toba60

Genocidio Di Stato: Il Midazolam è Stato Utilizzato per Porre fine Prematuramente ai Malati di Covid e qui ne Abbiamo le Prove!

Siamo Stati Censurati, Quindi Condividi Questo Articolo

Fate bene attenzione a quello che avrete modo di leggere, abbiamo già pronte ulteriori documentazioni ufficiali riguardo la questione, la quale in questo momento sta letteralmente mettendo in crisi la narrativa dei Media Mainstream di tutto il mondo

Abbiamo notato che ogni giorno che passa sempre più persone stanno cedendo in quella che è l’omertà’ istituzionalizzata e ci sono sempre nuovi risvolti inerenti la più grande truffa del secolo che purtroppo pare non avere fine in quanto a sorprese.

Il rapporto posto in essere è un capo di accusa ufficiale nei confronti dei paesi membri dell’Unione Europea e di tutti coloro che si sono adoperati nel portare avanti un vero e proprio Genocidio di Stato Globale.

Tutti i membri del governo erano a conoscenza di quanto stava avvenendo, nessuno escluso, noi della redazione di Toba60 abbiamo solo aperto un varco nella speranza che qualcuno lo passi per poter finalmente avere una visione del mondo che consenta una conoscenza reale dei fatti.

Midazolam, il farmaco che e’ diventato l’arma genocida contro gli anziani.

L’indagine nel Regno Unito conferma che gli anziani morti nelle case sono stati uccisi usando un sedativo chiamato Midazolam, usato nelle esecuzioni negli Stati Uniti, e controindicato in pazienti con difficoltà respiratorie, come quelli di Covid.

Per darvi un’idea: la dose di questo farmaco che non deve essere superata negli anziani è di 0,5 milligrammi, mentre le raccomandazioni dell’OMS erano di 1,5 o 2,5 milligrammi, cioè tra 3 e 5 volte più di quello che è considerato prudente e sicuro. In altre parole: la dose esagerata di Midazolam prescritta dall’OMS agli anziani lo ha trasformato da sedativo in un veleno letale.

Questo articolo che sto condividendo con voi è così ben documentato che fornisce le basi per azioni legali per crimini contro l’umanità in ciascuno dei paesi, perché gli stessi protocolli sono stati utilizzati ovunque.

L’articolo ha un’introduzione piuttosto lunga, fino ad arrivare all’argomento in questione, ma è utile perché dimostra che non c’è mai stata la presunta congestione dei ricoverati negli ospedali che giustificava il fatto che gli anziani con problemi venissero lasciati nelle case di cura, dove veniva applicato loro questo protocollo per “mitigare il dolore” che era ciò che in realtà li ha uccisi e, a sua volta, ha legittimato l’esistenza di una pandemia. Tutte bugie: gerontocidio premeditato con premeditazione. La stessa cosa che è successa nel Regno Unito è successa nel resto dei paesi.

Attenzione, perché la linea guida del Ministero della Salute spagnolo per la sedazione con Midazolam per gli anziani nelle case di cura era di 7,5 o 10 milligrammi! In altre parole: 20 volte la dose di sicurezza (0,5 milligrammi). Se questa non è una prova dell’omicidio di massa (a parte l’ovvia risposta alla retorica “Di cosa è morta la gente?”),

Dio venga a vedere.

Il midazolam è stato utilizzato per porre fine prematuramente alle vite di migliaia di persone che, secondo quanto riferito, erano morte di Covid-19 e possiamo dimostrarlo; ecco le prove…

Nel marzo 2020 al popolo britannico fu detto che doveva “stare a casa” per “proteggere il servizio sanitario nazionale” e “salvare vite”. Fu anche detto loro che le autorità avevano bisogno solo di “tre settimane per appiattire la curva”.

Perché il popolo britannico è stato istruito a rimanere a casa? A causa della minaccia di un nuovo virus emergente che ci è stato detto ha avuto origine nella città di Wuhan, in Cina. Un virus che ha causato la morte di 128.000 persone nel Regno Unito, o almeno così ci è stato detto.

Ma cosa succederebbe se potessimo dimostrarvi che avete rinunciato a quindici mesi e più della vostra vita a causa di una bugia?

Ma non una bugia qualsiasi, una bugia che ha comportato la fine prematura della vita di migliaia e migliaia di persone, che ti hanno detto essere morte di Covid-19. Una bugia che ha comportato il commettere uno dei più grandi crimini contro l’umanità a memoria d’uomo.

Una bugia che ha richiesto tre cose:

la paura, la vostra conformità e un farmaco noto come Midazolam…

Le autorità affermano che il Covid-19 è una malattia infettiva causata da un nuovo coronavirus soprannominato SARS-CoV-2. L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ci dice che “la maggior parte delle persone infettate dal virus COVID-19 sperimenterà una malattia respiratoria da lieve a moderata e si riprenderà senza richiedere un trattamento speciale”.

Tuttavia affermano che “le persone anziane e quelle con problemi medici sottostanti come malattie cardiovascolari, diabete, malattie respiratorie croniche e cancro hanno maggiori probabilità di sviluppare malattie gravi”.

Ci dicono che la malattia grave in Covid-19 presenta polmonite e insufficienza respiratoria di accompagnamento. Quindi i sintomi tipici includono dispnea, tosse, debolezza e febbre. Ci viene anche detto che le persone che soffrono di insufficienza respiratoria deteriorata e che non ricevono cure intensive, sviluppano una sindrome da distress respiratorio acuto con grave dispnea.

La polmonite è un’infiammazione di uno o entrambi i polmoni, solitamente causata da un’infezione. Fa sì che gli alveoli (sacche d’aria) all’interno dei polmoni si riempiano di liquido, rendendo più difficile il loro corretto funzionamento. Il corpo invia globuli bianchi per combattere l’infezione, e mentre questo aiuta ad uccidere i germi, può anche rendere più difficile per i polmoni passare l’ossigeno nel flusso sanguigno.

La polmonite non è una nuova condizione che è apparsa a causa del Covid-19. Solo nel 2019, l’anno precedente alla presunta comparsa del Covid-19, 272.000 persone sono state ricoverate in ospedale con la polmonite. Secondo la British Lung Foundation nel 2012, 345 persone ogni 100.000 hanno avuto uno o più episodi di polmonite. Questo equivale a circa 225.000 persone che hanno sofferto di polmonite almeno una volta.

La British Lung Foundation ci mostra anche che la maggior parte dei casi di polmonite si verifica in coloro che hanno 81 anni e oltre. Per esempio, nel 2012 1.838 persone su 100.000 persone di età superiore a 81 anni hanno sviluppato la polmonite, il che equivale a circa 60.000 persone di età superiore a 81 anni nei numeri attuali, basati su circa 3,2 milioni di persone di età superiore a 80 anni nel Regno Unito.

Ci dicono anche che nel 2012 ci sono stati 28.592 morti per polmonite, che equivale al 5,1% di tutti i decessi avvenuti quell’anno.

Quindi, come potete vedere, le morti per polmonite non sono iniziate improvvisamente a verificarsi a causa della presunta comparsa di una nuova malattia chiamata Covid-19, ci abbiamo convissuto per tutta la vita, solo che non sono state sbattute davanti a voi 24 ore su 24, 7 giorni su 7, in televisione, o sulla prima pagina di ogni giornale come è successo con le presunte morti per Covid-19.

Ma per dimostrarvi che avete rinunciato a quindici mesi della vostra vita a causa di una bugia che ha comportato la fine prematura della vita di migliaia e migliaia di persone, dobbiamo prima capire quale gruppo di età è stato più colpito dal Covid-19 secondo le statistiche ufficiali.

Il grafico sopra è una mappa di calore che mostra i decessi entro 28 giorni da un test positivo per la SARS-CoV-2 per data di morte ed età della persona. Questi dati possono essere visti nel dashboard dei coronavirus del governo britannico qui.

Ciò che è abbastanza chiaro da questi dati è che la maggior parte delle morti presunte di Covid si sono verificate in persone di età superiore ai 90 anni. Il prossimo gruppo di età con il maggior numero di morti è 85-89, poi 80-84 e così via. C’è una diminuzione generale nel numero di morti fino a circa il gruppo di età 65-69 anni, ma poi vediamo un calo drammatico fino a quasi zero in chiunque abbia meno di 60 anni.

Questa mappa di calore mostra che generalmente non ci sono stati più di 9 decessi in un solo giorno di chiunque abbia tra i 60 e i 64 anni. Nel gruppo di 65-69 anni non ci sono stati più di 20 morti al giorno. Nel gruppo di 70-74 anni non più di 27 morti in un giorno. Nel gruppo 75-79 non più di 48 morti al giorno, al massimo. È solo quando arriviamo al gruppo degli 85-89 anni che cominciamo a vedere un grande aumento nel numero di morti presunte di Covid. 179 morti in un giorno al massimo. Poi abbiamo il gruppo di età 90+ che ha visto non più di 379 morti in un solo giorno al suo massimo.

Quindi quello che stiamo vedendo qui è che è una quantità trascurabile di “Covid” morti in chiunque sotto i 60 anni. Ma in realtà non stiamo vedendo molte morti per “Covid” in persone tra i 60 e gli 80 anni. Quello che stiamo vedendo è una quantità molto più alta di morti per “Covid” in persone di età superiore a 85 anni.

Ma cosa c’è di così strano?

Beh, niente se consideriamo che l’aspettativa di vita media nel Regno Unito è di 81 anni. Più il fatto che questo è anche in linea con quello che abbiamo visto in casi / morti a causa di polmonite negli anni precedenti. Non dimentichiamo che la malattia grave in Covid-19 presenta polmonite e insufficienza respiratoria di accompagnamento.

Il che fa sorgere la domanda: perché l’intera nazione ha dovuto stare a casa, a distanza sociale, indossare una maschera, lavarsi le mani e vivere sotto tirannia dittatoriale per quindici mesi perché persone che hanno vissuto più a lungo della vita media nel Regno Unito sono morte o stanno morendo? Morire di polmonite, di cui vediamo decine di migliaia di morti ogni anno.

Non possiamo negare che il 2020 ha visto un eccesso di morti, e voi credete che questo sia dovuto al fatto che gli ospedali sono stati sopraffatti? Solo che non lo erano.

I dati del NHS ci mostrano che durante l’apice della “prima ondata” tra aprile e giugno 2020 c’erano 58.005 letti occupati, il che equivale al 62% di occupazione. Questo è il 30% in meno rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

Nel 2017, da aprile a giugno, c’è stata una media di 91.724 posti letto occupati, pari all’89,1% di occupazione.

Nel 2018, aprile-giugno c’era in media un totale di 91.056 letti occupati che equivalevano all’89,8% di occupazione.

Nel 2019, da aprile a giugno c’è stata una media di 91.730 posti letto occupati che equivale al 90,3% di occupazione.

Nel 2020, da aprile a giugno, c’è stata una media di 58.005 posti letto occupati, pari al 62% di occupazione.

Ci mostra anche che l’affluenza all’A&E durante il culmine della prima ondata è stata del 57% in meno rispetto all’anno precedente.

  • 2018 – April – 1,984,369 attended A&E
  • 2019 – April – 2,112,165 attended A&E
  • 2020 – April – 916,581 attended A&E

Il che porta alla domanda: da cosa esattamente stavamo proteggendo il servizio sanitario nazionale? Sembra che abbia avuto una vacanza.

Ma ci sono stati 41.627 decessi in più rispetto alla media quinquennale fino al 1° maggio 2020, e la maggior parte di questi si sono verificati in aprile. Un aprile che ha visto l’affluenza all’A&E in calo del 57% rispetto all’anno precedente e l’occupazione dei letti in calo del 30% rispetto all’anno precedente. 33.408 di questi decessi in eccesso hanno menzionato Covid-19 sul certificato di morte, la maggior parte dei quali si sono verificati in persone di età superiore agli 85 anni.

Tuttavia i dati presi dall’Office for National Statistics (ONS) ci mostrano che durante l’aprile 2020 ci sono stati 26.541 decessi avvenuti in case di cura, un aumento di 17.850 rispetto alla media quinquennale. Questa è la metà della quantità di morti presunte Covid-19 durante lo stesso periodo.

Perché così tante persone sono morte nelle case di cura quando gli ospedali erano tutt’altro che sovraccarichi? Sicuramente se hanno sviluppato gravi complicazioni a causa del Covid-19 avrebbero richiesto un’attenzione medica urgente e un trattamento ospedaliero?

Perché non dimentichiamo che ci viene detto che la malattia grave del Covid-19 presenta polmonite e insufficienza respiratoria di accompagnamento. Quindi i sintomi tipici includono dispnea, tosse, debolezza e febbre. Ci viene anche detto che le persone che soffrono di insufficienza respiratoria deteriorata e che non ricevono cure intensive, sviluppano una sindrome da distress respiratorio acuto con grave dispnea.

Perché queste persone erano in case di cura e non in ospedale?

Erano nelle case di cura perché Matt Hancock ha dato l’ordine di metterle lì…

Il 19 marzo è stata inviata una direttiva all’NHS che richiedeva di dimettere tutti i pazienti che si riteneva non avessero bisogno di un letto d’ospedale. Hanno dichiarato che i trasferimenti dal reparto devono avvenire entro un’ora dalla decisione in un’area di dimissione designata, e che la dimissione dall’ospedale deve avvenire entro 2 ore. Ai trust dell’NHS è stato detto che “devono aderire” alla nuova direttiva.

Questo è stato fatto per liberare presumibilmente dei letti, che secondo le loro stime sarebbero stati 15.000 in più entro una sola settimana dall’attuazione della direttiva.

Ha liberato così tanti letti che l’occupazione dei letti nel periodo aprile-giugno 2020 era del 30% in meno rispetto all’anno precedente. Perché mai queste persone sarebbero già in un letto d’ospedale se non ne avessero bisogno? Si va in ospedale perché si ha bisogno di cure mediche, non perché si vuole sdraiarsi e dormire una buona notte.

Questa direttiva ha significato che le persone che avevano bisogno di cure mediche e di attenzione sono state dimesse in case di cura a migliaia.

Ma l’abbandono degli anziani e dei vulnerabili da parte di Matt Hancock non è finito qui. Mentre l’NHS era impegnato a scaricare i pazienti che avevano bisogno di cure mediche nelle case di cura secondo la sua direttiva, Matt Hancock e il Dipartimento della Salute erano impegnati a cercare di procurare a tutti loro un certo farmaco noto come midazolam.

Il midazolam è un farmaco comunemente usato nelle cure palliative ed è considerato uno dei quattro farmaci essenziali necessari per la promozione di un’assistenza di qualità nei pazienti morenti nel Regno Unito. Pensatelo come il diazepam su steroidi.

Il midazolam è anche un farmaco che è stato usato nelle esecuzioni per iniezione letale negli USA, combinato con altri due farmaci. Il Midazolam agisce come sedativo per rendere il prigioniero incosciente. Gli altri farmaci poi fermano il funzionamento dei polmoni e del cuore. Tuttavia è stato fonte di controversie perché diversi prigionieri hanno impiegato molto tempo per morire e sembravano soffrire quando il midazolam è stato usato.

Il midazolam può anche causare problemi respiratori seri o pericolosi per la vita come una respirazione superficiale, rallentata o temporaneamente interrotta che può portare a lesioni cerebrali permanenti o alla morte.

Le autorità di regolamentazione del Regno Unito dichiarano che si dovrebbe ricevere il midazolam solo in un ospedale o in uno studio medico che ha l’attrezzatura necessaria per monitorare il cuore e i polmoni e per fornire rapidamente un trattamento medico salvavita se il respiro rallenta o si ferma.

Un medico o un’infermiera dovrebbe guardarti da vicino dopo aver ricevuto questo farmaco per assicurarsi che stai respirando correttamente perché il midazolam induce una significativa depressione della respirazione. Il medico deve anche essere informato se avete una grave infezione o se avete o avete mai avuto problemi ai polmoni, alle vie aeree, alla respirazione o malattie cardiache.

Midazolam è anche usato prima di procedure mediche e interventi chirurgici per causare sonnolenza, alleviare l’ansia, e prevenire qualsiasi ricordo dell’evento. A volte è anche dato come parte dell’anestesia durante l’intervento chirurgico per produrre una perdita di coscienza.

Mario Draghi

Il midazolam è anche usato per causare uno stato di coscienza ridotta in persone gravemente malate in unità di terapia intensiva che stanno respirando con l’aiuto di una macchina.

Midazolam deve essere usato con estrema cautela nei pazienti che hanno insufficienza renale cronica, funzione epatica compromessa o funzione cardiaca compromessa. Dovrebbe anche essere usato con estrema cautela in pazienti obesi o anziani.

Quali sono alcuni dei punti più importanti che dovresti prendere da questo?

Il midazolam induce una significativa depressione della respirazione Le autorità di regolamentazione del Regno Unito insistono sul fatto che il midazolam dovrebbe essere somministrato solo in un ospedale o in uno studio medico sotto la supervisione di un medico o di un infermiere per monitorare la respirazione del paziente al fine di fornire un trattamento salvavita al paziente se la respirazione rallenta o si ferma. Il Midazolam deve essere usato con estrema cautela nei pazienti anziani

La malattia grave in Covid-19 presenta polmonite e insufficienza respiratoria di accompagnamento. Quindi i sintomi tipici includono dispnea, tosse, debolezza e febbre. Ci viene anche detto che le persone che soffrono di insufficienza respiratoria deteriorata e che non ricevono cure intensive, sviluppano una sindrome da distress respiratorio acuto con grave dispnea.

Il midazalam induce una significativa depressione della respirazione.

Sapendo questo, useresti il midazolam per trattare persone che soffrono di polmonite e insufficienza respiratoria presumibilmente a causa del Covid-19?

Lo scambio di cui sopra ha avuto luogo in una riunione della commissione parlamentare il 17 aprile 2020 tra Matt Hancock e il dottor Evans, che è un collega parlamentare conservatore.

Il seguente è un estratto di un articolo che conferma che il Regno Unito ha acquistato due anni di Midazolam nel marzo 2020 e stavano cercando di acquistare molto di più -.

Le forniture del sedativo midazolam sono state dirottate dalla Francia come “precauzione” per mitigare le potenziali carenze nel NHS causate dal COVID-19, il Dipartimento della Salute e dell’Assistenza Sociale (DHSC) ha detto a The Pharmaceutical Journal.

Un portavoce di Accord Healthcare, uno dei cinque produttori del farmaco, ha detto a The Pharmaceutical Journal che ha dovuto ottenere l’approvazione normativa per vendere forniture di midazolam per iniezione con marchio francese al NHS, dopo aver già venduto due anni di stock ai grossisti britannici “su richiesta del NHS” nel marzo 2020.

Il DHSC ha detto che la richiesta di scorte extra faceva parte degli “sforzi nazionali per rispondere all’epidemia di coronavirus”, che includevano precauzioni “per ridurre la probabilità di future carenze”.

Perché mai il Regno Unito avrebbe bisogno di acquistare due anni di Midazolam, un farmaco associato a soppressione e arresto respiratorio, per trattare una malattia che causa soppressione e arresto respiratorio?

Questo documento prodotto dall’NHS afferma che il Midazolam dovrebbe essere usato per il conforto nelle cure di fine vita a causa di Covid-19 per alleviare la paura, l’ansia e l’agitazione. (Fonte)

Questo documento dell’NHS afferma che il midazolam dovrebbe essere usato per la sedazione prima che il paziente richieda la ventilazione meccanica, qualcosa che sappiamo essere stato richiesto negli ospedali per persone che hanno sviluppato una grave polmonite, di cui ci viene detto che è dovuta al Covid-19. Tuttavia afferma anche che il midazolam dovrebbe essere usato solo se i farmaci di prima e seconda linea non forniscono una sedazione adeguata, ma include l’avvertenza che il midazolam da solo può essere aggiunto ai farmaci di prima linea per ridurre i tassi di infusione di Propofol. (Fonte)

Questo documento NHS afferma che Midazolam dovrebbe essere utilizzato per la sedazione prima di avere un’operazione. (Fonte)

Lo stesso documento fornisce anche la conferma che il midazolam ha il potenziale di compromettere il sistema respiratorio, in particolare in presenza di malattie o di età avanzata. Dice chiaramente che il dosaggio dovrebbe essere mantenuto al minimo e dovrebbe essere all’interno delle linee guida del produttore.

Il documento fornisce anche un’utile tabella che conferma che il dosaggio di midazolam per gli anziani o i malati non dovrebbe essere più di 0,5 mg – 1 mg, gli effetti collaterali includono la depressione cardiorespiratoria e il farmaco dovrebbe essere usato con cautela in coloro che soffrono di malattie respiratorie.

Questo articolo conferma che a fine marzo 2020 sono stati cancellati oltre 2 milioni di interventi per liberare posti letto per almeno tre mesi ai malati di “coronavirus” (Fonte)

Riuscite a vedere le contraddizioni qui? Una politica che è stata in vigore prima della presunta comparsa del Covid-19 afferma chiaramente che il midazolam può essere usato per la sedazione, tuttavia il dosaggio dovrebbe essere ridotto a 0,5 mg negli anziani o malati a causa dei possibili effetti collaterali che includono la depressione cardiorespiratoria, e si dovrebbe usare estrema cautela nel somministrare midazolam a pazienti che soffrono di malattie respiratorie.

Tuttavia una politica creata per il trattamento di pazienti che presumibilmente soffrono di ansia a causa del Covid-19, che ci viene detto essere una malattia respiratoria, afferma chiaramente di trattare il suddetto paziente con una dose iniziale di 2,5 mg di Midazolam, o 1,25 mg se il paziente è “particolarmente fragile”, ma di salire a 5 – 10 mg se il paziente è “estremamente angosciato”. Anche la dose iniziale per i pazienti particolarmente fragili è di 0,25 mg superiore al massimo raccomandato per la somministrazione agli anziani o ai malati nelle linee guida sulla sedazione.

Chi è responsabile di prendere questa decisione e di pubblicare queste linee guida? E perché nessuno ne chiede conto?

Due anni di Midazolam sono stati acquistati nel marzo 2020, ma allo stesso tempo le operazioni sono state cancellate per un minimo di tre mesi, quindi il Midazolam non è stato richiesto per l’uso nella sedazione prima delle operazioni. Le linee guida pubblicate prima della presunta pandemia affermano chiaramente che il Midazolam dovrebbe essere usato in dosi estremamente basse negli anziani o nei malati, e dovrebbe essere usato con estrema cautela in coloro che soffrono di malattie respiratorie a causa degli effetti collaterali che includono la depressione respiratoria.

Ci è stato detto che il Covid-19 è una malattia respiratoria e le complicazioni presentano polmonite e grave distress respiratorio. Quindi, considerando tutto questo, l’acquisto di due anni di Midazolam sembra essere un terribile spreco di denaro, vero? Poiché non sembra che ci sia molto per cui potrebbero usarlo all’interno delle linee guida.

Beh, possiamo confermare che è stato sicuramente usato, dato che abbiamo visto i dati delle prescrizioni.

Ma vorremmo solo ricordarvi l’importante avvertimento applicato al Midazolam per gentile concessione della US National Library of Medicine

L’iniezione di Midazolam può causare problemi respiratori gravi o pericolosi per la vita, come una respirazione superficiale, rallentata o temporaneamente interrotta che può portare a lesioni cerebrali permanenti o alla morte. Si dovrebbe ricevere questo farmaco solo in un ospedale o in uno studio medico che ha l’attrezzatura necessaria per monitorare il cuore e i polmoni e per fornire rapidamente un trattamento medico salvavita se il respiro rallenta o si ferma. Il medico o l’infermiere ti guarderà da vicino dopo aver ricevuto questo farmaco per assicurarsi che tu stia respirando correttamente.

Quindi Matt Hancock può spiegare perché durante l’aprile 2020 la prescrizione fuori dall’ospedale per il Midazolam è stata il doppio della quantità vista nel 2019?

Secondo i dati ufficiali nell’aprile 2019 sono state emesse fino a 21.977 prescrizioni per il Midazolam, contenenti 171.952 articoli, la maggior parte dei quali sono Midazolam cloridrato. Tuttavia nell’aprile 2020 sono state emesse 45.033 prescrizioni per il Midazolam, contenenti 333.229 articoli, la maggior parte dei quali sono Midazolam cloridrato. Questo è un aumento del 104,91% nel numero di prescrizioni emesse per il Midazolam e un aumento del 93,85% nel numero di articoli che contenevano. Ma queste non sono state emesse negli ospedali, sono state emesse dagli studi medici, il che può significare solo una cosa, sono state emesse per le cure di fine vita.

Quello sopra è un grafico visualizzato sul sito web del governo britannico che mostra i decessi entro 28 giorni da un risultato positivo del test per il Covid-19 per data di morte.

Il seguente grafico è stato creato utilizzando i dati sulla quantità di soluzione di Midazolam prodotta ogni mese da gennaio 20219 a marzo 2021.

Riuscite a riconoscere la differenza? Neanche noi ci siamo riusciti perché non c’è.

I picchi di produzione della soluzione di Midazolam corrispondono ai picchi di presunte morti per Covid entro 28 giorni da un test positivo.

Aprile 2020 enorme aumento delle prescrizioni di Midazolam fuori dall’ospedale ed enorme aumento della produzione della soluzione di Midazolam.
Aprile 2020 enorme impennata di presunte morti da Covid.

Gennaio 2021 enorme impennata nella produzione di soluzione di Midazolam.

Gennaio 2021 – enorme impennata di presunte morti da Covid.

Ci viene detto che la malattia grave nel Covid-19 presenta polmonite e insufficienza respiratoria di accompagnamento. Quindi i sintomi tipici includono dispnea, tosse, debolezza e febbre. Ci viene anche detto che le persone che soffrono di insufficienza respiratoria in deterioramento e che non ricevono cure intensive, sviluppano una sindrome da di stress respiratorio acuto con grave dispnea.

Il Midazolam cloridrato è associato alla depressione respiratoria e all’arresto respiratorio, soprattutto quando viene usato per la sedazione in contesti di cura non critici. In alcuni casi, dove questo non è stato riconosciuto prontamente e trattato efficacemente, ne è derivata la morte o l’encefalopatia ipossica. Il midazolam cloridrato per via endovenosa dovrebbe essere usato solo in ambienti ospedalieri o di assistenza ambulatoriale.

La politica del NHS prima della comparsa del Covid-19 afferma che …

Il dosaggio deve essere ridotto a 0,5 mg negli anziani o nei malati a causa dei possibili effetti collaterali che includono la depressione cardiorespiratoria, e si deve usare estrema cautela nella somministrazione di midazolam a pazienti che soffrono di malattie respiratorie.

La politica del NHS dopo l’emergere del Covid-19, una presunta malattia respiratoria afferma

I posti letto negli ospedali nell’aprile 2020 sono diminuiti del 30% rispetto all’anno precedente.

Le presenze A&E sono diminuite del 57% nell’aprile 2020 rispetto all’anno precedente.

I decessi nelle case di cura sono stati in aumento del 205% nell’aprile 2020 rispetto all’aprile 2019.

La stragrande maggioranza delle presunte morti di Covid sono persone di età superiore agli 85 anni.

Non riesci a vedere una forte correlazione qui tra l’eccessiva prescrizione di Midazolam e la fine apparentemente prematura della vita, con le morti associate che vengono messe come Covid-19?

Avete davvero creduto che ci sia un virus così intelligente da sapere di uccidere le persone disabili? Basta guardare le statistiche dell’ONS. Tre su cinque morti presunte di Covid-19 si sono verificate in persone che avevano difficoltà di apprendimento e disabilità (vedi qui).

In relazione ai decessi di persone con difficoltà di apprendimento, l’ONS ha detto: “l’effetto maggiore è stato associato al fatto di vivere in una casa di cura o in un’altra struttura comune”.

Avere una difficoltà di apprendimento ed essere in assistenza non significa che hai più probabilità di morire di Covid-19. Ciò che significa è che è molto più probabile che ti venga dato un ordine DNR senza informare te stesso o la tua famiglia, che i badanti/il personale del NHS poi usano come permesso per metterti in cura alla fine della vita, che comporta la somministrazione di Midazolam.

Sappiamo che questo è successo perché un rapporto di Amnesty e un rapporto del CQC l’hanno detto.

Il rapporto di Amnesty afferma che …..

I manager delle case di cura, il personale e i parenti dei residenti delle case di cura in diverse parti del paese hanno raccontato ad Amnesty International come, nella loro esperienza, l’invio dei residenti in ospedale sia stato scoraggiato o apertamente rifiutato dagli ospedali, dalle squadre di ambulanza e dai medici di base. Un manager dello Yorkshire ha detto: “Siamo stati pesantemente scoraggiati dal mandare i residenti in ospedale. Ne abbiamo parlato nelle riunioni; eravamo tutti consapevoli di questo”.

Un altro manager nell’Hampshire ha ricordato:

Non c’era molta possibilità di mandare le persone in ospedale. Siamo riusciti a mandare una paziente in ospedale perché l’infermiera è stata molto ferma e ha insistito che la signora era troppo scomoda e noi non potevamo fare di più per renderla più confortevole, ma l’ospedale poteva. In ospedale la signora è risultata positiva al COVID ed è stata curata, è sopravvissuta ed è tornata. Ha 92 anni ed è in gran forma.

Mi ha spiegato che:

C’era la presunzione che le persone nelle case di cura sarebbero tutte morte se avessero preso il COVID, il che è sbagliato. Questo dimostra quanto poco il governo conosca la realtà delle case di cura”.

Il figlio di un residente di una casa di cura che è deceduto in Cumbria ha detto che l’invio di suo padre in ospedale non è stato nemmeno considerato:
Dal primo giorno, la casa di cura è stata categorica sul fatto che probabilmente si trattava di COVID e che sarebbe morto per questo e non sarebbe stato portato in ospedale.

Aveva solo una tosse in quella fase. Aveva solo 76 anni ed era fisicamente in gran forma. Amava uscire e non sarebbe stato un problema per lui andare in ospedale. La casa di cura mi ha chiamato e mi ha detto che aveva dei sintomi, un po’ di tosse e che il medico lo aveva valutato al cellulare e che non sarebbe stato portato in ospedale.

Poi ho parlato con il medico più tardi quel giorno e gli ho detto che non sarebbe stato portato in ospedale ma che gli sarebbe stata data della morfina se avesse avuto dolore. Più tardi è crollato sul pavimento del bagno e la casa di cura ha chiamato il paramedico che ha stabilito che non aveva lesioni e lo ha rimesso a letto e ha detto agli assistenti di non richiamarli per qualsiasi sintomo legato al Covid perché non sarebbero tornati.

Morì una settimana dopo.

Non è mai stato esaminato. Nessun medico è mai venuto alla casa di cura. Il medico di base lo valutò per telefono. In una situazione identica per qualcuno che vive a casa invece che in una casa di cura, il consiglio era “vai in ospedale”. Il certificato di morte dice polmonite e COVID, ma la polmonite non ci è mai stata menzionata”.

Un manager di una casa di cura nello Yorkshire ha raccontato ad Amnesty International:

A marzo, ho cercato di portare [un residente] in ospedale – l’ambulanza aveva assunto un medico per fare il triage, ma hanno detto: “Beh, è comunque in fin di vita, quindi non manderemo un’ambulanza” … In circostanze normali sarebbe andato in ospedale … Penso che avesse diritto ad essere ricoverato in ospedale. Questi sono individui che hanno contribuito alla società per tutta la loro vita e sono stati negati il rispetto e la dignità che si darebbe a un 42enne; sono stati [considerati] sacrificabili”.

Il CQC ha ritenuto necessario rilasciare una dichiarazione nell’agosto 2020 affrontando la questione dei DNR innapropriati che vengono posti ai residenti delle case di cura senza informare il residente o la loro famiglia.

È di vitale importanza che gli anziani e i disabili che vivono nelle case di cura e nella comunità possano accedere all’assistenza ospedaliera e alle cure per la COVID-19 e altre condizioni quando ne hanno bisogno durante la pandemia… I fornitori dovrebbero sempre lavorare per prevenire danni o morti evitabili per tutti coloro di cui si prendono cura. I protocolli, le linee guida e i sistemi di triage dovrebbero essere basati sull’uguaglianza di accesso alle cure e al trattamento.

Se si basano sul presupposto che alcuni gruppi hanno meno diritto alle cure e al trattamento rispetto ad altri, questo sarebbe discriminatorio. Sarebbe anche potenzialmente una violazione dei diritti umani, compreso il
diritto alla vita, anche se ci fosse la preoccupazione che la capacità dell’ospedale o delle cure critiche possa essere raggiunta”.

Questa dichiarazione è stata rilasciata perché il CQC ha scoperto che il 34% delle persone che lavorano nella sanità e nell’assistenza sociale sono state spinte a mettere ordini di “non tentare la rianimazione cardiopolmonare” (DNACPR) su pazienti Covid che soffrivano di disabilità e difficoltà di apprendimento, senza coinvolgere il paziente o le loro famiglie nella decisione.

Le prove sono tutte lì da vedere nel pubblico dominio e fortunatamente, un team di persone sta raccogliendo tali prove e le sta analizzando, in modo che la giustizia possa essere ricercata per le persone che hanno avuto la loro vita finita prematuramente attraverso l’uso di ordini DNR inappropriati, usati come permesso di iniziare un trattamento di fine vita che includeva un farmaco chiamato Midazolam. Un farmaco che è associato alla depressione respiratoria e all’arresto respiratorio, gli stessi identici sintomi delle complicazioni dovute alla presunta malattia di Covid-19, specialmente quando usato per la sedazione in ambienti di cura non critici.

Un farmaco che è stato ordinato dalle autorità britanniche nel marzo 2020 in una quantità tale da coprire una normale fornitura di due anni. Una fornitura di due anni che sembra essere stata esaurita entro ottobre 2020 secondo i documenti del NHS

Ma una volta ricostituite, le scorte erano di nuovo esaurite all’inizio di febbraio 2021, secondo i documenti ufficiali del NHS

Nel 2013, dopo una revisione, è stato deciso di abolire il “Liverpool Care Pathway”. Il Liverpool Care Pathway (LCP) era uno schema che ci è stato detto aveva lo scopo di migliorare la qualità delle cure nelle ultime ore o giorni di vita di un paziente.

Il suo presunto scopo era di assicurare una morte pacifica e confortevole. L’LCP era una guida per medici, infermieri e altri operatori sanitari che si occupano di qualcuno che sta morendo su questioni come il momento appropriato per rimuovere i tubi che forniscono cibo e liquidi, o quando interrompere i farmaci.

La ragione per cui è stato deciso di abolirlo è che la revisione ha scoperto che il personale ospedaliero ha interpretato erroneamente la sua guida per la cura dei morenti, portando a storie di pazienti che sono stati drogati e privati di fluidi nelle loro ultime settimane di vita.

La revisione commissionata dal governo, guidata da Lady Neuberger, ha scoperto che la colpa è della scarsa formazione e della mancanza di compassione da parte del personale infermieristico. Le storie strazianti delle famiglie hanno rivelato che non era stato detto loro che il loro caro era destinato a morire e, in alcuni casi, sono stati sgridati dagli infermieri per aver tentato di dar loro un bicchiere d’acqua. Il personale infermieristico aveva erroneamente pensato, secondo la guida LCP, che dare liquidi fosse sbagliato.

La revisione ha fatto 44 raccomandazioni, tra cui l’eliminazione graduale del LCP nell’arco di sei-dodici mesi con l’introduzione di piani di assistenza individuali per i morenti. Ha dichiarato che solo i medici anziani devono prendere la decisione di dare le cure di fine vita, insieme al team sanitario, e che nessuna decisione deve essere presa fuori orario a meno che non ci sia una ragione molto buona.

Le prove suggeriscono che il Liverpool Care Pathway è tornato con una vendetta nell’aprile 2020 sotto la direzione del segretario alla salute Matt Hancock, dei consiglieri del governo e dei capi del NHS, e sembra che sia stato usato per manipolarvi a rinunciare a più di un anno della vostra vita con la scusa di rimanere a casa, per proteggere il NHS e salvare vite. Ma le prove suggeriscono che in realtà ti è stato ordinato di rimanere a casa, per proteggere il NHS, in modo che potessero porre fine prematuramente alla vita di anziani e vulnerabili e dirti che erano morti di Covid.

Midazolam.

Dovrebbe essere la parola che è sulla bocca di tutti. Siamo sicuri che lo sarà ora.

Fonte: theexpose.uk & DeepWeb & rafapal.com

Abbiamo urgente bisogno della vostra collaborazione ! Contiamo su di voi per un supporto economico necessario per  finanziare i nostri rapporti investigativi. Se vi piace quello che facciamo, un abbonamento mensile secondo le proprie possibilità è un riconoscimento a noi per tutto lo sforzo e l’impegno che ci mettiamo.  

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE