toba60

Esperimenti di Asch e Milgram Controllo Mentale Sociale Passivo e Attivo

Views: 605

Quando tutti hanno un cellulare ultima generazione o si vestono allo stesso modo o decidono di andare contemporaneamente in spiaggia sottoponendosi a estenuanti code in macchina, oppure con estrema facilita’ passano da un partito politico ad un altro, avrete un chiaro esempio di quello che Milgram e Asch hanno esposto nei loro esperimenti, che ora avrete modo di conoscere attraverso questa breve ma molto precisa e dettagliata esposizione delle loro ricerche.

Invito tutti al termine della lettura a fermarsi un attimo e riflettere attentamente sul significato che si evidenzia in tutta la sua prorompente realta’.

Toba60

Controllo Mentale Sociale Passivo e Attivo

La gente ancora oggi crede di fare le cose per scelta e per propria volontà, come andare a una manifestazione per chiedere più o meno la stessa cosa, cioè bastoni e più dittatura segreta chiamata eufemisticamente, democrazia o in dittature aperte chiedere una dittatura segreta, chiamata “democrazia”. Tra il sistema di “educazione”, i mezzi di disinformazione e i gruppi di manipolazione sociale creati dai Rockefeller (15-M, Real Democracy Ya, Occupy wall street, CIAnonymous, ecc.) ,

È molto facile guidare l’umano, ma questo non lo fa È nuovo e i suoi effetti possono essere verificati decenni fa, quindi chiamare pappagalli, ripetitori ed esseri non pensanti è persino offensivo per l’animale, vedendo il comportamento raggiunto nell’uomo dopo un addestramento di diversi millenni.

Solomon Asch (14/09/1907 – 20/02/1996) era uno psicologo americano di fama mondiale e prestigioso grazie al suo lavoro pionieristico in psicologia sociale. È nato a Varsavia, in Polonia, ed è emigrato negli Stati Uniti nel 1920. Ha conseguito la laurea presso il College of the City di New York nel 1928. Poi, alla Columbia University, ha conseguito il master e il dottorato in 1930 e 1932, rispettivamente. È stato professore di psicologia allo Swarthmore College per 19 anni, dove ha lavorato con importanti psicologi, tra cui Wolfgang Köhler. È diventato famoso negli anni ’50 a causa degli esperimenti condotti sulla conformità, dove è stato dimostrato che la pressione sociale sulle persone può indurle volontariamente a commettere errori.

CONTROLLO PASSIVO

Chiedere un esperimento di conformità

Furono una serie di esperimenti condotti nel 1951 che dimostrarono in modo significativo il potere di conformità nei gruppi.

Gli sperimentatori, guidati da Solomon Asch, hanno chiesto ad alcuni studenti di partecipare a un “test di visione”. In realtà tutti i partecipanti all’esperimento tranne uno erano complici dello sperimentatore e l’esperimento consisteva davvero nel vedere come lo studente rimanente reagiva al comportamento dei complici. L’obiettivo esplicito della ricerca era studiare le condizioni che inducono gli individui a rimanere indipendenti o a subire pressioni di gruppo quando sono contrarie alla realtà.

I partecipanti – il vero soggetto e i complici – erano tutti seduti in un’aula dove era stato chiesto loro di dire ciò che pensavano fosse la lunghezza di diverse linee tracciate in una serie di mostre: è stato chiesto loro se una linea fosse più lungo di un altro, che era della stessa lunghezza, ecc. I complici erano stati preparati a dare risposte errate nei test e determinare se ciò influenzasse le risposte degli altri studenti.

Processo

Un gruppo di 7-9 studenti è stato riunito in una classe e lo sperimentatore ha indicato che l’esperimento consisterebbe nel confrontare coppie di linee. Sarebbero mostrate due carte, in una apparirebbe una linea verticale e nelle altre tre linee verticali di diversa lunghezza. I partecipanti dovrebbero quindi indicare quale delle tre linee sulla seconda carta aveva la stessa lunghezza dello standard della prima.

Del gruppo di partecipanti, tutti tranne uno erano in realtà complici del ricercatore, il rimanente (soggetto critico) era al centro dell’esperimento, che è stato messo nella posizione di dover dare la loro risposta dopo aver sentito la maggior parte delle risposte di altri. L’esperimento consisteva nel fare 18 confronti di carte con i complici le istruzioni per dare una risposta errata in 12 di esse.

Nei primi due, sia i complici che il soggetto critico hanno risposto all’unanimità alla risposta corretta. Tuttavia, dal terzo test, i complici indicano intenzionalmente una risposta errata. In questo, il soggetto fornisce la risposta corretta alla fine, rimanendo sorpreso dalle risposte precedenti (e errate) dei complici. Nel seguente test la situazione si ripete: i complici danno all’unanimità una risposta errata e il soggetto critico non è d’accordo nel dare la risposta sbagliata ma mostrando una maggiore confusione. Quando la situazione si ripete, il soggetto critico alla fine cede alla pressione di gruppo e indica anche una risposta errata.

Risultati

L’esperimento è stato ripetuto con 123 partecipanti diversi. È stato riscontrato che sebbene in circostanze normali i partecipanti abbiano dato una risposta errata l’1% delle volte, la presenza di pressione di gruppo ha portato i partecipanti a lasciarsi trasportare dall’opzione sbagliata il 36,8% delle volte.

Sebbene la maggior parte dei soggetti abbia risposto correttamente, molti hanno mostrato disagio estremo e un’alta percentuale di essi (32%) si è conformata al punto di vista della maggioranza degli altri quando erano presenti almeno tre complici, anche se la maggioranza ha affermato che due le linee con diversi centimetri di differenza di lunghezza erano uguali. Quando i complici non emettevano un giudizio unanime, era più probabile che il soggetto fosse in disaccordo rispetto a quando tutti concordavano. I soggetti che non sono stati esposti all’opinione della maggioranza non hanno avuto problemi a dare la risposta corretta.

Video dell’esperimento di Asch Digitare Qui

Una differenza tra l’esperimento di conformità di Asch e il famoso anche in psicologia sociale “Milgram Experiment” (ispirato a Solomon Asch) condotto da Stanley Milgram è che i soggetti di questo studio hanno attribuito il risultato alla loro “cattiva vista” o mancanza di giudizio, mentre nell’esperimento Milgram incolpavano lo sperimentatore per il suo comportamento.

Gli esperimenti di Asch possono fornire alcune prove empiriche rilevanti ad alcune delle idee che compaiono nel romanzo di George Orwell del 1984 . Serve anche a illustrare il concetto di “prendere un cervo e chiamarlo cavallo” (指鹿為馬 / 指鹿为马), una prova di lealtà verso i suoi subordinati di Zhao Gao.

Nel 1962 Solomon Asch si unì al programma televisivo americano “Candid camera” per dimostrare quanto velocemente una norma sociale di base (come le persone in piedi in un ascensore) potesse essere invertita con l’accordo del gruppo. Immagina tutti i comportamenti e le convinzioni che potresti ottenere con l’inganno, attraverso il potere della pressione sociale. L’esperimento con l’ascensore continua ad essere efficace, come si può vedere quando fu replicato al Campus dell’Università del Sud della Florida.

Il seguente video contiene una miscela del vecchio esperimento con quello nuovo. Osserva il grado di stupidità che può essere raggiunto per “adattarsi” socialmente. Lo stesso di oggi può essere visto quando si tratta di “andare di moda” nell’abbigliamento, per esempio.

Solomon Asch Esperimento Televisivo Candid Camera Digitare Qui Downolad Esperimento Pdf

CONTROLLO ATTIVO

Esperimento Milgram

Stanley Milgram (New York, 15/08/1933 – 20/12/1984) era uno psicologo laureato alla Yale University che conduceva “gli esperimenti del piccolo mondo” (la fonte del concetto dei sei gradi di separazione) e il “Milgram Experiment” sull’obbedienza all’autorità. Di famiglia ebraica, suo padre era ungherese e sua madre era rumena.

Sebbene sia considerato uno dei più importanti psicologi del ventesimo secolo, Milgram non ha mai studiato psicologia durante gli studi di scienze politiche al Queens College di New York, dove si è laureato nel 1954. Ha conseguito un diploma post-laurea in psicologia sociale presso l’Università di Harvard e Inizialmente fu respinto a causa della mancanza di studi psicologici. Fu accettato nel 1954 dopo aver seguito sei corsi di psicologia e si laureò nel 1960.

Processo

Attraverso la pubblicità su un giornale di New Haven (Connecticut), i volontari sono stati dichiarati partecipanti a un saggio sullo “studio della memoria e dell’apprendimento” a Yale, per il quale sono stati pagati quattro dollari (equivalenti a 28 dollari attuali) più diete I volontari che si sono presentati sono stati nascosti che avrebbero effettivamente partecipato a un’indagine sull’obbedienza all’autorità. I partecipanti erano persone di età compresa tra 20 e 50 anni di tutti i tipi di istruzione: da coloro che avevano appena lasciato la scuola elementare, operai edili, operatori telefonici o barbieri, ad eccezione di studenti universitari e dottorati.

L’esperimento richiede tre persone: lo sperimentatore (il ricercatore universitario), l ‘”insegnante” (il volontario che legge l’annuncio sul giornale) e lo “studente” (un complice dello sperimentatore che finge di essere un partecipante all’esperimento ). Lo sperimentatore spiega al partecipante cosa deve fare come insegnante e deve punire lo studente con scosse elettriche ogni volta che una domanda fallisce.

Successivamente, ciascuno dei due partecipanti sceglie un documento da una casella che determinerà il loro ruolo nell’esperimento. Il complice assume il suo ruolo e afferma di essere stato designato come “studente”. Il partecipante volontario prende il suo e vede ciò che dice “insegnante”. Infatti, in entrambi i ruoli ha messo “insegnante” e quindi si ottiene che il volontario con cui sta per sperimentare riceve necessariamente il ruolo di “insegnante”.

Separato da un modulo di vetro dall ‘”insegnante”, lo “studente” siede in una specie di sedia elettrica ed è legato per “prevenire movimenti eccessivi”. Gli elettrodi vengono posizionati sul corpo con la crema “per evitare scottature” e si nota che gli scarichi possono diventare estremamente dolorosi ma non causano danni irreversibili. Tutto ciò è osservato dal partecipante. Ai partecipanti è stato detto che l’esperimento era in fase di registrazione, in modo da sapere che non potevano negare l’accaduto in seguito.

Inizia dando sia allo “insegnante” che allo “studente” una vera scarica a 45 volt in modo che l ‘”insegnante” controlli il dolore della punizione e la spiacevole sensazione che il tuo “studente” riceverà. Successivamente, il ricercatore, seduto nello stesso modulo in cui si trova “insegnante”, fornisce all’insegnante un elenco di coppie di parole da insegnare allo “studente”. L ‘”insegnante” inizia a leggere la lista e dopo aver terminato leggerà solo la prima metà delle coppie di parole dando allo “studente” quattro possibili risposte per ognuna di esse. Questo indicherà quale di queste parole corrisponde al tuo peer read premendo un pulsante (da 1 a 4 a seconda di quale pensi sia corretto). Se la risposta è errata, lo “studente” riceverà dall’insegnante una prima scarica da 15 volt che aumenterà di intensità fino a 30 livelli di scarica esistenti, ovvero 450 volt. Se è corretto, passerà alla parola successiva.

L ‘”insegnante” crede che stia dando download allo “studente” quando in realtà tutto è una simulazione. Lo “studente” è stato precedentemente istruito dal ricercatore per simulare gli effetti di download successivi. Pertanto, con l’aumentare del livello di dimissione, lo “studente” inizia a battere sul vetro che lo separa dall’insegnante e si lamenta delle sue condizioni di malattia cardiaca, poi ululerà di dolore, chiederà la fine dell’esperimento, e infine, dopo aver raggiunto i 270 volt, urlerà in agonia. Ciò che il partecipante sente è in realtà una registrazione di gemiti e urla di dolore. Se il livello di presunto dolore raggiunge i 300 volt, lo “studente” smetterà di rispondere alle domande e ci saranno delle convulsioni prima di svenire.

Di solito, quando gli “insegnanti” raggiungevano i 75 volt, erano nervosi per le lamentele del dolore dei loro “studenti” e volevano interrompere l’esperimento, ma la feroce autorità del ricercatore li faceva proseguire. Al raggiungimento di 135 volt, molti “insegnanti” si fermarono e si domandarono lo scopo dell’esperimento. Un certo numero ha continuato a garantire che non fossero responsabili delle possibili conseguenze. Alcuni partecipanti hanno persino iniziato a ridere nervosamente quando hanno sentito le urla di dolore provenienti dal loro “studente”.

Se il “maestro” ha espresso all’investigatore il suo desiderio di non continuare, ha indicato in modo imperativo e secondo il grado:

  • Continua per favore.
  • L’esperimento richiede che tu continui.
  • È assolutamente essenziale che tu continui.
  • Non hai scelta Deve continuare.

Se dopo quest’ultima frase l ‘”insegnante” ha rifiutato di continuare, l’esperimento è stato interrotto. In caso contrario, si è arrestato dopo aver somministrato il massimo di 450 volt, tre volte di seguito.

Nell’esperimento originale, il 65% dei partecipanti (26 su 40) ha applicato la scarica da 450 volt, anche se molti si sono sentiti a disagio nel farlo. Tutti gli “insegnanti” si sono fermati ad un certo punto e hanno messo in dubbio l’esperimento, alcuni hanno persino detto che avrebbero restituito i soldi che erano stati pagati. Nessun partecipante ha rifiutato categoricamente di applicare più download prima di raggiungere i 300 volt.

Il successivo studio dei risultati e l’analisi dei molteplici test eseguiti sui partecipanti hanno mostrato che “insegnanti” con un contesto sociale più simile a quello del loro “studente” hanno interrotto prima l’esperimento.

RISULTATI

Il professor Milgram ha sviluppato due teorie che spiegano i suoi risultati:

  • La prima è la teoria della conformità , basata sul lavoro di Solomon Asch, che descrive la relazione fondamentale tra il gruppo di riferimento e l’individuo. Un soggetto che non ha la capacità o la conoscenza per prendere decisioni, in particolare in caso di crisi, che porterà al processo decisionale per il gruppo e la sua gerarchia. Il gruppo è il modello di comportamento della persona.
  • La seconda è la teoria dell’oggettivazione (stato agentivo), in cui, secondo Milgram, l’essenza dell’obbedienza consiste nel fatto che una persona si considera uno strumento che realizza i desideri di un’altra persona e quindi Non si considera responsabile delle sue azioni. Una volta che questa trasformazione della percezione personale è avvenuta nell’individuo, si verificano tutte le caratteristiche essenziali dell’obbedienza. Questo è il fondamento del rispetto militare per l’autorità: i soldati seguiranno, obbediranno ed eseguiranno gli ordini e le istruzioni impartite dai superiori, con la consapevolezza che la responsabilità delle loro azioni spetta al comando dei loro superiori gerarchici.

Il Gioco Della Morte Video Digita Qui

Fortunatamente non tutte le persone sono così facili da manipolare, ma la stragrande maggioranza in un modo o nell’altro viene ingannata e utilizzata ai fini della Fratellanza Babilonese.

Fonte: todoestarelacionado.wordpress.com

Controllo MentaleVoto medio su 4 recensioni: Buono
€ 17,00

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code