è quello che abbiamo fatto. Dopo 15 minuti, Netzer se l’è presa con me: “Horst, è stata opera tua, vero? Happel ha riso a crepapelle”. – Horst Hrubesch

Era anche eccellente nell’adattarsi alle circostanze specifiche di un avversario o di una partita. Prima della finale del 1983, parlò della Juventus come di una “grande squadra con piccole debolezze”; contro il Celtic nella finale del 1970, fece giocare un pressing più aggressivo con l’uomo-fuoco su Johnstone, che fu anche raddoppiato nel pressing difensivo. A Moulijn fu persino detto di bloccare i passaggi da Hay a Johnstone, e anche altri giocatori furono istruiti sulla corretta consegna delle corsie di passaggio – potrebbe essere il primo uso organizzato documentato delle ombre di copertura.

Hosting for 1 buck!

“Sono a favore del calcio offensivo, da dietro, che è il gioco totale. Ma con un avversario forte, bisogna anche giocare prima in difesa e poi avere rapidi contrattacchi. L’avversario deve essere sempre attaccato in anticipo, tutto insieme lo chiamo pressing”.

Happel, tra l’altro, si allenava anche nel modo che Volker Finke avrebbe poi “inventato”: apprendimento di scoperta invece di apprendimento ricettivo nell’allenamento. Ecco perché i suoi discorsi alla squadra erano così brevi (á la “Geh’ ma raus. Und’s Pressing ned vergess’n”), perché i suoi giocatori sapevano già dall’allenamento esattamente come dovevano comportarsi in campo. Non c’era bisogno di grandi discorsi, perché il movimento sul campo era predeterminato e non un prodotto del caso. Il meraviglioso lavoro contro la palla è nato nelle ore, nelle settimane e nei mesi sul campo di allenamento, non sulla tavola delle tattiche o sul tavolo da disegno.

“Happel è stato in grado di spiegare ad ogni giocatore cosa voleva da lui. Non con le parole, non ha parlato. I suoi allenamenti erano tali che è diventato una seconda natura per i giocatori”. Max Merkel

Che si tratti di media, psicologia, teoria della formazione, tattica o filosofia – Ernst Happel era un visionario, un teorico e un praticante, un romantico e un pragmatico. Inoltre, era anche così semplice e semplicistico che divenne semplicemente paradossale per gli esperti che chiedevano a gran voce la complessità; e lo è ancora oggi.

“Non ci sono miracoli, al massimo stranezze. All’ultima Coppa del Mondo in Argentina, ho allenato gli olandesi. Poco prima del torneo, abbiamo giocato contro l’Austria. Lì abbiamo operato con il centrocampo ispessito, come la squadra aveva fatto prima del mio tempo. Cinque uomini a centrocampo, solo uno davanti. Abbiamo vinto 1:0. Più tardi nel torneo della Coppa del Mondo abbiamo giocato contro gli austriaci di nuovo, ma ora con il mio pressing, tre attaccanti. Gli austriaci pensavano ancora alle vecchie tattiche dell’Olanda e attaccarono loro stessi. Abbiamo avuto molto spazio e abbiamo vinto 5:1″.

Fonte: spielverlagerung.de

efootwear.com Asics runner





Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code