toba60

Francia: La Corte di Giustizia Giudica la Morte Correlata al COVID come Suicidio… in quanto Vaccinato Volontariamente

Siamo Stati Censurati, Quindi Condividi Questo Articolo

Quello che sta accadendo attualmente non ci soprende piu di tanto, il covid ci ha abituato a continue e rocambolesche situazioni che oramai non fanno piu’ notizia, quello che piu di ogni altra cosa ci preoccupa è che buona parte delle persone considera questa la nuova normalità a cui ci si deve inevitabilmente adattare pur di non cambiare il corso degli eventi.

Toba60

Morte Correlata al COVID come Suicidio… in quanto Vaccinato Volontariamente

In Francia, il caso di un ricco e anziano uomo d’affari parigino che ha assicurato la sua vita per molti milioni ed è morto per la vaccinazione COVID è stato molto ben accolto. La compagnia di assicurazione si è rifiutata di pagare il denaro ai parenti del defunto e il tribunale ha stabilito che la compagnia aveva ragione.

Allo stesso tempo, la compagnia assicurativa ha argomentato il suo rifiuto proprio perché la morte è avvenuta in seguito alla vaccinazione: l’assunzione di farmaci e trattamenti sperimentali (compresa la vaccinazione contro il coronavirus) è esclusa dalla polizza.

Il verdetto del giudice è il seguente

“Gli effetti collaterali di un vaccino sperimentale sono resi pubblici e il defunto non poteva professare ignoranza quando ha preso volontariamente il vaccino. Non c’è nessuna legge o regolamento in Francia che gli impone di essere vaccinato.

Pertanto, la sua morte è di fatto un suicidio.

La Corte riconosce le qualifiche di un assicuratore che considera legalmente la partecipazione alla fase tre dell’esperimento, la cui mancanza di prove non è stata dimostrata, come l’assunzione volontaria di un rischio mortale non coperto dal contratto, tenendo conto degli effetti collaterali dichiarati, compresa la morte è coperta e legalmente riconosciuta come suicidio. La famiglia si è appellata.

Tuttavia, la difesa dell’assicuratore è riconosciuta come ragionevole e contrattualmente giustificata, poiché questo rischio di morte conosciuto è legalmente considerato come un suicidio, il cliente è stato avvisato e ha accettato di rischiare volontariamente la sua vita senza essere costretto a farlo.

L’assicuratore ha notato che il suicidio, come la morte per un farmaco sperimentale, non è un evento assicurato. L’avvocato della famiglia di Carlo Alberto Brusa ha postato il filmato del caso sui social media e ha espresso indignazione per una tale decisione. Sembra che gli assicuratori smetteranno ora di pagare le polizze di assicurazione sulla vita su larga scala, poiché il rischio di morte da vaccinazione blocca effettivamente il loro contratto, rendendolo nullo.

Dopo la pubblicazione di casi simili in Francia, qualcosa di simile è stato sentito dagli Stati Uniti. Paul Graham, vicepresidente senior per lo sviluppo delle politiche presso l’American Life Insurers Council, dice:

“Le compagnie di assicurazione sulla vita possono rifiutarsi di pagare per gli individui vaccinati perché i vaccini Covid sono “esperimenti medici”. Quando si decide se pagare un sinistro, si considera se l’assicurato ha ricevuto un vaccino COVID.

Le polizze di assicurazione sulla vita sono molto chiare su come funzionano e quali ragioni, se ce ne sono, possono portare a un rifiuto del pagamento. Il vaccino COVID-19 non è uno di questi. La valutazione dell’assicurabilità di un richiedente non è influenzata dallo stato di vaccinazione di un individuo”.

La pubblicazione nota che, su richiesta, le compagnie di assicurazione nazionali promettono di non subordinare i benefici allo stato di vaccinazione appropriato, sia per coloro che sono stati vaccinati che per quelli che non lo sono stati. Ma tutti sanno che i sostenitori della vaccinazione chiedono che i non vaccinati siano penalizzati in termini di costi se rimangono in ospedale. Le informazioni dalla Francia nell’articolo si riferiscono alle fonti citate e alle informazioni fornite da Nicole Delepin, ex capo della medicina oncologica pediatrica all’Assistance Publique-Hôpitaux de Paris, sul sito Riposte Laïque.

George Mariolis

Fonte: gr.rua.gr

Abbiamo bisogno della vostra collaborazione ! Contiamo su di voi per un supporto economico necessario per finanziare i nostri rapporti investigativi. Se vi piace quello che facciamo, un abbonamento mensile è un riconoscimento a noi per tutto lo sforzo e l’impegno che ci mettiamo.

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code