toba60

Giordano Bruno un Martire del Passato che Ricorda Molto da Vicino il Nostro Presente

Siamo Stati Censurati, Quindi Condividi Questo Articolo

Prima di lasciarvi a questo bellissimo editoriale molto coinvolgente riferito a questo grande genio del passato, voglio sottolineare un aspetto che gli autori hanno messo in evidenza, i quali mettono in rilievo quanto sia a dir poco scandaloso che Giordano Bruno sia oggi così poco conosciuto…………..

….una volta terminata la lettura capirete del perché si sono dati tanto da fare per cancellarlo dalla storia.

Toba60

Giordano Bruno: Genio dimenticato e martire ermetico

Molte delle grandi scoperte pionieristiche della scienza non riconosciute dagli storici della scienza sono state direttamente ispirate dalle antiche idee egizie esposte nei testi ermetici attribuiti al semidio Ermete Trismegisto. Queste scoperte epocali sono state tratte direttamente dalla cosmologia degli Ermetici la più importante è la teoria eliocentrica di Copernico o indirettamente applicando i loro principi a diverse aree (come fece Isaac Newton, per decifrare il codice della gravità).

Ma la maggior parte delle scoperte riguardano una figura che, pur non essendo uno scienziato sperimentale, dovrebbe essere ricordata come altrettanto importante di Copernico e Newton, ma che fino a poco tempo fa era praticamente cancellata dalla storia. Questo genio imponente e uomo veramente straordinario era Giordano Bruno (1548-1600), il più importante filosofo ermetico della sua epoca, la cui influenza sulla rivoluzione scientifica è stata scandalosamente minimizzata. C’è ancora più del suo genio intellettuale e filosofico: egli applicò anche i principi ermetici a questioni sociali, politiche e religiose. E ha presentato una sfida così seria alla supremazia della Chiesa che per un certo periodo ha persino minacciato di minarla. Ma portò anche, con un’inevitabilità nauseante, ad un appuntamento con una pira infuocata a Roma…

Negli ultimi anni Bruno ha cominciato ad essere riscoperto e apprezzato, anche se la verità viene spesso distorta per inserirlo nella storia accettata della scienza. A causa delle sue idee notevolmente avanzate, tende ad essere considerato un martire del razionalismo scientifico, vittima di una persecuzione della Chiesa ancora maggiore di quella di Galileo (sul quale ebbe un’enorme influenza).

Bruno è diventato un eroe per i liberi pensatori e, in modo particolarmente ironico, per gli atei, che si riuniscono ogni anno nel luogo della sua esecuzione a Roma, Campo de’ Fiori segnato da una statua eretta alla fine del XIX secolo – per onorare la sua memoria e il suo sacrificio. Ma questo è mancare il punto in grande stile. Lungi dall’essere un arcaico materialista-razionalista, in realtà tutto ciò che Bruno fece fu ispirato dalla sua appassionata fede nella magia e nell’esoterismo.

È stato anche introdotto ad un pubblico più ampio attraverso i thriller storici di S.J. Parris (lo pseudonimo della scrittrice britannica Stephanie Merritt), Heresy (2010) e Prophecy (2011). Sebbene si occupi principalmente di Bruno come una sorta di Hercule Poirot del tardo Rinascimento, la scrittrice dipinge un quadro autentico di Bruno come un ermetista dedicato e impegnato.

Segreti privati

Ironicamente, Bruno iniziò come monaco domenicano, un membro dello stesso Ordine che diede origine alla sua nemesi, l’Inquisizione. Nacque nel 1548 nella piccola città di Nola – da qui il suo soprannome di ‘il Nolano’ – nell’allora enorme Regno di Napoli in Italia, che era sotto il dominio spagnolo. Sebbene fosse stato battezzato Filippo, prese il nome Giordano – dal fiume Giordano entrando nel monastero domenicano di Napoli all’età di sedici anni. A quei tempi diventare un monaco era l’unico modo per un ragazzo brillante e Bruno aveva già mostrato un intelletto prodigioso proveniente da un ambiente umile per ottenere una buona educazione.

Il giovane monaco si distinse presto per la sua straordinaria padronanza dell’addestramento della memoria venendo persino convocato a Roma per dimostrare l’abilità al Papa. L’arte classica della memoria, basata sulla manipolazione delle immagini mentali, aveva una controparte magica che impiegava principi talismanici per indurre, piuttosto che semplicemente ricordare, le informazioni. Chiaramente questo possedeva un fascino inebriante per qualcuno così affamato di conoscenza come Bruno.

Mentre cresceva in abilità, esplorando i poteri della mente attraverso la magia e la psicologia, Bruno divenne un uomo fortemente fiducioso. Sebbene non mancasse mai di fiducia in se stesso, rispettava sempre coloro che meritavano rispetto. D’altra parte, era poco incline a sopportare volentieri gli sciocchi – anzi, a tutti. E credeva sempre, immancabilmente, nella propria missione…

Un lato di questa fiducia in se stesso che difficilmente era benvenuto in un monaco era il suo rifiuto di permettere ad altri di imporre ciò che poteva leggere o persino pensare. Non solo gli studi dei monaci erano strettamente circoscritti dalla loro stessa natura, ma a quel tempo la Chiesa Cattolica stava disperatamente cercando di combattere l’ascesa del Protestantesimo, quindi allontanarsi anche solo marginalmente dalla linea convenzionale attirava grande sospetto. Anche ascoltare gli argomenti di coloro che erano considerati eretici, o leggere le loro opere, era un crimine per un monaco anche se non eri d’accordo con loro.

D’altra parte, poiché i Domenicani avevano il compito di combattere l’eresia, avevano facile accesso ai libri proibiti – con grande gioia del sempre curioso Bruno. Quando i suoi superiori scoprirono che li aveva letti in segreto nel gabinetto del monastero, fuggì da Napoli.

Per cinque anni vagò per i centri intellettuali dell’Italia settentrionale, della Francia meridionale e della Svizzera, Padova, Milano, Ginevra e Tolosa tra gli altri luoghi, con frequenti lacune nella sua biografia. Quando riappare completamente, a Parigi nel 1581, era diventato un convinto sostenitore della filosofia occulta rinascimentale con al centro l’Ermetismo. Non si sa come abbia sviluppato questo interesse, ma è stato alla base di tutto ciò che ha fatto per il resto della sua vita.

Come tutti coloro che furono ispirati dai libri ermetici dalla loro riscoperta in Europa poco più di un secolo prima, Bruno era entusiasta della loro visione degli esseri umani come esseri gloriosi, miracolosi e dal potenziale illimitato – il polarmente opposto di ciò che veniva insegnato a tutti i cattolici. Per loro, gli esseri umani erano poco meglio dei vermi, raggiungendo solo una piccola parte della grazia di Dio attraverso l’intercessione della Chiesa, e anche questo spesso dipendeva da quanto si era disposti a pagare il sacerdozio per essere lasciati fuori qualche anno in purgatorio.

Più studiava, più Bruno considerava che tutto ogni livello della vita e la comprensione del nostro posto nel cosmo poteva essere illuminato dai principi dell’Ermetismo.

A Parigi ottenne il patrocinio del re francese, Enrico III un cattolico, ma che aveva ancora un profondo interesse per l’esoterismo ed era tollerante verso i protestanti francesi, gli ugonotti. Dopo due anni Bruno si trasferì a Londra, accompagnando il nuovo ambasciatore di Enrico alla corte della regina Elisabetta I.

Chiaramente aveva l’appoggio di Henri per qualunque fosse la sua missione – probabilmente stabilire un contatto con i magi inglesi incentrati su John Dee. Durante il suo soggiorno di due anni a Londra fece amicizia con luminari come Sir Philip Sidney, e scrisse alcuni dei suoi libri più importanti. Come vedremo, Bruno lasciò una ricca eredità intellettuale che influenzò alcune delle grandi menti del tardo Rinascimento inglese. Molti considerano che il personaggio di Berowne in Pene d’amor perdute di Shakespeare era basato su Bruno.

Fu mentre era a Londra che Bruno produsse le sue principali opere sulla cosmologia che avrebbero ispirato enormi progressi scientifici.

La chiave ermetica

Per Bruno la filosofia e la cosmologia ermetica era la grande chiave per svelare i segreti della natura e del cosmo. Avendo già visto gli Hermetica ispirare Copernico per sviluppare la sua teoria eliocentrica, si applicò alle questioni scientifiche usando i principi ermetici. E fu anche molto fruttuoso…

Un passo del Trattato X del Corpus Hermeticum afferma che “lo spirito, passando attraverso le vene e le arterie, muove l’essere vivente”.1 Bruno si rese conto che l’immagine suggerisce che anche il sangue si muove, un concetto che rifletteva anche le idee ermetiche dell’uomo come un microcosmo del cosmo più grande. L’interpretazione di Bruno fu ripresa dal collega ermetista Robert Fludd, che – scrivendo alla fine degli anni 1610 – ispirò il medico di Carlo I William Harvey con l’idea di testarla. Harvey divenne la prima persona a dimostrare sperimentalmente la circolazione del sangue, “una delle più grandi conquiste della rivoluzione scientifica”.

Illustrazioni xilografiche da Giordano Bruno, Praga 1588. Il taglio in alto a sinistra contiene una versione del motivo del “Fiore della Vita”.

L’influenza ermetica di Bruno si estese anche al capolavoro del 1600 del medico di Elisabetta I, William Gilbert, On the Magnet, Magnetic Bodies and the Great Magnet of the Earth, in cui propose che i magneti funzionano perché la Terra stessa genera forza magnetica un’altra scoperta storica. Senza il lavoro di Bruno, Gilbert non ci sarebbe mai arrivato.4

Nel nostro elenco puntato di scoperte di ispirazione ermetica nel nostro ultimo articolo abbiamo incluso “i principi fondamentali dell’informatica e della teoria dell’informazione”. A prima vista questo può sembrare piuttosto improbabile, ma anche questo può essere ricondotto all’applicazione dei principi ermetici da parte di Bruno.

Questa volta il seme da lui piantato fiorì in Gottfried Wilhelm Leibniz (1646-1716), il genio tedesco la cui vita e la cui carriera furono parallele a quelle di Isaac Newton. Grande polimatico, Leibniz è oggi conosciuto soprattutto per aver inventato il calcolo infinitesimale, più o meno nello stesso periodo di Newton – anche se il sistema di Leibniz fu quello che prese piede – e per i principi fondamentali della teoria dell’informazione, compreso il sistema binario.

Eppure anche Leibniz non era un materialista-razionalista incallito. Come Newton, era profondamente versato nell’esoterismo – quasi certamente un rosacroce e certamente uno studioso della Cabala e, prevedibilmente, dell’Ermetica. Altrettanto prevedibilmente, aveva un enorme debito con le opere di Giordano Bruno.

Illustrazione xilografica di uno dei dispositivi mnemonici (di memoria) meno complessi di Giordano Bruno. Ha piantato questo disegno che agisce come un portale nella sua mente per richiamare enormi quantità di informazioni dalla memoria.

La teoria dell’informazione era in realtà solo un sottoprodotto di uno schema molto più ambizioso. Leibniz credeva che sarebbe stato possibile concepire un insieme di simboli – che chiamò characteristica universalis per rappresentare tutti i fondamenti della conoscenza, e manipolandoli fare nuove scoperte (un processo che descrisse come ‘magia innocente’). Sviluppò questa idea dalle opere di Bruno, specialmente quelle sull’arte magica della memoria e la manipolazione dell’immaginazione per produrre i risultati desiderati.

Anche se Leibniz non realizzò mai il pieno sogno della characteristica universalis, il suo lavoro si sviluppò nell’idea della modellazione matematica, all’inizio usando equazioni con carta e penna (da cui il calcolo) e più tardi la modellazione al computer. Il suo lavoro pionieristico sul computer lo vide anche progettare alcune delle prime macchine calcolatrici.

Ma anche se Bruno non può mai essere descritto come uno scienziato a pieno titolo (sembra che non abbia mai intrapreso un singolo esperimento), basando il suo ragionamento sui principi ermetici, ha fatto alcune intuizioni davvero notevoli. (E dato che praticava tecniche magiche per acquisire informazioni direttamente, possiamo essere perdonati per chiederci quanto successo avessero).

A Londra nel 1584 Bruno scrisse e pubblicò On the Infinite Universe and Worlds in cui presentò alcune proposizioni straordinariamente avanzate – e per l’epoca profondamente scioccanti.
Shock e stupore

Bruno era uno dei principali sostenitori della teoria eliocentrica di Copernico che, sebbene fosse stata pubblicata cinque anni prima della sua nascita, era ancora considerata nuova e non provata, e l’opinione degli studiosi era divisa sul fatto che avesse ragione, torto o una via di mezzo. Copernico si era limitato a proporre che il sole fosse al centro della creazione; si atteneva ancora al modello tradizionale secondo il quale l’intero cosmo consiste solo di sole, luna e pianeti che si muovono all’interno di un “guscio” esterno, la sfera delle stelle fisse. In altre parole, le stelle sono semplicemente punti fissi di luce di intensità variabile, tutti bloccati sulla stessa sfera cristallina e quindi equidistanti dalla Terra.

Ma, come il titolo del suo libro implica, Bruno andò oltre, sostenendo che le stelle sono in realtà soli come il nostro, ma immensamente lontani, e a distanze variabili. Egli rifiutò completamente il concetto di sfera delle stelle fisse, proponendo che l’universo fosse in realtà infinito.

Bruno fece anche il passo logico successivo: se le stelle sono davvero dei soli, allora almeno alcune devono avere il loro sistema di pianeti. E alcuni di questi pianeti devono essere come il nostro.

Scrisse in “Sull’universo e i mondi infiniti”:

C’è un unico spazio generale, un’unica vasta immensità che possiamo liberamente chiamare Vuoto; in esso ci sono innumerevoli e infiniti globi come questo su cui viviamo e cresciamo. Questo spazio dichiariamo essere infinito, poiché né la ragione, né la convenienza, né la possibilità, né la percezione sensoriale, né la natura gli assegnano un limite. In esso ci sono un’infinità di mondi dello stesso tipo del nostro… Oltre la circonferenza convessa immaginaria dell’universo c’è il Tempo.

E facendo l’ultimo salto logico, Bruno conclude che è impossibile immaginare che “questi innumerevoli mondi, manifesti come il nostro o ancora più magnifici, siano privi di abitanti simili o addirittura superiori”.6

Naturalmente, il tempo e i telescopi hanno dato ragione a Bruno sulle dimensioni dell’universo e sull’esistenza di altri sistemi solari e, anche se non è ancora stato provato, pochi scienziati dubitano anche che la vita extraterrestre sia una realtà.

Queste erano conclusioni profondamente scioccanti per la Chiesa e infatti erano in cima alla lista dei reati perseguibili per cui Bruno fu condannato a morte 16 anni dopo. Mentre Copernico aveva spostato il centro fisico al sole, il centro della creazione era ancora la Terra e gli esseri umani, il che corrispondeva al modello biblico di base dove Dio ha fatto il mondo come un luogo unico, e gli esseri umani “a sua immagine”. Bruno stava proponendo che non c’era un centro, e che gli esseri umani non erano più o meno importanti di altri esseri su altri pianeti e infatti, che alcune delle razze extraterrestri sono superiori agli esseri umani.

Questo avrebbe segnato l’inizio dell’antipatia del Vaticano verso l’eliocentrismo, che sarebbe culminata nella persecuzione di Galileo.

Galileo Galilei

Da dove ha preso Bruno questa nozione radicale? La sua ispirazione immediata sembra essere stato il matematico inglese Thomas Digges, un protetto e pupillo di John Dee, e il principale campione inglese della teoria copernicana. Digges aveva sostenuto che lo spazio è infinito nella sua difesa dell’eliocentrismo pubblicata nel 1576, sette anni prima che Bruno arrivasse a Londra. Poiché condividevano sia gli interessi che gli amici, è improbabile che Bruno e Digges non si siano mai incontrati durante gli anni londinesi del primo. Ma in ogni caso Digges derivò la sua idea da una sezione del trattato ermetico noto come Asclepius.

Bruno può aver raggiunto la stessa conclusione indipendentemente dal suo studio di Asclepio, ma ha aggiunto il concetto di altri mondi abitati, che è venuto dalla sua contemplazione di un altro principio ermetico chiave: che il cosmo è intriso di vita.

Bruno mostrò anche notevoli intuizioni in altre aree della scienza. Egli capì che il corpo è perpetuamente rinnovato, un po’ alla volta, in modo da diventare effettivamente totalmente nuovo nel tempo. La comprensione attuale è che il nostro corpo viene completamente “sostituito”, cellula per cellula, ogni sette-dieci anni.

In altri scritti avanzò idee di base sulla relatività, e alcuni scrittori accademici considerano alcune delle sue nozioni sulla struttura della materia come se avesse effettivamente gettato le basi per la successiva teoria atomica.

Quindi, di fronte a questo stupefacente catalogo di conquiste e intuizioni, sembra a dir poco scandaloso che Giordano Bruno sia oggi così poco conosciuto.

Nessuna ambizione insignificante

Le idee enormemente influenti di Bruno sul funzionamento dell’universo erano solo una parte del quadro. Fu la sua visione del significato religioso della tradizione ermetica che ispirò il suo messaggio più radicale e portò alla sua caduta.

Un’altra delle principali opere che Bruno produsse a Londra fu La cacciata della bestia trionfante (1584). Modellato su un testo ermetico chiave, Kore Kosmou (Vergine del Mondo), e dedicato a Sir Philip Sidney, il libro descrive una riunione delle divinità egizie e greche – le dee Iside e Sophia in testa per organizzare una grande riforma nei cieli. Secondo il principio invocato nel celebre adagio ermetico “come sopra, così sotto/come sotto, così sopra”, questo provocherebbe cambiamenti altrettanto grandi sulla Terra.

Chiaramente è la trasformazione terrestre che interessava Bruno più urgentemente e per la quale chiedeva con tanta passione. Come si manifesterebbe? Nella Cacciata della Bestia Trionfante, Bruno riproduce integralmente una sezione chiave di Asclepio – un celebre passaggio noto come il Lamento in cui Ermete Trismegisto piange il declino della religione egizia, che è stata eclissata da divinità straniere, avendo l’Egitto abbandonato la terra. Ma predice anche che essi ritorneranno e la religione sarà restaurata.

Bruno credeva che questa profezia si riferisse al suo tempo, e vedeva l’agitazione religiosa che allora travolgeva l’Europa come un segno che almeno nella sua forma attuale il cristianesimo aveva fatto il suo corso. Il ritorno della religione magica dell’Egitto era imminente.

Dalla riscoperta del Corpus Hermeticum negli anni 1460, era stato universalmente accettato – sia dagli entusiasti che dagli oppositori dell’Ermetismo – che i testi contenessero la saggezza del punto più alto dell’antico Egitto, allora considerato la più antica civiltà. (Come abbiamo mostrato in precedenza, in effetti ci sono buone prove a sostegno delle antiche origini egiziane degli Hermetica). Molti, Bruno tra loro, credevano quindi che essi conservassero la rivelazione religiosa originale per l’umanità.

Ma il caratteristico Bruno andò oltre. Egli credeva che la religione magica dell’antico Egitto fosse stata corrotta, prima dagli ebrei e poi dai cristiani. (Bruno pensava che Gesù fosse stato inviato per riportare la religione ebraica alle sue vere radici egiziane Senza il beneficio di recenti scoperte storiche, come faceva Bruno a saperlo?)

Statua di bronzo di Giordano Bruno di Ettore Ferrari, Campo de’ Fiori, Roma.

Bruno voleva niente di meno che una riforma radicale di tutta la società basata sui principi ermetici, o piuttosto, come lui vedeva, la religione dell’antico Egitto. Il suo obiettivo finale era la creazione di un’Europa spiritualmente unificata in cui la tensione religiosa tra e all’interno delle nazioni che se incontrollata avrebbe inevitabilmente portato ad una guerra cataclismica in tutta Europa e sarebbe stata spazzata via.

Bruno vedeva chiaramente la Chiesa cattolica autoritaria e dogmaticamente inflessibile, piuttosto che i protestanti, come il grande ostacolo alla sua grande riforma. Infatti, anche se spiegò la “bestia trionfante” del suo titolo come una metafora dei vizi umani, molti (inclusa l’Inquisizione) la presero come un’allusione non molto velata al Papa. Questo non fu un bel colpo di scena.

Il prevedibile finale infelice

La preoccupazione per l’Inquisizione era che Giordano Bruno non era solo un eccentrico facilmente liquidabile, ma un energico e carismatico attivista con una mente acuta che, come abbiamo visto, godeva di una notevole influenza su personaggi come Enrico III di Francia, Elisabetta I e il Sacro Romano Imperatore Rodolfo II. In parole povere, era un magnete dell’Inquisizione e la sua morte per fuoco era solo una questione di tempo.

Verso la fine del 1585 Bruno tornò in Francia, ma la trovò che stava scendendo nella guerra civile quando i nobili cattolici sfidarono Enrico III (che sarebbe stato presto assassinato). Lasciò quindi la Francia e per i successivi cinque anni viaggiò per le città universitarie della Germania protestante predicando un messaggio sempre più duro sul pericolo rappresentato dalla Chiesa cattolica.

Nel 1591 fece un ritorno alquanto imprudente sul suolo italiano, accettando l’invito di un ricco ammiratore a visitare la Repubblica di Venezia. Lì, nel maggio 1592, fu denunciato all’Inquisizione, arrestato e mandato a Roma. Dopo aver languito in prigione per otto anni, fu mandato al rogo il 17 febbraio 1600 con la lingua legata per non potersi rivolgere alla folla.

Considerato come un mago diabolicamente ispirato che cercava la distruzione della Santa Chiesa di Dio, non è sorprendente che la memoria di Bruno sia sbiadita nelle terre cattoliche. Ciò che è meno perdonabile è che la sua grande eredità intellettuale sia stata lasciata cadere nel dimenticatoio dagli storici della scienza. Essi cercano di sminuire se non di cancellare completamente l’influenza della tradizione ermetica sulle origini della scienza, e, mentre con personaggi come Newton era possibile fingere che i loro interessi “occulti” non avessero grandi conseguenze, era assolutamente impossibile ignorare il ruolo dell’ermetismo nel lavoro di Bruno. Molto più facile semplicemente dimenticarlo.

La storia di Bruno non era affatto finita. Durante i suoi ultimi viaggi, temendo un assalto cattolico che avrebbe riportato l’Europa sotto il suo dominio, aveva fatto piani per la continuazione sotterranea del suo movimento di riforma ermetica.

Formò una società segreta, o più precisamente una rete di società segrete, con sede nelle università della Germania e nella Repubblica di Venezia, che gli sarebbe sopravvissuta. Conosciuto come Giordanisti, dopo la sua morte questo gruppo clandestino avrebbe avuto un ruolo chiave nello sviluppo dell’esoterismo occidentale…

Lynn Picknett & Clive Prince

Fonte: newdawnmagazine.com

Abbiamo bisogno della vostra collaborazione ! Contiamo su di voi per un supporto economico necessario per finanziare i nostri rapporti investigativi. Se vi piace quello che facciamo, un abbonamento mensile è un riconoscimento a noi per tutto lo sforzo e l’impegno che ci mettiamo.

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code