toba60

Fauci Ottiene Finalmente il Covid: Prendete Visione del Significato Insito in Questa Frase

Da un po di tempo stiamo parlando del ridicolo su quanto sta accadendo nel mondo in questo momento, ed a perseguire su queste tematiche si finisce per perdere il senso della realtà.

Il bianco è nero il sotto e’ sopra la terra è piatta e il gatto abbaia mentre il cane piange…

… ed io in questo momento mi associo al mio fedele amico che ha colto in pieno il significato di tutto quello che sta accadendo.

Toba60

Il nostro lavoro come ai tempi dell’inquisizione è diventato attualmente assai difficile e pericoloso, ci sosteniamo in prevalenza grazie alle vostre donazioni volontarie mensili e possiamo proseguire solo grazie a queste, contribuire è facile, basta inserire le vostre coordinate già preimpostate all’interno dei moduli all’interno degli editoriali e digitare un importo sulla base della vostra disponibilità.

Non delegate ad altri quello che potete fare anche voi.

Staff Toba60

Meno dello 0,1% dei nostri lettori ci supporta, ma se ognuno di voi che legge questo ci supportasse, oggi potremmo espanderci, andare avanti per un altro anno e rimuovere questo fastidioso Banner…

Fauci Ottiene Finalmente il Covid

Cosa sia successo esattamente nel mese di febbraio 2020, quando Anthony Fauci e i suoi collaboratori stavano pianificando la risposta alla pandemia, è ancora un mistero. Jeremy Farrar, del Wellcome Trust, nel suo libro sull’argomento afferma che durante queste settimane, i due si misero a usare telefoni usa e getta, a fare videochiamate clandestine e ad avvertire i membri della famiglia che qualcosa di terribile poteva accadere loro.

La loro principale preoccupazione era la possibilità di una fuga di notizie dal laboratorio di Wuhan. Dovevano andare a fondo della questione e preparare il colpo di scena. Sappiamo che la bozza iniziale dell’articolo accademico che negava la fuga di notizie dal laboratorio è uscita il 4 febbraio 2020, poi pubblicata su Lancet il 16 marzo. Ma ciò che è accaduto in queste tre settimane a parte la gita dell’NIH in Cina a metà febbraio per imparare a controllare un virus – rimane nebbioso.

Ma sappiamo che il 2 marzo 2020 Fauci aveva già messo a punto il suo piano. Michael Gerson del Washington Post gli scrisse quel giorno e gli chiese quale fosse lo scopo del distacco sociale. Questo avveniva settimane prima che la maggior parte degli americani avesse sentito questo eufemismo per la separazione forzata degli esseri umani. L’idea era quella di aspettare un vaccino, chiese Gerson?

Fauci rispose in una e-mail privata come segue:

“L’allontanamento sociale non è realmente orientato all’attesa di un vaccino. Il punto principale è prevenire la facile diffusione delle infezioni nelle scuole (chiudendole), negli eventi affollati come teatri, stadi (cancellando gli eventi), nei luoghi di lavoro (facendo telelavoro dove possibile…. L’obiettivo del distanziamento sociale è quello di evitare che una singola persona infetta si diffonda facilmente ad altre, il che è facilitato dal contatto ravvicinato nella folla. La stretta vicinanza delle persone manterrà l’R0 superiore a 1 e persino a 2 o 3. Se riusciamo a portare l’R0 a meno di 1, l’epidemia diminuirà gradualmente e si fermerà da sola senza un vaccino”.

Ecco la teoria di Fauci su come eliminare il virus. Non abbiamo bisogno di un vaccino. Basta chiudere le cose. Stare lontani dalle persone. Non riunirsi. Chiudere le scuole. Chiudere le aziende e le chiese. Tutte le persone stanno lontane da tutte le persone. Il virus R calerà.

Poi il virus scomparirà…. e qui la teoria si fa oscura. Svanisce semplicemente? Si annoia? Si sente frustrato, si arrende e svanisce nell’etere? E quanto deve durare questo nuovo sistema sociale di “allontanamento sociale”? Anni? Per sempre? E cosa succede quando le persone ricominciano a comportarsi normalmente?

Si tratta chiaramente di una scienza da strapazzo, che confonde la raccolta di dati a posteriori con la causalità stessa e che sembra anche negare l’operatività del sistema immunitario umano. È davvero sconcertante che una persona nella posizione di Fauci scriva cose del genere. Ma la stampa ha accettato, e continua a farlo dopo tutto questo tempo.

Quello che Fauci stava immaginando e che all’epoca pochi colsero era la costruzione di un nuovo sistema sociale. Non si trattava solo di questo virus. Riguardava tutti gli agenti patogeni e l’intero funzionamento della società. Credeva – o decise di credere che una reingegnerizzazione dell’ordine sociale potesse sconfiggere con successo gli agenti patogeni comuni e portare alla salute universale.

Lo ha finalmente rivelato nel suo articolo del 15 agosto 2020 per Cell, che ha ricevuto pochissima attenzione. Stava cercando di implementare un intero nuovo sistema sociale basato su una nuova ideologia.

Vivere in maggiore armonia con la natura richiederà cambiamenti nel comportamento umano e altri cambiamenti radicali che potrebbero richiedere decenni per essere realizzati: la ricostruzione delle infrastrutture dell’esistenza umana, dalle città alle case, ai luoghi di lavoro, ai sistemi idrici e fognari, ai luoghi di ricreazione e di ritrovo. In questa trasformazione dovremo dare priorità ai cambiamenti nei comportamenti umani che costituiscono un rischio per l’insorgenza di malattie infettive. I principali sono la riduzione dell’affollamento a casa, al lavoro e nei luoghi pubblici e la riduzione al minimo delle perturbazioni ambientali come la deforestazione, l’intensa urbanizzazione e l’allevamento intensivo.

Questo articolo rivela il punto più importante. La risposta alla pandemia non ha riguardato solo questo agente patogeno. Si è trattato di una vera e propria rivoluzione politica, economica, sociale e culturale.

Non si tratta di socialismo o capitalismo. È qualcosa di completamente diverso, qualcosa di molto strano, come una tecnocrazia rousseauiana, contemporaneamente primitiva e high tech, gestita da un’élite scientifica, una distopia non sperimentata degna della più terrificante letteratura in lingua inglese.

Nessuno ha votato per una cosa del genere. È qualcosa che Fauci e i suoi amici hanno sognato per conto loro e hanno messo in campo tutto il loro enorme potere per attuarlo solo come test, finché non è crollato. Gli Stati Uniti e molte parti del mondo sono stati nella loro morsa per quasi un anno e due anni in alcuni luoghi.

Si tratta di uno scandalo epocale, che supera di gran lunga le questioni relative alla ricerca finanziata dalle tasse sul guadagno di funzioni, per quanto importante. È ancora più importante delle notizie secondo cui Fauci avrebbe guadagnato royalty personali da aziende farmaceutiche che ricevono sovvenzioni da lui personalmente approvate. Il vero problema è il suo potere e la capacità dei rappresentanti eletti e dei tribunali di controllarlo per molti decenni.

A prescindere dalla visione millenaristica di Fauci, il decorso del virus ha seguito il solito percorso, ma con un’importante eccezione: le ondate di infezione si sono verificate in base al rango della società. C’è stata una gerarchia politica di infezione che è iniziata con le classi operaie, è passata alla borghesia, ha colpito le classi professionali, poi i giornalisti di alto livello e infine, alla fine, ha colpito la stessa classe dirigente d’élite – Trudeau, Psaki, Ardern, Gates e infine Fauci indipendentemente dai loro molteplici vaccini.

Ecco perché l’infezione da covide di Fauci è significativa, 28 mesi dopo i primi arresti. È un segno e un simbolo del fatto che la sua intera teoria sul controllo dei virus era sbagliata. Si è fatto strada con la politica e non ha funzionato. Il virus alla fine si è abbattuto su di lui, come se volesse rievocare la storia immaginaria di Edgar Allan Poe del principe Prospero nel suo castello che credeva lo avrebbe protetto.

E come risultato della sua esposizione, Fauci sicuramente (a meno che l’iniezione ripetuta dello stesso vaccino non abbia danneggiato il funzionamento del suo sistema immunitario) otterrà l’immunità naturale che è già posseduta dal 78% dei bambini e probabilmente da due terzi della popolazione generale.

Dovrebbe anche metterci in guardia su tre punti di urgenza morale:

Dobbiamo sostituire il feudalesimo alla Fauci con una nuova teoria su come conciliare il libero funzionamento della società con la presenza di malattie infettive, in modo che né lui né le persone al suo soldo o al suo servizio possano più tentare di farlo.

Dobbiamo agire per disattivare il potere incontrastato dei burocrati dello Stato-amministrazione di prendere il controllo dell’apparato di governo.

Abbiamo bisogno di un nuovo sistema per decentrare la scienza lontano dalle élite privilegiate, in modo che queste non possano mai più avere il controllo monopolistico su ciò che è considerato scienza e tanto meno possedere il potere di censurare il dissenso.

Queste sono le lezioni, almeno l’inizio. Questo virus è endemico o almeno quasi, ma ci resta la sorprendente distruzione sociale, culturale ed economica del tentativo di Fauci di attuare un piano sperimentale su tutta la popolazione, non solo negli Stati Uniti ma in tutto il mondo.

Ne soffriremo per molti anni o per generazioni. Eppure, alla fine, l’infezione è individuale e probabilmente inevitabile per la maggior parte delle persone. Il sistema immunitario si adatta. È così che ci siamo evoluti per coesistere.

Fingere il contrario è l’essenza stessa della negazione della scienza.

Jeffrey A. Tucker

Fonte: brownstone.org

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code