toba60

Fattori Chiave per Allenare il Calciatore Moderno

Il segreto di un bravo allenatore di calcio?

Scordarsi ogni tanto che la palla è rotonda ed entrare nell’ordine delle idee che se fosse quadrata tutto sarebbe assai più’ complicato……..

solo così avrà ben chiaro il concetto che tutto è sostanzialmente molto facile cosi come stanno ne cose.

Toba60

Meno dello 0,1% dei nostri lettori ci supporta, ma se ognuno di voi che legge questo ci supportasse, oggi potremmo espanderci, andare avanti per un altro anno e rimuovere questo fastidioso Banner…

Allenare il Calciatore Moderno

Chiedete a qualsiasi allenatore di oggi qual è la sua sfida più difficile e molto probabilmente non vi risponderà con domande sui falsi nove o sul contropressing.

Al contrario, probabilmente vi dirà che lavorare, coinvolgere e cercare di ottenere il meglio dalla generazione di oggi è la sfida più grande nel gioco dell’allenatore. Con un numero di informazioni tattiche, di allenamento e di scienza dello sport mai visto prima, allenare dovrebbe essere più facile, ma a quanto pare sta diventando sempre più difficile.

I messaggi che inviamo si perdono o vengono mal interpretati e i conflitti tra giocatori e allenatori aumentano in modo allarmante. A livello professionale si parla di “potere dei giocatori” o di “perdita dello spogliatoio”, ma la realtà è che si tratta di una sfida che gli allenatori di tutti i livelli devono affrontare. Troppi programmi oggi sono diventati un campo di battaglia psicologico, con il tradizionale approccio autoritario dell’allenatore che allontana i giocatori dall’eccellenza invece di spingerli verso di essa.

A ben guardare, però, non dovremmo sorprenderci del clima attuale. I giocatori di oggi sono cresciuti in un mondo fondamentalmente diverso da quello che abbiamo vissuto noi da bambini. Non possiamo aspettarci che giochino per strada tutto il giorno finché non fa buio, per il semplice fatto che le strade di oggi non sono sicure. I costi dell’istruzione superiore sono in aumento e hanno aumentato la pressione sui giovani come mai prima d’ora.

Gli allenatori si lamentano di conoscere il valore del duro lavoro, ma oggi sono sempre meno gli adolescenti che svolgono lavori part-time o estivi, perché nessuno dei due può far ottenere una borsa di studio. Jeffrey Zaslow, editorialista del Wall Street Journal, si è occupato delle tendenze del mondo del lavoro e ritiene che lo sport non sia l’unico luogo in cui si è verificato un cambiamento.

“Quando eravamo più giovani, c’era un insegnante di pianoforte che si aspettava che ti esercitassi al piano e che lavorassi sodo, e i genitori se lo aspettavano. Ora i genitori dicono: ‘Divertiti, impara il piano, esercitati un po”. Non c’è quindi l’aspettativa di ottenere risultati e di lavorare sodo”, dice Zaslow. “Non c’è la stessa etica del lavoro”. Si capisce perché molti allenatori hanno opinioni diverse con i loro giocatori su cosa sia il ritmo di lavoro e quanto sia importante per avere successo.

Anche se può essere difficile, allenare con successo oggi non è impossibile, a meno che non ci rifiutiamo di capire questa generazione. È qui che gli allenatori devono lavorare di più e in modo più intelligente; la comprensione dei quattro principi dello sviluppo dei giocatori può aiutare gli allenatori in questo percorso.

Non è più accettabile alzare le mani, lamentarsi e fare continui riferimenti a “ai miei tempi…” o “quando avevo la loro età…”. I paletti si sono spostati e ora dobbiamo adattarci il più rapidamente possibile. Jose Mourinho una volta ha detto: “I modelli psicologici devono venire prima dei modelli tattici”. In altre parole, state sprecando il vostro tempo con sessioni di allenamento e presentazioni tattiche se non riuscite a relazionarvi, a connettervi e a comunicare con i vostri giocatori.

Personalità del giocatore moderno

Analizziamo più da vicino il giocatore moderno e vediamo quali sono i tratti di personalità che lo accomunano:

MOLTO SICURO DI SÉ

Il giocatore con cui lavorate oggi può mettere in discussione i vostri esercizi o le vostre decisioni, senza voler mancare di rispetto. Metterà in discussione i vostri metodi e cercherà di capire perché dovrebbe fare qualcosa. Questa è un’enorme minaccia per gli allenatori insicuri, che scelgono di non lavorare con giocatori di talento perché li considerano erroneamente dei “cattivi atteggiamenti”.

TECNOLOGICAMENTE ESPERTO

Il testo, l’audio e il video di dimensioni ridotte saranno più efficaci con i giocatori moderni. Twitter, Facebook e Instagram hanno plasmato il modo in cui ricevono le informazioni e, soprattutto, la velocità con cui desiderano interpretarle. I libretti degli allenamenti estivi e i manuali delle regole sono oggi superflui, perché i giocatori non si prendono il tempo di sedersi e leggerli. La sfida per gli allenatori è come integrare questo aspetto nel loro allenamento.

PENSATORI INDIPENDENTI

I tempi in cui si motivava una squadra di giocatori nello stesso modo sono ormai lontani. Il pensiero di gruppo è diventato molto più impegnativo per un allenatore, poiché i giocatori hanno bisogno di un approccio molto più personalizzato alla motivazione e a ogni aspetto del loro lavoro. È più difficile far capire l’etica della squadra a tutti i giocatori se alcuni non sono coinvolti come vorrebbero.

AMORE E VARIETÀ NELL’AMBIENTE

La noia in allenamento è un blocco comune che gli allenatori devono affrontare. Ora è diventata una responsabilità dell’allenatore stimolare la mente dei giocatori piuttosto che richiedere semplicemente attenzione e concentrazione. I giocatori del Manchester United sono balzati agli onori della cronaca all’inizio della stagione per essersi stancati dell’amore di Louis van Gaal per la ripetizione costante durante la settimana.

ASPETTARSI RISULTATI VELOCI

I giocatori di oggi riflettono il fascino della società per la “soluzione rapida”. Se lavorano duramente, vogliono essere lodati per questo e, soprattutto, vedere i risultati. Il livello di pazienza del giocatore moderno potrebbe non essere all’altezza di quello dell’allenatore, che ora deve adattarsi prima che il giocatore si disilluda dal lavoro sul campo di allenamento.

Nonostante i numerosi cambiamenti, la buona notizia per gli allenatori sta nel potenziale di cui è capace questa generazione. Bruce Tulgan, consulente e autore di It’s Okay to Manage Your Boss, ritiene che i ragazzi siano pronti a scatenare livelli di successo superiori a quelli che abbiamo mai visto. “Saranno la forza lavoro con il più alto livello di manutenzione nella storia del mondo, ma potrebbero anche essere i più performanti”. Stiamo assistendo alle stesse tendenze ad alte prestazioni in campo con giocatori come Ronaldo e Messi, che stanno raggiungendo risultati incredibili in termini di gol che in passato sarebbero stati derisi.

Allo stesso tempo, i giovani calciatori stanno diventando più atletici e tecnicamente abili rispetto alle generazioni precedenti. Non c’è dubbio che il talento e la capacità siano presenti nei giocatori di oggi. La sfida diventa ora come estrarlo, massimizzarlo e sfruttarlo per il successo della squadra. Senza dubbio, è meglio affrontare direttamente le esigenze e comprendere le caratteristiche dei giocatori di oggi piuttosto che far finta che non esistano. La nostra filosofia di allenamento deve ora includere quanto segue:

FEEDBACK COSTANTE

Dobbiamo avere più incontri individuali con i giocatori e avere un dialogo sui progressi, non un monologo dell’allenatore. I giocatori d’élite di oggi non accettano generalizzazioni come “stai andando bene” e “continua così”. Vogliono un feedback costante e specifico, che deve essere avviato dall’allenatore.

PROGRAMMA INDIVIDUALIZZATO

Il giocatore di oggi non migliora a comando o senza istruzioni specifiche. Vogliono migliorare, migliorarsi e desiderano una struttura di allenamento che li assecondi. Gli allenatori devono ora fornire al loro programma una formazione specifica per la posizione, che permetta ai giocatori di vedere le connessioni nelle situazioni di gioco e di comprendere le istruzioni tattiche in modo più chiaro e rapido.

DIVERTIMENTO

Gli allenatori devono creare un ambiente in cui i giocatori vogliano venire ad allenarsi ogni giorno e lavorare sodo per la squadra. Tutte le sessioni devono includere il pallone e un approccio entusiasta e ottimista da parte dello staff tecnico che ispiri i giocatori quando i loro livelli di energia iniziano a calare.

RELAZIONI SIGNIFICATIVE

Le squadre dovrebbero prendere in considerazione la possibilità di adattare una struttura organizzativa più piatta invece di un modello gerarchico tradizionale, in modo che ci siano meno linee di gestione che possono creare barriere nel programma. Ciò consentirà una comunicazione rapida ed efficace tra lo staff di allenatori, che permetterà di costruire e mantenere relazioni forti.

Se dieci anni fa la sfida per gli allenatori era la comunicazione, oggi la sfida è come e cosa comunichiamo ai nostri giocatori. Urla e grida non sono più metodi efficaci e la paura non governa più gli spogliatoi. L’adattamento è quindi una necessità per gli allenatori di oggi. Non dobbiamo solo adattarci ai cambiamenti del gioco, ma anche alle persone che giocano. E dobbiamo considerarli prima di tutto persone e poi giocatori.

Soprattutto, non è possibile massimizzare il lavoro svolto come allenatore senza avere un forte rapporto con i giocatori e lo staff. Comprendere questi 9 fattori chiave per allenare con successo i vostri giocatori significa che il legame vi permetterà di capire perché devono essere allenati nel modo in cui lo fanno. Inoltre, i giocatori si impegneranno molto di più di una sessione di allenamento solitaria.

Una volta che un giocatore si è integrato con la personalità vostra e del vostro staff, il suo ritmo di lavoro sarà garantito ogni giorno e, cosa più importante, avrete maggiori possibilità di influenzare anche il suo stile di vita. Il segreto del successo risiede quindi nella qualità del lavoro fuori dal campo, prima ancora che l’allenatore possa iniziare a lavorare e sviluppare la propria squadra sul campo.

Gary Curneen

Fonte: playerdevelopmentproject.com

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code