toba60

Esclusivo! Ecco a Voi la Nanotecnologia al Microscopio Trovata nei Coaguli di Sangue Estratti da Coloro che sono “Morti Improvvisamente”

Quelle che avrete modo di vedere sono immagini uniche sviluppate presso un laboratorio di ricerca indipendente, come è normale che sia, in momenti come questi dove la censura la sta facendo da padrona.

Le numerose slider predisposte sono un eccellente materiale di studio per gli addetti ai lavori che qui possono vedere con dovizia di particolari ogni sequenza in atto a seguito dell’inoculazione dei finti vaccini il cui scopo lascia intravvedere uno scenario assai drammatico a medio e lungo termine.

Toba60

Il nostro lavoro come ai tempi dell’inquisizione è diventato attualmente assai difficile e pericoloso, ci sosteniamo in prevalenza grazie alle vostre donazioni volontarie mensili e possiamo proseguire solo grazie a queste, contribuire è facile, basta inserire le vostre coordinate già preimpostate all’interno dei moduli all’interno degli editoriali e digitare un importo sulla base della vostra disponibilità.

Se apprezzate quello che facciamo, fate in modo che possiamo continuare a farlo sostenendoci oggi stesso…

Non delegate ad altri quello che potete fare anche voi.

Staff Toba60

Esclusivo

Foto scioccanti al microscopio di coaguli di sangue estratti da persone “morte all’improvviso”: strutture cristalline, nanofili, strutture di chip simili al silicio, particelle calcaree e strutture fibrose che sembrano tessuto muscolare ma si stanno formando all’interno dei vasi sanguigni.

Oggi pubblichiamo una serie di foto al microscopio di laboratorio di rari coaguli ora abitualmente riscontrati in adulti “morti all’improvviso”, di solito entro alcuni mesi dalla vaccinazione covidica.

Questi coaguli vengono spesso definiti “coaguli di sangue”, ma non assomigliano affatto ai coaguli normali e sono costituiti da molto più che semplici cellule del sangue. A differenza dei coaguli normali, che sono gelatinosi, quasi gelatinosi, questi cosiddetti “coaguli” contengono elementi strutturali ripetitivi estremamente grandi e complessi (tutti mostrati di seguito), che sono stati chiaramente accumulati nel sangue delle vittime che sono morte a causa di questi coaguli.

Tutti questi coaguli sono stati rimossi dai pazienti entro poche ore dalla loro morte. Non sono il risultato di una stasi sanguigna post-mortem. Si tratta di strutture presenti nei vasi sanguigni e nelle arterie. Non si tratta di sangue coagulato.

Ecco una fiala di questi coaguli grezzi, lavati dal sangue e conservati, prima della colorazione:

Queste strutture presentano le seguenti sorprendenti proprietà:

Sono tenaci, fibrosi ed elastici, con proprietà simili a quelle di piccoli elastici. Sono costituiti da molti filamenti di piccole fibre.

Questi filamenti fibrosi (si veda l’ultima serie di foto nella prossima sequenza di foto) mostrano schemi ripetitivi e ingegnerizzati simili a scaglie, come se il corpo fosse stato programmato per costruire un’altra forma di vita all’interno dei vasi sanguigni.

In questi coaguli si trovano strane strutture cristalline che mostrano trasparenza e resistenza alle normali tecniche di colorazione di Gram. Di seguito è riportato un esempio di struttura che sembra assomigliare a un biocircuito al silicio o a un microchip.

Non sappiamo ancora cosa sia. Una delle serie di foto qui sotto rivela quello che sembra essere un filo di biocircuito che mostra chiaramente schemi ripetitivi e strutture di interfaccia su scala nanometrica che si assemblano in una geometria specifica per uno scopo sconosciuto.

Contesto delle foto che state per vedere

Ho ricevuto questi campioni di “coaguli di sangue” da una fonte affidabile che opera nel campo dell’imbalsamazione e che ha confermato che non si tratta di vasi sanguigni o di altri tessuti di alcun tipo.

Si tratta di strutture che sono state evacuate dall’interno dei vasi sanguigni durante le procedure di imbalsamazione. Ho colorato questi campioni con le tecniche standard di colorazione di Gram utilizzate in microbiologia per migliorare il contrasto strutturale durante la microscopia. Uno dei campioni sottostanti, quello più giallastro, è stato colorato solo con lo iodio e non con il colorante viola.

I campioni sono stati poi lavati con alcol etilico e preparati su vetrini utilizzando una preparazione standard dei campioni di tessuto per la microscopia. L’ingrandimento del microscopio varia da 20x a 1500x, come mostrato nella foto qui sotto. Gli ingrandimenti sono indicati in ogni serie di foto. Sono in possesso di questi campioni e posso riprodurre queste fotografie se necessario.

Qualsiasi operatore di laboratorio competente in microscopia potrebbe riprodurre queste foto utilizzando gli stessi campioni. Le descrizioni che seguono sono semplicemente le mie osservazioni e non intendono indicare la certezza delle sostanze identificate.

Ad esempio, quando parlo di “biocircuiti” o “nanofili”, non posso confermare che si tratti di strutture progettate per i biocircuiti. Si limitano ad assomigliare a strutture che sembrano indicare un tale scopo, ma sarebbero necessarie ulteriori ricerche per confermare queste osservazioni.

Set fotografico di microscopia #1: bizzarre nanostrutture cristalline

Questa prima serie mostra strane strutture cristalline che resistono alle tecniche di colorazione e sembrano mostrare una sorta di strutture cristalline trasparenti su scala nanometrica che normalmente non apparirebbero mai nel sangue o nei coaguli di sangue.

Tutto ciò che vedete in queste immagini è parte di un coagulo di sangue prelevato da un essere umano deceduto.

Gli ingrandimenti mostrati sono 20x, 50x, 200x e 500x:

Set fotografico di microscopia #2: Strutture, filamenti e particelle

Questa seconda serie mostra dettagli molto ravvicinati dei filamenti, delle strutture e delle particelle presenti in questi coaguli di sangue.

Gli ingrandimenti mostrati sono 20x, 50x, 100x, 200x, 500x, 1000x: (gli ingrandimenti estremi causano una perdita di profondità di campo, motivo per cui le foto fortemente ingrandite appaiono così sfocate in certe aree)

Set fotografico di microscopia #3: strutture cristalline

Le strutture cristalline sono attaccate alla struttura crostosa del coagulo di sangue. Ricordiamo che questo coagulo è colorato con un colorante viola, il che spiega il suo colore viola scuro.

Gli ingrandimenti sono 20x, 50x, 100x, 200x, 500x e 1000x:

Set di foto al microscopio n. 4: il materiale fibroso non è semplicemente un globulo congelato.

Il campione seguente è stato colorato con iodio e poi lavato con alcol etilico. Se non ci si rendesse conto della provenienza, si potrebbe pensare che si tratti di un campione di carne secca o di una crocchetta di pollo. In realtà, si tratta di tessuto coagulato che si trova all’interno dei vasi sanguigni o delle arterie.

Come si può notare, non si tratta affatto di coaguli di sangue “normali”. Hanno una struttura e sono fibrosi. Sono chiaramente costruiti dall’organismo, utilizzando le istruzioni della sintesi proteica per creare questa grande massa che sembra quasi un tessuto muscolare. Tuttavia, viene costruito all’interno dei vasi sanguigni.

Gli ingrandimenti sono 20x, 50x, 100x e 200x:

Set di foto al microscopio #5: struttura “chip” simile al silicio

Questa serie mostra qualcosa che sembra assomigliare a strutture di microchip basate sul silicio, anche se non posso dire con certezza che si tratti di un circuito di qualsiasi tipo. Si tratta semplicemente dell’aspetto dei microcircuiti a ingrandimenti simili.

Gli ingrandimenti utilizzati sono 20x, 50x, 100x, 200x e 500x:

Set di foto al microscopio n. 6: particelle bianche gessose

Un imbalsamatore mi ha detto che il sangue che viene rimosso dai corpi di queste persone durante l’imbalsamazione spesso sembra mostrare particelle bianche “simili a gesso” che in alcuni casi sono visibili anche a occhio nudo.

Le mie foto al microscopio sembrano aver catturato alcune di queste particelle bianche simili a gesso che resistono alla colorazione e sembrano essere sparse in alcune regioni di questi coaguli.

Gli ingrandimenti utilizzati sono 20x, 50x, 100x, 200x, 500x, 1000x e 1500x:

Set fotografico di microscopia #7: strutture “nanowire” e scale strutturali ripetitive

Quello che segue è uno sguardo impressionante su ciò che sembra, in un primo momento, un filo in microscala. Zoomando, si nota una serie di strutture ripetute nella parte superiore che sembrano essere giunzioni di interfaccia tra fili su scala nanometrica. L’intero “cavo” è costituito da segmenti ripetuti e il suo strato esterno è ricoperto da motivi ripetuti “a scaglie” che ricordano più la pelle dei rettili che quella degli esseri umani.

Per la cronaca, non sappiamo quali siano queste strutture. Tuttavia, è chiaro che non appartiene a nessuna parte del sistema circolatorio.

Infine, questa fibra non è un semplice capello umano. È saldamente attaccato al coagulo di sangue e quando ho provato a rimuoverlo, non si è strappato facilmente. Non si tratta di un problema di contaminazione, ma di una struttura che proviene dal coagulo stesso. Tutto ciò che vedete qui è uscito dai vasi sanguigni di un essere umano:

Gli ingrandimenti utilizzati sono 20x, 50x, 100x, 200x, 200x, 200x, 500x, 500x, 500x, 500x, 1000x e 1500x:

Che cos’è tutto questo?

Non sappiamo ancora cosa siano tutte queste strutture. Tuttavia, sappiamo cosa non sono: non sono semplicemente cellule del sangue coagulate. Se così fosse, all’ingrandimento di 1500x mostrato nell’ultima immagine, sopra, saremmo in grado di vedere le singole cellule del sangue.

Non si tratta di cellule del sangue, ma di strutture proteiche.

Le strutture proteiche che circolano nel sangue, che si accumulano nel tempo, sono chiaramente costruite dalle cellule dell’organismo. I ribosomi nelle cellule indicano all’organismo quali proteine costruire. Questi ribosomi vengono dirottati dalle iniezioni che sovrascrivono le nuove istruzioni alle cellule, inducendole a produrre qualcosa di non umano.

Credo che le strutture che vedete qui sopra siano il risultato delle istruzioni per la sintesi proteica dell’mRNA che sono state iniettate nelle persone sotto il falso ombrello dei “vaccini”. Accolgo con favore il contributo di altri esperti che potrebbero avere altre teorie o spiegazioni per l’origine di questo fenomeno (Nota: gli studi non hanno trovato mRNA nei vaccini COVID-19).

Sono necessarie ulteriori ricerche per confermare la funzione e la composizione di queste strutture, ma a causa dell’estrema censura e dell'”autoritarismo scientifico” che esiste oggi nel mondo, nessun laboratorio o università oserà esaminare questi coaguli e riportare onestamente i risultati. In questo modo si rischierebbe di perdere tutti i finanziamenti NIH e le sovvenzioni federali, poiché le stesse persone che progettano vaccini e armi biologiche controllano anche la maggior parte dei finanziamenti per la scienza negli Stati Uniti.

Pertanto, solo gli scienziati, i laboratori e i giornalisti indipendenti avranno il coraggio di dire la verità su questi coaguli.

In conclusione, non si tratta di coaguli di “sangue”. Sono strutture presenti nel sangue. Si tratta di “coaguli strutturali” o “coaguli fibrosi” estremamente grandi che si formano all’interno dell’organismo nel corso del tempo.

La mia grande preoccupazione è che tutte le persone a cui sono state iniettate le istruzioni per l’mRNA stiano costruendo queste strutture fibrose all’interno del loro corpo proprio in questo momento e che sia solo questione di tempo prima che blocchino le arterie principali o causino infarti, ictus o altri problemi acuti. cause della “Sindrome della morte improvvisa dell’adulto” (SADS).

Credo che queste strutture possano spiegare perché tanti adulti apparentemente sani muoiono improvvisamente.

Fonte: Esercito Remnant

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code